La disumanità dei robot

Human Rights Watch mette in guardia dai rischi dei droni capaci di agire autonomamente, e spinge affinché li si metta al bando. La guerra è una questione di uomini, non di macchine

Roma – Un nuovo rapporto dell’organizzazione a tutela dei diritti umani Human Rights Watch prende in considerazione i potenziali rischi derivanti dall’impiego dei “killer-robot”, droni o macchine capaci di funzionare autonomamente e prendere le decisioni inerenti la terminazione di avversari umani – siano essi militari o civili.

Il problema principale, dice HRW, è che i killer robot non sanno fare alcuna distinzione fra le due categorie succitate: primo della sua categoria, il rapporto dell’organizzazione umanitaria evidenzia come le macchine autonome che il Pentagono e altri stanno sperimentando non siano capaci di rispettare le leggi internazionali sui diritti umani.

Una tale caratteristica prevede la presenza di “qualità umane” che le macchine non hanno, sostiene HRW: le macchine non possono correlarsi agli esseri umani e capire le loro intenzioni, non sanno cosa sia la distinzione fra militari e civili né hanno la capacità di stabilire la proporzionalità di un contrattacco (ad esempio armi nucleari contro fucili o rapimenti).

Armi potenzialmente devastanti come il bombardiere autonomo X-47B della US Navy (capace di atterrare e fare rifornimento di carburante tutto da solo) vanno messe al bando, esorta HRW, prima che una futura apocalisse robotica evidenzi troppo tardi i rischi di mettere nelle mani delle macchine la decisione di disporre della vita degli uomini sul campo di battaglia.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • alien scrive:
    a Bolzano solo open office
    Questi sono i danni evidenti fatti al cervello delle vacche all' ammasso di anni di SW proprietario WC-CLOSED microsoft.I problemi addotti di compatibilità sono dovuti alla chiusura e incompatibilità di file di Office della microsoft piuttosto che all' apertura dei formati di memorizzazione di OpeOffice.In passato ci sono stato incompatibilità di file tra diverse verioni di OFFICE della Microsoft perchè così obbligava le vacche da mungere ad affittare livenze di nuove versioni.A Friburgo ragionano col XXXX perchè non hanno visione di prospettiva.Del resto città come Monaco e molte altre tra cui diverse in Italia a cominciare dal Trentino, alla Toscana, alla Puglia sono felicemente migrate all' Open Source. Ad esempio Monaco ha impiegato quasi 3 anni per migrare Server e Desk-Top all' Open Source meditando e testando fino alla scelta migliore e responsabile.Presto sarà OFFICE della microsoft a dover competere con OpenOffice aggiornando la compatibilità dei suoi formati chiusi.http://www.tomshw.it/cont/news/la-regione-puglia-e-l-avanguardia-open-source-italiana/38573/1.html[yt]qsxzvaQHxVw[/yt]Eppoi non avevano nemmeno OpenOffice aggiornato all' ultima versione e non riesco a capire che cacchio non riuscivano a fare che non si faccia con Office.E spero che tu sappia che c'è LIBREOffice. Ignoranti!
    • shevathas scrive:
      Re: a Bolzano solo open office
      - Scritto da: alien
      Questi sono i danni evidenti fatti al cervello
      delle vacche all' ammasso di anni di SW
      proprietario WC-CLOSED
      microsoft.A leggere il messaggio mi sembra che i danni li produce il compilare troppo kernel nella cantina del lug locale.
      I problemi addotti di compatibilità sono dovuti
      alla chiusura e incompatibilità di file di Office
      della microsoft piuttosto che all' apertura dei
      formati di memorizzazione di
      OpeOffice.che poi i problemi di compatibilità non riguardano il formato dei file ma l'interoperabilità a livello di applicazione e di oggetti esportati dall'applicazione. Non son ne problemi di formati e neppure problemi di segretarie...
      In passato ci sono stato incompatibilità di file
      tra diverse verioni di OFFICE della Microsoft
      perchè così obbligava le vacche da mungere ad
      affittare livenze di nuove
      versioni.la retrocompatibilità dei formati verso le vecchie versioni c'è sempre stata.
      A Friburgo ragionano col XXXX perchè non hanno
      visione di
      prospettiva.
      perché, perché non hanno contattato il LUG di roccafritta di mezzo per la migrazione e un install fest ?
      Del resto città come Monaco e molte altre tra cui
      diverse in Italia a cominciare dal Trentino, alla
      Toscana, alla Puglia sono felicemente migrate
      all' Open Source. Ovviamente hai le fonti di queste clamorose notizie. In puglia la regione a parte una legge che scopiazza malamente il codice dell'amministrazione digitale e un accordo con la M$ ha fatto poco o nulla per l'OS.
      Ad esempio Monaco ha impiegato
      quasi 3 anni per migrare Server e Desk-Top all'
      Open Source meditando e testando fino alla scelta
      migliore e
      responsabile.il progetto limux è partito nel 2003, hanno dichiarato di averlo completato nel 2012... certo in quasi tre anni... e anche a costo zero...

      Presto sarà OFFICE della microsoft a dover
      competere con OpenOffice aggiornando la
      compatibilità dei suoi formati
      chiusi.[yt]mSfYme_TL48[/yt]

      Eppoi non avevano nemmeno OpenOffice aggiornato
      all' ultima versione e non riesco a capire che
      cacchio non riuscivano a fare che non si faccia
      con
      Office.Interazione con software di terze parti mediante librerie di oggetti esportati dall'applicazioneGestione avanzata delle macroIntegrazione con sistemi documentaliIntegrazione con sistemi ERP...
      E spero che tu sappia che c'è LIBREOffice.
      Ignoranti!però una ripassata all'aritmetica sarebbe meglio.
      • Fabrizio Cinti scrive:
        Re: a Bolzano solo open office
        Allora: credo che nessuno discuta la superiorità di funzioni, di interfaccia, e possibilità messe a disposizione da MS Office rispetto a OO, LO, o come vi pare.Quello che gli manca (una interfaccia java?) potrebbe pure essere scritto da qualche "cantinaro" in gamba, può fare un plugin, nessuno glielo vieta.Ma il punto dolente rimangono i FORMATI, non le interfacce usate per crearli. Microsoft ha dimostrato ampiamente di non volerne sapere di formati aperti e con OOXML ha fatto il giochino delle tre carte (da meravigliarsi -se non sintomatico- che ISO si sia sXXXXXXXto fino a questo punto). E visto che Microsoft è una compagnia privata a scopo di lucro, e non si può obbligarla a usare un certo formato (magari), allora meglio iniziare a levarsela dai cosiddetti...
        • shevathas scrive:
          Re: a Bolzano solo open office

          Quello che gli manca (una interfaccia java?)
          potrebbe pure essere scritto da qualche
          "cantinaro" in gamba, può fare un plugin, nessuno
          glielo
          vieta.
          difficile visto che si dovrebbe mettere mano pesantemente alla struttura del programma, permettergli di esportare i propri oggetti e consentire a software di terze parti, mediante opportune librerie, di interagire con questi. Non è un lavoretto da cantinaro.
          Ma il punto dolente rimangono i FORMATI, non le
          interfacce usate per crearli. Microsoft ha
          dimostrato ampiamente di non volerne sapere di
          formati aperti e con OOXML ha fatto il giochinoecchissenefrega... i formati non sono un problema. Scrivere un bip di software per estrarre i dati che stanno i quei file è alla portata di chiunque mastichi un poco di programmazione. Cavolo interessa il testo del provvedimento o le cifre del foglio di calcolo oppure se il nome del beneficiario è in grassetto allineato a destra ? Il problema del recupero dei dati dai vecchi file è un problema che si risolve in uno/due mesi di lavoro da parte di tecnici con un Q.I. leggermente superiore a quello di un bradipo. Il problema non è quello, il problema è tutto il resto.
          • krane scrive:
            Re: a Bolzano solo open office
            - Scritto da: shevathas

            Quello che gli manca (una interfaccia java?)

            potrebbe pure essere scritto da qualche

            "cantinaro" in gamba, può fare un plugin,
            nessuno

            glielo

            vieta.


            difficile visto che si dovrebbe mettere mano
            pesantemente alla struttura del programma,
            permettergli di esportare i propri oggetti e
            consentire a software di terze parti, mediante
            opportune librerie, di interagire con questi. Non
            è un lavoretto da
            cantinaro.


            Ma il punto dolente rimangono i FORMATI, non
            le

            interfacce usate per crearli. Microsoft ha

            dimostrato ampiamente di non volerne sapere
            di

            formati aperti e con OOXML ha fatto il
            giochino

            ecchissenefrega... i formati non sono un
            problema. Scrivere un bip di software per
            estrarre i dati che stanno i quei file è alla
            portata di chiunque mastichi un poco di
            programmazione. Cavolo interessa il testo del
            provvedimento o le cifre del foglio di calcolo
            oppure se il nome del beneficiario è in grassetto
            allineato a destra ? Il problema del recupero dei
            dati dai vecchi file è un problema che si risolve
            in uno/due mesi di lavoro da parte di tecnici con
            un Q.I. leggermente superiore a quello di un
            bradipo. Il problema non è quello, il problema è
            tutto il
            resto.E una cosa non e' un problema, un'altra non e' un problema...Ma allora cos'e' questo "tutto il resto" che blocca le migrazioni ?
          • shevathas scrive:
            Re: a Bolzano solo open office


            E una cosa non e' un problema, un'altra non e' un
            problema...
            Ma allora cos'e' questo "tutto il resto" che
            blocca le migrazioni
            ?leggi i messaggi precedenti. ;)difficoltà ad integrare e far interagire OO con soluzioni software di terze parti, come ad esempio un sistema documentale e/o contabile.
          • krane scrive:
            Re: a Bolzano solo open office
            - Scritto da: shevathas



            E una cosa non e' un problema, un'altra non
            e'
            un

            problema...

            Ma allora cos'e' questo "tutto il resto" che

            blocca le migrazioni

            ?

            leggi i messaggi precedenti. ;)
            difficoltà ad integrare e far interagire OO con
            soluzioni software di terze parti, come ad
            esempio un sistema documentale e/o
            contabile.Beh, chiaro: se un'azienda fin'ora si era rivolta a un singolo fornitore accettando di usare chiavi proproprietarie invece delle classiche chiavi inglesi, ora non si puo' lamentare se si devono sostituire tutti i bulloni della struttura.
        • TTJJqJrN scrive:
          Re: a Bolzano solo open office
          1, http://drugordering.com/ tetracycline,
    • max59 scrive:
      Re: a Bolzano solo open office
      - Scritto da: alien
      Eppoi non avevano nemmeno OpenOffice aggiornato
      all' ultima versione e non riesco a capire che
      cacchio non riuscivano a fare che non si faccia
      con
      Office.
      E spero che tu sappia che c'è LIBREOffice.
      Ignoranti!il problema resta sempre nell'assistenza che il closed ha capillare, mentre IBM è solo per i server che in qualche realta' locale si trovi qualcuno disposto a fare assistenza è evidente, ma su scala nazionale è inesistente.Se non succede vuol dire che non conviene
      • alien scrive:
        Re: a Bolzano solo open office
        - Scritto da: max59
        il problema resta sempre nell'assistenza che il
        closed ha capillare, mentre IBM è solo per i
        server

        che in qualche realta' locale si trovi qualcuno
        disposto a fare assistenza è evidente, ma su
        scala nazionale è
        inesistente.
        Se non succede vuol dire che non convienePer l' assistenza scarsa è vero. :$ Come è vero che in Italia è punito chi inizia nuove attività ed è per questo che scarseggia. Solo dei pazzi nelle condizioni in cui han ridotto il Paese apre nuove partite iva.:'(
        • max59 scrive:
          Re: a Bolzano solo open office
          - Scritto da: alien
          Per l' assistenza scarsa è vero. :$ Come è vero
          che in Italia è punito chi inizia nuove attività
          ed è per questo che scarseggia. Solo dei pazzi
          nelle condizioni in cui han ridotto il Paese apre
          nuove partite
          iva.:'(ma CHI è punito? (newbie)in realta' non c'è convenienza in quanto la sola utenza open è quella dei server gia' assistita da IBM 8)nelle realta' locali citate dal filmato ci sono programmi specifici per l'azienda trasporti, quindi curati per contratto dalla software house che li ha creati ;)insomma non decolla assistenza se non c'è convenienza :D
      • panda rossa scrive:
        Re: a Bolzano solo open office
        - Scritto da: max59
        - Scritto da: alien

        Eppoi non avevano nemmeno OpenOffice
        aggiornato

        all' ultima versione e non riesco a capire
        che

        cacchio non riuscivano a fare che non si
        faccia

        con

        Office.

        E spero che tu sappia che c'è LIBREOffice.

        Ignoranti!

        il problema resta sempre nell'assistenza che il
        closed ha capillare, mentre IBM è solo per i
        server

        che in qualche realta' locale si trovi qualcuno
        disposto a fare assistenza è evidente, ma su
        scala nazionale è
        inesistente.
        Se non succede vuol dire che non convieneL'assistenza serve solo agli ignoranti.Chi ne sa, non ha bisogno di assistenza.
        • panda rossa scrive:
          Re: a Bolzano solo open office
          - Scritto da: max59
          ma se l'assistenza è di pochi si fanno pagare
          cari,pochi? Se il mondo ti pare pochi...Forse volevi dire "se l'assistenza e' dei CAPACI, si fanno pagare di conseguenza".
          se è diffusa, la concorrenza fa abbassare i
          prezzi e posso farmi assistere anche la
          contabilita' di
          casa.(linux)Un sistemista unix e' polivalente.Ne trovi uno e quello ti manda avanti tutta la baracca.
        • alien scrive:
          Re: a Bolzano solo open office
          - Scritto da: max59

          ma se l'assistenza è di pochi si fanno pagare

          cari, se è diffusa, la concorrenza fa
          abbassare
          i

          prezzi e posso farmi assistere anche la

          contabilita' di

          casa.(linux)





          Semmai l'IBM fara' un'assistenza capillare
          open

          non solo per i server, ma anche per i
          &client
          :$

          allora la massa degli utenti potra' lasciare
          il

          closed

          E l'open uscira' dalla cantina, pardon, dalla

          nicchia

          ;)Stai dicendo XXXXXXX. :@ Il privato non si rivolge mai all' assistenza SW; anzi, spesso ha programmi piratati.Il sucXXXXX di aziende wc-closed microsoft in primis fu dovuto alla complicità IDIOTA dell' elefante IBM di 20 anni fa. :(Ma non solo ovviamente
          • max59 scrive:
            Re: a Bolzano solo open office
            - Scritto da: alien
            Stai dicendo XXXXXXX. :@ Il privato non si
            rivolge mai all' assistenza SW; anzi, spesso ha
            programmi
            piratati.
            Il sucXXXXX di aziende wc-closed microsoft in
            primis fu dovuto alla complicità IDIOTA dell'
            elefante IBM di 20 anni fa.
            :(
            Ma non solo ovviamente programmi sono piratati proprio per l'alto costo sia degli originali che della manutenzione, ottimo argomento per l'open che costa meno non facendo pagare copyright (linux)quanto a ibm l'aprire una sezione manutenzione soft client sarebbe sia riparazione per gli errori del passato :oops: , sia ulteriore fonte di guadagno :wink: ,sia unica possibile soluzione perchè l'open diventi di massa e linux esca dalla cantina, pardon, dalla nicchia :D
        • alien scrive:
          Re: a Bolzano solo open office
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: max59

          altrimenti se compro una panda rossa devo
          essere

          anche meccanico?

          (rotfl)

          Puoi essere meccanico e revisionarla da te.
          Nessuno ti vieta di andare da un meccanico e
          pagarlo.

          La differenza col closed e' che il closed TI
          OBBLIGA ad andare dal meccanico e
          pagarlo.Panda Rossa, Max non so se ci è o se ci fa. Max è un enigma.(newbie)
          • max59 scrive:
            Re: a Bolzano solo open office
            - Scritto da: alien
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: max59


            altrimenti se compro una panda rossa
            devo

            essere


            anche meccanico?


            (rotfl)



            Puoi essere meccanico e revisionarla da te.

            Nessuno ti vieta di andare da un meccanico e

            pagarlo.



            La differenza col closed e' che il closed TI

            OBBLIGA ad andare dal meccanico e

            pagarlo.
            Panda Rossa, Max non so se ci è o se ci fa. Max è
            un
            enigma.(newbie)max è solo realista, o IBM o nicchia :
  • alien scrive:
    a Bolzano solo open office
    Questi sono i danni evidenti fatti al cervello delle vacche all' ammasso di anni di SW proprietario WC-CLOSED microsoft.I problemi addotti di compatibilità sono dovuti alla chiusura e incompatibilità di file di Office della microsoft piuttosto che all' apertura dei formati di memorizzazione di OpeOffice.In passato ci sono stato incompatibilità di file tra diverse verioni di OFFICE della Microsoft perchè così obbligava le vacche da mungere ad affittare livenze di nuove versioni.A Friburgo ragionano col XXXX perchè non hanno visione di prospettiva.Del resto città come Monaco e molte altre tra cui diverse in Italia a cominciare dal Trentino, alla Toscana, alla Puglia sono felicemente migrate all' Open Source. Ad esempio Monaco ha impiegato quasi 3 anni per migrare Server e Desk-Top all' Open Source meditando e testando fino alla scelta migliore e responsabile.Presto sarà OFFICE della microsoft a dover competere con OpenOffice aggiornando la compatibilità dei suoi formati chiusi.http://www.tomshw.it/cont/news/la-regione-puglia-e-l-avanguardia-open-source-italiana/38573/1.html[yt]qsxzvaQHxVw[/yt]Eppoi non avevano nemmeno OpenOffice aggiornato all' ultima versione e non riesco a capire che cacchio non riuscivano a fare che non si faccia con Office.E spero che tu sappia che c'è LIBREOffice. Ignoranti!
  • andy61 scrive:
    ci vorrebbe un po' di onestà mentale ...
    ... da parte dei tedeschi di Friburgo, e forse anche da parte di tutti.È vero che le suite libere (LibreOffice, OpenOffice) e quella di Microsoft non sono completamente compatibili.È anche vero che i prodotti di Microsoft sono più evoluti.Resta solo da capire a chi dare la colpa.È un errore voler abbandonare a priori Microsoft per il mondo libero (e illusoriamente gratuito), come lo è il voler tornare al mondo proprietario perché il software libero non si comporta identicamente a quello proprietario.L'errore stà nel considerare come standard il formato di documenti trattato dal mondo Microsoft.Sarebbe molto più onesto partire dallo standard vero (ODF), e chiedersi quale sia la suite che rispetta meglio lo standard.È fondamentale capire che al centro devono stare i dati: ieri li aprivamo con Microsoft, oggi con LibreOffice, e domani con la suite StarTrekOffice; l'importante è poterli continuare ad aprire, e lasciare spazio al mercato per poter sviluppare software sempre migliore, cosa che si può fare solo se c'è trasparenza sul formato di ciò che deve essere trattato.È possibile che chi non si comporta bene nel trattare i documenti ODF sia la suite Microsoft, e non OpenOffice: occorrerebbe un proXXXXX di certificazione dei prodotti software rispetto a quanto previsto dagli standard.È anche possibile che le suite libere non implementino correttamente lo standard, e questo potrebbe essere un motivo accettabile per tornare indietro (sempre che quella di Microsoft sia meglio, nel rispettare lo standard).Restano poi i casi in cui l'automazione dei processi aziendali sia stata pesantemente realizzata sfruttando caratteristiche proprietarie del mondo Microsoft e che non hanno un equivalente nel mondo libero: di fronte a questo tipo di problemi, risulta fondamentale analizzare i costi di adattamento delle personalizzazioni rispetto al costo da sostenere per l'acquisto ed il mantenimento delle licenze software.È tempo di farla finita con le crociate fondate sull'aria fritta o su partiti presi: non ci si può più permettere di sprecare soldi dei contribuenti a causa delle simpatie, della prigrizia o dell'ignoranza di chi deve gestire le strategie di miglioramento su mandato e nell'interesse dei cittadini (e con lo stipendio pagato da loro).A proposito di onestà mentale, e per i nostri amministratori pubblici: è fondamentale che venga ufficializzato per legge che i documenti pubblici devono essere salvati e scambiati soltanto in formati aperti e liberi.È inutile fare le guerre tra Microsoft e software libero, se gli utenti continuano (per propria ignoranza e per la mancanza di obblighi di legge) a scambiarsi documenti in formati proprietari.Fissato lo standard sul formato dei documenti, chiunque può scegliere liberamente in base alle proprie esigenze quale sia il prodotto più appropriato sia per funzionalità che per costo.
    • panda rossa scrive:
      Re: ci vorrebbe un po' di onestà mentale ...
      - Scritto da: andy61
      ... da parte dei tedeschi di Friburgo, e forse
      anche da parte di
      tutti.

      È vero che le suite libere (LibreOffice,
      OpenOffice) e quella di Microsoft non sono
      completamente
      compatibili.
      È anche vero che i prodotti di Microsoft sono più
      evoluti.E' piu' evoluto un programma che gira SOLO su win 7 (non e' chiaro se girera' anche su win 8), o un programma che gira su tutte le versioni di windows da xp in su, su tutte le versioni di linux, su tutte le versioni di osx, su tutte le versioni di qualunque altra cosa?
      Resta solo da capire a chi dare la colpa.
      È un errore voler abbandonare a priori Microsoft
      per il mondo libero (e illusoriamente gratuito),
      come lo è il voler tornare al mondo proprietario
      perché il software libero non si comporta
      identicamente a quello
      proprietario.Nessun paio di scarpette alate si comportera' mai come delle palle al piede in pesante ferro arrugginito.
      L'errore stà nel considerare come standard il
      formato di documenti trattato dal mondo
      Microsoft.Bravo!
      Sarebbe molto più onesto partire dallo standard
      vero (ODF), e chiedersi quale sia la suite che
      rispetta meglio lo standard.Anni che andiamo predicando questa ovvieta'!
      È fondamentale capire che al centro devono stare
      i dati: ieri li aprivamo con Microsoft, oggi con
      LibreOffice, e domani con la suite
      StarTrekOffice; l'importante è poterli continuare
      ad aprire, e lasciare spazio al mercato per poter
      sviluppare software sempre migliore, cosa che si
      può fare solo se c'è trasparenza sul formato di
      ciò che deve essere trattato.Gia'.
      È possibile che chi non si comporta bene nel
      trattare i documenti ODF sia la suite Microsoft,E' certo!
      e non OpenOffice: occorrerebbe un proXXXXX di
      certificazione dei prodotti software rispetto a
      quanto previsto dagli standard.E poi occorrerebbe che il software della PA debba rigorosamente avere questa certificazione.
      È anche possibile che le suite libere non
      implementino correttamente lo standard, e questo
      potrebbe essere un motivo accettabile per tornare
      indietro (sempre che quella di Microsoft sia
      meglio, nel rispettare lo standard).Si va bene, e' anche possibile che domani il sole non sorga e che un meteorite ci spazzi via tutti.Tutto e' possibile, e piu' probabile di quanto da te ipotizzato.
      Restano poi i casi in cui l'automazione dei
      processi aziendali sia stata pesantemente
      realizzata sfruttando caratteristiche
      proprietarie del mondo Microsoft e che non hanno
      un equivalente nel mondo libero: di fronte a
      questo tipo di problemi, risulta fondamentale
      analizzare i costi di adattamento delle
      personalizzazioni rispetto al costo da sostenere
      per l'acquisto ed il mantenimento delle licenze
      software....proiettato da qui all'eternita'!Perche' una volta che i formati sono liberi, lo saranno per sempre.La palla al piede invece costera' magari meno tenerla che farsela togliere, ma te la devi trascinare finche' c'e'.
      È tempo di farla finita con le crociate fondate
      sull'aria fritta o su partiti presi: non ci si
      può più permettere di sprecare soldi dei
      contribuenti a causa delle simpatie, della
      prigrizia o dell'ignoranza di chi deve gestire le
      strategie di miglioramento su mandato e
      nell'interesse dei cittadini (e con lo stipendio
      pagato da loro).Dillo ai winari che plaudono a queste cose, manco gli venisse in tasca un centesimo dei milioni che vanno ad ingrassare i parassiti M$.
      A proposito di onestà mentale, e per i nostri
      amministratori pubblici: è fondamentale che venga
      ufficializzato per legge che i documenti pubblici
      devono essere salvati e scambiati soltanto in
      formati aperti e liberi.Facciamo andare al governo i 5 stelle e questa cosa verra' realizzata.
      È inutile fare le guerre tra Microsoft e software
      libero, se gli utenti continuano (per propria
      ignoranza e per la mancanza di obblighi di legge)
      a scambiarsi documenti in formati
      proprietari.

      Fissato lo standard sul formato dei documenti,
      chiunque può scegliere liberamente in base alle
      proprie esigenze quale sia il prodotto più
      appropriato sia per funzionalità che per
      costo.Non c'e' partita.
    • pippo75 scrive:
      Re: ci vorrebbe un po' di onestà mentale ...

      Sarebbe molto più onesto partire dallo standard
      vero (ODF), e chiedersi quale sia la suite che
      rispetta meglio lo standard.qui parlando di problemi con documenti, ma quali documenti li creano? non ho capito quale programmi hanno usato.- word- excel- access- powerpoint- publisher- altri.Che tipo di problemi sono stati rilevati?
      È fondamentale capire che al centro devono stare
      i dati: ieri li aprivamo con Microsoft, oggi con
      LibreOffice, e domani con la suite
      StarTrekOffice; l'importante è poterli continuare
      ad aprire,Appunto.
      sull'aria fritta o su partiti presi: non ci si
      può più permettere di sprecare soldi dei
      contribuenti a causa delle simpatie, della
      prigrizia o dell'ignoranza di chi deve gestire le
      strategie di miglioramento su mandato e
      nell'interesse dei cittadini (e con lo stipendio
      pagato da loro).buona fortuna.
      A proposito di onestà mentale, e per i nostri
      amministratori pubblici: è fondamentale che venga
      ufficializzato per legge che i documenti pubblici
      devono essere salvati e scambiati soltanto in
      formati aperti e liberi.sbaglio o sia odt che docx( e fratelli ) sono open?
      È inutile fare le guerre tra Microsoft e software
      libero, se gli utenti continuano (per propria
      ignoranza e per la mancanza di obblighi di legge)
      a scambiarsi documenti in formati proprietari.vuoi spaccare la testa a tutti? impossibile, teste troppo dure.( Più facile rompere un atomo che un pregiudizio. )

      Fissato lo standard sul formato dei documenti,
      chiunque può scegliere liberamente in base alle
      proprie esigenze quale sia il prodotto più
      appropriato sia per funzionalità che per
      costo.Aspettiamo che lo standard sia fissato. ( openoffice e libreoffice leggono e scrivono al 100% la stessa cosa ? Ma la storia che hanno aggiornato ODT e la nuova versione non è ancora standard ? )
      • andy61 scrive:
        Re: ci vorrebbe un po' di onestà mentale ...
        È vero, sia ODF e OOXML sono formati aperti.Il problema è che mentre ODF è un formato nato aperto e standardizzato in modo condiviso e senza pressioni e supportato da svariati programmi, OOXML è un formato (almeno inizialmente) supportato solo da Microsoft, fatto approvare da Microsoft 'a calci', con artifizi assolutamente inaccettabili e non supportato dal mercato.Microsoft stessa, che ha forzato la pubblicazione e l'approvazione dello standard, si è dovuta scontrare contro migliaia di emendamenti (se ricordo bene, più di 15000) che sono stati presentati ed approvati per carenze, ambiguità, errori ed altre anomalie, perché Microsoft non ha progettato un formato aperto, ma ha cercato di far standardizzare quello che era il formato 'as is' gestito dai suoi programmi, con tutti gli errori e gli accrocchi che si erano accumulati nel tempo.Lo standard stesso contiene delle voci marcate come 'deprecate' perché contiene delle porcherie che non è stato possibile cassare sul nascere, pena la necessità per Microsoft di dover riscrivere i propri programmi.Al momento dell'approvazione dello standard la suite Office di Microsoft non era compatibile con lo standard che essa stessa ha proposto e fatto approvare, e non so se ad oggi abbia raggiunto la piena compatibilità.L'altra cosa assurda, e che è la porcheria più grande, è che la ISO è stata forzata ad approvare uno standard in concorrenza con uno standard già esistente, invece che migliorare quello esistente.Il problema è che quando nel mondo le pubbliche amministrazioni di interi stati hanno cominciato ad orientarsi verso i formati liberi (per poter dare spazio ai software liberi), Microsoft è rimasta automaticamente esclusa da tutte le forniture per le PA, per cui è stata costretta a scegliere se modificare pesantemente tutti i propri programmi per supportare il formato ODF, oppure riuscire a trasformare i propri formati da proprietari a 'liberi'.Invito alla lettura di https://it.wikipedia.org/wiki/OOXML, tanto per farsi una prima idea (molto edulcorata) di come sono andate le cose.
  • ... scrive:
    il potere delle parole
    una citta' tedesca non e' la germania. cosi' come maruccia non e' Punto Informatico (o forse si, visto che dopo centinaia di XXXXXXX scritte non e' stato cacciato: mi sa che e' azionista di maggioranza di edizioni master)
  • ... scrive:
    la germania != una citta tedesca
    Titolo: Punto informatico? tutti ladriSottototolo: alforno maruccia ha rubato una mela al Supermercato Unes Chiaro? di certo c'e' che a PI avete la faccia come il XXXX
    • shevathas scrive:
      Re: la germania != una citta tedesca
      - Scritto da: ...
      Titolo: Punto informatico? tutti ladri
      Sottototolo: alforno maruccia ha rubato una mela
      al Supermercato Unes

      Alforno le mele le compra solo ed esclusivamente all'apple store. E solo se morsicate da ruppolo.
  • Francesco scrive:
    Fra' Cipolla
    Le mie esperienze con i software open sono limitate all'uso domestico, oppure prendo atto di cosa accade ad aziende medio-grandi con cui sono in relazione.In genere passa il Fra' Cipolla della situazione ed offre soluzioni taumaturgiche per risparmiare ai soliti pseudo manager da operetta che sanno comprendere solo le slide.Così invece di finanziare M$ ogni 5 anni, si trovano a finanziare ogni mese Fra' Cipolla.In quanto allo specifico, credo che l'incompatibilità dei formati sia l'ultima delle motivazioni.
    • Fabrizio Cinti scrive:
      Re: Fra' Cipolla
      Se è "ogni" 5 anni vuol dire che il Fra' Cipolla sa fare l'orto; perché anche il più stupido dei manager capisce "guadagno" e "risparmio" a cicli quinquennali. Se non risparmia/guadagna, saluta il Fra' Cipolla.E' quando non lo capisce, o sembra non capirlo, che difficilmente si affida a un Fra' Cipolla e fa il sacro e sempre invocato "quello che fanno tutti".(Oppure c'è altro: una azienda qui vicino negli ultimi 3 anni ha comprato 5 computer e quasi 180 telefonini. Non stupisce che pochi mesi fa sia stata venduta..)
      • ninjaverde scrive:
        Re: Fra' Cipolla

        (Oppure c'è altro: una azienda qui vicino negli
        ultimi 3 anni ha comprato 5 computer e quasi 180
        telefonini. Non stupisce che pochi mesi fa sia
        stata
        venduta..)Se hanno venduto anche i telefonini hanno fatto un affare! (rotfl)
  • Lollo scrive:
    Problema mal posto
    Se Office produce file ".doc" che OpenOffice non sempre digerisce ... butto ".doc" di office che è fuori da qualsiasi standard.Punto.Chiunque pensi di buttare OpenOffice che gestisce bene gli standard perché non digerisce file ".doc" che non rispondono a nessuno standard è chiaramente in malafede.Ma non c'era una legge europea che dice quali sono gli standard da seguire?
    • Fabrizio Cinti scrive:
      Re: Problema mal posto
      - Scritto da: Lollo
      Se Office produce file ".doc" che OpenOffice non
      sempre digerisce ... butto ".doc" di office che è
      fuori da qualsiasi
      standard.Sei uno studente che scrive dalla cameretta? Il giorno che andrai a lavorare ti renderai conto che dei formati, dei programmi, di MS OO Libre etc. non importa a nessuno. Neppure a quelli che sanno di cosa stiamo parlando, e sai perché?Perché se qualcuno perde tempo (=viene pagato, o paga per) a mandare un documento, lo fa poiché c'è una "catena di obblighi", di cose da fare che riguardano entrambe le aziende, ok? Se una cosa non viene fatta o viene fatta fuori dai tempi previsti, solitamente ci sono conseguenze, pensi che di Office, di LibreOffice, di OpenOffice, di WordPerfect, della licenza, dell'Open Source, di Stallman Ballmer Cook e Jobs pace all'anima sua gliene freghi qualcosa a qualcuno?
      Chiunque pensi di buttare OpenOffice che gestisce
      bene gli standacrd perché non digerisce file
      ".doc" che non rispondono a nessuno standard è
      chiaramente in malafede.Bene, bravo, ma il lavoro sta lì ancora da fare, il file è ancora da leggere, se entro 2 giorni non hai fatto questa cosa il cliente s'XXXXXXX e lo perdiamo. Oppure, se sei dall'altra parte... mancano 2 giorni alla scadenza di <scadenza
      e la persona ha mandato quel file. Vuoi andare avanti a leggerlo o pensi che al giudice a cui si rivolgerà importi qualcosa di quale pidocchioso strumento NON ti sei dotato per fare il tuo lavoro?
      Ma non c'era una legge europea che dice quali
      sono gli standard da
      seguire?Sì, c'è anche una moneta europea. Creata dalle banche e usata per svuotare le casse degli stati e dei loro cittadini. La legge è fatta da persone in grado di accettare uno standard con scritto "questo standard funziona come un prodotto non standard". Ah, puoi pensare che anche loro siano in malafede, tanto se non leggi quel documento e non ti dai una mossa, sono tutti cavoli tuoi.
      • SargonIII scrive:
        Re: Problema mal posto
        - Scritto da: Fabrizio Cinti
        - Scritto da: Lollo


        Se Office produce file ".doc" che OpenOffice
        non

        sempre digerisce ... butto ".doc" di office
        che
        è

        fuori da qualsiasi

        standard.

        Sei uno studente che scrive dalla cameretta? Il
        giorno che andrai a lavorare ti renderai conto
        che dei formati, dei programmi, di MS OO Libre
        etc. non importa a nessuno. Neppure a quelli che
        sanno di cosa stiamo parlando, e sai
        perché?

        Perché se qualcuno perde tempo (=viene pagato, o
        paga per) a mandare un documento, lo fa poiché
        c'è una "catena di obblighi", di cose da fare che
        riguardano entrambe le aziende, ok? Se una cosa
        non viene fatta o viene fatta fuori dai tempi
        previsti, solitamente ci sono conseguenze, pensi
        che di Office, di LibreOffice, di OpenOffice, di
        WordPerfect, della licenza, dell'Open Source, di
        Stallman Ballmer Cook e Jobs pace all'anima sua
        gliene freghi qualcosa a
        qualcuno?



        Chiunque pensi di buttare OpenOffice che
        gestisce

        bene gli standacrd perché non digerisce file

        ".doc" che non rispondono a nessuno standard
        è

        chiaramente in malafede.

        Bene, bravo, ma il lavoro sta lì ancora da fare,
        il file è ancora da leggere, se entro 2 giorni
        non hai fatto questa cosa il cliente s'XXXXXXX e
        lo perdiamo. Oppure, se sei dall'altra parte...
        mancano 2 giorni alla scadenza di
        <scadenza
        e la persona ha mandato quel
        file. Vuoi andare avanti a leggerlo o pensi che
        al giudice a cui si rivolgerà importi qualcosa di
        quale pidocchioso strumento NON ti sei dotato per
        fare il tuo
        lavoro?



        Ma non c'era una legge europea che dice quali

        sono gli standard da

        seguire?

        Sì, c'è anche una moneta europea. Creata dalle
        banche e usata per svuotare le casse degli stati
        e dei loro cittadini. La legge è fatta da persone
        in grado di accettare uno standard con scritto
        "questo standard funziona come un prodotto non
        standard". Ah, puoi pensare che anche loro siano
        in malafede, tanto se non leggi quel documento e
        non ti dai una mossa, sono tutti cavoli
        tuoi.Curioso il fatto che tu possa pubblicare qui le tue idee sull'inutilità dei formati e degli standard proprio grazie a dei protocolli pubblici, standardizzati e liberi da licenze come il TCP/IP, l'HTTP...Servono proprio a una fava questi vero?
        • Fabrizio Cinti scrive:
          Re: Problema mal posto
          E cosa c'entra con ciò di cui stavamo parlando? Allora per sillogismo le riviste a pagamento non dovrebbero parlare di Open Source?Concordo sul fatto che i formati aperti nelle PA dovrebbero essere OBBLIGATORI per i nostri diritti di cittadini, non discutevo affatto su questo.
      • panda rossa scrive:
        Re: Problema mal posto
        - Scritto da: Fabrizio Cinti

        Perché se qualcuno perde tempo (=viene pagato, o
        paga per) a mandare un documento, lo fa poiché
        c'è una "catena di obblighi", di cose da fare che
        riguardano entrambe le aziende, ok? Se una cosa
        non viene fatta o viene fatta fuori dai tempi
        previsti, solitamente ci sono conseguenze, pensi
        che di Office, di LibreOffice, di OpenOffice, di
        WordPerfect, della licenza, dell'Open Source, di
        Stallman Ballmer Cook e Jobs pace all'anima sua
        gliene freghi qualcosa a
        qualcuno?A ME FREGA!

        Chiunque pensi di buttare OpenOffice che
        gestisce

        bene gli standacrd perché non digerisce file

        ".doc" che non rispondono a nessuno standard
        è

        chiaramente in malafede.

        Bene, bravo, ma il lavoro sta lì ancora da fare,
        il file è ancora da leggere, se entro 2 giorni
        non hai fatto questa cosa il cliente s'XXXXXXX e
        lo perdiamo. Manda un PDF che il cliente lo legge sempre e comunque.(E neanche lo modifica).
        Oppure, se sei dall'altra parte...
        mancano 2 giorni alla scadenza di
        <scadenza
        e la persona ha mandato quel
        file. Vuoi andare avanti a leggerlo o pensi che
        al giudice a cui si rivolgerà importi qualcosa di
        quale pidocchioso strumento NON ti sei dotato per
        fare il tuo lavoro?Me ne sbatto altamente del giudice.Se non riesco a leggerlo lo rimando indietro.L'ho sempre fatto e continuo a farlo.Una volta, me lo hanno inviato per fax dopo che gli ho urlato per telefono che se non riesco ad aprirlo coi miei strumenti sono loro che devono adeguarsi.

        Ma non c'era una legge europea che dice quali

        sono gli standard da

        seguire?

        Sì, c'è anche una moneta europea. Creata dalle
        banche e usata per svuotare le casse degli stati
        e dei loro cittadini. La legge è fatta da persone
        in grado di accettare uno standard con scritto
        "questo standard funziona come un prodotto non
        standard". Ah, puoi pensare che anche loro siano
        in malafede, tanto se non leggi quel documento e
        non ti dai una mossa, sono tutti cavoli
        tuoi.Non sono io quello che e' in difetto.Se il loro documento non si legge, lo riscrivono.Oppure mi fanno avere a loro spese lo strumento per leggerlo.
        • Fabrizio Cinti scrive:
          Re: Problema mal posto
          Se ti puoi permettere di sbraitare a qualcuno che ti rimandi un documento, vuol dire che hai a che fare con utenti, non con clienti :-) E che hai un titolare paziente :-DC'è differenza: gli utenti sono quelli che con te devono averci a che fare, e più o meno cercano di assecondarti per quanto possono, o capiscono.I clienti sono quelli che pagano (non te direttamente, a quanto pare) e che solitamente vengono strappati a qualche concorrenza...
          • panda rossa scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Fabrizio Cinti
            Se ti puoi permettere di sbraitare a qualcuno che
            ti rimandi un documento, vuol dire che hai a che
            fare con utenti, non con clienti :-) E che hai un
            titolare paziente
            :-D

            C'è differenza: gli utenti sono quelli che con te
            devono averci a che fare, e più o meno cercano di
            assecondarti per quanto possono, o
            capiscono.
            I clienti sono quelli che pagano (non te
            direttamente, a quanto pare) e che solitamente
            vengono strappati a qualche
            concorrenza...Io ho a che fare con controparti tecniche, non con amministrativi o marketing.E le mie controparti tecniche se devono fornire specifiche o dati necessari agli sviluppi che devono essere fatti, magari per loro richiesta, sono tenute ad inviarli in formati standard.Lo scrivo sempre nel documento di accettazione che qualcuno firma.Se quel qualcuno che firma non capisce che cosa significa formati standard, o male interpreta, o non chiede lumi, NSCM (dove C e' l'abbreviazione di una parola con due zeta).
          • Fabrizio Cinti scrive:
            Re: Problema mal posto

            Io ho a che fare con controparti tecniche, non
            con amministrativi o marketing.Allora parlavamo di cose molto diverse.
          • max59 scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Fabrizio Cinti

            Io ho a che fare con controparti tecniche,
            non

            con amministrativi o marketing.

