La rete ora ha un backbone in più

Completati i lavori su un importante cavo sottomarino nel Pacifico
Completati i lavori su un importante cavo sottomarino nel Pacifico

la mappa del cavo Roma – I backbone che collegano il mondo telematico e consentono ai cittadini della rete di farne un uso pressoché globale ora hanno un nuovo amico : si chiama “Trans-Pacific Express” ed è un festone di 18mila chilometri nel Pacifico con una capacità di 6 terabit al secondo.

Il cavo sottomarino collega, in particolare, Cina e Stati Uniti, servendo contestualmente anche Taiwan e Corea del Sud, e rispondendo così ad una richiesta imperativa e sempre più urgente di maggiori capacità di banda.

L’opera è costata 500 milioni di dollari ed è il frutto di uno sforzo coordinato di sei diverse società di telecomunicazioni: l’americana Verizon, la taiwanese Chungwa, la sudcoreana KT e le cinesi China Telecom, China Netcom e China Unicom. Al consorzio sono anche legati in qualità di partner giganti come la statunitense AT&T e la giapponese NTT.

Tra i problemi che il nuovo “Express” risolve anche quelli creati nel 2006 dal terremoto nei pressi di Taiwan, che portò alla distruzione di una quantità di infrastrutture di connessione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 09 2008
Link copiato negli appunti