La e-legge americana combattuta dai russi

ElcomSoft potrebbe rivelarsi un potente maglio contro la legge americana sul copyright nell'era digitale, legge da sempre nel mirino di libertari e associazioni


Washington (USA) – C’è la softwarehouse russa ElcomSoft a guidare involontariamente in queste ore l’ampio movimento che si sta sviluppando negli Stati Uniti ormai da tempo contro il DMCA (Digital Millennium Copyright Act), la legge sul copyright che, da qualche anno a questa parte, ha consentito alle majors dell’audiovisivo di perseguire numerose e diverse attività condotte su internet.

Già, perché proprio ElcomSoft sta combattendo a San Jose, in California, per vedere riconosciuta come incostituzionale una legge secondo cui l’azienda, ancorché russa, può essere perseguita per aver tentato di vendere negli Stati Uniti un prodotto che in una delle sue applicazioni può portare alla violazione del copyright. Un reato che negli Stati Uniti viene considerato “cospirazione” e che prevede pene severe.

Il caso è quello di Dmitry Sklyarov, il programmatore della ElcomSoft che ha passato del tempo dietro le sbarre negli USA dopo essere stato arrestato nel corso di un suo soggiorno americano. Sklyarov, autore di un sistema capace di bypassare le protezioni antipirateria di Adobe per la lettura degli ebook, è stato rilasciato di recente in cambio della sua presenza in qualità di testimone nel corso del processo che vede imputata, appunto, la ElcomSoft. Il suo arresto aveva destato numerose proteste e persino pungenti osservazioni del governo di Mosca sugli “usi” americani.

Come inutilmente fino a questo momento hanno fatto in tanti, l’azienda russa, attraverso i propri legali, nelle scorse ore ha argomentato in tribunale che il DMCA è vago, non consente di capire cosa sia legale e cosa non lo sia e, dunque, va considerato incostituzionale. Una tesi sostenuta in questi mesi da Napster e da numerosi altri obiettivi della crociata anti-pirateria della majors, che sfruttano proprio le nuove severe sanzioni previste dal DMCA per perseguire attivamente i sistemi di condivisione dei file su internet e persino i link .

Secondo i legali di ElcomSoft, che devono riuscire a convincere il giudice distrettuale Ronald Whyte, il DMCA vuole mettere fuori legge strumenti informatici che possono però essere utilizzati anche per scopi legittimi, e di fatto “non definisce” quali sono i device o i tool che devono essere considerati “proibiti”.
La mezza novità rispetto al passato è che se da un lato i procuratori dell’accusa sostengono che c’è stata una violazione della legge, dall’altro riconoscono che il DMCA affronta nuovi scenari, spinosi e controversi.

Entro il 15 aprile si dovrebbero avere ulteriori novità e in molti sperano che siano cattive per i sostenitori di una legge aspramente criticata per le conseguenze che sta avendo sulle libertà digitali.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Tutti in galera
    Se buzzicate nei vari siti porno che la rete offre .. siete facilmente incappati in almeno una foto a carattere pedopornografico, che ne siate consapevoli o meno. Altrettanto facilmente queste foto/thumbnails sono rimasti nella cache del vostro browser.. ergo siete pedofili e meritate 10 anni di galera.. E' un ragionamento che non sta in piedi. Altra cosa: chi decide l'eta' del soggetto? Sempre navigando smaliziatamente sarete di sicuro incappati in siti che propongono foto o pubblicita' di siti con minorenni o "barely legal" .. spesso sembrano minorenni .. sempre o quasi non lo sono.. chi decide se hanno piu' o meno di 18 anni ( o 16)? E' il commercio che va punito in quanto e' quello che permette ai pedofili di continuare la loro opera; vanno puniti i viaggi cosiddetti di turismo sessuale.. cio' non toglie che vadano "spaventati" a morte i fruitori di materiale pedopornografico.. in modo che non si dia l'impressione di tollerare questa "curiosita'" perche' pur sempre basata su sofferenze e abusi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutti in galera
      - Scritto da: Riflessioni Libere
      Se buzzicate nei vari siti porno che la rete
      offre .. siete facilmente incappati in
      almeno una foto a carattere
      pedopornografico, che ne siate consapevoli o
      meno. Mi hai tolto le parole dalla tastiera ..condivido al 101%.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutti in galera
      Su questo é vero se peró ti cucchi una biba di 5 anni con in bocca un cazzo?Ragazzi non pensate alle immaginette dei nudisti pensate a quelle che trattano proprio esplicita violenza...Fanno venire da piangere se siete persone normali ve lo assicuro!Uno come fa a considerarsi uomo se si farcesse una bimba mente piange?CHe cuore ha?E come ci si puó masturbare vedendo certe immagini di simile violenza?È da persone malate che vanno incarcerate e curate se non sono ancora passate all´azione...se no vanno semplicemente evirate e sodomizzate con un palo da 30 MT!
      • Anonimo scrive:
        Re: Tutti in galera

