Kurzweil: il cyborg è vicinissimo

Non ci vorranno più di 15 anni prima che le intelligenze umana ed informatica trovino forme di convivenza, che porteranno a nuovi traguardi, ad esempio una vita molto più lunga, magari eterna. Le previsioni del più celebrato futurologo

Roma – Un futuro descritto fin qui solo dalla fantascienza secondo Raymond Kurzweil è ormai alle porte: in non più di 15 anni l’uomo avrà unito la propria intelligenza a quella dei computer e avrà trovato nuove soluzioni a problemi antichi , in un processo dagli esiti sorprendenti, ad esempio un tempo di vita molto più lungo.

Scienziato, inventore, saggista e futurologo di fama, Kurzweil (nella foto) è tornato su questioni che gli stanno a cuore in occasione di una conferenza sul supercomputing, sostenendo ancora una volta che il segreto di una vita eterna è la nanotecnologia .

Sarà questa, attraverso nanosonde che vivranno anche all’interno dell’organismo umano, a consentire a uomini e intelligenza artificiale di dialogare in un domani in cui le capacità delle macchine avranno superato di gran lunga quelle umane , in un tempo che Kurzweil prevede non superi i prossimi 25 anni. Queste nanosonde avranno molti compiti, tra cui quello di monitorare in tempo reale lo stato di ogni tessuto del corpo ospite, potendo intervenire per ripararlo, sostituirlo, prolungando ad libitum le capacità di sopravvivenza.

E ci sono patologie comuni, come il raffreddore, che pur potendo venire curate dalle future nanotecnologie, saranno risolte ancor prima grazie alle biotecnologie , scienze che saranno essenziali anche per consentire, con l’ausilio dei supercomputer di domani, di approfondire in modo del tutto inedito i meccanismi più intimi del funzionamento della “macchina biologica”, in primo luogo l’uomo.

Lo scienziato premiato dall'ex presidente americano Clinton Non sono tesi nuove per Kurzweil , che le ha approfondite anche in un controverso saggio ( The Singularity is near ), ma la novità è nei tempi in cui tutto questo accadrà: a suo dire, chi vivrà altri 15 o 30 anni potrà aspirare ad una vita eterna.

Come? Ancora una volta la risposta è nell’intelligenza artificiale. “Una capacità di calcolo da 1000 dollari nel 2020 sarà 1000 volte più potente del cervello umano. Tra 15 anni il mondo sarà molto diverso. Avremo curato il cancro e l’infarto, o almeno avremo capito come gestire condizioni critiche in modo che non siano più una minaccia alla vita. Arriveremo ad un punto in cui potremo fermare il processo di invecchiamento e allontanare la morte”. Il futuro comprenderà una continua accelerazione: le capacità di calcolo nel 2045 supereranno di miliardi di volte le capacità dell’intera intelligenza umana.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    voci dall'europa piu evoluta
    Esiste un'europa che va avanti sulla stradadell'informatizzazione libera.Sul sito di openoffice si cita l'entrata diLinux come Desktop all'Assemlea Nazionalefrancese, uno dei parlamenti che ha prodottole leggi liberali più importanti della storia.Negli uffici dei 1154 deputati, infatti, fabella mostra di se un desktop Linux, chea detta dei portavoce soddisfa ogni necessitàdei suddetti.Si ricorda che a settembre la francia ha deciso di migrare a openoffice anziche a office2007 400.000 postazioni dello stato centrale. Lo stesso è stato poi annunciato dal Ministero dell'Agricoltura e della Pesca. Precedentemente questa scelta era stata fatta dal Ministero della Cultura e dalla Gendarmeria Nazionale. La maggior parte dei server della PA francese sono su linux. Gli studi fatti prima di prendere queste decisioni, per esempio quello della PA danese molto serio e circostanziato, dimostrano che il risparmio sulle licenze, per uno stato come francia o italia, è di centinaia di milioni di euro, parte resi disponibili e parte usati per quel minimo di formazione necessaria al personale per usare openoffice anziche office2007, tenendo anche presente che pure il passaggio a office2007 avrebbe comunque richiesto formazione, per l'interfaccia molto diversa, per non parlare di vista. Infine, la formazione su openoffice è una tantum e permetterà di rendersi indipendenti per sempre da spese superflue.Vorrei vedere Mastella e soci piegati su un desktop Linux, o almeno i loro uffici, come i corrispettivi francesi, e che venissero a dire che i soldi risparmiati verranno usati per spazzare il marciume di alcune città del sud:sarebbe davvero bello e molto piu utile che buttare soldi in roba inutile per cui esistono ottime alternative a basso costo
    • Anonimo scrive:
      Re: voci dall'europa piu evoluta
      - Scritto da:
      Esiste un'europa che va avanti sulla strada
      dell'informatizzazione libera.
      Sul sito di openoffice si cita l'entrata di
      Linux come Desktop all'Assemlea Nazionale
      francese, uno dei parlamenti che ha prodotto
      le leggi liberali più importanti della storia.

