Jungle, Panasonic rientra in gioco

La casa di Osaka sorprende tutti introducendo una nuova console nella giungla del mobile gaming, dotata di tastiera QWERTY e dedicata ai giochi online

Roma – Diciassette anni dopo l’ esperimento 3DO , Panasonic torna nel campo dei videogiochi con l’eccentrica proposta Jungle . Questa volta però non si tratta di una console da salotto ma di un handheld tascabile a forma di conchiglia dedicato interamente ai giochi online e ai MMORPG, stile World of Warcraft, che chiedono di vivere in un mondo virtuale perennemente connessi al proprio avatar.

Jungle Tastiera QWERTY, touchpad, WiFi, porta mini HDMI e mini USB. Più che una console, Jungle sembra un PC miniaturizzato, piattaforma su cui i massive multiplayer online vanno per la maggiore. Le specifiche dell’hardware Panasonic rimangono ancora coperte dal mistero (si parla anche di display hi-res, connessione 3G e di OS Linux based) ma il sito ufficiale è già online con i trailer dei primi software disponibili.

Il segmento in cui Jungle intende collocarsi non sembra troppo in concorrenza con la PSP di Sony o con il prossimo 3DS Nintendo ma iPod Touch e iPhone sono sicuramente nel mirino della casa di Osaka. Come avviene in questi casi, saranno probabilmente il supporto delle software house e il valore del catalogo videoludico a fare la differenza.

I giochi della neonata console, divisi tra conversioni di titoli PC e prodotti esclusivi, potranno essere acquistati online tramite la nuova piattaforma Panasonic Cloud Entertainment, che conterrà anche una sezione dedicata ai video. Il primo dei giochi ad approdare sullo store sarà Battlestar Galactica Online di Bigpoint, software house specializzata in Flash game da giocare via browser.

Roberto Pulito

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • doc allegato velenoso scrive:
    SONY può anche morire ieri
    CDODa quando ha fatto quella p0rc4t4 immensa del rootkit non mi sono più avvicinato a meno di due metri da un qualunque prodotto sony.E così ho consigliato TUTTI i miei contatti.Fallisci pure, non mi mancherai.
    • attonito scrive:
      Re: SONY può anche morire ieri
      - Scritto da: doc allegato velenoso
      CDO
      Da quando ha fatto quella p0rc4t4 immensa del
      rootkit non mi sono più avvicinato a meno di due
      metri da un qualunque prodotto
      sony.
      E così ho consigliato TUTTI i miei contatti.
      Fallisci pure, non mi mancherai.e siamo in due.Ad occhio e croce (un televisore ed un paio di portatili) sony non ha ricevuto da me sui 4000E.... bene, bene. Un piccolissimo calcio nelle palle a sony ed anche io, lo dico a tutti qulli che mi capita.
      • attonito scrive:
        Re: SONY può anche morire ieri
        - Scritto da: attonito
        - Scritto da: doc allegato velenoso

        CDO

        Da quando ha fatto quella p0rc4t4 immensa del

        rootkit non mi sono più avvicinato a meno di due

        metri da un qualunque prodotto

        sony.

        E così ho consigliato TUTTI i miei contatti.

        Fallisci pure, non mi mancherai.

        e siamo in due.
        Ad occhio e croce (un televisore ed un paio di
        portatili) sony non ha ricevuto da me sui
        4000E.... bene, bene. Un piccolissimo calcio
        nelle palle a sony ed anche io, lo dico a tutti
        qulli che mi
        capita.PS: a questo piunto, dovrebbe arrivare il solito cretino con la solita frase "ah ma di voi sony se ne frega, siete quattro gatti, contate un XXXXX, etc etc"
  • Paolo Nocco scrive:
    Mi sfugge una cosa...
    ...ma il flac supporta i drm?Se non li supporta, sapete già come finirà e dove troveremo i file, vero?
    • drm scrive:
      Re: Mi sfugge una cosa...
      - Scritto da: Paolo Nocco
      ...ma il flac supporta i drm?
      Se non li supporta, sapete già come finirà e dove
      troveremo i file,
      vero?Il drm è una criptazione del file, quindi non conta il tipo. Se un'azienda vuole può applicare il DRM a qualsiasi cosa e poi vendere la licenza di utilizzo agli apparecchi che vuole lei.
  • anonimo scrive:
    arrivano tardi
    ...senza prendere posizione pro o contro pirateria, il web è piano di blog musicali in cui si trova praticamente di tutto in formato lossless. Per portare da loro i ladri ( o potenziali clienti ) per me devono offrire via web qualcosa di più del puro file. Hanno dalla loro parte tutti un patrimonio incredibile che non sanno valorizzare. Immaginate per esempio di stare ascoltando una sonata di Beethoven suonata, diciamo da RIchter. CI potrebbero essere dei link alla stesso pezzo suonato da Gilels, etc... oppure la stessa sonata analizzata da qualche critico musicale, etc... La musica classica è anche un cammino di crescita, e un servizio così sarebbe di grande interesse ed aiuto.
    • Sgabbio scrive:
      Re: arrivano tardi
      Ladri ? ancora con sta storia ?
      • anonimo scrive:
        Re: arrivano tardi
        dai, era per dire, mi sono dimenticato di mettere lo smile...
      • ThEnOra scrive:
        Re: arrivano tardi
        - Scritto da: Sgabbio
        Ladri ? ancora con sta storia ?Ladruncoli è meglio?
        • panda rossa scrive:
          Re: arrivano tardi
          - Scritto da: ThEnOra
          - Scritto da: Sgabbio

          Ladri ? ancora con sta storia ?

          Ladruncoli è meglio?Meglio assassini: e' piu' calzante.
          • ThEnOra scrive:
            Re: arrivano tardi
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ThEnOra

            - Scritto da: Sgabbio


            Ladri ? ancora con sta storia ?



            Ladruncoli è meglio?

            Meglio assassini: e' piu' calzante.E' più calzante perchè ci riferiamo al popolo italico dello stivale? :p
          • krane scrive:
            Re: arrivano tardi
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ThEnOra


            - Scritto da: Sgabbio



            Ladri ? ancora con sta storia ?


            Ladruncoli è meglio?

            Meglio assassini: e' piu' calzante.
            E' più calzante perchè ci riferiamo al popolo
            italico dello stivale?
            :pNo, e' perche' se dobbiamo usare parole a caso almeno andiamo in ordine alfabetico e iniziamo dalla "A".
          • ThEnOra scrive:
            Re: arrivano tardi
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: ThEnOra

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: ThEnOra



            - Scritto da: Sgabbio




            Ladri ? ancora con sta storia ?




            Ladruncoli è meglio?



            Meglio assassini: e' piu' calzante.


            E' più calzante perchè ci riferiamo al popolo

            italico dello stivale?

            :p

            No, e' perche' se dobbiamo usare parole a caso
            almeno andiamo in ordine alfabetico e iniziamo
            dalla
            "A".Allora prima c'è un'altra parola: ASINI, visto che piratando non capiscono il valore della proprietà intelletuale.
          • krane scrive:
            Re: arrivano tardi
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: ThEnOra


            - Scritto da: panda rossa



            - Scritto da: ThEnOra




            - Scritto da: Sgabbio





            Ladri ? ancora con sta storia ?




            Ladruncoli è meglio?



            Meglio assassini: e' piu' calzante.


            E' più calzante perchè ci riferiamo al popolo


            italico dello stivale?


            :p

            No, e' perche' se dobbiamo usare parole a caso

            almeno andiamo in ordine alfabetico e iniziamo

            dalla

            "A".
            Allora prima c'è un'altra parola: ASINI, visto
            che piratando non capiscono il valore della
            proprietà intelletuale.Fortunatamente capiscono valori attuali, non quelli obsoleti, lasciamo il medioevo dove sta.
    • ThEnOra scrive:
      Re: arrivano tardi
      - Scritto da: anonimo
      La musica classica è
      anche un cammino di crescita, e un servizio così
      sarebbe di grande interesse ed
      aiuto.Interessante ed intelligente proposta.Mmm... però mi chiedo: in ottica commerciale il bacino d'utenti interessato potrebbe essere sufficiente a giustificare l'investimento e dunque il ROI?Oggi: potrebbero ricorrere a youtube e creare canali musicali specifici x il repertorio classico (con tutte le feature che proponi) che poi si interfacciano anche agli e-store.Impatto: investimento limitato, infrastruttura esistente, piattaforma già nota, potenziale bacino d'utenza (soprattutto nuova) altissima.Mah...
      • anonimo scrive:
        Re: arrivano tardi
        Guarda, a giudicare dal numero di blog che vedo un certo bacino mi sembra che ci sia. Dove tra l'altro devo dire che non mancano anche alcuni commenti interessanti, in altre parole queste "ladri" :) sono piuttosto acculturati.In ogni caso credo che la classica se introdotta bene possa essere apprezzata anche da coloro che magari la qualificano come noiosa, vecchia, etc.. etc.. Potrebbe essere anche un modo per ampliare, come si dice "il bacino d'utenza"E sì certo, youtube ha un vantaggio forse incolmabile. Tuttavia invece di fare chiudere quei canali dove si facevano vedere spezzoni di registrazioni di Rubinstein, Richter, etc... le case avrebbero dovuto prenderne spunto. Chissà quali tesori ci sono ancora negli archivi della Rai, della BBC, etc... Cosa sperano, di venderceli ancora sui DVD ? La fruizione di questi contenuti deve essere rivoluzionata.
        • ThEnOra scrive:
          Re: arrivano tardi
          - Scritto da: anonimo
          Guarda, a giudicare dal numero di blog che vedo
          un certo bacino mi sembra che ci sia. Dove tra
          l'altro devo dire che non mancano anche alcuni
          commenti interessanti, in altre parole queste
          "ladri" :) sono piuttosto
          acculturati.Mai detto che i "ladri" non sono acculturati, anzi sono dell'opinione che i "ladri" più bravi siano quelli con una cultura/preparazione al di sopra della media, e che magari ricoprono pure cariche di prestigio nel settore sia privato che pubblico. :D(Ok, ve l'ho servita su in piatto d'argento. Vediamo chi mi risponde a tono x primo!)
          In ogni caso credo che la classica se introdotta
          bene possa essere apprezzata anche da coloro che
          magari la qualificano come noiosa, vecchia, etc..
          etc.. Potrebbe essere anche un modo per ampliare,
          come si dice "il bacino
          d'utenza"Anche.
          E sì certo, youtube ha un vantaggio forse
          incolmabile. Tuttavia invece di fare chiudere
          quei canali dove si facevano vedere spezzoni di
          registrazioni di Rubinstein, Richter, etc... le
          case avrebbero dovuto prenderne spunto. Chissà
          quali tesori ci sono ancora negli archivi della
          Rai, della BBC, etc... Cosa sperano, di
          venderceli ancora sui DVD ? La fruizione di
          questi contenuti deve essere
          rivoluzionata.Mi sa che più che essere un problema di aviditià delle major, qui entra in campo il mondo/volontà politica, almeno per la Rai.Sulla BBC non mi esprimo perchè non la conosco.
  • misantropo scrive:
    risparmiate i soldi
    ...e ascoltate Radio Classique sul web:http://radioclassique.fr/Una radio così in Italia ce la sogniamo...
    • anonimo scrive:
      Re: risparmiate i soldi
      - Scritto da: misantropo
      ...e ascoltate Radio Classique sul web:

      http://radioclassique.fr/

      Una radio così in Italia ce la sogniamo...Io da quando sono nato ho la filodiffusione e quindi ascolto anche il canale di musica classica che ora posso ricevere tramite satellite e sul sito della RAI viene indicata tutta la programmazione.
  • panda rossa scrive:
    Vendere Mozart e Beethoven?
    Questi non hanno limite alla loro vergogna!Vogliono vendere musica classica i cui autori sono sepolti da secoli, e per giunta in formato digitale!A quale titolo intendono intascarsi i proventi di una operazione commerciale a costo zero?Tuttavia apprezzo il fatto che intendano adottare il FLAC: formato libero e non lossy.Ma quanti lettori lo supportano?Tutti quelli che possiedo io al massimo leggono ogg-vorbis, ma flac proprio nessuno.
    • Steve Robinson Hakkabee scrive:
      Re: Vendere Mozart e Beethoven?
      Non vendi la musica di Mozart, vendi la registrazione di una sessione concertistica di una filarmonica che suona Mozart.E' un po differente da come la poni tu, per esempio se tu ti suoni Mozart per conto tuo, lo registri e lo metti in rete gratis nessuno viene a chiederti soldi o ti denuncia per violazione di copyright.
      • panda rossa scrive:
        Re: Vendere Mozart e Beethoven?
        - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
        Non vendi la musica di Mozart, vendi la
        registrazione di una sessione concertistica di
        una filarmonica che suona
        Mozart.Registrazione di una esecuzione che e' gia' avvenuta, e per la quale l'orchestra e' gia' stata pagata.
        E' un po differente da come la poni tu,No. Come la pongo io e' molto semplice.Se mi vendi un CD con tanto di custodia e libretto, nome del direttore, dell'orchestra e informazioni sulla performance, pago volentieri il prezzo, se giusto e se sono interessato.Se mi rifili un file, no!
        • BLah scrive:
          Re: Vendere Mozart e Beethoven?


          Registrazione di una esecuzione che e' gia'
          avvenuta, e per la quale l'orchestra e' gia'
          stata
          pagata.L'esecuzione (l'orchestra è stata pagata) è un conto, i diritti di riproduzione meccanica di quella registrazione è un altro.
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: BLah



            Registrazione di una esecuzione che e' gia'

            avvenuta, e per la quale l'orchestra e' gia'

            stata

            pagata.

            L'esecuzione (l'orchestra è stata pagata) è un
            conto, i diritti di riproduzione meccanica di
            quella registrazione è un
            altro.I diritti di un brano ce li deve avere solo l'autore.L'autore e' morto.Il brano non ha piu' diritti.Tu sei libero di suonarlo, io sono libero di registrare la tua performance.
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            secondo te un musicista (soprattutto uno che ha studiato 10 anni in conservatorio, non una XXXXXstar o quattro buontemponi che giocano al musicista nel garage) come dovrebbe campare?Non è una domanda polemica, è per sapere, così lo dico a mia moglie che viene pagata la bellezza di 50 euro lordi spese escluse per 8 ore di registrazione.Fammi sapere, mi raccomando.
          • attonito scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            secondo te un musicista (soprattutto uno che ha
            studiato 10 anni in conservatorio, non una
            XXXXXstar o quattro buontemponi che giocano al
            musicista nel garage) come dovrebbe
            campare?suonando una sera si ed una sera no e facendo parage il biglietto a chi entra?
            Non è una domanda polemica, è per sapere, così lo
            dico a mia moglie che viene pagata la bellezza di
            50 euro lordi spese escluse per 8 ore di
            registrazione.

