La precrimine sbarca in Florida

Il software di analisi predittiva di IBM verrà adottato dalle autorità locali per il reinserimento sociale dei criminali minorenni. Perché vadano e non pecchino più

Roma – L’amministrazione locale della Florida ha annunciato che il Department of Juvenile Justice si doterà presto del discusso software di analisi predittiva, prodotto da IBM e già in uso in Gran Bretagna, la cui effettiva utilità e affidabilità ha fatto discutere non poco cittadini e addetti ai lavori .

I database della Florida contengono circa 85mila nominativi di minorenni coinvolti in crimini di varia entità e i relativi programmi di riabilitazione differiscono a seconda del caso. Secondo gli amministratori il software di IBM potrebbe semplificare e migliorare alla stesso tempo il lavoro degli educatori , che oggi consiste in gran parte nella preparazione manuale di programmi ad personam. Il sistema terrà conto dei profili personali inseriti nel database di stato insieme a una serie di altre caratteristiche per determinare il percorso riabilitativo più efficace per ogni singolo.

Deepak Advani, vice-presidente del progetto IBM, ha dichiarato che “questo sistema permette alle organizzazioni governative di mantenere la sicurezza nelle comunità identificando, prevedendo e quindi prevenendo attività criminali”.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • aid85 scrive:
    Indirizzo PEC di Telecom It@li@...
    Ora potete inviare voi le raccomandate a loro e senza pagare il pizzo...(almeno in teoria)http://my.opera.com/aid85/blog/telecom-italiaha-la-sua-pec-bufala-o-miracoloSegnalatemi eventuali contradizioni !!!
  • Giuseppe F scrive:
    Un servizio online pessimo!
    Dopo i primi giorni nei quali nemmeno funzionava, oggi sono riuscito a fare i primi passi con il sito ufficiale della PEC governativa.Mi ha chiesto una marea di dati (facendomi perdere tanto tempo) per poi giungere alla schermata ::'(----------------------------------HTTP 404 - Pagina non trovataCerca nel Sito Attenzione!La pagina richiesta non è stata trovata.------------------------------Possibile che la pubblica amministrazione italiana non riesca nemmeno a farsi fornire dei servizi di qualità media con tutti i (NOSTRI) soldi che spende!!
  • Marco scrive:
    La PEC di INPS/ACI e quella del Governo
    La posizione di ACI è questa:----------------------------------------Gentile Signore, in merito alla Sua richiesta Le comunichiamo che la casella rilasciata da ACI equivale in tutto e per tutto a quella sponsorizzata dal Governo. Al termine della sperimentazione tutte le caselle rilasciate da ACI saranno trasferite sul dominio di Poste e i domicili elettronici dei cittadini presi in carico automaticamente dal gestore nazionale. Restiamo a Sua disposizione per ogni ulteriore necessità e Le inviamo cordiali saluti. ACI - Automobile Club dItalia-------------------------------------
  • Felice Giulivo scrive:
    Informazioni dall'interno
    Telecom Italia sta per disfarsi di circa 6500 "esuberi", di cui pare almeno 800 nel ramo della Information Technology (mediante cessione fittizia di ramo d'azienda con successivo "efficientamento", il tutto per aggirare le garanzie di legge).Eppure non ha ritenuto di sviluppare e gestire in proprio il sito www.postacertificata.gov.it, bensì lo ha sub-appaltato alla società Accenture, che ha fornito un prodotto zoppicante rifiutandosi poi di migliorarlo; ovviamente Telecom non farà valere il rispetto del contratto perché gli appalti esterni sono gestiti in maniera "familiare".Da ieri quel sito claudicante è sotto analisi da parte di alcuni dipendenti Telecom della sede di Trento, questi dipendenti sono fra quelli che dal 1 maggio 2010 saranno "ceduti" a quella scatola vuota che è la società SSC srl.Per gli addetti ai lavori, basti sapere che si è scoperto che le richieste di attivazione della PEC sono gestite con un solo thread...
    • cec pac scrive:
      Re: Informazioni dall'interno
      Trovo fuori luogo gettare fango sul lavoro altrui con frasi simili : "Per gli addetti ai lavori, basti sapere che si è scoperto che le richieste di attivazione della PEC sono gestite con un solo thread..." Ognuno dice la sua pur non capendo molto di sistemi informatici ( questa è stata la rovina dell' IT ). In questo progetto ci sono persone valide, ma sono troppo poche rispetto alla totalità coinvolta. Inoltre, non è stato dato il tempo materiale agli addetti ai lavori di mettere in piedi l' architettura e testarla come si deve. Io penso che ad alcuni dispiaccia molto di vedere giorni ( non festivi e festivi ) e notti perse su questo progetto per poi non vederlo funzionare correttamente a causa della politica e delle scelte errate fatte in una sala riunioni da gente che finge di capire d' informatica.
      • Mario Busana scrive:
        Re: Informazioni dall'interno
        La prossima volta andranno a lavorare per un cliente vero e non a guadagnare soldi facili fatti con appalti "politici" vinti chissà come...... e mi fermo qui.
      • Felice Giulivo scrive:
        Re: Informazioni dall'interno
        - Scritto da: cec pac
        Trovo fuori luogo gettare fango sul lavoro altrui
        con frasi simili : "Per gli addetti ai lavori,
        basti sapere che si è scoperto che le richieste
        di attivazione della PEC sono gestite con un solo
        thread..."Quelli che hanno scoperto la magagna sono dei miei colleghi, quindi la notizia è affidabile.Non ho detto che la colpa sia degli sviluppatori Accenture, ho rispetto anche per il loro lavoro, però i responsabili esistono e sono nelle due società cioè Telecom Italia e Accenture.
        Io penso che ad alcuni dispiaccia molto di
        vedere giorni ( non festivi e festivi ) e notti
        perse su questo progetto per poi non vederlo
        funzionare correttamente a causa della politica e
        delle scelte errate fatte in una sala riunioni da
        gente che finge di capire d'
        informatica.Appunto, chi ha fatto quelle scelte sono certe teste d'uovo vicino ai vertici delle società coinvolte.
    • aid85 scrive:
      Re: Informazioni dall'interno
      wow... citerò nel mio bloggo...
  • vinnie scrive:
    peccato che il sito sia ancora in TILT!
    peccato che il sito sia ancora in TILT! (rotfl)
  • Jazz2009 scrive:
    Concorrenza sleale?
    Salve a tutti,Nessuno, mi sembra, ha colto l'eventuale concorrenza sleale che si può profilare in questa operazione. Mi spiego meglio:1) Prima lo Stato promulga il DL che prevede obbligatoria la PEC per le aziende/liberi professionisti e, facoltativamente, per i cittadini. Obbliga gli aspiranti provider ha dotarsi di"caratteristiche" aziendali (per esempio il capitale sociale versato) non indifferenti per poter freggiarsi del titoli di fornitori PEC.2) I provider partono con la fornitura del servizio PEC A PAGAMENTO e permettono, a realtà medio/piccole, di rivendere il servizio.3) Lo Stato parte con la fornitura del servizio PEC GRATUITO (guarda caso appaltato ai soliti ignoti: Telecom Italia + Poste Italiane, stranamente ambedue ex-aziende statali) ai cittadini, tagliando, di fatto, fuori gli operatori di cui al punto 2 (e parliamo di un bacino di cinquantamilioni di possibili clienti).Che ne pensate???
    • leoniDAM scrive:
      Re: Concorrenza sleale?
      penso che questo è un servizio limitato utilizzabile solo in un determinato circuito (quello delle PA) per cui va poco ad intaccare i servizi commerciali. Non credo che un qualunque comune cittadino possa pensare di attivarsi un account PEC per spedire qualche raccomandata ogni tanto in giro per l'Italia, ma almeno così avrà la possibiltà di farlo e sarà invogliato a farlo quanto meno con la PA. In oltre è giusto che ci si sia decisi a passare alla comunicazione telematica ed è ancor più giusto ed opportuno che la cosa parta dalla PA ed è assolutamente d'obbligo che la PA dai a tutti gli stessi strumenti e le stesse possibilità a tutti i cittadini. Per cui trovo giusta questa iniziativa, almeno nelle intenzioni generali.Mentre per io professionisti il discorso è diverso e non hanno interesse verso questa iniziativa in quanto hanno sicuramente la necessità di inviare raccomandate non solo alle PA, ma anche a clienti, fornitori, commettenti, ecc... e si orienteranno sui servizi commerciali oppure utilizzeranno quelli messi a disposizione dai proprio ordini professionali (come il mio).Quel che contesto io invece è l'istituzione della PEC
      • Wolf01 scrive:
        Re: Concorrenza sleale?
        Tanto alla fine ci facciamo tutti millemila email: hotmail, libero, email.it, gmail...Una più o una in meno non cambia niente, però almeno con la PEC saranno sicuri che chi invia la mail con quella casella sarà l'effettivo proprietario.Sempre che non sia possibile mettere XXXXXemazzi come mittente.Praticamente la PEC dovrà essere possibile da inviare SOLO tramite i server predisposti e con la richiesta di autenticazione per la posta in uscita come per la posta in arrivo.
        • panda rossa scrive:
          Re: Concorrenza sleale?
          - Scritto da: Wolf01
          Tanto alla fine ci facciamo tutti millemila
          email: hotmail, libero, email.it,
          gmail...
          Una più o una in meno non cambia niente, però