      Negli uffici dei 1154 deputati, infatti, fa
      bella mostra di se un desktop Linux, che
      a detta dei portavoce soddisfa ogni necessità
      dei suddetti.

      Si ricorda che a settembre la francia ha deciso
      di migrare a openoffice anziche a office2007
      400.000 postazioni dello stato centrale. Lo
      stesso è stato poi annunciato dal Ministero
      dell'Agricoltura e della Pesca. Precedentemente
      questa scelta era stata fatta dal Ministero della
      Cultura e dalla Gendarmeria Nazionale. La maggior
      parte dei server della PA francese sono su linux.
      Gli studi fatti prima di prendere queste
      decisioni, per esempio quello della PA danese
      molto serio e circostanziato, dimostrano che il
      risparmio sulle licenze, per uno stato come
      francia o italia, è di centinaia di milioni di
      euro, parte resi disponibili e parte usati per
      quel minimo di formazione necessaria al personale
      per usare openoffice anziche office2007, tenendo
      anche presente che pure il passaggio a office2007
      avrebbe comunque richiesto formazione, per
      l'interfaccia molto diversa, per non parlare di
      vista. Infine, la formazione su openoffice è una
      tantum e permetterà di rendersi indipendenti per
      sempre da spese
      superflue.

      Vorrei vedere Mastella e soci piegati su un
      desktop Linux, o almeno i loro uffici, come i
      corrispettivi francesi, e che venissero a dire
      che i soldi risparmiati verranno usati per
      spazzare il marciume di alcune città del
      sud:
      sarebbe davvero bello e molto piu utile che
      buttare soldi in roba inutile per cui esistono
      ottime alternative a basso
      costohttp://files.webhost.ru/stuff/edf_ad.html"Se non preservi la natura spegnendo il tuo computer, chi lo farà?"
  • Anonimo scrive:
    OT-(forse): impattato
    E' vero, usiamo molti neologismi, alcuni dei quali sono entrati prepotentemente nella lingua di Dante , Petrarca e Boccaccio ma , per favore, evitiamo di usare espressioni del titpo: "....in modo diverso, talvolta indiretto, hanno impattato sullo sviluppo....". E' così difficile scrivere: "...hanno avuto un forte impatto sullo..." ? Sono stanco di sentire pseudo fighetti che si esprimono con frasi del tipo : "... la tale tecnologia xyz impatta drammaticamente con....", rendendo in italiano una espressione che, già in slang americano, probabilmente potrebbe essere resa meglio! Parlare e scrivere in un italiano corretto non deve diventare "fuori moda" o, ancor peggio, da "sfigati" non allineati con le tendenze del malcostume attuale. Credetemi, non è una battaglia moralista (odio il moralismo e tutti gli estremismi); la lingua italiana ha una tale varietà e ricchezza che merita di essere utilizzata e difesa. Ad oltranza.
    • Anonimo scrive:
      Re: OT-(forse): impattato
      Premesso che anche io la penso come te e che anche a me la frase citata non piace, non capisco dove sia l'errore...purtroppo il verbo "impattare" esiste, purtroppo e' stato a viva forza inserito nel vocabolario il verbo "interPETRare" (brrrr... orrore...), e purtroppo c'e' chi, cercando di usare un linguaggio aulico, continua ad usare il verbo "comminare" al posto di "infliggere".Purtroppo se rimanessimo bloccati nella lingua parleremmo ancora latino (e forse sarebbe anche meglio), e non sentiremmo le orribili espressioni "Junior" (pronunciata giunior) o "sponsors" (anziche' sponsores) dette da gente che vuol far bella mostra della propria cultura.RASSEGNATI e, come me, SOFFRI IN SILENZIO.