            Allora parlavamo di cose molto diverse.evidentemente per panda rossa esistono solo i tecnici altrimenti non mi dava una risposta così boriosa :(- Scritto da: max59
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: max59


            il problema resta sempre nell'assistenza
            che

            il


            closed ha capillare, mentre IBM è solo per
            i


            server





            che in qualche realta' locale si trovi

            qualcuno


            disposto a fare assistenza è evidente, ma
            su


            scala nazionale è


            inesistente.


            Se non succede vuol dire che non conviene



            L'assistenza serve solo agli ignoranti.

            Chi ne sa, non ha bisogno di assistenza.
          • panda rossa scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: max59
            - Scritto da: Fabrizio Cinti


            Io ho a che fare con controparti tecniche,

            non


            con amministrativi o marketing.



            Allora parlavamo di cose molto diverse.

            evidentemente per panda rossa esistono solo i
            tecnici altrimenti non mi dava una risposta così
            boriosa
            :(Non tutti sono tecnici, e questo lo comprendo.Quello che non comprendo, non concepisco e mi fa parecchio girare le cose che girano, sono quelli che non solo non sanno, ma neanche vogliono imparare.Sono costoro che rovinano tutto il bello dell'informatica.
          • shevathas scrive:
            Re: Problema mal posto

            Non tutti sono tecnici, e questo lo comprendo.
            Quello che non comprendo, non concepisco e mi fa
            parecchio girare le cose che girano, sono quelli
            che non solo non sanno, ma neanche vogliono
            imparare.sai come funziona la centralina della tua lavatrice ? conosci perfettamente le reazioni chimiche che avvengono all'interno del motore della tua panda ? Sai guidare un treno ?Molto probabilmente no eppure non credo ti lavi a mano il bucato, tieni la panda in garage o rinunci a prendere un treno o la metropolitana.
            Sono costoro che rovinano tutto il bello
            dell'informatica.il bello dell'informatica è per gli informatici, agli utenti/utonti interessa solo usarla.
          • panda rossa scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: shevathas

            Non tutti sono tecnici, e questo lo
            comprendo.

            Quello che non comprendo, non concepisco e
            mi
            fa

            parecchio girare le cose che girano, sono
            quelli

            che non solo non sanno, ma neanche vogliono

            imparare.

            sai come funziona la centralina della tua
            lavatrice ? So leggere lo schema elettrico.
            conosci perfettamente le reazioni
            chimiche che avvengono all'interno del motore
            della tua panda ? L'ho studiato il motore a scoppio. Esame di meccanica.
            Sai guidare un treno ?Se mi ci metto lo imparo.
            Molto probabilmente no eppure non credo ti lavi a
            mano il bucato, tieni la panda in garage o
            rinunci a prendere un treno o la
            metropolitana.Mele con computer. (Mele non a caso)

            Sono costoro che rovinano tutto il bello

            dell'informatica.

            il bello dell'informatica è per gli informatici,
            agli utenti/utonti interessa solo
            usarla.Se gli interessa usarla la usino.Se gli interessa usarla gratis, RTFM!
      • ninjaverde scrive:
        Re: Problema mal posto
        Sì ma questi sono "lughi comuni", che giustamente tu citi.In pratica anche visto il fatto che OO o LO sono scaricabili gratuitamente, basta installarli sul Pc senza spendere un picco, e poi se arriva un formato non compatibile col simpatico M$Office lo si apre appunto con quello gratuito. Poi è ovvio che la normativa dei protocolli andrà cambiata, e questo è un problema organizzativo.Però quando una volontà governativa c'è, si può fare tutto, quando manca quella allora si può fare quasi niente.Quanto ci hanno messo per cambiare le frequenze e mettere sù la TV digitale?Un tempo irrisorio per fare la legge, poi per il resto sono solo tempi tecnici. Così per la pubblica amministrazione è la stessa identica cosa.I tempi tecnici saranno più o meno lunghi, ma dopo qualche anno si userà un sfotware che viene a costare di meno, sebbene il cambiamento ha un costo organizzativo, e in termini di adeguamenti vari.Vantaggi?Uno in particolare: diventare indipendenti e non condizionati da una Ditta straniera.Il vantaggio economico potrà venire nell'arco di 5 o 10 anni, forse meno, però prima o poi arriva. Senza dimenticare che sale l'occupazione in Italia per le implementazioni auto-prodotte e non più acquistate all'estero.
        • pippo75 scrive:
          Re: Problema mal posto

          Il vantaggio economico potrà venire nell'arco di
          5 o 10 anni, forse meno, però prima o poi arriva.
          Senza dimenticare che sale l'occupazione in
          Italia per le implementazioni auto-prodotte e non
          più acquistate
          all'estero.Perchbè installare MsOffice vengono dall'america? a fare assitenza? a sviluppare soluzioni ?L'unica cosa che si risparmia è il costo di licenze. ( basta ) Qualcuno ha dei dati attuali di quanto costa licenza/assistenza/sviluppo sia MSOffice che Open/Libre office?Sviluppo intendo anche programmi che si interfacciano con office stesso.Qui si parla tanto ma di dati non ne vedo.
          • shevathas scrive:
            Re: Problema mal posto

            Qualcuno ha dei dati attuali di quanto costa
            licenza/assistenza/sviluppo sia MSOffice che
            Open/Libre
            office?
            diciamo che una licenza "gov" di win+office dovrebbe valere circa 100 euro, dipende dai volumi comprati dalla società.
            Sviluppo intendo anche programmi che si
            interfacciano con office
            stesso.

            Qui si parla tanto ma di dati non ne vedo.prendiamo come riferimento le tariffe dell'AIP http://alberto.marconi.rm.it/TariffarioCSI_file/Tariffario_AIP_CSI_COMPARATIVA_2_.pdfUn progetto "micro" da 10 gg come il convertire le macro di office in macro di oo.org, affidato ad un programmatore dovrebbe venire a costare circa 3.000 euro (300x10).Se consideriamo un progetto di piccola complessità, che richiede un analista (400gg) e due programmatori (300gg) per un mese di lavoro, possiamo stimare un costo di circa 20K euro.quando si cominciano a mettere in piazza le cifre si vede come molto del risparmio che si avrebbe cambiando il sistema informativo è millantato.
          • SargonIII scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: shevathas

            Qualcuno ha dei dati attuali di quanto costa

            licenza/assistenza/sviluppo sia MSOffice che

            Open/Libre

            office?


            diciamo che una licenza "gov" di win+office
            dovrebbe valere circa 100 euro, dipende dai
            volumi comprati dalla
            società.



            Sviluppo intendo anche programmi che si

            interfacciano con office

            stesso.



            Qui si parla tanto ma di dati non ne vedo.

            prendiamo come riferimento le tariffe dell'AIP
            http://alberto.marconi.rm.it/TariffarioCSI_file/Ta

            Un progetto "micro" da 10 gg come il convertire
            le macro di office in macro di oo.org, affidato
            ad un programmatore dovrebbe venire a costare
            circa 3.000 euro
            (300x10).

            Se consideriamo un progetto di piccola
            complessità, che richiede un analista (400gg) e
            due programmatori (300gg) per un mese di lavoro,
            possiamo stimare un costo di circa 20K
            euro.

            quando si cominciano a mettere in piazza le cifre
            si vede come molto del risparmio che si avrebbe
            cambiando il sistema informativo è
            millantato.Il tuo calcolo non mi pare corretto:-Ms Office: 100 euro di licenza_LO o OO: zero euro di licenza + millemila euro di sviluppo (porting) di macro e varie.Fammi capire, ma tutte le varie macro e programmini si sono scritti da soli?Il calcolo giusto è:-Ms Office: 100 euro di licenza + millemila euro per scrivere i programmini-LO o OO: zero euro di licenza + millemila euro per il porting.E il porting costa tanto perchè i formati MS sono fuori standard quindi tocca rifare tutto da capo; non fosse così sarebbe tutto molto più semplice ed economico.
          • SargonIII scrive:
            Re: Problema mal posto
            D'accordo con te nel sostenere che se hai già MS Office e tutti gli applicativi custom per office, sia molto costoso migrare a OO.Quindi il motivo migliore per usare MS office è che è costosissimo lasciarlo una volta che lo usi. Metafora: fatevi di ero, perchè smettere è troppo difficile e costoso!
          • panda rossa scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: shevathas

            IL PROBLEMA E' CHE OO.ORG NON SUPPORTA OLE, DCOM
            E GLI ALTRI SISTEMI M$ PER L'INTEROPERABILITA'
            DEL SOFTWARE, CHE NON HA LIBRERIE DECENTI PER
            L'INTERFACCIAMENTO CON SOFTWARE DI TERZE
            PARTI.Non e' un problema.Il problema semmai e' che gli altri sistemi, le terze parti, usano una soluzione proprietaria M$ per interfacciarsi col mondo.OOo usa java per interfacciarsi col mondo.Standard e multipiattaforma.E questo non costituisce nessun problema.Quindi la PA come requisito nell'adozione di soluzioni di terze parti deve PRETENDERE che queste si adattino a colloquiare col mondo usando interfacce standard multipiattaforma.Altro che OLE...
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas




            IL PROBLEMA E' CHE OO.ORG NON SUPPORTA OLE,
            DCOM

            E GLI ALTRI SISTEMI M$ PER
            L'INTEROPERABILITA'

            DEL SOFTWARE, CHE NON HA LIBRERIE DECENTI PER

            L'INTERFACCIAMENTO CON SOFTWARE DI TERZE

            PARTI.

            Non e' un problema.Anzi, è un pregio
            OOo usa java per interfacciarsi col mondo.
            Standard e multipiattaforma.E lento.
          • SargonIII scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: shevathas







            IL PROBLEMA E' CHE OO.ORG NON SUPPORTA
            OLE,

            DCOM


            E GLI ALTRI SISTEMI M$ PER

            L'INTEROPERABILITA'


            DEL SOFTWARE, CHE NON HA LIBRERIE
            DECENTI
            PER


            L'INTERFACCIAMENTO CON SOFTWARE DI TERZE


            PARTI.



            Non e' un problema.
            Anzi, è un pregio


            OOo usa java per interfacciarsi col mondo.

            Standard e multipiattaforma.
            E lento.Vero: meglio scrivere routine in assembly per l'office automation..
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: SargonIII
            Vero: meglio scrivere routine in assembly per
            l'office
            automation..Eh si, o Java o Asm, non c'è nient'altro...
          • SargonIII scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: SargonIII

            Vero: meglio scrivere routine in assembly per

            l'office

            automation..
            Eh si, o Java o Asm, non c'è nient'altro...C'è tanto altro, ma in genere è più lento del java.(Comunque non penso che in questo settore le performance siano una discriminante)
          • krane scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: shevathas


            IL PROBLEMA E' CHE OO.ORG NON


            SUPPORTA OLE, DCOM E GLI ALTRI


            SISTEMI M$ PER L'INTEROPERABILITA'


            DEL SOFTWARE, CHE NON HA LIBRERIE


            DECENTI PER L'INTERFACCIAMENTO CON


            SOFTWARE DI TERZE PARTI.

            Non e' un problema.
            Anzi, è un pregio

            OOo usa java per interfacciarsi col

            mondo.

            Standard e multipiattaforma.
            E lento.Nessuno ti impedisce di usare ole e dcom se vuoi scrivere videogiochi eh; se invece vuoi scrivere programmi per le pubbliche amministrazione allora il minimo sarebbe usare SOLO sistemi di interfacciamento standard e multipiattaforma.
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: krane
            Nessuno ti impedisce di usare ole e dcom se vuoi
            scrivere videogiochi eh; se invece vuoi scrivere
            programmi per le pubbliche amministrazione allora
            il minimo sarebbe usare SOLO sistemi di
            interfacciamento standard e
            multipiattaforma.Non mi pare che l'efficenza di un software sia legato al numero di sistemi sul quale gira...Basta provare le API Java di OpenOffice per vedere subito uno dei motivi per il quale vengono evitate come la peste, ma leggendo, non mi pare che le abbiano usate in molti...
          • panda rossa scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: krane

            Nessuno ti impedisce di usare ole e dcom se
            vuoi

            scrivere videogiochi eh; se invece vuoi
            scrivere

            programmi per le pubbliche amministrazione
            allora

            il minimo sarebbe usare SOLO sistemi di

            interfacciamento standard e

            multipiattaforma.
            Non mi pare che l'efficenza di un software sia
            legato al numero di sistemi sul quale
            gira...
            Basta provare le API Java di OpenOffice per
            vedere subito uno dei motivi per il quale vengono
            evitate come la peste, ma leggendo, non mi pare
            che le abbiano usate in
            molti...Non mi stupisce. Chissa' che forum frequenti tu.Gente che esalta il vb rifugge java da sempre.
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Mario Rossi

            Non mi pare che l'efficenza di un software
            sia

            legato al numero di sistemi sul quale

            gira...

            Basta provare le API Java di OpenOffice per

            vedere subito uno dei motivi per il quale
            vengono

            evitate come la peste, ma leggendo, non mi
            pare

            che le abbiano usate in

            molti...

            Non mi stupisce. Chissa' che forum frequenti tu.Intendevo leggendo questi commenti
          • panda rossa scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Mario Rossi


            Non mi pare che l'efficenza di un
            software

            sia


            legato al numero di sistemi sul quale


            gira...


            Basta provare le API Java di OpenOffice
            per


            vedere subito uno dei motivi per il
            quale

            vengono


            evitate come la peste, ma leggendo, non
            mi

            pare


            che le abbiano usate in


            molti...



            Non mi stupisce. Chissa' che forum frequenti
            tu.
            Intendevo leggendo questi commentiTi pare che qui dentro ci sia necessita' di commentare le integrazioni verso OOo basate su java?Se affidi la tua cultura informatica al forum di PI dove c'e' perfino gente che scrive che windows e' meglio perche' non sono capaci di usare linux, stai fresco.
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: panda rossa
            Ti pare che qui dentro ci sia necessita' di
            commentare le integrazioni verso OOo basate su
            java?Si, visto che ci sono i furboni che dicono che le API di OO per Java sono anche meglio di quelle di Office
          • panda rossa scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: panda rossa

            Ti pare che qui dentro ci sia necessita' di

            commentare le integrazioni verso OOo basate
            su

            java?
            Si, visto che ci sono i furboni che dicono che le
            API di OO per Java sono anche meglio di quelle di
            OfficeNon avendo M$ Office nessuna api in java, non e' difficile far meglio.
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: panda rossa
            Non avendo M$ Office nessuna api in java, non e'
            difficile far
            meglio.Infatti le paragonavano a quelle .NET
          • krane scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: panda rossa

            Non avendo M$ Office nessuna api

            in java, non e' difficile far

            meglio.
            Infatti le paragonavano a quelle .NETE allora tanto vale paragonarle a delle librerie scritte apposta in assembler. Che pero' come .NET non sono standard.
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: krane
            scritte apposta in assembler.Assembly, caprone
          • panda rossa scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: krane

            scritte apposta in assembler.
            Assembly, caprone[img]http://3.bp.blogspot.com/_BCW5BksnMOQ/S_uZKtTDtrI/AAAAAAAAAuw/pcIOxM0tIeI/s400/16f626f1a04d3e2a8ed4267ba3d1395b_medium.jpg[/img]
          • krane scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: krane

            scritte apposta in assembler.
            Assembly, caproneE' corretto lo stesso XXXXXXXXX ignorante: http://it.wikipedia.org/wiki/Assembler
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: krane
            http://it.wikipedia.org/wiki/AssemblerCito testualmente:"Un assembler (assemblatore in italiano) è un software che trasforma le istruzioni mnemoniche dell'assembly in linguaggio macchina."Cito invece da http://it.wikipedia.org/wiki/Assembly :"Il linguaggio assemblativo o linguaggio assembly è, tra i linguaggi di programmazione, quello più vicino al linguaggio macchina vero e proprio (pur essendo differente rispetto a quest'ultimo). Erroneamente viene spesso chiamato "assembler" anche se quest'ultimo identifica il programma che converte il linguaggio assembly in linguaggio macchina."
          • krane scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: krane

            http://it.wikipedia.org/wiki/Assembler
            Cito testualmente:
            "Un assembler (assemblatore in italiano) è un
            software che trasforma le istruzioni mnemoniche
            dell'assembly in linguaggio
            macchina."
            Cito invece da
            http://it.wikipedia.org/wiki/Assembly
            :
            "Il linguaggio assemblativo o linguaggio assembly
            è, tra i linguaggi di programmazione, quello più
            vicino al linguaggio macchina vero e proprio (pur
            essendo differente rispetto a quest'ultimo).
            Erroneamente viene spesso chiamato "assembler"
            anche se quest'ultimo identifica il programma che
            converte il linguaggio assembly in linguaggio
            macchina."Ed io ho scritto: fatte in assembler, quindi leggibile trnaquillamente come: fatte utilizzando l'assemblatore. Capisco eh che non hai piu' argomenti e ti attacchi a queste cose.
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: krane
            Ed io ho scritto: fatte in assembler, quindi
            leggibile trnaquillamente come: fatte utilizzando
            l'assemblatore. Capisco eh che non hai piu'
            argomenti e ti attacchi a queste
            cose.Ahahahah, bella arrampicata, comunque per quanto anche così sia sbagliato(non è che se compilo una applicazione con gcc, allora è scritta in gcc), ti ricordo che hai scritto:- Scritto da: krane
            librerie scritte apposta in assembler.Per cui:- Scritto da: krane
            Capisco eh che non hai piu'
            argomenti e ti attacchi a queste
            cose.Eccoli qui i professionisti esperti informatici
          • MarioMM scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: krane

            Ed io ho scritto: fatte in assembler, quindi

            leggibile trnaquillamente come: fatte
            utilizzando

            l'assemblatore. Capisco eh che non hai piu'

            argomenti e ti attacchi a queste

            cose.
            Ahahahah, bella arrampicata, comunque per quanto
            anche così sia sbagliato(non è che se compilo una
            applicazione con gcc, allora è scritta in gcc),
            ti ricordo che hai
            scritto:
            - Scritto da: krane

            librerie scritte apposta in assembler.

            Per cui:
            - Scritto da: krane

            Capisco eh che non hai piu'

            argomenti e ti attacchi a queste

            cose.

            Eccoli qui i professionisti esperti informaticiSara', ma tu continui a guardare intenzionalmente il dito ed essere contrario alla policy: sia in tema e contribuisca alla discussione in corso non sia offensivo, calunnioso o diffamante
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: MarioMM
            sia in tema e contribuisca alla discussione
            in
            corso
            non sia offensivo, calunnioso o diffamanteLeggiti tutti i commenti e controlla i commenti in tema, inoltre, il mio post serve a correggere una cosa falsa e ad accrescere la cultura informatica di chi legge
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: krane
            E allora tanto vale paragonarle a delle librerie
            scritte apposta in assembler. Che pero' come .NET
            non sono
            standard.Assembly, caro il mio esperto informatico...
          • krane scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: krane

            E allora tanto vale paragonarle a

            delle librerie scritte apposta in

            assembler. Che pero' come .NET

            non sono standard.
            Assembly, caro il mio esperto informatico...Oh, giusto celo ! Il sistema vocale deve aver male interpretato la mia frase, tante scuse ma il concello quello e'. Ed a quello continui a non rispondere.
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: krane
            Oh, giusto celo ! Il sistema vocale deve aver
            male interpretato la mia frase, tante scuse ma il
            concello quello e'. Ed a quello continui a non
            rispondere.Ma standard de che?
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: krane
            Oh, giusto celo ! Il sistema vocale deve aver
            male interpretato la mia frase, tante scuse ma il
            concello quello e'. Ed a quello continui a non
            rispondere.Immagino l'abbia scritto tu il sistema vocale, dato che oltre capire "er" al posto di "y", si inventa anche le parole...
          • krane scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: krane

            Nessuno ti impedisce di usare ole e

            dcom se vuoi scrivere videogiochi eh; se

            invece vuoi scrivere programmi per le

            pubbliche amministrazione allora il

            minimo sarebbe usare SOLO sistemi di

            interfacciamento standard e

            multipiattaforma.
            Non mi pare che l'efficenza di un software sia
            legato al numero di sistemi sul quale
            gira...Ne' che sia necessariamente sempre un reqisito richiesto del resto.
            Basta provare le API Java di OpenOffice per
            vedere subito uno dei motivi per il quale vengono
            evitate come la peste, ma leggendo, non mi pare
            che le abbiano usate in molti...Invece moltissimi generano .doc usando le librerie di openoffice perche' compatibilissimo anche con le vecchie versioni di office. Mentre se lo fai con le libreire microsoft hai problemi di retrocomptibilita' anche con i .doc.
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: krane
            Invece moltissimi generano .doc usando le
            librerie di openoffice perche' compatibilissimo
            anche con le vecchie versioni di office. Mentre
            se lo fai con le libreire microsoft hai problemi
            di retrocomptibilita' anche con i
            .doc.Ahahah, mica come i memory leak che ti becchi a salvare i documenti con le API di OO in Java(che oltretutto impiegano minuti ad effettuare l'operazione quando funzionano)
          • panda rossa scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: krane

            Invece moltissimi generano .doc usando le

            librerie di openoffice perche'
            compatibilissimo

            anche con le vecchie versioni di office.
            Mentre

            se lo fai con le libreire microsoft hai
            problemi

            di retrocomptibilita' anche con i

            .doc.
            Ahahah, mica come i memory leak che ti becchi a
            salvare i documenti con le API di OO in Java(che
            oltretutto impiegano minuti ad effettuare
            l'operazione quando
            funzionano)Ma che cosa stai dicendo?Solita fuffa fud.
          • krane scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Mario Rossi

            - Scritto da: krane


            Invece moltissimi generano .doc


            usando le librerie di openoffice


            perche' compatibilissimo anche con


            le vecchie versioni di office.


            Mentre se lo fai con le libreire


            microsoft hai problemi di


            retrocomptibilita' anche con i


            .doc.

            Ahahah, mica come i memory leak che ti

            becchi a salvare i documenti con le API

            di OO in Java(che oltretutto impiegano

            minuti ad effettuare l'operazione quando

            funzionano)
            Ma che cosa stai dicendo?
            Solita fuffa fud.In effetti non ha detto proprio nulla...E iniziare le frasi con "mica" non aiuta a far capire cio' che si vuol dire ??
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: krane
            In effetti non ha detto proprio nulla...
            E iniziare le frasi con "mica" non aiuta a far
            capire cio' che si vuol dire
            ??Allora, visto che hai problemi a comprendere sostituisci al "mica" la parola "non"...PS: L'"ahahahah" era riguardo la tua boiata se non avessi capito neanche questo
          • krane scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: krane

            In effetti non ha detto proprio nulla...

            E iniziare le frasi con "mica" non

            aiuta a far capire cio' che si vuol dire ??
            Allora, visto che hai problemi a comprendere
            sostituisci al "mica" la parola "non"...
            PS: L'"ahahahah" era riguardo la tua boiata
            se non avessi capito neanche questoQuello che si comprende benissimo e' che sai molto poco al di fuori del tuo giardinetto, e mi sa poco anche dentro.
          • shevathas scrive:
            Re: Problema mal posto

            OOo usa java per interfacciarsi col mondo.
            Standard e multipiattaforma.
            E questo non costituisce nessun problema.
            benissimo, cosa aspettano allora a realizzare le librerie per l'interfacciamento fra i software ?
            Quindi la PA come requisito nell'adozione di
            soluzioni di terze parti deve PRETENDERE che
            queste si adattino a colloquiare col mondo usando
            interfacce standard
            multipiattaforma.

            Altro che OLE...può pretendere, ma se non esistono software con quella caratteristica ?
          • krane scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: shevathas

            OOo usa java per interfacciarsi col mondo.

            Standard e multipiattaforma.

            E questo non costituisce nessun problema.
            benissimo, cosa aspettano allora a realizzare
            le librerie per l'interfacciamento fra i
            software ?Basta imporre l'uso di interfacce standard e multipiattaforma ed ecco che lo dovranno fare se vogliono che le PA li possano acquistare.

            Quindi la PA come requisito nell'adozione di

            soluzioni di terze parti deve PRETENDERE che

            queste si adattino a colloquiare col mondo

            usando interfacce standard multipiattaforma.

            Altro che OLE...
            può pretendere, ma se non esistono software con
            quella caratteristica ?Se lo stato lancia una gara d'appalto dove richiede un palazzo con certe caratteristiche ed e' disposo a pagare, tranquillo che qualcuno si fara' avanti per costruirlo.
          • shevathas scrive:
            Re: Problema mal posto


            le librerie per l'interfacciamento fra i

            software ?

            Basta imporre l'uso di interfacce standard e
            multipiattaforma ed ecco che lo dovranno fare se
            vogliono che le PA li possano
            acquistare.
            e chi le dovrebbe scrivere le librerie di OO.org per esportare e far interagire i software di terze parti con i propri oggetti ? la M$ ?


            Quindi la PA come requisito
            nell'adozione
            di


            soluzioni di terze parti deve
            PRETENDERE
            che


            queste si adattino a colloquiare col
            mondo


            usando interfacce standard
            multipiattaforma.


            Altro che OLE...


            può pretendere, ma se non esistono software
            con

            quella caratteristica ?

            Se lo stato lancia una gara d'appalto dove
            richiede un palazzo con certe caratteristiche ed
            e' disposo a pagare, tranquillo che qualcuno si
            fara' avanti per
            costruirlo.se trova convenienza, altrimenti la gara d'appalto va deserta.
          • panda rossa scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: shevathas


            le librerie per l'interfacciamento fra
            i



            software ?



            Basta imporre l'uso di interfacce standard e

            multipiattaforma ed ecco che lo dovranno
            fare
            se

            vogliono che le PA li possano

            acquistare.


            e chi le dovrebbe scrivere le librerie di OO.org
            per esportare e far interagire i software di
            terze parti con i propri oggetti ? la M$ ?Le terze parti se vogliono che i loro prodotti siano conformi alle specifiche della PA si adegueranno, altrimenti restringeranno la loro potenziale clientela solo alle parrocchie di campagna.



            Quindi la PA come requisito

            nell'adozione

            di



            soluzioni di terze parti deve

            PRETENDERE

            che



            queste si adattino a colloquiare
            col

            mondo



            usando interfacce standard

            multipiattaforma.



            Altro che OLE...




            può pretendere, ma se non esistono
            software

            con


            quella caratteristica ?



            Se lo stato lancia una gara d'appalto dove

            richiede un palazzo con certe
            caratteristiche
            ed

            e' disposo a pagare, tranquillo che qualcuno
            si

            fara' avanti per

            costruirlo.

            se trova convenienza, altrimenti la gara
            d'appalto va
            deserta.Dove si va per rotolarsi dal ridere per terra?Una gara di appalto pubblica che va deserta? (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • krane scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: shevathas


            le librerie per l'interfacciamento


            fra i software ?

            Basta imporre l'uso di interfacce standard

            e multipiattaforma ed ecco che lo dovranno

            fare se vogliono che le PA li possano acquistare.
            e chi le dovrebbe scrivere le librerie di OO.org
            per esportare e far interagire i software di
            terze parti con i propri oggetti ? la M$ ?Pecunia non olet, se si offrono soldi anche microsoft si piega stai tranquillo.


            può pretendere, ma se non


            esistono software
            con


            quella caratteristica ?

            Se lo stato lancia una gara d'appalto

            dove richiede un palazzo con certe

            caratteristiche ed e' disposo a pagare,

            tranquillo che qualcuno si fara' avanti

            per costruirlo.
            se trova convenienza, altrimenti la gara
            d'appalto va deserta.Di fronte all'alternativa: o fai come dico o non compro i tuoi prodotti di solito una ditta cosa fa ? Pensaci con calma, gia' sopra ho detto: pecunia non olet
          • shevathas scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: shevathas



            le librerie per l'interfacciamento



            fra i software ?



            Basta imporre l'uso di interfacce
            standard


            e multipiattaforma ed ecco che lo
            dovranno


            fare se vogliono che le PA li possano
            acquistare.


            e chi le dovrebbe scrivere le librerie di
            OO.org

            per esportare e far interagire i software di

            terze parti con i propri oggetti ? la M$ ?

            Pecunia non olet, se si offrono soldi anche
            microsoft si piega stai
            tranquillo.
            ovvio, il problema è: quanti soldi servono ?



            può pretendere, ma se non



            esistono software
            con



            quella caratteristica ?



            Se lo stato lancia una gara d'appalto


            dove richiede un palazzo con certe


            caratteristiche ed e' disposo a pagare,


            tranquillo che qualcuno si fara' avanti


            per costruirlo.


            se trova convenienza, altrimenti la gara

            d'appalto va deserta.

            Di fronte all'alternativa: o fai come dico o non
            compro i tuoi prodotti di solito una ditta cosa
            fa ? Pensaci con calma, gia' sopra ho detto:
            pecunia non
            oletValuta se le conviene accontentare il potenziale cliente o mandarlo aff. Vedi la notizia della gara sulla continuità territoriale che ho postato in risposta a panda rossa.
          • krane scrive:
            Re: Problema mal posto
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: shevathas




            le librerie per



            l'interfacciamento




            fra i software ?



            Basta imporre l'uso di



            interfacce standard e



            multipiattaforma ed ecco che lo



            dovranno fare se vogliono che



            le PA li possano acquistare.


            e chi le dovrebbe scrivere le


            librerie di OO.org


            per esportare e far interagire i


            software di terze parti con i propri


            oggetti ? la M$ ?

            Pecunia non olet, se si offrono soldi

            anche microsoft si piega stai

            tranquillo.
            ovvio, il problema è: quanti soldi servono ?Non importa, se non accetti niente soldi e non ti compro i proditti, qualcuno che si fara' vivo a produrre qualcosa di equivalente ci sara', altrimenti si alza un pochino la posta. L'importante e' non cambiare le condizioni fondamentali.




            può pretendere, ma se non




            esistono software
            con




            quella caratteristica ?



            Se lo stato lancia una gara



            d'appalto dove richiede un palazzo con



            certe caratteristiche ed e' disposo a



            pagare, tranquillo che qualcuno si



            fara' avanti per costruirlo.


            se trova convenienza, altrimenti la


            gara d'appalto va deserta.

            Di fronte all'alternativa: o fai come

            dico o non compro i tuoi prodotti di solito

            una ditta cosa fa ? Pensaci con calma, gia'

            sopra ho detto: pecunia non olet
            Valuta se le conviene accontentare il potenziale
            cliente o mandarlo aff. Vedi la notizia della
            gara sulla continuità territoriale che ho
            postato in risposta a panda rossa.Non c'e' problema, non e' mica l'unica ditta di fornitura software del mondo, l'importante e' non cambiare le condizioni dell'appalto, al max si offrono piu' soldi.
          • shevathas scrive:
            Re: Problema mal posto


            ovvio, il problema è: quanti soldi servono ?

            Non importa, se non accetti niente soldi e non ti
            compro i proditti, qualcuno che si fara' vivo a
            produrre qualcosa di equivalente ci sara',
            altrimenti si alza un pochino la posta.
            L'importante e' non cambiare le condizioni
            fondamentali.
            il rischio è di alzare enormemente la posta, molto più della soluzione acquisto licenze office + licenza altro software.
            Non c'e' problema, non e' mica l'unica ditta di
            fornitura software del mondo, l'importante e' non
            cambiare le condizioni dell'appalto, al max si
            offrono piu'
            soldi.quanti più soldi. Perché una cosa è se l'auto di servizio te la possono fornire la ford o la renault al posto della fiat, ditte che hanno già fabbriche e linee di produzione attive, e che possono produrre velocemente anche per la tua commessa. Altra cosa è se te la deve fornire la gino sgabuzzoni auto che aspetta la commessa per iniziare a progettare la fabbrica dove costruirà le automobili.Scrivere, da zero, un software di protocollazione e di gestione documentale per "grosse" PA, diciamo nell'ordine di un milione di numeri di protocollo all'anno, non è un lavoretto che puoi affidare solo a quattro ragazzini che scrivono codice piaccapì. Tanto per dare un poco di cifre mi sembra il sistema documentale della regione sardegna (SIBAR) sia costato circa 2M di euro.
          • ninjaverde scrive:
            Re: Problema mal posto



            Perchbè installare MsOffice vengono dall'america?
            a fare assitenza? a sviluppare soluzioni
            ?

            L'unica cosa che si risparmia è il costo di
            licenze. ( basta )

            Qualcuno ha dei dati attuali di quanto costa
            licenza/assistenza/sviluppo sia MSOffice che
            Open/Libre
            office?

            Sviluppo intendo anche programmi che si
            interfacciano con office
            stesso.

            Qui si parla tanto ma di dati non ne vedo.Il problema non consiste solo in dati, o denaro eventualmente risparmiabile, il che è già una bella cosa, ma anche l'autonomia di aziende in particolare dell'azienda pubblica.E qui si apre il solito discorso dei sorgenti aperti o meno...Programmi che si interfacciano con MsOffice... e va beh e se si fanno interfacciare con OO od LO ? Non si possono fare?Oppure OO o LO sono schizzinosi e non si lasciano interfacciare?Oltre tutto gli standard di MsOffice sono proprietari e non sono standard.E' ovvio che i costi non spariscono per incanto passando ad un altro sistema, tuttavia occorre valutare il cambiamento in tutti i suoi aspetti ed in un certo arco di tempo. Sicuramente l'inizio significa spendere di più, per il semplice fatto che occorre un tempo per l'istruzione del personale (compreso convincimento), e poi per iniziare una seria nuova riorganizzazione compreso l'interfacciamento e compagnia bella.E' come pagare un affitto oneroso, ma a scadenza mensile senza spendere capitali impegnativi, oppure accendere un mutuo e diventare proprietari dopo un certo periodo. E sì però le spese condominiali ci sono sempre!Va bèh ora con Monti, e l'IMU forse l'esempio non calza più...ma per lo meno in passato calzava... :Sì forse è meglio pagare la licenza... almeno c'è la detrazione sulle tasse... :s-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 novembre 2012 13.25-----------------------------------------------------------
          • shevathas scrive:
            Re: Problema mal posto

            Il problema non consiste solo in dati, o denaro
            eventualmente risparmiabile, il che è già una
            bella cosa, ma anche l'autonomia di aziende in
            particolare dell'azienda
            pubblica.
            E qui si apre il solito discorso dei sorgenti
            aperti o
            meno...
            Programmi che si interfacciano con MsOffice... e
            va beh e se si fanno interfacciare con OO od LO ?meglio.
            Non si possono
            fare?qualcuno dovrebbe scrivere il codice per l'interfacciamento. Qualcuno che conosce sia il software X che si dovrebbe interfacciare che LO/OO ed ha acXXXXX ai sorgenti di entrambi.
            Oppure OO o LO sono schizzinosi e non si lasciano
            interfacciare?Diciamo che i moduli per la comunicazione con programmi terzi e le librerie di funzioni non sono stati pienamente implementati in LO/OO e questo rende alquanto difficoltoso l'interfacciamento.
            Oltre tutto gli standard di MsOffice sono
            proprietari e non sono
            standard.irrilevante.
            E' ovvio che i costi non spariscono per incanto
            passando ad un altro sistema, tuttavia occorre
            valutare il cambiamento in tutti i suoi aspetti
            ed in un certo arco di tempo. delle cifre sui costi del personale sono qui. http://alberto.marconi.rm.it/TariffarioCSI_file/Tariffario_AIP_CSI_COMPARATIVA_2_.pdfdivertiti a vedere quanto costerebbe lo sviluppo di un piccolo software portato avanti da un analista programmatore supportato da tre junior che richiede un mese di lavoro, in pratica qualcosa di leggermente più complicato di un gestionalino in VB.
            Sicuramente
            l'inizio significa spendere di più, per il
            semplice fatto che occorre un tempo per
            l'istruzione del personale (compreso
            convincimento), e poi per iniziare una seria
            nuova riorganizzazione compreso
            l'interfacciamento e compagnia
            bella.il problema preliminare è: è possibile farlo, esistono i moduli per l'interfacciamento ? se non esistono quanto costa farli sviluppare ?partire senza rispondere a quelle domande significa rischiare seriamente di finire a buttar soldi per cercare qualcosa che non esiste.
          • ninjaverde scrive:
            Re: Problema mal posto

            il problema preliminare è:
            è possibile farlo, esistono i moduli per
            l'interfacciamento ? se non esistono quanto costa
            farli sviluppare
            ?
            partire senza rispondere a quelle domande
            significa rischiare seriamente di finire a buttar
            soldi per cercare qualcosa che non
            esiste.Certo questo è un problema tecnico.Partire alla "cavolo" è come fare una galleria senza fare prima i carotaggi con relativa analisi dei geologi.Ma se uno stato decide in merito avrà anche le risorse per fare questo...salvo il fatto che da noi spenderebbero un sacco di milioni di euro per poi dire che non si può fare.E forse questa è la vera ragione per continuare con le licenze.
          • Fabrizio Cinti scrive:
            Re: Problema mal posto
            Il punto non è "da dove vengono a vendere Office", il punto del discorso riguarda i formati. Se Excel 2013, con l'interfaccia che ha e tutte le "code facilities" che hanno messo, salvasse in ODS o qualche altro formato ancora migliore che MS o chi per lei avesse sviluppato, sarebbe una festa.Il punto è che purtroppo (o per fortuna, a seconda) MS non ha intenzione di mollare la presa sui formati, e OOXML ne è una dimostrazione lampante. Quindi o MS cambia atteggiamento (risatina da Redmond) oppure piano piano la si butta a mare e si usa qualcos'altro (cosa che non accadrà, finché troverà i Vendola di turno a vendergli i centri di ricerca delle NOSTRE università; i dirigenti RAI che gli versano NOSTRI milioni per trasmettere con Silverlight, e via dicendo)
  • ninjaverde scrive:
    DipendentiPubblici
    Tener presente della mentalità dei "travèt" in particolare pubblici... sia pur tedeschi!E poi chi ha voglia di re-imparare alcuni comandi che sono diversi tra OO e MicOffice?Lo devono fare nella pausa caffè? :oTanto più se pretendono di usare senza problemi i formati di MsOffice tra l'uno e l'altro. E poi come spedire un fax con OO??? Mistero! :| :|E come non sapere che un pesce rosso allevato in una boccia rotonda, e poi lo mettete in un acquario grande ma rettangolare: sbatte il muso tutte le volte che arriva all'angolo!? (geek)
    • Etype scrive:
      Re: DipendentiPubblici
      - Scritto da: ninjaverde
      E poi chi ha voglia di re-imparare alcuni comandi
      che sono diversi tra OO e
      MicOffice?Molte cose sono simili ....
      Lo devono fare nella pausa caffè? :o
      Tanto più se pretendono di usare senza problemi i
      formati di MsOffice tra l'uno e l'altro. Basta adottare un formato e via solo con quello.
      E poi
      come spedire un fax con OO??? Mistero! :|
      :|Perchè ?
      E come non sapere che un pesce rosso allevato in
      una boccia rotonda, e poi lo mettete in un
      acquario grande ma rettangolare: sbatte il muso
      tutte le volte che arriva all'angolo!?
      (geek)le boccie rotonde fanno male ai pesci rossi...
      • ninjaverde scrive:
        Re: DipendentiPubblici


        E poi

        come spedire un fax con OO??? Mistero! :|

        :|

        Perchè ? C'è chi ha manifestato questo problema.... Non credo sia un vero problema naturalmente... (geek)

        le boccie rotonde fanno male ai pesci rossi...Lo so ma loro non lo sanno.. e neanche lo vogliono sapere. :s
    • colpito scrive:
      Re: DipendentiPubblici
      - Scritto da: ninjaverde
      Tener presente della mentalità dei "travèt" in
      particolare pubblici... sia pur
      tedeschi!
      E poi chi ha voglia di re-imparare alcuni comandi
      che sono diversi tra OO e
      MicOffice?
      Lo devono fare nella pausa caffè? :o
      Tanto più se pretendono di usare senza problemi i
      formati di MsOffice tra l'uno e l'altro. E poi
      come spedire un fax con OO??? Mistero! :|
      :|Se poi tieni conto che nelle aziende private usano prevalentemente MSoffice, allora la domanda è "perchè dove girano soldi e si fa caso alla produttività non si fanno problemi per 300 euro di software ogni 4/5 anni per client mentre nel pubblico i "travet" dovrebbero imparare ad usare OO o LO?"Allore, forse, il tuo pensiero è fallato alla base.
      • ninjaverde scrive:
        Re: DipendentiPubblici
        - Scritto da: colpito
        - Scritto da: ninjaverde

        Tener presente della mentalità dei "travèt"
        in

        particolare pubblici... sia pur

        tedeschi!

