K-Meleon 1.0, il parente geek di Firefox

Cresciuto all'ombra del panda, il browser K-Meleon raggiunge l'età adulta. La nuova release include molte funzionalità e fornisce ai più esperti tutto il necessario per personalizzare il browser nei dettagli
Cresciuto all'ombra del panda, il browser K-Meleon raggiunge l'età adulta. La nuova release include molte funzionalità e fornisce ai più esperti tutto il necessario per personalizzare il browser nei dettagli

È passato quasi del tutto inosservato il lancio, avvenuto pochi giorni fa, della versione 1.0 di K-Meleon , un browser open source per Windows che utilizza lo stesso motore di rendering di Firefox.

Nato prima del suo ben più celebre cugino, e cresciuto lontano dai riflettori, K-Meleon ha raggiunto la maturità grazie all’impegno di un piccolo team di sviluppatori volontari. Gli obiettivi che animano questo gruppo sono simili a quelli che, almeno in origine, hanno guidato lo sviluppo di altri discendenti di Mozilla, incluso Firefox: creare un browser leggero, veloce e personalizzabile.

A differenza di Firefox, K-Meleon sembra però rivolgersi ad un pubblico più selezionato , composto da utenti che non badano troppo alle finezze estetiche e, soprattutto, non si lasciano intimorire dalle tonnellate di impostazioni accessibili qui e là. Per fare un esempio, dal menù edit è persino possibile modificare manualmente i file di configurazione del browser, in tutto una decina.

Tra le singolarità di K-Meleon c’è il menù Groups , da cui è possibile gestire i tab (qui chiamati “layer”): li si può accorpare, aggiungere, togliere, salvare, richiamare, ecc.

K-Meleon 1.0 Dal punto di vista delle funzionalità , K-Meleon non si fa mancare nulla: c’è il box di ricerca, i controlli per la privacy, il supporto a proxy e mouse gesture, tab con funzione undo e impostazioni individuali, tre tipi di cronologia (in stile IE, Opera e/o Netscape), supporto a plug-in, temi e skin, filtro per pop-up e pubblicità, nonché un motore di macro che consente ai più volenterosi di personalizzare e automatizzare quasi ogni aspetto del programma. Altre funzionalità possono essere aggiunte per mezzo di plug-in sviluppati da terze parti.

Va poi detto che K-Meleon, pur essendo disponibile anche sotto forma di intaller per Windows, non necessita di installazione : per farlo funzionare basta scaricare il file compresso (in formato 7z) e decomprimerne i file in una qualsiasi cartella (con l’accortezza, però, di possedere le DLL di MS Visual Studio 7.1).

K-Meleon, rilasciato sotto licenza GPL, può essere scaricato da qui in lingua inglese e localizzato per mezzo dei file di testo disponibili in questa pagina . Nel momento in cui si scrive la traduzione italiana è ancora ferma alla versione 0.9.13.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

18 07 2006
Link copiato negli appunti