    • Anonimo scrive:
      Re: OT-(forse): impattato
      http://www.demauroparavia.it/53154
      • Gatto Selvaggio scrive:
        Re: OT-(forse): impattato
        De Mauro è noto per l'atteggiamento tollerante, per non dire lassista, verso i neologismi.Impattare è un derivato di impatto ricalcato sull'inglese to impact. Da un punto di vista logico potrebbe essere lecito, ma è proprio brutto.Il fatto è che il contatto con altre lingue mostra regolarmente che la propria manca di espressioni, per le quali ricorre a perifrasi. Il parlante avverte la semplicità dell'espressione importata e la usa.Occhei impattiamo, ke è + performante!
  • scribble scrive:
    Ma semplificare mai?
    Ma non sarebbe meglio fare una normativa più semplice e che magari facesse riferimento a documenti tecnici redatti da gente che sa il fatto suo, piuttosto che un malloppone simile e poi renderlo pubblico?Imparare dagli altri in Italia, mai, è?
    • Gatto Selvaggio scrive:
      [OT] Re: Ma semplificare mai?

      è?In un post precedente ne ho difeso la liceità da un punto di vista logico, ma non ho detto che si debba scrivere così!In altri termini: personalmente trovo corretto scrivere è , ma convenzionalmente in italiano si è deciso di scrivere eh (presumibilmente perché chi ha stabilito la convenzione ha interpretato la parola come una semplice interiezione, senza intuire che potesse trattarsi di una forma del verbo essere).Non voglio essere considerato un propagatore virale di forme su cui l'Accademia della Crusca potrebbe obiettare.
      • scribble scrive:
        Re: [OT] Re: Ma semplificare mai?
        - Scritto da: Gatto Selvaggio

        è?

        In un post precedente ne ho difeso la liceità da
        un punto di vista logico, ma non ho detto che si
        debba scrivere
        così!

        In altri termini: personalmente trovo corretto
        scrivere è , ma convenzionalmente in
        italiano si è deciso di scrivere eh
        (presumibilmente perché chi ha stabilito la
        convenzione ha interpretato la parola come una
        semplice interiezione, senza intuire che potesse
        trattarsi di una forma del verbo
        essere).

        Non voglio essere considerato un propagatore
        virale di forme su cui l'Accademia della Crusca
        potrebbe
        obiettare.
        Non avevo letto l'OT e mi chiedevo "c...o sta dicendo questo?" :$Ehm... potrei abbandonarmi ad insulti nei tuoi confronti per avermi fatto intraprendere una strada errata o comunque non convenzionale, ma invece ammetto pubblicamente e spudoratamente che trattasi di errore mio di sbaglio.A mia parziale discolpa porto il fatto che non parlo italiano da mesi 2, quindi un po' mi sto incasinando.Chiedo venia.
        • Wakko Warner scrive:
          Re: [OT] Re: Ma semplificare mai?
          - Scritto da: scribble
          Chiedo venia.L'abbiamo finita... mi spiace 8)
          • scribble scrive:
            Re: [OT] Re: Ma semplificare mai?
            - Scritto da: Wakko Warner
            - Scritto da: scribble

            Chiedo venia.