            Fammi sapere, mi raccomando.Che tua moglie cambi lavoro o cambi persona per la quale suona, perche la sfrutta.PS: non ci hai detto cosa suona, pero'. un conto e' suonare il violino, il triangolo o l'oboe.
          • aaa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            Gretto materialista.
          • attonito scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: aaa
            Gretto materialista.Qualunque cosa tu dica, non cambiera' la realta' dei fatti.Sognare e' necessario per "andare oltre" ma per 1000 che sognano, pochissimi realizzano."Uno su mille ce la faaaaa-aaaaaaa....", cantava Gianni Morandi, ricordi?
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            se uno facesse un'indagine di mercato adesso, come la chiami tu, arriverebbe alla conclusione che è meglio farsi mantenere con la pensione dei genitori.Ma suppongo tu sia già un esperto in materia.
          • attonito scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            se uno facesse un'indagine di mercato adesso,
            come la chiami tu, arriverebbe alla conclusione
            che è meglio farsi mantenere con la pensione dei
            genitori.

            Ma suppongo tu sia già un esperto in materia.ma che signore che sei!purtroppo i miei mi hanno lasciato anni fa e pensa che campo con i soldini che guadagno.... incredibile, eh?
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            evidentemente però non hanno fatto in tempo a insegnarti l'educazione
          • attonito scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            evidentemente però non hanno fatto in tempo a
            insegnarti l'educazionevisto che non ci arrivi da solo, mi spieghi dove sarei stato maleducato? ad espremere la mia opinione? o il fatto che la suddetta non sia in linea con i tuoi desideri? o solo perche ho detto "XXXX"?
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            La tua opinione significa disprezzare senza motivo il lavoro di un sacco di persone che hanno fatto sacrifici mica indifferenti.E tutto con la scusante del "tanto a me non interessa".Bon, neanche a me interessa quel che fai e se ti dovesse andare male, mi riserverò di dirti che "è colpa del mercato".In ogni caso, come dicevi tu o quell'altro genio, te lo ordina il dottore di scaricare i file di musica dal sito Sony?No?E allora vai a rompere l'anima a qualcun altro con la tua filosofia da due soldi.
          • attonito scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            La tua opinione significa disprezzare senza
            motivo il lavoro di un sacco di persone che hanno
            fatto sacrifici mica indifferenti.
            E tutto con la scusante del "tanto a me non interessa".certo, a me non interessa, ma non e' una scusa: e' un fatto. E tra l'altro, non significa che io non rispetto il lavoro compiuto per raggiungere tale traguardo (io ho studiato per tutt'altro traguardo) ma lo studio e' studio e so quale impegno comporta. Studiare 12 anni per saper suonare uno strumento, non ne' da tutti. Ma se a me quella qualita' non piace o non la considero utile, beh, potra' aver stidiato 12 anni ma continuo a non ritenerlo utile. E se tua moglie non trova lavoro significa che non lo ha cercato abbastanza, o a troppa concorrenza, o il mercato, semplicemente, va cosi'. (tra l'altro non hai ancora risposto: violino, viola o pianoforte?) Studiare cio' che interessa NON significa che poi farai quel lavoro li' davvero, punto e basta.
            Bon, neanche a me interessa quel che fai e se ti
            dovesse andare male, mi riserverò di dirti che "è
            colpa del mercato".ovvio, vale la reciprocita'. non lo considero ne un'insulto ne uno svilimento da parte tua nei miei confronti.
            In ogni caso, come dicevi tu o quell'altro genio,
            te lo ordina il dottore di scaricare i file di
            musica dal sito Sony?no, e non lo faro'. neanche un soldo a sony, spero fallisca no al piu' presto, banda di farabutti.
            No?

            E allora vai a rompere l'anima a qualcun altro
            con la tua filosofia da due soldi.azz mi sei scivolato sul finale.. inutile girarci intorno: a te brucia il XXXX perche tua moglie si e' fatta un mazzo cosi' ma ora si ritrova con un pugno di mosche e tu sei arrabbiato col mondo: sognava la Filarmonica di Vienna e invece suona ai matrimoni di RoccaTagliata di Sotto.... e da me che vuoi?
          • pippO scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?

            Se tua moglie avesse fatto un attimino di
            indagine di mercato PRIMA di mettersi a studiare,
            magari adesso non stava cosi'. Io ho frequentato
            la facolta di inGIEGNIeria, un mio amico scienze
            politiche. il fatto di aver letto che dopo 3 anni
            dalla laurea il 97% degli inGEGNIEri aveva un
            lavoro ma solo il 60% di quelli di scienze
            politiche lavoravano non gli aveva fatto ne'
            caldo ne' freddo.... indovina chi di non due fa
            il barista? esatto, NON
            io.Tu sei quello disoccupato e sostituito da 2 cinesi? :D
            Ste robe qui con nessun o pochissimo mercato
            vanno studiati se sei ricco/benestante di tuo e
            le stuti per passione, se invece speri di
            mangiarci, rischi di
            brutto.Certo, perchè 20 anni fa uno poteva prevedere il p2p vero? :D
            E se magari al posto id fare violino o pianoforte
            (cosa che fanno il 95% delle persone) avesse
            fatto, che so, controfagotto o qualcos'altro di
            nicchia, ecco che lavorerebe di
            piu'.O il flauto a pelle: sono richiestissime in certi palazzi romani!!! :D
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            e si vede
          • attonito scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            e si vedeaehmmm.. se ti tira il XXXX perche tua moglie ha impiegato anni a studiare ed adesso non trova sbocchi professionali, ma me che vuoi? Mi rimproveri il fatto che non mi piace l'opera? o che non faccio a XXXXXtti per entrare ad un concerto di musica da camera? Capisco la tua stizza, ma il mercato e' questo, non puoi pretendere di piegare i gusti del pubblico alle tue specifiche competenze: tu offri un prodotto, ma se il mercato non lo vuole te lo tieni: o offri quello che la gente o fallisci.
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            no ti rimprovero di sostenere una tesi miopeE adesso vai sereno ad ascoltarti Lady Gaga, va.
          • attonito scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            no ti rimprovero di sostenere una tesi miope

            E adesso vai sereno ad ascoltarti Lady Gaga, va.so solo che e' una mezza XXXXX che canta,non ho altre informazioni su di lei.Possibile che non ti passi per la testa che esistono delle persone che semplicemente non sono interessate alla musica ed ai suonatori della stessa?
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            e allora che cosa stai a pontificare in questo posto?Per spirito di polemica?
          • attonito scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            e allora che cosa stai a pontificare in questo posto?Punto Primo, non pontifico, abbassa il tiro, al massimo dico la mia opinione.Punto secondo, il forum e a "post libero" per cui se voglio, posto, claro?
            Per spirito di polemica?Beh, tu hai postato inizialmente una domanda a Panda Rossa e io mi sono "intrufolato" per esprimere la mia opinione e da li' abbiamo intrapreso una china polemica: forse sono stato troppo crudo nell'esprimere la mia opinione, lo ammetto, ma quello che conta, alla fine, sono i fatti: a fronte del grosso impegno profuso da tua moglie, i risultati non sono stati quelli attesi e la mia opinione e' che lei sia partita da presupposti errati. (vedi sopra l'esempio di Scienze Politiche)
          • attonito scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            no ti rimprovero di sostenere una tesi miope

            E adesso vai sereno ad ascoltarti Lady Gaga, va.ma che XXXXX, cassate perche ho detto che gaga e' "una mezza XXXXX"? Solo per questo ?!?!?! ma vattene affaXXXX consore dei miei XXXXXXXX!!!!!!!!!!!!!!!!!!
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            secondo te un musicista (soprattutto uno che ha
            studiato 10 anni in conservatorio, non una
            XXXXXstar o quattro buontemponi che giocano al
            musicista nel garage) come dovrebbe
            campare?

            Non è una domanda polemica, è per sapere, così lo
            dico a mia moglie che viene pagata la bellezza di
            50 euro lordi spese escluse per 8 ore di
            registrazione.Un musicista suona!Viene pagato da chi gli commissiona di suonare.Le orchestre, i locali, i concerti...50 euro lordi per una sessione di registrazione che dura 8 ore sono un furto! Per questo motivo bisogna far fallire nella miseria quei ladri che si approfittano del tempo delle persone che hanno studiato e che dedicano la loro vita ad una passione bellissima come la musica.
            Fammi sapere, mi raccomando.
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            bon e dopo che li hai fatti fallire e non rimangono neppure quelli, che si fa?
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            bon e dopo che li hai fatti fallire e non
            rimangono neppure quelli, che si
            fa?Si torna a suonare dal vivo, come ai tempi di Mozart e Beethoven, citati nell'articolo.
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            E come no, sempre a 50 al giorno comunque.
          • ThEnOra scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            E come no, sempre a 50 al giorno comunque.Scusa... ma se io quando andavo al conservatorio guadagnavo dalle 30 alle 70 euro a prova/concerto per suonare nelle bande... mi sa che i conti non tornano o che io son stato particolarmente fortunato, oppure che ho fatto bene a cambiare mestiere :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: Oracle Guru

            E come no, sempre a 50 al giorno comunque.

            Scusa... ma se io quando andavo al conservatorio
            guadagnavo dalle 30 alle 70 euro a prova/concerto
            per suonare nelle bande... Che poi e' anche piu' o meno quello che si puo' chiedere per delle lezioni private di uno strumento.
            mi sa che i conti non tornano Mi sa anche a me: qui c'e' gente che pretende di mettere becco in un campo che non e' il suo...
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            beh, intanto 30 sono una cosa e 70 sono più del doppio.In secondo luogo adesso è prassi fare prova e concerto nello stesso giorno, così ti pagano praticamente la metà del dovuto. E non si fanno praticamente mai dietro l'angolo di casa.Gli unici lavori discretamente retribuiti sono i matrimoni, dove il prezzo di mercato è 3-4 volte superiore a quello di una prova da concerto.Comunque, non c'è problema, chiedete a qualche amico musicista (possibilmente non ad Abbado o a qualche solista prestigioso che viaggiano con ben altri cachet) e fatemi sapere cosa vi racconta.
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            beh, intanto 30 sono una cosa e 70 sono più del
            doppio.E l'Italia e' lunga e stretta, isole comprese, e gli strumenti vanno dal pianoforte, al flauto, all'arpa...Il prezzo lo fa il mercato, lo fa lo strumento, lo fa il livello dell'orchestrale.
            In secondo luogo adesso è prassi fare prova e
            concerto nello stesso giorno, così ti pagano
            praticamente la metà del dovuto. E non si fanno
            praticamente mai dietro l'angolo di
            casa.Quale medico e' stato cosi' crudele da ordinarti di fare quel mestiere?
            Gli unici lavori discretamente retribuiti sono i
            matrimoni, dove il prezzo di mercato è 3-4 volte
            superiore a quello di una prova da
            concerto.Ma guarda, anche i fotografi si fanno pagare 3-4 volte per un matrimonio.A casa mia si chiama approfittarsi.Io che sono un professionista serio non vario le mie tariffe a seconda dell'occasione.
            Comunque, non c'è problema, chiedete a qualche
            amico musicista (possibilmente non ad Abbado o a
            qualche solista prestigioso che viaggiano con ben
            altri cachet) e fatemi sapere cosa vi
            racconta.Diffondi le tue performances in rete, fatti conoscere, fatti un nome e poi potrai chiedere pure tu quei cachet.
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            non è un problema di medico, è un problema di saper fare un mestiere bene.È evidente che tu questo problema non ce l'hai.
          • Fulmy(nato) scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: panda rossa
            Ma guarda, anche i fotografi si fanno pagare 3-4
            volte per un matrimonio.
            A casa mia si chiama approfittarsi.
            Io che sono un professionista serio non vario le
            mie tariffe a seconda
            dell'occasione.facile criticare il lavoro altrui senza conoscerlo.
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Fulmy(nato)
            - Scritto da: panda rossa


            Ma guarda, anche i fotografi si fanno pagare 3-4

            volte per un matrimonio.

            A casa mia si chiama approfittarsi.

            Io che sono un professionista serio non vario le

            mie tariffe a seconda

            dell'occasione.

            facile criticare il lavoro altrui senza
            conoscerlo.E allora spiegami tu che vuoi far credere di conoscerlo il lavoro, per quale misterioso motivo un servizio fotografico di un matrimonio costa 4 volte tanto un servizio fotografico di una festa di compleanno.C'e' il costo orario del fotografo.Il costo dell'album.E poi che altro c'e' che fa lievitare i costi?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            bon e dopo che li hai fatti fallire e non
            rimangono neppure quelli, che si
            fa?Si ascoltano le registrazioni, che rimangono quanto vuoi (e senza bisogno di pagare nessuno)
          • pippO scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?

            - Scritto da: Oracle Guru

            bon e dopo che li hai fatti fallire e non

            rimangono neppure quelli, che si

            fa?

            Si ascoltano le registrazioni, che rimangono
            quanto vuoi (e senza bisogno di pagare
            nessuno)RIP
          • ephestione scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            Non posso che allinearmi agli altri... se dobbiamo entrare nel personale, la mia ragazza ha studiato e fatto gavetta gratuita in laboratori di ricerca fuori sede (assieme a pubblicazioni varie per cui lei ha sudato -l'unica- giorno e notte per vedere il suo nome infilato tra gli ultimi autori del lavoro) per laurearsi e specializzarsi in ingegneria biomedica con indirizzo bioelettronico, eppure adesso è disoccupata, e le opportunità di lavoro (che adesso comunque non ha) le farebbero guadagnare tanto quanto una maestrina d'asilo.Il problema sta nel mercato del lavoro (e coi disgraziati che approfittano del lavoro di tua moglie, e approfitterebbero di quello della mia ragazza), ma la soluzione non è quella di pagare i diritti su un lavoro già svolto.Sei musicista/cantante? Bene, ti paghiamo, basta che lavori (Concerti, esibizioni ecc). Ma se non lavori, perché bisognerebbe pagarti?L'elettricista prende la sua parcella quando ti posa l'impianto... ma non devi pagarlo anche ogni volta che accendi un interruttore.
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            Mi sembra che tu abbia le idee un po' confuse.L'elettricista l'impianto te lo ha fatto (e si è fatto pagare da te) una tantum.Allora se la mia registrazione è l'equivalente del tuo impianto elettrico, spiegami perché non dovresti pagarla (a meno che io non decida liberamente di regalartela).Il fatto è che tu non puoi mica andare dall'amico a farti dare una copia del suo impianto elettrico come invece puoi fare con la musica.Il paragone che fai non ha senso, nessun musicista pretende di farsi pagare ogni volta che ascolti la registrazione, però può legittimamente attendersi che tu paghi per avere la registrazione da ascoltare quante volte vuoi (come il famigerato impianto elettrico, che, se si rompe, ti tocca pagare per aggiustarlo, mica te lo aggiustano gratis per tutta la vita).
          • ephestione scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            no, le idee le ho decisamente chiare (e democraticamente chiare, su questo sono in pieno accordo con panda rossa) :DCon la sostanziosa solidarietà umana nei confronti di tua moglie, che è effettivamente sfruttata, secondo me indipendentemente dal lavoro che fai, è giusto che tu venga pagato solo quando lavori.L'elettricista lavora per farmi l'impianto, e quando ha finito non devo più pagarlo. Il musicista/cantante lavora quando suona/canta, e una volta che ha finito di suonare/cantare il brano X non va più pagato; per continuare a guadagnare, deve continuare ad esibirsi, che sia sempre col brano X o con quello Y.Il compositore non suona né canta, ma viene pagato per l'opera d'ingegno che cede al cantante/musicista, ma una volta che l'ha venduta non può più pretendere altri soldi.Il problema sono le case discografiche/cinematografiche, che guadagnano anche se non lavorano, ed infatti andrebbero abolite o perlomeno enormemente ridimensionate.
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            ribadisco che tu hai concetto settecentesco del lavoro.In base al tuo ragionamento i telefoni cellulari dovrebbero funzionare gratis perché tanto non c'è nessun umano che "lavora" mentre tu stai al telefono mezzora con la tua fidanzata.Bellissima idea, ma assai poco praticabile.
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            ribadisco che tu hai concetto settecentesco del
            lavoro.

