Kobo Aura, l'e-reader HD

L'azienda nippo-canadese prova ad alzare l'asticella. Realizzando un device in edizione limitata destinato a fare felici i bibliofili digitali

Roma – Un po’ più grande, quasi 7 pollici, con uno schermo ad alta risoluzione e più spazio per archiviare i libri. Il nuovo Aura HD è “la porsche degli e-reader” secondo Kobo , azienda canadese con proprietari giapponesi che le prova tutte per restare in cima alle preferenze della clientela: l’ ultimo nato è un prodotto a tiratura limitata costruito per piacere agli appassionati della lettura su schermi a inchiostro elettronico, con un prezzo invitante e prestazioni da fascia alta.

Il Kobo Aura HD sarà in vendita a maggio (anche in Italia, tramite il consueto sodalizion con Mondadori) e rispetto al precedente modello di punta, il Glo ( qui la recensione di Punto Informatico ), aggiunge qualche centimetro alla diagonale dello schermo, parecchi pixel alla risoluzione complessiva, raddoppia lo spazio di storage e l’autonomia. L’Aura è più pesante (240g) e più spesso del suo predecessore (11,7mm), che in ogni caso resta in vendita, ma grazie a una risoluzione dello schermo di 1440×1080 (con un diagonale da 6,8 pollici fa 265ppi, tecnologia Pearl come Kindle Paperwhite e Glo) dovrebbe consentire di visualizzare degnamente quasi qualsiasi tipo di contenuto (uno su tutti: fumetti), pur rimandendo in “bianco e nero” (toni di grigio). Disponibile in tre colori: Espresso (marrone), Ivory (bianco) e Onyx (nero).

Il resto delle specifiche dell’Aura HD comprende un processore Freescale i.MX507 da 1GHz, 4GB di memoria interna più uno slot Micro SD per ampliare fino a 32GB la dotazione standard, e un’autonomia dichiarata di 2 mesi (ma con il “trucco” di sessioni di lettura di 30 minuti al giorno: in precedenza le stime erano basate su 1 ora di lettura quotidiana). Naturalmente lo schermo è di tipo illuminato, come il Glo e il Paperwhite. I formati supportati sono parecchi: EPUB, PDF, MOBI per i libri (Kobo gestisce anche Adobe DRM); JPEG, GIF, PNG, TIFF per le immagini; TXT, HTML, XHTML, RTF per i file di testo; e infine CBZ e CBR per i fumetti. Il pezzo forte di Kobo , da sempre, sono le font e i dizionari integrati, e questo modello non fa eccezione.

<!– Get Adobe Flash player <!–

Sulla carta l’Aura HD è destinato a fare felici gli appassionati: tanta potenza di elaborazione, schermo al momento impareggiabile, illuminaione, ampia scelta tra i formati compatibili, vasto catalogo a disposizione. Il prezzo annunciato, 169 dollari (che probabilmente si tradurrà in 169 euro), è tutto sommato compatibile col resto dell’offerta in circolazione. Evidentemente l'[obiettivo di Kobo[http://arstechnica.com/gadgets/2013/04/kobo-crams-1-5-million-pixels-into-its-6-8-aura-hd-e-reader/” target=”_blank”>if !IE]>–> <!–<! è creare attenzione attorno al proprio marchio e consolidare uno zoccolo duro di appassionati, in vista dell'[allargamento del proprio marketplace[http://paidcontent.org/2013/04/02/kobo-finally-starts-selling-e-readers-directly-through-its-website/” target=”_blank”>if !IE]>–>
<!–<! a nuove forme di prodotti editoriali : ovvero riviste ed ebook interattivi.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • FDG scrive:
    Hanno sbagliato
    Visto come siamo messi, potrebbero pure iniziare a distribuirlo nel nostro paese ;)
    • thebecker scrive:
      Re: Hanno sbagliato
      - Scritto da: FDG
      Visto come siamo messi, potrebbero pure iniziare
      a distribuirlo nel nostro paese
      ;)Ci avevo pensato pure io ;)Ma ricordiamoci che comuqnue l'italiano medio anche se è diventato più povero, corre subito a comprare l'ultimo modello di smartphone indebitandosi con le varie offerte in abbonamento.Forse Mozilla lo sa e per il mercato italiano sta preparando qualcosa di tendenza assime a qualche compagnia telefonica italiana :D
      • rockroll scrive:
        Re: Hanno sbagliato
        - Scritto da: thebecker
        - Scritto da: FDG

        Visto come siamo messi, potrebbero pure iniziare

        a distribuirlo nel nostro paese

        ;)

        Ci avevo pensato pure io ;)
        Ma ricordiamoci che comuque l'italiano medio,
        anche se è diventato più povero, corre subito a
        comprare l'ultimo modello di smartphone
        indebitandosi con le varie offerte in
        abbonamento.

        Forse Mozilla lo sa e per il mercato italiano sta
        preparando qualcosa di tendenza assieme a qualche
        compagnia telefonica italiana
        :DE noi paghiamo, e noi paghiamo (Totò, ndr).Sembra che l'Italiota medio non aspetti altro!
      • Killer scrive:
        Re: Hanno sbagliato
        Infatti. Ruppolo e Maxsix hanno così tanti debiti con Findomestic, che quest'ultima ha emesso dei derivati finanziari sulle loro chiappe, per garantirsi.Pezzi di cu|o, all8%...
Chiudi i commenti