Kim Dotcom tradito dalla velocità

Kim Dotcom tradito dalla velocità

Il fondatore di Megaupload potrebbe dover lasciare la Nuova Zelanda, ancora prima della decisione della giustizia locale a proposito della sua estradizione verso gli States. Galeotta fu la guida pericolosa
Il fondatore di Megaupload potrebbe dover lasciare la Nuova Zelanda, ancora prima della decisione della giustizia locale a proposito della sua estradizione verso gli States. Galeotta fu la guida pericolosa

Erano gli anni d’oro di Megaupload quando Kim Dotcom era stato visto sfrecciare a 149 chilometri orari a bordo della sua Mercedes AMG, in un tratto di strada dove vige il limite di 50 chilometri orari. Era stato inseguito dalla polizia fino alla propria villa neozelandese: Dotcom aveva ammesso l’errore e aveva pagato la multa. Lo sgarro commesso nel 2009 potrebbe ora costargli l’espulsione dalla Nuova Zelanda, e ripercuotersi sul procedimento con il quale sta tentando di sfuggire all’estradizione verso gli Stati Uniti, dove è atteso per essere giudicato per la presunta violazione delle leggi sul copyright.

Il motivo per cui l’eccesso di velocità potrebbe costargli caro è la mancata dichiarazione delle proprie colpe nei documenti per ottenere la cittadinanza neozelandese, documenti che aveva depositato presso l’ufficio immigrazione nel 2010, 8 mesi dopo la multa.
Kim Dotcom si è dichiarato vittima di un’incomprensione con i legali che lo hanno assistito nella compilazione della richiesta, e il Ministero dell’Immigrazione neozelandese valuterà la sua pratica nel corso di questo mese: potrebbe decidere per l’espulsione del fondatore di Megaupload.

Dotcom potrebbe essere riconsegnato alla Finlandia o alla Germania, dove detiene la cittadinanza. Non è chiaro come l’eventuale espulsione possa influire sul confronto in tribunale in corso per decidere della sua estradizione verso gli States, ripetutamente rimandato e ora fissato per il mese di giugno.

Nel frattempo le autorità degli Stati Uniti si sono legalmente aggiudicate tutti i beni sequestrati a Dotcom, tecnicamente ritenuto un fuggitivo. In fuga per reati per cui deve ancora essere giudicato.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 20 apr 2015
Link copiato negli appunti