        E poi chi ha voglia di re-imparare alcuni
        comandi

        che sono diversi tra OO e

        MicOffice?

        Lo devono fare nella pausa caffè? :o

        Tanto più se pretendono di usare senza
        problemi
        i

        formati di MsOffice tra l'uno e l'altro. E
        poi

        come spedire un fax con OO??? Mistero! :|

        :|


        Se poi tieni conto che nelle aziende private
        usano prevalentemente MSoffice, allora la domanda
        è "perchè dove girano soldi e si fa caso alla
        produttività non si fanno problemi per 300 euro
        di software ogni 4/5 anni per client mentre nel
        pubblico i "travet" dovrebbero imparare ad usare
        OO o
        LO?"
        Allore, forse, il tuo pensiero è fallato alla
        base.In che senso?Che va meglio quello che costa di più?Non sarà mica perchè:A) L'impiegato conosce ormai bene i comandi MSOffice e non ha voglia di ripassarsi il manuale di OO anche perchè lo ritiene una perdita di tempo.B) I superiori d'ufficio calcolano questa perdita di tempo e valutano che costa di meno la licenza M$.C) Da non escludere qualche bel regalino ai massimi responsabili per gli acquisti di MsOffice.D) Hanno un archivio in formato MsOff che a volte non è molto compatibile con OO o LO...
        • colpito scrive:
          Re: DipendentiPubblici


          In che senso?
          Che va meglio quello che costa di più?Nel senso che il tipo (ma non è il solo) prova a dare la colpa ai "travet", ed io allora mi domando: scusa, se il problema sono i dipendenti pubblici e se i dipendenti pubblici dovrebbero essere bravi come i dipendenti di aziende private... allora andiamo a vedere come sono bravi questi ultimi... toh, usano MSOffice, allora o i dipendi "privati" non sono poi così bravi o i dipendenti pubblici non sono poi così scarsi.Non sto paragonando i software, c'è gente molto più esperta di me che può farlo, io dico che il modo migliore per far fallire progetti di questo tipo è dare sempre la colpa a qualcun altro.E da questi post cosa vieni fuori? che è colpa dei dipendenti o di MS che gli ha dato una mazzetta. Sono tesi ridicole.
          C) Da non escludere qualche bel regalino ai
          massimi responsabili per gli acquisti di
          MsOffice.Appunto.Avanti un altro.PS: secondo me è colpa della congiunzione astrale comunque.
          • ninjaverde scrive:
            Re: DipendentiPubblici


            E da questi post cosa vieni fuori? che è colpa
            dei dipendenti o di MS che gli ha dato una
            mazzetta. Sono tesi
            ridicole.Non sono "tesi" ma sospetti fondati.Del resto abbiamo anche visto un Bill G. arrivare a Roma e ricevuto come se fosse un capo di stato.Che il tizio sia o fosse stato un brillante manager niente da dire, ma sappiamo come vanno le cose nel nostro bel Paese:"Se non c'è olio le ruote non girano"E quella ditta americana di "olio" ne ha da vendere.Poi chissà, può anche darsi che non sia andata così, ma c'è anche il ricordo di un Poggiolini che non sapeva più dove mettere l'oro ed altri bei regalini, del resto era lui il responsabile degli acquisti dei medicinali che si usavano in tutta Italia....Poi, perchè mai rifiutare un "regalo"?E non è che (invece) il software arrivi dalla Luna....Per i dipendenti.Sappiamo com'è la loro modalità mentale media, ma questa in fondo come tu dici non incide un granchè sulle decisioni finali, se c'è appunto una volontà governativa che decide in merito.
          • ninjaverde scrive:
            Re: DipendentiPubblici
            Va beh che Bill G. muoia o meno i dianni li ha già fatti (non per M$ naturalmente)...Che poi i germanici sia perfetti, questa è solo un'opinione, molto probabilmente anche loro hanno qualche "tallone d'Achille". E poi non si sa neanche se i "pesci rossi" siano solo italiani...Ma dare la colpa agli altri non è un mio hobby... come tu dici investigo, e per investigare occorre fare ipotesi il più possibile plausibili. (cylon)
          • colpito scrive:
            Re: DipendentiPubblici

            Che poi i germanici sia perfetti, questa è solo
            un'opinione, Non ho tempo nè voglia di andare a leggermi i commenti di quando a Monaco hanno introdotto l'open, diciamo che i luoghi comuni si usano quando fa comodo e facciamola finita.
            Ma dare la colpa agli altri non è un mio hobby...
            come tu dici investigo, e per investigare occorre
            fare ipotesi il più possibile plausibili.
            (cylon)Certo, le ipotesi più plausibili sono in effetti mazzette e impiegati fannulloni, XXXXX miseria non cia avevo pensato.
          • monaco scrive:
            Re: DipendentiPubblici


            Non ho tempo nè voglia di andare a leggermi i
            commenti di quando a Monaco hanno introdotto
            l'openMa neanche tanto, utilizzano un sacco di documenti interni in word, poi convertono in PDF ma non sempre (levare gli spazi per aprirlo):www.muenchen.de/rathaus/dms/Home/Stadtverwaltung/Referat-fuer-Bildung-und-Sport/formulare-word/Beurteilungsformular_Lehrkraefte-word/Beurteilungsformular%20st%C3%A4dt.%20Lehrkr%C3%A4fte%20-%20Word.doc
          • ninjaverde scrive:
            Re: DipendentiPubblici

            Certo, le ipotesi più plausibili sono in effetti
            mazzette e impiegati fannulloni, XXXXX miseria
            non cia avevo
            pensato.Prima però devi dare la mancia all'usciere. 8)
    • Mario Rossi scrive:
      Re: DipendentiPubblici
      Giusto, come ogni progetto free che non ha sucXXXXX è colpa degli utonti, della corruzione di Microsoft eccetera...
      • krane scrive:
        Re: DipendentiPubblici
        - Scritto da: Mario Rossi
        Giusto, come ogni progetto free che non ha
        sucXXXXX è colpa degli utonti, della corruzione
        di Microsoft eccetera...Infatti, chi non vorrebbe una cosa gratis ?E' autoevidente dai...(rotfl)
        • Mario Rossi scrive:
          Re: DipendentiPubblici
          - Scritto da: krane
          Infatti, chi non vorrebbe una cosa gratis ?
          E' autoevidente dai...
          (rotfl)Non tutti sono così tirchi da preferire qualcosa in quanto di gratuito a qualcos'altro
          • krane scrive:
            Re: DipendentiPubblici
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: krane

            Infatti, chi non vorrebbe una cosa gratis ?

            E' autoevidente dai...

            (rotfl)
            Non tutti sono così tirchi da preferire qualcosa
            in quanto di gratuito a qualcos'altroPero' intanto se la prendono, mica e' detto che la devo usare...Ehhh l'italia (rotfl)
          • Mario Rossi scrive:
            Re: DipendentiPubblici
            - Scritto da: krane
            Pero' intanto se la prendono, mica e' detto che
            la devo
            usare...
            Ehhh l'italia (rotfl)Non mi sembra una cosa molto utile riempire l'hard disk di cose che non si usano, sai quanti programmi free ci sono?
          • krane scrive:
            Re: DipendentiPubblici
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: krane

            Pero' intanto se la prendono, mica e'

            detto che la devo usare...

            Ehhh l'italia (rotfl)
            Non mi sembra una cosa molto utile riempire
            l'hard disk di cose che non si usano, sai
            quanti programmi free ci sono?Sai quanta roba la gente normalmente tiene in cantina, garage, soffitta ?
          • Mario Rossi scrive:
            Re: DipendentiPubblici
            - Scritto da: krane
            Sai quanta roba la gente normalmente tiene in
            cantina, garage, soffitta
            ?Quella che COMPRA e non vuole buttare, di certo non va ad accattonare le cose che trova in strada
          • krane scrive:
            Re: DipendentiPubblici
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: krane

            Sai quanta roba la gente normalmente tiene

            in cantina, garage, soffitta ?
            Quella che COMPRA e non vuole buttare, di certo
            non va ad accattonare le cose che trova in
            stradaMa quale strada ? Son li belle impacchettate e nuove nel loro bel sito web di fianco alla roba che costa.
          • Mario Rossi scrive:
            Re: DipendentiPubblici
            - Scritto da: krane
            Ma quale strada ? Son li belle impacchettate e
            nuove nel loro bel sito web di fianco alla roba
            che
            costa.Purtroppo mi sono dimenticato di specificare che non intendevo che le cose trovate per strada equivalgono al software free, così come non c'entra niente la roba che la gente tiene in cantina con le cose inutili che la gente si potrebbe installare
          • krane scrive:
            Re: DipendentiPubblici
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: krane

            Ma quale strada ? Son li belle

            impacchettate e nuove nel loro bel sito

            web di fianco alla roba che costa.
            Purtroppo mi sono dimenticato di specificare che
            non intendevo che le cose trovate per strada
            equivalgono al software free, così come non
            c'entra niente la roba che la gente tiene in
            cantina con le cose inutili che la gente si
            potrebbe installareE non dimentichiamo di dire che questo lo stiamo scrivendo in un forum usando la parola scritta.
          • panda rossa scrive:
            Re: DipendentiPubblici
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Mario Rossi

            - Scritto da: krane


            Ma quale strada ? Son li belle


            impacchettate e nuove nel loro bel
            sito



            web di fianco alla roba che costa.


            Purtroppo mi sono dimenticato di specificare
            che

            non intendevo che le cose trovate per strada

            equivalgono al software free, così come non

            c'entra niente la roba che la gente tiene in

            cantina con le cose inutili che la gente si

            potrebbe installare

            E non dimentichiamo di dire che questo lo stiamo
            scrivendo in un forum usando la parola
            scritta.Aggiungerei anche " <i
            in lingua italiana correntemente in uso agli inizi del XXI secolo </i
            " che non si puo' mai sapere tra 3000 anni chi rileggera' che cosa potrebbe pensare.
          • ninjaverde scrive:
            Re: DipendentiPubblici
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Mario Rossi


            - Scritto da: krane



            Ma quale strada ? Son li belle



            impacchettate e nuove nel loro bel

            sito





            web di fianco alla roba che costa.




            Purtroppo mi sono dimenticato di
            specificare

            che


            non intendevo che le cose trovate per
            strada


            equivalgono al software free, così come
            non


            c'entra niente la roba che la gente
            tiene
            in


            cantina con le cose inutili che la
            gente
            si


            potrebbe installare



            E non dimentichiamo di dire che questo lo
            stiamo

            scrivendo in un forum usando la parola

            scritta.

            Aggiungerei anche " <i
            in lingua italiana
            correntemente in uso agli inizi del XXI secolo
            </i
            " che non si puo' mai sapere tra 3000
            anni chi rileggera' che cosa potrebbe
            pensare.Che la gente compra cose inutili per strada e non soffianti in frigo!Ma le mette in cantina (rotfl)
          • panda rossa scrive:
            Re: DipendentiPubblici
            - Scritto da: Mario Rossi
            - Scritto da: krane

            Infatti, chi non vorrebbe una cosa gratis ?

            E' autoevidente dai...

            (rotfl)
            Non tutti sono così tirchi da preferire qualcosa
            in quanto di gratuito a
            qualcos'altroInfatti abbiamo ruppolo.Ma e' un caso particolare.
        • pippo75 scrive:
          Re: DipendentiPubblici

          Infatti, chi non vorrebbe una cosa gratis ?
          E' autoevidente dai...
          (rotfl)1: tanto mica paga il dipendente.2: anche il tempo perso è un costo, quindi il gratis non c'è.3: è più facile spezzare un atomo che un pregiudizio.4: se si trovano male con openoffice, allora meglio pagare qualcosa per MSOffice ma fare in modo che il lavoro vada bene.Se mi dici che ogni licenza di MsOffice costa cara, quella PA ha qualcosa che non funziona.
      • maxsix scrive:
        Re: DipendentiPubblici
        - Scritto da: Mario Rossi
        Giusto, come ogni progetto free che non ha
        sucXXXXX è colpa degli utonti, della corruzione
        di Microsoft
        eccetera...Dimentichi le scie chimiche, i Maya e il riscaldamento globale e il governo ladro.Giusto per essere precisi.
      • ninjaverde scrive:
        Re: DipendentiPubblici
        - Scritto da: Mario Rossi
        Giusto, come ogni progetto free che non ha
        sucXXXXX è colpa degli utonti, della corruzione
        di Microsoft
        eccetera...Gli "utoni" e non solo utoni sono condizionanti dal mercato che sponsorizza solo M$. Poi vi sono i rappresentanti che citano (ovviamente) M$ come l'unica possibilità per i Pc di funzionare bene e di avere il software per le esigenze di tutti.Ma poi ormai è di dominio pubblico che dirigenti importati nonchè politici si intascano bustarelle?Ovviamente non si possono fare accuse senza prove... ma per i sospetti c'è spazio. :
    • Lollo scrive:
      Re: DipendentiPubblici

      E poi chi ha voglia di re-imparare alcuni comandi
      che sono diversi tra OO e
      MicOffice?Si chiama formazione.Esiste da migliaia di anni, anche se cade in disuso da un po' visto che ormai la gente chiede a Google le risposte.2 gg di corso erano sufficienti per dare agli utenti quanto gli bastava nel 99% dei casi.
      • ninjaverde scrive:
        Re: DipendentiPubblici
        - Scritto da: Lollo

        E poi chi ha voglia di re-imparare alcuni
        comandi

        che sono diversi tra OO e

        MicOffice?

        Si chiama formazione.
        Esiste da migliaia di anni, anche se cade in
        disuso da un po' visto che ormai la gente chiede
        a Google le
        risposte.
        2 gg di corso erano sufficienti per dare agli
        utenti quanto gli bastava nel 99% dei
        casi.Quoto
      • colpito scrive:
        Re: DipendentiPubblici


        Si chiama formazione.
        Esiste da migliaia di anni, anche se cade in
        disuso da un po' visto che ormai la gente chiede
        a Google le
        risposte.
        2 gg di corso erano sufficienti per dare agli
        utenti quanto gli bastava nel 99% dei
        casi.Casso, scrivi il tuo nome e cognome per intero che ti voto alle prossime politiche, con te si che lo spread va giù!ciao
  • Paride Zavoli scrive:
    Re: Furbettolandia
    Non credo che sia necessario avere preconcetti su una soluzione piuttosto che un'altra. La scelta va fatta sulla base della praticità d'uso e della convenienza totale, non su principi etici o politici. Io trovo che per tante cose ms office sia superiore a open office, per esempio provate a scrivervi delle formule matematiche nel testo e giudicate con quale dei due otterrete i risultati più velocemente.Tra l'altro, per la precisione, è proprio il formato .docx et simili (e non viceversa) ad essere stato riconosciuto standard ISO e quindi tranquillamente utilizzabile e trasportabile.Per il prezzo che ha la suite ed il fatto che può essere ammortizzato non mi pare un problema di costi. Forse costa altrettanto educare e formare.Infine microsoft ha anche una sua filiale italiana che dá lavoro a molte persone, quindi non è neppure un problema sociale.
    • Etype scrive:
      Re: Furbettolandia
      - Scritto da: Paride Zavoli
      Non credo che sia necessario avere preconcetti su
      una soluzione piuttosto che un'altra. se sei privato si...ma nel pubblico è necessario aggiornare all'ennesima versione di Ms Office ?
      La scelta
      va fatta sulla base della praticità d'uso e della
      convenienza totale, non su principi etici o
      politici. non vedo difficoltà per praticità e convenienza di OO o LibreOffice ....
      Io trovo che per tante cose ms office
      sia superiore a open office, per esempio provate
      a scrivervi delle formule matematiche nel testo e
      giudicate con quale dei due otterrete i risultati
      più
      velocemente.Non è mica una gara eh ....oltretutto devi pensare alle varie versioni di office che ci sono ancora in giro ....
      Tra l'altro, per la precisione, è proprio il
      formato .docx et simili (e non viceversa) ad
      essere stato riconosciuto standard ISO e quindi
      tranquillamente utilizzabile e
      trasportabile.Se non sbaglio il .docx è arrivato dopo .odt ...il formato compresso Ms l'ha adottato dopo ...
      Per il prezzo che ha la suite ed il fatto che può
      essere ammortizzato non mi pare un problema di
      costi. Forse costa altrettanto educare e
      formare.Certo prendi un'azienda da 200 postazioni e compra licenze office,fai la stessa cosa con Libre office....calcola che non stiamo vivendo in un periodo favorevole agli acquisti di licenze a gogo...Vogliamo aggiungere il fatto che Ms può sempre creare una suite incompatibile con un Os precedente ? vedi office 2013 incompatibile con vista ed XP ...si ottima mossa.Ti costa molto di più seguire i capricci di un'azienda ....
      Infine microsoft ha anche una sua filiale
      italiana che dá lavoro a molte persone, quindi
      non è neppure un problema
      sociale.e con questo ? Dobbiamo comprare tutti a Ms perchè altrimenti chiude una sezione ?
      • shevathas scrive:
        Re: Furbettolandia
        - Scritto da: Etype
        - Scritto da: Paride Zavoli

        Non credo che sia necessario avere preconcetti
        su

        una soluzione piuttosto che un'altra.

        se sei privato si...ma nel pubblico è necessario
        aggiornare all'ennesima versione di Ms Office
        ?
        Potrebbe essere utile, e se hai una multilicenza di tipo gov l'aggiornamento all'ultima versione della suite office ti viene a costare pochissimo come costi di licenza.

        La scelta

        va fatta sulla base della praticità d'uso e
        della

        convenienza totale, non su principi etici o

        politici.

        non vedo difficoltà per praticità e convenienza
        di OO o LibreOffice
        ....
        bene: sviluppami un modulo che usando DCOM faccia chiacchierare direttamente excel con il mio software per la gestione dei cespiti.
        Non è mica una gara eh ....oltretutto devi
        pensare alle varie versioni di office che ci sono
        ancora in giro
        ....
        irrilevante.

        Tra l'altro, per la precisione, è proprio il

        formato .docx et simili (e non viceversa) ad

        essere stato riconosciuto standard ISO e quindi

        tranquillamente utilizzabile e

        trasportabile.

        Se non sbaglio il .docx è arrivato dopo .odt ...
        il formato compresso Ms l'ha adottato dopo ...


        Per il prezzo che ha la suite ed il fatto che
        può

        essere ammortizzato non mi pare un problema di

        costi. Forse costa altrettanto educare e

        formare.

        Certo prendi un'azienda da 200 postazioni e
        compra licenze office,fai la stessa cosa con
        Libre office....calcola che non stiamo vivendo in
        un periodo favorevole agli acquisti di licenze a
        gogo...diciamo 200 postazioni nuove e non upgrade di licenze vecchie ad occhiometro spenderesti circa 100 euro di licenza per macchina. che in 5 anni di vita utile della ferraglia sono 20 euro annui per macchina. Solo per fare il piano di fattibilità sul cambiamento della suite di produttività spenderebbero più di quanto dovrebbero risparmiare.
        Vogliamo aggiungere il fatto che Ms può sempre
        creare una suite incompatibile con un Os
        precedente ? vedi office 2013 incompatibile con
        vista ed XP ...si ottima
        mossa.delle due una: o fai il downgrade della licenza e ti installi office 2003 o continui a tenerti la vecchia versione di office. Considera anche che i PC con XP generalmente sono macchine vecchie e, a seconda dell'uso alquanto stressate. E che forse sarebbe il caso di cambiarle.

        Infine microsoft ha anche una sua filiale

        italiana che dá lavoro a molte persone, quindi

        non è neppure un problema

        sociale.

        e con questo ? Dobbiamo comprare tutti a Ms
        perchè altrimenti chiude una sezione
        ?semplicemente la storiella: tutti i soldi vanno all'estero è una bufala.
        • Etype scrive:
          Re: Furbettolandia
          - Scritto da: shevathas
          Potrebbe essere utile, e se hai una multilicenza
          di tipo gov l'aggiornamento all'ultima versione
          della suite office ti viene a costare pochissimo
          come costi di licenza.Alcune aziende quando comprano un pc lo comprano già con software preinstallato..un pò come fa Dell ...Office 2007 minimo,ovvero Word,Excel,Outlook (bello il trucchetto,potevano mettere Acess ..invece no Outlook che non ti fa neanche esportare gli account senza ricorrere a software di terze parti)....in questo caso non hai una licenza con la quale poter aggiornare tutti i pc,devi farla.
          bene: sviluppami un modulo che usando DCOM faccia
          chiacchierare direttamente excel con il mio
          software per la gestione dei
          cespiti.E tu pensi che la maggior parte degli utenti in ufficio faccia queste cose ? Spesso viene usato Word per scrivere 2 righe e stampare...in questo caso facilmente rimpiazzbile con Wordpad ...
          irrilevante.Diventa rilevante quando con versioni diverse di Office non ottieni lo stesso identico risultato ...
          diciamo 200 postazioni nuove e non upgrade di
          licenze vecchie ad occhiometro spenderesti circa
          100 euro di licenza per macchina.che fa 20.000 Euro,e l'azienda magari non usa solo Office al suo interno,pensa anche ad altri programmi ..
          che in 5 anni
          di vita utile della ferraglia sono 20 euro annui
          per macchina.Ho visto aziende che hanno pc aggiornati ma che hanno 8 anni di vita,com'è giusto che sia,cambi solo quello che si rompe...
          Solo per fare il piano di
          fattibilità sul cambiamento della suite di
          produttività spenderebbero più di quanto
          dovrebbero
          risparmiare.Non credo proprio....se un'azienda ha rapporti stretti con altre aziende basta prendere come punto di partenza passare tutti a LibreOffice,la cosa finisce li.Ovvio non nego che all'inizio devi "tradurre" il lavoro fatto da Ms Office verso Libre,però lo fai una volta sola,poi lavorerai sempre con la seconda piattoforma.

          Vogliamo aggiungere il fatto che Ms può
          sempre

          creare una suite incompatibile con un Os

          precedente ? vedi office 2013 incompatibile
          con

          vista ed XP ...si ottima

          mossa.

          delle due una: o fai il downgrade della licenza e
          ti installi office 2003 Se te lo fanno fare ...
          o continui a tenerti la
          vecchia versione di officeMa così però potresti avere problemi di incompatibilità con versioni future ...
          Considera anche che i
          PC con XP generalmente sono macchine vecchie e, a
          seconda dell'uso alquanto stressate. E che forse
          sarebbe il caso di
          cambiarle.Non necessariamente sono macchine vecchie,considera che fino a quando è stato possibile c'era il downgrade ad XP.Poi comunque sia non serve tutta questa potenza per applicazioni da ufficio,o negli uffici stessi (a meno di utilizzi particolari..)
          semplicemente la storiella: tutti i soldi vanno
          all'estero è una
          bufala.Pur avendo una filiale in Italia non credo che non torni nulla in madre patria.
          • shevathas scrive:
            Re: Furbettolandia

            Alcune aziende quando comprano un pc lo comprano
            già con software preinstallato..un pò come fa
            Dell ...Office 2007 minimo,ovvero
            Word,Excel,Outlook (bello il trucchetto,potevano
            mettere Acess ..invece no Outlook che non ti fae che te ne fai, per un uso base, di un DB ?
            neanche esportare gli account senza ricorrere a
            software di terze parti)....in questo caso non
            hai una licenza con la quale poter aggiornare
            tutti i pc,devi
            farla.
            se chi acquista è un incompetente si. Altrimenti PC naked e licenze a volume.
            E tu pensi che la maggior parte degli utenti in
            ufficio faccia queste cose ? Spesso viene usato
            Word per scrivere 2 righe e stampare...in questo
            caso facilmente rimpiazzbile con Wordpad
            ...
            ma magari usa il foglio di calcolo per interfacciarsi con il sistema contabile, invece di fare continui travasi dati. O qualche piccola stampa unione direttamente dal DB delle anagrafiche. E per far quello i moduli di questo tipo si usano, e anche pesantemente.

            Diventa rilevante quando con versioni diverse di
            Office non ottieni lo stesso identico risultato
            ...
            mai sucXXXXX.
            che fa 20.000 Euro,e l'azienda magari non usa
            solo Office al suo interno,pensa anche ad altri
            programmi
            ..
            per un azienda con 200 postazioni la spesa di 20K euro da ammortizzare in 5 anni sono bruscolini.

            che in 5 anni

            di vita utile della ferraglia sono 20 euro annui

            per macchina.

            Ho visto aziende che hanno pc aggiornati ma che
            hanno 8 anni di vita,com'è giusto che sia,cambi
            solo quello che si
            rompe...
            facciamo 8 anni, allora le licenze costano 12 euro/anno per macchina. Un costo irrisorio per una azienda che ha la necessità di avere 200 postazioni.

            Non credo proprio....se un'azienda ha rapporti
            stretti con altre aziende basta prendere come
            punto di partenza passare tutti a LibreOffice,la
            cosa finisce li.Ovvio non nego che all'inizio
            devi "tradurre" il lavoro fatto da Ms Office
            verso Libre,però lo fai una volta sola,poi
            lavorerai sempre con la seconda
            piattoforma.
            purtroppo non è solo quello il lavoro. Devi anche verificare se tutto il sistema informativo interno riesce a lavorare con LO allo stesso modo con cui lavora con M$ Office. Perché se il sistema documentale interno non riesce a fare il tracciamento delle versioni e delle revisioni come con word son rogne, se il modulo di compatibilità litiga con opencalc son XXXXXX. Per avere un ipotetico risparmio di 10 arrivi a spendere 1.000...


            Vogliamo aggiungere il fatto che Ms può

            sempre


            creare una suite incompatibile con un Os


            precedente ? vedi office 2013 incompatibile

            con


            vista ed XP ...si ottima


            mossa.



            delle due una: o fai il downgrade della licenza
            e

            ti installi office 2003

            Se te lo fanno fare ...
            nelle licenze aziendali è previsto e permesso.

            o continui a tenerti la

            vecchia versione di office

            Ma così però potresti avere problemi di
            incompatibilità con versioni future
            ...
            cosa che capita con qualsiasi software.
            Non necessariamente sono macchine
            vecchie,considera che fino a quando è stato
            possibile c'era il downgrade ad
            XP.
            Poi comunque sia non serve tutta questa potenza
            per applicazioni da ufficio,o negli uffici stessi
            (a meno di utilizzi
            particolari..)
            non parlo di potenza di calcolo ma di stress dell'hw. Un computer vecchio statisticamente ha molti più malfunzionamenti e rischi di rottura hw di uno nuovo.

            Pur avendo una filiale in Italia non credo che
            non torni nulla in madre
            patria.e in italia non rimane niente ?
          • Etype scrive:
            Re: Furbettolandia
            - Scritto da: shevathas
            e che te ne fai, per un uso base, di un DB ?Scusa eh ..ma io considero il pacchetto almeno composto da : Word,Excel e Access,eventualemnte Powerpoint se proprio vuoi fare una cosa completa...francamente Outlook se la potevano anche risparmiare...
            se chi acquista è un incompetente si. Altrimenti
            PC naked e licenze a
            volume.Chi compra nuovi pc in serie per un nuovo ufficio (non parlo di centinaia di macchine) non credo che adotti le soluzioni che tu dici ..
            ma magari usa il foglio di calcolo per
            interfacciarsi con il sistema contabile, invece
            di fare continui travasi dati. Dipende da cosa fà l'ufficio,soluzioni simili le vedo con i database con SQL (altro software da lanciare dalla finestra...)
            O qualche piccola
            stampa unione direttamente dal DB delle
            anagrafiche. Un utente medio di un ufficio sa a malapena usare unan stampa unione da Word,figuriamoci da un DB...
            E per far quello i moduli di questo
            tipo si usano, e anche
            pesantemente.

            Dipende tutto dal lavoro che fa un'azienda...

            Diventa rilevante quando con versioni
            diverse
            di

            Office non ottieni lo stesso identico
            risultato

            ...


            mai sucXXXXX.Buon per te ;)

            che fa 20.000 Euro,e l'azienda magari non usa

            solo Office al suo interno,pensa anche ad
            altri

            programmi

            ..


            per un azienda con 200 postazioni la spesa di 20K
            euro da ammortizzare in 5 anni sono
            bruscolini.Peccato che in tempi di magra ti dicono "dobbiamo tagliare per ridurre le spese..."
            facciamo 8 anni, allora le licenze costano 12
            euro/anno per macchina. Un costo irrisorio per
            una azienda che ha la necessità di avere 200
            postazioni.Si ma alla fine hai sempre un costo mensile,in questo lasso di tempo se cambi sistema operativo ti ritrovi un'altra grana in più...senza contare poi la XXXXXXXta madornale dove se per un motivo o per un'altro devo reinstallare la stessa suite da ufficio sullo stesso computer ho le attivazioni limitate.Addirittura casi in cui se installo oggi e dopo 5 giorni formatto e reinstallo mi viene negata la possibilità di attivare il prodotto regolarmente acquistato e devo aspettare e sbattermi con l'assitenza MS ...tanto per non perdere tempo eh ...
            purtroppo non è solo quello il lavoro. Devi anche
            verificare se tutto il sistema informativo
            interno riesce a lavorare con LO allo stesso modo
            con cui lavora con M$ Office. Perché se il
            sistema documentale interno non riesce a fare il
            tracciamento delle versioni e delle revisioni
            come con word son rogne, se il modulo di
            compatibilità litiga con opencalc son XXXXXX. Per
            avere un ipotetico risparmio di 10 arrivi a
            spendere
            1.000...Si ma questi sono casi particolari,io mi riferisco ad un uso semplice della suite...
            non parlo di potenza di calcolo ma di stress
            dell'hw. Un computer vecchio statisticamente ha
            molti più malfunzionamenti e rischi di rottura hw
            di uno
            nuovo.Si ma a meno di avere un guasto alla scheda madre cambi solo i pezzi difettosi....vedi i server ...eppure lavorano 24/24...
            e in italia non rimane niente ?rimarrà una quota,ma non credo sia la fetta grossa ...poi dipende come Ms gestisce questa cosa ...
          • shevathas scrive:
            Re: Furbettolandia

            Scusa eh ..ma io considero il pacchetto almeno
            composto da : Word,Excel e Access,eventualemnte
            Powerpoint se proprio vuoi fare una cosa
            completa...francamente Outlook se la potevano
            anche
            risparmiare...
            ripeto la domanda: per un uso di base che te ne fai di un DB ?
            Chi compra nuovi pc in serie per un nuovo ufficio
            (non parlo di centinaia di macchine) non credo
            che adotti le soluzioni che tu dici
            ..
            ok quindi parliamo di piccoli uffici con pochissime macchine. Un caso completamente diverso dal ministero degli esteri della germania, e molto più vicino al caso: "computer per uso domestico".

            O qualche piccola

            stampa unione direttamente dal DB delle

            anagrafiche.

            Un utente medio di un ufficio sa a malapena usare
            unan stampa unione da Word,figuriamoci da un
            DB...
            non c'è alcuna differenza, soprattutto se il sistemista gli configura l'odbc.

            per un azienda con 200 postazioni la spesa di
            20K

            euro da ammortizzare in 5 anni sono

            bruscolini.

            Peccato che in tempi di magra ti dicono "dobbiamo
            tagliare per ridurre le
            spese..."
            e quindi gli proponi di spendere 100K per verificare se forse fra 10 anni potranno risparmiare 4K euro/anno ?

            facciamo 8 anni, allora le licenze costano 12

            euro/anno per macchina. Un costo irrisorio per

            una azienda che ha la necessità di avere 200

            postazioni.

            Si ma alla fine hai sempre un costo mensile,in
            questo lasso di tempo se cambi sistema operativo
            ti ritrovi un'altra grana in più...senza contare
            poi la XXXXXXXta madornale dove se per un motivo
            o per un'altro devo reinstallare la stessa suite
            da ufficio sullo stesso computer ho le
            attivazioni limitate.io delle macchine appena installate e configurate faccio l'immagine disco con partimage, un programma OS che funziona come norton ghost. In caso di XXXXXX ripristino l'immagine senza problemi e senza perdere tempo a reinstallare.
            Addirittura casi in cui se
            installo oggi e dopo 5 giorni formatto e
            reinstallo mi viene negata la possibilità di
            attivare il prodotto regolarmente acquistato e
            devo aspettare e sbattermi con l'assitenza MS
            ...tanto per non perdere tempo eh
            ...
            perché dovresti formattare dopo 5 giorni ?
            Si ma questi sono casi particolari,io mi
            riferisco ad un uso semplice della
            suite...
            e allora non siamo nel caso del ministero degli esteri tedesco, siamo nel caso: utente domestico.

            non parlo di potenza di calcolo ma di stress

            dell'hw. Un computer vecchio statisticamente ha

            molti più malfunzionamenti e rischi di rottura
            hw

            di uno

            nuovo.

            Si ma a meno di avere un guasto alla scheda madre
            cambi solo i pezzi difettosi....vedi i server
            ...eppure lavorano
            24/24...
            i server sono dimensionati e progettati per lavorare 24/24, tanto per dirne una hanno alimentazione ridondante e dischi in raid, generalmente sono in stanze apposite condizionate, non sono PC client che tieni sotto la scrivania.
          • Etype scrive:
            Re: Furbettolandia
            - Scritto da: shevathas
            ripeto la domanda: per un uso di base che te ne
            fai di un DB
            ?Per crearti un DB ??
            ok quindi parliamo di piccoli uffici con
            pochissime macchine. Un caso completamente
            diverso dal ministero degli esteri della
            germania, e molto più vicino al caso: "computer
            per uso
            domestico".E quanti computer usano nel ministero,5000 ?
            e quindi gli proponi di spendere 100K per
            verificare se forse fra 10 anni potranno
            risparmiare 4K euro/anno
            ?Chi ti ha detto che siamo su quella cifra ?Il vero errore è prendere come standard il lavoro di Ms.
            io delle macchine appena installate e configurate
            faccio l'immagine disco con partimage,Si questo è un'altro discorso,c'è partimage e altri programmi validi sia free,open,che a pagamento.Se hai un problema solo con Office mi ripristini l'intera partizione ?
            un
            programma OS che funziona come norton ghost. In
            caso di XXXXXX ripristino l'immagine senza
            problemi e senza perdere tempo a
            reinstallare.dipende in che stato lo trovi il pc,se ha già malfunzionamenti software che te ne fai di un'immagine che è già fallata ? Poi il ripristino è l'ultima carta da gicoare ....non puoi farlo per prima ...

            Addirittura casi in cui se

            installo oggi e dopo 5 giorni formatto e

            reinstallo mi viene negata la possibilità di

            attivare il prodotto regolarmente acquistato
            e

            devo aspettare e sbattermi con l'assitenza MS

            ...tanto per non perdere tempo eh

            ...


            perché dovresti formattare dopo 5 giorni ?Malfunzionamento software,virus,ecc..i motivi sono tanti...
            e allora non siamo nel caso del ministero degli
            esteri tedesco, siamo nel caso: utente
            domestico.Mica tanto domestico,ho visto anche aziende di 80 postazioni con quello scenario,poi ripeto,dipende dal lavoro che fa un determinato ufficio/azienda
            i server sono dimensionati e progettati per
            lavorare 24/24, tanto per dirne una hanno
            alimentazione ridondante e dischi in raid,Gli alimentatori ridondanti ce ne sono anche in formato ATX,sebbene siano più costosi di quelli standard.per il Raid anche i pc degli ultimi hanni ne sono dotati ...
            generalmente sono in stanze apposite
            condizionate, dipende ....
            non sono PC client che tieni sotto
            la
            scrivania.lo so ma non cambia nulla .....puoi avere anche un pc con una buona dotazione hardware e usarlo come server,nessuno te lo vieta.
          • shevathas scrive:
            Re: Furbettolandia
            - Scritto da: Etype
            - Scritto da: shevathas


            ripeto la domanda: per un uso di base che te ne

            fai di un DB

            ?

            Per crearti un DB ??
            certo l'utente base si mette a crearsi i DB. E' fondamentale per scrivere lettere e fare i conti della spesa.

            E quanti computer usano nel ministero,5000 ?
            a occhiometro direi almeno il doppio e su un bel po' di sedi geografiche.

            e quindi gli proponi di spendere 100K per

            verificare se forse fra 10 anni potranno

            risparmiare 4K euro/anno

            ?

            Chi ti ha detto che siamo su quella cifra ?
            Il vero errore è prendere come standard il lavoro
            di
            Ms.
            hai cifre precise ? tirale fuori.
            Si questo è un'altro discorso,c'è partimage e
            altri programmi validi sia free,open,che a
            pagamento.Se hai un problema solo con Office mi
            ripristini l'intera partizione
            ?
            se usi il "ripara" o il "ripristino" di office non chiede alcuna attivazione.
            dipende in che stato lo trovi il pc,se ha già
            malfunzionamenti software che te ne fai di
            un'immagine che è già fallata ? Poi il ripristino
            è l'ultima carta da gicoare ....non puoi farlo
            per prima
            ...
            l'immagine se hai testa la fai quando il pc è installato, configurato e non ancora toccato dall'utente. Per il resto è un attimo fare il backup dei dati dell'utente, ripristinare l'immagine e reimportare dati e configurazioni. Massimo due ore di fermo macchina e hai fatto tutto.

            Malfunzionamento software,virus,ecc..i motivi
            sono
            tanti...
            Strano, generalmente capitano nei PC domestici, raro che succeda con quelli dell'ufficio.

            e allora non siamo nel caso del ministero degli

            esteri tedesco, siamo nel caso: utente

            domestico.

            Mica tanto domestico,ho visto anche aziende di 80
            postazioni con quello scenario,poi ripeto,dipende
            dal lavoro che fa un determinato
            ufficio/azienda
            direi che il reparto ICT in tal caso non è tenuto in maniera molto professionale.

            i server sono dimensionati e progettati per

            lavorare 24/24, tanto per dirne una hanno

            alimentazione ridondante e dischi in raid,

            Gli alimentatori ridondanti ce ne sono anche in
            formato ATX,sebbene siano più costosi di quelli
            standard.
            per il Raid anche i pc degli ultimi hanni ne sono
            dotati
            ...


            generalmente sono in stanze apposite

            condizionate,

            dipende ....


            non sono PC client che tieni sotto

            la

            scrivania.

            lo so ma non cambia nulla .....puoi avere anche
            un pc con una buona dotazione hardware e usarlo
            come server,nessuno te lo
            vieta.puoi andare da milano a roma in bicicletta. Con un auto però vai più veloce.
          • krane scrive:
            Re: Furbettolandia
            - Scritto da: shevathas


            per un azienda con 200 postazioni


            la spesa di 20K euro da ammortizzare


            in 5 anni sono bruscolini.