          almeno con la PEC saranno sicuri che chi invia la
          mail con quella casella sarà l'effettivo
          proprietario.No. La pec non assicura che chi invia e' l'effettivo proprietario.Assicura solo che l'effettivo proprierario e' responsabile penalmente della PEC a lui intestata.Da domani, oltre ai soliti ben noti phishing delle varie banche e poste italiane, mi aspetto il phishing per la pec, sempre ammesso che entrare in possesso delle credenziali di pec altrui possa portare un qualche beneficio economico.
          Sempre che non sia possibile mettere XXXXXemazzi
          come mittente.Tranquillo che ci pensera' il provider a metterti XXXXXemazzi@pec.it con passwort altrettanto XXXXXemazzi che non potrai cambiare.
          Praticamente la PEC dovrà essere possibile da
          inviare SOLO tramite i server predisposti e con
          la richiesta di autenticazione per la posta in
          uscita come per la posta in
          arrivo.Praticamente sara' utilizzata a sproposito.Gia' mi aspetto un bel "inoltra a tutta la rubrica" della prima catena di santantonio che girera' sulla pec, e vedrai che risate...
  • Ulrick scrive:
    Conflitto di interessi?
    Io credo che una informazione talmente personale come l'indirizzo di posta elettronica del cittadino, debba essere gestita direttamente dai comuni, altrimenti si rischia di cadere in un conflitto di interessi dove a rimetterci alla fine è per l'appunto la privacy del povero cittadino.Io mi immagino già con Lottomatica: chissa quanti messaggi per partecipare a "gratta e vinci" o "superenalotto" ti ritrovi poi in posta...O magari offerte per fare la "carta postepay" o ...Perchè non può essere gestito direttamente dai comuni?Perchè non utilizzare indirizzi di posta già in uso e semplicemente assegnare un certificato digitale di firma?Max-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 aprile 2010 16.16-----------------------------------------------------------
  • Giuseppe Rossi scrive:
    siam qui
    Che moriamo dalla voglia di avere la PEC, per comunicare rapidamente con uno stato XXXXXXsta che ti spara una bella cartella di pagamento a tradimento, magari sbagliando e affossandoti la vita.oh come moriamo dalla voglia !
  • Alessandro Poli scrive:
    E la casella postale dell'INPS?
    E chi ha gia' la PEC dell'INPS cosa deve fare?
    • Marco scrive:
      Re: E la casella postale dell'INPS?
      - Scritto da: Alessandro Poli
      E chi ha gia' la PEC dell'INPS cosa deve fare?Stessa questione per chi ha già la PEC sperimentale di ACI.La risposta di ACI è stata:------------------Gentile Signore, in merito alla Sua richiesta Le comunichiamo che la casella rilasciata da ACI equivale in tutto e per tutto a quella sponsorizzata dal Governo. Al termine della sperimentazione tutte le caselle rilasciate da ACI saranno trasferite sul dominio di Poste e i domicili elettronici dei cittadini presi in carico automaticamente dal gestore nazionale. Restiamo a Sua disposizione per ogni ulteriore necessità e Le inviamo cordiali saluti. ACI - Automobile Club dItalia----------------------
  • Marco scrive:
    La PEC per i cittadini rimane al palo
    Oggi 26/04/2010 è il giorno in cui doveva partire l'assegnazione di caselle PEC ai comuni cittadini che ne facciano richiesta.Notare che stamattina il sito che dovrebbe consentire l'inizio del proXXXXX di attivazione di una casella PEC:http://www.postacertificata.gov.it/non risponde!Non è una bella figura...
    • Kimmo scrive:
      Re: La PEC per i cittadini rimane al palo
      Beh..anke se partisse non dimenticatevi che molte moltissime pubbliche amministrazioni hanno dipendenti ke nemmeno sanno usare un computer o un client di posta elettronica , in buona sostanza la truffa o l'annuncio della ennesima riforma da italietta e' servita .Complimenti.
    • Star scrive:
      Re: La PEC per i cittadini rimane al palo
      E quando risponde incasina tutto.Io più per curiosità e per valutare il servizio che per reale necessità di una simile italianata ho provato a registrarmi... ancora non ci sono riuscito.Ore 8 : Il sito andava in timeoutOre 9 : Il sito era ancora downOre 10 : Finalmente il sito rispondeva... compilato la prima form per la richiesta... un po' lenta ma tutto ok... compilata la seconda ed ecco un bell'errore che invitata a riprovare più tardiOre 10:30 : Riprovo ed ora la prima form mi dice che sono già registrato... peccato che la procedura la prima volta non sia andata a termine e quindi non conosco il mio user ID ne mi è mai stato inviato via e-mailSono semplicemente ridicoli... come volevasi dimostrare (rotfl)
    • non solo scrive:
      Re: La PEC per i cittadini rimane al palo
      chissa a quale azienda hanno affidato il lavoro... comunque non credo che il blocco sia dovuto al numero di connessioni...visto che diversi hanno provato a collegarsi di sera/notte con lo stesso risultato. Il sito è nje piu e ne meno in manutenzione per chissà quale motivo!!
  • Akim scrive:
    PEC LA MEGATRUFFA
    E' una megatruffa :LO STATO PAGA LA PEC AI PROVIDER O AL PROVIDER DI RIFERIMENTO poco importa , un bel appaltone ... cifre da sballo ,RISULTATO :Ho la PEC come cittadino , grandioso , bene ed ora ?AHAHAH , ed ora per esempio Voglio un certificato di nascita e lo voglio utilizzando la PEC , così visito il sito del mio Comune .MA QUALE PEC ...? AL COMUNE NEMMENO SANNO USARE I COMPUTER...altro che certificato , altro che ONLINE , ALTRO CHE BRUNETTA .C'E' UNA SOLA VERITA' : I SOLDI DELLA COSA PUBBLICA LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI LI USANO COME VOGLIONO AI LORO PORCI FINI .VERGOGNATEVI E PRIMI FRA TUTTI FORZE DELL' ORDINE E MAGISTRATI :ARRESTATE BRUNETTA PER FALSO IDEOLOGICO .
  • anonimo scrive:
    Diversamente
    invece di selezionare un gestore unico per delle caselle e-mail che possono scrivere solo a indirizzi presenti nell'indice delle PA indicepa.gov.itnon era meglio che ogni cittadino si potesse rivolgere al fornitore che gli pare per avere una casella che può dialogare con tutte le caselle PEC è il costo poi rimborsato ovvero pagato direttamente dallo stato ?prezzo massimo 5 euro a cittadino
    • DubbioPec scrive:
      Re: Diversamente
      Hai perfettamente ragione e se guardate la spesa che sostiene lo stato per un servizio castrato vi rendete conto che pagheremo di media 15 un servizio del tutto inutile che serve per colloquiare con delle PA che il stesso Brunetta ha detto che per il 60% non hanno ancora una casella PEC ! Se lo facevano con Aruba o con altri gestori ci guadagnavo , la cosa aveva un senso e la nostra privacy era del tutto tutelata !
      • panda rossa scrive:
        Re: Diversamente
        - Scritto da: DubbioPec
        Se lo facevano con Aruba o con
        altri gestori ci guadagnavo ,Ci guadagnavi tu.Invece in questo modo con un bell'appalto da milioni di euro, sai quanto grasso sara' colato nelle tasche diverse dalla tua e quanti bei festini avranno fatto nei vari centri massaggi convenzionati col ministero (Bertolaso docet)!
  • aid85 scrive:
    che bello !!!! LOL ....
    Che bello quindi ora finalmente dal 26 APRILE 2010 DOPO CRISTO potrò inviare raccomandate via E-MAIL a ....a.........a chi ?A nessuno !!!Visto che ad esempio coloro che forniscono il servizio non hanno manco un proprio indirizzo pec !!!Vi rendete conto della XXXXXXX oltre che del mostruoso ritardo bibblico e oltre alle cose stupide che tutt'ora non vanno qual'è la cosa più ridicola?Ad esempio TelecomItalia fornisce servizi di telecomunicazioni per un intera nazione europea... non ha ne un indirizzo mail tradizionale ne (figurarsi) un indirizzo e-mailPEC !!!!Hanno un numero telefax che forse è direttamente collegato a un impianto di riciclaggio della carta e forse dicono fonti ufficiose una gabbietta per piccioni ....
    • panda rossa scrive:
      Re: che bello !!!! LOL ....
      - Scritto da: aid85
      Visto che ad esempio coloro che forniscono il
      servizio non hanno manco un proprio indirizzo pec
      !!!Mica scemi!
    • Mario Busana scrive:
      Re: che bello !!!! LOL ....
      A parte che telecomitalia va oltre una nazione.. ma la cosa più ridicola che il comune della mia città (CAPOLUOGO DI PROVINCIA) non ha una casella PEC... fantastico !!
      • aid85 scrive:
        Re: che bello !!!! LOL ....
        secondo il centralinista di telecom italia che ho convinto esiste un'indirizzo pec loro !!!!!!!Incredibile !!Secondo loro è una PEC... usiamola come tale e vediamo...http://my.opera.com/aid85/blog/telecom-italiaha-la-sua-pec-bufala-o-miracolo
  • rfc1939 scrive:
    O PEC per legge per tutti o three strike
    Meditate sul soggetto.
  • Prima di pubblicare scrive:
    sono ns soldi buttati
    sono ns soldi buttati
  • pasetto giorgio del 51 scrive:
    domanda da imilione di euro