            In base al tuo ragionamento i telefoni cellulari
            dovrebbero funzionare gratis perché tanto non c'è
            nessun umano che "lavora" mentre tu stai al
            telefono mezzora con la tua
            fidanzata.

            Bellissima idea, ma assai poco praticabile.Eppure guarda i telefoni fissi che oggi sono praticamente gratis.E ricordi quando si doveva pagare per accedere ad internet col modem? Roba di 10 anni fa circa, mica secoli...Arriveremo anche al gratis per i cellulari e al gratis per l'internet in mobilita'.Tutto cio' che non richiede supporto umano ne' materia prima e' destinato a finire col costare zero.
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            La parola gratis non è sempre sinonimo di qualità, perché appena qualcosa smette di funzionare, uno si sente dire: "eh beh, ma è gratis, cosa vuoi pretendere?!!?"Ecco, io pretendo di pagare il giusto ed avere un servizio decente piuttosto che avere una cosa gratis che in qualsiasi momento può sparire senza preavviso.E comunque non so dove tu veda telefonia gratis, al massimo farai delle telefonate locali o interurbane gratis, tutto il resto o lo paghi sottoforma di un canone forfettario o indirettamente tramite della pubblicità che ti sorbisci (vedi alla voce Google).
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            La parola gratis non è sempre sinonimo di
            qualità, perché appena qualcosa smette di
            funzionare, uno si sente dire: "eh beh, ma è
            gratis, cosa vuoi
            pretendere?!!?"Anche la parola microsozz non e' sinonimo di qualita' perche' ogni volta che smette di funzionare uno si sente dire: "eh beh, ma e' microsozz, che cosa vuoi pretendere?!!?"
            Ecco, io pretendo di pagare il giusto ed avere un
            servizio decente piuttosto che avere una cosa
            gratis che in qualsiasi momento può sparire senza
            preavviso.Ai progetti open puo' succedere di tutto, tranne che sparire senza preavviso, come invece puo' capitare ad uno closed quando chi lo produce/distribuisce decide di cambiare business.
            E comunque non so dove tu veda telefonia gratis,
            al massimo farai delle telefonate locali o
            interurbane gratis, tutto il resto o lo paghi
            sottoforma di un canone forfettario o
            indirettamente tramite della pubblicità che ti
            sorbisci (vedi alla voce
            Google).Io posso confrontare le mie bollette di adesso rispetto a quelle di qualche anno fa quando pagavo canone+telefonate.Non dico che siano la meta' ma quasi (e a quel tempo dovevo limitarmi perche' le telefonate costavano).
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            Sia come sia, qualcosa paghi, non è gratis, perché in base al tuo ragionamento siccome Telecom ha steso i fili 20 anni fa, allora tu non gli devi più una lira per usare il telefono, dato che gli elettroni non li portano in braccio i dipendenti telecom.Dai su, vai a vangare l'orto, altro che computer.
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            Sia come sia, qualcosa paghi, non è gratis,
            perché in base al tuo ragionamento siccome
            Telecom ha steso i fili 20 anni fa, allora tu non
            gli devi più una lira per usare il telefono, Con quello che gli ho pagato in 20 anni di canone, potevo stenderli io quei fili, e d'oro invece che di rame, e mi avanzava pure qualcosa.
            dato
            che gli elettroni non li portano in braccio i
            dipendenti
            telecom.Mi spiegherai un giorno il wi-fi quanti elettroni porta.
            Dai su, vai a vangare l'orto, altro che computer.Oggi e' ancora giovedi'.All'orto ci dedico il fine settimana.
        • Perplesso scrive:
          Re: Vendere Mozart e Beethoven?

          Registrazione di una esecuzione che e' gia'
          avvenuta, e per la quale l'orchestra e' gia'
          stata
          pagata.Non hai capito. La registrazione viene fatta in studio, non dal vivo e il costo dell'orchestra verrà ripagato solo se poi vendi il disco.E sono decine di musicisti che meritano di essere pagati.
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Perplesso

            Registrazione di una esecuzione che e' gia'

            avvenuta, e per la quale l'orchestra e' gia'

            stata

            pagata.

            Non hai capito. La registrazione viene fatta in
            studio, non dal vivo e il costo dell'orchestra
            verrà ripagato solo se poi vendi il
            disco.Quale parte di "la registrazione esiste gia'" non ti e' chiara?
            E sono decine di musicisti che meritano di essere
            pagati.I musicisti hanno il sacrosanto diritto di essere pagati.Dovrebbero pretendere il pagamento anticipato quando qualcuno li chiama per suonare.Non esiste il "Intanto suonate, che poi se il CD vende vi paghero'..."
    • Steve Robinson Hakkabee scrive:
      Re: Vendere Mozart e Beethoven?

      A quale titolo intendono intascarsi i proventi di
      una operazione commerciale a costo
      zero?Sulle spese (o investimenti) non si tratta proprio di un costo zero. Bisogna pagare un'intera orchestra, l'affitto di decine di microfoni di altissima qualità e tutta la strumentazione di registrazione neccessaria, i tecnici audio ecc.Insomma è il tipo di registrazione più cara da fare che ci possa essere nel mondo della musica.
      • panda rossa scrive:
        Re: Vendere Mozart e Beethoven?
        - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee

        A quale titolo intendono intascarsi i proventi
        di

        una operazione commerciale a costo

        zero?

        Sulle spese (o investimenti) non si tratta
        proprio di un costo zero. Mi vuoi far credere che hanno prodotto una esecuzione allo scopo di venderla in flac via rete?Ma credi che io sia nato ieri o stamattina?Questi intendono riciclare una esecuzione che gia' hanno a catalogo!!!
        Bisogna pagare
        un'intera orchestra, l'affitto di decine di
        microfoni di altissima qualità e tutta la
        strumentazione di registrazione neccessaria, i
        tecnici audio
        ecc.Gia' dato. Sara' qualcosa nel catalogo BMG.
        Insomma è il tipo di registrazione più cara da
        fare che ci possa essere nel mondo della
        musica.Non metto in dubbio, ma io pago un biglietto per l'auditorium, o al massimo pago una scatola contenente CD e libretto illustrativo.Un file non si deve pagare, mai, mai e poi mai!
        • Ghostdog scrive:
          Re: Vendere Mozart e Beethoven?
          si perchè quando compri un cd cosa pensi di pagare?il cd e il libretto?stai pagando il file che cè sopra
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Ghostdog
            si perchè quando compri un cd cosa pensi di
            pagare?

            il cd e il libretto?Esatto!
            stai pagando il file che cè sopraIl file che c'e' sopra lo trovo gratis sul mulo, oppure lo rippo personalmente dal CD: perche' dovrei pagarlo?Io i miei soldi (veri) li do' in cambio di qualcosa di tangibile.In cambio di un file, posso al massimo dare la jpeg della foto dei miei soldi.
          • ginfitz69 scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            se acquisti on line non gli mandi soldi veri (di carta) ma virtuali, bit insomma.Anche loro potrebbero obiettarti che non accettano pagamento con carta di credito ma vogliono solo moneta sonante :-)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            Ti mando la fotocopia della banconota.
          • Ghostdog scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            si certo paghi un oggetto che costa 50 centesimi 15 euro, sei proprio furboe poi immagino che quando vai da un medico (mettiamo privato) per una diagnosi non lo paghi giusto? tanto ti ha dato solo informazioni no? ha solo parlato no?sono sicuro che gli fai ascoltare il fruscio dei tuoi soldi e siete parima come ragioni?!
          • Ghostdog scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            preciso che cmq ritengo quelli delle major e della riaa dei ladri speculatori, ma quando vedo certa gente ragionare così a caso un pò mi girano
          • gargarozz scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            ma è differente! io acquisto un cd per avere un oggetto fisico, che è stato studiato e che è bello da collezionare!Con il tempo (causa crash, rotture)perdi i dati che hai sul pc, ma il cd rimane!Per fare un esempio, ho acquistato un vinile a dei miei amici che hanno deciso di stampare su 33giri al posto del cd e permettere il download gratis.. Non è che sono pazzo,visto che non ho scaricato gratis l'album, è che volevo avere quel mitico vinile rosso fuoco in mano con artwork ricercato e testi annessi..
          • pippO scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: gargarozz
            ma è differente! io acquisto un cd per avere un
            oggetto fisico, che è stato studiato e che è
            bello da collezionare!Con il tempo (causa crash,
            rotture)perdi i dati che hai sul pc, ma il cd
            rimane!Si si, certo, se vuoi ti posso dare un paio di cd originali con il substrato illeggibile... ;(
            Per fare un esempio, ho acquistato un vinile a
            dei miei amici che hanno deciso di stampare su
            33giri al posto del cd e permettere il download
            gratis.. Non è che sono pazzo,visto che non ho
            scaricato gratis l'album, è che volevo avere quel
            mitico vinile rosso fuoco in mano con artwork
            ricercato e testi
            annessi..Ho capito sei un di quelli che la musica la guarda!!! :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Ghostdog
            si certo

            paghi un oggetto che costa 50 centesimi 15 euro,
            sei proprio
            furboPago un oggetto se mi interessa averlo e se il prezzo proposto lo reputo adeguato.
            e poi immagino che quando vai da un medico
            (mettiamo privato) per una diagnosi non lo paghi
            giusto? tanto ti ha dato solo informazioni no? ha
            solo parlato
            no?Mi ha dedicato del tempo, e il tempo costa!
            sono sicuro che gli fai ascoltare il fruscio dei
            tuoi soldi e siete
            pari

            ma come ragioni?!Ma come ragioni tu.Il tempo si paga. La roba si paga.Un file non si paga.
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            bevi meno
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?

            Il tempo si paga. La roba si paga.
            Un file non si paga.Qua c'è un grosso errore: qualunque file scaricato dalla rete ha un costo, i webservers si pagano, la banda si paga, il sistemista che li amministra si paga, sito web che ti permette lo scaricamento si paga ecc.Il costo è comunque irrisorio, un album completo da 300mb al massimo ipotizzo possa costare qualche -cent.Poi il file deve essere realizzato e torniamo a quanto detto prima (performance degli artisti, perte tecnologica TASSE ecc.)Nulla è gratis, bisogna solo che si paghi il giusto prezzo.5 al max per un album da 60 minuti di musica è il mio target, tu quanto saresti disposto a pagare per musica LEGALE, per esempio?Partendo dal minimo di 0.01
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee

            Il tempo si paga. La roba si paga.

            Un file non si paga.
            Qua c'è un grosso errore: qualunque file
            scaricato dalla rete ha un costo,Costo tecnico ripartito tra chi mette il file a disposizione e chi lo scarica.
            i webservers si pagano, Che c'entrano i web servers?Il web e' un servizio che propone pagine, mica files.
            la banda si paga, il sistemista che li
            amministra si paga, sito web che ti permette lo
            scaricamento si paga ecc.Citami un servizio web, uno solo, che tu utente paghi direttamente per ricevere le informazioni che trasmette.Ci ha provato quello la' del washington post, mi pare, col risultato che da 1 milione di IP unici che lo visitavano, sono rimasti solo quelli della sua redazione che accedono in locale.
            Il costo è comunque irrisorio, un album completo
            da 300mb al massimo ipotizzo possa costare
            qualche -cent.Album del quale non so chi sia il direttore, non so qual e' l'orchestra, non so quando e' avvenuta la registrazione, non so niente.Forse tu non hai ben chiara la funzione del libretto che accompagna i cd.
            Poi il file deve essere realizzato e torniamo a
            quanto detto prima (performance degli artisti,
            perte tecnologica TASSE ecc.)Dove ho detto che non devono vendere i CD della registrazione?Dove ho detto che non devono vendere i biglietti per assistere all'esecuzione?
            Nulla è gratis, bisogna solo che si paghi il giusto prezzo.Il giusto prezzo per una riproduzione digitale di una cosa che esiste gia' e' zero.
            5 al max per un album da 60 minuti di musica è
            il mio target, tu quanto saresti disposto a
            pagare per musica LEGALE, per
            esempio?
            Partendo dal minimo di 0.01Per un CD serigrafato, in custodia di cartoncino, con tanto di libretto, posso anche arrivare a 10 euro.Per un file, il prezzo che sono disposto a pagare e' zero.
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?

            Per un file, il prezzo che sono disposto a pagare
            e'
            zero.Ok sei un taccagno è quello che volevo sapere.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            Perchè rifiuta di regalare i soldi a un ladro?No, non è taccagno. Taccagno è chi vuole soldi per ciò che a lui non costa nulla e non richiede nessun lavoro.
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            XXXXXXX che confusione ma che lavoro fai? L'idraulico? - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee


            Il tempo si paga. La roba si paga.


            Un file non si paga.

            Qua c'è un grosso errore: qualunque file

            scaricato dalla rete ha un costo,

            Costo tecnico ripartito tra chi mette il file a
            disposizione e chi lo
            scarica.


            i webservers si pagano,
            Che c'entrano i web servers?
            Il web e' un servizio che propone pagine, mica
            files. OHhh MMMMYYYY GOOOODDDD è le pagine che sarebbero? Mai sentito parlare di FTP? OHhh MMMMYYYY GOOOODDDD


            la banda si paga, il sistemista che li

            amministra si paga, sito web che ti permette lo

            scaricamento si paga ecc.

            Citami un servizio web, uno solo, che tu utente
            paghi direttamente per ricevere le informazioni
            che
            trasmette.
            Ci ha provato quello la' del washington post, mi
            pare, col risultato che da 1 milione di IP unici
            che lo visitavano, sono rimasti solo quelli della
            sua redazione che accedono in
            locale.iTunes? appStore? Presente? Rapidshare? Amazon con i libri per il Kindle? Vado avanti? Non parlo di giornali, parlo di files a pagamento!


            Il costo è comunque irrisorio, un album completo

            da 300mb al massimo ipotizzo possa costare

            qualche -cent.

            Album del quale non so chi sia il direttore, non
            so qual e' l'orchestra, non so quando e' avvenuta
            la registrazione, non so
            niente.
            Forse tu non hai ben chiara la funzione del
            libretto che accompagna i
            cd.http://www.emusic.com/album/Nicolaus-Esterhazy-Sinfonia-BEETHOVEN-Symphony-No-9-Choral-MP3-Download/10871548.htmlUno a caso... hai tutte le info e probabilmente ache la jpg per farti le copertine in casa.


