JS/Linux, il kernel nel browser

Grazie a JavaScript e al lavoro di un celebre hacker francese, ora Linux è in grado di funzionare - con limitazioni significative - anche all'interno di un browser web sufficientemente moderno. E non mancano le sorprese

Roma – Fabrice Bellard ha colpito ancora: il coder extraordinaire già autore dell’emulatore x86 QEMU , dopo aver realizzato il seminale LZEXE e aver fondato l’altrettanto seminale progetto FFmpeg , è tornato alla ribalta con il primo emulatore PC in grado di girare all’interno di un semplice browser web.

JS/Linux trae vantaggio dalle ultime implementazioni dello standard JavaScript, e in particolare dalla possibilità di leggere e scrivere dati in formato binario direttamente all’interno del codice JS: dal “peso” di soli 90 Kbyte, JS/Linux emula una CPU x86 a 32bit priva di unità a virgola mobile (FPU, già in passato noto come coprocessore matematico), un controller di interrupt programmabile (8259), un timer di interrupt programmabile (8254) e una porta seriale UART 16450.

Bellard ha sopperito alla mancanza di emulazione della FPU utilizzando la versione 2.6.20 del kernel Linux dotata di un simulatore software del componente. Stando così le cose, l’hacker equipara la capacità computazionale del suo web-emulatore a quella di uno storico processore Intel 80486SX : abbastanza per farci girare una vecchia release del Pinguino o (eventualmente) altrettanto decrepiti giochi per MS-DOS.

I 90 Kilobyte di JS/Linux – che tra l’altro includono anche un compilatore C e un clone Emacs – potrebbero infine servire come benchmark avanzato per gli engine JavaScript dei browser web, nel qual caso le sorprese nei risultati sono già clamorose : stando ai test di Bellard, il web-emulatore di CPU x86 risulta due volte più lento con l’engine V8 di Google Chrome rispetto all’engine Jaeger Monkey di Firefox.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mela marcia doc scrive:
    Ma è un vero tallone di Achille?
    "Non si parla invece di passi in avanti per quanto riguarda la velocità di aggiornamento (refresh), vero tallone d'Achille dei lettori e-book."Un lettore e-book ha lo scopo di far leggere i libri quindi l'unica velocità di refresh che può interessare è quella del cambio pagina, che già ora è ottima.Usare un e-book reader come lettore multimediale ha poco senso per il semplice motivo che è uno schermo pensato per la lettura, non retroilluminato, la cui batteria dura tanto proprio perché tra un cambio pagina e l'altro non c'è consumo di corrente.
    • madhamster scrive:
      Re: Ma è un vero tallone di Achille?
      d'accordissimo... se si riesce a mantenere una durata ottima della batteria anche a quella risoluzione ho trovato come leggere i fumetti :)
      • pippO scrive:
        Re: Ma è un vero tallone di Achille?
        - Scritto da: madhamster
        d'accordissimo... se si riesce a mantenere una
        durata ottima della batteria anche a quella
        risoluzione ho trovato come leggere i fumetti
        :)Io ci riesco già benissimo: passo dall'edicola :DP.S. questi dispositivi sono più per i libri, soprattutto quelli tecnici da 1000 pagine a libro :|
        • mela marcia doc scrive:
          Re: Ma è un vero tallone di Achille?
          - Scritto da: pippO
          P.S. questi dispositivi sono più per i libri,
          soprattutto quelli tecnici da 1000 pagine a libro
          :|Io lo uso per quello infatti. Ma avendo un 9 pollici, ci leggo anche i fumetti che è una meraviglia e comunque, rinunciando al piacere del libro cartaceo, è favoloso anche per i romanzi.
    • W.O.P.R. scrive:
      Re: Ma è un vero tallone di Achille?
      Hai ragione perchè l'articolo dice "vero tallone d'Achille dei lettori e-book."Dovrebbe invece dire "vero tallone d'Achille della tecnologia e-ink"Perchè se questa tecnologia fosse disponibile a colori e con un refresh rate di almeno 25Hz potrebbe trovare applicazioni ben al di la degli ereader.Poi sul fatto che gli ereader debbano fare quello e basta posso essere d'accordo.ma prova a pensare se la tecnologia e-ink non avesse queste limitazioni, esisterebbero gli ereader puri?
      • mela marcia doc scrive:
        Re: Ma è un vero tallone di Achille?
        - Scritto da: W.O.P.R.
        ma prova a pensare se la tecnologia e-ink non
        avesse queste limitazioni, esisterebbero gli
        ereader
        puri?Ma non sarebbero mai utilizzabili per vedere un filmato perché sarebbe necessaria la retro illuminazione per garantire qualità come contrasto e luminosità.Ci sono già dei prototipi a colori e con un buon refresh tale da permettere la visione di video ma a mio avviso quello a cui oggi deve puntare la tecnologia e-ink è una resa del bianco più fedele, un sempre minor consumo di batteria e una maggior risoluzione.
        • W.O.P.R. scrive:
          Re: Ma è un vero tallone di Achille?
          Sarebbe proprio il bello la retroilluminazione: attivabile o meno a seconda dell'utilizzo.
          • mela marcia doc scrive:
            Re: Ma è un vero tallone di Achille?
            - Scritto da: W.O.P.R.
            Sarebbe proprio il bello la retroilluminazione:
            attivabile o meno a seconda
            dell'utilizzo.Il problema è l'opacità degli schermi e-ink.
          • Gasogen scrive:
            Re: Ma è un vero tallone di Achille?
            - Scritto da: mela marcia doc
            Il problema è l'opacità degli schermi e-ink.Illuminazione anteriore?
          • mela marcia doc scrive:
            Re: Ma è un vero tallone di Achille?
            - Scritto da: Gasogen
            - Scritto da: mela marcia doc