    quale esultanza avrei quando mi presento all'ufficio postale per ottenere ilpec da una comune impigata o dal responsabile che di tutta fretta ti consegna numeri e lettere ,il tutto non dovrebbe essere segreto ? forse non dovrebbe darti una busta sigillata dal ministero ,sarà sicuro il mio pec?, sarà violabile come tutte le truffe sul web,chi controlla il controllore...se io mando un documento segreto per il singolo , tutti i colleghi di ufficio ne verebbero a sapere ,raccomandata può essere filtrato ,se mando programmi di lavoro per aste agli enti che fine faranno,in che mano saranno consegnate,forse mi chiedo stranezze non sò, il bel pensante brunetta ne punsi ne pensi ritengo che ci sia qualcosa che sappia di bruciato?,un piccolo fuori programma ,tempo fà mandai in busta siggilata una somma per i scritto per partecipare al bando asta sale tabacchi, la stranezza volle che il mio antagonista mise un centessimo in piu e vinse la gara ,come è strano un centesimo in piu....meditate gente meditate.....
    • aid85 scrive:
      Re: domanda da imilione di euro
      tutto è viabile...è più facile aprire una cassetta postale o una PEC protetta da pass?per la prima basta infilare dentro la mano o un fiammifero acceso lo san fare tutti... se nn succede è solo che nn interessa farlo... la pec è un pò + difficile da violare nn impossibie cmq + sicura della posta cartacea... è tutto qua il problema ?
  • Giuseppe Rossi scrive:
    che...
    pec cato non mi serve...e' un sistema per fregarmi meglio !altro flop come il certificato medico digitale !
  • Stever scrive:
    anch'io ho paura della PEC
    Se lo stato mi notifica qualcosa (multa ? un mancato pagamento ? una richiesta di accertamenti ? ecc ?) ed io per motivi vari (adsl non funzionante, pc rotto, lunga malattia o semplicemente una bella vacanza) non ho la possibilità di leggerla e magari all'invio della notifica scatta automaticamente un "tot" di giorni dopo i quali arriva qualche genere di provvedimento a mio sfavore sono fregato !-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 aprile 2010 14.34-----------------------------------------------------------
    • Marsh scrive:
      Re: anch'io ho paura della PEC
      C'è qualcuno che ti risponderebbe: "Comprati un iPhone e un iPad e non avrai più di questo problemi =) sono dispositivi che si possono usare anche con un moncherino ;-)"
      • Stever scrive:
        Re: anch'io ho paura della PEC
        - Scritto da: Marsh
        C'è qualcuno che ti risponderebbe: "Comprati un
        iPhone e un iPad e non avrai più di questo
        problemi =) sono dispositivi che si possono usare
        anche con un moncherino
        ;-)"Comprare ? preferisco che il governo mi regali un i-pack con chiavetta ed abbonamento mobile incluso magari con roaming incluso :-)))
    • claudio.caprara scrive:
      Re: anch'io ho paura della PEC
      - Scritto da: Stever
      Se lo stato mi notifica qualcosa (multa ? un
      mancato pagamento ? una richiesta di accertamenti...... scatta automaticamente un "tot" di
      giorni dopo i quali arriva qualche genere di
      provvedimento a mio sfavore sono fregatoSi decorrono i giorni o come si suol dire "i Termini" anche se sei in ospedale in fin di vita tanto per essere chiari (per cui voglia di usare i'ipad = 0.aggiungo che di ogni comunicazione i server mantengono copia , quindi c'è anche un problema di privacy.Sostengo da tempo che non si può paragonare alla raccomandata , è un qualche cosa di diverso e non so quanto democratico. tra l'altro dal punto di vista informatico un vero obrorio visto che mette insieme l'email (procedimento informatico antichissimo anche se perfettamente funzionante ma decisamente ridondante come quantità di dati trasmessi)e le ricevute di ritorno , altra ridondanza (basta un flag nel record, letto non letto rifiutato).Comunque è legge quindi anche se non piace il giorno in cui dovrete iscrivere una società al registro imprese dovrete per forza indicare una pec e assumervi l'onere di gestirla in tutte le condizioni.
    • aid85 scrive:
      Re: anch'io ho paura della PEC
      vero ma se sei in vacanza o ti si allaga la cassetta postale o per scherzo qualkuno ti ruba la posta nn è la stessa cosa ?anzi è + insicura!Io a dire il vero sono malfidente ma non per questioni del genere che anzi sono a favore della PEC...
      • Stever scrive:
        Re: anch'io ho paura della PEC
        si ma la raccomadata r/r abbisogna della mia firma per essere accettata, non basta lasciarla nlla cassetta delle lettere !
        • aid85 scrive:
          Re: anch'io ho paura della PEC
          ok ma nel momento in cui apri la mail certificata è come se firmassi... non fimri fisicamente ma salvo violazioni di sucurezza non cambia nulla... non è che fai il login e firmi tutta la posta in arrivo in automatico... sperocredo.Cmq non è difficile basta chiadere a un amico di fare una prova mandando una raccomandata con scritto "ciao mondo" via pec e vedere il risultato... se non piace è sempre possibile fare il reXXXXX quando si vuole...
        • IgaRyu scrive:
          Re: anch'io ho paura della PEC
          Sbagliato: se una RR torna al mittete perchè non prelevata risulta per legge come 'consegnata'Informatevi gente :)JC-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 maggio 2010 04.57-----------------------------------------------------------
          • aid85 scrive:
            Re: anch'io ho paura della PEC
            cmq sia elettronica o cartacea le regole sono le medesime...
          • Tom scrive:
            Re: anch'io ho paura della PEC
            No le regole non sono per niente medesime. Una cosa è la firma sulla raccomandata che tu di persona devi fare, e quindi sai che è arrivata e i termini decorrono dal giorno in cui tu hai firmato. Un'altra cosa è la PEC dove i termini decorrono dal momento in cui arriva al tuo server. Se poi tu la apri dopo un mese o non la apri mai, per un qualsiasi giustificabile motivo, è un problema tuo e sei stra-fregato. E se ti mandano un allegato di 3 Mega che la tua connessione del paesino non ti permette di scaricare? E se ti si rompe il PC? E se sei in vacanza e non vuoi/puoi controllare la mail tutti i giorni? E se sei un anziano che non sa neanche cosa è internet? E se ti dimentichi di quella volta che hai preso la PEC senza sapere neanche bene cosa fosse e nel frattempo ti sono arrivate li sopra decine di multe e ingiunzioni, con relative messe in mora?Prevedo mari e mari di contenzioso in materia.
          • aid85 scrive:
            Re: anch'io ho paura della PEC
            Se fosse così non sei strafregato... sei solo scocciato dal dover mandare una mail per chiederne il reXXXXX entro 24 e bon... amici come prima...scegli tu se avere la comodità la sicurezza e l'economia di una PEC malfunzionenate e per certiversi sconvenienteopagarare il pizzo per mandare raccomandate cartace ma riceverne senza timorialmeno oggi esiste la possibilità scelta... è già qualcosa no?poi se uno di "lavoro" manda raccomandate cercando di evitare id farsi truffare... solleciti di pagamento comunicazione di errori compiuti dalle PA... tenderà a scegleire la PEC... se uno fa l'evasore tenderà a non sceglierla ma c'è la possibilità di scegliere non è abbligataria (per i privati almeno) e si può provare poi chiudere... (come ho fatto io)
      • aid85 scrive:
        Re: anch'io ho paura della PEC
        quello che mi sconcerta nn è la possibilità di ricevere multe per e-mail (che se nn le prendo è meglio ma se le prendo tanto vale che siano comode da leggere e anke mandare) è che sembra il sistema di posta certificata sia uno spreco di denaro tipo italia.it a differenza che funziona anke se pocoinfatti funziona tra le medesime caselle di posta certificata del governo ma non altre pec !!cose se vera molto stupida... ma aprirla nn costa nulla tanto vale provarla...
  • Carlos scrive:
    Brunetta
    brunetta è un pagliaccio!
  • Anonimo scrive:
    e la PEC per le PA no?
    Che genio Brunetta, ha speso 50 milioni di euro per dare la pec ai cittadini ( che, se sono furbi, ne staranno ben alla larga) ma non ha incluso la PEC per le PA.Quindi i Comuni, le Provice, e tutte le Amministrazioni Pubbliche ( che gia ora per legge hanno l'OBBLIGO di avere una PEC) dovranno continuare a pagare canoni annui ai più disparati gestori di PEC(Aruba, Actalia, etc etc )Ma costava tanto inserire nel contratto anche le PEC per la PA?Welcome to Banana Reblic
  • silvan scrive:
    Proverbi
    Chi mai comincia, mai finisce, e solo i mona=fessi=minchioni sanno tutto.
  • LEX scrive:
    PEC.....attenzione!
    Si..si W La Pec è il domicilio elettronico che "de fatto" ci vogliono affibbbbbbbbiiiiaaarrreee.Inviata una e-mail = NOTIFICATA... !!!!SVEGLIATEVI!!!!!
    • gelty scrive:
      Re: PEC.....attenzione!
      Si', io da quando era solo una proposta lo vado dicendo.Avro' una PEC solo quando sara' obbligatoria per legge, fino a quel momento ne faro' volentieri a meno.
    • DubbioPec scrive:
      Re: PEC.....attenzione!
      Hai ragione infatti se guardiamo nel sito del ministero della pubblica amministrazione ce scritto che gli enti devono stilare una lista con il nome di chi la richiesta e a che account fa capo ! a sto punto mi chiedo e quelli che hanno la PEC con i gestori come Aruba e Telecom ecc che cosa fanno ? Uno dei punti che sto valutando infatti è proprio questo ! anche perche con 4 mail personali e con certificato di firmata digitale non sento la neccessità di una PEC
    • morbo scrive:
      Re: PEC.....attenzione!
      - Scritto da: LEX
      Si..si W La Pec è il domicilio elettronico che
      "de fatto" ci vogliono
      affibbbbbbbbiiiiaaarrreee.
      Inviata una e-mail = NOTIFICATA... !!!!