            Peccato che in tempi di magra ti

            dicono "dobbiamo tagliare per ridurre le

            spese..."
            e quindi gli proponi di spendere 100K per
            verificare se forse fra 10 anni potranno
            risparmiare 4K euro/anno ?Io gli proporrei di stare attenti ad ogni nuovo prodotto che verra' in futuro scritto o acquistato, in modo da rendere la migrazione morbida appena si puo'. Inoltre spingere i fornitori nella stessa direzione.
            io delle macchine appena installate e configurate
            faccio l'immagine disco con partimage, un
            programma OS che funziona come norton ghost. In
            caso di XXXXXX ripristino l'immagine senza
            problemi e senza perdere tempo a reinstallare.Peccato dover tenere un'immagine per ogni modello di computer a causa del sistema di installazione di windows, a cui si aggiungono le eventuali personalizzazioni a seconda del cliente a cui e' destinato il povero schiavo.
          • pippo75 scrive:
            Re: Furbettolandia

            E tu pensi che la maggior parte degli utenti in
            ufficio faccia queste cose ? Spesso viene usato
            Word per scrivere 2 righe e stampare...in questo
            caso facilmente rimpiazzbile con Wordpadallora prendi office versione ridotta. c'è l'obbligo di prendre sempre la versione nonplusultra?
            Diventa rilevante quando con versioni diverse di
            Office non ottieni lo stesso identico risultatoSe il detersivo non lava bene, si cambia marca.

            diciamo 200 postazioni nuove e non upgrade di

            licenze vecchie ad occhiometro spenderesti circa

            100 euro di licenza per macchina.

            che fa 20.000 Euro,e l'azienda magari non usa
            solo Office al suo interno,pensa anche ad altri
            programmisono 100 euro di licenza, facciamo finta che duri 12 mesi.100/12 = 8.3 euro.8.3/20 giorni lavorativi= 0.41 centesimi al giornoSe investire 0.41 euro al giorno è troppo, spendo più io in caffè alla macchinetta.
            Non credo proprio....se un'azienda ha rapporti
            stretti con altre aziende basta prendere come
            punto di partenza passare tutti a LibreOfficee uno ti dice: perchè?
            cosa finisce li.Ovvio non nego che all'inizio
            devi "tradurre" il lavoro fatto da Ms Office
            verso Libre,però lo fai una volta sola,poi
            lavorerai sempre con la seconda piattoforma.con quali vantaggi effettivi?Io uso openoffice, ma spiegalo ad un tuo cliente, gli dici che se non lo fa è uno sXXXXX trollino?
            Ma così però potresti avere problemi di
            incompatibilità con versioni future
            ...Nel futuro vedremo.
          • Etype scrive:
            Re: Furbettolandia
            - Scritto da: pippo75
            allora prendi office versione ridotta. c'è
            l'obbligo di prendre sempre la versione
            nonplusultra?E' sempre un costo,se sono pochi pc te lo puoi permettere (anche se rimani legato a MS),se devi contenere i costi no...
            Se il detersivo non lava bene, si cambia marca.quale marca ? Ms,OO,LO e che altro ?
            sono 100 euro di licenza, facciamo finta che duri
            12
            mesi.

            100/12 = 8.3 euro.
            8.3/20 giorni lavorativi= 0.41 centesimi al giornoQuesto è un modo un pò miope di vedere le cose,quasi a giustificarle.Quando tu compri un software supponiamo anche solo 500 Euro,la software house mica ti dice "me lo puoi pagare 1 euro al giorno"...col cavolo !!!
            Se investire 0.41 euro al giorno è troppo, spendo
            più io in caffè alla
            macchinetta.Tu un software lo compri per intero subito non a 50 euroncent al giorno,ma anche se fosse tu somma 50 Cent all'anno ....e ti ricordo che sei sempre legato ai capricci di un'azienda eh ...

            Non credo proprio....se un'azienda ha
            rapporti

            stretti con altre aziende basta prendere come

            punto di partenza passare tutti a LibreOffice

            e uno ti dice: perchè?Perchè non tutte le aziende sono uguali,ci sono quelle piccole da pochi dipendenti e quelle grandi....non tutti hanno la stessa disponibilità di denaro e poi comunque devi aggiungere anche i costi per altri software.Ti potrei fare anche la stessa domanda,perchè dovrei prendere come standard un prodotto Ms ?

            cosa finisce li.Ovvio non nego che all'inizio

            devi "tradurre" il lavoro fatto da Ms Office

            verso Libre,però lo fai una volta sola,poi

            lavorerai sempre con la seconda piattoforma.

            con quali vantaggi effettivi?Perchè quali sono i vantaggi effettivi di Ms ?
            Io uso openoffice, ma spiegalo ad un tuo cliente,
            gli dici che se non lo fa è uno sXXXXX
            trollino?No,gli dico solo che può evitare i costi di licenze,i capricci di Ms e la dipendenza di un Os ...ti sembra poco ?

            Ma così però potresti avere problemi di

            incompatibilità con versioni future

            ...

            Nel futuro vedremo.Non c'è bisogno,si è già verificato con office 2007 e in alcune occasioni con determinate funzioni sempre di Ms office ...
          • pippo75 scrive:
            Re: Furbettolandia

            Tu un software lo compri per intero subito non a
            50 euroncent al giorno,ma anche se fosse tu somma
            50 Cent all'anno le comiche?....e ti ricordo che sei sempre
            legato ai capricci di un'azienda eh
            ...legato? ma di che parli?
            Perchè non tutte le aziende sono uguali,ci sono
            quelle piccole da pochi dipendentipochi dipendenti, ma non si parlava di 100 dipendenti che devono usare office?
            grandi....non tutti hanno la stessa disponibilità
            di denaro e poi comunque devi aggiungere anche i
            costi per altri software.quindi per gli stipendi come fa?
            Ti potrei fare anche la stessa domanda,perchè
            dovrei prendere come standard un prodotto Ms
            ?La ditta sa quello che serve a sa cosa scegliere.Ti serve lo prendi, non ti serve non lo prendi.

            con quali vantaggi effettivi?

            Perchè quali sono i vantaggi effettivi di Ms ?Nell'articolo dicono che le persone hanno meno problemi di compatibilità.

            No,gli dico solo che può evitare i costi di
            licenze,i capricci di Ms e la dipendenza di un Os
            ...ti sembra pocoA molti del SO frega come sapere la marca delle ranelle che si usano per fissare le viti.Ho visto che nel mondo reale pochi sono interessati a sapere la marca di SO.

            Non c'è bisogno,si è già verificato con office
            2007 e in alcune occasioni con determinate
            funzioni sempre di Ms office
            ...posso chiederti quali problemi?
  • Mr Stallman scrive:
    A Bolzano hanno risparmiato Milioni di €
    I tedeschi e gli italiani non sono GNUranti.Da Maruccia a Marrucci il passo è breve:[yt]jPLfnnzAhXc[/yt]
    • jamal scrive:
      Re: A Bolzano hanno risparmiato Milioni di €
      A bolzano risparmierebbero milioni anche se usassero Office...non è il software, è tutto l'insieme.
      • Lollo scrive:
        Re: A Bolzano hanno risparmiato Milioni di €
        - Scritto da: jamal
        A bolzano risparmierebbero milioni anche se
        usassero Office...non è il software, è tutto
        l'insieme.A Bolzano succede perché c'è un po di disciplina teutonica appunto, sorprende che un progetto simile fallisca proprio in Germania.
        • shevathas scrive:
          Re: A Bolzano hanno risparmiato Milioni di €
          - Scritto da: Lollo
          - Scritto da: jamal

          A bolzano risparmierebbero milioni anche se

          usassero Office...non è il software, è tutto

          l'insieme.

          A Bolzano succede perché c'è un po di disciplina
          teutonica appunto, sorprende che un progetto
          simile fallisca proprio in
          Germania.A Bolzano l'open l'hanno usato nelle scuole per l'attività didattica con gli studenti e non per il lavoro amministrativo della provincia autonoma. Forse prima di parlare dei casi di sucXXXXX sarebbe il caso di leggere di cosa si tratti.
  • rantolo scrive:
    MODERATE GLI UTENTI?
    Leggo adesso su un newsgroup che l'utente VITRIOL è stato moderato da Punto Informatico ed alcuni suoi commenti sono stati addirittura cancellati.Questo fatto ha dell'incredibile e del vergognoso dato che si tratta di un utente competente, corretto e che contribuisce sempre positivamente alle discussioni a cui partecipa.Sarebbe altrettanto corretto fornire una spiegazione da parte della redazione di PI.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: MODERATE GLI UTENTI?
      - Scritto da: rantolo
      Leggo adesso su un newsgroup che l'utente VITRIOL
      è stato moderato da Punto Informatico ed alcuni
      suoi commenti sono stati addirittura
      cancellati.Benvenuto su PI.
    • Dodge scrive:
      Re: MODERATE GLI UTENTI?
      - Scritto da: rantolo
      Leggo adesso su un newsgroup che l'utente VITRIOL
      è stato moderato da Punto Informatico ed alcuni
      suoi commenti sono stati addirittura
      cancellati.Fai un post pro centro-sinistra, poi ne riparliamo
    • shevathas scrive:
      Re: MODERATE GLI UTENTI?
      purtroppo il tread partiva con un messaggio un poco "fuori di misura" ed hanno XXXXto tutto, classico comportamento da T-1000
      • Leguleio scrive:
        Re: MODERATE GLI UTENTI?
        - Scritto da: shevathas
        purtroppo il tread partiva con un messaggio un
        poco "fuori di misura" ed hanno XXXXto tutto,
        classico comportamento da
        T-1000Un paio di volte mi è capitato di commentare mentre cancellavano tutta la parte superiore. Poi ho inviato... e il mio commento è apparso lì, sospeso, senza tutta la discussione precedente. Dopo un po' di giorni non capivo nemmeno io, a cosa avevo risposto! :-)
        • panda rossa scrive:
          Re: MODERATE GLI UTENTI?
          - Scritto da: Leguleio
          - Scritto da: shevathas


          purtroppo il tread partiva con un messaggio
          un

          poco "fuori di misura" ed hanno XXXXto tutto,

          classico comportamento da

          T-1000

          Un paio di volte mi è capitato di commentare
          mentre cancellavano tutta la parte superiore. Poi
          ho inviato... e il mio commento è apparso lì,
          sospeso, senza tutta la discussione precedente.
          Dopo un po' di giorni non capivo nemmeno io, a
          cosa avevo risposto!
          :-)Basterebbe quotare!
          • Leguleio scrive:
            Re: MODERATE GLI UTENTI?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Leguleio

            - Scritto da: shevathas




            purtroppo il tread partiva con un
            messaggio

            un


            poco "fuori di misura" ed hanno XXXXto
            tutto,


            classico comportamento da


            T-1000



            Un paio di volte mi è capitato di commentare

            mentre cancellavano tutta la parte
            superiore.
            Poi

            ho inviato... e il mio commento è apparso lì,

            sospeso, senza tutta la discussione
            precedente.

            Dopo un po' di giorni non capivo nemmeno io,
            a

            cosa avevo risposto!

            :-)

            Basterebbe quotare!Massì, infatti un pezzo della discussione precedente era rimasto. Siccome però era una luuuunga discussione, si poteva leggere l'ultimo commento (il mio), e il penultimo. E basta. Come vedere l'ultima e la penultima scena di un film. :-D
    • panda rossa scrive:
      Re: MODERATE GLI UTENTI?
      - Scritto da: rantolo
      Leggo adesso su un newsgroup che l'utente VITRIOL
      è stato moderato da Punto Informatico ed alcuni
      suoi commenti sono stati addirittura
      cancellati.
      Questo fatto ha dell'incredibile e del vergognoso
      dato che si tratta di un utente competente,
      corretto e che contribuisce sempre positivamente
      alle discussioni a cui
      partecipa.
      Sarebbe altrettanto corretto fornire una
      spiegazione da parte della redazione di
      PI.La moderazione (chiamiamola pure cosi' per brevita') su PI non riguarda ne' le persone ne' i contenuti.E' un normale malfunzionamento del server che gestisce il forum che, usando tecnologia M$, la applica, facendo sparire messaggi a caso.Quindi il buon VITRIOL non se ne deve avere male, anzi, dovrebbe farne motivo di vanto."Anche io sono stato censurato da PI!"E' uno slogan da scrivere sulla maglietta da far vedere quando si alza la maglia dopo aver fatto un gol a calcetto!
    • Mr Stallman scrive:
      Re: MODERATE GLI UTENTI?
      - Scritto da: rantolo
      Leggo adesso su un newsgroup che l'utente VITRIOL
      è stato moderato da Punto Informatico ed alcuni
      suoi commenti sono stati addirittura
      cancellati.
      Questo fatto ha dell'incredibile e del vergognoso
      dato che si tratta di un utente competente,
      corretto e che contribuisce sempre positivamente
      alle discussioni a cui
      partecipa.
      Sarebbe altrettanto corretto fornire una
      spiegazione da parte della redazione di
      PI.A tal proposito sarà un caso ma è facile constatare come nella Cloud dei Tag a destra non compare mail la parola Linux, ma sempre quella Windows, pure quando si parla solo di Linux !!!
    • sbrotfl scrive:
      Re: MODERATE GLI UTENTI?
      - Scritto da: rantolo
      Leggo adesso su un newsgroup che l'utente VITRIOL
      è stato moderato da Punto Informatico ed alcuni
      suoi commenti sono stati addirittura
      cancellati.Ma non mi dire :O.Ah... non so se vi siete conosciuti... rantolo lui è T-1000, T-1000 lui è rantolo
      Questo fatto ha dell'incredibile e del vergognoso
      dato che si tratta di un utente competente,
      corretto e che contribuisce sempre positivamente
      alle discussioni a cui
      partecipa.
      Sarebbe altrettanto corretto fornire una
      spiegazione da parte della redazione di
      PI.
  • mi girano scrive:
    buffonate (che mi fanno inca##are)
    trattasi con tutta evidenza di buffonatea) una cosa sono i formati, un'altra cosa sono le applicazioni: usare gli uni per giustificare scelte relative agli altri (o viceversa) è un modo di argomentare pretestuoso e in palese malafede(e lo stesso PI non fa un buon servizio a nessuno -né fa del buon giornalismo- alimentando questa confusione)b) parlo per esperienza diretta con una PA in cui sono presenti circa 600 client Windows su cui è installato LibreOffice 3.6.2: i presunti "problemi" di incompatibilità in pratica NON ESISTONO: nel 99.9% dei casi i documenti ms office (provenienti dall'esterno) vengono gestiti dal personale (che pure è composto prevalentemente da rompico###i ignoranti di primaria grandezza) SENZA ALCUN PROBLEMA e SENZA ALCUN CALO DI PRODUTTIVITA' (anzi, semmai è tutto il contrario)anche da questo p.d.v. usare FALSI problemi di interoperabilità per giustificare la scelta (altrimenti discutibile) di un certo applicativo (ms office) piuttosto che di un altro (LO) è un modo di argomentare pretestuoso e in palese malafedec) a seguito dell'adozione di OOo prima e LO ora, la suddetta PA (tra costi di licenze e di gestione del parco installato) RISPARMIA OGNI ANNO da oramai 5 o 6 anni cira 180.000 EURO (dicasi CENTOOTTANTAMILA OGNI ANNO)...se tutte le PA di tutta italia utilizzassero LO si risparmierebbero ogni anno svariati MILIONI DI EUROd) mi fa inca##are non poco che, mentre si parla di crisi e si tagliano tutti i servizi alle persone comprese le più deboli, c'è chi ha la faccia tosta di difendere/chiedere la spesa di MILIONI DI EURO OGNI ANNO in italia per licenze INUTILI (soldi che vanno a finire tutti dritti dritti nei conti di una multinazionale estera, senza ALCUNA ricaduta locale)D.1) PERALTRO, le normative italiane IMPONGONO (SI, E' UN PRECISO OBBLIGO DI LEGGE!) l'utilizzo prioritario di software liberi e/o aperti...e) ai dipendenti che millantano tutti questi falsi e inesistenti problemi, così come ai vari funzionari e politici che -molto probabilmente anche "invogliati" dai lobbisti della multinazionale in questione- appoggiano certe scelte sulla base di tutte queste argomentazioni FALSE e PRETESTUOSE, spetterebbe (a mio parere) una dose alquanto massiccia di CALCI NEL C..O e, successivamente all'immediato LICENZIAMENTO, almeno un paio di anni da passare a ZAPPARE LA TERRA (senza offesa per agricoltori e contadini)e.1) stessa cosa dicasi per chiunque -vuoi per ignoranza, vuoi per stupidità, vuoi per tornaconto personale- sostenga queste stesse argomentazioni (compresi giornalisti e commentatori...)
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: buffonate (che mi fanno inca##are)
      Ciccio tutto quello che vuoi ed avrai pure ragione su quello che si fa in Italia, sulle leggi e sulla nostra crisi, ma qui stiamo parlando della Germania.
    • shevathas scrive:
      Re: buffonate (che mi fanno inca##are)

      a) una cosa sono i formati, un'altra cosa sono le
      applicazioni: usare gli uni per giustificare
      scelte relative agli altri (o viceversa) è un
      modo di argomentare pretestuoso e in palese
      malafede
      (e lo stesso PI non fa un buon servizio a nessuno
      -né fa del buon giornalismo- alimentando questa
      confusione)
      qui quoto.
      b) parlo per esperienza diretta con una PA in cui
      sono presenti circa 600 client Windows su cui è
      installato LibreOffice 3.6.2: i presunti
      "problemi" di incompatibilità in pratica NON
      ESISTONO: nel 99.9% dei casi i documenti ms
      office (provenienti dall'esterno) vengono gestiti
      dal personale (che pure è composto
      prevalentemente da rompico###i ignoranti di
      primaria grandezza) SENZA ALCUN PROBLEMA e SENZA
      ALCUN CALO DI PRODUTTIVITA' (anzi, semmai è tutto
      il
      contrario)
      anche da questo p.d.v. usare FALSI problemi di
      interoperabilità per giustificare la scelta
      (altrimenti discutibile) di un certo applicativo
      (ms office) piuttosto che di un altro (LO) è un
      modo di argomentare pretestuoso e in palese
      malafede
      di cosa si occupa questa PA ? è un comune/asl/provincia/ente strumentale ?
      c) a seguito dell'adozione di OOo prima e LO ora,
      la suddetta PA (tra costi di licenze e di
      gestione del parco installato) RISPARMIA OGNI
      ANNO da oramai 5 o 6 anni cira 180.000 EURO
      (dicasi CENTOOTTANTAMILA OGNI
      ANNO)...che diviso 600 fa circa 300 euro a macchina per anno. Esattamente questo risparmio come viene quantificat ? si da per scontato che la licenza della suite office venga rinnovata ogni anno per ogni macchina ?
      se tutte le PA di tutta italia utilizzassero LO
      si risparmierebbero ogni anno svariati MILIONI DI
      EURO
      Naturalmente hai sotto mano l'elenco dei software utilizzati dalle PA e sei sicuro che non ne esista nessuno che debba interfacciarsi con office, ovvero dove esistono soluzioni equivalenti. Nel caso potresti darmi qualche nome riguardo a software per la pianificazione logistica del trasporto pubblico o gestione documentale per "grossi " volumi (~3M di numeri di protocollo per anno) grazie.
      d) mi fa inca##are non poco che, mentre si parla
      di crisi e si tagliano tutti i servizi alle
      persone comprese le più deboli, c'è chi ha la
      faccia tosta di difendere/chiedere la spesa di
      MILIONI DI EURO OGNI ANNO in italia per licenze
      INUTILI (soldi che vanno a finire tutti dritti
      dritti nei conti di una multinazionale estera,
      senza ALCUNA ricaduta
      locale)
      e cosa aspetti a denunciare alla GDF che la M$ italia evade l'iva e altro sul software venduto in italia ?
      D.1) PERALTRO, le normative italiane IMPONGONO
      (SI, E' UN PRECISO OBBLIGO DI LEGGE!) l'utilizzo
      prioritario di software liberi e/o
      aperti...
      se hanno le stesse funzionalità.
      e) ai dipendenti che millantano tutti questi
      falsi e inesistenti problemi, così come ai vari
      funzionari e politici che -molto probabilmente
      anche "invogliati" dai lobbisti della
      multinazionale in questione- appoggiano certe
      scelte sulla base di tutte queste argomentazioni
      FALSE e PRETESTUOSE, spetterebbe (a mio parere)
      una dose alquanto massiccia di CALCI NEL C..O e,
      successivamente all'immediato LICENZIAMENTO,
      almeno un paio di anni da passare a ZAPPARE LA
      TERRA (senza offesa per agricoltori e
      contadini)
      parliamo allora di quanti ti vogliono "vendere" il software scaricato da SF spacciandolo come loro e tu dovresti usarlo solo perché FOSS, anche se rispetto alle alternative proprietarie fa pena ?
      e.1) stessa cosa dicasi per chiunque -vuoi per
      ignoranza, vuoi per stupidità, vuoi per
      tornaconto personale- sostenga queste stesse
      argomentazioni (compresi giornalisti e
      commentatori...)differenziati da loro, giustifica le cifre e dai qualche nome di software per fare i compiti che ho descritto sopra.
    • Etype scrive:
      Re: buffonate (che mi fanno inca##are)
      - Scritto da: mi giranoCondivisibile....Le cose se si vogliono fare veramente si fanno...
    • dalek scrive:
      Re: buffonate (che mi fanno inca##are)
      spendere soldi inutili con norton e skifezze simili quando si potrebbe avere gratis avg free - avira free - microsoft security e altri poco noti
    • Mario Rossi scrive:
      Re: buffonate (che mi fanno inca##are)
      - Scritto da: mi girano
      funzionari e politici che -molto probabilmente
      anche "invogliati" dai lobbisti della
      multinazionale in questionePer non parlare di Al Qaeda che finanziata da Microsoft minaccia azioni terroristiche se non si utilizzano i loro prodotti
    • Diviccaro Roberto scrive:
      Re: buffonate (che mi fanno inca##are)
      x shevathaspiccolo OT: sfatiamo il mito! La parola "contadino" non ha niente a che fare con l'agricoltura e con lo "zappare la terra".Parimenti al termine "cittadino" la finale "adino" non sta li per caso.Cittadino significa "che abita in città".Contadino significa "che abita nel CONTADO o CONTEA". La contea è un distretto amministrativo che anticamente era proprietà feudale del CONTE.Oggi sarebbe l'equivalente di provincia.Anticamente le contee erano distretti dediti prevalentemente rurali quindi per forza di cose i lavori possibili era legati alla pastorizia e all'agricoltura.Vien da sé che il parroco della chiesetta o il medico del paese, è un contadino anche se non zappa la terra.colui che zappa la terra si chiamava ZAPPATORE e il termine non aveva nulla a che vedere con l'agricoltura. Era riferito appunto all'azione di usare la zappa.Anticamente il GENIO dell'esercito aveva un corpo specializzato chiamato zappatori. Questi avevo un compito preciso: usare la zappa per scavare fossati, trincee o tunnel. Erano quelli che oggi chiamiamo GUASTATORI.Oggi lo zappatore non esiste più. Grazie a dio.fine OT.Diciamola tutta: se uno si atteggia ad esperto informatico e non riesce a trovare il pulsante stampa... semplicemente perché spostato, che opinione volete che esprima a riguardo del NUOVO?Tanta gente ha estorto denaro per fantomatici corsi e patenti, volete che ci rinuncino? i cambiamenti non sono per i reazionari ma per i visionari che sanno vedere oltre l'orizzonte, oltre la punta del proprio naso.Se andiamo nelle scuole a controllare i titoli accademici dei Professori di Informatica sai le risate...Diciamo pure che chi si impegna alla lunga i risultati li vede, chi non si impegna resta fermo. Col tempo e con la paglia maturano le nespole, state tranquilli che l'informatica è come il paziente, produce anticorpi.ciao
      • Diviccaro Roberto scrive:
        Re: buffonate (che mi fanno inca##are)
        scusate ma perché le parole da me scritte sono alterate??Controllate il correttore grammaticale please!
  • Paolo T. scrive:
    Incompatibilità o incapacità?
    Se trovano problemi di compatibilità fra Microsoft Office e OpenOffice, è evidente che i documenti sono un disastro, visto che a livello di comunicazioni ufficiali e bilanci di un piccolo ufficio comunale la compatibilità è completa. Sarebbe il caso di spendere, piuttosto, nell'addestramento degli impiegati.
    • Paolo T. scrive:
      Re: Incompatibilità o incapacità?
      Mi viene in mente: ma perché, il passaggio da MS Office pre-ribbon a quello successivo è una cosa facile?
    • MacGeek scrive:
      Re: Incompatibilità o incapacità?
      - Scritto da: Paolo T.
      Se trovano problemi di compatibilità fra
      Microsoft Office e OpenOffice, è evidente che i
      documenti sono un disastro, visto che a livello
      di comunicazioni ufficiali e bilanci di un
      piccolo ufficio comunale la compatibilità è
      completa. Sarebbe il caso di spendere, piuttosto,
      nell'addestramento degli
      impiegati.Scherzi? Office non è compatibile neanche con se stesso (diverse versioni) avere la compatibilità con diverse suite di Office è pura utopia.E poi perfino Pages apre meglio i documenti di Word rispetto ad OpenOffice, pur avendo delle funzionalità totalmente differenti (OpenOffice è quasi un clone di M$ Office).
    • il signor rossi scrive:
      Re: Incompatibilità o incapacità?
      - Scritto da: Paolo T.
      Se trovano problemi di compatibilità fra
      Microsoft Office e OpenOffice, è evidente che i
      documenti sono un disastro, visto che a livello
      di comunicazioni ufficiali e bilanci di un
      piccolo ufficio comunale la compatibilità è
      completa. Sarebbe il caso di spendere, piuttosto,
      nell'addestramento degli
      impiegati.il fatto è che sono veramente incompatibili. Prova a fare una presentazione con OO e a riprodurla su Office ad esempio.Quella che è sbagliata, e alla base, è la prospettiva: perché deve essere compatibile con Office? Che bisogno ho di fare file leggibili con Office?Distribuire documenti al pubblico -
      lo faccio in ODF, il pubblico può scaricarsi OO/Libo gratuitamente.Conservare e distribuire documenti internamente -
      non c'è bisogno di passare per il formato microsoft.Insomma, l'errore è cercare questa compatibilità. E' ovvio che nel momento in cui passo a OO/Libo il mio unico target sarà opendocument.
  • shevathas scrive:
    Re: Furbettolandia
    - Scritto da: Etype
    Ma ci voleva così tanto imporre a tutte le
    amministrazioni pubbliche OO o Libreoffice e
    tenerlo aggiornato
    !!!
    e affidare l'ICT alla marmotta che incarta la cioccolata no ?.
  • Enjoy with Us scrive:
    Molto strano...
    Nella mia ASL si utilizza Open Office ormai da 4 anni e nessuno si è mai lamentato se non per il mancato aggiornamento fatto solo da pochissimo alla versione 3.xx (si ci avevano lasciato con la versione 2.xx ed essendo i PC bloccati da un account amministratore non in possesso dei dipendenti, impediva l'auto aggiornamento).Francamente con la versione 3.xx si aprono anche i file di office 2010 senza problemi ed inoltre l'interfaccia grafica è molto più simile ad office 2003, secondo me assai più valida di quella Ribbon oggi tanto in voga. Inoltre in questo modo si possono salvare i file a scelta o in formato DOC, in formato ODF o in formato PDF( di gran lunga preferisco quest'ultimo quando devo inviare qualche elaborato "finale" non modificabile)E i risparmi per la Asl considerando la presenza di circa 600 PC sono valutabili in almeno 600.000 euro, non esattamente uno sputo insomma, immagino come siano andate le cose a Friburgo.... M$ avrà conXXXXX loro una licenza a prezzi stracciati, pur di eliminare il pericoloso concorrente + magari qualche discreta mazzetta... eh beh si sa che tutto il mondo è paese, mica solo in Italia girano le mazzette...
    • shevathas scrive:
      Re: Molto strano...
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Nella mia ASL si utilizza Open Office ormai da 4
      anni e nessuno si è mai lamentato se non per il
      mancato aggiornamento fatto solo da pochissimo
      alla versione 3.xx (si ci avevano lasciato con la
      versione 2.xx ed essendo i PC bloccati da un
      account amministratore non in possesso dei
      dipendenti, impediva l'auto
      aggiornamento).Mi sembra strano, come mai i sistemisti non hanno curato l'aggiornamento dei sistemi ?
      Francamente con la versione 3.xx si aprono anche
      i file di office 2010 senza problemi ed inoltre
      l'interfaccia grafica è molto più simile ad
      office 2003, secondo me assai più valida di
      quella Ribbon oggi tanto in voga. Inoltre in
      questo modo si possono salvare i file a scelta o
      in formato DOC, in formato ODF o in formato PDF(
      di gran lunga preferisco quest'ultimo quando devo
      inviare qualche elaborato "finale" non
      modificabile)
      E i risparmi per la Asl considerando la presenza
      di circa 600 PC sono valutabili in almeno 600.0001.000 euro a licenza per PC ? una singola licenza retail del professional costa 700 euro. Mi sa che i risparmi li stai leggermente sovrastimando.
      euro, non esattamente uno sputo insomma, immagino
      come siano andate le cose a Friburgo.... M$ avrà
      conXXXXX loro una licenza a prezzi stracciati,
      pur di eliminare il pericoloso concorrente +
      magari qualche discreta mazzetta... eh beh si sa
      che tutto il mondo è paese, mica solo in Italia
      girano le
      mazzette...che sistema documentale, così per curiosità, usate nella vostra ASL ?
  • shevathas scrive:
    Re: Qual e' l'importo della mazzetta?

    OpenOffice è programmabile tanto quanto M$ Office.
    Non ci sono limiti tecnici per fare le stesse
    cose con
    OpenOffice.
    Non dico che non sia programmabile, solo che in un caso hai librerie mature e già testate che funzionano nell'altro c'è il niente. Credo che OO.org non supporti ancora i sistemi come com, activeX, OLE, DCOM...E se non ci sono bisogna crearli, e quanto costerebbe farlo.
    Certo, pensare che sia compatibile al 100% con M$
    office è pura utopia. I programmi vanno portati.
    I dati (files) vanno aggiustati/verificati.
    È un grosso sforzo, indubbiamente. Ma alla
    lunga può valere la pena. Un'amministrazione
    pubblica dovrebbe farlo, secondo me. Per non
    essere schiava di una corporation americana,
    visto che c'è un'alternativa funzionalmente
    equivalente
    GRATUITA.
    per scrivere una letterina forse, per tutto il resto no.
  • VITRIOL scrive:
    Moderazione?
    Cioè, io ho impegnato un sacco di tempo per rispondere a domande e esprimere opinioni con interventi IMHO perfettamente in topic (discussioni che secondo me arricchisco il forum e il sito, ovviamente non solo le mie), e poi vengono cancellati tutti a cascata?Questa è l'ultima volta che scrivo su punto-informatico, è poco ma sicuro. Cancellate pure anche questo messaggio e addio, dimenticati. Non avere rispetto per il tempo e l'impegno altrui, quindi non meritate niente.Torno sul mio arcaico newsgroup, dove si discute anche animatamente ma alla fine ci si rispetta a vicenda e tutti hanno un valore.Non salutiVITRIOL-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 novembre 2012 14.16-----------------------------------------------------------
  • Mr Stallman scrive:
    Rich Text Format (RTF) Version 1.5
    Questi impiegati schizzinosi possono pure fare un salva come Rich Text Format (RTF) Version 1.5, compatibile dal 1997 pure con la macchinetta el caffè.
  • thebecker scrive:
    killer application
    Il dibattito su questo argomento è molto acXXXXX, e si parla delle soluzioni open che non vengono favorite da MS OFFICE. Dobbiamo anche pensare ai concorrenti in generale..Mi sembra che MS OFFICE ha una posizione troppo dominante sul mercato, vi pare normale che non ci sia concorrenza in questo settore? Non solo, MS OFFICE è una "Killer Apllication" tiene legati al sistema operativo Windows!http://en.wikipedia.org/wiki/Killer_applicationPerò alle aziende IT va bene così, rimanere legati ad una sola corporation che può fare quello che vuole (prezzi, modifiche, formati..ecc.). Per iniziare si potrebbe fare software gestionali che sfruttano le API/librerie sia di MSOFFICE, di LIBREOFFICE e di altre suite per ufficio...E' assurdo questo voler stagnare e non trovare nuove soluzioni per non essere legati solo ad un fornitore!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 novembre 2012 12.53-----------------------------------------------------------
    • shevathas scrive:
      Re: killer application
      - Scritto da: thebecker
      Il dibattito su questo argomento è molto acXXXXX,
      e si parla delle soluzioni open che non vengono
      favorite da MS OFFICE. Dobbiamo anche pensare ai
      concorrenti in generale..Mi sembra che MS OFFICE
      ha una posizione troppo dominante sul mercato, vi
      pare normale che non ci sia concorrenza in questo
      settore?


      Non solo, MS OFFICE è una "Killer Apllication"
      tiene legati al sistema operativo
      Windows!
      http://en.wikipedia.org/wiki/Killer_application

      Però alle aziende IT va bene così, rimanere
      legati ad una sola corporation che può fare
      quello che vuole (prezzi, modifiche,
      formati..ecc.). Per iniziare si potrebbe fare
      software gestionali che sfruttano le API/librerie
      sia di MSOFFICE, di LIBREOFFICE e di altre suite
      per ufficio...E' assurdo questo voler stagnare e
      non trovare nuove soluzioni per non essere legati
      solo ad un
      fornitore!crea una community ed iniziate a farlo, nessuno lo vieta.
      • thebecker scrive:
        Re: killer application
        - Scritto da: shevathas
        - Scritto da: thebecker

        Il dibattito su questo argomento è molto
        acXXXXX,

        e si parla delle soluzioni open che non
        vengono

        favorite da MS OFFICE. Dobbiamo anche
        pensare
        ai

        concorrenti in generale..Mi sembra che MS
        OFFICE

        ha una posizione troppo dominante sul
        mercato,
        vi

        pare normale che non ci sia concorrenza in
        questo

        settore?





        Non solo, MS OFFICE è una "Killer
        Apllication"

        tiene legati al sistema operativo

        Windows!


        http://en.wikipedia.org/wiki/Killer_application



        Però alle aziende IT va bene così, rimanere

        legati ad una sola corporation che può fare

        quello che vuole (prezzi, modifiche,

        formati..ecc.). Per iniziare si potrebbe fare

        software gestionali che sfruttano le
        API/librerie

        sia di MSOFFICE, di LIBREOFFICE e di altre
        suite

        per ufficio...E' assurdo questo voler
        stagnare
        e

        non trovare nuove soluzioni per non essere
        legati

        solo ad un

        fornitore!

        crea una community ed iniziate a farlo, nessuno
        lo
        vieta.Le comunity esistono (es. The Documentation Foundation). Quando serve io contribuisco segnalando problemi mentre uso il software libero (non so programmare a certi livelli). Ho fatto anche donazioni a Wikipedia..Nei mie blog ho sempre i migliore software liberi per aiutare chi li sviluppa! Poi sono anche iscitto al forum di Mozilla Italia. Non solo mando anche feedback per le versioni Beta di Firefox.Invece dalla tua risposta si capisce che il mondo commerciale non ha interesse a innovare ma solo a stagnare e mantenere lo status quo!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 novembre 2012 13.09-----------------------------------------------------------
        • shevathas scrive:
          Re: killer application

          Le comunity esistono (es. The Documentation
          Foundation). che si occupa della standardizzazione dei documenti non dell'interscambio di dati fra applicazioni. Non della realizzazione di sistemi documentali o di ERP "grossi".
          Quando serve io contribuisco
          segnalando problemi mentre uso il software libero
          (non so programmare a certi livelli). difficilmente ti capiterà di usare sistemi documentali enterprise, ERP o planner per gestire la pianificazione dei trasporti pubblici o il ritiro della spazzatura.
          Ho fatto
          anche donazioni a Wikipedia..Nei mie blog ho
          sempre i migliore software liberi per aiutare chi
          li sviluppa! Poi sono anche iscitto al forum di
          Mozilla Italia. Non solo mando anche feedback per
          le versioni Beta di
          Firefox.
          Bello ma quello che fai impatta, escluso magari mozilla, poco o niente con i sistemi informativi che servono ad una pubblica amministrazione.
          Invece dalla tua risposta si capisce che il mondo
          commerciale non ha interesse a innovare ma solo a
          stagnare e mantenere lo status
          quo!e dalla tua replica si capisce che non conosci ne lo stato attuale dei software per la PA, ne le sue esigenze e neppure la logica di funzionamento delle aziende. Si innova, caspita se si innova, basta vedere i sistemi informativi di 10 anni fa e i sistemi odierni.Senza offesa ma sono proprio i ragionamenti come il tuo che portano direttamente al disastro, non conoscete la materia, le problematiche, i vincoli e le esigenze che stanno dietro certe scelte e vi riempite la bocca di parole come innovazione e stagnazione.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 novembre 2012 13.17-----------------------------------------------------------
          • maxsix scrive:
            Re: killer application
            - Scritto da: shevathas

            Le comunity esistono (es. The Documentation

            Foundation).

            che si occupa della standardizzazione dei
            documenti non dell'interscambio di dati fra
            applicazioni. Non della realizzazione di sistemi
            documentali o di ERP
            "grossi".


            Quando serve io contribuisco

            segnalando problemi mentre uso il software
            libero

            (non so programmare a certi livelli).

            difficilmente ti capiterà di usare sistemi
            documentali enterprise, ERP o planner per gestire
            la pianificazione dei trasporti pubblici o il
            ritiro della spazzatura.



            Ho fatto

            anche donazioni a Wikipedia..Nei mie blog ho

            sempre i migliore software liberi per
            aiutare
            chi

            li sviluppa! Poi sono anche iscitto al forum
            di

            Mozilla Italia. Non solo mando anche
            feedback
            per

            le versioni Beta di

            Firefox.



            Bello ma quello che fai impatta, escluso magari
            mozilla, poco o niente con i sistemi informativi
            che servono ad una pubblica
            amministrazione.


            Invece dalla tua risposta si capisce che il
            mondo

            commerciale non ha interesse a innovare ma
            solo
            a

            stagnare e mantenere lo status

            quo!

            e dalla tua replica si capisce che non conosci ne
            lo stato attuale dei software per la PA, ne le
            sue esigenze e neppure la logica di funzionamento
            delle aziende. Si innova, caspita se si innova,
            basta vedere i sistemi informativi di 10 anni fa
            e i sistemi
            odierni.
            Senza offesa ma sono proprio i ragionamenti come
            il tuo che portano direttamente al disastro, non
            conoscete la materia, le problematiche, i vincoli
            e le esigenze che stanno dietro certe scelte e vi
            riempite la bocca di parole come innovazione e
            stagnazione.
            --------------------------------------------------
            Modificato dall' autore il 21 novembre 2012 13.17
            --------------------------------------------------Dalle mie parti si definiscono "pincia tastiere".
          • crumiro scrive:
            Re: killer application
            Senza offesa, ma quello che non sembra conoscere le problematiche sembri tu.Mischi documenti, interscambio di dati ed ERP tutti insieme.Senza parole.
          • Italo Vignoli scrive:
            Re: killer application
            Veramente The Document Foundation rappresenta la comunità che sviluppa LibreOffice, e non ha nulla a che vedere con OASIS - di cui peraltro è membro - che è il consorzio di aziende che si occupa dello standard.
    • pippo75 scrive:
      Re: killer application

      formati..ecc.). Per iniziare si potrebbe fare
      software gestionali che sfruttano le API/librerie
      sia di MSOFFICE, di LIBREOFFICE e di altre suite
      per ufficio...quando ci saranno ne parleremo, ti offri come primo sviluppatore?
      • panda rossa scrive:
        Re: killer application
        - Scritto da: pippo75

        formati..ecc.). Per iniziare si potrebbe fare

        software gestionali che sfruttano le
        API/librerie

        sia di MSOFFICE, di LIBREOFFICE e di altre
        suite

        per ufficio...


        quando ci saranno ne parleremo, ti offri come
        primo
        sviluppatore?Posso offrirmi io come primo sviluppatore.Ti offri tu come primo committente?
        • pippo75 scrive:
          Re: killer application


          Posso offrirmi io come primo sviluppatore.
          Ti offri tu come primo committente?Affare fatto, al momento attuale il programma attuale mi costa come licenza di uso e di sviluppo zero euro ( sviluppiamo internamente ), il resto cerchiamo tutto fra il FreeSW ( zero euro ).quando cominci? Deve costare al massimo uguale.
          • panda rossa scrive:
            Re: killer application
            - Scritto da: pippo75



            Posso offrirmi io come primo sviluppatore.

            Ti offri tu come primo committente?


            Affare fatto, al momento attuale il programma
            attuale mi costa come licenza di uso e di
            sviluppo zero euro ( sviluppiamo internamente ),
            il resto cerchiamo tutto fra il FreeSW ( zero
            euro
            ).

            quando cominci? Deve costare al massimo uguale.Posso cominciare dal 1 gennaio che devo dare un preavviso dove sono ora.Il costo del programma sara' zero, piu' iva 21%Il costo del mio tempo e' di 100 euro al giorno, piu' iva, per un minimo di 20 giorni, con tacito rinnovo.Da versare all'accettazione del contratto.La presente proposta e' valida fino al 30 c.m.
          • panda rossa scrive:
            Re: killer application
            - Scritto da: panda rossa
            Il costo del mio tempo e' di 100 euro al giorno,
            piu' iva, per un minimo di 20 giorni, con tacito
            rinnovo.

