La carta stampata muove contro Google News

L'Associazione Mondiale dei Giornali si scaglia contro i motori di ricerca e richiede il pagamento di ogni singola riga di testo riportata dai servizi d'indicizzazione delle news


Londra – L’ Associazione Mondiale dei Giornali , gigantesca organizzazione che rappresenta oltre 18mila testate, dichiara guerra ad Internet . Il mirino è puntato contro i motori di ricerca che propongono servizi d’indicizzazione ed aggregazione delle notizie, come ad esempio Google e Yahoo! .

“Il loro modello di business è basato sullo sfruttamento gratuito dei contenuti che produciamo”, attaccano i portavoce dell’AMG. I rappresentanti dell’editoria periodica esigono il pagamento delle notizie che i motori di ricerca spesso forniscono sotto forma di deep link . “Google e Yahoo non sono affatto dei benefattori che vogliono liberare l’informazione”, dice il presidente dell’AMG Gavin O’Reilly, “ma fanno alle news ciò che Napster ha fatto alla musica d’autore”.

O’Reilly usa parole fortissime: “L’ironia della sorte vuole che questi motori di ricerca esistano semplicemente perché capitalizzano sui prodotti dei media tradizionali”. Le preoccupazioni dell’AMG sono motivate soprattutto dal vento di crisi che sembra aver paralizzato la crescita dell’editoria stampata.
Qualcuno teme perciò che l’editoria possa seguire le orme dell’industria discografica ed inizi una gigantesca diatriba legale per ottenere compensi e risarcimenti dalle aziende online.

O’Reilly esorta gli editori e gli operatori della carta stampata a non trascurare le potenzialità della Rete: “Abbiamo ignorato Internet troppo a lungo”, sostiene, “ma ci sono ancora tante, tantissime opportunità di crescita da esplorare”. “Non rappresentiamo un’industria morente”, conclude, “e siamo confortati dal fatto che la diffusione di Internet, solitamente, indica contemporaneamente un’ottima diffusione dei quotidiani”.

L’attacco contro Google e simili viene visto da molti come una contraddizione in termini, perché i motori di ricerca sono fondamentali per qualsiasi impresa online di carattere commerciale. L’indicizzazione e la ricerca dei contenuti, arricchita dall’ipertestualità del web, rappresentano il vero potenziale dei cosiddetti nuovi media, osservano alcuni analisti. Investire in Internet senza lasciare che i motori di ricerca svolgano la loro opera equivale, in ultima istanza, a non volere affatto utilizzare Internet.

L’atteggiamento ostile dei media tradizionali nei confronti della Rete non è una cosa nuova: l’assalto dell’AMG fa eco alle pretese di Agence France Presse , l’agenzia d’informazione francese che accusò Google di violare il diritto d’autore attraverso il servizio Google News . La battaglia tra editori tradizionali e aggregatori di informazione è stata paventata per anni. Ora è iniziata ufficialmente.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Paolo Ferrari scrive:
    allestimenti Rai alla fiera di Milano
    Sono stati realizzati alla fiera di milano allestimenti fieristici che hanno anticipato la comunicazione multimedialedi decine di anni con strumenti complessi e meccanici innovativi. esistono delle riprese cinematografiche o video, sopratutto della manifestazione RAI tv 15 anni ieri - oggi del 1969
  • Anonimo scrive:
    programmi di tutta la rai online
    sarebbe ora che la Rai mettesse a disposizione degli utenti online tutti i programmi che la Rai ha prodotto nella sua storia
  • Anonimo scrive:
    archivi rai
    sarebbe meraviglioso.sarei sempre collegato!
  • Anonimo scrive:
    E' roba dei cittadini !
    Che torni ai cittadini!
  • otacu scrive:
    Voglio tutti i documentari storici!
    Sarebbe fantastico avere tutti i documentari rai direttamente online!Visto che in tv vengono mandati raramente, a orari pessimi e senza promozione...perchè "giustamente" prima ci sono le fiction, i talk show e i reality...Magari questo progetto diventasse realtà! Magari!
    • Anonimo scrive:
      Re: Voglio tutti i documentari storici!
      - Scritto da: otacu
      Sarebbe fantastico avere tutti i documentari rai
      direttamente online!

      Visto che in tv vengono mandati raramente, a
      orari pessimi e senza promozione...

      perchè "giustamente" prima ci sono le fiction, i
      talk show e i reality...


      Magari questo progetto diventasse realtà! Magari!PIERO ANGELA!!!
      • otacu scrive:
        Re: Voglio tutti i documentari storici!
        - Scritto da: troll2OO4

        - Scritto da: otacu

        Sarebbe fantastico avere tutti i documentari rai

        direttamente online!



        Visto che in tv vengono mandati raramente, a

        orari pessimi e senza promozione...



        perchè "giustamente" prima ci sono le fiction, i

        talk show e i reality...





        Magari questo progetto diventasse realtà!
        Magari!

        PIERO ANGELA!!!No "La storia in prima serata" per esempio.
        • adriana riva scrive:
          Re: Voglio tutti i documentari storici!
          nel 1967 ,a santa teresa gallura ,ma credo in più centri della sardegna la rai fece un documentario dei giochi tradizionali ,io ero una di quelle bambine !!!forse il titolo era :1,2,3,gioco???? sò che è stato trasmesso circa cinque anni fà alle tre del mattino .Come posso fare x vedere quel servizio chi mi può aiutare ???? a chi devo rivolgermi????grazie adriana riva santa teresa gallura riva.adri@gmail.com
  • salvio scrive:
    E Radio Radicale ce l'ha già. Dal 1998
    Radio radicale ha numerosi documenti in linea dal 1998 come stampa e regime, la rassegna stampa, videoparlamento, con tutte le sedute delle due camere, etc.E dal 2003 ha tutto il palinsesto, ora per ora, sia in formato real che mp3.
  • Anonimo scrive:
    Visto che pago
    per una televisione per semideficenti, mettere almeno on line cose decenti potrebbe essere una contropartita minimamente valida.
  • Anonimo scrive:
    L'archivio RAI e' gia on-line
    L'archivio della RAi e' gia' disponibile in rete dai terminali della Mediateca di Santa Teresa di Milano (www.mediabrera.it). L'accesso e' gratuito ma su prenotazione, poiche' i posti sono limitati.Per ora e' l'unico collegamento dall'esterno disponibile in Italia, ma la tecnologia di fatto gia' c'e'. L'accesso avviene infatti via browser.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'archivio RAI e' gia on-line
      - Scritto da: Anonimo
      L'archivio della RAi e' gia' disponibile
      dai terminali della Mediateca di Santa Teresa di
      Milano Anche il database delle mie ricette di cucina e' online allora. E' disponibile dal mio pc.
      • Anonimo scrive:
        Re: L'archivio RAI e' gia on-line