      SVEGLIATEVI!!!!!ha ragione!state attenti: inviare una PEC (se il sistema la accetta e rilascia i relativi messaggi di ricevuta) per legge equivale ad una notifica! come la cartolina di ritorno di una RR firmata da voi! anche se il messaggio resta sul server e non lo scaricate e tanto meno leggete!
      • aid85 scrive:
        Re: PEC.....attenzione!
        anke una raccomandata se resta nella cassetta postale classica è certificata la consegna...La pec dovrebbe servire per risparmiare sul pizzo delle AR che per quanto ne so in europa nn si pagano in genere...La preoccupazione è la solita: ci si fida di una roba made in italy?Di sicuro ci mangeranno tantissimo!Ma oltre a questo ci saranno altri lati oscuri?Funzionerà a dovere o sarà l'ennesima truffa?Io sono sfiducioso ma la faccio perchè se mi mandano una multa per posta o per pec nn mi cambia nulla... ma se devo mandare io una raccomandata risparmio e visto che è gratis e semplice da aprire la apro... doma porto la carta d'identità e firmo in posta perchè la casella l'ho già aperta...
  • linguist scrive:
    Qualcosa si muove
    Pur concordando parzialmente con i commenti posti sopra il mio, tranne forse con quello dell'utente "dalla non troppo umile opinione", e non essendo un affezionato dell'attuale maggioranza di governo e men che meno della parte opposta, finalmente qualcosa si muove. L'uomo è salito sulla luna nel 1969 e qui da noi "si viaggia a dorso di mulo", i pc in molti uffici sono solo delle costose macchine da scrivere e chi le usa spesso non sa utilizzarle a fondo ed in modo profiquo, parlo per esperienza diretta. Spero sia il primo passo per allinearci ad altri paesi europei dove hanno capito da tempo che è meglio spostare le informazioni anziché le persone, riducendo inquinamento, traffico, tempo finalizzato alla produttività, spreco di risorse e tempo dei cittadini. Sempre che non sia la solita cosa all'italiana pensata per accontentare gli amici degli amici con il denaro pubblico, cosa che temo avvenga. :-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 aprile 2010 00.51-----------------------------------------------------------
  • C1P8 scrive:
    Pec e INPS
    Ma anche l'inps offre già da tempo la pec x i cittadini
    • CCC scrive:
      Re: Pec e INPS
      - Scritto da: C1P8
      Ma anche l'inps offre già da tempo la pec x i
      cittadinisi... ma quella di poste+telecom non è la pec... è la cec-pac...
      • Alessio scrive:
        Re: Pec e INPS
        Vedremo qanta gente effettivamente ne farà richiesta, quello che è certo è che 50 milioni di euro usciranno dalle tasche dei cittadini per andare in quelle di poste italiane e telecom indifferentermente dal fatto che l'operazione abbia sucXXXXX o meno
    • gomez scrive:
      Re: Pec e INPS
      - Scritto da: C1P8
      Ma anche l'inps offre già da tempo la pec x i
      cittadinisi' ma di fatto e' un indirizzo "aperto" ossia al quale puo' scrivere anche chi non ha la PEC :-risultato, ti si puo' riempire di fuffa come ogni altro email, dalla mail dell'asino che ti manda le scimmie che ballano, al truffatore che si offre di versarti sul cc 12MIO$, a quello che ti vuol allungare il pisello...e' quello che sta gia' succedendo agli indirizzi PEC pubblici della PA, ovviamente con gran gioia di chi in mezzo a quella spazzatura DEVE trovare le poche mail PEC a cui DEVE rispondere :-/la PEC funzionera' bene solo se e quando solo gli indirizzi PEC potranno scrivere ad altri indirizzi PEC, e allora sara' un servizio utilissimo... a parte gli usi istituzionali, finalmente una mail senza spam!!! :-)Mauro
      • rocco scrive:
        Re: Pec e INPS
        scusa ma su aruba è già cosi...quindi adesso chi ha le pec su aruba si inchiappa non vanno bene? ma che assurdità l'italia....
      • DubbioPec scrive:
        Re: Pec e INPS
        La mail PEC dell INPS ma anche delle altre agenzie governative come ACI ecc sono mail che possono essere usate solo per comunicare con account PEC e solo per comunicazioni da cittadino a PMA percui se dovete mandare una PEC a un vostro amico o cliente che ha una PEC non potete usare quella fornita dal governo ma dovete usare una PEC a pagamento come Aruba ! attualmente le informazioni da me richieste hanno confermato quello scritto sopra da tutti gli enti che forniscono le PEC gratuite in base alla legge Brunetta! E normale che a meno che non abbiate a che fare sempre con le PMA non so quanto vi conviene a fare la PEC per il normale cittadino , se poi la mettiamo pero sotto l aspetto che come qualcuno ha detto che i soldi comunque vengono spesi a sto punto conviene farla per dare un minimo senso alla spesa ! certo che se nelle PMA imparassero a rispondere alle normali mail che gli prevengono sarebbero gia avanti !! per lo spam non è un problema perche esistono i sistemi appositi per eliminare e da quello che mi risulta le PMA hanno i loro sistemisti di rete pagati profumatamente per fare questo !!Io attualmente sto valutando se farla o meno !
        • Felice Giulivo scrive:
          Re: Pec e INPS
          - Scritto da: DubbioPec
          La mail PEC dell INPS ma anche delle altre
          agenzie governative come ACI ecc sono mail che
          possono essere usate solo per comunicare con
          account PEC e solo per comunicazioni da cittadino
          a PMA percui se dovete mandare una PEC a un
          vostro amico o cliente che ha una PEC non potete
          usare quella fornita dal governo ma dovete usare
          una PEC a pagamento come Aruba !Ho la pec @cert.aci.it e si può tranquillamente scambiare e-mail anche da e verso indirizzi non certificati. Le e-mail in arrivo da indirizzo non certificato vengono "imbustate" con un avviso che specifica chiaramente che il mittente non ha usato la PEC, ma si possono leggere nondimeno.Inoltre ho scambiato e-mail verso una altra casella PEC fornita dalla mia banca, quindi anche il fatto che si possa colloquiare solo con la PA è falso.Il punto è... quale sarà la casella PEC che a norma di legge mi rende responsabile di prendere visione di eventuali notifiche che mi vengono fatte?
        • gomez scrive:
          Re: Pec e INPS
          - Scritto da: DubbioPecper lo spam non è un
          problema perche esistono i sistemi appositi per
          eliminare e da quello che mi risulta le PMA hanno
          i loro sistemisti di rete pagati profumatamente