            Da versare all'accettazione del contratto.

            La presente proposta e' valida fino al 30 c.m.Ovviamente lavoro da remoto.Se devo invece recarmi da qualche parte, spese di trasporto, vitto e alloggio sono a carico tuo.
          • shevathas scrive:
            Re: killer application

            Posso cominciare dal 1 gennaio che devo dare un
            preavviso dove sono
            ora.
            Il costo del programma sara' zero, piu' iva 21% scusa ma l'iva su cosa la calcoli ? il 21% di zero rimane zero.

            Il costo del mio tempo e' di 100 euro al giorno,
            piu' iva, per un minimo di 20 giorni, con tacito
            rinnovo.

            Da versare all'accettazione del contratto.

            La presente proposta e' valida fino al 30 c.m.è scarna come proposta:1) per giorno intendi le 8 ore canoniche ? prendi meno di una donna delle pulizie ? 2) chi decide quanti giorni servono per fare il software richiesto ? tu, lui o la marmotta che incarta la cioccolata ? quella del tempo è una questione abbastanza importante.3) la tua è una trollata ?
          • panda rossa scrive:
            Re: killer application
            - Scritto da: shevathas

            Posso cominciare dal 1 gennaio che devo dare
            un

            preavviso dove sono

            ora.

            Il costo del programma sara' zero, piu' iva
            21%


            scusa ma l'iva su cosa la calcoli ? il 21% di
            zero rimane
            zero.Si, ma la fattura la devo emettere.

            Il costo del mio tempo e' di 100 euro al
            giorno,

            piu' iva, per un minimo di 20 giorni, con
            tacito

            rinnovo.



            Da versare all'accettazione del contratto.



            La presente proposta e' valida fino al 30
            c.m.

            è scarna come proposta:E' scarna anche la domanda.

            1) per giorno intendi le 8 ore canoniche ?
            prendi meno di una donna delle pulizie ?C'e' la concorrenza e la crisi.E poi faccio sempre uno sconto ai nuovi clienti, come fa Vodafone.
            2) chi decide quanti giorni servono per fare il
            software richiesto ? tu, lui o la marmotta che
            incarta la cioccolata ? quella del tempo è una
            questione abbastanza
            importante.Si fa una analisi e si stima il tempo.Naturalmente l'analisi si paga.
            3) la tua è una trollata ?Tanto quanto la sua.
          • pippo75 scrive:
            Re: killer application

            Posso cominciare dal 1 gennaio che devo dare un
            preavviso dove sono ora.Tardi.
            Il costo del programma sara' zero, piu' iva 21%ok.
            Il costo del mio tempo e' di 100 euro al giorno,Troppo, la concorrenza chiede meno.
            piu' iva, per un minimo di 20 giorni, con tacito
            rinnovo.La concorrenza winara non da tacito rinnovo, sviluppa solo all'occorrenza.
            Da versare all'accettazione del contratto.La concorrenza chiede il pagamento solo dopo che il prodotto è finito.
            La presente proposta e' valida fino al 30 c.m.Offerta bocciata. ( mi spiace )
    • Lollo scrive:
      Re: killer application

      Non solo, MS OFFICE è una "Killer Apllication"
      tiene legati al sistema operativo
      Windows!Vero, ma a metà. Windows, contrariamente a quanto si possano, è ancora apprezzatissimo per la gestione degli utenti e della condivisione risorse.E qui non sono le segretarie il problema, ma i system manager che non fanno lo sforzo di imparare la gestione dei permessi in sistemi come Linux, o su come configurare un samba server.
      • shevathas scrive:
        Re: killer application

        E qui non sono le segretarie il problema, ma i
        system manager che non fanno lo sforzo di
        imparare la gestione dei permessi in sistemi come
        Linux, o su come configurare un samba
        server.bene, mi dici le alternative open ad Active Directory, ovvero un software server che integra: la gestione distribuita e centralizzata degli utenti e dei permessi, la gestione dei client comprensiva dell'installazione e dell'amministrazione di software da remoto via server e che consenta di assegnare permessi diversi a diversi gruppi di utenti ?
  • Simone scrive:
    incompatibilità con se stesso
    Parlano di incompatibilità con Office (riferito ovviamente a openoffice) ... . ma sanno che il formato OOXML è incompatibile con se stesso se paragonato a versioni precedenti? ... Ma al di la di tutto questo ..la cosa più importante è che la PMI dovrebbe rendere pubblici i propri documenti e non dover imporre al pubblico l'utilizzo di determinato software è per questo che si rende necessario un standard veramente aperto e ben documentato quale è ODF.
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: incompatibilità con se stesso
      - Scritto da: Simone
      Parlano di incompatibilità con Office (riferito
      ovviamente a openoffice) ... . ma sanno che il
      formato OOXML è incompatibile con se stesso se
      paragonato a versioni precedenti? ... Ma al di la
      di tutto questo ..la cosa più importante è che la
      PMI dovrebbe rendere pubblici i propri documenti
      e non dover imporre al pubblico l'utilizzo di
      determinato software è per questo che si rende
      necessario un standard veramente aperto e ben
      documentato quale è
      ODF.Già me ne sono accorto a mie spese, i file di Office 2010 standard non possono essere visti dal 2003! Devi stare attento a selezionare il formato compatibile!A questo punto perchè mai dovrei usare office 2010? Per avere problemi di compatibilità con tutto l'istallato preesistente? Mica tutti corrono dietro l'ultima versione, specie nella PA!Tra l'altro il fatto che l'apertura del file DOC generi semplicemente un erroree senza indicare che il problema è legato alla versione datata del programma può indurre specie i niubbi a pensare a file corrotti avirus e chissà a cos'altro... no! Molto meglio usare open office!
      • Polemik scrive:
        Re: incompatibilità con se stesso
        Per aprire i file di Office 2007-2010 con i programmi di Office XP-2003 è sufficiente installare l'Office Compatibility Pack:http://www.microsoft.com/it-it/download/details.aspx?id=3In alternativa, usando un programma di Office 2007-2010 bisogna avere l'accortezza di salvare il documento nel vecchio formato 97-2003, in modo da renderlo leggibile anche con le vecchie versioni di Word/Excel/ecc.
        • Sgabbio scrive:
          Re: incompatibilità con se stesso
          - Scritto da: Polemik
          Per aprire i file di Office 2007-2010 con i
          programmi di Office XP-2003 è sufficiente
          installare l'Office Compatibility
          Pack:

          http://www.microsoft.com/it-it/download/details.as

          In alternativa, usando un programma di Office
          2007-2010 bisogna avere l'accortezza di salvare
          il documento nel vecchio formato 97-2003, in modo
          da renderlo leggibile anche con le vecchie
          versioni di
          Word/Excel/ecc.Ti pare sensato che devi installare un tool esterno per una cosa che dovrebbe essere nativa in office ?
          • nome e cognome scrive:
            Re: incompatibilità con se stesso

            Ti pare sensato che devi installare un tool
            esterno per una cosa che dovrebbe essere nativa
            in office
            ?Cosa dovrebbe essere nativo? Leggere formati creati con una versione 7 anni più recente? Prova a vedere se un lettore CD degli anni 80 legge un blueray...
          • panda rossa scrive:
            Re: incompatibilità con se stesso
            - Scritto da: nome e cognome

            Ti pare sensato che devi installare un tool

            esterno per una cosa che dovrebbe essere
            nativa

            in office

            ?

            Cosa dovrebbe essere nativo? Leggere formati
            creati con una versione 7 anni più recente? Prova
            a vedere se un lettore CD degli anni 80 legge un
            blueray...Non fare il furbo.Se ci metti dell'hardware (il disco fisico) e' plausibile l'incompatibilita'.Ma i dati presenti sul DVD se li rippo e li metto su un computer piu' vecchio, me li legge eccome.
          • shevathas scrive:
            Re: incompatibilità con se stesso

            Non fare il furbo.
            Se ci metti dell'hardware (il disco fisico) e'
            plausibile
            l'incompatibilita'.
            Ma i dati presenti sul DVD se li rippo e li metto
            su un computer piu' vecchio, me li legge
            eccome.il che equivale ad aprire il docx con word 2013 e risalvarlo in formato office 2.0
          • panda rossa scrive:
            Re: incompatibilità con se stesso
            - Scritto da: shevathas

            Non fare il furbo.

            Se ci metti dell'hardware (il disco fisico)
            e'

            plausibile

            l'incompatibilita'.

            Ma i dati presenti sul DVD se li rippo e li
            metto

            su un computer piu' vecchio, me li legge

            eccome.

            il che equivale ad aprire il docx con word 2013 e
            risalvarlo in formato office
            2.0Questo e' un limite di ms office.Io su un vecchio rottame con win98 e openoffice 2.1 apro elaboro e salvo tranquillamente documenti generati con l'ultimo Libo.
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: incompatibilità con se stesso
          - Scritto da: Polemik
          Per aprire i file di Office 2007-2010 con i
          programmi di Office XP-2003 è sufficiente
          installare l'Office Compatibility
          Pack:

          http://www.microsoft.com/it-it/download/details.as
          Peccato che il compatibily pack vada installato dopo aver aggiornato con tutti i service pack office 2003 e se non hai diritti administrator non puoi farlo, inoltre non risolve tutti i problemi
          In alternativa, usando un programma di Office
          2007-2010 bisogna avere l'accortezza di salvare
          il documento nel vecchio formato 97-2003, in modo
          da renderlo leggibile anche con le vecchie
          versioni di
          Word/Excel/ecc.Peccato che il salvataggio di default non sia quello e che quindi i documenti normalmente rilasciati siano incompatibili!
      • nome e cognome scrive:
        Re: incompatibilità con se stesso

        Già me ne sono accorto a mie spese, i file di
        Office 2010 standard non possono essere visti dal
        2003! Devi stare attento a selezionare il formato
        compatibile!Ma pensa? Che strano? Come mai quando hanno creato office 2003 non hanno pensato a tutte le feature che avrebbero aggiunto in 7 anni?
        Molto meglio usare open
        office!Che oltre a non essere compatibile con se stesso non lo è con niente altro oltre ovviamente a salvare di default in un formato che non è ancora standard definitivo... si, molto meglio. La PA dovrebbe senz'altro fare cosi', lungi da me un documento salvato in formato standard ISO ... io voglio ODF 1.2 o quantomeno un HTML5 pieno di CSS3 non ancora in draft, altrimenti non mi diverto.
      • anverone99 scrive:
        Re: incompatibilità con se stesso
        - Scritto da: Enjoy with Us
        Già me ne sono accorto a mie spese, i file di
        Office 2010 standard non possono essere visti dal
        2003! Devi stare attento a selezionare il formato
        compatibile!Basta che setti una volta per tutte, nelle opzioni, di salvare sempre nel formato voluto-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 novembre 2012 01.34-----------------------------------------------------------
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: incompatibilità con se stesso
          - Scritto da: anverone99
          - Scritto da: Enjoy with Us


          Già me ne sono accorto a mie spese, i file di

          Office 2010 standard non possono essere visti
          dal

          2003! Devi stare attento a selezionare il
          formato

          compatibile!

          Basta che setti una volta per tutte, nelle
          opzioni, di salvare sempre nel formato
          voluto
          --------------------------------------------------
          Modificato dall' autore il 22 novembre 2012 01.34
          --------------------------------------------------Bravo il mio geniaccio, ma ovviamente il problema non è come tu salvi con Office 2010 è come salvano gli altri! Se tu hai office 2003 e ti arriva un file salvato in standard 2010 non solo non si apre, ma rende un errore che fa pensare ad un file danneggiato...
  • Xilitolo scrive:
    Fatte le debite proporzioni.
    Titolone:L'Italia passa al cloud di Google Apps for Business.Testo dell'articolo: La città di Novara adotterà Google Apps for Business ecc... ecc...Novara:Italia=Friburgo:GermaniaManco si stesse parlando di Monaco (1.400.000 abitanti)http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2012-04-02/windows-office-monaco-baviera-122724.shtml?uuid=Ab7iDsHF
    • maxsix scrive:
      Re: Fatte le debite proporzioni.
      - Scritto da: Xilitolo
      Titolone:
      L'Italia passa al cloud di Google Apps for
      Business.

      Testo dell'articolo:
      La città di Novara adotterà Google Apps for
      Business ecc...
      ecc...

      Novara:Italia=Friburgo:Germania

      Manco si stesse parlando di Monaco (1.400.000
      abitanti)
      http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2012-04-I dati anagrafici di un comune intero nelle mani di Google?Mio dio questi sono da galera.
      • Xilitolo scrive:
        Re: Fatte le debite proporzioni.


        I dati anagrafici di un comune intero nelle mani
        di
        Google?

        Mio dio questi sono da galera.Va bene. Capisci Roma per toma. Ne prendo atto.
  • TheOriginalFanboy scrive:
    Uh Uh... ma va????
    evito di cercare i post in cui si diceva (post di almeno 1 anno fa) che mantenere OO o comunque sistemi open è più dispendioso dei software proprietari...
    • crumiro scrive:
      Re: Uh Uh... ma va????
      Fatti furbo te e quelli come te: la Germania NON è certo il centro del mondo.Se vuoi vedere dei casi dove funziona il tutto (anche in Italia) cerca su internet.
    • crumiro scrive:
      Re: Uh Uh... ma va????
      Ah!E giusto per ridicolarizzarti:http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2012-04-02/windows-office-monaco-baviera-122724.shtml?uuid=Ab7iDsHF
      • iRoby scrive:
        Re: Uh Uh... ma va????
        - Scritto da: shevathas
        Però il risparmio è dovuto all'eliminazione di M$
        non alla riorganizzazione del sistema informativo
        del comune.Le licenze M$ non sono né più né meno che una tassa...
        • shevathas scrive:
          Re: Uh Uh... ma va????
          - Scritto da: iRoby
          - Scritto da: shevathas

          Però il risparmio è dovuto all'eliminazione
          di
          M$

          non alla riorganizzazione del sistema
          informativo

          del comune.

          Le licenze M$ non sono né più né meno che una
          tassa...se vuoi avere l'illuminazione pubblica e che ritirino la spazzatura dalle strade le tasse al comune devi pagarle.
          • iRoby scrive:
            Re: Uh Uh... ma va????
            le tasse al comune sono cosa diversa dalle tasse ad una corporation che impone il ricambio prodotti forzato, il preinstallato e licenze capestro.Ci sono processi e condanne per queste cose.
          • Fabrizio Cinti scrive:
            Re: Uh Uh... ma va????
            - Scritto da: iRoby
            le tasse al comune sono cosa diversa dalle tasse
            ad una corporation che impone il ricambio
            prodotti forzato, il preinstallato e licenze
            capestro.Parlando di spazzatura, aspetta che anche da te il Comune ti obblighi a fare la "separazione differenziata" e affidi a una azienda privata (in genere, ex compartecipate) la "raccolta differenziata". Si otterrà esattamente il pagamento delle tasse (al comune) per il lucro di una società per azioni privata... che verrà a venderti il sacco in cui potrai mettere la spazzatura, e senza fare il furbo perché avrà un codice a barre.Questo è il mondo reale.
            Ci sono processi e condanne per queste cose.Una volta, forse. Oggi sta diventando la normalità. Almeno in Italia.
          • crumiro scrive:
            Re: Uh Uh... ma va????
            Con questo... come definirlo... decontestualizzare le parole per tirare acqua al tuo mulino mi sono pentito non solo di commentare, ma anche di andare avanti con il discorso.Non ho capito se siete convinti che l'open sia magico o cosa, ma il discorso è:- possibilità di cambiare (OO non va più bene per qualche motivo? ==
            usa tracciati open ==
            posso avere l'alternativa)- possibilità di risparmiare in licenze- possibilità di creare situazioni IT vantaggioso per lo sviluppo e l'occupazioneSull'ultimo punto... prima ho tirato fuori il discorso di SAP e della Germania.Ora fatti delle domande e pensa su cosa si appoggia SAP e su cosa SAP intende appoggiarsi per i prossimi 2000 anni...
      • TheOriginalFanboy scrive:
        Re: Uh Uh... ma va????
        certo.. perchè pensate come tutte le PA che il risparmio lo devono avere ora, e non nel lungo periodo..ti vendi dicendo che c'è un taglio sulle licenze da comprare e qualche pc in meno da prendere e sono tutti contenti e fanno felice il cittadino.poi i nodi vengono al pettine. non è il primo dietrofron da ms a open e viceversa.. aspettiamo e vediamo
    • Giuda scrive:
      Re: Uh Uh... ma va????
      - Scritto da: TheOriginalFanboy
      evito di cercare i post in cui si diceva (post di
      almeno 1 anno fa) che mantenere OO o comunque
      sistemi open è più dispendioso dei software
      proprietari...guarda, se le cose le hanno fatte male fanno bene a tornare ad ms, senza contare che sono tedeschi e quindi sono contentissimo che spendano in licenze di ms
  • Metal_neo scrive:
    Sicuramente sono vecchi
    Probabilmente dietro a quelle scrivanie ci sono zittelle incopetenti (non so perchè ma non voglio nemmeno pensare agli uomini) che tra un chiacchiera e l'altra adesso devono mettersi a lavorare seriamente per imparare un paio di comandi in più.Poi, questo è quello che mi viene da pensare a guardare il mio comune. Se fosse così basterebbe cacciare questi parassiti e mettere gente giovane con le mente più flessibile e senza stupide pretese da gallina.
    • ruppolo scrive:
      Re: Sicuramente sono vecchi
      Prima di dare dell'incompetente agli altri, renditi conto di come scrivi.
      • UDS scrive:
        Re: Sicuramente sono vecchi
        Cioè?Come scrive?In italiano?In effetti mi rendo conto che a molti risulti incomprensibile, soprattutto in presenza di congiuntivi utilizzati correttametne.
      • Metal_neo scrive:
        Re: Sicuramente sono vecchi
        - Scritto da: ruppolo
        Prima di dare dell'incompetente agli altri,
        renditi conto di come
        scrivi.Chiedo scusa. A quanto pare finire la scuola non mi è bastato per imparare l'italiano, ma in fondo non si smette mai di imparare :)Forse non l'ho scritto bene come dici te ma io prendevo come esempio il mio comune. Poi è chiaro che non può valere a livello nazionale e tanto meno europeo, però ti assicuro che la dentro c'è gente che si vede che almeno ci prova e riesce ad ottenere il suo scopo, altre che quando vado a chiedere delle informazioni mi trattano come se stessi disturbando.
        • Giuda scrive:
          Re: Sicuramente sono vecchi
          - Scritto da: Metal_neo
          - Scritto da: ruppolo

          Prima di dare dell'incompetente agli altri,

          renditi conto di come

          scrivi.

          Chiedo scusa. A quanto pare finire la scuola non
          mi è bastato per imparare l'italiano, ma in fondo
          non si smette mai di imparare
          :)
          Forse non l'ho scritto bene come dici te ma io
          prendevo come esempio il mio comune. Poi è chiaro
          che non può valere a livello nazionale e tanto
          meno europeo, però ti assicuro che la dentro c'è
          gente che si vede che almeno ci prova e riesce ad
          ottenere il suo scopo, altre che quando vado a
          chiedere delle informazioni mi trattano come se
          stessi
          disturbando.poverino lascialo perdere, è un cliente apple, non gli rispondere che altrimenti ti attacca na XXXXX di apple meglio samsung copia design jobs ha inventato tutto e suo cugino è amico di chuck norris
          • Metal_neo scrive:
            Re: Sicuramente sono vecchi
            - Scritto da: Giuda
            poverino lascialo perdere, è un cliente apple,
            non gli rispondere che altrimenti ti attacca na
            XXXXX di apple meglio samsung copia design jobs
            ha inventato tutto e suo cugino è amico di chuck
            norrisAhah! Un fanboy insomma. Sarebbe come provare a convincere il papa a diventare ateo. LOL
    • michi scrive:
      Re: Sicuramente sono vecchi
      forse saro il solo, ma io trovo che gli open, imitando le vecchie versioni di office, richiedano anche meno fatica, coi menu piu semplici ed essenziali.mi sa che il problema principale sia stato il formato di salvataggio di default..
  • vac scrive:
    Soluzione:
    Microsoft ha creato i formati non standard e non compatibili.Dovrebbero imporre a Microsoz tutti gli oneri della migrazione.
  • vac scrive:
    Lo sapevamo
    Non hanno criticato le caratteristiche...Hanno detto che i formati proprietari di M$ non sono adeguatamente gestiti.Lo sapevamo:I formati proprietari sono una droga.
    • Polemik scrive:
      Re: Lo sapevamo
      Ecco, questo è il vero succo del discorso! Si dovrebbero imporre PER LEGGE i formati open in ambito pubblico, in modo da impedire per le forniture informatiche la nascita di walled garden come quelli imbastiti da Microsoft (ma il discorso vale per qualunque altra software house). Forse servirebbe una bella normativa giuridica europea per iniziare, uniformando la documentazione pubblica nella UE. In questo punto anche i privati prima o poi si accoderebbero...
  • max scrive:
    Office è il meglio, non si scappa
    Non sono certo un fan di MS, anzi... sul mio MBP ho installato iWork, LibreOffice e Office... insomma non c'è paragone non solo a livello di potenzialità di SW, ma anche e soprattutto di usabilità.Tra tante ciofeche, Office era e rimane il miglior prodotto di MS e la miglior suite di produttività sulla piazza.
    • maxsix scrive:
      Re: Office è il meglio, non si scappa
      - Scritto da: max
      Non sono certo un fan di MS, anzi... sul mio MBP
      ho installato iWork, LibreOffice e Office...
      insomma non c'è paragone non solo a livello di
      potenzialità di SW, ma anche e soprattutto di
      usabilità.
      Tra tante ciofeche, Office era e rimane il
      miglior prodotto di MS e la miglior suite di
      produttività sulla
      piazza.iWork e quello che è più lontano da un utilizzo professionale.Nemmeno da nominare in un contesto del genere.
      • sbrotfl scrive:
        Re: Office è il meglio, non si scappa
        - Scritto da: maxsix
        - Scritto da: max

        Non sono certo un fan di MS, anzi... sul mio
        MBP

        ho installato iWork, LibreOffice e Office...

        insomma non c'è paragone non solo a livello
        di

        potenzialità di SW, ma anche e soprattutto di

        usabilità.

        Tra tante ciofeche, Office era e rimane il

        miglior prodotto di MS e la miglior suite di

        produttività sulla

        piazza.

        iWork e quello che è più lontano da un utilizzo
        professionale.
        Nemmeno da nominare in un contesto del genere.Ti hanno hackerato l'account? :O
        • panda rossa scrive:
          Re: Office è il meglio, non si scappa
          - Scritto da: maxsix
          Cosa non capisci del concetto "produttività
          personale"?Produttivita' personale e apple stanno ai due estremi opposti dell'universo conosciuto.
          • maxsix scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: maxsix


            Cosa non capisci del concetto "produttività

            personale"?

            Produttivita' personale e apple stanno ai due
            estremi opposti dell'universo
            conosciuto.Dimostralo.
          • panda rossa scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: maxsix
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: maxsix




            Cosa non capisci del concetto
            "produttività


            personale"?



            Produttivita' personale e apple stanno ai due

            estremi opposti dell'universo

            conosciuto.

            Dimostralo.Lo posso dimostrare con una metafora.Tu che indossi mutande D&G, tieni l'elastico delle stesse bene in vista per produttivita' personale?Suppongo di si.Vorresti essere cosi' gentile da spiegarci i vantaggi in termini di produttivita', nell'andare in giro con le mutande di fuori?
          • shevathas scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: maxsix

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: maxsix






            Cosa non capisci del concetto

            "produttività



            personale"?





            Produttivita' personale e apple stanno
            ai
            due


            estremi opposti dell'universo


            conosciuto.



            Dimostralo.

            Lo posso dimostrare con una metafora.

            Tu che indossi mutande D&G, tieni l'elastico
            delle stesse bene in vista per produttivita'
            personale?
            Suppongo di si.
            Vorresti essere cosi' gentile da spiegarci i
            vantaggi in termini di produttivita', nell'andare
            in giro con le mutande di
            fuori?interessare le persone alla lettura :)[img]http://www.inabruzzo.com/wp-content/uploads/2011/06/21-150x150.jpg[/img]
          • panda rossa scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: maxsix


            - Scritto da: panda rossa



            - Scritto da: maxsix








            Cosa non capisci del concetto


            "produttività




            personale"?







            Produttivita' personale e apple
            stanno

            ai

            due



            estremi opposti dell'universo



            conosciuto.





            Dimostralo.



            Lo posso dimostrare con una metafora.



            Tu che indossi mutande D&G, tieni l'elastico

            delle stesse bene in vista per produttivita'

            personale?

            Suppongo di si.

            Vorresti essere cosi' gentile da spiegarci i

            vantaggi in termini di produttivita',
            nell'andare

            in giro con le mutande di

            fuori?

            interessare le persone alla lettura :)
            Ho detto D&G non a caso, proprio per escludere l'intimo femminile.
          • maxsix scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: maxsix



            - Scritto da: panda rossa




            - Scritto da: maxsix










            Cosa non capisci del
            concetto



            "produttività





            personale"?









            Produttivita' personale e
            apple

            stanno


            ai


            due




            estremi opposti dell'universo




            conosciuto.







            Dimostralo.





            Lo posso dimostrare con una metafora.





            Tu che indossi mutande D&G, tieni
            l'elastico


            delle stesse bene in vista per
            produttivita'


            personale?


            Suppongo di si.


            Vorresti essere cosi' gentile da
            spiegarci
            i


            vantaggi in termini di produttivita',

            nell'andare


            in giro con le mutande di


            fuori?



            interessare le persone alla lettura :)



            Ho detto D&G non a caso, proprio per escludere
            l'intimo
            femminile.Lo vedi che in un modo o nell'altro fai sempre la figura da guano?http://www.dolcegabbana.it/dg/underwear/seasonal/donna/PR, ascolta me, sei un caso disperato.
          • panda rossa scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: maxsix

            Lo vedi che in un modo o nell'altro fai sempre la
            figura da
            guano?

            http://www.dolcegabbana.it/dg/underwear/seasonal/dVedo che te ne intendi.Hai scelto il modello con l'elastico che s'intona con l'ipad?
            PR, ascolta me, sei un caso disperato.Solo perche' non porto intimo D&G ?
          • maxsix scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: maxsix

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: maxsix






            Cosa non capisci del concetto

            "produttività



            personale"?





            Produttivita' personale e apple stanno
            ai
            due


            estremi opposti dell'universo


            conosciuto.



            Dimostralo.

            Lo posso dimostrare con una metafora.

            Tu che indossi mutande D&G, tieni l'elastico
            delle stesse bene in vista per produttivita'
            personale?
            Suppongo di si.
            Vorresti essere cosi' gentile da spiegarci i
            vantaggi in termini di produttivita', nell'andare
            in giro con le mutande di
            fuori?E questa è la tua dimostrazione di produttività?Bisognerebbe coniare un nuovo termine che ti definisca che sta più o meno tra il fanXXXXXsta, l'ignorante e il cretino.Si potrebbe pensarci un po' su.
          • panda rossa scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: maxsix
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: maxsix


            - Scritto da: panda rossa



            - Scritto da: maxsix








            Cosa non capisci del concetto


            "produttività




            personale"?







            Produttivita' personale e apple
            stanno

            ai

            due



            estremi opposti dell'universo



            conosciuto.





            Dimostralo.



            Lo posso dimostrare con una metafora.



            Tu che indossi mutande D&G, tieni l'elastico

            delle stesse bene in vista per produttivita'

            personale?

            Suppongo di si.

            Vorresti essere cosi' gentile da spiegarci i

            vantaggi in termini di produttivita',
            nell'andare

            in giro con le mutande di

            fuori?

            E questa è la tua dimostrazione di produttività?Rispondi alla domanda invece di girarci attorno.
            Bisognerebbe coniare un nuovo termine che ti
            definisca che sta più o meno tra il fanXXXXXsta,
            l'ignorante e il
            cretino.

            Si potrebbe pensarci un po' su.Evidentemente ho colto nel segno.
          • Number 6 scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            Superman gira con le mutande di fuori da una vita e non sono neanche firmate.Non mi risulta che la sua produttività ne abbia risentito.
          • krane scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: Number 6
            Superman gira con le mutande di fuori da una
            vita e non sono neanche firmate.
            Non mi risulta che la sua produttività ne abbia
            risentito.(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • panda rossa scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: Number 6
            Superman gira con le mutande di fuori da una vita
            e non sono neanche
            firmate.

            Non mi risulta che la sua produttività ne abbia
            risentito.Questo conferma la mia tesi: per avere la produttivita' non servono le mutande firmate, anzi, molto meglio se non sono firmate.
    • SargonIII scrive:
      Re: Office è il meglio, non si scappa
      - Scritto da: max
      Non sono certo un fan di MS, anzi... sul mio MBP
      ho installato iWork, LibreOffice e Office...
      insomma non c'è paragone non solo a livello di
      potenzialità di SW, ma anche e soprattutto di
      usabilità.
      Tra tante ciofeche, Office era e rimane il
      miglior prodotto di MS e la miglior suite di
      produttività sulla
      piazza.Sul fatto che office sia meglio di OO o LO sono d'accordo pure io.Ma mica detto che sia sempre necessario avere il meglio, dipende dall'uso che se ne fa. A casa propria ognuno fa quello che preferisce, visto che i soldi sono i suoi. Con i soldi dei contribuenti o della ditta no: usi la soluzione meno costosa che ti permetta di fare quello che serve.Anche le BMW sono meglio delle fiat, quindi che facciamo: sostituiamo il pandino dell'omino dei servizi sociali con una bella M3?
      • pentolino scrive:
        Re: Office è il meglio, non si scappa
        Assolutamente d'accordo; se l'impiegato non sa adattarsi ad OpenOffice ritengo altamente improbabile che sia in grado di utilizzare le funzionalita' avanzate di Office (quelle che appunto possono indubbiamente fare la differenza).OpenOffice nella grandissima maggioranza dei casi e' "good enough" e non causa il circolo vizioso per cui anche il cittadino si ritrova a dovere installare office con il windows che ne consegue; magari la cosa migliore potrebbe essere l'obbligo di pubblicare anche in un formato aperto, cosi' chi usa office internamente si accorge di quanto sia una rottura gestire la conversione ai formati aperti (cosa che attualmente ricade esclusivamente sull'utente).
    • crumiro scrive:
      Re: Office è il meglio, non si scappa
      La domanda è: serve il meglio?
      • gnammolo scrive:
        Re: Office è il meglio, non si scappa
        di solito sì, il problema è definire "il meglio"
        • SargonIII scrive:
          Re: Office è il meglio, non si scappa
          - Scritto da: gnammolo
          di solito sì, il problema è definire "il meglio"E anche pagarlo, se i soldi devi sganciarli tu, e non il solito Pantalone.
          • shevathas scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: SargonIII
            - Scritto da: gnammolo

            di solito sì, il problema è definire "il
            meglio"

            E anche pagarlo, se i soldi devi sganciarli tu, e
            non il solito
            Pantalone.Per definizione "il meglio" è quello che ha il miglior rapporto costi/prestazioni.
          • SargonIII scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: SargonIII

            - Scritto da: gnammolo


            di solito sì, il problema è definire "il

            meglio"



            E anche pagarlo, se i soldi devi sganciarli
            tu,
            e

            non il solito

            Pantalone.

            Per definizione "il meglio" è quello che ha il
            miglior rapporto
            costi/prestazioni.Quindi seguendo questa definizione meglio una Uno Turbo di una Ferrari Enzo?
          • shevathas scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa

            Quindi seguendo questa definizione meglio una Uno
            Turbo di una Ferrari
            Enzo?dipende dalle prestazioni. Se la "prestazione" è impressionare un potenziale socio in affari per contratti con molti zeri il meglio potrebbe essere l'andarlo a prendere a l'aeroporto con la ferrari enzo. Se invece si vuole andare in campagna forse il meglio è la fiat uno.
          • gnammolo scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            appunto il problema è definire "il meglio"
          • shevathas scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: gnammolo
            appunto il problema è definire "il meglio"primo: "il meglio" deve esistere qui ed ora. ;)
        • krane scrive:
          Re: Office è il meglio, non si scappa
          - Scritto da: gnammolo
          di solito sì, il problema è definire "il meglio"Strano allora che le auto aziendali non siano tutte ferrari no ?
          • shevathas scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: gnammolo

            di solito sì, il problema è definire "il
            meglio"

            Strano allora che le auto aziendali non siano
            tutte ferrari no
            ?se devi arare un campo la ferrari non è "il meglio"
          • krane scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: gnammolo


            di solito sì, il problema è


            definire "il meglio"

            Strano allora che le auto aziendali non

            siano tutte ferrari no ?
            se devi arare un campo la ferrari non è "il
            meglio"Che consigli che vado a dirlo a "gestione auto" qua in ditta. Lamborghini ?
          • shevathas scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: shevathas

            - Scritto da: krane


            - Scritto da: gnammolo




            di solito sì, il problema è



            definire "il meglio"



            Strano allora che le auto aziendali non


            siano tutte ferrari no ?

            se devi arare un campo la ferrari non è "il

            meglio"

            Che consigli che vado a dirlo a "gestione auto"
            qua in ditta. Lamborghini
            ?dipende da cosa devono farci con quelle auto. Se è leasing di auto di lusso si lamborghini potrebbe andare bene.
          • pippo75 scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa



            Strano allora che le auto aziendali non


            siano tutte ferrari no ?

            se devi arare un campo la ferrari non è "il

            meglio"

            Che consigli che vado a dirlo a "gestione auto"
            qua in ditta. Lamborghini
            ?Per arare un campo penso che usino anche Lamborghini. Poi di trattori non mi intendo, quindi.....
          • nome e cognome scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa

            Che consigli che vado a dirlo a "gestione auto"
            qua in ditta. Lamborghini
            ?No vai di approccio opensource, proponigli di andare al più vicino sfasciacarrozze e vedere cosa c'è disponibile gratis.
          • MacGeek scrive:
            Re: Office è il meglio, non si scappa
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: gnammolo

            di solito sì, il problema è definire "il
            meglio"

            Strano allora che le auto aziendali non siano
            tutte ferrari no
            ?Lascia stare che se vai al parcheggio di Montecitorio e dintorni (perché tutte nel parcheggio non entrano) non vedi l'ombra di una Fiat. Tutte Audi e Mercedes. Minimo A6 /Classe E, a salire.Poi ci si chiede perché siamo nella me*da...
  • maxsix scrive:
    I tedeschi
    E' la seconda volta che in Germania l'open source viene implementato e poi velocemente viene sbattuto fuori.Com'è il detto?2 indizi fanno una prova.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 novembre 2012 11.17-----------------------------------------------------------
    • ipipurra scrive:
      Re: I tedeschi
      si ma con una Z
    • colpito scrive:
      Re: I tedeschi
      - Scritto da: maxsix
      E' la seconda volta che in Germania l'open source
      viene implementato e poi velocemente viene
      sbattuto
      fuori.

      Com'è il detto?

      2 indizi fanno una prova.
      --------------------------------------------------
      Modificato dall' autore il 21 novembre 2012 11.17
      --------------------------------------------------Hanno sbagliato perchè si sono fidati delle comunità pro FLOSS. Ecco, adesso mi becco un sacco di insulti. Però è così.I cambiamenti si fanno con gradualità gettando delle solide basi altrimenti falliscono.
      • maxsix scrive:
        Re: I tedeschi
        - Scritto da: colpito
        - Scritto da: maxsix

        E' la seconda volta che in Germania l'open
        source

        viene implementato e poi velocemente viene

        sbattuto

        fuori.



        Com'è il detto?



        2 indizi fanno una prova.


        --------------------------------------------------

        Modificato dall' autore il 21 novembre 2012
        11.17


        --------------------------------------------------

        Hanno sbagliato perchè si sono fidati delle
        comunità pro FLOSS. Ecco, adesso mi becco un
        sacco di insulti. Però è
        così.

        I cambiamenti si fanno con gradualità gettando
        delle solide basi altrimenti
        falliscono.La questione è che le basi per fare quello che le PA e le aziende richiedono non ci sono.Si possono creare certo.Quanto costa?Chi paga?Chi fa?Chi garantisce?E li tanti saluti al mondo open che si squaglia come neve al sole.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 novembre 2012 11.23-----------------------------------------------------------
        • colpito scrive:
          Re: I tedeschi


          La questione è che le basi per fare quello che le
          PA e le aziende richiedono non ci
          sono.
          Si possono creare certo.

          Quanto costa?
          Chi paga?
          Chi fa?
          Chi garantisce?
          Nulla è impossibile e prima o poi si cambierà, adesso forse ci sembra normale avere win e office ma 20 anni fa c'erano tanti che avevano as/400 o sistemi unix... non penso che tra 20 anni l'informatica sarà ancora uguale ad oggi, ma bisogna gettare le basi giuste.
          • maxsix scrive:
            Re: I tedeschi
            - Scritto da: colpito



            La questione è che le basi per fare quello
            che
            le

            PA e le aziende richiedono non ci

            sono.

            Si possono creare certo.



            Quanto costa?

            Chi paga?

            Chi fa?

            Chi garantisce?



            Nulla è impossibile e prima o poi si cambierà,
            adesso forse ci sembra normale avere win e office
            ma 20 anni fa c'erano tanti che avevano as/400 o
            sistemi unix... non penso che tra 20 anni
            l'informatica sarà ancora uguale ad oggi, ma
            bisogna gettare le basi
            giuste.Ma per cambiare serve un MOTIVO.E il motivo del tutto gratis (che anche i sassi hanno capito che non è vero) non basta.Il mondo open se vuole fermare l'implosione che lo sta devastando deve mostrare a tutti che è migliore, che sa ottenere risultati migliori con maggiore qualità, efficienza e tempo.Finchè questo non accadrà (e imho non accadrà mai) sarà sempre la, un isoletta felice (forse) per 4 nerd che credono di cambiare il mondo battendo le dita su una tastiera.
          • SargonIII scrive:
            Re: I tedeschi
            - Scritto da: maxsix
            - Scritto da: colpito





            La questione è che le basi per fare
            quello

            che

            le


            PA e le aziende richiedono non ci


            sono.


            Si possono creare certo.





            Quanto costa?


            Chi paga?


            Chi fa?


            Chi garantisce?






            Nulla è impossibile e prima o poi si
            cambierà,

            adesso forse ci sembra normale avere win e
            office

            ma 20 anni fa c'erano tanti che avevano
            as/400
            o

            sistemi unix... non penso che tra 20 anni

            l'informatica sarà ancora uguale ad oggi, ma

            bisogna gettare le basi

            giuste.

            Ma per cambiare serve un MOTIVO.
            E il motivo del tutto gratis (che anche i sassi
            hanno capito che non è vero) non
            basta.

            Il mondo open se vuole fermare l'implosione che
            lo sta devastando deve mostrare a tutti che è
            migliore, che sa ottenere risultati migliori con
            maggiore qualità, efficienza e
            tempo.