        Anche il database delle mie ricette di cucina e'
        online allora. E' disponibile dal mio pc.A proposito, correggi la ricetta delle melanzane alla parmigiana, non ci vuole tutto quel pepe.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'archivio RAI e' gia on-line
      - Scritto da: Anonimo
      Per ora e' l'unico collegamento dall'esterno
      disponibile in Italia, ma la tecnologia di fatto
      gia' c'e'. L'accesso avviene infatti via browser.Il fatto che possa essere usato tramite browser, non ne fa un servizio "on-line". Mi sembra la classica "scomodità all'italiana" e ci avranno pure speso dei bei soldi per farla. Ma che li mettano in rete e li facciano scaricare in formato divx, cosa hanno paura che succeda? La gente se li mangerà?
      • Anonimo scrive:
        Re: L'archivio RAI e' gia on-line
        L'archivio e' disponibile presso una biblioteca pubblica ed e' gia' qualcosa.La tecnologia usata e' TCP/IP e fa uso di un player multimediale tipo Windows Media Player o RealVideo (non ricordo).
        • Anonimo scrive:
          Re: L'archivio RAI e' gia on-line
          - Scritto da: Anonimo
          L'archivio e' disponibile presso una biblioteca
          pubblica ed e' gia' qualcosa.
          La tecnologia usata e' TCP/IP e fa uso di un
          player multimediale tipo Windows Media Player o
          RealVideo (non ricordo).E quindi? A casa mia ho una piccola rete locale e un server ftp, però non direi che i miei file sono online. Te lo dice pure wikipedia che quando si dice online si intende su internet:http://it.wikipedia.org/wiki/OnlineOnline è una parola inglese che significa letteralmente sulla linea ma viene quasi sempre utilizzata per indicare le cose che si trovano su Internet.
          • Anonimo scrive:
            Re: L'archivio RAI e' gia on-line
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            L'archivio e' disponibile presso una biblioteca

            pubblica ed e' gia' qualcosa.

            La tecnologia usata e' TCP/IP e fa uso di un

            player multimediale tipo Windows Media Player o

            RealVideo (non ricordo).

            E quindi? A casa mia ho una piccola rete locale e
            un server ftp, però non direi che i miei file
            sono online.

            Te lo dice pure wikipedia che quando si dice
            online si intende su internet:


            http://it.wikipedia.org/wiki/Online

            Online è una parola inglese che significa
            letteralmente sulla linea ma viene quasi sempre
            utilizzata per indicare le cose che si trovano su
            Internet.
            Ineccepibile... intendevo solo indicare che e' disponibile in rete dai terminali di una biblioteca pubblica. Il collegamento non e' aperto al pubblico della rete Internet. I vantaggi, al momento possono essere limitati. Considera che, se non sbaglio, l'archivio non e' disponibile neanche se vai alla RAI a Roma.Si parla di concedere l'accesso ad altre biblioteche.
      • Anonimo scrive:
        Re: L'archivio RAI e' gia on-line
        Hai idea della mole di informazioni che devono reencodare? no forse non ne hai idea...La mole di lavoro necessaria e' immensa
        • Anonimo scrive:
          Re: L'archivio RAI e' gia on-line
          - Scritto da: Anonimo
          Hai idea della mole di informazioni che devono
          reencodare? no forse non ne hai idea...Ne ho idea.
          La mole di lavoro necessaria e' immensaIn realtà il problema è che la voglia di farlo è inversamente proporzionale
        • Anonimo scrive:
          Re: L'archivio RAI e' gia on-line
          - Scritto da: Anonimo
          Hai idea della mole di informazioni che devono
          reencodare? no forse non ne hai idea...

          La mole di lavoro necessaria e' immensaE' gia' qualcosa. La digitalizzazione master (non so in quale formato) e' stata gia' fatta. Derivare copie in altri formati richiede del tempo ma sempre meno che digitalizzare ex novo.Per me e' un passo avanti significativo. Poi si vedra'.
      • Anonimo scrive:
        Re: L'archivio RAI e' gia on-line
        - Scritto da: Anonimo
        Ma che li mettano in rete e li facciano scaricare
        in formato divx, cosa hanno paura che succeda? La
        gente se li mangerà?IMHO non hanno banda a sufficienza.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'archivio RAI e' gia on-line
      - Scritto da: Anonimo
      L'archivio della RAi e' gia' disponibile in rete
      dai terminali della Mediateca di Santa Teresa di
      Milano (www.mediabrera.it). L'accesso e' gratuito
      ma su prenotazione, poiche' i posti sono
      limitati.Ah comodissimo!Anche io li ho digitalizzati. Però per vederli devi andare in Siberia, l'accesso è gratuito però attento al filo spinato.
    • ABNormal scrive:
      Re: L'archivio RAI e' gia on-line
      l'idea di mettere un tracker per files torrent è da criminali?lo so che la parola p2p è per le istituzioni ancora una bestemmia, ma alleggerirebbe in poco tempo il carico del download..
  • Anonimo scrive:
    non solo
    "le trasmissioni e i contenuti realizzati per decenni col denaro dei contribuenti."Anche i pezzi pagati dagli sponsor, per evitare che ogni filmato sia troncato a spezzoni...
  • Anonimo scrive:
    una puntata di Report 130 euro
    provate a chiedere quato costa UNA singola puntata di Report in qualità VHS ... chiamate, oppure scrivete una mail...:-|o vi scaricate la roba nella versione a bassisima qualità o ciccia
  • Guybrush scrive:
    Va bene, ma perche' gratis?
    Voglio dire: i contenuti rai si pagano, c'e' il canone.Io il canone non lo pago, non ho neanche la TV, ma per l'archivio rai sarei ben disposto a pagare 10 euro al mese (quindi piu' del canone) e rivedermi le trasmissioni con Rascel, Macario, Toto', Alberto Sordi ecc... ecc... ecc... ecc... cose egregie e di gran lunga superiori alla quasi totalita' della mota presente oggi nell'etere.Ci sarebbero anche le puntate di SUPERGULP! Azz la vojooooo
    GT
    • Anonimo scrive:
      Tassa di possesso