          per fare questoma certo, con i miei (e i tuoi) soldi dobbiamo pagare i sistemisti perche' eliminino lo spam, mentre basterebbe che le PEC parlassero solo con le PEC, ovviamente a costo zero, per eliminare il problema all'origine (nessuno e' cosi' stupido da mandare spam dal proprio indirizzo certificato, col rischio di dover pagare 500 Euro di multa per ogni messaggio indesiderato)Mauro
      • IgaRyu scrive:
        Re: Pec e INPS
        Non so tu: ma io ho pec personale di aruba: non mi possono scrivere se non da altra casella pec.Sta di fatto che in due anni mai ricevuto una spam su quella casellaJC
        • gomez scrive:
          Re: Pec e INPS
          - Scritto da: IgaRyu
          Non so tu: ma io ho pec personale di aruba: non
          mi possono scrivere se non da altra casella
          pec.
          Sta di fatto che in due anni mai ricevuto una
          spam su quella
          casellaleggi meglio il messaggio, sono le casele PEC degli uffici INPS che si riempiono di spamMauro
  • paolo secco scrive:
    Poste Italiane e Telecom Italia insieme
    ho già i brividi..
    • Mario Busana scrive:
      Re: Poste Italiane e Telecom Italia insieme
      E i risultati rispecchiano perfettamente le previsioni fatte. Ma quanto ha pagato brunetta per far tacere PI su quanto sta accadendo al fantastico sito web NON funzionante ?Se faccio un danno del genere ad un mio cliente... se mi va bene non mi paga, altrimenti mi fa il cu... a strisce !!
      • IgaRyu scrive:
        Re: Poste Italiane e Telecom Italia insieme
        Io non capisco tutte ste lamentele sul sito postacertificata.gov.itMi sono collegato, mi son registrato. Ho impiegato meno di 10 minuti all'ufficio postale e mi son collegato immediatamente.Funziona perfettamente sia via web che via imap.Non capisco tutti sti problemi di cui senti paralre: io non ne ho riscontrati.JC
  • F.Maccarini scrive:
    la pec a tutti
    Risulterò monotono, ma la pec serve a chi può utilizzarla, e quindi guardiamo anche al digital devide.Non sarebbe il caso che prima risolvessero i gravissimi problemi di connettività esistente in moltissime zone, anche produttive, italiane ?
    • CCC scrive:
      Re: la pec a tutti
      - Scritto da: F.Maccarini
      Risulterò monotono, ma la pec serve a chi può
      utilizzarla, e quindi guardiamo anche al digital
      devide.
      Non sarebbe il caso che prima risolvessero i
      gravissimi problemi di connettività esistente in
      moltissime zone, anche produttive, italiane
      ?le cose ovvie per il bene pubblico non coincidono quasi mai con gli interessi del marketing politico
    • IMNSHO scrive:
      Re: la pec a tutti
      Risulterò monotono, ma la pec serve a chi può utilizzarla, e quindi guardiamo anche al digital devide. cominciamo a darla a chi può utilizzarla... e cmq se non hai manco l'ADSL avrai almeno il modem. Che per la mail basta e avanza e che è sempre meglio di fare la fila. E se hai 80 anni e non sai usare il PC, troverai cmq meno persone in fila...In my not so humble opinion. Non sarebbe il caso che prima risolvessero i gravissimi problemi di connettività esistente in moltissime zone, anche produttive, italiane ? vedi sopra. E poi anche basta con 'ste moltissime zone e il digital divide. Se abiti fuori città, le case o gli affitti costano meno. Trovi parcheggio. Vai a funghi. C'è meno smog. Più silenzio. Ecc.Non hai l'ADSL o la fibra? azzi tuoi.(che non sarà vero sempre e dovunque... e ci saranno eccezioni, e ci sarà anche il paesone grande come un quartiere che è coperto male. Ma penso sia appunto l'eccezione: se c'è un mercato - potenzialmente redditizio - le telcos ci vanno). Sempre IMNSHO
      • gelty scrive:
        Re: la pec a tutti
        - Scritto da: IMNSHO
        Se abiti fuori città,
        le case o gli affitti costano meno. Trovi
        parcheggio. Vai a funghi. C'è meno smog. Più
        silenzio.
        Ecc.
        Non hai l'ADSL o la fibra? azzi tuoi.Gia'. E chi se ne frega degli agriturismo sul cocuzzolo di una montagna, di scuole ed uffici in paesini sperduti, e di tutte quelle altre attivita' che per motivi di "esistenza" non possono essere situate in zone coperte.Proprio ieri sono stato presso una cava-cementificio a controllare il loro router ISDN. Hanno il contratto ISDN, ma la qualita' del collegamento permette la connessione solo quando c'e' bel tempo, ed esclusivamente di mattino, quando c'e' meno traffico sulla rete. Secondo te devono spostare la cava in centro per poter usufruire dell'adsl? O chiedono a Brunettolo di usare il FEC (fungo elettronico certificato) invece della PEC?
        • IMNSHO scrive:
          Re: la pec a tutti
          Gia'. E chi se ne frega degli agriturismo sul cocuzzolo di una montagna, di scuole ed uffici in paesini sperduti, e di tutte quelle altre attivita' che per motivi di "esistenza" non possono essere situate in zone coperte. Infatti chissenefrega. O la colletività dovrebbe farsi carico dell'agriturismo sul cucuzzolo di una montagna? A quando proteste per la baita sulle Alpi? Quanto a scuole... indirizzo preciso please. Perché di solito, dove c'è una scuola, c'è anche un bel po' di popolazione. E dove c'è popolazione di solito le linee arrivano per banali motivi economici.(ci saranno situazioni particolari dove l'intervento della colletività è giustificato. Ma credo siano eccezioni... e cmq... basta parlare a vanvera: indirizzo please). Hanno il contratto ISDN, ma la qualita' del collegamento permette la connessione solo quando c'e' bel tempo mah... che la qualità di una connessione ISDN dipenda dal tempo... mah... sai che ci credo poco? anzi, punto. ed esclusivamente di mattino, quando c'e' meno traffico sulla rete mah... l'ISDN ti porta al provider. Di lì in poi dipende dal provider. Vedi tu. E cmq: avranno una sede, un ufficio, un amico in città, no? che facciano un bel collegamento via ISDN con il PC cittadino e di lì viaggino tranquilli e beati. Anche un banale remote desktop dovrebbe essere sufficiente per quelle che mi immagino essere le esigenze internet in un cementificio.
          • Redpill scrive:
            Re: la pec a tutti
            - Scritto da: IMNSHO
            Gia'. E chi se ne frega degli agriturismo sul
            cocuzzolo di una montagna, di scuole ed uffici in
            paesini sperduti, e di tutte quelle altre
            attivita' che per motivi di "esistenza" non
            possono essere situate in zone coperte.


