La disumanità dei robot

Human Rights Watch mette in guardia dai rischi dei droni capaci di agire autonomamente, e spinge affinché li si metta al bando. La guerra è una questione di uomini, non di macchine
Human Rights Watch mette in guardia dai rischi dei droni capaci di agire autonomamente, e spinge affinché li si metta al bando. La guerra è una questione di uomini, non di macchine

Un nuovo rapporto dell’organizzazione a tutela dei diritti umani Human Rights Watch prende in considerazione i potenziali rischi derivanti dall’impiego dei “killer-robot”, droni o macchine capaci di funzionare autonomamente e prendere le decisioni inerenti la terminazione di avversari umani – siano essi militari o civili.

Il problema principale, dice HRW, è che i killer robot non sanno fare alcuna distinzione fra le due categorie succitate: primo della sua categoria, il rapporto dell’organizzazione umanitaria evidenzia come le macchine autonome che il Pentagono e altri stanno sperimentando non siano capaci di rispettare le leggi internazionali sui diritti umani.

Una tale caratteristica prevede la presenza di “qualità umane” che le macchine non hanno, sostiene HRW: le macchine non possono correlarsi agli esseri umani e capire le loro intenzioni, non sanno cosa sia la distinzione fra militari e civili né hanno la capacità di stabilire la proporzionalità di un contrattacco (ad esempio armi nucleari contro fucili o rapimenti).

Armi potenzialmente devastanti come il bombardiere autonomo X-47B della US Navy (capace di atterrare e fare rifornimento di carburante tutto da solo) vanno messe al bando, esorta HRW, prima che una futura apocalisse robotica evidenzi troppo tardi i rischi di mettere nelle mani delle macchine la decisione di disporre della vita degli uomini sul campo di battaglia.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

21 11 2012
Link copiato negli appunti