            Poi il file deve essere realizzato e torniamo a

            quanto detto prima (performance degli artisti,

            perte tecnologica TASSE ecc.)

            Dove ho detto che non devono vendere i CD della
            registrazione?
            Dove ho detto che non devono vendere i biglietti
            per assistere
            all'esecuzione?Nessuno lo vieta ma il CD sta morendo e un mercato di downalods di musica legale c'è, perchè allora non vendere?


            Nulla è gratis, bisogna solo che si paghi il
            giusto
            prezzo.
            Il giusto prezzo per una riproduzione digitale di
            una cosa che esiste gia' e'
            zero.E vabbè..


            5 al max per un album da 60 minuti di musica è

            il mio target, tu quanto saresti disposto a

            pagare per musica LEGALE, per

            esempio?

            Partendo dal minimo di 0.01

            Per un CD serigrafato, in custodia di cartoncino,
            con tanto di libretto, posso anche arrivare a 10
            euro.

            Per un file, il prezzo che sono disposto a pagare
            e'
            zero.TI ho risposto in un post che verrà sicuramente bannato.
          • krane scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
            Nessuno lo vieta ma il CD sta morendo e un
            mercato di downalods di musica legale c'è, perchè
            allora non vendere?Tu puoi vendere quello che vuoi, organizzare migliaia di navi per portare ghiaccio al polo e aprire la' negozi di ghiaccio in franchising... Ma la gente non e' che sia obbligata a comprare anche se piacerebbe a chi vende.
          • anonimo scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee


            Nessuno lo vieta ma il CD sta morendo e un

            mercato di downalods di musica legale c'è,
            perchè

            allora non vendere?

            Tu puoi vendere quello che vuoi, organizzare
            migliaia di navi per portare ghiaccio al polo e
            aprire la' negozi di ghiaccio in franchising...
            Ma la gente non e' che sia obbligata a comprare
            anche se piacerebbe a chi
            vende.Il problema non è la gente che non compra, ma quella che non compra e scarica illegalmente.Tra quelli che scaricano ovviamente molti non avrebbero comprato in ogni caso, ma metti che uno su dieci avrebbe invece comprato le tracce se non ci fossero alternative ILLEGALI ecco quello è un cliente perso. Quindi non si tratta di vendere ghiaccio al polo nord, ma è un problema di rispetto dei diritti altrui e di un'illegalità dilagante che ha svalutato il valore commerciale della musica.
          • krane scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: anonimo
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee


            Nessuno lo vieta ma il CD sta morendo e un


            mercato di downalods di musica legale c'è,


            perchè allora non vendere?

            Tu puoi vendere quello che vuoi, organizzare

            migliaia di navi per portare ghiaccio al polo e

            aprire la' negozi di ghiaccio in franchising...

            Ma la gente non e' che sia obbligata a comprare

            anche se piacerebbe a chi vende.
            Il problema non è la gente che non compra, ma
            quella che non compra e scarica illegalmente.
            Tra quelli che scaricano ovviamente molti non
            avrebbero comprato in ogni caso, ma metti che uno
            su dieci avrebbe invece comprato le tracce se non
            ci fossero alternative ILLEGALI ecco quello è un
            cliente perso.Intanto dove hai preso questa statistica ? Inoltre la gente percepisce la vendita online come qualosa che dovrebbe essere meno costoso della distribuzione fisica, quanto questa percezione influenza le mancate vendite ? Quanto e' una percezione e quanto un'effettivo sovrapprezzare eccessivamente il prodotto ? A me consumatore avere una linea internet costa 40E al mese, se devo affittare un furgone per portare roba in giro per l'italia mi costa 40E l'ora, questa differenza come consumatore la conosco e non puo' che farmi pensare che quello che mi stanno offrendo e' una truffa dovuta ad un cartello piu' che a un corretto rapporto costi - guadagni; questo puo' spingere il consumatore a "vendicarsi" ""rubando"".
            Quindi non si tratta di vendere
            ghiaccio al polo nord, ma è un problema di
            rispetto dei diritti altrui e di un'illegalità
            dilagante che ha svalutato il valore commerciale
            della musica.Si tratta di percepire che tu mi vuoi vendere un ghiacciolo alla mente a 50Euro, quando io so benissimo che un po' d'acqua, una bottiglia di menta ed un frigorifero che ormai ho in casa mi costa 1 centesimo. Sono passati i tempi in cui non si aveva il frigo in casa ed i ghiaccioli potevi vendermeli al prezzo che vuoi anche perche' potevi dimostrarmi che costavano tanto anche a te.
          • Obelix scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: anonimo
            Tra quelli che scaricano ovviamente molti non
            avrebbero comprato in ogni caso, ma metti che uno
            su dieci avrebbe invece comprato le tracce se non
            ci fossero alternative ILLEGALI ecco quello è un
            cliente perso. Si, si, ciccio, bravo, adesso torna a scuola che la maestra ti sta cercando eh??NO, non funziona cosi': non e' che perche' ci sono alternative illegali uno le prende. Le prende perche' *non ci sono alternative legali ragionevoli*.Prove ne e' che i servizi Apple che vendono musica vanno a gonfie vele. E si che anche la musica di iTunes puoi scaricarla dal mulo. Tutto idioti, i clienti di iTunes? O solo tu???
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
            XXXXXXX che confusione ma che lavoro fai?
            L'idraulico? No, ma come l'idraulico, io vendo il mio tempo e le mie capacita'.

            Che c'entrano i web servers?

            Il web e' un servizio che propone pagine, mica

            files.
            OHhh MMMMYYYY GOOOODDDD è le pagine che
            sarebbero? Mai sentito parlare di FTP? OHhh
            MMMMYYYY
            GOOOODDDD Io ne ho sentito parlare, ma tu evidentemente no, visto che web != ftp.ftp non richiede pagine, non richiede web server.

            Citami un servizio web, uno solo, che tu utente

            paghi direttamente per ricevere le informazioni

            che

            trasmette.

            Ci ha provato quello la' del washington post, mi

            pare, col risultato che da 1 milione di IP unici

            che lo visitavano, sono rimasti solo quelli
            della

            sua redazione che accedono in

            locale.
            iTunes? appStore? Presente? Rapidshare? Amazon
            con i libri per il Kindle? Vado avanti? Non parlo
            di giornali, parlo di files a
            pagamento!L'unico di quelli che hai citato che si fa via web, mi pare che sia rapidshare, del quale esiste anche la versione gratuita.Tu rapidshare lo paghi per scaricare piu' velocemente, non per scaricare.

            Forse tu non hai ben chiara la funzione del

            libretto che accompagna i

            cd.
            http://www.emusic.com/album/Nicolaus-Esterhazy-Sin
            Uno a caso... hai tutte le info e probabilmente
            ache la jpg per farti le copertine in
            casa.Quindi devo sbattermi io a recuperare le immagini del libretto, e stamparle.

            Dove ho detto che non devono vendere i CD della

            registrazione?

            Dove ho detto che non devono vendere i biglietti

            per assistere

            all'esecuzione?
            Nessuno lo vieta ma il CD sta morendo e un
            mercato di downalods di musica legale c'è, perchè
            allora non vendere?Vendi! Io non sono obbligato a comprare se il prezzo che fai e' sproporzionato.
          • Jingle Bells scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: panda rossa

            Io ne ho sentito parlare, ma tu evidentemente no,
            visto che web !=
            ftp.
            ftp non richiede pagine, non richiede web server.
            Piccola nota tecnica: web server (che indica i server legati alla rete) != server http (sever legato all hyper-text transfer protocol) infatti web server include nella sua definizione qualsiasi programma che fornisca ed esponga sulla rete un servizio indipendentemente dal protocollo usato.
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            e se non ricordo male è un sistemista, pensa che base di nozioni tecniche ha...
          • pippO scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
            e se non ricordo male è un sistemista, pensa che
            base di nozioni tecniche
            ha...Calma questo è quello che ci racconta lui ;)In realtà vista la competenza è un membro del governo... :D
          • pippO scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?


            Nessuno lo vieta ma il CD sta morendo e un

            mercato di downalods di musica legale c'è,
            perchè

            allora non vendere?

            Vendi!
            Io non sono obbligato a comprare se il prezzo che
            fai e'
            sproporzionato.Ma tu compri SOLO sul mulo, il prezzo è sempre troppo alto per te... :D
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee

            XXXXXXX che confusione ma che lavoro fai?

            L'idraulico?

            No, ma come l'idraulico, io vendo il mio tempo e
            le mie
            capacita'.



            Che c'entrano i web servers?


            Il web e' un servizio che propone pagine, mica


            files.

            OHhh MMMMYYYY GOOOODDDD è le pagine che

            sarebbero? Mai sentito parlare di FTP? OHhh

            MMMMYYYY

            GOOOODDDD

            Io ne ho sentito parlare, ma tu evidentemente no,
            visto che web !=
            ftp.
            ftp non richiede pagine, non richiede web server. Un server FTP è simile a un server HTTP, ossia un server Web, in quanto è possibile comunicare con esso tramite un protocollo Internet.Tuttavia, su un server FTP non vengono eseguite pagine Web, ma viene semplicemente eseguita la copia di file da e verso il server. http://msdn.microsoft.com/it-it/library/bfx5as36.aspxConfondi il WEB (la rete nel suo insieme) con HTTP ed FTP (due protocolli usati per l'invio dei dati)FTP RICHIEDE WEBSERVER! LE PAGINE WEB (HTTP) SONO FILES!



            Citami un servizio web, uno solo, che tu
            utente


            paghi direttamente per ricevere le
            informazioni


            che


            trasmette.


            Ci ha provato quello la' del washington post,
            mi


            pare, col risultato che da 1 milione di IP
            unici


            che lo visitavano, sono rimasti solo quelli

            della


            sua redazione che accedono in


            locale.

            iTunes? appStore? Presente? Rapidshare? Amazon

            con i libri per il Kindle? Vado avanti? Non
            parlo

            di giornali, parlo di files a

            pagamento!

            L'unico di quelli che hai citato che si fa via
            web, mi pare che sia rapidshare, del quale esiste
            anche la versione
            gratuita.
            Tu rapidshare lo paghi per scaricare piu'
            velocemente, non per
            scaricare.E continui a confodere il web (la rete) con l'HTTP (le pagine web)



            Forse tu non hai ben chiara la funzione del


            libretto che accompagna i


            cd.


            http://www.emusic.com/album/Nicolaus-Esterhazy-Sin

            Uno a caso... hai tutte le info e probabilmente

            ache la jpg per farti le copertine in

            casa.

            Quindi devo sbattermi io a recuperare le immagini
            del libretto, e
            stamparle.Altrimenti ti sbatti ad andare fino al negozio a comprare il cd... questione di esigenze



            Dove ho detto che non devono vendere i CD
            della


            registrazione?


            Dove ho detto che non devono vendere i
            biglietti


            per assistere


            all'esecuzione?

            Nessuno lo vieta ma il CD sta morendo e un

            mercato di downalods di musica legale c'è,
            perchè

            allora non vendere?

            Vendi!
            Io non sono obbligato a comprare se il prezzo che
            fai e'
            sproporzionato.E infatti vendono! E hanno sempre più sucXXXXX per 2 motivi: 1) semplicità nel download 2) Miglior qualità del file.Rimane ben'inteso che sono contro la criminalizzazione di chi scarica "illegalmente" come sono contro chi condanna la musica paid.Sono anche contro le rapine tipo iTunes a 1$ a canzone.
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee


            XXXXXXX che confusione ma che lavoro fai?


            L'idraulico?



            No, ma come l'idraulico, io vendo il mio tempo e

            le mie

            capacita'.





            Che c'entrano i web servers?



            Il web e' un servizio che propone pagine,
            mica



            files.


            OHhh MMMMYYYY GOOOODDDD è le pagine che


            sarebbero? Mai sentito parlare di FTP? OHhh


            MMMMYYYY


            GOOOODDDD



            Io ne ho sentito parlare, ma tu evidentemente
            no,

            visto che web !=

            ftp.

            ftp non richiede pagine, non richiede web
            server.
            Un server FTP è simile a un server HTTP, ossia
            un server Web, in quanto è possibile comunicare
            con esso tramite un protocollo Internet.Tuttavia,
            su un server FTP non vengono eseguite pagine Web,
            ma viene semplicemente eseguita la copia di file
            da e verso il
            server.
            http://msdn.microsoft.com/it-it/library/bfx5as36.a
            Confondi il WEB (la rete nel suo insieme) La rete nel suo insieme si chiama INTERNET.Il web e' un sottinsieme di internet.Il web, per esempio, non ha a che fare con la posta, anche se vi sono alcuni server di posta basati su web.
            con
            HTTP ed FTP (due protocolli usati per l'invio dei
            dati)
            FTP RICHIEDE WEBSERVER! ftp richiede ftp-server.
            LE PAGINE WEB (HTTP) SONO
            FILES!Le pagine http sono streams, non files.A volte coincidono, a volte vengono create in runtime in base all'utente.Se vuoi insegnare il networking a me, devi ancora berne di biberon di latte.

            Quindi devo sbattermi io a recuperare le
            immagini

            del libretto, e

            stamparle.
            Altrimenti ti sbatti ad andare fino al negozio a
            comprare il cd... questione di
            esigenzePer te sara' uno sbattimento, ma a me andare nei negozi di dischi e' una cosa che diverte e che rilassa.
            E infatti vendono! E hanno sempre più sucXXXXX
            per 2 motivi:

            1) semplicità nel download
            2) Miglior qualità del file.Miglior qualita' del file un par di balle.Al massimo e' una qualita' equivalente a quella di un CD, ma nella maggioranza dei casi e' degradata (MP3).Se poi ci aggiungiamo pure lucchetti e drm...
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee



            XXXXXXX che confusione ma che lavoro fai?



            L'idraulico?





            No, ma come l'idraulico, io vendo il mio
            tempo
            e


            le mie


            capacita'.







            Che c'entrano i web servers?




            Il web e' un servizio che propone pagine,

            mica




            files.



            OHhh MMMMYYYY GOOOODDDD è le pagine
            che



            sarebbero? Mai sentito parlare di
            FTP? OHhh



            MMMMYYYY



            GOOOODDDD





            Io ne ho sentito parlare, ma tu evidentemente

            no,


            visto che web !=


            ftp.


            ftp non richiede pagine, non richiede web

            server.

            Un server FTP è simile a un server HTTP,
            ossia

            un server Web, in quanto è possibile comunicare

            con esso tramite un protocollo
            Internet.Tuttavia,

            su un server FTP non vengono eseguite pagine
            Web,

            ma viene semplicemente eseguita la copia di file

            da e verso il

            server.


            http://msdn.microsoft.com/it-it/library/bfx5as36.a

            Confondi il WEB (la rete nel suo insieme)

            La rete nel suo insieme si chiama INTERNET.
            Il web e' un sottinsieme di internet.
            Il web, per esempio, non ha a che fare con la
            posta, anche se vi sono alcuni server di posta
            basati su
            web.



            con

            HTTP ed FTP (due protocolli usati per l'invio
            dei

            dati)

            FTP RICHIEDE WEBSERVER!

            ftp richiede ftp-server.


            LE PAGINE WEB (HTTP) SONO

            FILES!