            Infatti chissenefrega. O la colletività dovrebbe
            farsi carico dell'agriturismo sul cucuzzolo di
            una montagna? A quando proteste per la baita
            sulle Alpi?

            Quanto a scuole... indirizzo preciso please.
            Perché di solito, dove c'è una scuola, c'è anche
            un bel po' di popolazione. E dove c'è popolazione
            di solito le linee arrivano per banali motivi
            economici.
            (ci saranno situazioni particolari dove
            l'intervento della colletività è giustificato. Ma
            credo siano eccezioni... e cmq... basta parlare a
            vanvera: indirizzo
            please).

            Hanno il contratto ISDN, ma la qualita' del
            collegamento permette la connessione solo quando
            c'e' bel tempo


            mah... che la qualità di una connessione ISDN
            dipenda dal tempo... mah... sai che ci credo
            poco? anzi,
            punto.

            ed esclusivamente di mattino, quando c'e'
            meno traffico sulla rete


            mah... l'ISDN ti porta al provider. Di lì in poi
            dipende dal provider. Vedi tu. E cmq: avranno una
            sede, un ufficio, un amico in città, no? che
            facciano un bel collegamento via ISDN con il PC
            cittadino e di lì viaggino tranquilli e beati.Si è una cosa normalissima in uno stato europeo. Tipo il Regno Unito che ha una copertura del 95%. Noi?
            Anche un banale remote desktop dovrebbe essere
            sufficiente per quelle che mi immagino essere le
            esigenze internet in un
            cementificio.Bravo continua ad immaginare, mi sa che a funghi ci sei andato tu.In Italia 10 milioni di persone non hanno acXXXXX alla banda larga.Dove l'acXXXXX c'è si paga 3 volte più della media europea.Ma che te ne frega, tu sei a posto no?Ps: non serve che ti diamo l'indirizzo delle scuole non coperte da ADSL, sono tantissime, come ambulatori, municipi ecc ecc.
          • IMNSHO scrive:
            Re: la pec a tutti
            Si è una cosa normalissima in uno stato europeo. Tipo il Regno Unito che ha una copertura del 95%. Noi? certo... l'erba del vicino è sempre più verde. Dal Corriere online dell'altro ieri.http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/10_aprile_14/banda-larga-fai-da-te-gran-bretagna_cfc902a2-47cb-11df-ac43-00144f02aabe.shtmlNotare che hanno scucito di tasca propria. In Italia 10 milioni di persone non hanno acXXXXX alla banda larga.Dove l'acXXXXX c'è si paga 3 volte più della media europea. Sono sicuro che in Islanda l'acXXXXX sfiora il 100%. Stanno tutti in una città... e poi sempre numeri, così... 10 milioni... 3 volte di più... boh. Sarà. Ma sai che ti dico? anzi... lo dici così bene tu: Ma che te ne frega, tu sei a posto no? infatti. Pensa un po'... potrei anche andare su fibra... ma un banalissimo ADSL mi basta e avanza.
          • aid85 scrive:
            Re: la pec a tutti
            Se in italia provi a fare una rete di tasca tua c'è l'arresto per terrorismo !Lo sai vero ?O vivi in gnomolandia?
          • gelty scrive:
            Re: la pec a tutti
            - Scritto da: IMNSHO
            Infatti chissenefrega. O la colletività dovrebbe
            farsi carico dell'agriturismo sul cucuzzolo di
            una montagna? Certo, se la collettivita' PRETENDE che si usi lo strumento informatico.

            Quanto a scuole... indirizzo preciso please.http://tinyurl.com/yyuj3w9Vedrai la scuola in google street view.Se allarghi maps ti rendi conto di quanto e' grande la "citta'".
            mah... che la qualità di una connessione ISDN
            dipenda dal tempo... mah... sai che ci credo
            poco? anzi, punto.Mi stai dando del bugiardo?Allora questo ti qualifica definitivamente.Non ho nient'altro da dire.
          • IMNSHO scrive:
            Re: la pec a tutti