      Io il canone non lo pago, non ho neanche la TV,Ti do' una brutta notizia: la tassa di possesso (quella che ancora ci ostiniamo a chiamare "canone RAI") si applica anche in caso di detenzione di apparecchi "atti o adattabili" alla fruizione televisiva...Se non sbaglio tu hai un PC, quindi ci sei dentro :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Tassa di possesso
        - Scritto da: Anonimo

        Io il canone non lo pago, non ho neanche la TV,

        Ti do' una brutta notizia: la tassa di possesso
        (quella che ancora ci ostiniamo a chiamare
        "canone RAI") si applica anche in caso di
        detenzione di apparecchi "atti o adattabili" alla
        fruizione televisiva...

        Se non sbaglio tu hai un PC, quindi ci sei dentro
        :-)No...non vorrei sbagliare, ma se ricordo bene e' tassa di possesso di apparecchio atto a ricevere segnale televisivo (quindi videoregistratori, decoder DT...) se il tuo PC ha un sintonizzatore video allora si, altrimenti credo tu sia esentato dal pagamento; quindi l'apparecchio deve essere già adattato, l'adattabilità credo non conti (ma posso sempre sbagliarmi)
        • Anonimo scrive:
          Re: Tassa di possesso

          No...non vorrei sbagliare, ma se ricordo bene e'
          tassa di possesso di apparecchio atto a ricevere
          segnale televisivo (quindi videoregistratori,
          decoder DT...) se il tuo PC ha un sintonizzatore
          video allora si, altrimenti credo tu sia esentato
          dal pagamento; quindi l'apparecchio deve essere
          già adattato, l'adattabilità credo non conti (ma
          posso sempre sbagliarmi)Cito:"Chiunque detenga uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione dei programmi televisivi deve per legge R.D.L.21/02/1938 n.246 pagare il canone di abbonamento TV."C'è appunto *o adattabili*...
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso

            Cito:
            "Chiunque detenga uno o più apparecchi atti o
            adattabili alla ricezione dei programmi
            televisivi deve per legge R.D.L.21/02/1938 n.246
            pagare il canone di abbonamento TV."

            C'è appunto *o adattabili*...Ma adattare dovrebbe indicare la modifica di una "cosa" già presente, se tu non hai un "ricevitore di segnali radio TV" non puoi riceve i programmi con nessun adattamento dell'HW.Inoltre questa forma mi pare lacunosa poiché la radio non riceve segnali TV ma il canone lo devi pagare ugualmente anche se hai solo una radiolina...solite leggi dell'italietta !
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso
            secondo me non è una legge all'italietta, ma solo una legge del 21/02/1938... pensateci bene, in quella data era più che corretta... non potevo certo adattare una lavatrice, o un frigorifero... oggi invece ci sono cellulari, pc, lettori mp3 ecc... che con piccoli software o modifiche hw possono benissimo ricevere i segnali video... Il mio giudizio è che come al solito, in italia (oramai con la i minuscola) le leggi che fanno comodo, anche se anacronistiche, vengono tenute in piedi... hanno pensato bene di fare leggi sui contenuti, sui supporti vergini, ecc... ma questa no, non si tocca... perchè permette alla rai (e quindi al governo, è inutile prenderci in giro...) di guadagnare milioni di euro senza muovere un dito
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso


            C'è appunto *o adattabili*...

            Ma adattare dovrebbe indicare la modifica di una
            "cosa" già presente, se tu non hai un "ricevitore
            di segnali radio TV" non puoi riceve i programmi
            con nessun adattamento dell'HW.Un PC *è* adattabile.
          • Guybrush scrive:
            Re: Tassa di possesso
            ...ma e' esente finche' non e' adattato, senno' anche i tubi dell'acqua calda possono essere usati allo scopo.Torniamo in topic? Voi sareste disposti a pagare una quota fissa mensile per accedere ai contenuti dell'archivio Rai?
            GT
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso
            La soluzione sarebbe quella di non far pagare il canone mensile per le persone che pagano il canone rai e farlo pagare a chi non paga il canone annuale.... si potrebbe fornire il numero del contratto rai e il cognome in fase di download...
          • Anonimo scrive:
            9 --
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso
            Complimenti.... Oxford?allora visto che sei tanto bravo dai tu una soluzione al problema...
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso
            - Scritto da: Anonimo
            Complimenti.... Oxford?

            allora visto che sei tanto bravo dai tu una
            soluzione al problema...
            Mandarvi a lavorare in una risaia della Corea del Nord.Il problema siete voi, quindi basta eliminarvi.
          • Anonimo scrive:
            Torniamo in topic

            Voi sareste disposti a pagare una quota fissa
            mensile per accedere ai contenuti dell'archivio
            Rai? Una quota mensile? Assolutamente no.Al massimo una piccolisssssima somma volta per volta.
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso
            - Scritto da: Anonimo


            C'è appunto *o adattabili*...



            Ma adattare dovrebbe indicare la modifica di una

            "cosa" già presente, se tu non hai un
            "ricevitore

            di segnali radio TV" non puoi riceve i programmi

            con nessun adattamento dell'HW.

