La nanotecnologia deve essere discussa

I vantaggi di nanotubi e compagni non tarderanno a farsi sentire. Ma ci sono scienziati che temono che a farsi sentire saranno anche altre cosucce

Roma – L’accademia delle scienze britannica Royal Society , probabilmente la più autorevole congrega scientifica d’oltremanica, ha rilasciato un rapporto per avvertire che gli effetti della nanotecnologia non sono solo e necessariamente positivi. E per chiedere che si indaghi al più presto e in modo estensivo sulle possibili conseguenze dello sviluppo di questa ambiziosa e gettonatissima branca della scienza.

“Gli scienziati e gli ingegneri – scrivono i ricercatori dell’istituto accademico – ritengono che la nanotecnologia possa portare grandi benefici ora e in futuro grazie ad applicazioni come migliori filtri per la potabilizzazione dell’acqua, modi migliori per la somministrazione dei farmaci e nuove metodologie per curare e riparare organi lesi”.

Ma gli stessi esperti che hanno partecipato al workshop con cui si è dato vita al Rapporto hanno spiegato che “si devono compiere ulteriori accertamenti per indagare sui rischi potenziali alla salute posti dai nanotubi e altre nanoparticelle, conseguenze che possono essere potenzialmente dannose in modi imprevedibili . Ulteriori studi dovrebbero essere compiuti sul comportamento delle nanoparticelle nell’ambiente”.

Le preoccupazioni relative alla nanotecnologia non sono cosa nuova e ne ha parlato più volte con autorevolezza il cofondatore di Sun Microsystems, Bill Joy , secondo cui la nanotecnologia, proprio come la genetica e la robotica, sono potenzialmente un rischio, perché la ricerca può avere conseguenze eclatanti, positive o devastanti, e viene portata avanti senza un effettivo controllo.

Tutte preoccupazioni che fin qui non hanno peraltro rallentato la corsa al nano , tanto che quest’anno il Congresso americano ha stanziato 2,36 miliardi di dollari per sostenere la ricerca nel settore. È d’altra parte comprensibile l’interesse per lo sviluppo di applicazioni che potrebbero avere forti implicazioni commerciali e non solo sanitarie, come la costruzione di celle di combustibile di nuova concezione, o nano-operatori capaci di spazzare via le sostanze inquinanti o i residui dei processi industriali per arrivare alla creazione di muscoli artificiali composti da nanomateriali reattivi alla luce o al suono e via dicendo.

A. Dowling Su questi problemi Ann Dowling, accademica che ha presieduto il workshop, e gli autori del Rapporto hanno spiegato che occorre stare in guardia contro le suggestioni di certi scrittori o di certa stampa perché, invece, è necessario ragionare “sulle implicazioni, sia positive sia negative, della nanotecnologia”.

A loro dire un problema è il fatto, per esempio, che le leggi non prendano in considerazione la dimensione minima delle particelle , materiali di un milionesimo di millimetro che potrebbero essere liberati nell’ambiente con conseguenze tutte da verificare.

Un altro problema, per alcuni “il” problema, sono le grandi corporation “che stanno diventando sempre meno disponibili a interagire con il pubblico e persino con gli scienziati per discutere i loro programmi di ricerca nanotecnologica”. È forse questo il rischio più grande, evidentemente, visti gli interessi enormi che possono celarsi dietro la realizzazione di nuove applicazioni nella bionanotecnologia, l’optoelettronica o nella nanoingegneria.

Lo studio (in inglese) è disponibile a questo indirizzo: http://www.nanotec.org.uk/

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    a cosa serve tutto ciò???
    mi domando la vera utilità di questo "server" (che parolaccia se accostata a cotanto) applicance...La solita trovata digitale-commerciale
    • Anonimo scrive:
      Re: a cosa serve tutto ciò???
      - Scritto da: Anonimo
      mi domando la vera utilità di questo
      "server" (che parolaccia se accostata a
      cotanto) applicance...
      La solita trovata digitale-commercialeehmtu puoi registrare programmi TV e inviarli Wireless a qualsiasi device connesso alla tua lan in streaming ..non so se rendo l ideatu usi un hd da 120 Giga per registrare ORE di trasmissioni e film.. poi puoi vederteli sul portatile al bagno, o in cucina senza bisogno di caviuna trovata? si.. geniale!!!
      • avvelenato scrive:
        Re: a cosa serve tutto ciò???
        sì ma non si può fare con un pc normale magari mini-atx o micro-atx (i mini-itx col C3 mi fanno un po' schifo...)+ scheda di acquisizione tv??
        • gerry scrive:
          Re: a cosa serve tutto ciò???
          - Scritto da: avvelenato
          sì ma non si può fare con un pc normale
          magari mini-atx o micro-atx (i mini-itx col
          C3 mi fanno un po' schifo...)+ scheda di
          acquisizione tv??Rischia di costarti di più che lo scatolotto in questione (XboX docet).
        • Anonimo scrive:
          Re: a cosa serve tutto ciò???
          certo che è brutto però
  • Anonimo scrive:
    Sorgenti...
    sapete se sono disponibili i sorgenti di questo aggeggio?
Chiudi i commenti