            Il problema è l'opacità degli schermi e-ink.

            Illuminazione anteriore?Ma come dicevo, ti vengono a mancare qualità come il contrasto o la luminosità che ottieni solo con la retro illuminazione.Alla fine è come se vedessi la foto di un giornale animarsi stile Harry Potter: carina ma se vuoi vedere un film?
          • kaihiwatari scrive:
            Re: Ma è un vero tallone di Achille?
            Se vuoi vedere un film... non usi un ebook. Usa qualunque altro dispositivo te lo consenta con uno schermo LCD.E-ink è stato pensato per gli ebook, quindi è necessario continuare a migliorare le sue prestazioni per ebook: resa del bianco, definizione, consumo energetico. Se il refresh maggiore farà calare anche il consumo di energia, allora sarà opportuno far sì che si abbia un refresh più performante. Tuttavia, non servirà per guardare film.
          • mela marcia doc scrive:
            Re: Ma è un vero tallone di Achille?
            E' quello che sostenevo anche io.Anche il discorso del colore potrebbe essere una cosa interessante, soprattuto per usufruire di certi testi (manuali di medicina, storia dell'arte, fumetti).-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 maggio 2011 21.51-----------------------------------------------------------
        • MeX scrive:
          Re: Ma è un vero tallone di Achille?
          sarebbe figo anche fare schermi flessibili così che si possa godere di un ampio schermo senza sacrificare la portabilità
        • Funz scrive:
          Re: Ma è un vero tallone di Achille?
          - Scritto da: mela marcia doc
          - Scritto da: W.O.P.R.

          ma prova a pensare se la tecnologia e-ink non

          avesse queste limitazioni, esisterebbero gli

          ereader

          puri?

          Ma non sarebbero mai utilizzabili per vedere un
          filmato perché sarebbe necessaria la retro
          illuminazione per garantire qualità come
          contrasto e
          luminosità.
          Ci sono già dei prototipi a colori e con un buon
          refresh tale da permettere la visione di video ma
          a mio avviso quello a cui oggi deve puntare la
          tecnologia e-ink è una resa del bianco più
          fedele, un sempre minor consumo di batteria e una
          maggior
          risoluzione.Un compromesso sono gli schermi LCD della PixelQI che possono usare una modalità a riflessione senza retroilluminazione. Però a scapito di risoluzione, contrasto e colori.
          • mela marcia doc scrive:
            Re: Ma è un vero tallone di Achille?
            - Scritto da: Funz
            Un compromesso sono gli schermi LCD della PixelQI
            che possono usare una modalità a riflessione
            senza retroilluminazione. Però a scapito di
            risoluzione, contrasto e
            colori.Infatti, di prove ne stanno facendo tante, ma quello che va bene per un e-book reader per ora non va bene per un tablet e viceversa.Tant'è che stanno uscendo oggetti come questo: http://www.netbooknews.it/recensito-il-dual-screen-entourage-edge/
    • anonimo scrive:
      Re: Ma è un vero tallone di Achille?
      - Scritto da: mela marcia doc
      la cui batteria dura tanto
      proprio perché tra un cambio pagina e l'altro non
      c'è consumo di
      corrente.Veramente il consumo c'è proprio quando passi da una pagina e l'altra, ma non quando stai sulla stessa.In realtà anche quando si consulta il menu consuma e conviene anche disattivare il wifi quando non ce n'è bisogno.
      • anonimo scrive:
        Re: Ma è un vero tallone di Achille?
        - Scritto da: anonimo
        - Scritto da: mela marcia doc

        la cui batteria dura tanto

        proprio perché tra un cambio pagina e l'altro
        non

        c'è consumo di

        corrente.