            Un PC *è* adattabile.Anche la tazza del cesso è adattabile nello stesso modo. Il sintonizzatore ce lo puoi incollare sopra con un po' di mastice.Io ho il pc ma non ho la televisione. Il pc di cui sopra NON è equipaggiato con sintonizzatori e affini, quindi la RAI non è in condizioni di prentendere nulla.O sei un povero (troll) che sta tentando il flame oppure un dipendente RAI che sta provando a fare disinformazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso
            la parola troll è utilizzata un po troppo...il PC è adattabile. Bastano una ventina di euro!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso
            - Scritto da: Anonimo
            la parola troll è utilizzata un po troppo...

            il PC è adattabile. Bastano una ventina di euro!!!Niente sintonizzatore, niente canone. Fine della storia
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso
            appunto... il sintonizzatore tv per il pc costa una inezia... quindi il pc è adattabile... non capisco il motivo di tanta insistenza... posso aggiungerci o no una scheda pci al pc in modo da poterci attaccare l'antenna e vederci la tv? L'unica risposta è SI e quind i il pc E' adattabile
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso
            - Scritto da: Anonimo
            appunto... il sintonizzatore tv per il pc costa
            una inezia... quindi il pc è adattabile... non
            capisco il motivo di tanta insistenza... posso
            aggiungerci o no una scheda pci al pc in modo da
            poterci attaccare l'antenna e vederci la tv?
            L'unica risposta è SI e quind i il pc E'
            adattabileNon ho la tv. Ho il pc ma non è equipaggiato con scheda di sintonizzazione.Il canone non vi è dovuto e quindi non vi pago
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso
            Poi certo, il canone dovrebbe pagarlo SOLO chi ha questo sintonizzatore... Non è giusto, secondo me, far pagare chiunque... perchè a questo punto devono far pagare il canone anche a chi ha dei cellulari di ultima generazione...
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso

            Anche la tazza del cesso è adattabile nello
            stesso modo. Il sintonizzatore ce lo puoi
            incollare sopra con un po' di mastice.Non hai capito.
            Io ho il pc ma non ho la televisione. Il pc di
            cui sopra NON è equipaggiato con sintonizzatori e
            affini, quindi la RAI non è in condizioni di
            prentendere nulla.Infatti non è più la RAI da un pezzo: è una tassa di concessione governativa.

            O sei un povero (troll) che sta tentando il flame
            oppure un dipendente RAI che sta provando a fare
            disinformazione.C'è un'altra possibilità, ovvero che sia tu ad essere disinformato.
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso
            - Scritto da: Anonimo

            Anche la tazza del cesso è adattabile nello

            stesso modo. Il sintonizzatore ce lo puoi

            incollare sopra con un po' di mastice.

            Non hai capito.Invece ho capito benissimoNiente sintonizzatore, niente canone


            Io ho il pc ma non ho la televisione. Il pc di

            cui sopra NON è equipaggiato con sintonizzatori
            e

            affini, quindi la RAI non è in condizioni di

            prentendere nulla.

            Infatti non è più la RAI da un pezzo: è una tassa
            di concessione governativa.Tassa di possesso su apparecchiatura in grado di ricevere trasmissioni televisiveNiente sintonizzatore, niente canone



            O sei un povero (troll) che sta tentando il
            flame

            oppure un dipendente RAI che sta provando a fare

            disinformazione.

            C'è un'altra possibilità, ovvero che sia tu ad
            essere disinformato.si si, se lo dici tuNiente sintonizzatore, niente canone
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso


            Infatti non è più la RAI da un pezzo: è una
            tassa

            di concessione governativa.
            Tassa di possesso su apparecchiatura in grado di
            ricevere trasmissioni televisiveATTA o ADATTABILE, porcaputtana!Ma possibile che se ne debbano fare delle questioni personali?!?
            Niente sintonizzatore, niente canoneSpero che un prossimo emendamento alla legge escluda anche chi non ha la comprovata capacità di capire, perché avresti un bel risparmio economico...
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso
            - Scritto da: Anonimo


            Infatti non è più la RAI da un pezzo: è una

            tassa


            di concessione governativa.

            Tassa di possesso su apparecchiatura in grado di

            ricevere trasmissioni televisive

            ATTA o ADATTABILE, porcaputtana!
            Ma possibile che se ne debbano fare delle
            questioni personali?!?


            Niente sintonizzatore, niente canone

            Spero che un prossimo emendamento alla legge
            escluda anche chi non ha la comprovata capacità
            di capire, perché avresti un bel risparmio
            economico...Sulle lettere minatorie che la RAI invia non dice per niente che il canone è dovuto anche se si possiede solo il computer (non dotato di tuner). Sarebbe un'ottimo sistema per beccarsi una denuncia di default dall'autorità giudiziaria (e chi ha autorizzato una tale lettera magari si farebbe pure un po' di galera).Il fatto che il canone è comunque dovuto è una furbata di ispettori disonesti tacitamente autorizzati.Niente sintonizzatore, niente canone
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso
            Questo nuovo slogan mi piace"Niente sintonizzatore, niente canone"
      • Guybrush scrive:
        Re: Tassa di possesso
        Ti do 'staltra brutta notizia: anche un tubo metallico ovvero qualsiasi conduttore puo' ricevere segnali radiotelevisivi.La legge si applica a quegli apparecchi che consentono la fruizione di determinate frequenze radio, piu' precisamente quelle che, in italia, sono per legge riservate alla trasmissione dei segnali televisivi.Insomma se mi compero una playstation e ho solo quella, sebbene sia adattabile a ricevere segnali televisivi, finche' non installo un sintonizzatore non ci pago il canone.Tra l'altro la stessa legge che citi obbliga chi vende i suddetti apparecchi a raccogliere i dati dell'acquirente al fine di trasmetterli a chi di dovere, mediante compilazione di apposita cartolina. Cartolina che nessuno piu' si fila.Insomma il succo e' che se hai un PC con monitor, ma non hai un sintonizzatore (vale anche il satellite) NON devi pagare il canone.GT.
        • Anonimo scrive:
          Re: Tassa di possesso
          - Scritto da: Guybrush
          Ti do 'staltra brutta notizia: anche un tubo
          metallico ovvero qualsiasi conduttore puo'
          ricevere segnali radiotelevisivi.Ti do' l'ennesima brutta notizia: anche mia nonna in carriola può ricevere radiazioni elettromagnetiche (perlappunto grazie alla carriola), tuttavia non ne può *fruire* in quanto ne' la nonna ne' la carriola hanno un dispositivo di visualizzazione.(...)
          Insomma il succo e' che se hai un PC con monitor,
          ma non hai un sintonizzatore (vale anche il
          satellite) NON devi pagare il canone.Non ne sto facendo una questione di gusti (tra l'altro mi sta anche sulle balle 'sta faccenda del canone...) ma di legge. La legge oggi dice questo e parla di "atto o adattabile".Anche a me non piace questa legge e spero che venga abrogata.
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Guybrush

            Ti do 'staltra brutta notizia: anche un tubo

            metallico ovvero qualsiasi conduttore puo'

            ricevere segnali radiotelevisivi.