            Le pagine http sono streams, non files.
            A volte coincidono, a volte vengono create in
            runtime in base
            all'utente.

            Se vuoi insegnare il networking a me, devi ancora
            berne di biberon di
            latte.



            Quindi devo sbattermi io a recuperare le

            immagini


            del libretto, e


            stamparle.

            Altrimenti ti sbatti ad andare fino al negozio a

            comprare il cd... questione di

            esigenze

            Per te sara' uno sbattimento, ma a me andare nei
            negozi di dischi e' una cosa che diverte e che
            rilassa.


            E infatti vendono! E hanno sempre più sucXXXXX

            per 2 motivi:



            1) semplicità nel download

            2) Miglior qualità del file.

            Miglior qualita' del file un par di balle.
            Al massimo e' una qualita' equivalente a quella
            di un CD, ma nella maggioranza dei casi e'
            degradata
            (MP3).
            Se poi ci aggiungiamo pure lucchetti e drm...Qua ho scritto male la frase io, intendevo migliore qualità rispetto a quello che trovi nel p2p per il resto riassumo:[img]http://www.istockphoto.com/file_thumbview_approve/3043276/2/istockphoto_3043276-worker-climbing-at-mirror-wall.jpg[/img]
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            Dimostri una ignoranza spaventosa. E la cosa triste è che non te ne rendi conto.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?

            XXXXXXX che confusione ma che lavoro fai?
            L'idraulico? Ma a che stai rispondendo?
            iTunes? appStore? Presente? Rapidshare? Amazon
            con i libri per il Kindle? Vado avanti? Non parlo
            di giornali, parlo di files a
            pagamento!Rapidshare è gratuito. Paghi solo per passare davanti agli altri e scaricare più in fretta. Gli altri sono degli imbrogli, paragonabili agli 144 e ai dialer per scaricare le suonerie.
            Nessuno lo vieta ma il CD sta morendoE quindi anche la vendita sta morendo. Ed è giusto così.Ovviamente, morirà anche chi vende, se non cambia mestiere.
            e un
            mercato di downalods di musica legale c'è, perchè
            allora non
            vendere?Forse perchè per vendere ci vuole qualcuno che compra, e quindi ti rigiro la domanda: Perchè comprare, visto che puoi trovare gratuitamente la stessa cosa?
          • krane scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee

            Il tempo si paga. La roba si paga.

            Un file non si paga.
            Qua c'è un grosso errore: qualunque file
            scaricato dalla rete ha un costo, i webservers si
            pagano, la banda si paga, il sistemista che li
            amministra si paga, sito web che ti permette lo
            scaricamento si paga ecc.Senti ti lascio un po' di spazio sul mio web server di casa se proprio hai bisogno. Certo posso capire quanto costa un sito web al confronto di pochi camion che girino l'italia.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?

            Qua c'è un grosso errore: qualunque file
            scaricato dalla rete ha un costo, i webservers si
            pagano, la banda si paga, il sistemista che li
            amministra si paga, sito web che ti permette lo
            scaricamento si paga
            ecc.Infatti l'abbonamento a internet lo pago.
            Il costo è comunque irrisorio, un album completo
            da 300mb al massimo ipotizzo possa costare
            qualche
            -cent.
            Poi il file deve essere realizzato e torniamo a
            quanto detto prima (performance degli artisti,
            perte tecnologica TASSE
            ecc.)
            Nulla è gratis, bisogna solo che si paghi il
            giusto
            prezzo.
            5 al max per un album da 60 minuti di musica è
            il mio target, tu quanto saresti disposto a
            pagare per musica LEGALE, per
            esempio?0.Tutta la musica è legale.Erano solo i talebani che avevano reso illegare ascoltare musica.
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            capito niente... qunado inizierai a lavorare magari qualcosa ti entra in testa
          • krane scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
            capito niente... qunado inizierai a lavorare
            magari qualcosa ti entra in testaTipo che i soldi valgono sudore, nessuto ti regala niente anzi se puo' te lo fa strapagare e ti sfrutta. Quindi conviere prendere gratis piu' che si puo' ?Era questo che intendevi ?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
            capito niente... qunado inizierai a lavorare
            magari qualcosa ti entra in
            testaHo capito abbastanza; ad esempio ho capito che se devo lavorare di più mi faccio pagare di più. Ma se non mi viene richiesto nessun lavoro extra, non ho il diritto di chiedere soldi extra.Questo, tu non lo capisci, e quindi non meriti soldi nemmeno per il lavoro normale.
          • ephestione scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            il concetto è quello di farsi pagare quando lavori. Il cantante se vuole campare deve continuare a fare concerti, invece di cantare una volta e campare a vita stando seduto in salotto.Per questo le case discografiche e cinematografiche non dovrebbero proprio esistere, o dovrebbero trasformarsi in rivenditrici di supporti scritti, a prezzi enormemente ridimensionati rispetto agli attuali.Insomma, tornando al medico, quello lavora quando ti visita, siccome esegue un'opera di ingegno (la diagnosi) e ti dedica il suo tempo. Solo che poi non pretende la provvigione ogni volta che racconti la sua diagnosi ai tuoi amici :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 ottobre 2010 22.39-----------------------------------------------------------
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            Continui a fare paragoni campati in aria.Tu sei liberissimo di far leggere la tua diagnosi agli amici, tanto quelli non sanno cosa farsene della tua diagnosi.Prova invece a travestirti da medico e rivendere le diagnosi di altri come nuove, senza manco cambiare l'intestazione e poi vediamo quanto vai avanti prima che i carabinieri ti arrestino (oddio, in Italia puoi anche riuscire ad andare avanti parecchio, ma si sa che noi come paese civile non facciamo testo).
          • krane scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            Continui a fare paragoni campati in aria.
            Tu sei liberissimo di far leggere la tua diagnosi
            agli amici, tanto quelli non sanno cosa farsene
            della tua diagnosi.
            Prova invece a travestirti da medico e rivendere
            le diagnosi di altri come nuove, senza manco
            cambiare l'intestazione e poi vediamo quanto vai
            avanti prima che i carabinieri ti arrestino
            (oddio, in Italia puoi anche riuscire ad andare
            avanti parecchio, ma si sa che noi come paese
            civile non facciamo testo).Ma e' quello che si dice: non vogliamo piu' major che travestite da cantanti ci spacciano riproduzioni fatte da altri.
          • ephestione scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            bravo ;)
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            ma fatte da altri chi?
        • Rover scrive:
          Re: Vendere Mozart e Beethoven?
          Lo sappiamo che tu sei un teorico (forse anche un applicatore, spero nella legalità), ma la tua convinzione è talmente accecante (l'accecato sei tu) che pensi che per fare una registrazione basti presentarsi con un registratore +microfono da 100 Euro, e poi siamo a posto.Se io, per fare una registrazione di un concerto, spendo 10.000 euro di noleggio e montaggio attrezzature (poi tralasciamo la psot-produzione) gradirei almeno recuperarli.Tu che sei un estremista del gratis, e che non so che lavoro tu faccia, se da domani ti dicessero: adesso lavori gratis. Punto! come la prenderesti?
          • pippO scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?

            Leggi il forum di PI da poco? Tutti i
            frequentatori abituali sanno che faccio il
            programmatore.Ti spacci per... :D
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            Questa mi ricorda quella del tipo che voleva vendere la Fiat Duna con 150000 chilometri e aveva messo il cartello con scritto "telefonare Maurizio ore pasti"Qualcuno con senso dell'umorismo aveva aggiunto a penna:"A Maurí, magna tranquillo"
          • krane scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Oracle Guru
            Questa mi ricorda quella del tipo che voleva
            vendere la Fiat Duna con 150000 chilometri e
            aveva messo il cartello con scritto "telefonare
            Maurizio ore pasti"
            Qualcuno con senso dell'umorismo aveva aggiunto a
            penna: "A Maurí, magna tranquillo"E cosa c'e' di meglio di non essere disturbato ad ore pasti ?Pensa che magari poi ha pure trovato il pollo.
          • Oracle Guru scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            oppure no
        • Perplesso scrive:
          Re: Vendere Mozart e Beethoven?

          Mi vuoi far credere che hanno prodotto una
          esecuzione allo scopo di venderla in flac via
          rete?E' ovvio che è della musica pubblicata già su CD, magari registrata bene su SACD, ed è altrettanto ovvio che venderà se costa meno del supporto fisico altrimenti la gente comprerà i CD e si fa i flac da sola.Ho preso uno a caso un doppio cd (http://www.ariama.com/albums/beethoven-string-quartets-op-131-op-18-2-op-132-op-59-3-%28artemis-quartett-virgin-classics%29) passa da 17 a 11 $: uno sconto del 35% (da vedere se su Amazon magari lo trovi ancora a meno).In altri casi gli sconti sono minori o anche zero.
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: Perplesso

            Mi vuoi far credere che hanno prodotto una

            esecuzione allo scopo di venderla in flac via

            rete?

            E' ovvio che è della musica pubblicata già su CD,
            magari registrata bene su SACD, ed è altrettanto
            ovvio che venderà se costa meno del supporto
            fisico altrimenti la gente comprerà i CD e si fa
            i flac da sola.E' ancora piu' ovvio che se il prezzo a cui viene venduta e' superiore allo sbattimento di trovare un FLAC in rete e scaricarselo, la gente continuera' a preferire la seconda soluzione.Se poi questi FLAC avranno pure dei DRM che impediscono di fruirne sullo stereo di casa, in macchina, sull'ipod etc, allora se li possono infilare dove sanno!
            Ho preso uno a caso un doppio cd
            (http://www.ariama.com/albums/beethoven-string-qua
            In altri casi gli sconti sono minori o anche zero.Non ci siamo.Non possono vendere a 11$ un file quando a 12$ trovo il CD.http://cgi.ebay.com/BEETHOVEN-STRING-QUARTET-OP-131-LP-2531-077-BERNSTEIN-/160461462816?pt=Music_on_Vinyl&hash=item255c3f9d20
      • gargarozz scrive:
        Re: Vendere Mozart e Beethoven?
        Ma sei un musicista? A casa mia il fatto di posizionare 20 neumann(da 2000 euro l'uno) costa comunque molto di meno che fare un mixing e un mastering rock,che costa a sua volta un infinitesimo rispetto a quello pop..I concerti di classica, grazie all'acustica degli dei posti in cui viene registrata, alla posizione ben precisa dei singoli strumenti e soprattutto dell'innata precisione di chi suona,è semplicissima da registrare..verrebbe bene anche con un sm57 da 90 euro..
    • r p scrive:
      Re: Vendere Mozart e Beethoven?
      - Scritto da: panda rossa
      Vogliono vendere musica classica i cui autori
      sono sepolti da secoli, e per giunta in formato
      digitale!Infatti non ti vendono "la musica" ma l'interpretazione del brano, ovvero quello interpretato da un'orchestra da loro scritturata.Per la cronaca, nulla ti vieta di fare altrettanto proprio perché gli spartiti non sono coperti dal diritto d'autore. Anzi, se non sbaglio, esiste anche un progetto che sta cercando fondi per scritturare una orchestra e farle interpretare i brani da distribuire liberamente...
      A quale titolo intendono intascarsi i proventi di
      una operazione commerciale a costo
      zero?vabbé, i costi comunque ci sono, ovvero quelli del servizio e quelli per scritturare l'orchestra.
      • Ghostdog scrive:
        Re: Vendere Mozart e Beethoven?
        ma scusate il flac non è il formato dei cd? in pratica stanno vendendo il formato che una volta trovavi solo nei cd online?
        • Paolo Nocco scrive:
          Re: Vendere Mozart e Beethoven?
          Il FLAC non è il formato dei CD, è il nome di un codec lossless per i file audio, occupa circa la metà dello spazio di un Audio Wave, che è il formato che trovavi nei CD, a circa 40 MB a canzone (campionato nel 90% dei casi a 44100 Hz, 16 bit, stereo), mega più, mega meno.
    • Homo Artisticus scrive:
      Re: Vendere Mozart e Beethoven?
      Un giorno Pablo Picasso stava riposando su una panchina in un parco, quando venne avvicinato da una giovane donna che gli chiese di schizzarle un ritratto.In pochi minuti, con carta e matita, l'Artista le fece il ritratto.La signora chiese quanto gli dovesse per l'opera."3000$" fu la risposta."Ma come? Per fare questo disegno ha impiegato non più di cinque minuti..." obiettò lei."No, signora. Per fare questo ritratto ho impiegato tutta la mia vita".;-)Quanto ha impegato il terzo violinista per arrivare ad incidere quel brano che tu disprezzi?- Scritto da: panda rossa
      Questi non hanno limite alla loro vergogna!
      Vogliono vendere musica classica i cui autori
      sono sepolti da secoli, e per giunta in formato
      digitale!

      A quale titolo intendono intascarsi i proventi di
      una operazione commerciale a costo
      zero?

      Tuttavia apprezzo il fatto che intendano adottare
      il FLAC: formato libero e non
      lossy.
      Ma quanti lettori lo supportano?
      Tutti quelli che possiedo io al massimo leggono
      ogg-vorbis, ma flac proprio
      nessuno.
      • panda rossa scrive:
        Re: Vendere Mozart e Beethoven?
        - Scritto da: Homo Artisticus
        Un giorno Pablo Picasso stava riposando su una
        panchina in un parco, quando venne avvicinato da
        una giovane donna che gli chiese di schizzarle un
        ritratto.
        In pochi minuti, con carta e matita, l'Artista le
        fece il
        ritratto.
        La signora chiese quanto gli dovesse per l'opera.
        "3000$" fu la risposta.
        "Ma come? Per fare questo disegno ha impiegato
        non più di cinque minuti..." obiettò
        lei.
        "No, signora. Per fare questo ritratto ho
        impiegato tutta la mia
        vita".

        ;-)Conosco l'aneddoto.La signora in cambio dei 3000$ ha avuto un foglio con un disegno, esecuzione unica.E quindi che c'entra con le registrazioni musicali?
        Quanto ha impegato il terzo violinista per
        arrivare ad incidere quel brano che tu
        disprezzi?Dove ho detto che lo disprezzo?Se il violinista viene a suonare per me, io lo pago per il tempo che mi dedica.Se il violinista mi fa avere una registrazione, la pago tanto quanto pagherei la foto di quel disegno di Picasso: zero.
        • pippO scrive:
          Re: Vendere Mozart e Beethoven?

          Se il violinista viene a suonare per me, io lo
          pago per il tempo che mi
          dedica.
          Se il violinista mi fa avere una registrazione,
          la pago tanto quanto pagherei la foto di quel
          disegno di Picasso:
          zero.Già perchè a te le foto le regalano vero? :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: pippO

            Se il violinista viene a suonare per me, io lo

            pago per il tempo che mi

            dedica.

            Se il violinista mi fa avere una registrazione,

            la pago tanto quanto pagherei la foto di quel

            disegno di Picasso:

            zero.
            Già perchè a te le foto le regalano vero? :DTo'... eccoti la foto del disegno di Picasso.[img]http://isaac.guidasicilia.it/foto/news/arte/picasso_disegno1_N.jpg?0.7035997173149233[/img]
          • pippO scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?