        Scritto da: lollCut
        ...se no vanno semplicemente
        evirate e sodomizzate con un palo da 30 MT!Magari poi le immagini le mettono in rete .. cosi' da soddisfare i lubrici istinti dei net-pederasti...Cosi' per curiosita' .. e alle donne pedofile (si , esistono anche loro.. cosi' come esistono madri che vendono i figli ai maiali che li violentano o che ne sono complici) cosa faresti? Anche per loro pali da 30mt? clitoridectomie? la violenza peggiore non e' la "penetrazione" ma la violenza psicologica. Quindi riflettete prima di sparare sentenze di morte/evirazione etc etc.
  • Anonimo scrive:
    Fermiamo anche i pedo_turisti...
    La pedofilia è intollerabile come l'ipocrisia di quelle persone che prima la condannano e poi la praticano...anche da turisti non x caso.byez
  • Anonimo scrive:
    io vorrei solo far notare che...
    la condanna a Kevin David Mitnick prevedeva che allo stesso fosse impedito di usare computer per tutta la durata della pena... pero' a pensarci bene una differenza c'e': lui faceva paura ai suoi accusatori... pero' questo non ha nulla a che vedere con il Diritto!!! :(
  • Anonimo scrive:
    E i newsserver italiani...
    ...che replicano materiale vietato dalla legge? Di chi è la "proprietà" di tale materiale e la responsabilità di averlo sulle proprie macchine?Ciauz.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non sono d' accordo ?
    Se ti beccassi caro pervertito ti evirerei e ti lascerei crepare dissanguato....
    • Anonimo scrive:
      Re: Non sono d' accordo ?
      Spero che tu stia skerzando caro loll..... quale uomo ha il diritto di giudicare e di uccidere, per quale causa? Ritengo che nemmeno la pedofilia, sia da considerare motivo, per compiere un omicidio!! E ritengo pesante, la condanna di 10, e ripeto 10 anni, ad uno che "aveva" fotografie.... i 10 anni sarebbero da dare a chi le ha scattate! Un anno e' lungo, 10 un abisso.... chi ha provato!
      • Anonimo scrive:
        Re: Non sono d' accordo ?
        Loll mi fai ridere.I tuoi discorsi nn hanno alcun spessore e dimostrano che hai una certa ignoranza.Ma sopratutto ti manca la capacita' critica che in questi campi e' richiesta.Nn sto a spiegarti tutti i punti sbagliati del tuo ragionamento.NN perdo tempo con chi nn sa distinguere/ragionare/criticare.Mi sono gia' espresso prima.
    • Anonimo scrive:
      Re: Eye for an eye...
      Eye for an eye makes the whole world blind.Lo diceva uno che sapeva il fatto suo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non sono d' accordo ?
    scusami ma non ho capito l'impostazione del tuo postsei un uomo libero quindi puoi fare cosa ti pare ?penso che tu non abbia capito bene come si sta al mondo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non sono d' accordo ?
      - Scritto da: allibito
      scusami ma non ho capito l'impostazione del
      tuo post
      sei un uomo libero quindi puoi fare cosa ti
      pare ?
      penso che tu non abbia capito bene come si
      sta al mondo...
      si, ma che c'entra se uno non ha fatto del male a nessuno ma perche' deve andare in galera. E' come chi possiede una collezione di pistole, mica e' detto che e' un delinquente e le vada ad usare?
    • Anonimo scrive:
      Re: Non sono d' accordo ?
      Per me sei solo un coglione
    • Anonimo scrive:
      Re: Non sono d' accordo ?
      - Scritto da: as
      Questi tesi contrasta con il fatto che
      comunque il materiale e' stato prodotto
      usando bambini (che, come detto sopra, nel
      futuro la cosa potrebbe cambiare con l'uso
      tecnologia), e che resta comunque una spinta
      a commettere certi atti di violenza.Questo ragionamento non regge. In fondo nessuno ha mai pensato che i film di Dario Argento possano spingere a schiacciare teste con le macchine o ad uccidere usando dei clarinetti.Piu` che altro potrebbe essere considerato reato possedere materiale pedopornografico perche' venendone in possesso, in un modo o nell'altro, favorisci quelli che producono tale materiale (e che sono i delinquenti veri).Comunque 10 anni mi sembrano troppini.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non sono d' accordo ?
        Ma vi rendete conto qnt sono 10 anni per delle foto digitali? e' una vergogna.A me sembra questo un crimine.10 anni............svegliatevi.Un discorso e' la violenza che uno commette, un discorso e' scaricare delle foto!NN mi dite che se uno le scarica ( al di la che sia illegale) e' una cosa che puo' essere commisurata alla commissione nella realta' del reato di pedofilia.Francamente nn ci vedo molta differenza col fascismo e i tempi di Hitler.Se uno deve essere privato di 10 anni della propria vita per delle FOTO DIGITALI, e' evidente che nn ci siamo.Scusate lo sfogo.Un discorso e' combattere la violenza sessuale che e' una cosa sacrosanta.Un altro e' nn fare nessuna distinzione e trattare tutti alla stessa maniera.E' solo questione di misurare il reato che uno commette, nn di certo rovinare la vita ad una persona per delle foto.
  • Anonimo scrive:
    Solo il carcere?
    Ma perché non eviralo e lasciarlo libero?
    • Anonimo scrive:
      Re: Solo il carcere?
      Perche non è una soluzione per un paese democratico, come non lo è la tortura. Sulla pena di morte non mi esprimo: andrebbe rivisto tutto il sistema carcerario.
      • Anonimo scrive:
        Re: Solo il carcere?
        Dopo che un maniaco si sará fatto tua figlia di 5 anni ne riparleremo.... e c´é poco da ridere :(
        • Anonimo scrive:
          Re: Solo il carcere?
          - Scritto da: loll
          Dopo che un maniaco si sará fatto tua figlia
          di 5 anni ne riparleremo.... e c´é poco da
          ridere :(Ma e' un ragionamento che non tiene, ognuno quando subisce un torto pesante vorrebbe una vendetta pesante.La democrazia funziona proprio perche' io oggi imbedisco a te di vendicarti incivilmente e domani sarai tu a impedirlo a me.Altrimenti se ritieni giusti quei sistemi ci sono sempre quei paesi dove se rubi ti taglianole mani, se spacci droga fanno esecuzioni di massa.Pero' pensaci bene, in ogni sistema c'e' il pro e il contro, e nella vita finisci sempre per beccarli tutti e due, e parecchie volte.
        • Anonimo scrive:
          Re: Solo il carcere?

