L'arto bionico è Bluetooth

L'azienda britannica che da tre anni vende protesi hi-tech presenta un nuovo modello di mano artificiale

Roma – Dopo aver svolto un ruolo pionieristico nel campo delle protesi tecnologiche, gli ingegneri di Touch Bionics che nel 2007 avevano messo in commercio i-Limb, una mano artificiale tecnicamente simile all’originale “umano”, sveleranno durante l’ ISPO World Congress di Lipsia, in Germania, una versione migliorata dello stesso apparato che poi verrà messo in vendita dal prossimo giugno.

Si chiamerà i-Limb Pulse e a differenza del primo modello utilizza una tecnologia brevettata da Touch Bionics che consente di controllare meglio la forza dell’arto a seconda dell’oggetto da maneggiare e dell’azione da compiere. Inoltre la struttura completamente in alluminio dovrebbe permettere di sollevare carichi fino a 90 kg, rendendola attualmente la protesi più resistente sul mercato.

i-Limb Pulse

Per la realizzazione del modello Pulse i tecnici di Touch Bionics si sono affidati al feedback dei soggetti che in questi anni hanno utilizzato i-Limb, anche se per il momento sembra che le protesi saranno complementari, almeno per il momento. Sarà dunque l’utente, in accordo con un medico, a scegliere quale delle due farsi impiantare: “In questi tre anni abbiamo potuto raccogliere una grande quantità di informazioni che – ha spiegato il CEO di Touch Bionics, Stuart Mead – hanno contribuito in maniera fondamentale allo sviluppo di i-Limb Pulse”.

Le analisi hanno dimostrato che gli utilizzatori preferiscono una protesi il più possibile somigliante a una mano umana, per cui i tecnici di Touch Bionics hanno preparato due modelli di dimensioni diverse per assecondare questo bisogno. Fondamentale inoltre per il funzionamento di i-Limb Pulse è il software interno BioSim che sfrutta la connettività Bluetooth per permettere all’utente di impostare, attraverso il programma per computer MyBioSim, i movimenti da far compiere all’arto a seconda dell’azione che intende effettuare.

Giorgio Pontico

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • infame scrive:
    che senso ha?
    che senso ha fare questa manifestazione in Italia?ogni anno c'è sempre meno gente.agli italioti non frega niente della privacy, vogliono solo le tette e il pallone in TV e i buoni sconto al supermercato e che si fotta tutto il resto.mi pare quindi giusto che abbiano ciò a cui agognano, cioè uno stato e un governo illiberale e neofascista.
  • bubba scrive:
    bantha poodoo & co
    Ricordo che tra Ritorno Dello Jedi (ep.6) del '77, la versione "rimasterizzata" dello stesso ,L'Attacco dei Cloni (ep.2) e le rispettive traduzioni italiane ,c'e' un bel daffare tra "bantha poodoo" e "fooder", con traduzione "XXXXX", "sei cibo per bantha" ecc... qualcuno sa con precisione tutta la trafila?
    • bubba scrive:
      Re: bantha poodoo & co
      aggiungo, anche se non c'entra con il mio msg precedente: ma dai Jabba the Calamar... o Lord Fener o Darth Vader ... Lord Vader non se po' senti' :)
      • Pincopalla scrive:
        Re: bantha poodoo & co
        - Scritto da: bubba
        o Lord
        Fener o Darth Vader ... Lord
        Vader non se po' senti'
        :)Darth Vader e basta. Il nome Fener non è mai esistito ed è solo frutto di una delle tante improbabili traduzioni italiane tipiche di qualche decennio fa.Tutto sommato ci è andata bene: se Star Wars fosse uscito nel ventennio, il padre di Luke l'avrebbero chiamato Signor Anchino Camminacielo.
        • bubba scrive:
          Re: bantha poodoo & co
          - Scritto da: Pincopalla
          - Scritto da: bubba

          o Lord
          Fener o Darth Vader ...
          Lord

          Vader non se po' senti'

          :)

          Darth Vader e basta. Il nome Fener non è mai
          esistito ed è solo frutto di una delle tante
          improbabili traduzioni italiane tipiche di
          qualche decennio
          fa.si lo so che e' frutto della traduzione italiana... ma "esiste" eccome .. nel senso che e' ormai radicato in 30anni di storia...
          Tutto sommato ci è andata bene: se Star Wars
          fosse uscito nel ventennio, il padre di Luke
          l'avrebbero chiamato Signor Anchino
          Camminacielo.ghhghg
        • Lord Kap scrive:
          Re: bantha poodoo & co
          - Scritto da: Pincopalla
          Darth Vader e basta. Il nome Fener non è mai
          esistito ed è solo frutto di una delle tante
          improbabili traduzioni italiane tipiche di
          qualche decennio fa.Mah, a dire il vero ricordo che fu concordata con la produzione di Lucas.-- Saluti, Kap
        • guast scrive:
          Re: bantha poodoo & co

          Darth Vader e basta. Il nome Fener non è mai
          esistito ed è solo frutto di una delle tante
          improbabili traduzioni italiane tipiche di
          qualche decennio fa.Più semplicemente avevano paura che Darth Vader finisse per essere storpiato in Darth Water
  • Drummer scrive:
    Forfait di Darth Vader
    Ma quindi non avremo più nemmeno Cassandra?Spero proprio di no, o PI perderebbe la sua parte migliore.
  • blabblo scrive:
    Nooo ma cheXXXXXta
    come da oggetto, VOGLIO VEDERLO
  • ullala scrive:
    e va bene...
    Aspetteremo che...O grandio lust Jabba du Hutt amu intoe tah parena.E a quel punto...Ya kun boska bolia!
Chiudi i commenti