            Se il violinista viene a suonare per me, io lo


            pago per il tempo che mi


            dedica.


            Se il violinista mi fa avere una
            registrazione,


            la pago tanto quanto pagherei la foto di quel


            disegno di Picasso:


            zero.

            Già perchè a te le foto le regalano vero? :D

            To'... eccoti la foto del disegno di Picasso.

            [img]http://isaac.guidasicilia.it/foto/news/arte/pE l'abbonamento adsl che pago per vederla sono AGGRATISE neeeeee?Il server su cui risiede è alimentato a pedali vero??? :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: pippO



            Se il violinista viene a suonare per me, io
            lo



            pago per il tempo che mi



            dedica.



            Se il violinista mi fa avere una

            registrazione,



            la pago tanto quanto pagherei la foto di
            quel



            disegno di Picasso:



            zero.


            Già perchè a te le foto le regalano vero? :D



            To'... eccoti la foto del disegno di Picasso.




            [img]http://isaac.guidasicilia.it/foto/news/arte/p
            E l'abbonamento adsl che pago per vederla sono
            AGGRATISE
            neeeeee?
            Il server su cui risiede è alimentato a pedali
            vero???
            :DIo sono in ufficio e non pago la connessione.Il server su cui risiede non e' mio.Se tu paghi non e' colpa mia.
          • pippO scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?

            Io sono in ufficio e non pago la connessione.
            Il server su cui risiede non e' mio.
            Se tu paghi non e' colpa mia.Niente in contrario quindi se passo a scroccarti la connessione? :D
          • Paolo Nocco scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            Come dico sempre a tutti quelli che si appostano sotto la finestra di casa mia vedendo una WiFi libera (Che libera non è, ha acXXXXX su ip statico, firewall fisico e software e un altro paio di trucchetti quì e là, tanto la wpa serve a una cippa): Se sei così bravo da entrare nella mia rete, ti meriti di navigare a scrocco!!!
      • krane scrive:
        Re: Vendere Mozart e Beethoven?
        - Scritto da: Homo Artisticus
        Un giorno Pablo Picasso stava riposando su una
        panchina in un parco, quando venne avvicinato da
        una giovane donna che gli chiese di schizzarle un
        ritratto.
        In pochi minuti, con carta e matita, l'Artista le
        fece il ritratto.
        La signora chiese quanto gli dovesse per l'opera.
        "3000$" fu la risposta.
        "Ma come? Per fare questo disegno ha impiegato
        non più di cinque minuti..." obiettò lei.
        "No, signora. Per fare questo ritratto ho
        impiegato tutta la mia vita".
        ;-)Gliel'ha insegnata il Dottore quella battuta ;)
    • anonimo scrive:
      Re: Vendere Mozart e Beethoven?
      - Scritto da: panda rossa
      Questi non hanno limite alla loro vergogna!
      Vogliono vendere musica classica i cui autori
      sono sepolti da secoli, e per giunta in formato
      digitale!Ti è stato già spiegato che un'orchestra non è un insieme di bot che premono dei tasti. Ogni direttore e ogni orchestra creano qualcosa di nuovo.

      A quale titolo intendono intascarsi i proventi di
      una operazione commerciale a costo
      zero?
      Se è un'operazione a costo zero fai tu il tuo concerto, vendi i biglietti e poi regala le tracce su Internet. Vediamo quanto duri. Non tirare fuori la XXXXXXXta che sei programmatore e rilasci ai tuoi clienti sotto GPL. Tu metti nello stesso calderone mestieri diversi, paragoni mele con pere.Nemmeno Stallman propone di piratare il software proprietario, lui crea alternative rimanendo nella legalità. Tu invece di tua iniziativa decidi che il diritto di vendere musica online o anche tramite CD (pure quella è musica digitale cosa che tanto ti scandalizza) non esiste e allora dici che è giusto scaricarla. Allora uno può evadere il fisco perché ritiene le tasse alte troppo ingiuste o parcheggiare sul posto riservato agli invalidi perché secondo lui non lo usa nessuno e quindi è inutile lasciarlo vuoto. Esistono delle leggi e queste vanno rispettate o si cerca di cambiarle. Uno non fa le leggi da sé. Il p2p che tanto piace a te non ha danneggiato le major ma centinaia di piccole etichette che ora sono alla canna del gas. Non perché il p2p ha innovato, ma semplicemente perché è un modo illegale di distribuzione con basse probabilità di essere puniti.
      Tuttavia apprezzo il fatto che intendano adottare
      il FLAC: formato libero e non
      lossy.
      Ma quanti lettori lo supportano?
      Tutti quelli che possiedo io al massimo leggono
      ogg-vorbis, ma flac proprio
      nessuno.Ne esistono, basta usare Google.
      • krane scrive:
        Re: Vendere Mozart e Beethoven?
        - Scritto da: anonimo
        - Scritto da: panda rossa

        Questi non hanno limite alla loro vergogna!

        Vogliono vendere musica classica i cui autori

        sono sepolti da secoli, e per giunta in formato

        digitale!
        Ti è stato già spiegato che un'orchestra non è
        un insieme di bot che premono dei tasti. Ogni
        direttore e ogni orchestra creano qualcosa di
        nuovo.Quindi un'orchestra non e' equivalente a un lettore mp3 e per questo quando suona va pagata, il che a me va benissimo.
        Il p2p che tanto piace a te non ha danneggiato le
        major ma centinaia di piccole etichette che ora
        sono alla canna del gas.Mi fai qualche esempio ? Perche la gente che conosco io di microetichette indipendenti e' solo contenta di non avere piu' bisogno di un sistema di distribuzione in negozio per competere con i grandi.
        • anonimo scrive:
          Re: Vendere Mozart e Beethoven?
          - Scritto da: krane
          Quindi un'orchestra non e' equivalente a un
          lettore mp3 e per questo quando suona va pagata,
          il che a me va
          benissimo.L'hai deciso tu che va pagata solo quando suona, le leggi dicono che possono anche venderti la musica. È un loro diritto, se non ti sta bene non comprarla e basta o sbattiti perché venga cambiata la legge.
          Mi fai qualche esempio ? Perche la gente che
          conosco io di microetichette indipendenti e' solo
          contenta di non avere piu' bisogno di un sistema
          di distribuzione in negozio per competere con i
          grandi.Lo dicono Meeting delle etichette indipendenti (MEI) e Audiocoop.
          • krane scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: anonimo
            - Scritto da: krane

            Quindi un'orchestra non e' equivalente a un

            lettore mp3 e per questo quando suona va pagata,

            il che a me va benissimo.
            L'hai deciso tu che va pagata solo quando suona,
            le leggi dicono che possono anche venderti la
            musica. È un loro diritto, se non ti sta bene non
            comprarla e basta o sbattiti perché venga
            cambiata la legge.Infatti e' quello che faccio nel mio piccolo andando ai concerti e facendo "lotta politica" compatibilmente ai miei impegni.

            Mi fai qualche esempio ? Perche la gente che

            conosco io di microetichette indipendenti e'

            solo contenta di non avere piu' bisogno di

            un sistema di distribuzione in negozio per

            competere con i grandi.
            Lo dicono Meeting delle etichette indipendenti
            (MEI) e Audiocoop.Ho visto i loro siti e mi sembra che piu' che esprimere opinioni riportano articoli di eventi, in parte a favore in parte contro il p2p.
      • panda rossa scrive:
        Re: Vendere Mozart e Beethoven?
        - Scritto da: anonimo
        - Scritto da: panda rossa

        Questi non hanno limite alla loro vergogna!

        Vogliono vendere musica classica i cui autori

        sono sepolti da secoli, e per giunta in formato

        digitale!

        Ti è stato già spiegato che un'orchestra non è un
        insieme di bot che premono dei tasti. Ogni
        direttore e ogni orchestra creano qualcosa di
        nuovo.Ho gia' spiegato che l'orchestra va pagata.

        A quale titolo intendono intascarsi i proventi
        di

        una operazione commerciale a costo

        zero?



        Se è un'operazione a costo zero fai tu il tuo
        concerto, vendi i biglietti e poi regala le
        tracce su Internet.
        Vediamo quanto duri. Lo faccio gia'. Tutti i miei CD sono rippati con la miglior qualita' possibile e messi in condivisione.Mi costa zero.
        Non
        tirare fuori la XXXXXXXta che sei programmatore e
        rilasci ai tuoi clienti sotto GPL. Tu metti nello
        stesso calderone mestieri diversi, paragoni mele
        con pere.La stai tirando fuori tu questa cosa, mica io.
        Nemmeno Stallman propone di piratare il software
        proprietario, lui crea alternative rimanendo
        nella legalità. Il software!
        Tu invece di tua iniziativa
        decidi che il diritto di vendere musica online o
        anche tramite CD (pure quella è musica digitale
        cosa che tanto ti scandalizza) non esiste Il CD e' un supporto *FISICO*
        e allora dici che è giusto scaricarla. Io sto parlando della musica di Mozart, i cui diritti d'autore sono scaduti da un secolo!Chi e' che confonde mele con pere?
        Allora uno
        può evadere il fisco perché ritiene le tasse alte
        troppo ingiuste o parcheggiare sul posto
        riservato agli invalidi perché secondo lui non lo
        usa nessuno e quindi è inutile lasciarlo vuoto.Chi e' che sta confondendo mele con pere?
        Esistono delle leggi e queste vanno rispettate E la legge dice che i diritti d'autore scadono dopo 70 anni dalla morte dell'autore. In questo caso Mozart.
        o
        si cerca di cambiarle. Uno non fa le leggi da sé.C'e' chi le fa. Ma e' OT.
        Il p2p che tanto piace a te non ha danneggiato le
        major ma centinaia di piccole etichette che ora
        sono alla canna del gas.Quali?E se (parole tue) non danneggia le major, perche' la menano tanto allora?
        Non perché il p2p ha
        innovato, ma semplicemente perché è un modo
        illegale di distribuzione con basse probabilità
        di essere puniti.Quindi e' una legge inutile se non si riesce a far rispettare.

        Tuttavia apprezzo il fatto che intendano
        adottare

        il FLAC: formato libero e non

        lossy.

        Ma quanti lettori lo supportano?

        Tutti quelli che possiedo io al massimo leggono

        ogg-vorbis, ma flac proprio

        nessuno.

        Ne esistono, basta usare Google.Ok, esistono.I miei sono vecchiotti e non supportano FLAC.
        • anonimo scrive:
          Re: Vendere Mozart e Beethoven?
          - Scritto da: panda rossa
          Ho gia' spiegato che l'orchestra va pagata.Allora non dire che è a costo zero
          Lo faccio gia'.
          Tutti i miei CD sono rippati con la miglior
          qualita' possibile e messi in
          condivisione.
          Mi costa zero.Ti ho detto FAI LA TUA ORCHESTRA, non rippa i CD. Inutile discutere con uno che quando non sa cosa dire tira fuori queste cose.e.

          La stai tirando fuori tu questa cosa, mica io.Lo fai ogni volta.
          Il software!Certo il software, è l'esempio che tiri fuori sempre tu.
          Il CD e' un supporto *FISICO*Sul CD indovina cosa c'è? Musica in formato digitale. Altrimenti ti venderebbero un bel CD vuoto così hai il tuo bel supporto.
          Io sto parlando della musica di Mozart, i cui
          diritti d'autore sono scaduti da un
          secolo!
          Chi e' che confonde mele con pere?La musica di Mozart non la paghi, paghi i diritti di chi l'ha eseguita e interpretata. Vedo che sei de coccio e sì sei tu che confondi mele con pere.

          E la legge dice che i diritti d'autore scadono
          dopo 70 anni dalla morte dell'autore. In questo
          caso
          Mozart.Infatti non paghi i diritti di Mozart, è dura fartela entrare in testa.

          Quali?
          E se (parole tue) non danneggia le major, perche'
          la menano tanto
          allora?
          Come ho già risposto a Krane ci sono i dati che riferiscono le associazioni di etichette indipendenti ai loro meeting che mostrano che stiano fallendo.Perché la menano tanto? Perché vedono gente che scarica gratis la loro roba, semplice. Ma vendendo prodotti di massa stanno ancora lì e sono i meno danneggiati.
          Quindi e' una legge inutile se non si riesce a
          far
          rispettare.Ragionamento del menga, quindi legalizziamo la Mafia visto che non riusciamo a sconfiggerla.Senti lascia perdere, tanto mi sembra palese che la tua sia la retorica del braccino corto.Non intendo andare oltre, certo che tu e Krane ne avete di tempo libero ;)
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: anonimo
            - Scritto da: panda rossa

            Ho gia' spiegato che l'orchestra va pagata.

            Allora non dire che è a costo zeroL'orchestra e' gia' stata pagata!Questi vogliono vendere registrazioni che hanno gia' a catalogo.Non si mettono a rifare una registrazione apposita.Quindi e' a costo zero!

            Lo faccio gia'.

            Tutti i miei CD sono rippati con la miglior

            qualita' possibile e messi in

            condivisione.

            Mi costa zero.

            Ti ho detto FAI LA TUA ORCHESTRA, non rippa i CD.Faccio quello che vuole fare la sony: prende i suoi cd e li rippa.
            Inutile discutere con uno che quando non sa cosa
            dire tira fuori queste cose.Non discutere, allora.

            Il software!

            Certo il software, è l'esempio che tiri fuori
            sempre tu.Questa volta non ho parlato di software.

            Il CD e' un supporto *FISICO*

            Sul CD indovina cosa c'è? Musica in formato
            digitale. Altrimenti ti venderebbero un bel CD
            vuoto così hai il tuo bel
            supporto.Il cd contiene dei dati digitali, va bene, ma pero' e' serigrafato, e' inserito in una custodia, che contiene anche un librettino, e posso riporlo sul mio scaffale, che arreda pure.Oggetto estetico, funzionale, e collezionabile.

            Io sto parlando della musica di Mozart, i cui

            diritti d'autore sono scaduti da un

            secolo!

            Chi e' che confonde mele con pere?

            La musica di Mozart non la paghi, paghi i diritti
            di chi l'ha eseguita e interpretata. Vedo che sei
            de coccio e sì sei tu che confondi mele con
            pere.Chi la esegue e la interpreta e' gia' stato pagato.O vuoi forse farmi credere che parte dell'incassato sony la rigira alle orchestre?

            E la legge dice che i diritti d'autore scadono

            dopo 70 anni dalla morte dell'autore. In questo

            caso

            Mozart.

            Infatti non paghi i diritti di Mozart, è dura
            fartela entrare in testa.Se non devo pagare i diritti d'autore, non devo pagare nulla.

            Quali?

            E se (parole tue) non danneggia le major,
            perche'

            la menano tanto

            allora?



            Come ho già risposto a Krane ci sono i dati che
            riferiscono le associazioni di etichette
            indipendenti ai loro meeting che mostrano che
            stiano
            fallendo.Si, ma per altri motivi, non per il p2p.
            Perché la menano tanto? Perché vedono gente che
            scarica gratis la loro roba, semplice.La loro roba? Quindi non e' degli autori? Quindi non e' delle orchestre?Adesso e' loro roba? E questi chi sono? Volgarissimi parassiti!