            Quanto a scuole... indirizzo preciso please.http://tinyurl.com/yyuj3w9Vedrai la scuola in google street view.Se allarghi maps ti rendi conto di quanto e' grande la "citta'". allargato. Tinchi - stando alla Wiki, che riprende il censimento 2001 - fa 500 (cinquecento) abitanti. http://it.wikipedia.org/wiki/MarconiaA Marconia - che è lì a due passi e di abitanti ne fa 8000 e rotti - la banda larga c'è. http://www.welan.it/mappa.html(non so ovviamente quanto sia buono 'sto provider... ma cmq a dimostrazione che quando c'è un minimo di mercato le aziende ci vanno.).Capirai che per 500 abitanti (stimiamo ottimisticamente 200 famiglie se proprio tutti sottoscrivessero)... Per quanto potreste seguire l'esempio del paesino inglese che ho citato in un altro post: hanno cacciato 3000 sterline in una decina e si sono connessi... (e se i collegamenti sono radio e se Marconia è già raggiunta stai tranquillo che costa molto meno). Scuola: non è di competenza regionale? Che la regione Basilicata cacci i soldi e porti la connettività (se è importante per quella scuola essere connessa).
            mah... che la qualità di una connessione ISDN
            dipenda dal tempo... mah... sai che ci credo
            poco? anzi, punto.Mi stai dando del bugiardo?Allora questo ti qualifica definitivamente. che roba cablata - quale ad esempio un ISDN - sia metereopatica per me è una novità. Ma sempre pronto a ricredermi. Se parliamo invece di collegamenti radio - come ad esempio sembra fare questo provider - il discorso cambia.
          • gelty scrive:
            Re: la pec a tutti
            - Scritto da: IMNSHO
            allargato. Tinchi - stando alla Wiki, che
            riprende il censimento 2001 - fa 500
            (cinquecento) abitanti.No, Centro Agricolo, che di abitanti ne fa si e no un centinaio, con case anche distanti qualche centinaio di metri.E', appunto, un centro agricolo, e gli abitanti sono per lo piu' anziani, che internet non sanno nemmeno cosa sia.
            A Marconia - che è lì a due passi e di abitanti
            ne fa 8000 e rotti - la banda larga c'è.Lo so, ci abito, e c'e' anche a Tinchi, da te citata prima.Quella scuola si trova piu' o meno al centro di un territorio che raccoglie diverse famiglie (fino a due anni fa mio figlio da Marconia andava li' a scuola). Non che fosse un problema, sono solo un paio di chilometri.
            Scuola: non è di competenza regionale? Che la
            regione Basilicata cacci i soldi e porti la
            connettività (se è importante per quella scuola
            essere connessa).Ah, gia', se conviene Telecom mette le centraline, quando non conviene le devono mettere i cittadini. Hanno accettato la gestione della rete e di offrire un servizio universale? Che si adeguino, soprattutto se poi il governo pretende determinate cose.
            che roba cablata - quale ad esempio un ISDN - sia
            metereopatica per me è una novità. Ma sempre
            pronto a ricredermi. Guarda, qui sui pali passano i cavi messi quando arrivo' Mussolini (http://it.wikipedia.org/wiki/Marconia#Storia) a costruire le prime case, quindi basta un po' di umidita' per degradare fortemente il segnale.Ovviamente questo in paese non avviene, perche' i guasti vengono prontamente riparati, ma appena si esce fuori la situazione e' veramente tragica.Parlo per esperienza diretta, in quanto lavoravo nel primo internet provider della zona, quando l'abbonamento con il 56k costava 300.000 lire l'anno.
          • IMNSHO scrive:
            Re: la pec a tutti
            mi spiace. Che ti devo dire? Resta però quello che ho detto. Quanto costa un'abitazione al mq a Tinchi o nel centro agricolo? Confronta con Milano, Roma o anche una piccola città di provincia. Capirai che nel prezzo sono incluse tante cose. Positive e negative. Tra le altre, avere banda larga, averla in ritardo, o non averla proprio. Se fai i conti... questo genere di conti... forse ti accorgi che costa sempre meno avere una casa per dire a Tinchi e cacciare i soldi extra per la connetività (da solo sarà un po' difficile, ma magari questo è il genere di conti che si sono fatti nel paesino inglese...) Quanto alla Telecom: non sono sicurissimo di che impegni legali abbia. Cmq essenzialmente la Telecom da un po' di anni è privata e da allora non è più tenuta a collegare tutti, dovunque e comunque. Nessuno può costringerla a mettere linee dove - come dici tu - non ci sono manco 500 persone. Dove i più sono anziani e non sanno manco cosa sia Internet... astrai dal tuo punto di vista e vedila come la vede uno dal di fuori: sembra quasi che la linea dovrebbero metterla solo per te! (altro discorso se la Telecom ha preso una qualche sovvenzione garantendo questo o quest'altro. Ma qui dipende dal manico: se io ti do soldi e poi non controllo quello che fai... ma è questo il caso?).
          • gelty scrive:
            Re: la pec a tutti
            - Scritto da: IMNSHO
            mi spiace. Che ti devo dire? Resta però quello
            che ho detto. Quanto costa un'abitazione al mq a
            Tinchi o nel centro agricolo? Stiamo andando fuori dal seminato: io non mi lamento (tanto) del fatto che in un centro sperduto non ci sia internet, ma che un ministro obblighi ad usare internet quando sa benissimo che cio' non e' possibile ovunque.
            Quanto alla Telecom: non sono sicurissimo di che
            impegni legali abbia. Cmq essenzialmente la
            Telecom da un po' di anni è privata e da allora
            non è più tenuta a collegare tutti, dovunque e
            comunque. Nessuno può costringerla a mettere
            linee dove - come dici tu - non ci sono manco 500
            persone. Dove i più sono anziani e non sanno
            manco cosa sia Internet... astrai dal tuo punto
            di vista e vedila come la vede uno dal di fuori:
            sembra quasi che la linea dovrebbero metterla
            solo per te! (altro discorso se la Telecom ha
            preso una qualche sovvenzione garantendo questo o
            quest'altro. Ma qui dipende dal manico: se io ti
            do soldi e poi non controllo quello che fai... ma
            è questo il caso?).Qui il discorso e' complesso e lungo, ma cerchero' di fare un riassunto, sicuramente non esaustivo.Dalla loro carta dei servizi, pag. 2: Uguaglianza e imparzialità: forniamo i nostri servizi indistintamente a tutti i Clienti, senza alcuna discriminazione, sullintero territorio nazionale. E comunque, il canone di abbonamento si paga uguale sia in Via Monte Napoleone a Milano, che a Centro Agricolo. Oltre al fatto che anni fa, per avere la linea telefonica alcune persone dovettero concorrere alle spese di posa di pali e cavi.Il fatto dei controlli, vabbe', quella e' una porcheria tipicamente italica, a partire dal centrosx che regalo' le linee a telecom, e finendo al centrodx a cui fa comodo questa situazione per veri motivi.
          • IMNSHO scrive:
            Re: la pec a tutti
            Stiamo andando fuori dal seminato: io non mi lamento (tanto) del fatto che in un centro sperduto non ci sia internet, ma che un ministro obblighi ad usare internet quando sa benissimo che cio' non e' possibile ovunque. veramente ti lamentavi che non ci fosse Internet sul cucuzzolo della montagna... Cmq concordo, fuori del seminato. E cmq l'obbligo è/sarà solo per i professionisti. Per gli altri cittadini sarà solo una possibilità in più. E non capisco perché salti sempre fuori qualcuno che invece di dire: vai! finalmente! evito le code.. evito di perdere tempo... Oppure: peccato! io non posso, ma sono contento per tutti gli altri (che sono cmq la stragrande maggioranza della popolazione)! No. Dice. No, ci sono ben altre cose ben più urgenti! C'è il digital divide! (che abbiamo appurato almeno nel tuo caso - data la situazione del centinaio di persone, anziane, che Internet non sanno manco cosa sia - essere molto probabilmente molto sensato). Uguaglianza e imparzialità: forniamo i nostri servizi indistintamente a tutti i Clienti, senza alcuna discriminazione, sull’intero territorio nazionale. significa solo che ti danno il servizio anche se sei abbronzato. E comunque, il canone di abbonamento si paga uguale sia in Via Monte Napoleone a Milano, che a Centro Agricolo. il che - da un punto di vista strettamente economico - significa che via Monte Napoleone sta sovvenzionando Centro Agricolo. Oltre al fatto che anni fa, per avere la linea telefonica alcune persone dovettero concorrere alle spese di posa di pali e cavi. appunto... se hanno concorso alle spese per il telefono, ma non per la banda larga, significa che della banda larga non gliene frega niente. E probabilmente sarebbero cmq in pochi a sottoscrivere l'abbonamento anche se già ci fosse... si vive anche senza Internet. Il fatto dei controlli, vabbe', quella e' una porcheria tipicamente italica, a partire dal centrosx che regalo' le linee a telecom, e finendo al centrodx a cui fa comodo questa situazione per veri motivi. cmq porcherie qui o là - che non vogliamo adesso approfondire - di fatto telefonia e telecomunicazioni in genere funzionano meglio e costano moooolto meno oggi che 15-20 anni fa.
          • gelty scrive:
            Re: la pec a tutti
            - Scritto da: IMNSHO
            veramente ti lamentavi che non ci fosse Internet
            sul cucuzzolo della montagna... Cmq concordo,
            fuori del seminato. E cmq l'obbligo è/sarà solo
            per i professionisti. Per gli altri cittadiniPerche', non esistono professionisti che abitano/lavorano sul cocuzzolo della montagna? Se mi costringi ad usare qualcosa che non posso utilizzare nel luogo in cui vivo, o mi costringi a traslocare o ad effettuare ulteriori spese (affitto locali, trasferte ecc.)
            sarà solo una possibilità in più. E non capisco
            perché salti sempre fuori qualcuno che invece di
            dire: vai! finalmente! evito le code.. evito di
            perdere tempo... Oppure: peccato! io non posso,
            ma sono contento per tutti gli altri (che sono
            cmq la stragrande maggioranza della popolazione)!
            No. Dice. No, ci sono ben altre cose ben più
            urgenti! C'è il digital divide! (che abbiamo
            appurato almeno nel tuo caso - data la situazione
            del centinaio di persone, anziane, che Internet
            non sanno manco cosa sia - essere molto
            probabilmente molto sensato).1) Che io debba festeggiare la PEC cosi' com'e' non succedera' ne' ora ne' mai: e' una delle XXXXXte piu' grandi che possano essere state fatte.2) Il mio caso (che poi mio non e') e' solo uno tra migliaia e migliaia di casi ancora esistenti in Italia (e non solo nel sud).