            Ti do' l'ennesima brutta notizia: anche mia nonna
            in carriola può ricevere radiazioni
            elettromagnetiche (perlappunto grazie alla
            carriola), tuttavia non ne può *fruire* in quanto
            ne' la nonna ne' la carriola hanno un dispositivo
            di visualizzazione.

            (...)

            Insomma il succo e' che se hai un PC con
            monitor,

            ma non hai un sintonizzatore (vale anche il

            satellite) NON devi pagare il canone.

            Non ne sto facendo una questione di gusti (tra
            l'altro mi sta anche sulle balle 'sta faccenda
            del canone...) ma di legge. La legge oggi dice
            questo e parla di "atto o adattabile".
            Anche a me non piace questa legge e spero che
            venga abrogata.Intanto sulle letterine minatorie che mi manda la RAI (quelle che poi finiscono nel cassonetto della carta della piattaforma ecologica) non c'è scritto niente a proposito di computer. E non c'è neanche uno spazio dove indicare che non si possiede televisoreBlockbuster ed altri affita-film devono mandare l'elenco dei clienti a Mamma RAI (affitti un dvd, ergo hai un televisore): nel modulo che ho compilato io bisognava indicare, fra le varie cose, come si fruiva del dvd (pc of course).La RAI ci prova
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso

            Non ne sto facendo una questione di gusti (tra
            l'altro mi sta anche sulle balle 'sta faccenda
            del canone...) ma di legge. La legge oggi dice
            questo e parla di "atto o adattabile".
            Anche a me non piace questa legge e spero che
            venga abrogata.La parola adattabile va eliminata anche in virtù del prossimo digitale terrestre obbligatorio.Quando il segnale analogico sarà spento non si potrà vedere la tv senza decoder, ottimo penso io, smetto di pagare il canone e uso il tv per vedere solo dvd e vhs.Invece... il tv resta adattabile acquistando un decoder ergo...P.I. potrebbe anche scrivere un articolo in merito
          • Anonimo scrive:
            Re: Tassa di possesso
            Infatti, credo che tutta questa discussione sia un ottimo spunto per un articolo chiarificatore
          • ABNormal scrive:
            Re: Tassa di possesso
            - Scritto da: Anonimo

            Insomma il succo e' che se hai un PC con
            monitor,

            ma non hai un sintonizzatore (vale anche il

            satellite) NON devi pagare il canone.

            Non ne sto facendo una questione di gusti (tra
            l'altro mi sta anche sulle balle 'sta faccenda
            del canone...) ma di legge. La legge oggi dice
            questo e parla di "atto o adattabile".Ma scusa, anche un'automobile è adattabile, tramite autoradio, a ricevere radio e TV. ma se non ho autoradio, mica pago il canone per il fatto di avere l'auto.stessa cosa x il cellulare umts. per me stai dicendo una baggianata.o meglio, la legge è, come sempre, creata con i posteriori e scritta con i piedi. Ma così, delirio su delirio, anche una rocchetta di rame può essere "sintonizzatore" radio e pagherò il canone.Per cui non vaneggi ma l'eccesso di applicabilità (il PC a prescindere dalla scheda TV..) sa più di dadaismo che di vita reale.
      • Anonimo scrive:
        Re: Tassa di possesso
        - Scritto da: Anonimo
        Se non sbaglio tu hai un PC, quindi ci sei dentro
        :-)Ma non dire cazzate.
    • Anonimo scrive:
      Re: Va bene, ma perche' gratis?
      - Scritto da: Guybrush
      Voglio dire: i contenuti rai si pagano, c'e' il
      canone.