            Quindi e' una legge inutile se non si riesce a

            far

            rispettare.

            Ragionamento del menga, quindi legalizziamo la
            Mafia visto che non riusciamo a
            sconfiggerla.Infatti cosi' e'.
            Senti lascia perdere, tanto mi sembra palese che
            la tua sia la retorica del braccino
            corto.Pensala un po' come ti pare.Io comunque sono uno dei loro migliori clienti, che tu ci creda o no.Io i dischi li compro. I dischi! Non i files.
            Non intendo andare oltre, certo che tu e Krane ne
            avete di tempo libero
            ;)Tu invece mi sembri proprio uno di quelli che non hanno neanche il tempo di andare in bagno...
          • pippO scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?

            Pensala un po' come ti pare.
            Io comunque sono uno dei loro migliori clienti,
            che tu ci creda o
            no.
            Io i dischi li compro. I dischi! Non i files.78 giri o sei già arrivato ai microsolchi a 45? :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: pippO

            Pensala un po' come ti pare.

            Io comunque sono uno dei loro migliori clienti,

            che tu ci creda o

            no.

            Io i dischi li compro. I dischi! Non i files.
            78 giri o sei già arrivato ai microsolchi a 45? :D78 giri?Io sono ancora fermo ai dischi di cera di Edison.
          • pippO scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?



            Io comunque sono uno dei loro migliori
            clienti,


            che tu ci creda o


            no.


            Io i dischi li compro. I dischi! Non i files.

            78 giri o sei già arrivato ai microsolchi a 45?
            :D

            78 giri?
            Io sono ancora fermo ai dischi di cera di Edison.Non avevo dubbi sulla tua competenza tecnologica :D
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            Almeno ha avuto qualcosa in cambio dei tuoi soldi. Tu non hai avuto nulla.
          • pippO scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Almeno ha avuto qualcosa in cambio dei tuoi
            soldi. Tu non hai avuto
            nulla.Lo stesso file digitale, ma su un supporto fisico da 10 centesimi, un affarone! :D
    • rock scrive:
      Re: Vendere Mozart e Beethoven?
      - Scritto da: panda rossa
      Tuttavia apprezzo il fatto che intendano adottare
      il FLAC: formato libero e non
      lossy.
      Ma quanti lettori lo supportano?
      Tutti quelli che possiedo io al massimo leggono
      ogg-vorbis, ma flac proprio
      nessuno.Ci sono un bel po' di lettori che lo supportano:gran parte dei lettori portatili Samsung e i lettori Logitech come il touch il Boom, duet e Radio con una qualità audio veramente notevole.
    • AKG scrive:
      Re: Vendere Mozart e Beethoven?
      I lettori Sandisk supportano anche Ogg, FLAC e wma.
    • Hint02 scrive:
      Re: Vendere Mozart e Beethoven?
      - Scritto da: panda rossa
      Questi non hanno limite alla loro vergogna!
      Vogliono vendere musica classica i cui autori
      sono sepolti da secoli, e per giunta in formato
      digitale!

      A quale titolo intendono intascarsi i proventi di
      una operazione commerciale a costo
      zero?

      Tuttavia apprezzo il fatto che intendano adottare
      il FLAC: formato libero e non
      lossy.
      Ma quanti lettori lo supportano?
      Tutti quelli che possiedo io al massimo leggono
      ogg-vorbis, ma flac proprio
      nessuno.(troll2)(troll2)(troll2)(troll2)(troll2)
    • Hint02 scrive:
      Re: Vendere Mozart e Beethoven?
      - Scritto da: panda rossa
      Questi non hanno limite alla loro vergogna!
      Vogliono vendere musica classica i cui autori
      sono sepolti da secoli, e per giunta in formato
      digitale!
      e in quale altro formato...
      A quale titolo intendono intascarsi i proventi di
      una operazione commerciale a costo
      zero?
      Costo zero..??
      Tuttavia apprezzo il fatto che intendano adottare
      il FLAC: formato libero e non
      lossy.
      Ma quanti lettori lo supportano? piu di uno
      Tutti quelli che possiedo io al massimo leggono
      ogg-vorbis, ma flac proprio
      nessuno. ScaricaloSe sei arrabbiato con la Sony - SIAE - DMCA ecc ecc.. e ti sembra alto il prezzo di un CD/DVD o file...ti capisco. Ma non rotolarti per terra facendo i capricci ,continua ( come tu dici) a rippare o ad usare i mulo. L'importante è che io possa ascoltare musica in pace senza tutto quel rumore continuo e inutile che fai.
    • ThEnOra scrive:
      Re: Vendere Mozart e Beethoven?
      - Scritto da: panda rossa
      Questi non hanno limite alla loro vergogna!
      Vogliono vendere musica classica i cui autori
      sono sepolti da secoli, e per giunta in formato
      digitale!Ero certo che avresti commentato!
      A quale titolo intendono intascarsi i proventi di
      una operazione commerciale a costo
      zero?Hanno i diritti sulle registrazioni.
      Tuttavia apprezzo il fatto che intendano adottare
      il FLAC: formato libero e non
      lossy.
      Ma quanti lettori lo supportano?
      Tutti quelli che possiedo io al massimo leggono
      ogg-vorbis, ma flac proprio
      nessuno.Il "prodott" è indirizzato ad un specifico pubblico che magari preferisce il formato FLAC perchè apprezzato, forse, da quel specifico pubblico.
      • panda rossa scrive:
        Re: Vendere Mozart e Beethoven?
        - Scritto da: ThEnOra
        - Scritto da: panda rossa

        Questi non hanno limite alla loro vergogna!

        Vogliono vendere musica classica i cui autori

        sono sepolti da secoli, e per giunta in formato

        digitale!

        Ero certo che avresti commentato!Quindi puoi rileggere tutto il thread ed evitare di tornare su cose gia' trite e ritrite.Se porti nuove argomentazioni ti rispondo, altrimenti passo.
        Il "prodott" è indirizzato ad un specifico
        pubblico che magari preferisce il formato FLAC
        perchè apprezzato, forse, da quel specifico
        pubblico.Il FLAC e' ottimo, ma che ci azzecca un formato libero, supportato nativamente da linux (e non certo da winsozz), con una multinazionale la cui mission e' quella di installare rootkit sui devices dei loro clienti?
        • ThEnOra scrive:
          Re: Vendere Mozart e Beethoven?
          - Scritto da: panda rossa

          Il FLAC e' ottimo, ma che ci azzecca un formato
          libero, supportato nativamente da linux (e non
          certo da winsozz), con una multinazionale la cui
          mission e' quella di installare rootkit sui
          devices dei loro
          clienti?Non ci azzeccherà nulla oppure si... oppure per fare un dispetto al mondo closed/Win/Mac?Ma ci vedi pure dei complotti dietro l'uso di FLAC da parte di una MAJOR???
          Se porti nuove argomentazioni ti rispondo, altrimenti passo.File (audio/video/sw) protetto dal copyright.Come lo definisci, che tipo di bene è per te, che tipo di bene è invece sul piano giuridico e sul piano economico?
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: panda rossa



            Il FLAC e' ottimo, ma che ci azzecca un formato

            libero, supportato nativamente da linux (e non

            certo da winsozz), con una multinazionale la cui

            mission e' quella di installare rootkit sui

            devices dei loro

            clienti?

            Non ci azzeccherà nulla oppure si... oppure per
            fare un dispetto al mondo
            closed/Win/Mac?
            Ma ci vedi pure dei complotti dietro l'uso di
            FLAC da parte di una
            MAJOR???No, ma sono perplesso e sorpreso.Un formato praticamente sconosciuto all'utenza clicca clicca, per la quale esiste solo l'MP3 degradato al massimo.

            Se porti nuove argomentazioni ti rispondo,
            altrimenti
            passo.

            File (audio/video/sw) protetto dal copyright.
            Come lo definisci, che tipo di bene è per te, che
            tipo di bene è invece sul piano giuridico e sul
            piano economico?Il file e' un file, a prescindere dal contenuto.Il costo di conservazione e' zero virgola zero zero zero zero...Il costo di replicazione e' zero virgola zero zero zero zero...Il costo di distribuzione e' zero virgola zero zero zero zero...Sul piano giuridico non c'e' una definizione calzante: viene spesso trattato alla stregua di altri beni non paragonabili.Sul piano economico e' una pura bolla speculativa quella di attribuire un valore ad un qualcosa che non vale niente.E scoppiera' come quella della crisi tuttora in corso.
          • ThEnOra scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ThEnOra

            - Scritto da: panda rossa





            Il FLAC e' ottimo, ma che ci azzecca un
            formato


            libero, supportato nativamente da linux (e non


            certo da winsozz), con una multinazionale la
            cui


            mission e' quella di installare rootkit sui


            devices dei loro


            clienti?



            Non ci azzeccherà nulla oppure si... oppure per

            fare un dispetto al mondo

            closed/Win/Mac?

            Ma ci vedi pure dei complotti dietro l'uso di

            FLAC da parte di una

            MAJOR???

            No, ma sono perplesso e sorpreso.
            Un formato praticamente sconosciuto all' utenza
            clicca clicca, per la quale esiste solo l'MP3
            degradato al
            massimo .Che giudizio negativo che hai nei confronti dei pirati... in pratica in poche parole li hai definiti pecoroni che non sanno cosa sia la qualità... ma non era questo ciò che volevo dire, giusto?


            Se porti nuove argomentazioni ti rispondo,

            altrimenti

            passo.



            File (audio/video/sw) protetto dal copyright.

            Come lo definisci, che tipo di bene è per te,
            che

            tipo di bene è invece sul piano giuridico e sul

            piano economico?

            Il file e' un file, a prescindere dal contenuto.Mica ho detto che il file è una mela... il punto è che ci sono file e file e la loro differenza sta proprio nel, TADA, contenuto!
            Il costo di conservazione e' zero virgola zeroNon direi visto che il mezzo su cui è conservato il file ha un costo.
            Il costo di replicazione e' zero virgola zeroNon direi visto che il "replicatore" consuma energia.
            Il costo di distribuzione e' zero virgola zeroNon direi visto che le infrastrutture dedite alla distribuzione hanno un costo.
            Sul piano giuridico non c'e' una definizione
            calzante: viene spesso trattato alla stregua di
            altri beni non
            paragonabili.Non direi vista l'esistenza dei diritti di proprietà industriale e intellettuale.
            Sul piano economico e' una pura bolla speculativa
            quella di attribuire un valore ad un qualcosa che
            non vale
            niente.Non direi visto che le tue argomentazioni sopra riportate, a suffragio di questa tua ultima considerazione, sono risultate, permettimi, prive di valore .
            E scoppiera' come quella della crisi tuttora in
            corso.Auguriamoci di no! Basta con le crisi! Chi mi paga poi? :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: ThEnOra

            No, ma sono perplesso e sorpreso.

            Un formato praticamente sconosciuto
            all' utenza

            clicca clicca, per la quale esiste solo l'MP3

            degradato al

            massimo .

            Che giudizio negativo che hai nei confronti dei
            pirati... in pratica in poche parole li hai
            definiti pecoroni che non sanno cosa sia la
            qualità... ma non era questo ciò che volevo dire,
            giusto?No, no, era proprio questo.Non hai idea di quanti files ho buttato perche' facevano schifo.Fosse per me bisognerebbe solo condividere in wav o flac.

            Il file e' un file, a prescindere dal contenuto.

            Mica ho detto che il file è una mela... il punto
            è che ci sono file e file e la loro differenza
            sta proprio nel, TADA,
            contenuto!Il contenuto di un file e' questo: te ne ingradisco una parte al microscopio:...0010111010001110101010100111011001001111001000111010100101101010...e' sufficientemente ingrandito?

            Il costo di conservazione e' zero virgola zero

            Non direi visto che il mezzo su cui è conservato
            il file ha un costo.Costo del mezzo diviso per il numero di files che contiene fa proprio zero virgola zero zero zero zero...

            Il costo di replicazione e' zero virgola zero

            Non direi visto che il "replicatore" consuma energia.Si, ma io ho le celle solari per ricaricare il replicatore.

            Il costo di distribuzione e' zero virgola zero

            Non direi visto che le infrastrutture dedite alla
            distribuzione hanno un costo.Costo che ripartito per il numero di files fa esattamente zero virgola zero zero zero...

            Sul piano giuridico non c'e' una definizione

            calzante: viene spesso trattato alla stregua di

            altri beni non

            paragonabili.

            Non direi vista l'esistenza dei diritti di
            proprietà industriale e intellettuale.Io riconosco solo il diritto di autore.E nel caso in oggetto l'autore e' morto.

            Sul piano economico e' una pura bolla
            speculativa

            quella di attribuire un valore ad un qualcosa
            che

            non vale

            niente.

            Non direi visto che le tue argomentazioni sopra
            riportate, a suffragio di questa tua ultima
            considerazione, sono risultate, permettimi, prive
            di valore .Essendo riportate su file, sono effettivamente prive di valore.

            E scoppiera' come quella della crisi tuttora in

            corso.

            Auguriamoci di no! Basta con le crisi! Chi mi
            paga poi?
            :DSe suoni dal vivo, mi dici il locale che una volta vengo a sentirti e porto pure degli amici.
          • ThEnOra scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ThEnOra



            No, ma sono perplesso e sorpreso.


            Un formato praticamente sconosciuto

            all' utenza


            clicca clicca, per la quale esiste solo
            l'MP3


            degradato al


            massimo .



            Che giudizio negativo che hai nei confronti dei

            pirati... in pratica in poche parole li hai

            definiti pecoroni che non sanno cosa sia la

            qualità... ma non era questo ciò che volevo
            dire,

            giusto?

            No, no, era proprio questo.
            Non hai idea di quanti files ho buttato perche'
            facevano
            schifo.
            Fosse per me bisognerebbe solo condividere in wav
            o
            flac.Peccato che se fossi solo tu l'unico a richiedere questa esigenza allora non staremmo qui a parlare.La realtà è ben diversa, caro Panda.Ma a proposito, tu c'hai la Panda?


            Il file e' un file, a prescindere dal
            contenuto.



            Mica ho detto che il file è una mela... il punto

            è che ci sono file e file e la loro differenza

            sta proprio nel, TADA,

            contenuto!

            Il contenuto di un file e' questo: te ne
            ingradisco una parte al
            microscopio:

            ...00101110100011101010101001110110010011110010001
            e' sufficientemente ingrandito?A te non interessano i 0 e 1, ma ciò che la loro unione dà, che differisce da contenuto a contenuto, ossia da quanti 0 e 1 ci sono e da come sono disposti.


            Il costo di conservazione e' zero virgola zero



            Non direi visto che il mezzo su cui è conservato

            il file ha un costo.

            Costo del mezzo diviso per il numero di files che
            contiene fa proprio zero virgola zero zero zero
            zero...Devi contare che non esiste solo il costo del singolo mezzo, ma dei vari mezzi messi a disposizione per la conservazione (tot. master, tot. dischi, ecc...)In ogni caso, il valore è uguale a zero oppure si dice che ha valore.Cosa che tu hai appena confermato.


            Il costo di replicazione e' zero virgola zero



            Non direi visto che il "replicatore" consuma
            energia.