            Finchè questo non accadrà (e imho non accadrà
            mai) sarà sempre la, un isoletta felice (forse)
            per 4 nerd che credono di cambiare il mondo
            battendo le dita su una
            tastiera.Ma non ti pare di fare i tutta un'erba un fascio?Ci sono software open source ottimi, anche migliori, delle controparti closed, e ce ne sono di pessimi.O forse vuoi dire che apache fa c.a.c.a.r.e ed è meglio migrare ad IIS o che GCC è una fregatura (quindi pure Xcode...)...??
          • maxsix scrive:
            Re: I tedeschi


            Ma non ti pare di fare i tutta un'erba un fascio?No.
            Ci sono software open source ottimi, anche
            migliori, delle controparti closed, e ce ne sono
            di
            pessimi.
            E' questa la questione, la CONTROPARTE.Il continuo misurarsi con gli altri per arrivarci.Chi innova cambia il proXXXXX, non lo migliora.Capisci il concetto?
            O forse vuoi dire che apache fa c.a.c.a.r.e ed è
            meglio migrare ad IIS o che GCC è una fregatura
            (quindi pure
            Xcode...)...??Per quello che riguarda IIS posso dirti che sotto certi aspetti, si, apache fa XXXXXX.Vogliamo parlare dei tempi di startup?Vogliamo parlare del legame a doppio filo con mssql?Vogliamo parlare di come Visual studio tratta tutto questo e altro con nonchalance (o come XXXXXXX si scrive)?Vogliamo parlare nel 2012 della struttura folle di httpd.conf?Apache lo uso pure io e ad oggi è il più diffuso perchè li il modello gratis ha sfondato.Ma bisogna dare atto che IIS in molti aspetti, sopratutto nello sviluppo puro, è 10000 spanne sopra ad apache+php(perl)+mysql.Per quello che riguarda Xcode è proprio quello che intendo. Xcode nel suo ambito rivoluziona, cambia il proXXXXX di sviluppo di un applicazione. Chi lo conosce, lo usa e ne capisce le fondamenta lo sa perfettamente.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 novembre 2012 13.33-----------------------------------------------------------
          • shevathas scrive:
            Re: I tedeschi

            Nulla è impossibile e prima o poi si cambierà,
            adesso forse ci sembra normale avere win e office
            ma 20 anni fa c'erano tanti che avevano as/400 o
            sistemi unix... non penso che tra 20 anni
            l'informatica sarà ancora uguale ad oggi, ma
            bisogna gettare le basi
            giuste.L'errore che il mondo FLOSS ha continuato testardamente a fare è stato il proporre soluzioni senza sapere quale fosse il problema. Tanto per dirne una Apache, Postgres, MySql vengono usati tranquillamente da aziende e PA senza tanti patemi d'animo. Quindi non è un problema di mazzette o di diffidenza verso il software a sorgente aperto.Il problema è che le analisi preliminari al cambiamento, il cosidetto piano di fattibilità, vengono fatte in una maniera mostruosamente approssimata, i risparmi vengono sovrastimati(1) e le spese enormemente sottostimate. Non vengono considerati i vincoli legati al sistema informativo: se il sistema documentale richiede office o esiste un sistema, dal costo e dalle prestazioni equivalenti, che si basa su OO.org oppure o lo commissiono (e con i soldi che dovrei spendere ci pago un secolo di licenze di office anche se le cambiassi ogni mese) oppure devo abbandonare i sistemi documentali (con gli ovvi costi legati all'aumento dei tempi di lavoro e al dover tornare a far girare carta).Progettare o modificare il sistema informativo interno è un lavoro che richiede testa e competenze, non slogan e approssimazione.(1)Difficilmente le aziende ricomprano le licenze winoffice ogni sei mesi per ogni postazione e, a meno che non siano microaziende, non comprano licenze retail. Quindi il conto "risparmio = licenza retail * numero postazioni * 2" è sballato.
          • colpito scrive:
            Re: I tedeschi
            - Scritto da: shevathas

            Nulla è impossibile e prima o poi si
            cambierà,

            adesso forse ci sembra normale avere win e
            office

            ma 20 anni fa c'erano tanti che avevano
            as/400
            o

            sistemi unix... non penso che tra 20 anni

            l'informatica sarà ancora uguale ad oggi, ma

            bisogna gettare le basi

            giuste.

            L'errore che il mondo FLOSS ha continuato
            testardamente a fare è stato il proporre
            soluzioni senza sapere quale fosse il problema.

            Tanto per dirne una Apache, Postgres, MySql
            vengono usati tranquillamente da aziende e PA
            senza tanti patemi d'animo. Quindi non è un
            problema di mazzette o di diffidenza verso il
            software a sorgente
            aperto.
            Il problema è che le analisi preliminari al
            cambiamento, il cosidetto piano di fattibilità,
            vengono fatte in una maniera mostruosamente
            approssimata, i risparmi vengono sovrastimati(1)
            e le spese enormemente sottostimate. Non vengono
            considerati i vincoli legati al sistema
            informativo: se il sistema documentale richiede
            office o esiste un sistema, dal costo e dalle
            prestazioni equivalenti, che si basa su OO.org
            oppure o lo commissiono (e con i soldi che dovrei
            spendere ci pago un secolo di licenze di office
            anche se le cambiassi ogni mese) oppure devo
            abbandonare i sistemi documentali (con gli ovvi
            costi legati all'aumento dei tempi di lavoro e al
            dover tornare a far girare
            carta).
            Progettare o modificare il sistema informativo
            interno è un lavoro che richiede testa e
            competenze, non slogan e
            approssimazione.

            (1)Difficilmente le aziende ricomprano le licenze
            winoffice ogni sei mesi per ogni postazione e, a
            meno che non siano microaziende, non comprano
            licenze retail. Quindi il conto "risparmio =
            licenza retail * numero postazioni * 2" è
            sballato.Quoto tutto.
      • iRoby scrive:
        Re: I tedeschi
        Ci sono decine di nazioni che l'hanno implementato con sucXXXXX, e qui non fa notizia.Il problema è che qui P.I. riceve imbeccate da uno dei suoi maggiori inserzionisti... E fanno notizia solo paesi crucchi dove metà dei 200.000 abitanti sono vacche, e il resto buoi cornuti che con l'IT non sanno da dove iniziare, dato che metà della giornata lo dedicano alla mungitura.
        • mr_caos scrive:
          Re: I tedeschi
          Tu ti sarai anche fatto donne da tutto il mondo :-), ma non hai mai messo il naso fuori dal tuo paesino vero?
        • colpito scrive:
          Re: I tedeschi

          Il problema è che qui P.I. riceve imbeccate da
          uno dei suoi maggiori inserzionisti...e non fare il paranoico adesso...
        • AMEN scrive:
          Re: I tedeschi
          - Scritto da: iRoby
          Il problema è che qui P.I. riceve imbeccate da
          uno dei suoi maggiori inserzionisti... E fanno
          notizia solo paesi crucchi dove metà dei 200.000
          abitanti sono vacche, e il resto buoi cornuti che
          con l'IT non sanno da dove iniziare, dato che
          metà della giornata lo dedicano alla
          mungitura.Questo mi è sempre piaciuto della comunità linux: la tolleranza nei confronti degli altri...
          • iRoby scrive:
            Re: I tedeschi
            La questione è semplice, in questa storia ci si è scontrati con utenti della P.A. diciamocelo, di paesi di campagna...Cioè che usano il PC come molti dipendenti della PA, con pochissima formazione, e ancora meno voglia di capire come adattarsi ad un software diverso.Dal lato dei sistemisti ci vuole un background non solo tecnico ma proprio politico-economico.Bisogna sapere che non possono coesistere OOXML/ODF/DOCX, perché Microsoft non sta implementando in DOCX il formato OOXML ufficiale che ha fatto ratificare come standard.E i vari traduttori OOXML/DOCX su OpenOffice.org e ODF su Office soffrono di parecchi problemi nelle conversioni di documenti importanti, per due motivi, in DOCX/OOXML ci sono parecchie parti non documentate. E l'ODF non è stato modificato come Microsoft voleva, perché le richieste di Microsoft erano pericolose (per questioni di brevetti e copyright)Allora fossi stato io un sistemista di quella P.A. avrei fatto uno studio iniziale, e fatto prima la conversione in ODF della quasi totalità dei DOCX/XLSX problematici e solo dopo sarei passato a OpenOffice.org.E con la software house dei gestionali avrei lavorato perché si esportassero i dati anche in ODF standard. Ci sono nuemrose librerie libere.
          • shevathas scrive:
            Re: I tedeschi
            - Scritto da: iRoby
            La questione è semplice, in questa storia ci si è
            scontrati con utenti della P.A. diciamocelo, di
            paesi di
            campagna...
            Cioè che usano il PC come molti dipendenti della
            PA, con pochissima formazione, e ancora meno
            voglia di capire come adattarsi ad un software
            diverso.
            questo è un problema risolvibilissimo. Ed è la solita scusa che viene usata dagli incompetenti per non dover ammettere di aver fatto dei pasticci grossi.
            Dal lato dei sistemisti ci vuole un background
            non solo tecnico ma proprio
            politico-economico.
            Bisogna sapere che non possono coesistere
            OOXML/ODF/DOCX, perché Microsoft non sta
            implementando in DOCX il formato OOXML ufficiale
            che ha fatto ratificare come
            standard.
            E i vari traduttori OOXML/DOCX su OpenOffice.org
            e ODF su Office soffrono di parecchi problemi
            nelle conversioni di documenti importanti, per
            due motivi, in DOCX/OOXML ci sono parecchie parti
            non documentate. E l'ODF non è stato modificato
            come Microsoft voleva, perché le richieste di
            Microsoft erano pericolose (per questioni di
            brevetti e
            copyright)
            bello ma non c'entra niente. I dati vitali delle PA oramai stanno in database sql. I dati presenti nei documenti, principalmente fogli di calcolo, li puoi leggere ed importare con procedimenti automatici, della formattazione non te ne importa niente. Il travaso dati può essere rognoso ma è fattibilissimo.
            Allora fossi stato io un sistemista di quella
            P.A. avrei fatto uno studio iniziale, e fatto
            prima la conversione in ODF della quasi totalità
            dei DOCX/XLSX problematici e solo dopo sarei
            passato a
            OpenOffice.org.e, lasciatelo dire, avresti presto la legnata che si son presi i tizi. Prima di pensare ai formati verifica se OO.org riesce a parlare, come office, con gli altri software del sistema informativo interno e, nel caso non ci riesca, se esista qualcosa di equivalente con le stesse funzionalità e gli stessi costi. L'importante, per la migrazione, è il backoffice non il grassetto sui documenti di testo
            E con la software house dei gestionali avrei
            lavorato perché si esportassero i dati anche in
            ODF standard. Ci sono nuemrose librerie
            libere.basta pagare per avere l'esportazione in ODF. Ma quanto costa ? e quanto costa avere i moduli di importazione ?
    • colpito scrive:
      Re: I tedeschi


      La conslusione, fuor di metafora, non può essere
      che una: se avete MS office o ve lo tenete o
      cacciate un sacco di soldoni per migrare, se non
      l'avete vi conviene non iniziare ad usarlo; è
      come la robba: sembra bellissimo e conveniente
      all'inizio, ma uscirne è difficile e
      costoso.Si, però ad onor del vero bisogna anche ricordarsi di dov'era openoffice quando c'erano i primi word ed excel. Forse la gente non si ricorda ma office è stata una buona proposta commerciale all'epoca, al di là di qualche politica "aggressiva" di MS, win + office è stato per anni incontrastato, c'è poco da fare.
      • sbertuccia scrive:
        Re: I tedeschi
        - Scritto da: colpito



        La conslusione, fuor di metafora, non può
        essere

        che una: se avete MS office o ve lo tenete o

        cacciate un sacco di soldoni per migrare, se
        non

        l'avete vi conviene non iniziare ad usarlo; è

        come la robba: sembra bellissimo e
        conveniente

        all'inizio, ma uscirne è difficile e

        costoso.

        Si, però ad onor del vero bisogna anche
        ricordarsi di dov'era openoffice quando c'erano i
        primi word ed excel. Forse la gente non si
        ricorda ma office è stata una buona proposta
        commerciale all'epoca, al di là di qualche
        politica "aggressiva" di MS, win + office è stato
        per anni incontrastato, c'è poco da
        fare.C'è bisogno di ricordare il correttore ortografico di Word2000 che crashava ad ogni parola scorretta che individuava?
        • maxsix scrive:
          Re: I tedeschi
          - Scritto da: sbertuccia
          - Scritto da: colpito





          La conslusione, fuor di metafora, non
          può

          essere


          che una: se avete MS office o ve lo
          tenete
          o


          cacciate un sacco di soldoni per
          migrare,
          se

          non


          l'avete vi conviene non iniziare ad
          usarlo;
          è


          come la robba: sembra bellissimo e

          conveniente


          all'inizio, ma uscirne è difficile e


          costoso.



          Si, però ad onor del vero bisogna anche

          ricordarsi di dov'era openoffice quando
          c'erano
          i

          primi word ed excel. Forse la gente non si

          ricorda ma office è stata una buona proposta

          commerciale all'epoca, al di là di qualche

          politica "aggressiva" di MS, win + office è
          stato

          per anni incontrastato, c'è poco da

          fare.

          C'è bisogno di ricordare il correttore
          ortografico di Word2000 che crashava ad ogni
          parola scorretta che
          individuava?Hungapp.dllChe incubi.
      • anverone99 scrive:
        Re: I tedeschi
        - Scritto da: colpito



        La conslusione, fuor di metafora, non può
        essere

        che una: se avete MS office o ve lo tenete o

        cacciate un sacco di soldoni per migrare, se
        non

        l'avete vi conviene non iniziare ad usarlo; è

        come la robba: sembra bellissimo e
        conveniente

        all'inizio, ma uscirne è difficile e

        costoso.

        Si, però ad onor del vero bisogna anche
        ricordarsi di dov'era openoffice quando c'erano i
        primi word ed excel. Forse la gente non si
        ricorda ma office è stata una buona proposta
        commerciale all'epoca, al di là di qualche
        politica "aggressiva" di MS, win + office è stato
        per anni incontrastato, c'è poco da
        fare.Azz... dovrei avere ancora da qualche parte Words 2.0 su floppy!! Non sto scherzando!! E anche MSWorks 3 e un wordperfect nonsoqualeversione. Dopo ci guardo!!
    • maxsix scrive:
      Re: I tedeschi

      cacciate un sacco di soldoni per migrare, Ma la domanda è:Ponendo che io abbia i soldoni da cacciare, riesco a fare quello che facevo prima con M$ Office dopo con Libre o OOO?La risposta, semplicemente, è NO.
      • Concordator e scrive:
        Re: I tedeschi
        Concordo. A casa ho LibreOffice perché mi basta per quello che serve a me e non voglio spendere soldi. Office rimane il migliore a livello di usabilità e di feature.P.S. parlo in particolare di Word/Writer che è la funzione che uso di più. - Scritto da: maxsix

        cacciate un sacco di soldoni per migrare,

        Ma la domanda è:
        Ponendo che io abbia i soldoni da cacciare,
        riesco a fare quello che facevo prima con M$
        Office dopo con Libre o
        OOO?

        La risposta, semplicemente, è NO.
        • Borg_01 scrive:
          Re: I tedeschi
          Bhe se word/LO lo usi per scrivere la lista della spesa ok per tutto il resto c'è latex-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 novembre 2012 16.32-----------------------------------------------------------
          • panda rossa scrive:
            Re: I tedeschi
            - Scritto da: Borg_01
            Bhe se word/LO lo usi per scrivere la lista della
            spesa ok prr tutto il resto c'è
            latexInvece e' proprio latex l'ideale per scrivere la lista della spesa (oltre a tutto il resto naturalmente).
    • dontfeed in sciopero scrive:
      Re: I tedeschi
      - Scritto da: maxsix
      E' la seconda volta che in Germania l'open source
      viene implementato e poi velocemente viene
      sbattuto
      fuori.
      Il titolo è scritto appositamente male per far flammeggiare i fan acritici come te.In tutta la Germania si va verso il software libero, in un caso, un paesone resiste al cambiamento.Il titolo invece lascia intendere che tutto il proXXXXX di adozione del software libero abbia fallito, mentre ha fallito in un piccolo caso, in un elativamente piccolo centro.Chiunque abbia un QI a 3 cifre (il che esclude automaticamente i vari fanboy piastrellati e melati) può immaginare che la "colpa" sia di quella particolare amministrazione piuttosto che del software libero.
      Com'è il detto?"Per il fanboy acritico ogni scusa è buona per dimostrarsi per quello che è."
      • maxsix scrive:
        Re: I tedeschi
        - Scritto da: dontfeed in sciopero
        - Scritto da: maxsix

        E' la seconda volta che in Germania l'open
        source

        viene implementato e poi velocemente viene

        sbattuto

        fuori.



        Il titolo è scritto appositamente male per far
        flammeggiare i fan acritici come
        te.
        In tutta la Germania si va verso il software
        libero, in un caso, un paesone resiste al
        cambiamento.Non dire ca$$ate per cortesia.Se non sai chiedi.http://punto-informatico.it/3160345/PI/News/open-source-teutonico-ritorno-windows.aspx
        • crumiro scrive:
          Re: I tedeschi
          La Germania è anche quella che ha partorito SAP.Pertanto prenderla come esempio mi pare assurdo.In altre parti del mondo le cose vanno molto meglio con l'Open. Vedi il Brasile, dove le aziende ci fanno business e le PA prosperano.E le leggi sono realmente liberali e non ottocentesche come in Italia / Europa.
          • crumiro scrive:
            Re: I tedeschi
            Tieni, una rapida spiegazione:http://it.wikipedia.org/wiki/Elenco_di_casi_di_adozione_di_software_libero#BrasileAltrimenti cerca brasile Open Source oppure Brasile linux su Google e guarda come prosegue la cosa.PS: 1/7 della holding per la quale lavoro è situato in Brasile. Se permetti, qualche cosa ne so. Se permetti eh, altrimenti fa lo stesso...
          • shevathas scrive:
            Re: I tedeschi
            - Scritto da: crumiro
            Tieni, una rapida spiegazione:

            http://it.wikipedia.org/wiki/Elenco_di_casi_di_ado

            Altrimenti cerca brasile Open Source oppure
            Brasile linux su Google e guarda come prosegue la
            cosa.
            guarda un poco la lista dei casi di sucXXXXX riportati nel sito istituzionale del governo brasilianohttp://www.softwarelivre.gov.br/casos-de-suXXXXX/lista_casosdesuXXXXXun poco scarsina non trovi ?
          • crumiro scrive:
            Re: I tedeschi
            Sì, perché il sito è aggiornato. (ROTFL)Mamma mia.
          • nome e cognome scrive:
            Re: I tedeschi

            Altrimenti cerca brasile Open Source oppure
            Brasile linux su Google e guarda come prosegue la
            cosa.XXXXX miseria hai ragione! Il brasile è il regno delle soluzioni open, e grazie al fatto che la PA lo sta adottando in massa anche gli utenti sono finalmente liberi! Guarda come la percentuale di utilizzo di linux è schizzata all'1%. http://gs.statcounter.com/#os-BR-monthly-201110-201210
          • crumiro scrive:
            Re: I tedeschi
            Sissì, fUnboy mio, ottima statistica.
          • maxsix scrive:
            Re: I tedeschi
            - Scritto da: crumiro
            La Germania è anche quella che ha partorito SAP.
            E cosa centra ora SAP, crumiro.Perchè a sto punto vediamo chi ha partorito Teamsystem, NA Vision, Deltasystem.Si, boh eh.
            Pertanto prenderla come esempio mi pare assurdo.
            Non vedo perchè, è l'unica che in fin dei conti ci sta provando seriamente.Ed è l'unica che sta prendendo sonore capocciate.
            In altre parti del mondo le cose vanno molto
            meglio con l'Open. Vedi il Brasile, dove le
            aziende ci fanno business e le PA
            prosperano.
            Se parti da 0 con l'Open ce la puoi fare.Poi, dopo, alla fine della fiera vorrei vedere:1) quanto è costato alla fine2) i risultati ottenuti3) i tempi in cui sono stati ottenuti4) se sono allineati, inferiori o superiori alle soluzioni dei concorrenti closed.
            E le leggi sono realmente liberali e non
            ottocentesche come in Italia /
            Europa.Ma piantala anche te con ste ca$$ate alla iRoby e compagnia briscola.Sei un attimo più intelligente per capire che qua il problema non è normativo, ma di puri e semplici risultati.
          • crumiro scrive:
            Re: I tedeschi
            - Scritto da: maxsix
            - Scritto da: crumiro

            La Germania è anche quella che ha partorito
            SAP.


            E cosa centra ora SAP, crumiro.
            Perchè a sto punto vediamo chi ha partorito
            Teamsystem, NA Vision,
            Deltasystem.

            Si, boh eh.Mah, guarda: ho come la sensazione che tu e i vari personaggi del presepe qui sopra confondiate l'economia tedesca con la sua informatizzazione.


            Pertanto prenderla come esempio mi pare
            assurdo.


            Non vedo perchè, è l'unica che in fin dei conti
            ci sta provando
            seriamente.Ma guarda che infatti per quanto ne so io i 3/4 della Germania procedono verso quella direzione tutt'oggi.
            Ed è l'unica che sta prendendo sonore capocciate.Che sia l'unica che prende capocciate non significa che sia colpa del software open.


            In altre parti del mondo le cose vanno molto

            meglio con l'Open. Vedi il Brasile, dove le

            aziende ci fanno business e le PA

            prosperano.


            Se parti da 0 con l'Open ce la puoi fare.Non sono partiti da 0: Microsoft è così spiazzata che nel 2006 regalava copie di XP al governo pur di rientrare nel business (ma non ha funzionato).
            Poi, dopo, alla fine della fiera vorrei vedere:
            1) quanto è costato alla fineIn Brasile dati alla mano stanno risparmiando e stanno portando avanti anche l'economia e l'IT.
            2) i risultati ottenutiSu questo no so risponderti. ma anche tu non puoi rispondere.
            3) i tempi in cui sono stati ottenutiSe dal 2005 ad oggi la rotta non si è invertita, nonostante le pressioni di Microsoft, ci sarà un perché? O è stato Torvalds a dare mazzette?
            4) se sono allineati, inferiori o superiori alle
            soluzioni dei concorrentiFatti un giro in Brasile.
            closed.


            E le leggi sono realmente liberali e non

            ottocentesche come in Italia /

            Europa.

            Ma piantala anche te con ste ca$$ate alla iRoby e
            compagnia
            briscola.
            Sei un attimo più intelligente per capire che qua
            il problema non è normativo, ma di puri e
            semplici
            risultati.Il problema è di procedure antiquate e di software tre volte più costosi per stare dietro a questi aspetti.Il problema è di una macchina lenta a cambiare e a trovare soluzioni.Ah, già, per te informatica è sinonimo di Apple. Dimenticavo.
          • shevathas scrive:
            Re: I tedeschi


            e allora come mai in italia la PA usa

            tranquillamente Apache e MySql

            ?

            E questo che razzo c'entra?
            sei tu che hai parlato di leggi antiquate, pensavo intendessi che in italia è proibito l'uso del FLOSS
          • crumiro scrive:
            Re: I tedeschi
            Non hai capito.Io intendevo che l'intero sistema PA ha dei modelli che stavano bene nel 1800/ inizi 1900.Ridondanza di copie, timbri come "validazione" di documenti, firme di responsabili mai raggiungibili...Fai un giro in Brasile ad aprire una startup oppure una azienda consociata e fai lo stesso in Italia, solo per farti un esempio.
          • nome e cognome scrive:
            Re: I tedeschi

            Fai un giro in Brasile ad aprire una startup
            oppure una azienda consociata e fai lo stesso in
            Italia, solo per farti un
            esempio.Mah, considerando che l'ultima volta che sono stato in brasile per lavoro ho dovuto pagare una bella mazzetta per non farmi confiscare il portatile sarei propenso allo scetticismo; guardiamo che dice internet... http://www.vivereinbrasile.com/2012/05/costituire-una-societa-in-brasile.htmlTali attività richiedono da 60 a 120 giorni. I costi di costituzione delle forme societarie sopra indicate dipendono normalmente dal valore dellinvestimento e dal tipo di attività e dalla consulenza richiesta.http://www.guidaconsumatore.com/imprenditoria/come-aprire-un%E2%80%99impresa-in-italia.htmlLiter richiede, per lesattezza, ben sei procedure da seguire che necessitano di un tempo medio di esecuzione pari a 10 giorni:
          • crumiro scrive:
            Re: I tedeschi
            Apri una azienda in Italia.Anzi, fai una cosa, mio simpatico fanfarone: trovami una guida analoga per l'Italia.
        • dontfeed in sciopero scrive:
          Re: I tedeschi
          - Scritto da: maxsix
          - Scritto da: dontfeed in sciopero

          - Scritto da: maxsix


          E' la seconda volta che in Germania
          l'open

          source


          viene implementato e poi velocemente
          viene


          sbattuto


          fuori.






          Il titolo è scritto appositamente male per
          far

          flammeggiare i fan acritici come

          te.

          In tutta la Germania si va verso il software

          libero, in un caso, un paesone resiste al

          cambiamento.

          Non dire ca$$ate per cortesia.
          Se non sai chiedi.

          http://punto-informatico.it/3160345/PI/News/open-sQuindi 2 amministrazioni su un intera nazione.Addirittura.Ora si che hai dimostrato di aver ragione.O di non saper leggere.
          • shevathas scrive:
            Re: I tedeschi

            Quindi 2 amministrazioni su un intera nazione.
            Addirittura.

            Ora si che hai dimostrato di aver ragione.
            O di non saper leggere.tutto il resto della germania marcia su openoffice ?
          • crumiro scrive:
            Re: I tedeschi
            Da quanto sono riuscito a capire i 3/4 della Germania viaggiano Open.
          • maxsix scrive:
            Re: I tedeschi
            - Scritto da: crumiro
            Da quanto sono riuscito a capire i 3/4 della
            Germania viaggiano
            Open.Hai capito MOLTO male.
          • crumiro scrive:
            Re: I tedeschi
            Dimostrami il contrario...
          • shevathas scrive:
            Re: I tedeschi
            - Scritto da: crumiro
            Dimostrami il contrario...hai qualche articolo che parla della migrazione della Germania a Linux ?
          • maxsix scrive:
            Re: I tedeschi
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: crumiro

            Dimostrami il contrario...

            hai qualche articolo che parla della migrazione
            della Germania a Linux
            ?Io ne ho 2 di quelli che sono tornati indietro.
          • crumiro scrive:
            Re: I tedeschi
            Ma il link postato al quale avete anche commentato (ed estrapolato quello che faceva comodo, vero shevatas?) lo avete dimenticato?Lo avete letto fino in fondo ? Sicuri?
          • crumiro scrive:
            Re: I tedeschi
            Ah, nel caso non fosse troppo chiaro:http://mrpogson.com/2012/03/29/munich-breaks-even-by-migrating-to-gnulinux/Se lo dicono loro va bene?
          • certo certo scrive:
            Re: I tedeschi
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3653884&m=3656712#p3656712Un sucXXXXX: ben 10 milioni risparmiati nella sola Monaco.Ma non c'era stato un dietro front?Ah si...quello dei venditori ambulanti delle licenze a volume di Microsoft.
          • maxsix scrive:
            Re: I tedeschi
            - Scritto da: dontfeed in sciopero
            - Scritto da: maxsix

            - Scritto da: dontfeed in sciopero


            - Scritto da: maxsix



            E' la seconda volta che in Germania

            l'open


            source



            viene implementato e poi
            velocemente

            viene



            sbattuto



            fuori.









            Il titolo è scritto appositamente male
            per

            far


            flammeggiare i fan acritici come


            te.


            In tutta la Germania si va verso il
            software


            libero, in un caso, un paesone resiste
            al


            cambiamento.



            Non dire ca$$ate per cortesia.

            Se non sai chiedi.




            http://punto-informatico.it/3160345/PI/News/open-s

            Quindi 2 amministrazioni su un intera nazione.
            Addirittura.

            Ora si che hai dimostrato di aver ragione.Cosa non hai capito nel mio post originale quando dico "è la seconda volta".Anche per te un bel sussidiario.
          • dontfeed in sciopero scrive:
            Re: I tedeschi
            - Scritto da: maxsix
            - Scritto da: dontfeed in sciopero

            - Scritto da: maxsix


            - Scritto da: dontfeed in sciopero



            - Scritto da: maxsix




            E' la seconda volta che in
            Germania


            l'open



            source




            viene implementato e poi

            velocemente


            viene




            sbattuto




            fuori.












            Il titolo è scritto appositamente
            male

            per


            far



            flammeggiare i fan acritici come



            te.



            In tutta la Germania si va verso il

            software



            libero, in un caso, un paesone
            resiste

            al



            cambiamento.





            Non dire ca$$ate per cortesia.


            Se non sai chiedi.








            http://punto-informatico.it/3160345/PI/News/open-s



            Quindi 2 amministrazioni su un intera
            nazione.

            Addirittura.



            Ora si che hai dimostrato di aver ragione.

            Cosa non hai capito nel mio post originale quando
            dico "è la seconda
            volta".Come si passa da 2 casi su un "milione" al fallimento del software libero tout cour.
        • certo certo scrive:
          Re: I tedeschi
          http://www.h-online.com/open/news/item/Linux-brings-over-EUR10-million-savings-for-Munich-1755802.html
          Non dire ca$$ate per cortesia.
          Se non sai chiedi.Appunto. Basta con le ca$$ate. Con le tue.
      • Fulmy(nato) scrive:
        Re: I tedeschi
        - Scritto da: dontfeed in sciopero
        Il titolo è scritto appositamente male per far
        flammeggiare i fan acritici come
        te.
        In tutta la Germania si va verso il software
        libero, in un caso, un paesone resiste al
        cambiamento.
        Il titolo invece lascia intendere che tutto il
        proXXXXX di adozione del software libero abbia
        fallito, mentre ha fallito in un piccolo caso, in
        un elativamente piccolo
        centro.Friburgo non è la Germania, ma una delle tante città, e neppure delle più grandi.Ci sono città un po' più importanti in Germania, come ad esempio Monaco di Bavierahttp://www.muenchen.de/rathaus/Stadtverwaltung/Direktorium/LiMux.html
    • FDG scrive:
      Re: I tedeschi
      - Scritto da: maxsix
      Com'è il detto?

      2 indizi fanno una prova.Intanto erano tre. E comunque, in mancanza di prove contrarie.
      • maxsix scrive:
        Re: I tedeschi
        - Scritto da: FDG
        - Scritto da: maxsix


        Com'è il detto?



        2 indizi fanno una prova.

        Intanto erano tre. E comunque, in mancanza di
        prove
        contrarie.Prove contrarie non ce ne sono, quindi ancora un fallimento e siamo apposto ;)
        • FDG scrive:
          Re: I tedeschi
          - Scritto da: maxsix
          Prove contrarie non ce ne sono, quindi ancora un
          fallimento e siamo apposto
          ;)Hai messo una faccina appunto perché sapevi di scrivere una fesseria.
          • maxsix scrive:
            Re: I tedeschi
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: maxsix


            Prove contrarie non ce ne sono, quindi
            ancora
            un

            fallimento e siamo apposto

            ;)

            Hai messo una faccina appunto perché sapevi di
            scrivere una
            fesseria.Abbiamo voglia di trollare oggi cagnolino amoroso?Dimmelo subito che prendo provvedimenti.
          • FDG scrive:
            Re: I tedeschi
            - Scritto da: maxsix
            Abbiamo voglia di trollare oggi cagnolino amoroso?
            Dimmelo subito che prendo provvedimenti.Ok, lo scrivo in altro modo.La realtà è più complicata. Una realtà di cui molti si sono resi conto, anche la stessa MS per fare un esempio, è che soluzioni open e soluzioni proprietarie coesistono e vengono usate in modo complementare.
    • collione scrive:
      Re: I tedeschi
      e qual'è stata la prima? ah si Monaco, dove il sindaco si è detto contento?
      • maxsix scrive:
        Re: I tedeschi
        - Scritto da: collione
        e qual'è stata la prima? ah si Monaco, dove il
        sindaco si è detto
        contento?No quella che il ministero degli esteri ha sbattuto fuori tutto.Trovi il link qua in mezzo.
    • Giuda scrive:
      Re: I tedeschi
      - Scritto da: maxsix
      E' la seconda volta che in Germania l'open source
      viene implementato e poi velocemente viene
      sbattuto
      fuori.

      Com'è il detto?

      2 indizi fanno una prova.
      --------------------------------------------------
      Modificato dall' autore il 21 novembre 2012 11.17
      --------------------------------------------------significa che se ti chiamano idiota 2 volte lo sei davvero?
    • certo certo scrive:
      Re: I tedeschi
      - Scritto da: maxsix
      E' la seconda volta che in Germania l'open source
      viene implementato e poi velocemente viene
      sbattuto
      fuori.

      Com'è il detto?

      2 indizi fanno una prova.La seconda?E la prima qual'è? Monaco?http://www.h-online.com/open/news/item/Linux-brings-over-EUR10-million-savings-for-Munich-1755802.htmlLa stessa Monaco che risparmiato 10 milioni di euro con Linux ed il FOSS?
  • non so scrive:
    costose licenze
    le costose licenze software di Redmond non sono poi così costose per le PA che beneficiano di enormi sconti e il minimo grattacapo che si deve affrontare con altri SW va a finire che costa più delle licenze.secondo me l'approccio open funziona meglio per le PMI che per le PA o comunque le grandi imprese, ma è solo un mio parere.
  • sxs scrive:
    Il buon senso al contrario
    Se i formati *proprietari* continuano a dimostrare di imporreun lock-in per gli utenti e le amministrazioni non essendointeroperabili dovrebbe essere proprio questo uno dei motivipiu' impotanti per spingere verso i formati aperti.
    • maxsix scrive:
      Re: Il buon senso al contrario
      - Scritto da: sxs
      Se i formati *proprietari* continuano a
      dimostrare di
      imporre
      un lock-in per gli utenti e le amministrazioni
      non
      essendo
      interoperabili dovrebbe essere proprio questo uno
      dei
      motivi
      piu' impotanti per spingere verso i formati
      aperti.E' così difficile capire che il problema dei formati è una risultante di quello che non funziona a monte?
  • iRoby scrive:
    Re: interoperabilità
    La verità è che Microsoft ha voluto fortemente, e con forti dubbi di corruzione di funzionari dell'organismo di standardizzazione, il suo formato OOXML, ma poi sui prodotti ufficiali non sta seguendo quello standard, che è tra l'altro molto confuso ed utilizza componenti non documentate di Microsoft Office. Ed è quindi anche non implementabile al 100% dai prodotti concorrenti.Microsoft andrebbe inquisita e processata per queste XXXXXte.
    • sxs scrive:
      Re: interoperabilità
      - Scritto da: iRoby
      La verità è che Microsoft ha voluto fortemente, e
      con forti dubbi di corruzione di funzionari
      dell'organismo di standardizzazione, il suo
      formato OOXML, ma poi sui prodotti ufficiali non
      sta seguendo quello standard, che è tra l'altro
      molto confuso ed utilizza componenti non
      documentate di Microsoft Office. Ed è quindi
      anche non implementabile al 100% dai prodotti
      concorrenti.

      Microsoft andrebbe inquisita e processata per
      queste XXXXXte.QUOTO!
    • maxsix scrive:
      Re: interoperabilità
      - Scritto da: iRoby
      La verità è che Microsoft ha voluto fortemente, e
      con forti dubbi di corruzione di funzionari
      dell'organismo di standardizzazioneMa piantala con questo continuo e inutile revisionismo.Ti fai solo che ridere dietro.
      • iRoby scrive:
        Re: interoperabilità
        Ma smettila di rispondermi psicolabile Apple-addicted.
        • maxsix scrive:
          Re: interoperabilità
          - Scritto da: iRoby
          Ma smettila di rispondermi psicolabile
          Apple-addicted.2 righe e sbrocchi.Dai fammi un altro wall-o-text come ieri, ti prometto che lo leggo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 novembre 2012 12.09-----------------------------------------------------------
    • nome e cognome scrive:
      Re: interoperabilità

      Microsoft andrebbe inquisita e processata per
      queste
      XXXXXte.Ma anche per le scie chimiche, l'omicidio kennedy e l'ufo di roswell che era sicuramente Sinowsky.
      • iRoby scrive:
        Re: interoperabilità
        - Scritto da: nome e cognome
        Ma anche per le scie chimiche, l'omicidio kennedy
        e l'ufo di roswell che era sicuramente
        Sinowsky.Gli ufo di cui tu sei sicuramente un esperto sono quelli a forma di supposta...
        • panda rossa scrive:
          Re: interoperabilità
          - Scritto da: iRoby
          - Scritto da: nome e cognome

          Ma anche per le scie chimiche, l'omicidio
          kennedy

          e l'ufo di roswell che era sicuramente

          Sinowsky.

          Gli ufo di cui tu sei sicuramente un esperto sono
          quelli a forma di
          supposta...Questo?[img]http://images43.fotosik.pl/1134/b1e87a34717cc786.jpg[/img]
        • nome e cognome scrive:
          Re: interoperabilità

          Gli ufo di cui tu sei sicuramente un esperto sono
          quelli a forma di
          supposta...Servono per curare i linari...
          • panda rossa scrive:
            Re: interoperabilità
            - Scritto da: nome e cognome

            Gli ufo di cui tu sei sicuramente un esperto
            sono

            quelli a forma di

            supposta...

            Servono per curare i linari...Vero.Si chiama terapia della risata.Tu ti metti a pecora, prendi l'ufo a forma di supposta, e noi ridiamo.
  • shevathas scrive:
    Re: interoperabilità
    - Scritto da: ercolinux
    OOO e libreoffice sono usati da anni e con
    sucXXXXX in realtà ben più grandi di Friburgo
    (che ricordo essere un paesone di 200.000
    abitanti): in Brasile ODF è lo standard della
    pubblica amministrazione, il Portogallo ha appena
    ratificato una legge per l'adozione obbligatoria
    di ODF come standard, così come la Francia e
    decine di altri stati:
    http://linguistico.sourceforge.net/pages/opendocum
    Una cosa è il formato del file ed un cosa diversa è il programma per l'elaborazione del file. Potresti decidere che il formato standard è il testo ascii ma se per fare le elaborazioni che portano a quel testo hai bisogno di software che richiedono M$ Office devi usare M$ Office.
    • VITRIOL scrive:
      Re: interoperabilità
      - Scritto da: shevathas
      ma se per fare le elaborazioni che
      portano a quel testo hai bisogno di software che
      richiedono M$ Office devi usare M$
      Office.A volte questi software che richiedono obbligatoriamente MS Office per funzionare lo utilizzano per cose estremamente banali, ad esempio lanciano Word per visualizzare e stampare un rapporto, e amenità simili senza quasi nessuna elaborazione da parte degli strumenti della suite. Questo è abbastanza inaccettabile.Ma anche se davvero fosse sviluppato sulle API di MS Office IMHO sarebbe una visione abbastanza miope. Ripeto, è l'utente (pagante) che deve farsi sentire e non accettare tutto.SalutiVITRIOL
      • maxsix scrive:
        Re: interoperabilità
        - Scritto da: VITRIOL
        - Scritto da: shevathas


        ma se per fare le elaborazioni che

        portano a quel testo hai bisogno di software
        che

        richiedono M$ Office devi usare M$

        Office.

        A volte questi software che richiedono
        obbligatoriamente MS Office per funzionare lo
        utilizzano per cose estremamente banali, ad
        esempio lanciano Word per visualizzare e stampare
        un rapporto, e amenità simili senza quasi nessuna
        elaborazione da parte degli strumenti della
        suite. Questo è abbastanza
        inaccettabile.
        Ma anche se davvero fosse sviluppato sulle API di
        MS Office IMHO sarebbe una visione abbastanza
        miope. Ripeto, è l'utente (pagante) che deve
        farsi sentire e non accettare
        tutto.

        Saluti
        VITRIOLUn altro che viene da Marte.Ben arrivato sulla Terra.Lo sai che da noi le PA e le aziende vogliono risultati certi, in tempi accettabili e in molti casi garantiti, garantibili e certificati?Lo sai, si, questo?
        • VITRIOL scrive:
          Re: interoperabilità
          - Scritto da: maxsix
          Lo sai che da noi le PA e le aziende vogliono
          risultati certi, in tempi accettabili e in molti
          casi garantiti, garantibili e
          certificati?E quindi? Solo le soluzioni MS dovrebbero poter essere garantite e certificabili? SalutiVITRIOL
          • maxsix scrive:
            Re: interoperabilità
            - Scritto da: VITRIOL
            - Scritto da: maxsix


            Lo sai che da noi le PA e le aziende vogliono

            risultati certi, in tempi accettabili e in
            molti

            casi garantiti, garantibili e

            certificati?

            E quindi? Solo le soluzioni MS dovrebbero poter
            essere garantite e certificabili?

            Ad oggi si.Dimostrami il contrario.Sopratutto da un punto di vista di PA.Che sia chiaro sta situazione non piace neppure a me, ma bisogna essere realisti e guardare le cose come effettivamente sono e non filosofeggiare continuamente come certi personaggi qui dentro che vedono in piedi puzzosi il loro inutile gesù.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 novembre 2012 11.46-----------------------------------------------------------
          • VITRIOL scrive:
            Re: interoperabilità
            - Scritto da: maxsix
            Ad oggi si.
            Dimostrami il contrario.
            Sopratutto da un punto di vista di PA.La garanzia la dà la società che segue l'informatizzazione della PA. Oppure mi vuoi dire che è MS stessa a garantire le implementazioni dei suoi prodotti?SalutiVITRIOL
          • maxsix scrive:
            Re: interoperabilità
            - Scritto da: VITRIOL
            - Scritto da: maxsix


            Ad oggi si.

