La batteria ecologica che va ad aria

In Israele un gruppo di scienziati ha brevettato un accumulatore che utilizza i due elementi più abbondanti sul pianeta: il silicio e l'ossigeno

Roma – Un team di scienziati del Technion Institute of Technology di Haifa, in Israele, ha messo a punto un tipo di batteria che, rispetto a quelle tradizionali, promette di incidere drasticamente meno sull’ambiente, funzionare continuativamente per “migliaia di ore” e mantenere inalterata la propria carica per periodi di tempo molto lunghi.

Prof. Yair Ein-Eli della Facoltà di Ingegneria dei Materiali del Technion Basata su ossigeno e silicio, i due elementi più abbondanti sul nostro pianeta, la batteria sviluppata dagli scienziati israeliani è leggerissima, molto tollerante alle condizioni di umidità dell’aria, ed economica da produrre: tali vantaggi derivano principalmente dal fatto che nelle batterie silicon-air l’anodo è fatto di silicio e il catodo di… aria, o per meglio dire di ossigeno.

“Nelle batterie metallo-aria si ha un significativo risparmio in termini di peso e costi a causa del fatto che non incorporano un catodo” ha spiegato il professor Yair Ein-Eli della Facoltà di Ingegneria dei Materiali del Technion, che da anni compie ricerche sulle batterie metallo-aria. “In questo tipo di batterie (incluso quello silicio-aria, NdR), il catodo è l’ossigeno che proviene dall’atmosfera passando attraverso una membrana”.

Ein-Eli ha aggiunto che si sta già lavorando da tempo per adattare queste batterie alle auto elettriche e ai dispositivi elettronici di consumo, e che di recente Toyota e Panasonic hanno unito le forze per sviluppare batterie zinco-aria.

Technion ricorda poi come MIT, IBM e Tesla Motors stiano invece mettendo a punto batterie litio-aria che promettono capacità fino a dieci volte superiori a quelle degli accumulatori li-ion tradizionali.

Il principio di funzionamento di tutte le batterie che utilizzano l’ossigeno come catodo è sostanzialmente lo stesso. L’uso del silicio al posto di un metallo, secondo Ein-Eli, fornisce però numerosi vantaggi: “Il silicio è un materiale più comune e stabile, non pericoloso, leggero e con una più elevata capacità di carica”.

Per il momento le batterie silicio-aria sono state concepite come pile non ricaricabili da utilizzare in dispositivi elettronici mission-critical, come ad esempio le pompe insuliniche per i diabetici, e in altri device dove è difficile se non impossibile cambiare la batteria.

I ricercatori israeliani contano di sviluppare versioni ricaricabili di queste batterie entro tre anni, e di produrne modelli commerciali per le automobili entro dieci.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • YJmTdNwvPji vd scrive:
    cLlhdzjhGxNJOnjRRV
    http://www.joshstricklandonline.com/auto.html auto insurance 20390 http://www.joshstricklandonline.com/health-insurance.html health insurance :P
  • ephestione scrive:
    Sì ma come funziona?
    Ho letto sulla pagina di WP inglese, sulla pagina ufficiale MS (oltre a questo articolo ovviamente), ma non s'è trovata in sostanza spiegazione di COME sta pennetta funziona.1) Contiene un autorun.inf come quello che viene creato da tutti i virus che finiscono sulla pennetta di mia sorella non appena li mette su un pc dell'università, e quindi è inefficace su un pc con l'autoplay disattivato?2) Contiene un sistema avviabile che dopo l'hard reboot del sistema raccoglie automaticamente le informazioni necessarie, e quindi è completamente inefficace se il sistema è crittato ad esempio con TC?3) Contiene un applicativo che va eseguito manualmente e lancia nell'ordine opportuno tutti questi sensazionali comandi che quindi iniziano a ravanare nel sistema, e quindi non serve a niente se il pc è bloccato sulla schermata di login?4) Varie ed eventuali che non mi vengono in mente, che lo rendono comunque inutile per altri eventuali e vari motivi?Nell'articolo si cita un installer... ma perché st'applicativo va pure installato sul sistema da verificare? Mah.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 novembre 2009 22.25-----------------------------------------------------------
    • pippuz scrive:
      Re: Sì ma come funziona?
      - Scritto da: ephestione
      Ho letto sulla pagina di WP inglese, sulla pagina
      ufficiale MS (oltre a questo articolo
      ovviamente), ma non s'è trovata in sostanza
      spiegazione di COME sta pennetta
      funziona.Non ho letto nulla (a parte l'articolo), ma da quello che ho capito io è la 2. I dettagli dopo.
      1) Contiene un autorun.inf come quello che viene
      creato da tutti i virus che finiscono sulla
      pennetta di mia sorella non appena li mette su un
      pc dell'università, e quindi è inefficace su un
      pc con l'autoplay
      disattivato?quindi, se tu hai un cd con autorun su un pc senza autorun non sei capace di farlo partire. ah, però.
      2) Contiene un sistema avviabile che dopo l'hard
      reboot del sistema raccoglie automaticamente le
      informazioni necessarie, e quindi è completamente
      inefficace se il sistema è crittato ad esempio con TC?visto che il 3% (a essere ottimisti) degli utenti crittano i propri computer, direi che rimane un bel po' di margine con il restante 97%
      4) Varie ed eventuali che non mi vengono in
      mente, che lo rendono comunque inutile per altri
      eventuali e vari
      motivi?cos'è, trollaggio allo stato puro?
      Nell'articolo si cita un installer... ma perché
      st'applicativo va pure installato sul sistema da
      verificare?no, la pen usb sulla quale lo vuoi usare deve essere resa avviabile (bootabile in italiano).
      • ephestione scrive:
        Re: Sì ma come funziona?
        - Scritto da: pippuz
        quindi, se tu hai un cd con autorun su un pc
        senza autorun non sei capace di farlo partire.
        ah,
        però.Capisci na XXXX :Ppc acceso ma bloccato con password, E disco crittato, il proprietario si rifiuta di fornire le credenziali di acXXXXX, il baldo rappresentante della legge mette la pennetta comunque, con finestra di acXXXXX attiva, ma sul pc è disattivato l'autoplay.Capisci?
        visto che il 3% (a essere ottimisti) degli utenti
        crittano i propri computer, direi che rimane un
        bel po' di margine con il restante
        97%...e comunque dopo che riavvii i pc non crittati del 99.5% (percentuale più realistica) delle persone che non lo hanno crittato, non puoi più fare alcun dump dei dati in ram
        cos'è, trollaggio allo stato puro?già