            Si, ma io ho le celle solari per ricaricare il
            replicatore.Ma le celle solari stesse hanno un costo.


            Il costo di distribuzione e' zero virgola zero



            Non direi visto che le infrastrutture dedite
            alla

            distribuzione hanno un costo.

            Costo che ripartito per il numero di files fa
            esattamente zero virgola zero zero
            zero...Hehehe, non consideri il costo di mantenimeno del sisitema distributivo.Cmq confermi che il valore non è pari a zero.


            Sul piano giuridico non c'e' una definizione


            calzante: viene spesso trattato alla stregua
            di


            altri beni non


            paragonabili.



            Non direi vista l'esistenza dei diritti di

            proprietà industriale e intellettuale.

            Io riconosco solo il diritto di autore.
            E nel caso in oggetto l'autore e' morto.Che sia solo tu a non riconoscerlo è indifferente, anzi, è pressoché ininfluente.Nel caso in questione tu ami, o potresti amare, Mozart solo per l'impagabile qualità interpretativa dell'interprete di Mozart e non il contrario.Ti assicuro che Mozart fatto da me e da Arturo Benedetti Michelangeli sono due interpretazioni imparagonabili.


            Sul piano economico e' una pura bolla

            speculativa


            quella di attribuire un valore ad un qualcosa

            che


            non vale


            niente.



            Non direi visto che le tue argomentazioni sopra

            riportate, a suffragio di questa tua ultima

            considerazione, sono risultate, permettimi,
            prive

            di valore .

            Essendo riportate su file, sono effettivamente
            prive di
            valore.Ribadisco: le tue considerazioni sono risultate, permettimi, prive di valore .Qui siamo nel zero assoluto. Nessuna virgola.


            E scoppiera' come quella della crisi tuttora
            in


            corso.



            Auguriamoci di no! Basta con le crisi! Chi mi

            paga poi?

            :D

            Se suoni dal vivo, mi dici il locale che una
            volta vengo a sentirti e porto pure degli
            amici.Magari suonassi ancora... se fosse il contrario dovresti fare la fila al botteghino de La Scala, ma siccome la persona difronte avrebbe preso l'ultimo biglietto disponibile, non potresti sentirmi.Dunque ripiegheresti sul CD dove io sono l'interprete di Mozart, e non Arturo Benedetti Michelangeli che esegue i miei stessi brani, visto che ci tieni a sentirmi e visto che per diversi mesi i miei concerti sono sold-out.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 ottobre 2010 23.20-----------------------------------------------------------
          • pippO scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?

            Se io voglio ascoltare il Flauto Magico, voglio
            ascoltare il Flauto
            Magico.
            Non ho, purtroppo, una cultura cosi' profonda che
            mi permetta di distinguere l'interpretazione di
            un direttore da quella di un
            altro.NON avevamo dubbi al riguardo ;)
            Mandami la tua che verifico.
            Se il conservatorio ti ha dato il diploma,
            significa che la tua interpretazione raggiunge il
            minimo
            sindacale.
            Potrebbe anche bastarmi.Ma se hai appena detto che NON sei in grado!!!
          • ThEnOra scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: panda rossa


            Il contenuto di un file e' questo: te ne


            ingradisco una parte al


            microscopio:


            ...00101110100011101010101001110110010011110010001


            e' sufficientemente ingrandito?



            A te non interessano i 0 e 1, ma ciò che la loro

            unione dà, che differisce da contenuto a

            contenuto, ossia da quanti 0 e 1 ci sono e da

            come sono

            disposti.

            Puo' darsi, ma e' un software specifico che
            interpreta quegli zeri e uni e attribuisco loro
            una forma
            particolare.
            Se tu provi ad aprire un file.mp3 con un editor
            di immagini, nella migliore delle ipotesi ti dice
            che non lo riconosce, nella peggiore ti
            visualizza uno
            schifo.Che vista c'è da sopra lo specchio?
            Qui si parla di flac: non e' un formato facile da
            aprire su windows, per esempio. E non credo di
            sbagliare di molto se dico che la maggior parte
            degli utenti non sa che cosa sia e come si apre.
            E quelli che magari ci riescono, la prima cosa
            che fanno magari e' di trasformarlo in MP3. :( Non mi pare che la realtà sia questa. Anche WMP ha i plug-in.http://en.wikipedia.org/wiki/Free_Lossless_Audio_CodecPoi il prodotto offerto da Sony è rivolto ad un specifico target di utenti, ossia appassionati di musica classica che esigono qualità.Guarda cosa ho trovato:http://flac.sourceforge.net/links.html

            Ma le celle solari stesse hanno un costo.

            Hanno un costo a prescindere. Non le ho prese per
            replicare solo quei files, le ho prese per altri
            usi e me le ritrovo
            gratis.Invece l'investimento è stato fatto solo ed esclusivamente in funzione dei files da archiviare/distribuire.
            O forse tu quando devi calcolare quanto ti costa
            andare da casa tua fino in piazza, metti in conto
            anche il prezzo delle
            scarpe?Altro esempio più calzante: il calcolo del costo chilometrico dell'auto prende in considerazione diversi fattori, tra cui costi che devi sostenere a prescindere dall'uso.

            Hehehe, non consideri il costo di mantenimeno
            del

            sisitema

            distributivo.

            Cmq confermi che il valore non è pari a zero.

            Il sistema distributivo e' gentilmente offerto da
            chi gestisce il
            P2P.Non si parla del sistema ma dell'infrastruttura.
            Nessuno di loro avanzera' mai una richiesta di
            rimborso spese, stai
            tranquillo.Per accedere all'infrastruttura è necessario sostenere un costo.


            Io riconosco solo il diritto di autore.


            E nel caso in oggetto l'autore e' morto.



            Che sia solo tu a non riconoscerlo è

            indifferente, anzi, è pressoché

            ininfluente.

            Nel caso in questione tu ami, o potresti amare,

            Mozart solo per l'impagabile qualità

            interpretativa dell'interprete di Mozart e non
            il

            contrario.

            Se io voglio ascoltare il Flauto Magico, voglio
            ascoltare il Flauto
            Magico.
            Non ho, purtroppo, una cultura cosi' profonda che
            mi permetta di distinguere l'interpretazione di
            un direttore da quella di un
            altro.Ad alti livelli forse no, ma tra il dilettante e il professionista si.
            Conosco chi e' in grado di farlo. Io non ho quel
            livello.
            A me interessa solo Mozart.
            L'interpretazione e' un fattore a cui non do'
            alcun
            peso.Già è vero. Ti accontenteresti di avere un cofanetto in pelle con vari gadgettini dentro anche se nel cd sono incise tracce della banda giovanile di Carate Brianza.

            Ti assicuro che Mozart fatto da me e da Arturo

            Benedetti Michelangeli sono

            due interpretazioni imparagonabili.

            Mandami la tua che verifico.
            Se il conservatorio ti ha dato il diploma,
            significa che la tua interpretazione raggiunge il
            minimo
            sindacale.
            Potrebbe anche bastarmi.Un contro è che ti basti, un conto è la netta differenza qualitativa delle due.


            Essendo riportate su file, sono effettivamente


            prive di


            valore.



            Ribadisco: le tue considerazioni sono risultate,

            permettimi, prive di

            valore .



            Qui siamo nel zero assoluto. Nessuna virgola.

            Non ho mai preteso di attribuire un valore al mio
            pensiero.Fine dei giochi. Le tue considerazione essendo prive di valore non possono essere considerate. Stop.
            I miei pensieri sono liberi e gratuiti.
            Puoi ignorarli o farli tuoi, per me fa lo stesso.Il mondo è bello perchè è vario.


            Se suoni dal vivo, mi dici il locale che una


            volta vengo a sentirti e porto pure degli


            amici.



            Magari suonassi ancora... se fosse il contrario

            dovresti fare la fila al botteghino de La Scala,

            ma siccome la persona difronte avrebbe preso

            l'ultimo biglietto disponibile, non potresti

            sentirmi.

            Ho fatto la fila per sentire Domingo, e sono
            riuscito ad
            entrare.
            Perche' non dovrei poterci riuscire anche con te?
            Sei piu' bravo e famoso di Domingo?Stiamo ipotizzando.

            Dunque ripiegheresti sul CD dove io sono

            l'interprete di Mozart, e non Arturo Benedetti

            Michelangeli che esegue i miei stessi brani,

            visto che ci tieni a sentirmi e visto che per

            diversi mesi i miei concerti sono

            sold-out.

            Oppure vado a cercare sul mulo Mozart performed
            by Thenora, ma mi escono solo dei
            XXXXX.Sono dei fake che ho immesso appositamente nel circuito P2P.
          • panda rossa scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?
            - Scritto da: ThEnOra

            Puo' darsi, ma e' un software specifico che

            interpreta quegli zeri e uni e attribuisco loro

            una forma

            particolare.

            Se tu provi ad aprire un file.mp3 con un editor

            di immagini, nella migliore delle ipotesi ti
            dice

            che non lo riconosce, nella peggiore ti

            visualizza uno

            schifo.

            Che vista c'è da sopra lo specchio?Io sto facendo un discorso tecnico.Vuoi una prova.Prendi un file.mp3 e rinominalo in file.bmp, senza modificare il contenuto.Non e' cambiato il contentuo, ma solo il nome.Poi sappimi dire che cosa e' in grado di fare l'utente medio di quel file.

            Qui si parla di flac: non e' un formato facile
            da

            aprire su windows, per esempio. E non credo di

            sbagliare di molto se dico che la maggior parte

            degli utenti non sa che cosa sia e come si apre.

            E quelli che magari ci riescono, la prima cosa

            che fanno magari e' di trasformarlo in MP3. :(

            Non mi pare che la realtà sia questa. Anche WMP
            ha i plug-in.Di default?
            Poi il prodotto offerto da Sony è rivolto ad un
            specifico target di utenti, ossia appassionati di
            musica classica che esigono qualità.Devo spiegarlo anche a te che il massimo della qualita' audio sta su supporti analogici?La digitalizzazione, anche con la miglior campionatura possibile, degrada il suono e trasforma una sinusoide in una approssimazione scalettata.
            Guarda cosa ho trovato:

            http://flac.sourceforge.net/links.htmlMi fa piacere. Ma i miei devices non supportano flac.La prossima volta mi informero' meglio, prometto.


            Ma le celle solari stesse hanno un costo.



            Hanno un costo a prescindere. Non le ho prese
            per

            replicare solo quei files, le ho prese per altri

            usi e me le ritrovo

            gratis.

            Invece l'investimento è stato fatto solo ed
            esclusivamente in funzione dei files da
            archiviare/distribuire.Quindi anche tu esci a cena col ceo della Sony, che ti racconta tutte queste cose.

            O forse tu quando devi calcolare quanto ti costa

            andare da casa tua fino in piazza, metti in
            conto

            anche il prezzo delle

            scarpe?

            Altro esempio più calzante: il calcolo del costo
            chilometrico dell'auto prende in considerazione
            diversi fattori, tra cui costi che devi sostenere
            a prescindere dall'uso.E' un caso particolare quello dell'auto.In nessun piano di ammortamento aziendale ho mai visto le spese di obsolescenza dell'hardware ripartite sui centri di costo dei dati che vengono gestiti.Potrei raccontare la cosa a qualche revisore dei conti, che potrebbe fare dei bilanci un po' piu' creativi...


            Hehehe, non consideri il costo di mantenimeno

            del


            sisitema


            distributivo.


            Cmq confermi che il valore non è pari a zero.



            Il sistema distributivo e' gentilmente offerto
            da

            chi gestisce il

            P2P.

            Non si parla del sistema ma dell'infrastruttura.Anche l'infrastruttura e' gentilmente offerta da chi gestisce il P2P, o credi che vi siano finanziatori occulti dietro?

            Nessuno di loro avanzera' mai una richiesta di

            rimborso spese, stai

            tranquillo.

            Per accedere all'infrastruttura è necessario
            sostenere un costo.Io sono gia' abbonato ad internet. Il P2P mi esce gratis.Diverso il caso di quelli che si abbonano apposta per il P2P, per i quali esce gratis magari altro...

            Se io voglio ascoltare il Flauto Magico, voglio

            ascoltare il Flauto

            Magico.

            Non ho, purtroppo, una cultura cosi' profonda
            che

            mi permetta di distinguere l'interpretazione di

            un direttore da quella di un

            altro.

            Ad alti livelli forse no, ma tra il dilettante e
            il professionista si.Se la differenza tra dilettante e professionista e' che il secondo vuole essere pagato, questa differenza che dici tu non c'e' mica, anzi...Posso portarti come esempio il software che scrivo quando mi pagano e quello che scrivo per il piacere di farlo.Posso garantirti che il secondo ha una qualita' superiore, e' meglio documentato, piu' testato, etc... non dovendo consegnare tutto entro ieri!

            Conosco chi e' in grado di farlo. Io non ho quel

            livello.

            A me interessa solo Mozart.

            L'interpretazione e' un fattore a cui non do'

            alcun

            peso.

            Già è vero. Ti accontenteresti di avere un
            cofanetto in pelle con vari gadgettini dentro
            anche se nel cd sono incise tracce della banda
            giovanile di Carate Brianza.No. Non hai capito.Tra un cd con musica di Mozart con custodia di plastica e *lo stesso cd* nel cofanetto rilegato in pelle, preferisco il secondo.La banda giovanile di Carate Brianza, neanche gratis la scarico.


            Ti assicuro che Mozart fatto da me e da Arturo


            Benedetti Michelangeli sono


            due interpretazioni imparagonabili.



            Mandami la tua che verifico.

            Se il conservatorio ti ha dato il diploma,

            significa che la tua interpretazione raggiunge
            il

            minimo

            sindacale.

            Potrebbe anche bastarmi.

            Un contro è che ti basti, un conto è la netta
            differenza qualitativa delle due.Non ho detto che non ci sia, ho detto che io non la so apprezzare.E siccome devo ascoltarla io...

            Non ho mai preteso di attribuire un valore al
            mio

            pensiero.

            Fine dei giochi. Le tue considerazione essendo
            prive di valore non possono essere considerate.
            Stop.Allora correggo: non ho mai preteso di attribuire un valore misurabile in denaro al mio pensiero.Va meglio cosi'?

            Ho fatto la fila per sentire Domingo, e sono

            riuscito ad

            entrare.

            Perche' non dovrei poterci riuscire anche con
            te?

            Sei piu' bravo e famoso di Domingo?

            Stiamo ipotizzando.E allora proponi ipotesi plausibili.Sono capace anche io di suonare alla Scala, solo che neanche mi aprono se suono.

            Oppure vado a cercare sul mulo Mozart performed

            by Thenora, ma mi escono solo dei

            XXXXX.

            Sono dei fake che ho immesso appositamente nel
            circuito P2P.Ah, ecco. E tu sei quello bianco che sta sotto o quello nero che sta sopra?
          • pippO scrive:
            Re: Vendere Mozart e Beethoven?

            Devo spiegarlo anche a te che il massimo della
            qualita' audio sta su supporti
            analogici?E dopo questa sparata da audiofilo del menga passiamo e chiudiamo...
Chiudi i commenti