          Dopo che un maniaco si sará fatto tua figlia
          di 5 anni ne riparleremo.... e c´é poco da
          ridere :(Ma che ragionamento ...Questa è vendetta, e non è giustizia. bye
          • Anonimo scrive:
            Re: Solo il carcere?
            Si ma vienicelo a dire quando trovano tua figlia in lacrime perchè ha subito una violenza. Secondo me cambi idea.
          • Anonimo scrive:
            Re: Solo il carcere?
            - Scritto da: Cocker
            Si ma vienicelo a dire quando trovano tua
            figlia in lacrime perchè ha subito una
            violenza. Secondo me cambi idea.Probabilmente la democrazia e` un concetto a te estraneo. Continuando con questo ragionamento allora perche' non tagliare le mani a chi ruba, la lingua a chi truffa, e le gambe a chi causa incidenti stradali (cosi` tanto per tagliare qualcosa)...
          • Anonimo scrive:
            Re: Solo il carcere?
            Chi parla di pena di morte ecc ecc evidentemente ragiona a senso unico sempre e cmq.Come si fa ad accostare una violenza ( vera e prevista dalla legge) con delle foto!Poi nn parliamo della disinformazione che gira.Forse qui qlcuno dovrebbe rileggersi un po' le leggi e capirebbe qnt cavolate gli fanno bere i giornali dalla mattina alla sera.E' semmpre solo questione di volersi documentare.Troppo facile fare discorsi senza critica.Se una bambina piange perche' ha subito una violenza, ben venga la punizione.Ma nn si puo' e nn si deve fare di tutta l'erba un fascio.Senno'...ripeto si torna ai tempi di Hitler in una forma oserei dire viscida..di violenza senza MOTIVO.
Chiudi i commenti