      Io il canone non lo pago, non ho neanche la TV,
      ma per l'archivio rai sarei ben disposto a pagare
      10 euro al mese (quindi piu' del canone) eEcco bravo pagali tu i 10 euro al mese visto che non paghi il canone. Io invece già lo pago e voglio tutto gratis.
    • ABNormal scrive:
      Re: Va bene, ma perche' gratis?
      - Scritto da: Guybrush
      Voglio dire: i contenuti rai si pagano, c'e' il
      canone.l'idea che qualcosa che stia marcendo nei depositi RAI possa esserci anche data gratis (tanto più che all'epoca gli abbonati già "finanziarono" il programma) ti fa stare tanto male?ci fate caso? hanno criminalizzato a tal punto il concetto di gratis che quasi quasi ci si vergogna di chiederlo.GR ATISma che bella parola e che bel concetto. riappropriamocene
    • Anonimo scrive:
      Re: Va bene, ma perche' gratis?
      - Scritto da: Guybrush
      Voglio dire: i contenuti rai si pagano, c'e' il
      canone.C'era, cmq sia quei contenuti sono già stati pagat con i soldi dei cittadini a suo tempo. Adesso devono essere immessi in pubblico dominio. Punto.
  • Anonimo scrive:
    Io invece vorrei vedere...
    ...tutti quei materiali che sono magicamente spariti dagli archivi "fisici" della rai, tipo l'intervista di Luttazzi a Marco Travaglio trasmessa da satyricon (il nastro originale è misteriosamente sparito in qualche buco nero), bella ciao di Carlo Freccero (documentario sulle violenze avvenute durante il G8 di Genova, girato nonostante la rai avesse fatto di tutto per impedirlo, mai messo in onda se non al festival del cinema di Cannes), il documentario sui figli dei reduci della prima guerra del golfo nati con gravi handicap a causa delle vaccinazioni anti armi chimiche subite dai loro padri (mai trasmesso perché troppo antiamericano a detta dei vertici rai), l'unica puntata di rai-ot di Sabina Guzzanti (non mi meraviglierei se il nastro originale avesse fatto la stessa fine dell'intervista a Travaglio, per fortuna ne esistono copie di buona qualità facilmente reperibili in giro per la rete: prevedendo la censura gli autori ne han fatto qualche copia che poi s'è diffusa in rete), le puntate mancanti di spazio 1999 (vecchia serie anni 70 coprodotta dalla rai: alcuni nastri sono andati persi, così manca la versione doppiata di certi episodi) e tanti altri momenti importanti della tv italiana...Più che di un archivio online la rai dovrebbe dotarsi di trappole ed esche avvelenate da lasciare in archivio: quel luogo pullula di ferocissimi ratti golosi di nastri :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Io invece vorrei vedere...
      - Scritto da: Anonimo
      ...tutti quei materiali che sono magicamente
      spariti dagli archivi "fisici" della rai, tipo...io vorrei che fossero disponibili on-line allo stesso modo che sul televisore, con la differenza che sul sito me li potrei vedere quando voglio e farci quello che mi pare.Quelle trasmissione sono anche mie, le ho pagate!Non so se quest'anno paghero' il canone, su internet la rai e' abbastanza pietosa, dovrebbe andare a scuola dalla bbc e far vedere le cose indipendetemente dal sistema operativo usato.Ma in Italia sono troppo ignoranti, oltre alla pratica non sanno nemmeno la teoria, nel mondo siamo piu' rispettati, in europa ci ridono dietro, anzi non ridono nemmeno.
      • Anonimo scrive:
        Re: Io invece vorrei vedere...
        Attento perché il canone RAI non è come l'abbonamento a Sky: è una tassa sul possesso di un televisore. Se non vedi la RAI lo devi pagare lo stesso. L'unico modo per non pagarlo è vendere il TV.
        • Anonimo scrive:
          Re: Io invece vorrei vedere...
          - Scritto da: Anonimo
          Attento perché il canone RAI non è come
          l'abbonamento a Sky: è una tassa sul possesso di
          un televisore. Se non vedi la RAI lo devi pagare
          lo stesso. L'unico modo per non pagarlo è vendere
          il TV.E il PC...
          • Anonimo scrive:
            Re: Io invece vorrei vedere...


            Attento perché il canone RAI non è come

            l'abbonamento a Sky: è una tassa sul possesso di

            un televisore. Se non vedi la RAI lo devi pagare

            lo stesso. L'unico modo per non pagarlo è
            vendere

            il TV.

            E il PC...E il pc te lo scordi!NON ho nessun modo per ricevere segnali TELEVISIVI sul pc! :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Io invece vorrei vedere...
            - Scritto da: Anonimo


            Attento perché il canone RAI non è come


            l'abbonamento a Sky: è una tassa sul possesso
            di


            un televisore. Se non vedi la RAI lo devi
            pagare


            lo stesso. L'unico modo per non pagarlo è

            vendere


            il TV.



            E il PC...
            E il pc te lo scordi!
            NON ho nessun modo per ricevere segnali
            TELEVISIVI sul pc! :D un modo c'è.. aggiungere una chiavetta usb... per cui lo dovresti pagare... in realtà avevo letto questo su un forum di avvocati, quando trasferendomi nella nuova casa, non volevo il tv...allucinante, ma la legge (come al solito) non è chiara.. mi pare nel testo ci sia qualcosa del tipo:... atto a poter captare i segnali... per cui il tuo è un potrebbe.... cioè basta senza colpo ferire aggiungere una chiavetta usb... cioè non è un frigorifero...
          • Anonimo scrive:
            Re: Io invece vorrei vedere...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            Attento perché il canone RAI non è come



            l'abbonamento a Sky: è una tassa sul
            possesso

            di



            un televisore. Se non vedi la RAI lo devi

            pagare



            lo stesso. L'unico modo per non pagarlo è


            vendere



            il TV.





            E il PC...

            E il pc te lo scordi!

            NON ho nessun modo per ricevere segnali

            TELEVISIVI sul pc! :D

            un modo c'è.. aggiungere una chiavetta usb... per
            cui lo dovresti pagare... in realtà avevo letto
            questo su un forum di avvocati, quando
            trasferendomi nella nuova casa, non volevo il
            tv...

            allucinante, ma la legge (come al solito) non è
            chiara.. mi pare nel testo ci sia qualcosa del
            tipo:

            ... atto a poter captare i segnali... ci potresti dare il link alla pagina ,o conosci il link alla legge in questione ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Io invece vorrei vedere...
            da rai.it, la legge è:R.D.L.21/02/1938 n.246...e ho trovato questo:http://www.parlandosparlando.com/view.php/id_348/lingua_0/whoisit_1da scappare via urlando con le mani nei capelli!!!Ragazzi, queste sono le favolose leggi che ci fanno i nostri favolosi rappresentanti ...viva la democrazia!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Io invece vorrei vedere...
            - Scritto da: Anonimo
            da rai.it, la legge è:
            R.D.L.21/02/1938 n.246
            ...e ho trovato questo:
            http://www.parlandosparlando.com/view.php/id_348/l