        Veramente il consumo c'è proprio quando passi da
        una pagina e l'altra, ma non quando stai sulla
        stessa.
        In realtà anche quando si consulta il menu
        consuma e conviene anche disattivare il wifi
        quando non ce n'è
        bisogno.Inoltre la velocità di refresh è importante perché per il momento l'eink va bene per leggere romanzi, ma se devi studiare un testo hai bisogno di andare avanti e indietro rapidamente.
        • mela marcia doc scrive:
          Re: Ma è un vero tallone di Achille?
          - Scritto da: anonimo
          Inoltre la velocità di refresh è importante
          perché per il momento l'eink va bene per leggere
          romanzi, ma se devi studiare un testo hai bisogno
          di andare avanti e indietro
          rapidamente.Io ci studio e la velocità che ha è già più che soddisfacente; con l'ausilio dei segnalibri poi saltare da una pagina all'altra è velocissimo.
          • anonimo scrive:
            Re: Ma è un vero tallone di Achille?
            - Scritto da: mela marcia doc
            - Scritto da: anonimo


            Inoltre la velocità di refresh è importante

            perché per il momento l'eink va bene per leggere

            romanzi, ma se devi studiare un testo hai
            bisogno

            di andare avanti e indietro

            rapidamente.

            Io ci studio e la velocità che ha è già più che
            soddisfacente; con l'ausilio dei segnalibri poi
            saltare da una pagina all'altra è
            velocissimo.Non diciamo XXXXXXX.
          • mela marcia doc scrive:
            Re: Ma è un vero tallone di Achille?
            - Scritto da: anonimo

            Io ci studio e la velocità che ha è già più che

            soddisfacente; con l'ausilio dei segnalibri poi

            saltare da una pagina all'altra è

            velocissimo.

            Non diciamo XXXXXXX.Che e-book reader possiedi?
          • MeX scrive:
            Re: Ma è un vero tallone di Achille?
            uno lentissimo :D
          • mela marcia doc scrive:
            Re: Ma è un vero tallone di Achille?
            - Scritto da: MeX
            uno lentissimo :DMolto probabile ;-)
      • mela marcia doc scrive:
        Re: Ma è un vero tallone di Achille?
        E io che ho detto? ;-)Che a parte tra i cambi pagina, non c'è consumo.Poi ovvio che c'è anche nell'utilizzo di qualsiasi funzione che modifichi il contenuto della pagina e, per i lettori più evoluti (come facevi notare tu) anche per la wifi
        • anonimo scrive:
          Re: Ma è un vero tallone di Achille?
          - Scritto da: mela marcia doc
          E io che ho detto? ;-)
          Che a parte tra i cambi pagina, non c'è consumo.Tu hai scritto:"la cui batteria dura tanto proprio perché tra un cambio pagina e l'altro non c'è consumo di corrente. "Hai capito? Perché non ho voglia di farti un disegnino.La prossima volta rileggi così non fai una doppia figuraccia.
          • mela marcia doc scrive:
            Re: Ma è un vero tallone di Achille?
            - Scritto da: anonimo
            "la cui batteria dura tanto proprio perché tra
            un cambio pagina e l'altro non c'è consumo di
            corrente. "

            Hai capito? Perché non ho voglia di farti un
            disegnino.
            La prossima volta rileggi così non fai una doppia
            figuraccia."Tra un cambio pagina e l'altro" significa "nel tempo che intercorre tra un cambio pagina e l'altro".E te lo confermo, è italiano. ^____^
          • kaihiwatari scrive:
            Re: Ma è un vero tallone di Achille?
            Vedi che non ha sbagliato a scrivere, per quanto possa aver usato una frase dispendiosa di neuroni...Ha proprio scritto "tra un cambio pagina ed un altro cambio pagina non c'è consumo di corrente", ovvero, dopo aver cambiato pagina fino al prossimo cambio pagina, non c'è consumo.
Chiudi i commenti