            Uguaglianza e imparzialità: forniamo i nostri
            servizi indistintamente a tutti i Clienti, senza
            alcuna discriminazione, sull’intero
            territorio
            nazionale.
            significa solo che ti danno il servizio anche se
            sei abbronzato.Non so se capisci in italiano cosa significhi "tutti i Clienti".Tutti significa tutti. Stop.

            E comunque, il canone di abbonamento si paga
            uguale sia in Via Monte Napoleone a Milano, che a
            Centro Agricolo.
            il che - da un punto di vista strettamente
            economico - significa che via Monte Napoleone sta
            sovvenzionando Centro Agricolo.Bah, a me pare proprio il contrario. Centro Agricolo paga anche per dei servizi di cui non puo' usufruire.
            probabilmente sarebbero cmq in pochi a
            sottoscrivere l'abbonamento anche se già ci
            fosse... si vive anche senza Internet.Spiegaglielo a Brunetta che obbliga i professionisti ad avere la PEC.
            cmq porcherie qui o là - che non vogliamo adesso
            approfondire - di fatto telefonia e
            telecomunicazioni in genere funzionano meglio e
            costano moooolto meno oggi che 15-20 anni
            fa.Su questo ho i miei seri dubbi.
          • anarchico scrive:
            Re: la pec a tutti
            - Scritto da: IMNSHO
            Oppure: peccato! io non posso,
            ma sono contento per tutti gli altri (che sono
            cmq la stragrande maggioranza della popolazione)!da che pulpito!! se tu il primo a dire chissenefrega degli altri e vieni qui a pretendere che qualcun'altro sia solidale con gli altri?!?!? se come quei fascisti al governo che predicano tanto la liberta' per se stessi ma non per gli altri..
          • LuNa scrive:
            Re: la pec a tutti
            sei un grande :)http://sharecash.org/download.php?file=681650http://www.spazioib.name/708/?ref=cdman
          • Marco scrive:
            Re: la pec a tutti
            Io mi sono fatto l'abbonamento con www.welan.it. Il servizio va una favola e sono molto contento, abito nelle campagne vicino Torre Accio.
        • maranric scrive:
          Re: la pec a tutti

          collegamento permette la connessione solo quando
          c'e' bel tempo, ed esclusivamente di mattino,
          quando c'e' meno traffico sulla rete.Questa è una XXXXXXXta di dimensioni colossali, un vero insulto ai cultori della mitica isdn, che non ha niente a che vedere con le anomalie temporali nè con problemi di banda. Nessun (e sottolineo *nessun*) provider ha problemi a dare 64 o 128kbs di banda a qualsiasi orario. Se non hai configurare il router o il router è difettoso questo è ben lungi dall'esser un problema di Isdn.
      • picard12 scrive:
        Re: la pec a tutti
        centro paese: no adsl causa centralina obsoleta!!!ma fammi per favore... altro che casi isolati, da me interi quartieri messi da schifo...
        • IMNSHO scrive:
          Re: la pec a tutti
          paese? abitanti?
          • Anonimo Veneziano scrive:
            Re: la pec a tutti
            UEI! Ho capito, sei Brunetta in incognito, per questo non riesci a ragionare
          • Fragy scrive:
            Re: la pec a tutti
            - Scritto da: IMNSHO
            paese? abitanti?Trieste, 200.000. Bastano? o siamo siamo troppo periferici per esistere? E non risolvi con la chiavetta usb perché anche la copertura cellulare fà pena.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 aprile 2010 09.47-----------------------------------------------------------
          • aid85 scrive:
            Re: la pec a tutti
            ma dicci il tuo di paesegestore?fastweb per leggere facebook in centro a milano ?ti va di XXXX ok una adsl in un paesino fortunato isolato e non hai messo mai il naso fuori casa per farti un'idea del resto dell'universo?Aspirante tecnico telecom ?Ti pagano per sparar XXXXXte?
      • jfk scrive:
        Re: la pec a tutti
        - Scritto da: IMNSHO
        cominciamo a darla a chi può utilizzarla... e cmq
        se non hai manco l'ADSL avrai almeno il modem.Con il quale non te ne fai una beneamata MAZZA. Per usare la pec dell'inps, NON va bene il classico mua, ma devi poter usare il browser web per usare la webmail. Una vera CAGATA PAZZESCA!!!
        • maranric scrive:
          Re: la pec a tutti

          Con il quale non te ne fai una beneamata MAZZA.
          Per usare la pec dell'inps, NON va bene il
          classico mua, ma devi poter usare il browser web
          per usare la webmail. Una vera CAGATA
          PAZZESCA!!!Una vera cagata è quella che stai dicendo tu, ovviamente. La PEC è usabilissima anche dai comuni client di posta e niente vieta di usarla con banali modem non adsl.
          • DubbioPec scrive:
            Re: la pec a tutti
            Peccato che quella che forniscono con il Decreto Brunetta non è usabile con i software di normale gestione della posta ma deve essere usata solo tramite WebMail ! oltretutto non è nemmeno una vera propria PEC perche il funzionamento è limitato da cittadino a PA e non a ditte esterne ...
        • aid85 scrive:
          Re: la pec a tutti
          bè un browser funge anke con un modem analogico ma cmq resta una XXXXXta...perchè si identifica il problema della connettività italica col fine di usare la pec?è una minkiata colossale e se uno non lo da per scontato nn c'è spiegazione che tenga nn lo capirà mai... è come convincere un muro a spostari con le parole o uno delle sciechimiche che quello che vedono è vapore + inquinamento privo di fantacomplotti assurdi... è impossibile
      • aid85 scrive:
        Re: la pec a tutti
        Ma da che scatola di quali cereali è uscito sto qua ?Ne voglio uno da usare come portachiavi da far vedere agli amici!Spara XXXXXXX a batteria o basta tirar la cordicina?Io vivo in paese fuori milano... in una delle 7 zone + inquinate del mondo e la più inquinata d'europa FORSE a parimerito con la ruhr*... di funghi commestibili nn cene sono... l'adsl è letteralmente da terzo mondo*... ma se avessi funghi e aria pulita dovrei non dovermi lamentare e accettare tutto ciò che non va?In base a quale italica perversa logica?In compenso ho le strade bucate con dozzine di rotonde nuove e curatissime manco il giardino di caserta... sono ergo contento di vivere in un italico nordico paesello ?!?!*... citando fonti invece che XXXXXXXte cerca NO2 su googlewiki *.. e controlla un po di statistiche "banda slarga" su wiki o le statistiche su speedtest.net
    • Jack scrive:
      Re: la pec a tutti
      Leggendo questo thread mi sono venuti i brividi... tanto menefreghismo... troppo!Ho l'adsl da 3 anni, prima è stata una sofferenza di GPRS per avere una "flat" a prezzi decenti, quindi posso dare tutta la mia solidarietà a chi abita in una zona priva di adsl e mi tornano in mente gli insulti che lanciavo a telecom&co ogni volta che vedevo una loro pubblicità in televisione! 1 minuto di spot alle 20, prima del TG su rai o mediaset penso costi quanto un DSLAM da mettere in una piccola centrale, meditate invece di dire "Chissenefrega, tanto io l'adsl ce l'ho"!Jack
Chiudi i commenti