            Dimostrami il contrario.

            Sopratutto da un punto di vista di PA.

            La garanzia la dà la società che segue
            l'informatizzazione della PA. Oppure mi vuoi dire
            che è MS stessa a garantire le implementazioni
            dei suoi
            prodotti?
            La garanzia di M$ è nei processi, nei flussi, nel sistema.Una motivazione sufficiente per sbattere fuori l'azienducola di turno con OOO in chiavetta.
          • VITRIOL scrive:
            Re: interoperabilità
            - Scritto da: maxsix
            La garanzia di M$ è nei processi, nei flussi, nel
            sistema.Sì, ma leggi anche le licenze prima o poi.SalutiVITRIOL
          • Winaro scrive:
            Re: interoperabilità
            - Scritto da: maxsix
            - Scritto da: VITRIOL

            - Scritto da: maxsix




            Ad oggi si.


            Dimostrami il contrario.


            Sopratutto da un punto di vista di PA.



            La garanzia la dà la società che segue

            l'informatizzazione della PA. Oppure mi vuoi
            dire

            che è MS stessa a garantire le
            implementazioni

            dei suoi

            prodotti?


            La garanzia di M$ è nei processi, nei flussi, nel
            sistema.

            Una motivazione sufficiente per sbattere fuori
            l'azienducola di turno con OOO in
            chiavetta.Dalla discussione emerge che tu hai un'ottima opinione delle PA, in particolare quando evidenzi la necessità di risultati garantiti, ecc...Meno male che nelle PA si usano le soluzioni Microsoft per ottenere questi efficenti risultati, alrimenti saremmo davvero nei guai. :$Parola di Winaro! ;)
          • maxsix scrive:
            Re: interoperabilità
            - Scritto da: Winaro
            - Scritto da: maxsix

            - Scritto da: VITRIOL


            - Scritto da: maxsix






            Ad oggi si.



            Dimostrami il contrario.



            Sopratutto da un punto di vista di
            PA.





            La garanzia la dà la società che segue


            l'informatizzazione della PA. Oppure mi
            vuoi

            dire


            che è MS stessa a garantire le

            implementazioni


            dei suoi


            prodotti?




            La garanzia di M$ è nei processi, nei
            flussi,
            nel

            sistema.



            Una motivazione sufficiente per sbattere
            fuori

            l'azienducola di turno con OOO in

            chiavetta.

            Dalla discussione emerge che tu hai un'ottima
            opinione delle PA, in particolare quando evidenzi
            la necessità di risultati garantiti,
            ecc...Io non ho mai detto tutto ciò. Sto solo dicendo che le PA necessitano per tutto un insieme di buoni motivi di risultati certi, certificabili e garantiti.OOO, Libre o qualunque altra menata offre molto poco da questo versante.Uno dice, come dicono sotto, basta sapersi accontentare.Mah.
            Meno male che nelle PA si usano le soluzioni
            Microsoft per ottenere questi efficenti
            risultati, alrimenti saremmo davvero nei guai.
            :$
            Beh, fondamentalmente, lo status quo attuale dice questo.Ma benvenga chi ci fa vedere un modo diverso e migliore di fare le cose piuttosto che il solito nerd da 4 soldi che vende il migliorare le cose (che ogni santa volta non succede).
          • Winaro scrive:
            Re: interoperabilità
            - Scritto da: maxsix
            - Scritto da: Winaro

            - Scritto da: maxsix


            - Scritto da: VITRIOL



            - Scritto da: maxsix








            Ad oggi si.




            Dimostrami il contrario.




            Sopratutto da un punto di
            vista
            di

            PA.







            La garanzia la dà la società che
            segue



            l'informatizzazione della PA.
            Oppure
            mi

            vuoi


            dire



            che è MS stessa a garantire le


            implementazioni



            dei suoi



            prodotti?






            La garanzia di M$ è nei processi, nei

            flussi,

            nel


            sistema.





            Una motivazione sufficiente per sbattere

            fuori


            l'azienducola di turno con OOO in


            chiavetta.



            Dalla discussione emerge che tu hai un'ottima

            opinione delle PA, in particolare quando
            evidenzi

            la necessità di risultati garantiti,

            ecc...

            Io non ho mai detto tutto ciò. Sto solo dicendo
            che le PA necessitano per tutto un insieme di
            buoni motivi di risultati certi, certificabili e
            garantiti.Sì, appunto, ma quindi sono effettivamente forniti questi risultati no?
            OOO, Libre o qualunque altra menata offre molto
            poco da questo
            versante.

            Uno dice, come dicono sotto, basta sapersi
            accontentare.

            Mah.Non scherziamo, come si fa a paragonare nel 2012, quasi 13, il ribbon di Office2007+ con la vecchia barra degli strumenti! Non è certo una questione di accontentarsi. D'altro canto ritengo che per l'elaborazione di dati ci siano strumenti ben superiori delle "macro" di Office, mentre l'integrazione di dati "esterni" con le suite d'ufficio, quali che esse siano, andrebbe evitata come la peste. Molto meglio una soluzione che fa tutto da sè e al massimo fornisce i risultati di un'elaborazione senza che la suite office abbia un ruolo particolare nella sua presentazione (se non come wrapper).D'altronde se non si hanno esigenze specifiche (e ci si accontenta) anche office starter edition va più che bene.Per essere più chiaro sul discorso office/integrazione DB: quelle cose li sono eredità di vecchie concezioni, ormai ampiamente superate dal cloud ed interfacce di comunicazione più "neutre", e quindi universali, che garantiscono una maggiore flessibilità nel riuso dei dati.Complessivamente questo discorso OO/LO/MO fra qualche hanno potrebbe essere totalmente privo di senso, relegando alla "suite" una funzione molto più prossima ad una GUI che ad uno strumento di elaborazione.E c'è poco da fare su questo (per fortuna).

            Meno male che nelle PA si usano le soluzioni

            Microsoft per ottenere questi efficenti

            risultati, alrimenti saremmo davvero nei
            guai.

            :$


            Beh, fondamentalmente, lo status quo attuale dice
            questo.

            Ma benvenga chi ci fa vedere un modo diverso e
            migliore di fare le cose piuttosto che il solito
            nerd da 4 soldi che vende il migliorare le cose
            (che ogni santa volta non
            succede).Non hai colto l'ironia. Per essere più chiaro: Microsoft fa ottimi prodotti, ma quando a venderli in soluzioni custom sono dei cialtroni, non c'è qualità che tenga.Se stiamo parlando di soluzioni di automation customizzate sulle esigenze del committente puoi usare quello che ti pare, la garanzia del risultato è data dall'affidabilità di chi ha realizzato il lavoro. Non è questione di "marchi".Parola di Winaro! ;)
          • maxsix scrive:
            Re: interoperabilità
            - Scritto da: Winaro
            - Scritto da: maxsix

            - Scritto da: Winaro


            - Scritto da: maxsix



            - Scritto da: VITRIOL




            - Scritto da: maxsix










            Ad oggi si.





            Dimostrami il contrario.





            Sopratutto da un punto di

            vista

            di


            PA.









            La garanzia la dà la società
            che

            segue




            l'informatizzazione della PA.

            Oppure

            mi


            vuoi



            dire




            che è MS stessa a garantire le



            implementazioni




            dei suoi




            prodotti?








            La garanzia di M$ è nei processi,
            nei


            flussi,


            nel



            sistema.







            Una motivazione sufficiente per
            sbattere


            fuori



            l'azienducola di turno con OOO in



            chiavetta.





            Dalla discussione emerge che tu hai
            un'ottima


            opinione delle PA, in particolare quando

            evidenzi


            la necessità di risultati garantiti,


            ecc...



            Io non ho mai detto tutto ciò. Sto solo
            dicendo

            che le PA necessitano per tutto un insieme di

            buoni motivi di risultati certi,
            certificabili
            e

            garantiti.

            Sì, appunto, ma quindi sono effettivamente
            forniti questi risultati
            no?
            Assolutamente, ma in una PA a fronte di cambio di struttura deve essere garantita la continuità del servizio.

            OOO, Libre o qualunque altra menata offre
            molto

            poco da questo

            versante.



            Uno dice, come dicono sotto, basta sapersi

            accontentare.



            Mah.

            Non scherziamo, come si fa a paragonare nel 2012,
            quasi 13, il ribbon di Office2007+ con la vecchia
            barra degli strumenti! Non è certo una questione
            di accontentarsi. D'altro canto ritengo che per
            l'elaborazione di dati ci siano strumenti ben
            superiori delle "macro" di Office, mentre
            l'integrazione di dati "esterni" con le suite
            d'ufficio, quali che esse siano, andrebbe evitata
            come la peste. Molto meglio una soluzione che fa
            tutto da sè e al massimo fornisce i risultati di
            un'elaborazione senza che la suite office abbia
            un ruolo particolare nella sua presentazione (se
            non come
            wrapper).Posso essere d'accordo, ma la realtà è ben diversa.
            D'altronde se non si hanno esigenze specifiche (e
            ci si accontenta) anche office starter edition va
            più che
            bene.
            Certo, accontentandosi, anche un blocco di carta e una penna vanno più che bene.
            Per essere più chiaro sul discorso
            office/integrazione DB: quelle cose li sono
            eredità di vecchie concezioni, ormai ampiamente
            superate dal cloud ed interfacce di comunicazione
            più "neutre", e quindi universali, che
            garantiscono una maggiore flessibilità nel riuso
            dei
            dati.Posso essere d'accordo anche qui.Ma la migrazione da infrastruttura a cloud non è una cosa da poco.E con questi chiari di luna molti confondono il gratis di un programma con il gratis della soluzione intera.Poi, sulla questione cloud c'è parecchio da discutere, a mio modo di vedere trovo folle che una PA affidi anche la sola anagrafica residenziale a un servizio esterno.
            Complessivamente questo discorso OO/LO/MO fra
            qualche hanno potrebbe essere totalmente privo di
            senso, relegando alla "suite" una funzione molto
            più prossima ad una GUI che ad uno strumento di
            elaborazione.
            E c'è poco da fare su questo (per fortuna).
            Ricorda sempre che nella PA vengono trattati dati ultrasensibili.Un documento statistico sulla popolazione ha molta più importanza, privacy parlando, di un documento statistico di costificazione sulla distinta base.


            Meno male che nelle PA si usano le
            soluzioni


            Microsoft per ottenere questi efficenti


            risultati, alrimenti saremmo davvero nei

            guai.


            :$




            Beh, fondamentalmente, lo status quo attuale
            dice

            questo.



            Ma benvenga chi ci fa vedere un modo diverso
            e

            migliore di fare le cose piuttosto che il
            solito

            nerd da 4 soldi che vende il migliorare le
            cose

            (che ogni santa volta non

            succede).

            Non hai colto l'ironia. Per essere più chiaro:
            Microsoft fa ottimi prodotti, ma quando a
            venderli in soluzioni custom sono dei cialtroni,
            non c'è qualità che
            tenga.
            Se stiamo parlando di soluzioni di automation
            customizzate sulle esigenze del committente puoi
            usare quello che ti pare, la garanzia del
            risultato è data dall'affidabilità di chi ha
            realizzato il lavoro. Non è questione di
            "marchi".
            Guarda, sarà anche un concetto vetusto ma il sottoscritto per certi mestieri preferisce utilizzare e sapere che vengano utilizzati prodotti quantomeno stabili e con qualcuno dietro che ci mette come minimo la faccia.I dati nelle PA non sono uno scherzo, riguardano tutti noi, e sapere che girano in sistemi con soluzioni scopiazzate alla bella e meglio da 4 cantinari, mah, mi lascia molto perplesso.A questo punto che i 4 cantinari mettano fuori il fondoschiena, si diano un nome e si propongano nel mercato come dio comanda.C'è stata qualche azienda che ha provato una via di mezzo, ovvero prendere il prodotto open, mettergli un marchio sopra e rivenderlo, ma abbiamo visto come è finito (vedasi Oracle e Sun).Per quale motivo?Perchè star office prima e OOO dopo non funzionavano?O semplicemente perchè la gente non si fida per i suddetti concetti?Io vedo molto la seconda.
          • panda rossa scrive:
            Re: interoperabilità
            - Scritto da: VITRIOL
            - Scritto da: maxsix


            Lo sai che da noi le PA e le aziende vogliono

            risultati certi, in tempi accettabili e in
            molti

            casi garantiti, garantibili e

            certificati?

            E quindi? Solo le soluzioni MS dovrebbero poter
            essere garantite e certificabili?Lascia perdere.Stai discutendo con un povero troll winaro che passa le sue inutili giornate su questo forum decantando le supposte (termine non usato a caso) virtu' del sistema operativo a piastrelle, del colapasta per il web e oggi anche della macchina da scrivere da 1000 euro, nell'illusione che un giorno M$ si accorga di lui e gli lanci qualche nocciolina.
          • maxsix scrive:
            Re: interoperabilità
            - Scritto da: panda rossa
            troll winaro Mai peggior offesa mi fu detta.
        • collione scrive:
          Re: interoperabilità
          e soprattutto conditi da un bel pò di tangenti :D
      • colpito scrive:
        Re: interoperabilità


        A volte questi software che richiedono
        obbligatoriamente MS Office per funzionare lo
        utilizzano per cose estremamente banali, ad
        esempio lanciano Word per visualizzare e stampare
        un rapporto, e amenità simili senza quasi nessuna
        elaborazione da parte degli strumenti della
        suite. Questo è abbastanza
        inaccettabile.
        Ma anche se davvero fosse sviluppato sulle API di
        MS Office IMHO sarebbe una visione abbastanza
        miope. Ripeto, è l'utente (pagante) che deve
        farsi sentire e non accettare
        tutto.

        Saluti
        VITRIOLSi Vitriol, ma tu devi anche andare a vedere dov'era OO o LO 15 anni fa e che livello di diffusione hanno oggi.
        • panda rossa scrive:
          Re: interoperabilità
          - Scritto da: colpito



          A volte questi software che richiedono

          obbligatoriamente MS Office per funzionare lo

          utilizzano per cose estremamente banali, ad

          esempio lanciano Word per visualizzare e
          stampare

          un rapporto, e amenità simili senza quasi
          nessuna

          elaborazione da parte degli strumenti della

          suite. Questo è abbastanza

          inaccettabile.

          Ma anche se davvero fosse sviluppato sulle
          API
          di

          MS Office IMHO sarebbe una visione abbastanza

          miope. Ripeto, è l'utente (pagante) che deve

          farsi sentire e non accettare

          tutto.



          Saluti

          VITRIOL

          Si Vitriol, ma tu devi anche andare a vedere
          dov'era OO o LO 15 anni fa e che livello di
          diffusione hanno
          oggi.Credo che lui lo sappia benissimo, a differenza tua che non sai chi e' lui.
          • colpito scrive:
            Re: interoperabilità


            Credo che lui lo sappia benissimo, a differenza
            tua che non sai chi e'
            lui.Lo so chi è lui ed ho anche grande stima (non posso dire lo stesso su di te purtroppo). Stiamo solo discutendo, gli ho forse mancato di rispetto?Ribadisco il concetto: quando sono nati i primi gestionali su piattaforma windows, dov'era OO? ma anche linux se vogliamo aggiungerlo... c'era qualcosa di usabile al tempo di windows 95?I programmatori hanno usato quello che c'era all'epoca e quello che gli dava maggiori garanzie di continuità. Se adesso i tempi sono cambiati allora si seguiranno altre strade, ma non credo che sia così semplice se non si trova un linguaggio condiviso.
          • panda rossa scrive:
            Re: interoperabilità
            - Scritto da: colpito



            Credo che lui lo sappia benissimo, a
            differenza

            tua che non sai chi e'

            lui.

            Lo so chi è lui ed ho anche grande stima (non
            posso dire lo stesso su di te purtroppo). Tranquillo che il sentimento e' assolutamente reciproco.
            Stiamo
            solo discutendo, gli ho forse mancato di
            rispetto?No, ma hai messo in dubbio che lui sapesse che cos'era OOO 10 anni fa.
            Ribadisco il concetto: quando sono nati i primi
            gestionali su piattaforma windows, dov'era OO? I primi gestionali su piattaforma windows erano programmini desktop locali scritti in vb.In azienda c'era as400, mica office.
            ma
            anche linux se vogliamo aggiungerlo... Linux che c'entra? Linux e' un progetto per avere un sistema posix libero.
            c'era
            qualcosa di usabile al tempo di windows
            95?Io usavo xenix ai tempi di win95 e avevo cominciato ad installare una suse da un cliente per poter gestire una raccolta ordini da remoto.Nel 1995 unix (e similari) erano l'unica soluzione per gestire una batteria di modem, visto che windows gestiva solo 2 porte seriali (e su una ci andava il mouse).
            I programmatori hanno usato quello che c'era
            all'epoca e quello che gli dava maggiori garanzie
            di continuità. Esatto. Nel mio caso linux.
            Se adesso i tempi sono cambiati
            allora si seguiranno altre strade, ma non credo
            che sia così semplice se non si trova un
            linguaggio
            condiviso.Il linguaggio condiviso e' il C/C++ o java
          • colpito scrive:
            Re: interoperabilità


            No, ma hai messo in dubbio che lui sapesse che
            cos'era OOO 10 anni
            fa.
            Dove era, non cosa era. E 15 anni, non 10. In ogni caso, era una domanda retorica, so bene che lui conosce la risposta, la mia domanda era una intenzione a fargli ricordare che possibilità avevano gli sviluppatori di 15 anni fa.

            I primi gestionali su piattaforma windows erano
            programmini desktop locali scritti in
            vb.
            In azienda c'era as400, mica office.
            as/400 c'era e c'è anche adesso ma i client non erano mica i terminali di una volta. Non ti sei mai smazzato vero decine di PC per installare il client di as vero? ma anche altri emulatori telnet, magari per altri sistemi. In ogni caso, il passaggio appena dopo è stato quello, con client che potevano generare export su formati office. Dimmi tu in cosa doveva investire una software house 15-20 anni, in star office?

            ma

            anche linux se vogliamo aggiungerlo...
            Linux che c'entra? Linux e' un progetto per avere
            un sistema posix
            libero.
            Certo, era per far capire che certe cose si sviluppano e crescono per mancanze di alternative valide, appena Windows arriva al 90 e passa per cento de mercato client, non si può dire 10 anni dopo "ma c'è Fedora" (tanto per dirne una), tu devi contestualizzare con quel momento storico.

            c'era

            qualcosa di usabile al tempo di windows

            95?

            Io usavo xenix ai tempi di win95 e avevo
            cominciato ad installare una suse da un cliente
            per poter gestire una raccolta ordini da
            remoto.
            Nel 1995 unix (e similari) erano l'unica
            soluzione per gestire una batteria di modem,
            visto che windows gestiva solo 2 porte seriali (e
            su una ci andava il
            mouse).
            Ma certo, sistemi server però. Anche io lavoravo su diversi server unix, ma i client non lo sono mai stati praticamente. E quando sul client hai windows in automatico usi office, non certo latex.

            I programmatori hanno usato quello che c'era

            all'epoca e quello che gli dava maggiori
            garanzie

            di continuità.

            Esatto. Nel mio caso linux.
            Appunto. Nel tuo caso. Purtroppo non è il caso di tutti.

            Il linguaggio condiviso e' il C/C++ o javasi si, intendevo nel passaggio dati comunque.
          • panda rossa scrive:
            Re: interoperabilità
            - Scritto da: colpito

            as/400 c'era e c'è anche adesso ma i client non
            erano mica i terminali di una volta. Non ti sei
            mai smazzato vero decine di PC per installare il
            client di as vero? ma anche altri emulatori
            telnet, magari per altri sistemi.Certo che l'ho fatto!Il dd esisteva gia', ben prima degli stumenti di ghost.Il tempo che il dd clonava un disco, io smontavo e rimontavo un altro disco.
            In ogni caso, il passaggio appena dopo è stato
            quello, con client che potevano generare export
            su formati office. Dimmi tu in cosa doveva
            investire una software house 15-20 anni, in star
            office?Potevano fare un export in ascii e poi il client importa l'ascii.Ho sempre praticato soluzioni del genere io.Non mi sono mai sognato di fare un passaggio di dati in formato nativo.Sempre l'ascii come formato intermedio, in modo da poter con estrema facilita' intervenire sul flusso dei dati senza toccare il resto.


            anche linux se vogliamo aggiungerlo...

            Linux che c'entra? Linux e' un progetto per
            avere

            un sistema posix

            libero.



            Certo, era per far capire che certe cose si
            sviluppano e crescono per mancanze di alternative
            valide, appena Windows arriva al 90 e passa per
            cento de mercato client, non si può dire 10 anni
            dopo "ma c'è Fedora" (tanto per dirne una), tu
            devi contestualizzare con quel momento
            storico.Sono io che chiedo a te dov'eri!Le alternative c'erano.Solo che se il cliente tra una soluzione efficiente e una col desktop a colori preferisce la seconda...


            c'era


            qualcosa di usabile al tempo di windows


            95?



            Io usavo xenix ai tempi di win95 e avevo

            cominciato ad installare una suse da un
            cliente

            per poter gestire una raccolta ordini da

            remoto.

            Nel 1995 unix (e similari) erano l'unica

            soluzione per gestire una batteria di modem,

            visto che windows gestiva solo 2 porte
            seriali
            (e

            su una ci andava il

            mouse).



            Ma certo, sistemi server però. Stiamo parlando di aziende o di videogames?Certo che sono sistemi server!
            Anche io lavoravo
            su diversi server unix, ma i client non lo sono
            mai stati praticamente. E quando sul client hai
            windows in automatico usi office, non certo
            latex.No, non e' automatico.Tanto che negli studi di architettura usano autocad e non ms paint.


            I programmatori hanno usato quello che
            c'era


            all'epoca e quello che gli dava maggiori

            garanzie


            di continuità.



            Esatto. Nel mio caso linux.



            Appunto. Nel tuo caso. Purtroppo non è il caso di
            tutti.Il mio caso e' sufficiente per dire che si poteva.
          • colpito scrive:
            Re: interoperabilità


            Certo che l'ho fatto!
            Il dd esisteva gia', ben prima degli stumenti di
            ghost.
            Il tempo che il dd clonava un disco, io smontavo
            e rimontavo un altro
            disco.
            Veramente parlavo solo del software client, non di tutto il disco.

            Potevano fare un export in ascii e poi il client
            importa
            l'ascii.
            Ho sempre praticato soluzioni del genere io.
            Non mi sono mai sognato di fare un passaggio di
            dati in formato
            nativo.
            Sempre l'ascii come formato intermedio, in modo
            da poter con estrema facilita' intervenire sul
            flusso dei dati senza toccare il
            resto.Quello lo facevi se dovevi passare dati ad altri software per ulteriori elaborazioni, personalmente in azinede medio grandi ho sempre visto la creazione di file per excel o word, non direttamente da as o altri sistemi server, ma da client locali che poi generavo stampe unione o tabelle di excel ecc.

            Sono io che chiedo a te dov'eri!
            Le alternative c'erano.
            Solo che se il cliente tra una soluzione
            efficiente e una col desktop a colori preferisce
            la
            seconda...
            E per forza direi.

            No, non e' automatico.
            Tanto che negli studi di architettura usano
            autocad e non ms
            paint.
            E mi stai dando ragione: usano un software proprietario con formato proprietario perchè 15-20 anni fa si è imposto quello. Adesso è pieno di concorrenti ma è difficile uscire dal formato dwg. Per office è successa la stessa cosa.



            Appunto. Nel tuo caso. Purtroppo non è il
            caso
            di

            tutti.

            Il mio caso e' sufficiente per dire che si poteva.Si, ed il caso del restante 98% del mondo che era preferibile fare altro.
          • giulio scrive:
            Re: interoperabilità
            tutte XXXXXXXte, quando ero militare agli alti comandi hanno migrato da soluzioni unix e vecchi software di scrittura a windows 95 in un paio di mesi.. le reti saltavano un giorno si e l'altro pure, ma si è andati avanti senza problemi e non perché la roba microsoft fosse chissà che, ma perché di tutto negli uffici si sono occupati militari di truppa scelti con laurea e q.i. sufficiente. Se avessero dovuto farlo gli impiegati dell'esercito o quelli della p.a. saremmo ancora coi piccioni viaggiatori: basta non assumere più capre analfabete e finiranno i problemi, e questo vale pure a Friburgo
  • Curioso scrive:
    Strano
    Quando hanno iniziato la migrazione OO era un progetto Sun, poi è diventato Oracle e ora è forkato in due distinti progetti: uno di Apache e l'altro di ignoti.Veramente strano che abbiano avuto timore per il futuro.
    • ipipurra scrive:
      Re: Strano
      Ignoti? The Document Foundation?
      • Italo Vignoli scrive:
        Re: Strano
        The Document Foundation è sponsorizzata da RedHat, SUSE, Google e Intel, per cui mi sembra che il concetto di "ignoti" sia piuttosto scorretto.
        • Gianluca70 scrive:
          Re: Strano
          - Scritto da: Italo Vignoli
          The Document Foundation è sponsorizzata da
          RedHat, SUSE, Google e Intel, per cui mi sembra
          che il concetto di "ignoti" sia piuttosto
          scorretto.Sponsorizzata vuol dire anche gestita con fondi e supporto?Fino a quando c'era SUN probabilmente si fidavano di trovare un unico interlocutore serio, solido ed affidabile.Poi sappiamo come (SUN+StarOffice) è andata a finire...
  • MacGeek scrive:
    Sbagliato tenere tutti e due
    La compatibilità tra applicativi diversi è un'utopia. Anche uno 'standard' per i formati Office, di conseguenza è una mezza farsa. Formati di interscambio vanno bene, ma avere il 100% delle funzionalità su software diversi significa che questi software sono UGUALI. Quindi?Se volevano passare ad OpenOffice, dovevano usare solo quello e fare una migrazione da M$ Office (sicuramente non semplice, certo, ma necessaria). Ovvio che mischiando l'utilizzo dei 2 software hanno avuto problemi.
    • pentolino scrive:
      Re: Sbagliato tenere tutti e due
      Assolutamente vero, internamente avrebbero dovuto usare solo OO ed avrebbero dovuto implementare un filtro centralizzato per le conversioni con l'esterno, uno di cui gli utenti non si sarebbero dovuti preoccupare.Solo cosi' puo' funzionare...Ma in generale questo fatto dovrebbe fare riflettere sui costi nascosti del "vendor lock in". Scegliendo formati proprietari ti ritrovi loro schiavo per sempre, ed e' anche grazie a questo che aziende come MS fann i miliardi (un altro modo e' l'elusione fiscale con il famoso giochetto Olanda-Irlanda). E questi costi sono ben maggiori di quelli di licenza, ma nessuno li considera...
      • maxsix scrive:
        Re: Sbagliato tenere tutti e due
        - Scritto da: pentolino
        Assolutamente vero, internamente avrebbero dovuto
        usare solo OO ed avrebbero dovuto implementare un
        filtro centralizzato per le conversioni con
        l'esterno, uno di cui gli utenti non si sarebbero
        dovuti
        preoccupare.
        Solo cosi' puo' funzionare...

        Ma in generale questo fatto dovrebbe fare
        riflettere sui costi nascosti del "vendor lock
        in". Scegliendo formati proprietari ti ritrovi
        loro schiavo per sempre, ed e' anche grazie a
        questo che aziende come MS fann i miliardi (un
        altro modo e' l'elusione fiscale con il famoso
        giochetto Olanda-Irlanda). E questi costi sono
        ben maggiori di quelli di licenza, ma nessuno li
        considera...Per quello che riguarda i formati si.Ma vi dimenticate tutta la questione delle soluzioni back office (macro, interfacciamenti vari a questo o a quell'altro database e via discorrendo).E li OO, Libre o quello che volete crollano davanti a M$ Office e dimostrano quello che sono.Castelli di carta.
        • FDG scrive:
          Re: Sbagliato tenere tutti e due
          - Scritto da: maxsix
          Per quello che riguarda i formati si.
          Ma vi dimenticate tutta la questione delle
          soluzioni back office (macro, interfacciamenti
          vari a questo o a quell'altro database e via
          discorrendo).Il problema delle macro è relativo. Intanto perché ad usarle sono in pochi. Poi perché queste sono "software", quindi soggetto a periodica revisione, che può essere riscritto usando altri strumenti.p.s.: per esempio, dove lavoro io tutte le soluzioni di questo tipo sono state praticamente eliminate.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 novembre 2012 13.13-----------------------------------------------------------
          • shevathas scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due

            p.s.: per esempio, dove lavoro io tutte le
            soluzioni di questo tipo sono state praticamente
            eliminate.eliminate o sostituite con qualcos'altro ?
          • FDG scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: shevathas
            eliminate o sostituite con qualcos'altro ?Si, intendevo sostituite da altro. L'orientamento è di fornire strumenti web. Al momento l'unico applicativo di cui ne rimarrà un uso residuo in casi specifici è Excell.
          • maxsix scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: maxsix


            Per quello che riguarda i formati si.

            Ma vi dimenticate tutta la questione delle

            soluzioni back office (macro,
            interfacciamenti

            vari a questo o a quell'altro database e via

            discorrendo).

            Il problema delle macro è relativo. Intanto
            perché ad usarle sono in pochi. Poi perché queste
            sono "software", quindi soggetto a periodica
            revisione, che può essere riscritto usando altri
            strumenti.
            Cosa?Lascia stare quella bottiglia di cabernet a ste ore.Ho 10000 esempi di fogli di calcolo che fanno operazioni di back office con database sql e che hanno macro di gestione.10000
            p.s.: per esempio, dove lavoro io tutte le
            soluzioni di questo tipo sono state praticamente
            eliminate.Bene, sono contento per te. Ma siete e rimarrete mosche bianche.PS: anche se vorrei vedere in quel computer la, sai quello nell'angolo sotto le gambe della segretaria, quello sempre acceso e molti non sanno perché......
          • FDG scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: maxsix
            Ho 10000 esempi di fogli di calcolo che fanno
            operazioni di back office con database sql e che
            hanno macro di gestione.

            10000Le macro le potresti fare con OpenOffice. Il problema è che tu sei abituato ad usare excell, conosci quello e neanche vuoi perder tempo ad imparare un altro strumento.Quello a cui mi riferisco io è il caso in cui una macro diventa qualcosa di più di una macro, cioè diventa un pezzo critico usato parecchio, e si pensa di sostituirla con altro software. Da noi è capitato. E il risultato è decisamente migliore.
            Bene, sono contento per te. Ma siete e rimarrete
            mosche bianche.Lavoro per un'azienda piuttosto grande. Non penso che le valutazioni fatte in questo contesto non siano trasferibili altrove.
            PS: anche se vorrei vedere in quel computer la,
            sai quello nell'angolo sotto le gambe della
            segretaria, quello sempre acceso e molti non
            sanno perché......Per scrivere qualche lettera? Ci arrivi pure tu.
          • maxsix scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: maxsix


            Ho 10000 esempi di fogli di calcolo che fanno

            operazioni di back office con database sql e
            che

            hanno macro di gestione.



            10000

            Le macro le potresti fare con OpenOffice. Il
            problema è che tu sei abituato ad usare excell,
            conosci quello e neanche vuoi perder tempo ad
            imparare un altro
            strumento.
            Wut?Intendiamoci io mi riferisco alle macro come inizio del discorso per arrivare a cose più complesse.
            Quello a cui mi riferisco io è il caso in cui una
            macro diventa qualcosa di più di una macro, cioè
            diventa un pezzo critico usato parecchio, e si
            pensa di sostituirla con altro software. Da noi è
            capitato. E il risultato è decisamente
            migliore.
            E chi ti dice gobbo. Lo so anch'io, ma la questione è quanto costa, ne vale la pena, ho chi mi fa il lavoro e sopratutto funziona?Ho avuto delle gran brutte esperienze con l'interfacciamento verso dbsql, credimi.

            Bene, sono contento per te. Ma siete e
            rimarrete

            mosche bianche.

            Lavoro per un'azienda piuttosto grande. Non penso
            che le valutazioni fatte in questo contesto non
            siano trasferibili
            altrove.
            In una PA sicuramente no.Le PA hanno esigenze / XXXXXX diversi.

            PS: anche se vorrei vedere in quel computer
            la,

            sai quello nell'angolo sotto le gambe della

            segretaria, quello sempre acceso e molti non

            sanno perché......

            Per scrivere qualche lettera? Ci arrivi pure tu.Non solo, non solo.
          • crumiro scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            Guarda guarda chi parla bene delle macro...Excel + macro = soluzione sbagliata ==
            accrocchio.Non "ogni tanto". SEMPRE.
          • maxsix scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: crumiro
            Guarda guarda chi parla bene delle macro...

            Excel + macro = soluzione sbagliata ==

            accrocchio.

            Non "ogni tanto".
            SEMPRE.Beh adesso non esagerare pure te.Non possiamo pretendere che la produttività personale si tramuti sempre in wannabe sistemista.Excel + macro + frazzi e mazzi è e lo è sempre stato nella terra di nessuno.In quella fetta che sta tra l'utente e il sistemista.Molte volte va bene e molte altre no.Fatto sta che OOO e Libre in quello spazio specifico fanno pena.Ma molto anche.
          • Dodge scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: crumiro
            Guarda guarda chi parla bene delle macro...

            Excel + macro = soluzione sbagliata ==

            accrocchio.

            Non "ogni tanto".
            SEMPRE.In un mondo di utopie.Nella realtà Access, Excel e macro varie salvano la vita più di una volta.Nel mio piccolo, abbiamo dovuto sostituire un software con uno nuovo fiammante da 200mila euro. Progetto che sarebbe dovuto durare un mesetto.Bene, dopo 2 anni il progetto non si è concluso.Sai come siamo andati avanti? Con le macro di access ed excel scritte dagli utenti.Senza quelle macro, i costi aziendali dovuti al fare tutto senza Office sarebbe costato qualche milione di euro (l'anno).Questo alla faccia delle bellissime interfacce web, dei costosissimi software che all'atto pratico offrono una flessibilità nulla, tempi e costi di implementazione elevati e garanzie di sucXXXXX ignote.
          • FDG scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: Dodge
            Nel mio piccolo, abbiamo dovuto sostituire un
            software con uno nuovo fiammante da 200mila euro.
            Progetto che sarebbe dovuto durare un
            mesetto.
            Bene, dopo 2 anni il progetto non si è concluso.
            Sai come siamo andati avanti? Con le macro di
            access ed excel scritte dagli
            utenti.
            Senza quelle macro, i costi aziendali dovuti al
            fare tutto senza Office sarebbe costato qualche
            milione di euro (l'anno).Capisco perfettamente il problema...
            Questo alla faccia delle bellissime interfacce
            web, dei costosissimi software che all'atto
            pratico offrono una flessibilità nulla, tempi e
            costi di implementazione elevati e garanzie di
            sucXXXXX ignote....ma non è sempre così.
          • crumiro scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            Poi un dipendente cambia lavoro, e l'azienda si suicida.La soluzione giusta? Fare causa a quelli che si sono cuccati i 200.000 (chissà perché penso a SAP... mah...) e citarli per danni.
          • crumiro scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            PS: ho capito cosa vuoi dire ma no, excel è il male. Sempre. Ma te ne accorgerai quando è troppo tardi ;).
          • Dodge scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: crumiro
            Poi un dipendente cambia lavoro, e l'azienda si
            suicida.

            La soluzione giusta? Fare causa a quelli che si
            sono cuccati i 200.000 (chissà perché penso a
            SAP... mah...) e citarli per
            danni.No, l'azienda ha mollato sap alcuni anni fa... e i 200mila euro non sono stati pagati fino a progetto concluso (giustamente).Purtroppo o per fortuna nessuna causa, i capi non volevano correre rischi, anche se la ragione era tutta nostra.
          • crumiro scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            Ma su "SAP" ho indovinato, vero?
          • Dodge scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due


            Il problema delle macro è relativo. Intanto

            perché ad usarle sono in pochi. Poi perché
            queste

            sono "software", quindi soggetto a periodica

            revisione, che può essere riscritto usando
            altri

            strumenti.


            Cosa?
            Lascia stare quella bottiglia di cabernet a ste
            ore.
            Ho 10000 esempi di fogli di calcolo che fanno
            operazioni di back office con database sql e che
            hanno macro di
            gestione.

            10000


            p.s.: per esempio, dove lavoro io tutte le

            soluzioni di questo tipo sono state
            praticamente

            eliminate.

            Bene, sono contento per te. Ma siete e rimarrete
            mosche
            bianche.Quoto ogni parola.
      • nome e cognome scrive:
        Re: Sbagliato tenere tutti e due

        Ma in generale questo fatto dovrebbe fare
        riflettere sui costi nascosti del "vendor lock
        in". Scegliendo formati proprietari ti ritrovi
        loro schiavo per sempre, ed e' anche grazie a
        questo che aziende come MS fann i miliardi (un
        altro modo e' l'elusione fiscale con il famoso
        giochetto Olanda-Irlanda). E questi costi sono
        ben maggiori di quelli di licenza, ma nessuno li
        considera...Ma questa gigantesca XXXXXXX dei formati proprietari continuate a tirarla fuori? I formati di office sono completamente disponibili dal 2006 mentre quelli di OOXML sono standard pubblicato.
        • MacGeek scrive:
          Re: Sbagliato tenere tutti e due
          - Scritto da: nome e cognome

          Ma in generale questo fatto dovrebbe fare

          riflettere sui costi nascosti del "vendor
          lock

          in". Scegliendo formati proprietari ti
          ritrovi

          loro schiavo per sempre, ed e' anche grazie a

          questo che aziende come MS fann i miliardi
          (un

          altro modo e' l'elusione fiscale con il
          famoso

          giochetto Olanda-Irlanda). E questi costi
          sono

          ben maggiori di quelli di licenza, ma
          nessuno
          li

          considera...

          Ma questa gigantesca XXXXXXX dei formati
          proprietari continuate a tirarla fuori? I formati
          di office sono completamente disponibili dal 2006
          mentre quelli di OOXML sono standard
          pubblicato.Lo standard OOXML è una XXXXXTA che è stata possibile grazie ad una corruzione di dimensioni planetarie probabilmente senza precedenti.È così XXXXXta che definisce delle funzionalità dicendo cose del tipo "va implementata come funziona su Word '95", o mette dei formati a sua volta proprietari all'interno dei formati OOXML non definiti da standard (come i WMF). Tra l'altro neanche M$ l'implementa correttamente nei suoi prodotti. Il formato attuale non rispetta i suoi stessi standard.L'unico motivo dell'esistenza dell'OOXML è che alcuni enti/nazioni pretendevano formati "standard" sui software acquistati. E M$ gli l'ha dati, il fatto che non funzionino/siano implementabili da altri neanche è stato considerato. Nessuno prima si era mai sognato di mettere in dubbio l'autorevolezza di enti come l'ISO. E M$ ha giocato su questo.
          • nome e cognome scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due

            Lo standard OOXML è una XXXXXTA che è stata
            possibile grazie ad una corruzione di dimensioni
            planetarie probabilmente senza
            precedenti.ROTFL, incredibile dove vi attaccate. Resta il fatto che lo standard è completamente aperto... così come il doc che è pubblico e disponibile da 6 anni. Dove sarebbe il vendor lock-in?
            funzionalità dicendo cose del tipo "va
            implementata come funziona su Word '95", o metteI documenti ISO sono pubblici, dove sarebbe il link a questa affermazione?
            i WMF). Tra l'altro neanche M$ l'implementa
            correttamente nei suoi prodotti. Il formato
            attuale non rispetta i suoi stessi
            standard.Eh si... chiaro. Anche qui hai letto per intero i documenti e l'hai verificato.
            L'unico motivo dell'esistenza dell'OOXML è che
            alcuni enti/nazioni pretendevano formati
            "standard" sui software acquistati. E M$ gli l'ha
            dati, il fatto che non funzionino/siano
            implementabili da altri neanche è stato
            considerato. Nessuno prima si era mai sognato di
            mettere in dubbio l'autorevolezza di enti come
            l'ISO. E M$ ha giocato su
            questo.Si certo, l'invidia è una bruttissima bestia. Dai che iWorks probabilmente riesce anche ad aprirli... poi crasha.
          • MacGeek scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: nome e cognome

            Lo standard OOXML è una XXXXXTA che è stata

            possibile grazie ad una corruzione di
            dimensioni

            planetarie probabilmente senza

            precedenti.