            da scappare via urlando con le mani nei capelli!!!
            Ragazzi, queste sono le favolose leggi che ci
            fanno i nostri favolosi rappresentanti ...viva la
            democrazia!!!Se il computer non lo equipaggi con un sintonizzatore tv, la RAI non può pretendere nulla.
          • Anonimo scrive:
            sai leggere?
            "...qualunque apparecchio atto o adattabile alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive indipendentemente dalla qualita' o dalla quantita' del relativo utilizzo..."
          • Anonimo scrive:
            Re: sai leggere?
            - Scritto da: Anonimo
            "...qualunque apparecchio atto o adattabile alla
            ricezione delle trasmissioni radiotelevisive
            indipendentemente dalla qualita' o dalla
            quantita' del relativo utilizzo..."Sai trollare? Come (troll) di do 2/10 ma solo perchè sono buonohttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1296382&tid=1296098&p=1&r=PI#1296382
          • Anonimo scrive:
            Re: sai leggere?
            grazie, anche se sicuramente non li merito i 2/10, forse perchè trollare non era la mia intenzione...io ho riportato un passaggio del testo della legge a cui si sono susseguite diverse sentenze della corte di cassazione, sono decisamente contrario a queste norme e non cerco di prendere le parti di nessuno, Evidentemente la rai le interpreta a proprio favore, forse è legittimo o forse qualcuno ci casca, sicuramente qualcun'altro permette che questo possa accadere.da:http://www.parlandosparlando.com/view.php/id_348/lingua_0/whoisit_1"Finora i ricorsi per contestare la legittimita' di questa tassa non hanno avuto esito positivo.La Corte Costituzionale ha piu' volte affermato che "la legge si riferisce alla capacita' dell'apparecchio a ricevere: nel senso, cioe', che il canone e' dovuto anche se l'apparecchio non e' al momento in grado di funzionare ma e' adattabile alla ricezione" (sentenza 535 del 1988) e che "il presupposto dell'imposizione del pagamento del canone di abbonamento e' unicamente la detenzione degli apparecchi televisivi, a nulla rilevando la circostanza che l'utente riceva o meno le trasmissioni del servizio pubblico" (sentenza 284 del 2002)."Personalmente trovo insostenibile l'esempio dellla tavola del cesso, il pc lo adatti con una schedina e al cesso ci appicichi un televisore? complimenti per il ragionamento... scusa se non ti affibbio un votoOra, se tu sei in grado di dare la tua interpretazione sull'applicazione della legge R.D.L. 21/02/1938 n. 246 e sei convinto di poterla sostenere, magari dammi qualche riferimento oggettivo, e soprattutto che possa essere utile a tutti.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: sai leggere?
            - Scritto da: Anonimo
            grazie, anche se sicuramente non li merito i
            2/10, forse perchè trollare non era la mia
            intenzione...
            io ho riportato un passaggio del testo della
            legge a cui si sono susseguite diverse sentenze
            della corte di cassazione, sono decisamente
            contrario a queste
            norme e non cerco di prendere le parti di
            nessuno, Evidentemente la rai le interpreta a
            proprio favore, forse è legittimo o forse
            qualcuno ci casca, sicuramente qualcun'altro
            permette che questo possa accadere.

            da:
            http://www.parlandosparlando.com/view.php/id_348/l

            "Finora i ricorsi per contestare la legittimita'
            di questa tassa non hanno avuto esito positivo.
            La Corte Costituzionale ha piu' volte affermato
            che "la legge si riferisce alla capacita'
            dell'apparecchio a ricevere: nel senso, cioe',
            che il canone e' dovuto anche se l'apparecchio
            non e' al momento in grado di funzionare ma e'
            adattabile alla ricezione" (sentenza 535 del
            1988) e che "il presupposto dell'imposizione del
            pagamento del canone di abbonamento e' unicamente
            la detenzione degli apparecchi televisivi, a
            nulla rilevando la circostanza che l'utente
            riceva o meno le trasmissioni del servizio
            pubblico" (sentenza 284 del 2002)."

            Personalmente trovo insostenibile l'esempio
            dellla tavola del cesso, il pc lo adatti con una
            schedina e al cesso ci appicichi un televisore?
            complimenti per il ragionamento... scusa se non
            ti affibbio un voto

            Ora, se tu sei in grado di dare la tua
            interpretazione sull'applicazione della legge
            R.D.L. 21/02/1938 n. 246 e sei convinto di
            poterla sostenere, magari dammi qualche
            riferimento oggettivo, e soprattutto che possa
            essere utile a tutti.

            CiaoNiente sintonizzatore nel pc, niente canone: confermato da un maresciallo della GdF. Vedi un po' tu ...
          • Anonimo scrive:
            Re: sai leggere?
            Questa sarebbe una bella notizia, ma purtroppo non mi soddisfa per due motivi.Il primo è che non so chi sia il maresciallo in questione quindi non potrei citarlo come fonte, inoltre perdona la mia diffidenza, ma potrebbe anche essere inventato.Il secondo è che non sono proprio convinto che il problema riguardi strettamente la GdF in quanto "...la verifica dell'esistenza di un apparecchio televisivo in casa e' lasciata ai funzionari della Rai", quindi...vedrò di approfondire in altre sedi,grazie comunque
          • Anonimo scrive:
            Re: sai leggere?
            - Scritto da: Anonimo(cut)
            Il secondo è che non sono proprio convinto che il
            problema riguardi strettamente la GdF in quanto
            "...la verifica dell'esistenza di un apparecchio
            televisivo in casa e' lasciata ai funzionari
            della Rai", quindi...Ispettori RAI con un decreto di perquisizione. Perfetto
            vedrò di approfondire in altre sedi,Fai pure, così te la smetti di fare trollare (male per giunta)
            grazie comunquePrego
          • Anonimo scrive:
            Re: sai leggere?
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo
            (cut)

            Il secondo è che non sono proprio convinto che
            il

            problema riguardi strettamente la GdF in quanto

            "...la verifica dell'esistenza di un apparecchio

            televisivo in casa e' lasciata ai funzionari

            della Rai", quindi...
            Ispettori RAI con un decreto di perquisizione.
            Perfettono, con regolare mandato firmato dall'autorita' giudiziaria...costa sempre troppo leggere, eh?

            vedrò di approfondire in altre sedi,
            Fai pure, così te la smetti di fare trollare
            (male per giunta)che ci vuoi fare, non tutti sono perfetti...

            grazie comunque
            Pregononcèdichè
          • Anonimo scrive:
            Re: sai leggere?
            - Scritto da: Anonimo
            grazie, anche se sicuramente non li merito i
            2/10, forse perchè trollare non era la mia
            intenzione...
            io ho riportato un passaggio del testo della
            legge a cui si sono susseguite diverse sentenze
            della corte di cassazione, sono decisamente
            contrario a queste
            norme e non cerco di prendere le parti di
            nessuno, Evidentemente la rai le interpreta a
            proprio favore, forse è legittimo o forse
            qualcuno ci casca, sicuramente qualcun'altro
            permette che questo possa accadere.

            da:
            http://www.parlandosparlando.com/view.php/id_348/l

            "Finora i ricorsi per contestare la legittimita'
            di questa tassa non hanno avuto esito positivo.
            La Corte Costituzionale ha piu' volte affermato
            che "la legge si riferisce alla capacita'
            dell'apparecchio a ricevere: nel senso, cioe',
            che il canone e' dovuto anche se l'apparecchio
            non e' al momento in grado di funzionare ma e'
            adattabile alla ricezione" (sentenza 535 del
            1988) e che "il presupposto dell'imposizione del
            pagamento del canone di abbonamento e' unicamente
            la detenzione degli apparecchi televisivi, a
            nulla rilevando la circostanza che l'utente
            riceva o meno le trasmissioni del servizio
            pubblico" (sentenza 284 del 2002)."