        Nell'articolo si cita un installer... ma perché

        st'applicativo va pure installato sul sistema da

        verificare?

        no, la pen usb sulla quale lo vuoi usare deve
        essere resa avviabile (bootabile in
        italiano).e dove sull'articolo o altrove hai ottenuto questa informazione (escludendo il tuo innato fiuto per i dettagli occultati?)La mia domanda era proprio quella, come funziona, e dove sta scritto?
        • pippuz scrive:
          Re: Sì ma come funziona?

          Capisci na XXXX :P
          pc acceso ma bloccato con password, E disco
          crittato, il proprietario si rifiuta di fornire
          le credenziali di acXXXXX, il baldo
          rappresentante della legge mette la pennetta
          comunque, con finestra di acXXXXX attiva, ma sul
          pc è disattivato
          l'autoplay.
          Capisci?capisco, non mi ero posto il problema. "a occhio" riavvii e perdi applicazioni e dati in ram in quel momento, se la persona "indagata" non stacca prima la spina.
          ...e comunque dopo che riavvii i pc non crittati
          del 99.5% (percentuale più realistica) delle
          persone che non lo hanno crittato, non puoi più
          fare alcun dump dei dati in ramero ottimista sui dati. :P
          e dove sull'articolo o altrove hai ottenuto
          questa informazione (escludendo il tuo innato
          fiuto per i dettagli occultati?)hai escluso quello, l'intuito. a oggi, per installarti più o meno qualsiasi cosa su una chiavetta, devi renderla avviabile, o con scriptino o con programmino. essendo MS, programmino.
          • ephestione scrive:
            Re: Sì ma come funziona?
            - Scritto da: pippuz
            capisco, non mi ero posto il problema. "a occhio"
            riavvii e perdi applicazioni e dati in ram in
            quel momento, se la persona "indagata" non stacca
            prima la
            spina.Nemmeno, perché nell'esempio la persona indagata era smaliziata ed aveva crittato il disco, ed il baldo rappresentante della legge riavviando il pc fa il suo gioco, a meno che prima non spruzzi ghiaccio secco sulla ram per rimuoverla e farne un dump con hardware esterno specializzato, ravanandola per scoprire la chiave di decrittazione e finalmente portare a galla le foto dell'album personale dell'indagato, risalenti a quando aveva tre anni e correva sulla spiaggia con l'ombelico al vento, così da poterlo incastrare tramite sporchi e loschi traffici d'informazione, per nientemeno che pedoXXXXXgrafia di sé stesso :s-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 novembre 2009 20.54-----------------------------------------------------------
          • Andrea scrive:
            Re: Sì ma come funziona?
            esistono corsi di informatics forensics per rispondere alle tue domande ;)
          • ephestione scrive:
            Re: Sì ma come funziona?
            si dice computer forensics :P
          • Valeren scrive:
            Re: Sì ma come funziona?
            1) C'è poco da ridere: è stata denunciata una minorenne americana e le foto erano le sue!2) Per fortuna TC non ha più la pwd in chiaro dalla 4.qualcosa
          • ephestione scrive:
            Re: Sì ma come funziona?
            e perché, pensavi che io lo dicessi per ridere? ormai la pedoXXXXXgrafia è diventata la scusa per sbattere dentro gli indagati per tutto il tempo necessario a raccogliere le prove per il caso principale...
    • the_nuts scrive:
      Re: Sì ma come funziona?
      è la 1, non solo basta non avere l'autorun attivo, ma qualsiasi firewall o anti malware ti rileva talmente tante attività virus-like che l'unico modo per riuscire a farlo funzionare è disabilitare tutto...
  • Sgabbio scrive:
    Microsoft e terrorismo mediatico.
    Minacciare la sparizione di un intero sito per un file è assurdo! Tra l'altro adesso dice che il file potrebbe essere farlocco.Fa terrorismo insomma :D
Chiudi i commenti