La Cina è ufficialmente potenza spaziale

Shenzhou VI, missione compiuta: fanfare e clima di festa nazionale per il rientro dei due taikonauti del vascello spaziale cinese. Prossimo obiettivo: la Luna. Con finalità minerarie


Pechino – Il modulo abitabile della missione spaziale Shenzhou VI è rientrato con successo nello spazio aereo cinese, atterrando nei deserti della Mongolia interna dopo cinque giorni in orbita attorno al pianeta. L’evento è stato accolto dai leader politici e dalla stampa nazionale cinese come “un momento memorabile”, che assicura alla Repubblica Popolare un podio nell’olimpo delle superpotenze, insieme a Russia e Stati Uniti.

I due astronauti, Fei Junglong e Nie Haisheng, godono di ottima salute ed hanno toccato la superficie del pianeta azzurro dopo una lunga discesa in paracadute . La limitatissima copertura giornalistica dell’avvenimento, in perfetto stile pechinese , ha permesso di scoprire ben pochi dettagli su ulteriori esiti della missione.

Ufficialmente, secondo l’agenzia nazionale Xinhua , l’equipaggio di Shenzhou VI è riuscito a “condurre tutti gli esperimenti in orbita previsti dai piani”: esperimenti genetici ed agrotecnologici , secondo il China Daily .

La televisione di stato CCTV ha coperto in diretta l’intero corso del rientro, mostrando l’impassibilità e la freddezza della grande sala di controllo spaziale di Pechino – una copia un po’ sbiadita e glaciale delle infrastrutture di comando spaziale statunitensi. Al momento del contatto col pianeta, uno strano silenzio è calato, composto, sulla grande sala sotto l’occhio delle telecamere.

Arriva una voce: “Tutto bene!”; e scoppia l’applauso: la capsula è atterrata a breve distanza dal punto previsto. “Il nostro status internazionale ne esce rafforzato e spinge i membri del Partito Comunista a fare sempre di più per il futuro del nostro paese”, ha gloriosamente annunciato Wu Bangguo, dirigente di altissimo livello nella nomenklatura del partito unico.

L’agenzia Asianews riferisce che il governo cinese ha vietato ogni accesso alla zona , come in un celebre film di Tarkovskij , per un raggio di circa 30 chilometri di ampiezza. I due taikonauti sono quindi stati prelevati in elicottero e trasportati in un centro ospedaliero, per effettuare controlli di routine e test medici.

Al di là di questo piccolo ed irrisolto mistero , su cui possono fioccare speculazioni e malignità d’ogni tipo e colore, il resto della storia è un turbine di feste ed ovazioni pubbliche : parate, sfilate e grandi comizi organizzati dalle sezioni locali del Partito Comunista per celebrare i due taikonauti che tengono alto il prestigio della bandiera rossa con cinque stelle.

I tecnici cinesi dell’Accademia Nazionale delle Scienze hanno fatto sapere che questo successo è solo “l’inizio della lunga marcia verso lo spazio”, dato che il “prossimo passo dell’astronautica cinese è la progettazione di un nuovo mezzo per l’allunaggio”, previsto per il 2010. Il nuovo vascello sarà basato sulle specifiche del modulo abitabile impiegato nella missione Shenzhou VI, ma avrà dimensioni maggiori e sarà dotato di due sezioni. L’obiettivo è la costruzione di una Pechino celeste? Forse: ci sono buone probabilità che i vertici della Repubblica Popolare Cinese abbiano intenzione di esplorare la Luna con l’intenzione di creare una base permanente che possa sfruttarne eventuali risorse minerarie.

Ed è sfida aperta con gli Stati Uniti, forti degli ambiziosi progetti della NASA . Il terreno di gioco sarà il satellite terrestre: chi sarà il vincitore di questa nuova corsa allo spazio , che ricorda gli anni caldi della guerra fredda? Quel che è certo è che la Cina va emergendo come potenza spaziale , una potenza che però non ha mai firmato il cosiddetto Moon Treaty : il Regno di Mezzo non ha mai aderito a questo importante trattato, inno alla pace ed alla condivisione collettiva delle risorse celesti.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    perchè!!!!
    In Oregon una copertura di ben 1000 CHILOMETRI QUADRATI, e nel mio paesello non c'è neanche una ca**o di adsl, perchè!! grazie tellecommm!!! :'( :'( :'( :'( :'(
  • Anonimo scrive:
    W le reti wi-fi!!!
    W le reti wi-fi!!!
  • Anonimo scrive:
    Da noi la competizione è tra le mazzette
    Bello vedere come in USA la competizione tra le varie aziende porti ad un fiorire di offerte una migliore dell'altra. Mi viene da piangere al pensiero che in italia non si muove foglia senza che la mazzetta giusta sia arrivata sulla scrivania dell'assessore comunale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Da noi la competizione è tra le mazz
      Proprio l'italia, che fa del turismo e dell'agricoltura la sua forza cultuale e del "made in italy", poteva fare un uso straordinario di reti wi-fi nelle campagne. Informazioni turistiche, vendita online geografica, prodotti locali in "push" sui palmari dei turisti... con la fantasia degli italiani non ci sarebbe limite a come valorizzare il territorio e le risorse.
      • Anonimo scrive:
        Re: Da noi la competizione è tra le mazz
        - Scritto da: Anonimo
        con la fantasia degli italiani non
        ci sarebbe limite Gli italiani hanno fantasia tanto quanto gli altri, ne di più ne di meno.Piantiamola con questa farsa della creatività italiana. Ultimamente siamo al palo solo perché non si investe niente nella ricerca e nello sviluppo. Ma non ci sono razze più creative delle altre.
        • Anonimo scrive:
          Re: Da noi la competizione è tra le mazz
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          con la fantasia degli italiani non

          ci sarebbe limite

          Gli italiani hanno fantasia tanto quanto gli
          altri, ne di più ne di meno.
          Piantiamola con questa farsa della creatività
          italiana.
          Ultimamente siamo al palo solo perché non si
          investe niente nella ricerca e nello sviluppo. Ma
          non ci sono razze più creative delle altre.gli investimenti hanno bisogno di terreno fertile, nessuno va ad investire laddove ci vogliono mille balle, mille permessi, mille autorizzazioni, mille marche da bollo, mille contatti giusti per muovere una fogliain Italia gli unici che non hanno bisogno di queste cose sono i venditori ambulanti che ti fanno parcheggiare fuori dagli ospedali, quelli no, mettono su un'attività in pochi minuti
  • Anonimo scrive:
    Tronky permettendo....
    A quando in Italia? Come dice il titolo Tronky permettendo s' intende......
    • Faus74 scrive:
      Re: Tronky permettendo....
      - Scritto da: Anonimo
      A quando in Italia? Come dice il titolo Tronky
      permettendo s' intende......Appunto,finchè c'è lui...mai
Chiudi i commenti