            L'abbiamo finita... mi spiace 8)
            Mozzarella di bufala ne avete ancora? che qui i pomodori son buoni, mi faccio una caprese... :D
        • Gatto Selvaggio scrive:
          Re: [OT] Re: Ma semplificare mai?
          Da parte mia mi sono sentito in colpa per averti inavvertitamente portato su
          una
          strada errata o comunque non convenzionalee ho cercato di rimediare.
  • Anonimo scrive:
    Niente in formato doc !!!
    Incredibile ! Il formato doc sta scomparendo dal sito di CNIPA !! Solo PDF e al massimo rtf. Era ora !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Niente in formato doc !!!
      - Scritto da:
      Incredibile ! Il formato doc sta scomparendo dal
      sito di CNIPA !! Solo PDF e al massimo rtf. Era
      ora
      !!!E' un passo avanti, bisogna pero' vedere se i pdf sono generati o semplici inclusori di scansioni (e quindi un'immagine per ogni pagina), il che comporterebbe due problemi: primo la pesantezza dei file e secondo la non fruibilita' da parte di utenti non vedenti (o ipovedenti).Speriamo che l'idea venga recepita anche a livello di scambio di documenti tra amministrazioni: pdf per quelli che non prevedono modifiche e opendoc per gli altri.Hm... Scusate, ma oltre al pdf, c'e' mica un formato analogo ma open (che possa essere altrettanto usabile a livello utontico)?k1
      • Anonimo scrive:
        Re: Niente in formato doc !!!
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Incredibile ! Il formato doc sta scomparendo dal

        sito di CNIPA !! Solo PDF e al massimo rtf. Era

        ora

        !!!

        E' un passo avanti, bisogna pero' vedere se i pdf
        sono generati o semplici inclusori di scansioni
        (e quindi un'immagine per ogni pagina), il che
        comporterebbe due problemi: primo la pesantezza
        dei file e secondo la non fruibilita' da parte di
        utenti non vedenti (o
        ipovedenti).

        Speriamo che l'idea venga recepita anche a
        livello di scambio di documenti tra
        amministrazioni: pdf per quelli che non prevedono
        modifiche e opendoc per gli
        altri.

        Hm... Scusate, ma oltre al pdf, c'e' mica un
        formato analogo ma open (che possa essere
        altrettanto usabile a livello
        utontico)?

        k1Per ora no, che io sappia
      • Anonimo scrive:
        Re: Niente in formato doc !!!
        - Scritto da:
        Hm... Scusate, ma oltre al pdf, c'e' mica un
        formato analogo ma open (che possa essere
        altrettanto usabile a livello
        utontico)?ODF (Open Document Format) che a breve sarà ufficialmente sia standard ISO che UNI (== italiano).Esistono dei visualizzatori per file ODF ... qui ce n'è qualcuno:http://linguistico.sf.net/wiki/doku.php?id=openoffice.org#visualizzatoriEcco le notizie:1) adozione di ODF come standard UNI:- http://www.uninfo.polito.it/SC34/SC34_Norme.htm#263002) ripresa dal blog di OpenMalaysia:- http://www.openmalaysiablog.com/2006/11/go_italy_adopt_.html
        • Anonimo scrive:
          Re: Niente in formato doc !!!
          - Scritto da:
          - Scritto da:


          Hm... Scusate, ma oltre al pdf, c'e' mica un

          formato analogo ma open (che possa essere

          altrettanto usabile a livello

          utontico)?

          ODF (Open Document Format) che a breve sarà
          ufficialmente sia standard ISO che UNI (==
          italiano).
          Esistono dei visualizzatori per file ODF ... qui
          ce n'è
          qualcuno:
          http://linguistico.sf.net/wiki/doku.php?id=openoff

          Ecco le notizie:
          1) adozione di ODF come standard UNI:
          -
          http://www.uninfo.polito.it/SC34/SC34_Norme.htm#26