            Personalmente trovo insostenibile l'esempio
            dellla tavola del cesso, il pc lo adatti con una
            schedina e al cesso ci appicichi un televisore?
            complimenti per il ragionamento... scusa se non
            ti affibbio un voto

            Ora, se tu sei in grado di dare la tua
            interpretazione sull'applicazione della legge
            R.D.L. 21/02/1938 n. 246 e sei convinto di
            poterla sostenere, magari dammi qualche
            riferimento oggettivo, e soprattutto che possa
            essere utile a tutti.

            CiaoSentenza corte costituzionale 17 - 20 giugno 2002http://www.filodiritto.com/notizieaggiornamenti/30giugno2002/senCorteCostit284legittimitacanonerai.htm
          • Anonimo scrive:
            Re: sai leggere?

            Sentenza corte costituzionale 17 - 20 giugno 2002
            http://www.filodiritto.com/notizieaggiornamenti/30WOW!!!proprio lei, tutta intera... se non c'è qualcuno che mi fa il riassunto, rischio di perderci una settimana
          • Anonimo scrive:
            Re: Io invece vorrei vedere...
            ... e mi risulta che, ad esempio un negozio di abbigliamento che utilizza un pc in cassa, è tenuto a pagare la tivutassa in quanto esso è considerato strumento atto a ricevere segnale video... ovviamente costa di più di un'abbonamento privato in quanto attività commerciale...Gran bell'incentivo per l'informatizzzione, eh??
          • Anonimo scrive:
            Re: Io invece vorrei vedere...
            - Scritto da: Anonimo
            ... e mi risulta che, ad esempio un negozio di
            abbigliamento che utilizza un pc in cassa, è
            tenuto a pagare la tivutassa in quanto esso è
            considerato strumento atto a ricevere segnale
            video... ovviamente costa di più di
            un'abbonamento privato in quanto attività
            commerciale...
            Gran bell'incentivo per l'informatizzzione, eh??La Rai ci ha provato e ci sono riusciti. A meno che il pc era equipaggiato con un sintonizzatore, in tal caso il canone è dovuto
          • Anonimo scrive:
            Re: Io invece vorrei vedere...

            - Scritto da: Anonimo



            Attento perché il canone RAI non è come



            l'abbonamento a Sky: è una tassa sul
            possesso

            di



            un televisore. Se non vedi la RAI lo devi

            pagare



            lo stesso. L'unico modo per non pagarlo è


            vendere



            il TV.





            E il PC...

            E il pc te lo scordi!

            NON ho nessun modo per ricevere segnali

            TELEVISIVI sul pc! :D

            un modo c'è.. aggiungere una chiavetta usb... per
            cui lo dovresti pagare... in realtà avevo letto
            questo su un forum di avvocati, quando
            trasferendomi nella nuova casa, non volevo il
            tv...

            allucinante, ma la legge (come al solito) non è
            chiara.. mi pare nel testo ci sia qualcosa del
            tipo:

            ... atto a poter captare i segnali...

            per cui il tuo è un potrebbe.... cioè basta senza
            colpo ferire aggiungere una chiavetta usb... cioè
            non è un frigorifero...
            Si, certo visto quello che ho in mezzo alle gambe, potrei essere uno stupratore :D Basta con ste ca@@ate per favore!
          • Anonimo scrive:
            leggere la legge
            qualunque apparecchio atto o adattabile alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive indipendentemente dalla qualita' o dalla quantita' del relativo utilizzo
          • Anonimo scrive:
            Re: leggere la legge
            - Scritto da: Anonimo
            qualunque apparecchio atto o adattabile alla
            ricezione delle trasmissioni radiotelevisive
            indipendentemente dalla qualita' o dalla
            quantita' del relativo utilizzoAlmeno cerca di trollare decentementeEcco, impara dai maestri http://www.bynoi.com/(troll)
    • dennisgarcia scrive:
      Re: Io invece vorrei vedere...
      E le due serate di Beppo Grillo del 1993 a Fantastico dalle quali emerse il problema dei numeri 144?
  • Anonimo scrive:
    Io invece vorrei "La Corsa alla Bomba"
    Io vorrei vedere il film per la tv "La Corsa alla Bomba", una delle cose migliori mai fatte dalla rai.
  • Anonimo scrive:
    Voglio vedere...
    Paolo Limiti!!!!! non vedo l'ora caspio!!! Lui si che è un uomo virile.
    • Anonimo scrive:
      Re: Voglio vedere...
      - Scritto da: Anonimo
      Paolo Limiti!!!!! non vedo l'ora caspio!!! Lui si
      che è un uomo virile.Io vorrei vedere Il Grande Gioco dell'Oca con la Marcuzzi che combatteva nel fango o si sedeva sulle gambe dei concorrenti... :p
      • Anonimo scrive:
        Re: Voglio vedere...
        - Scritto da: Anonimo
        Io vorrei vedere Il Grande Gioco dell'Oca con la
        Marcuzzi che combatteva nel fango o si sedeva
        sulle gambe dei concorrenti... :pSai che quando sento il nome Marcuzzi mi viene sempre in mente lei che combatte nel fango al gioco dell'oca? Non scherzo! Avrà avuto 18 anni a quei tempi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Voglio vedere...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Paolo Limiti!!!!! non vedo l'ora caspio!!! Lui
        si

        che è un uomo virile.

        Io vorrei vedere Il Grande Gioco dell'Oca con la
        Marcuzzi che combatteva nel fango o si sedeva
        sulle gambe dei concorrenti... :pIo invece la Marcuzzi la voglio in divisa da Carabiniere ed equipaggiata con le manette :p .
Chiudi i commenti