            ROTFL, incredibile dove vi attaccate. Resta il
            fatto che lo standard è completamente aperto...
            così come il doc che è pubblico e disponibile da
            6 anni. Dove sarebbe il vendor lock-in?Non c'è niente di aperto in quella roba. Infatti NESSUNO l'ha implementata neanche M$!!Pensi che non l'avrebbe fatto nessuno se fosse stato possibile?

            funzionalità dicendo cose del tipo "va

            implementata come funziona su Word '95", o
            mette

            I documenti ISO sono pubblici, dove sarebbe il
            link a questa affermazione?Cercali, ci sono.



            i WMF). Tra l'altro neanche M$ l'implementa

            correttamente nei suoi prodotti. Il formato

            attuale non rispetta i suoi stessi

            standard.

            Eh si... chiaro. Anche qui hai letto per intero i
            documenti e l'hai
            verificato.Ho letto abbastanza. E quelle XXXXXte c'erano eccome.

            L'unico motivo dell'esistenza dell'OOXML è
            che

            alcuni enti/nazioni pretendevano formati

            "standard" sui software acquistati. E M$ gli
            l'ha

            dati, il fatto che non funzionino/siano

            implementabili da altri neanche è stato

            considerato. Nessuno prima si era mai
            sognato
            di

            mettere in dubbio l'autorevolezza di enti
            come

            l'ISO. E M$ ha giocato su

            questo.

            Si certo, l'invidia è una bruttissima bestia. Dai
            che iWorks probabilmente riesce anche ad
            aprirli... poi crasha.L'unica cosa che crasha SEMPRE è Word. Il peggior software di sempre. Ah no scusa... dopo Windoze!!!
        • FDG scrive:
          Re: Sbagliato tenere tutti e due
          - Scritto da: nome e cognome
          Ma questa gigantesca XXXXXXX dei formati
          proprietari continuate a tirarla fuori? I formati
          di office sono completamente disponibili dal 2006
          mentre quelli di OOXML sono standard
          pubblicato.Si, il famoso standard dove si trova spesso scritto "funziona come ms office" :D
        • Giuda scrive:
          Re: Sbagliato tenere tutti e due
          i commissari che lo hanno accettato come standard ancora stanno contando i soldi, immagina quanti ne hanno ricevuti dato che hanno deciso perfino con il veto di paesi che chiamano questo standard "la grande mazzetta"
    • FDG scrive:
      Re: Sbagliato tenere tutti e due
      - Scritto da: MacGeek
      Ovvio che mischiando l'utilizzo dei 2 software
      hanno avuto problemi.Appunto. E non c'entrano OpenOffice e MS Office. Poteva essere una transizione al contrario. Poteva trattarsi di altri due software. Ma che razza di transizione è una transizione che prevede che i due software rimangano entrambi? :D
      • Dodge scrive:
        Re: Sbagliato tenere tutti e due
        - Scritto da: FDG
        - Scritto da: MacGeek


        Ovvio che mischiando l'utilizzo dei 2
        software

        hanno avuto problemi.

        Appunto. E non c'entrano OpenOffice e MS Office.
        Poteva essere una transizione al contrario.
        Poteva trattarsi di altri due software. Ma che
        razza di transizione è una transizione che
        prevede che i due software rimangano entrambi?
        :DTu puoi cambiare, il resto del mondo no.Quando un cliente ti manda un documento che tu hai la necessità immediata di aprire e modificare, non puoi pensare di usare OpenOffice.Torna nel mondo reale.
        • FDG scrive:
          Re: Sbagliato tenere tutti e due
          - Scritto da: Dodge
          Tu puoi cambiare, il resto del mondo no.
          Quando un cliente ti manda un documento che tu
          hai la necessità immediata di aprire e
          modificare, non puoi pensare di usare
          OpenOffice.
          Torna nel mondo reale.Si, qualche volta capita. Qualche volta.
          • Dodge scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: Dodge


            Tu puoi cambiare, il resto del mondo no.

            Quando un cliente ti manda un documento che
            tu

            hai la necessità immediata di aprire e

            modificare, non puoi pensare di usare

            OpenOffice.

            Torna nel mondo reale.

            Si, qualche volta capita. Qualche volta.Per chiarire... sono un utente Mac da anni, quindi nessun fervore pro-microsoft, solo realismo.
          • FDG scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: Dodge
            Per chiarire... sono un utente Mac da anni,
            quindi nessun fervore pro-microsoft, solo
            realismo.Non è che voglia dire che MS Office si possa sostituire sempre e comunque con altro. Solo che se il problema è aprire e modificare una volta ogni tanto un documento di MS Office che non può essere trattato altrimenti, piuttosto che tenere il software in ogni postazione, ne tieni solo una installazione, con relativo risparmio di licenze. Se invece ne ricevi in continuazione, allora il discorso è diverso.
    • crumiro scrive:
      Re: Sbagliato tenere tutti e due
      Bravo. Hai centrato imho uno dei punti.Se si cambia SI cambia... ma Microsoft è forte.
      • crumiro scrive:
        Re: Sbagliato tenere tutti e due
        PS: un po' come quelli che dicono "passo a linux" e poi tornano a Windows perché - che ne so - non gli riconosce la webcam da 12 , o perché non trovano il software crackato per fare $arca$$o cosa....Se si cambia si cambia: via il dual boot, via Windows. Francamente se si procede così e si cercano SOLUZIONI difficilmente si torna indietro.
        • crumiro scrive:
          Re: Sbagliato tenere tutti e due
          Ad ogni modo il quesito da porsi è:- se monaco ce l'ha fatta perché altre città no?La risposta potrebbe essere che ci vuole la VOLONTA' di fare le cose.
          • nome e cognome scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: crumiro
            Ad ogni modo il quesito da porsi è:
            - se monaco ce l'ha fatta perché altre città no?

            La risposta potrebbe essere che ci vuole la
            VOLONTA' di fare le
            cose.Il quesito da porsi è quanto manca alle elezioni nel comune di Monaco. Questo ti dirà quanto tempo manca alla prossima debacle.
        • FDG scrive:
          Re: Sbagliato tenere tutti e due
          - Scritto da: MacGeek
          Puoi benissimo tenerti un software specifico su
          macchina virtuale, se lo usi ogni tanto.Tu pensa, sono stato costretto ad usare excell in remote desktop per un anno finché non si sono decisi a sostituire l'accrocchio basato su excell con qualcosa di più serio.
          • crumiro scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            Excel è il male: programmatroti, segretarie smanettone e <gente informaticamente poco seria
            hanno usato excel in sostituzione a programmi + database.Ed ecco il risultato... io, se posso, excel lo elimino. (ma anche calc, se non per utilizzi "corretti")
          • FDG scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: crumiro
            Excel è il male: programmatroti, segretarie
            smanettone e <gente informaticamente poco
            seria
            hanno usato excel in sostituzione a
            programmi + database.E' il male quando lo si usa a sproposito. Però non ti metti a fare sviluppo software quando stai cercando di risolvere un problema al volo. Risolvi il problema con quello che hai e quello che conosci. Dove nasce il problema? Quando l'accrocchio poi assume una certa rilevanza.
            Ed ecco il risultato... io, se posso, excel lo
            elimino. (ma anche calc, se non per utilizzi
            "corretti")Appunto.
          • MacGeek scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: crumiro


            Excel è il male: programmatroti, segretarie

            smanettone e <gente informaticamente poco

            seria
            hanno usato excel in sostituzione
            a

            programmi + database.

            E' il male quando lo si usa a sproposito. Però
            non ti metti a fare sviluppo software quando stai
            cercando di risolvere un problema al volo.È vero che Excel è spesso e volentieri usato a sproposito quando quello che servirebbe è in realtà un DATABASE.
          • FDG scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: MacGeek
            È vero che Excel è spesso e volentieri usato
            a sproposito quando quello che servirebbe è in
            realtà un DATABASE.Gli vuoi fare usare Access? ;)Secondo me servirebbe un ibrido.
          • MacGeek scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: MacGeek


            È vero che Excel è spesso e volentieri
            usato

            a sproposito quando quello che servirebbe è
            in

            realtà un DATABASE.

            Gli vuoi fare usare Access? ;)

            Secondo me servirebbe un ibrido.Il problema di questi Micro$oft-washed è che non conoscono FILEMAKER!FileMaker è fantastico per i database da ufficio-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 novembre 2012 17.06-----------------------------------------------------------
          • FDG scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: MacGeek
            FileMaker è fantastico per i database da ufficioFileMaker ha un'ottima interfaccia. Come DB non è il massimo, ma per la produttività personale è ottimo. L'importante è non usarlo oltre i suoi scopi.Comunque, un software che si avvicina a quel che penso io è questo:http://en.wikipedia.org/wiki/Quantrix
          • MacGeek scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: MacGeek


            FileMaker è fantastico per i database da
            ufficio

            FileMaker ha un'ottima interfaccia. Come DB non è
            il massimo, ma per la produttività personale è
            ottimo. L'importante è non usarlo oltre i suoi
            scopi.Non ha solo un'ottima interfaccia. È facile fare database, anche relativamente complessi.Gli automatismi (script) sono semplici e al più optional, mentre su Access senza script non vai da nessuna parte e non sono affatto immediati da fare. Quindi in pratica non lo usa nessun utente finale (si fanno fare i database da altri, al limite).
            Comunque, un software che si avvicina a quel che
            penso io è questo:

            http://en.wikipedia.org/wiki/QuantrixNon conosco. Esiste ancora? Comunque la roba nata su NeXT era spesso rivoluzionaria.Ok, ho visto che esiste un suo discendente, ora me lo guardo...
          • nome e cognome scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due

            Il problema di questi Micro$oft-washed è che non
            conoscono
            FILEMAKER!

            FileMaker è fantastico per i database da ufficio
            --------------------------------------------------
            Modificato dall' autore il 21 novembre 2012 17.06
            --------------------------------------------------ROTFL, filemaker ... perché non dargli in mano una scatola di lego, il risultato è lo stesso, ma costa meno.
          • FDG scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            - Scritto da: nome e cognome
            ROTFL, filemaker ... perché non dargli in mano
            una scatola di lego, il risultato è lo stesso, ma
            costa meno.Ha parlato l'esperto
          • crumiro scrive:
            Re: Sbagliato tenere tutti e due
            Quotone FDG.Bisogna capire quando è ora di fermarsi e di passare ad altro.Raramente le aziende (PMI e PA in primis) lo fanno.
    • dalek scrive:
      Re: Sbagliato tenere tutti e due
      selvare sempre in formato doc
  • FDG scrive:
    Certo...
    Tenere entrambi i software per cinque anni è da imb...Ma chi l'ha pensata questa finta transizione? :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 novembre 2012 10.02-----------------------------------------------------------
    • Fesion scrive:
      Re: Certo...
      E' quello che ho pensato anche io... che transizione è se tieni pure il vecchio software???
      • ninjaverde scrive:
        Re: Certo...
        - Scritto da: Fesion
        E' quello che ho pensato anche io... che
        transizione è se tieni pure il vecchio
        software???La mia amica del pesce rosso ha tenuto la vecchi boccia di vetro. Poi ha messo il pesce nell'acquario grande ma rettangolare. Ha visto che il pesce sbatteva sempre contro la parete tutte le volte che arrivava all'angolo retto dell'acquario. Dopo qualche giorno ha capito che non avrebbe imparato a nuotare nell'acquario rettangolare, e che alla lunga si sarebbe ammazzato... Meno male che ha conservato la boccia sferica... :$
        • panda rossa scrive:
          Re: Certo...
          - Scritto da: ninjaverde
          - Scritto da: Fesion

          E' quello che ho pensato anche io... che

          transizione è se tieni pure il vecchio

          software???

          La mia amica del pesce rosso ha tenuto la vecchi
          boccia di vetro. Poi ha messo il pesce
          nell'acquario grande ma rettangolare. Ha visto
          che il pesce sbatteva sempre contro la parete
          tutte le volte che arrivava all'angolo retto
          dell'acquario. Dopo qualche giorno ha capito che
          non avrebbe imparato a nuotare nell'acquario
          rettangolare, e che alla lunga si sarebbe
          ammazzato... Meno male che ha conservato la
          boccia sferica...
          :$Secondo te per quale motivo l'acquario di Cook ha gli spigoli stondati?
          • shevathas scrive:
            Re: Certo...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ninjaverde

            - Scritto da: Fesion


            E' quello che ho pensato anche io... che


            transizione è se tieni pure il vecchio


            software???



            La mia amica del pesce rosso ha tenuto la
            vecchi

            boccia di vetro. Poi ha messo il pesce

            nell'acquario grande ma rettangolare. Ha
            visto

            che il pesce sbatteva sempre contro la parete

            tutte le volte che arrivava all'angolo retto

            dell'acquario. Dopo qualche giorno ha capito
            che

            non avrebbe imparato a nuotare nell'acquario

            rettangolare, e che alla lunga si sarebbe

            ammazzato... Meno male che ha conservato la

            boccia sferica...

            :$

            Secondo te per quale motivo l'acquario di Cook ha
            gli spigoli
            stondati?per far nuotare i dipendenti apple meritevoli [yt]18Uv4GUzcQg[/yt]
  • Sisko scrive:
    E' il solito problema della "segretaria"
    Ossia di persone che non vogliono andare al di là delle funzionalità che hanno appreso e usato per anni.Per queste persone è troppo difficile, cercare di vedere la funzionalità oltre l'icona o oltre la posizione dell'icona.Ed è per questo che i progressi difficilmente vanno avanti.La stessa persona però mettetela davanti ad un iPhone o un altro dispositivo status-symbol o di moda, e accetterà qualsiasi differenza.... forse è proprio su questo che dovrebbero puntare gli sviluppatori di Open-Libre-Office... far diventare di moda le applicazioni, e resteranno stupiti da quanto facilmente la gente si abitua alle novità.
    • Dodge scrive:
      Re: E' il solito problema della "segretaria"

      Ossia di persone che non vogliono andare al di là
      delle funzionalità che hanno appreso e usato per
      anni.
      Per queste persone è troppo difficile, cercare di
      vedere la funzionalità oltre l'icona o oltre la
      posizione dell'icona.Detto da uno che non vuole imparare ad usare Office 2010 perché ha i ribbon...
      Ed è per questo che i progressi difficilmente
      vanno avanti.O perché OpenOffice ha veramente una bassa usabilità ed un'ancora più bassa compatibilità con Office?
      La stessa persona però mettetela davanti ad un
      iPhone o un altro dispositivo status-symbolL'iPhone è utilizzabile in modo semplice anche da un bambino che non sappia cosa sia uno status symbol...
      forse
      è proprio su questo che dovrebbero puntare gli
      sviluppatori di Open-Libre-Office...o forse hai capito troppo poco...
      • panda rossa scrive:
        Re: E' il solito problema della "segretaria"
        - Scritto da: Dodge
        L'iPhone è utilizzabile in modo semplice anche da
        un bambino che non sappia cosa sia uno status
        symbol...Nel momento in cui lo chiami per nome del marchio ne fai uno status symbol.Chiamalo smartphone e nessuno ti dice niente.
        • ninjaverde scrive:
          Re: E' il solito problema della "segretaria"
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: Dodge


          L'iPhone è utilizzabile in modo semplice
          anche
          da

          un bambino che non sappia cosa sia uno status

          symbol...

          Nel momento in cui lo chiami per nome del marchio
          ne fai uno status
          symbol.
          Chiamalo smartphone e nessuno ti dice niente.Se lo chiami: "cesto rotto" nessuno lo compra più. (rotfl)
  • Lucio Crusca scrive:
    OOo è morto
    OpenOffice non è più di Oracle, è della ASF. Ciò detto, si potrebbe anche arguire che non sia mai stato di Oracle, perché anche quando lo era di fatto Oracle non ha fatto nulla per migliorarlo, lo ha solo fatto morire per poi donarlo (scaricarlo?) alla ASF. Mi sembra normale che in questa situazione, frustrazione degli impiegati a parte, nessuna amministrazione pubblica o privata possa ragionevolmente scegliere OpenOffice.
  • panda rossa scrive:
    Qual e' l'importo della mazzetta?
    Manca un dato fondamentale nell'articolo.L'importo della mazzetta.
    • botto scrive:
      Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
      - Scritto da: panda rossa
      Manca un dato fondamentale nell'articolo.
      L'importo della mazzetta.+1
    • colpito scrive:
      Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
      - Scritto da: panda rossa
      Manca un dato fondamentale nell'articolo.
      L'importo della mazzetta.Te lo dico io: 240.500 euro al figlio cantinaro dell'assessore all'informatizzazione che aveva detto al papà che con openoffice avrebbe fatto lavorare lui e tutta la sua azienda.L'ho detto più volte e lo ripeto adesso: non è così che si passa all'open, i PC dell'azienda/ente non sono i PC di casa nostra.
      • waka_jawaka scrive:
        Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
        - Scritto da: colpito
        - Scritto da: panda rossa

        Manca un dato fondamentale nell'articolo.

        L'importo della mazzetta.

        Te lo dico io: 240.500 euro al figlio cantinaro
        dell'assessore all'informatizzazione che aveva
        detto al papà che con openoffice avrebbe fatto
        lavorare lui e tutta la sua
        azienda.

        L'ho detto più volte e lo ripeto adesso: non è
        così che si passa all'open, i PC
        dell'azienda/ente non sono i PC di casa
        nostra.Appunto, sono PC di tutti, della comunità. E i dati che trattano dovrebbero essere accessibili a chiunque ne abbia diritto, a prescindere dalla piattaforma software. Cosa che l'uso di formati proprietari di fatto impedisce.
        • maxsix scrive:
          Re: Qual e' l'importo della mazzetta?

          Appunto, sono PC di tutti, della comunità. Le aziende e gli enti pubblici non sono comunità.E' tanto difficile da comprendere?
        • colpito scrive:
          Re: Qual e' l'importo della mazzetta?

          Appunto, sono PC di tutti, della comunità. E i
          dati che trattano dovrebbero essere accessibili a
          chiunque ne abbia diritto, a prescindere dalla
          piattaforma software. Cosa che l'uso di formati
          proprietari di fatto
          impedisce.Vai in Comune della tua città e fatti dare il certificato di famiglia, vedrai che te lo danno in un formato che lo capisci eccome (Se hai fatto la quinta elementare).
        • p4bl0 scrive:
          Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
          - Scritto da: waka_jawaka
          - Scritto da: colpito

          - Scritto da: panda rossa


          Manca un dato fondamentale nell'articolo.


          L'importo della mazzetta.



          Te lo dico io: 240.500 euro al figlio cantinaro

          dell'assessore all'informatizzazione che aveva

          detto al papà che con openoffice avrebbe fatto

          lavorare lui e tutta la sua

          azienda.



          L'ho detto più volte e lo ripeto adesso: non è

          così che si passa all'open, i PC

          dell'azienda/ente non sono i PC di casa

          nostra.
          Appunto, sono PC di tutti, della comunità. E i
          dati che trattano dovrebbero essere accessibili a
          chiunque ne abbia diritto, a prescindere dalla
          piattaforma software. Cosa che l'uso di formati
          proprietari di fatto
          impedisce.tanto per la precisione OOXML è un formato aperto
        • TheOriginalFanboy scrive:
          Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
          - Scritto da: waka_jawaka
          Appunto, sono PC di tutti, della comunità. E i
          dati che trattano dovrebbero essere accessibili a
          chiunque ne abbia diritto, a prescindere dalla
          piattaforma software. Cosa che l'uso di formati
          proprietari di fatto
          impedisce.hai le idee confuse ragazzino...dati VS sistemi operativicomunità Vs pubblicocose ben distinte
        • mura scrive:
          Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
          - Scritto da: waka_jawaka
          Appunto, sono PC di tutti, della comunità. E i
          dati che trattano dovrebbero essere accessibili a
          chiunque ne abbia diritto, a prescindere dalla
          piattaforma software. Cosa che l'uso di formati
          proprietari di fatto
          impedisce.Si certo vai nel tuo comune di residenza a dirgli che i pc che usano sono anche tuoi e che te ne vuoi portare uno a casa e vedrai che bel regalo ti fanno, te lo anticipo: un bel paio di braccialetti con una catenella che li tiene legati insieme e te lo fanno pure portare a casa da un paio di tizi vevstiti di bella divisa nera con una striscia rossa sui pantaloni.
    • colpito scrive:
      Re: Qual e' l'importo della mazzetta?

      Quindi, se è solo questo il problema, la
      soluzione potrebbe benissimo essere ribaltata.
      Eliminare del tutto MS Office e passare
      completamente a
      AOO/LibO...E' la stessa cosa che ho pensato anche io ma probabilmente non è fattibile per i seguenti motivi:1) sono obbligati ad usare office per interfacciarsi con gestionali vari2) il formato di scambio dati con altre amministrazioni/enti e cittadini non può escludere officeC'è solo un modo per uscire da questa situazione, l'ho scritta e ripetuta decine di volte: la comunità europea deve IMPORRE un formato aperto e standard per l'interscambio di dati. O MS si adatta a supportare perfettamente anche quel formato oppure viene "bandita" dalla PA.Ma evidentemente l'UE preferisce imporre banner sul browser quando IE è ormai in caduta libera e comunque sempre più conforme agli standard rispetto al passato.A parità di formato ognuno può scegliere il software che gli pare.
      • VITRIOL scrive:
        Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
        - Scritto da: colpito
        1) sono obbligati ad usare office per
        interfacciarsi con gestionali
        variFino a quando l'utenza accetterà di spendere una pacco di soldi per avere un software che per funzionare ne richiede obbligatoriamente un altro che costa altri soldi, allora non se ne esce.Se l'utente li rifiutasse (almeno per le nuove soluzioni, non dico per le vecchie) allora anche gli sviluppatori si sforzerebbero un po' di più.SalutiVITRIOL
        • shevathas scrive:
          Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
          - Scritto da: VITRIOL
          - Scritto da: colpito


          1) sono obbligati ad usare office per

          interfacciarsi con gestionali

          vari

          Fino a quando l'utenza accetterà di spendere una
          pacco di soldi per avere un software che per
          funzionare ne richiede obbligatoriamente un altro
          che costa altri soldi, allora non se ne
          esce.perchè ?
          Se l'utente li rifiutasse (almeno per le nuove
          soluzioni, non dico per le vecchie) allora anche
          gli sviluppatori si sforzerebbero un po' di
          più.
          e se rifiutarsi di usare la soluzione gestionale + m$ office viene a costare di meno in tempo e risorse rispetto al non usarlo e fare i travasi di dati a mano ?
          • krane scrive:
            Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: VITRIOL

            - Scritto da: colpito


            1) sono obbligati ad usare office per


            interfacciarsi con gestionali


            vari

            Fino a quando l'utenza accetterà di spendere
            una

            pacco di soldi per avere un software che per

            funzionare ne richiede obbligatoriamente un
            altro

            che costa altri soldi, allora non se ne

            esce.

            perchè ?


            Se l'utente li rifiutasse (almeno per le
            nuove

            soluzioni, non dico per le vecchie) allora
            anche

            gli sviluppatori si sforzerebbero un po' di

            più.



            e se rifiutarsi di usare la soluzione gestionale
            + m$ office viene a costare di meno in tempo e
            risorse rispetto al non usarlo e fare i travasi
            di dati a mano ?Viene a costare meno e' proprio perche' i programmatori non si sono sforzati, quello che diceva l'amico prima... Cosa non hai capito di spezzare proprio la soluzione gestionale + MS office ?
          • VITRIOL scrive:
            Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
            - Scritto da: shevathas
            e se rifiutarsi di usare la soluzione gestionale
            + m$ office viene a costare di meno in tempo e
            risorse rispetto al non usarlo e fare i travasi
            di dati a mano
            ?E' ovvio che esiste la possibilità che costi meno usare le soluzioni proprietarie, soprattutto in un fase di transizione. Questa è la strategia vincente che il vendor lock-in ha imposto all'utenza.In un altro mondo (o forse anche in questo in futuro?) almeno l'utente dovrebbe avere lo possibilità di scegliere tra diverse soluzioni più o meno sullo stesso piano a seconda delle sue reali esigenze. Ma reali però, non imposte.SalutiVITRIOL
          • VITRIOL scrive:
            Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
            - Scritto da: shevathas
            l'utente ha possibilità di scegliere fra diverse
            soluzioni sullo stesso piano se esistono diverse
            soluzioni più o meno sullo stesso piano.Sì, ma se fuori casa ho quasi solo delle strade compatibili con le ruote proprietarie della casa automobilistica A, sarà dura che possa usare un'auto della casa B, indipendentemente dal fatto di quale sia meglio o peggio :-)Poi io non sono un informatico ed effettivamente non conosco molte realtà informatiche, ma le volte che ho visto usare MS Office da parte di un utente medio (anche "istituzionalizzato"...) mi è venuto da ridere.C'è anche una curiosità che si nota guardando i documenti in circolazione, e della quale ho chiesto conferma anche a un tipografo. La qualità puramente formale (uso di stili, indici e numerazioni automatiche di capitoli, allineamenti non fatti a mano ecc.) dei documenti prodotti con AOO/LibO sembra essere mediamente superiore a quella dei documenti prodotti con MS Office. Perché? L'utente di AOO/LibO è più smaliziato per definizione perché alla fine usa un programma di nicchia? AOO/LibO incentivano di più i comportamenti corretti (es. la centralità di "Stili e formattazione") al contrario di MS Office che ti mette sotto gli occhi le formattazioni "al volo" incentivando comportamenti poco corretti? Boh...In ogni caso non è una faccenda oziosa, perché spessissimo la cattiva interoperabilità tra formati documentali è dovuta alla pessima formattazione del documento.SalutiVITRIOL
          • shevathas scrive:
            Re: Qual e' l'importo della mazzetta?

            Sì, ma se fuori casa ho quasi solo delle strade
            compatibili con le ruote proprietarie della casa
            automobilistica A, sarà dura che possa usare
            un'auto della casa B, indipendentemente dal fatto
            di quale sia meglio o peggio
            :-)riprendendo il tuo esempio la casa automobilistica B produce ruote per macchinine. Per le auto normali sta studiando un nuovo modello di ruota antientropica ma al momento esistono solo gli schizzi preliminari.
            Poi io non sono un informatico ed effettivamente
            non conosco molte realtà informatiche, ma le
            volte che ho visto usare MS Office da parte di un
            utente medio (anche "istituzionalizzato"...) mi è
            venuto da
            ridere.il realtà la maggior parte del lavoro viene fatta nel backoffice. Stai commettendo l'errore di chi pensa che il lavoro del comune coincida con quello del tipo allo sportello dell'anagrafe.
            Perché? L'utente di AOO/LibO è più smaliziato per
            definizione perché alla fine usa un programma di
            nicchia? generalmente si.
            In ogni caso non è una faccenda oziosa, perché
            spessissimo la cattiva interoperabilità tra
            formati documentali è dovuta alla pessima
            formattazione del
            documento.se riesci a leggere il dato c'è interoperabilità a livello documentale. Quello che interessa, a meno che non si parli di partecipazioni di nozze o biglietti da visita o altre situazioni dove la formattazione è fondamentale, è il "contenuto informativo del dato" non la sua formattazione.
        • colpito scrive:
          Re: Qual e' l'importo della mazzetta?


          Fino a quando l'utenza accetterà di spendere una
          pacco di soldi per avere un software che per
          funzionare ne richiede obbligatoriamente un altro
          che costa altri soldi, allora non se ne
          esce.
          Se l'utente li rifiutasse (almeno per le nuove
          soluzioni, non dico per le vecchie) allora anche
          gli sviluppatori si sforzerebbero un po' di
          più.

          Saluti
          VITRIOLSono passaggi lunghi ma possibili se si gettano le basi.A me pare che se devo mandare un jpg o un pdf non ho tanti da pormi se dall'altra parte hanno o meno il software adatto a leggerlo. Per office o OO o LO invece non è così.Bisogna slegarci dai formati, è l'unica soluzione.
        • maxsix scrive:
          Re: Qual e' l'importo della mazzetta?

          le nuove soluzioniE di grazia quali sarebbero?Fammi un elenco di cose che per esempio LibreOffice fa e M$ Office non fa.Se vuoi ti faccio un elenco al contrario, mi ci vuole un po' per scriverlo ma con un po' di calma...
          • VITRIOL scrive:
            Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
            - Scritto da: maxsix

            le nuove soluzioni

            E di grazia quali sarebbero?Quali sarebbero cosa? Io non stavo parlando di funzionalità, e neppure di AOO/LibO specificamente. Io dicevo solo che usare un software proprietario che per anni si è imposto con formati proprietari, insieme a un altro software proprietario che richiede il software precedente come prerequisito per funzionare, e dove entrambi richiedono un SO proprietario che dall'oggi al domani ti può trasformare il PC in un telefonino che funziona solo coi programmi comperati da loro, non mi sembra il massimo della goduria.Poi dici "non posso cambiare perché mi viene a costare, e alla fine questo è meglio". E grazie mille, anche se fosse peggio sei impantanato, tanto vale dire che è meglio.SalutiVITRIOL
          • panda rossa scrive:
            Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
            - Scritto da: maxsix

            le nuove soluzioni

            E di grazia quali sarebbero?

            Fammi un elenco di cose che per esempio
            LibreOffice fa e M$ Office non
            fa.Salvare un documento con nome AUX.DOC per esempio.Fallo con M$ e poi ne riparliamo.Io con OOo ci riesco benissimo.
      • iRoby scrive:
        Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
        Molto probabilmente c'è il problema Outlook, e qualche tabella Pivot popolata con i dati di gestionali che esportano XLS.
        • colpito scrive:
          Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
          - Scritto da: iRoby
          Molto probabilmente c'è il problema Outlook, e
          qualche tabella Pivot popolata con i dati di
          gestionali che esportano
          XLS.Outlook? non credo... ecco, tanto per dirne un'altra, non è che poi la comunità open ci fa una bella figura quando da anni uso thunderbird ed a un certo punto "sparisce".
          • panda rossa scrive:
            Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
            - Scritto da: colpito
            Outlook? non credo... ecco, tanto per dirne
            un'altra, non è che poi la comunità open ci fa
            una bella figura quando da anni uso thunderbird
            ed a un certo punto
            "sparisce".Sparisce?L'open source non sparisce.Thunderbird e' presente in tutti i repository se vuoi installartelo.E' il software proprietario che sparisce.Infatti non e' piu' possibile trovare un office 2003, per esempio.
          • colpito scrive:
            Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: colpito


            Outlook? non credo... ecco, tanto per dirne

            un'altra, non è che poi la comunità open ci
            fa

            una bella figura quando da anni uso
            thunderbird

            ed a un certo punto

            "sparisce".

            Sparisce?
            L'open source non sparisce.
            Thunderbird e' presente in tutti i repository se
            vuoi
            installartelo.
            E' il software proprietario che sparisce.
            Infatti non e' piu' possibile trovare un office
            2003, per
            esempio.Mi dispiace che non tu non riesca a cogliere la differenza tra il software ed il dato. I file prodotti con office 2003 li puoi ancora aprire tranquillamente con l'office attuale, tra qualche anno invece thunderbird non sarà più aggiornato (senza contare che lighing è sempre stato in beta).Chi deve investire ci pensa a queste cose.
          • panda rossa scrive:
            Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
            - Scritto da: colpito
            Mi dispiace che non tu non riesca a cogliere la
            differenza tra il software ed il dato. I file
            prodotti con office 2003 li puoi ancora aprire
            tranquillamente con l'office attuale,Ma non viceversa.Mentre io posso aprire un documento open document con qualunque versione di openoffice.
            tra qualche
            anno invece thunderbird non sarà più aggiornato
            (senza contare che lighing è sempre stato in
            beta).Il che ti impedirebbe forse di utilizzarlo?
            Chi deve investire ci pensa a queste cose.La panda rossa e' fuori produzione. Tuttavia chi la possiede continua tranquillamente ad usarla, sai.O tu rottami l'auto ogni volta che esce un modello nuovo?
          • colpito scrive:
            Re: Qual e' l'importo della mazzetta?

            La panda rossa e' fuori produzione. Tuttavia chi
            la possiede continua tranquillamente ad usarla,
            sai.
            O tu rottami l'auto ogni volta che esce un
            modello
            nuovo?Per farla breve: si, cerco di usare software mantenuto e con supporto, se tu non lo fai affari tuoi, in bocca al lupo.
      • maxsix scrive:
        Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
        - Scritto da: colpito

        Quindi, se è solo questo il problema, la

        soluzione potrebbe benissimo essere
        ribaltata.

        Eliminare del tutto MS Office e passare

        completamente a

        AOO/LibO...


        E' la stessa cosa che ho pensato anche io ma
        probabilmente non è fattibile per i seguenti
        motivi:
        1) sono obbligati ad usare office per
        interfacciarsi con gestionali
        vari
        2) il formato di scambio dati con altre
        amministrazioni/enti e cittadini non può
        escludere
        office


        C'è solo un modo per uscire da questa situazione,
        l'ho scritta e ripetuta decine di volte: la
        comunità europea deve IMPORRE un formato aperto e
        standard per l'interscambio di dati. O MS si
        adatta a supportare perfettamente anche quel
        formato oppure viene "bandita" dalla
        PA.
        Ma evidentemente l'UE preferisce imporre banner
        sul browser quando IE è ormai in caduta libera e
        comunque sempre più conforme agli standard
        rispetto al
        passato.
        A parità di formato ognuno può scegliere il
        software che gli
        pare.E torniamo sempre li.E' l'atteggiamento del mondo open, come il tuo, all'origine del fallimento.Si sta sempre la a frignare sul fatto dei formati open, della mancata interoperabilità per colpa di altri e bla bla boa.La cosa si risolve quando il mondo open dimostrerà con i fatti di avere delle idee migliori, dei formati migliori rispetto alle altre.Non delle brutte copie, arrafazzonate alla bella e buona, e belle solo perchè sono gratis.Il mondo open deve capire che senza un obiettivo preciso, un progetto preciso, un idea di fondo precisa non si va da nessuna parte, o meglio si va dove si va ora.Contro un muro.
        • colpito scrive:
          Re: Qual e' l'importo della mazzetta?

          E torniamo sempre li.
          E' l'atteggiamento del mondo open, come il tuo,
          all'origine del
          fallimento.
          Si sta sempre la a frignare sul fatto dei formati
          open, della mancata interoperabilità per colpa di
          altri e bla bla
          boa.
          Veramente io non ho nè frignato nè dato la colpa ad altri, e poi, particolare non da poco, non faccio parte della comunità open (e neppure closed).
          La cosa si risolve quando il mondo open
          dimostrerà con i fatti di avere delle idee
          migliori, dei formati migliori rispetto alle
          altre.
          Non è così semplice perchè si parte già da una posizione di predominio. La guerra non deve essere fatta nel formato ma nel software. Ci può anche stare che il software utilizzi un suo formato proprietario, ma alla fine devi sempre poterlo salvare in uno standard ed aperto. E se proprio proprio pensi di aver ideato il miglio formato del mondo, rilascia le specifiche.
          Non delle brutte copie, arrafazzonate alla bella
          e buona, e belle solo perchè sono
          gratis.
          Infatti. Ma stai parlando di software adesso, non di formati.
          Il mondo open deve capire che senza un obiettivo
          preciso, un progetto preciso, un idea di fondo
          precisa non si va da nessuna parte, o meglio si
          va dove si va
          ora.
          Sono d'accordo e l'ho sempre detto. Non ci fosse MS Office forse non esisterebbe neppure OO. Senza windows forse non ci sarebbe neppure linux. Però non basta la contrapposizione, bisogna fare di più
          Contro un muro.
        • maxsix scrive:
          Re: Qual e' l'importo della mazzetta?


          tl;dr, in molti casi il peggior nemico del
          software libero è la stessa comunità che lo
          dovrebbe
          proporre.Esatto.
          • panda rossa scrive:
            Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
            - Scritto da: maxsix



            tl;dr, in molti casi il peggior nemico del

            software libero è la stessa comunità che lo

            dovrebbe

            proporre.

            Esatto.Ma attaccati a sta cippa, winaro!
      • giulio scrive:
        Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
        il formato di scambio? Non vedo per quale assurdo idiota motivo io debba scambiarmi files in formato doc docx o excel invece che in formato pdf (che hanno tutti) visto che ogni documento viene stampato e protocollato(!)in cartaceo così com'è e non viene certo modificato..Quando vedo amministrazioni pubbliche che mettono sul sito questo tipo di file mi chiedo quali e quanti altri cretini dovremmo stipendiare da qui alla fine dei nostri giorni
    • colpito scrive:
      Re: Qual e' l'importo della mazzetta?

      Aspetti, c'è da dire, che nell'uso domestico
      vengono, giustamente, trascurati ma che possono
      essere di vitale importanza nell'uso
      aziendale.
      Basta pensare ad un sistema contabile che sfrutta
      moduli excel per il caricamento/esportazione
      dati, se non ci sono le librerie di collegamento,
      il modulo è intrasportabile su open
      office.lascia perdere, non lo capiranno mai. Glielo abbiamo spiegato 100 volte, qua c'è gente che fa il tragitto casa-scuola-lug e pensano di cambiare il mondo senza conoscerlo.
      • AMEN scrive:
        Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
        - Scritto da: colpito
        qua c'è gente che fa il tragitto casa-scuola-lug e pensano di cambiare
        il mondo senza conoscerlo.+1
    • maxsix scrive:
      Re: Qual e' l'importo della mazzetta?

      Basta pensare ad un sistema contabile che sfrutta
      moduli excel per il caricamento/esportazione
      dati, se non ci sono le librerie di collegamento,
      il modulo è intrasportabile su open
      office.Quoto in toto.E' lo stesso identico motivo per cui lo stesso M$ Office non ha mai sfondato nemmeno su Mac.Per l'utilizzo professionale mancano tutti quei componenti proprietari e di terze parti che fanno la differenza.
    • maxsix scrive:
      Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
      - Scritto da: panda rossa
      Manca un dato fondamentale nell'articolo.
      L'importo della mazzetta.+1
    • nome e cognome scrive:
      Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
      - Scritto da: panda rossa
      Manca un dato fondamentale nell'articolo.
      L'importo della mazzetta.[img]http://3.bp.blogspot.com/-dpFpPR0a3V4/TnCrJFW0gQI/AAAAAAAABT0/A6W0e5Z6CgQ/s400/16895514_5396_12637028_5039_castoro_rosicone_h223300_l_H010548_L.jpg[/img]
    • nome e cognome scrive:
      Re: Qual e' l'importo della mazzetta?

      E sempre dall'articolo sembra che lo "standard"
      sia
      office...
      Tristezza giornalistica...Non sembra, è. Forse devi uscire dalla cantina.
    • TheOriginalFanboy scrive:
      Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
      - Scritto da: panda rossa
      Manca un dato fondamentale nell'articolo.
      L'importo della mazzetta.in cermania? impozibbile!
    • krane scrive:
      Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
      - Scritto da: Ing. Bernasconi
      - Scritto da: krane
      Secondo me sei tu che non hai capito quello che
      hanno scritto nell'articolo.Tranquillo di solito il 50% degli articoli qua e' sbagliato e l'altra meta' e' presa da google traduttore.(rotfl)
    • MacGeek scrive:
      Re: Qual e' l'importo della mazzetta?
      - Scritto da: shevathas
      Basta pensare ad un sistema contabile che sfrutta
      moduli excel per il caricamento/esportazione
      dati, se non ci sono le librerie di collegamento,
      il modulo è intrasportabile su open
      office.OpenOffice è programmabile tanto quanto M$ Office.Non ci sono limiti tecnici per fare le stesse cose con OpenOffice.Certo, pensare che sia compatibile al 100% con M$ office è pura utopia. I programmi vanno portati. I dati (files) vanno aggiustati/verificati. È un grosso sforzo, indubbiamente. Ma alla lunga può valere la pena. Un'amministrazione pubblica dovrebbe farlo, secondo me. Per non essere schiava di una corporation americana, visto che c'è un'alternativa funzionalmente equivalente GRATUITA.E dico questo nonostante OpenOffice mi faccia abbastanza schifo (ma le sue capacità sono indubbie).
Chiudi i commenti