          2) ripresa dal blog di OpenMalaysia:
          -
          http://www.openmalaysiablog.com/2006/11/go_italy_aguarda che è standard iso dal primo maggio
    • Anonimo scrive:
      Re: Niente in formato doc !!!
      - Scritto da:
      Incredibile ! Il formato doc sta scomparendo dal
      sito di CNIPA !! Solo PDF e al massimo rtf. Era
      ora
      !!!non è che io ami tantissimo i pdf... un'altra opzione sarebbe quella di poter avere tutto in un formato XML o in un database scaricabileper non appesantire i loro server con le consultazioni e per fare un server di consultazione su DB in locale :)
  • Anonimo scrive:
    OPEN-SOURCE GRANDE PENETRAZIONE
    Leggendo lo stato dell'informatizzazionedi CNIPA x il 2005 sul sito in questionehttp://www.cnipa.gov.it/site/_files/Rel%20Ann%2005%20Vol%20II.pdfsi evidenzia una forte penetrazionestrutturale dell'open-sourceSperiamo che continui a crescere.
    • Anonimo scrive:
      Re: OPEN-SOURCE GRANDE PENETRAZIONE
      strano che nessuno ancora abbia fatto battute
      • Anonimo scrive:
        Re: OPEN-SOURCE GRANDE PENETRAZIONE
        - Scritto da:
        strano che nessuno ancora abbia fatto battuteSai, fare battute sulla parola PENETRAZIONE è ormai così scontato...
  • Anonimo scrive:
    LINUX GRANDE ESCLUSO
    non viene affato menzionato nel documento (anonimo)
    • Anonimo scrive:
      Re: LINUX GRANDE ESCLUSO
      non direttamente. Si parla di open source in sistemi operativi su server.Che vuol dire Linux.Si parla di open source per l'office automation. Che vuol dire openoffice.basta?
      • Anonimo scrive:
        Re: LINUX GRANDE ESCLUSO
        - Scritto da:
        non direttamente. Si parla di open source in
        sistemi operativi su
        server.
        Che vuol dire Linux.veramente ce ne sono molti altri oltre a GNU/Linux. Il non specificare permette di includerli tutti senza dover menzionarli ad uno ad uno: GNU/Linux, GNU/*BSD, GNU/Solaris, GNU/Hurd, ...
        Si parla di open source per l'office automation.
        Che vuol dire openoffice.anche qui ce ne sono anche altri e vale lo stesso criterio: OpenOffice.org, Koffice, Gnome Office, ...
    • Anonimo scrive:
      Re: LINUX GRANDE ESCLUSO
      - Scritto da:
      non viene affato menzionato nel documento
      (anonimo)ma che discorsi del menga, se menzionano linux, devono menzionare tutti gli altri SOsbaglio o linux (marchio registrato) è in mano a 3 o 4 grosse multinazionali?
      • Anonimo scrive:
        Re: LINUX GRANDE ESCLUSO
        - Scritto da:
        - Scritto da:

        non viene affato menzionato nel documento

        (anonimo)
        ma che discorsi del menga, se menzionano linux,
        devono menzionare tutti gli altri SO
        sbaglio o linux (marchio registrato) è in mano a
        3 o 4 grosse multinazionali?Sbagli...
        • Anonimo scrive:
          Re: LINUX GRANDE ESCLUSO


          sbaglio o linux (marchio registrato) è in mano a

          3 o 4 grosse multinazionali?

          Sbagli...... e non di poco.
      • Anonimo scrive:
        Re: LINUX GRANDE ESCLUSO
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        non viene affato menzionato nel documento

        (anonimo)

        ma che discorsi del menga, se menzionano linux,
        devono menzionare tutti gli altri
        SO

        sbaglio o linux (marchio registrato) è in mano a
        3 o 4 grosse
        multinazionali?sbagli, forse ti riferisci alla nota schifezza a finestre di proprietà dellamultinazionale pluricondannata per abusi diposizione e concorrenza sleale
  • Anonimo scrive:
    speriamo sia possibile leggere il TU
    speriamo ci siano opzioni per leggere il testo unico ("versione ultima valida") oppure dire "in questa data, qual'era il testo valido?":)
Chiudi i commenti