L'armatura liquida è più resistente

BAE Systems intende realizzare un nuovo tipo di protezioni e armature basate su un liquido speciale. Diversamente dal Kevlar è in grado di attutire anche l'impatto, mitigando i potenziali danni al corpo
BAE Systems intende realizzare un nuovo tipo di protezioni e armature basate su un liquido speciale. Diversamente dal Kevlar è in grado di attutire anche l'impatto, mitigando i potenziali danni al corpo

Un’armatura “liquida” più leggera e resistente del Kevlar, che per di più attutisce molto meglio l’effetto devastante dei proiettili: ci sta lavorando il contractor militare britannico BAE Systems , che sostiene di poter “fermare” i colpi senza lasciare gli spiacevoli ricordi (ossa rotte, ferite e dolore intenso) del succitato Kevlar.

Impiegando un gel liquido definito “Shear Thickening”, gli ingegneri BAE sostengono di poter ridurre gli strati di Kevlar necessari alla composizione dell’armatura e dei giubbotti antiproiettile. L’armatura così realizzata è il 45 per cento più sottile di quelle in puro Kevlar, è dunque molto meno pesante, crea meno impaccio e può sostenere l’impatto di proiettili da 10 millimetri.

In più, il gel liquido presente tra gli strati di Kevlar ha la caratteristica di “indurirsi” quando viene esercitata una pressione – ad esempio, uno dei proiettili di cui sopra – distribuendola equamente su tutta la superficie piuttosto che focalizzandola su un singolo punto come fanno le protezioni di Kevlar “puro”.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 04 2012
Link copiato negli appunti