Le "DirectX" open source su PS2

Le librerie SDL, la controparte open source delle DirectX, sbarcano sulla console di Sony aprendole la strada ai giochi open source


Web (Internet) – La possibilità che presto possano essere rilasciati giochi open source per la Playstation 2 si fa più concreta grazie all’annuncio, da parte del progetto SDL (Simple DirectMedia Layer), del porting delle omonime librerie grafiche sulla console di Sony.

Le SDL si possono considerare la risposta open source alle DirectX di Microsoft e sono librerie multimediali cross-platform rilasciate con licenza LGPL e progettate per fornire agli sviluppatori un accesso veloce alle schede video e audio di un PC.

Le SDL sono disponibili per Linux, Windows, BeOS, MacOS, Solaris, IRIX e FreeBSD, e sono già state sfruttate in alcuni celebri giochi in versione Linux come “Civilization: Call To Power”.

Il porting delle SDL su PS2 è stato possibile grazie al rilascio, da parte di Sony, del PS2 Linux Kit, una versione del Pinguino che spalanca le porte del vasto mondo dell’open source alla console giapponese.

Sam Lantiga, leader del progetto SDL, sostiene che presto sarà possibile scrivere e far girare giochi SDL open source o commerciali per PS2. Linux potrebbe dunque divenire una piattaforma di sviluppo di giochi, soprattutto di titoli free con qualità commerciale, che possano poi essere portati, con il minimo sforzo, su un elevato numero di piattaforme.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Penso alla povera Microsoft
    Mi viene in mente subito il bellissimo servizio di Microsoft ... WindowsUpdate o OfficeUpdate... l'unico che a volte funziona meglio del suo sistema operativo...
  • Anonimo scrive:
    Che ha brevettato ?
    Non si possono brevettare circuiti elettronici e software !Il suo brevetto se lo tiene nel cassetto per il momento !
  • Anonimo scrive:
    Ma basta!!!
    Ma chi si credono di essere questi americani!!Come si può sviluppare del software se si rischia continuamente di infrangere un brevetto e finire in tribunale!?!?Un conto sono le idee, un altro il modo di realizzarle!Le idee devono essere libere!!!Ma i loro brevetti sono validi anche in Italia???
  • Anonimo scrive:
    E se qualcuno brevettasse le palle!
    Nessuno potrebbe più adoperare qualunque tipo di palle, si avete capito bene, anche quelle li.Chi volesse adoperarle dovrebbe acquistare i diritti e le licenze d'uso.Ah Ah Ah, naturalmente è uno scherzo, anche se vi consiglio di informarvi prima di adoperare le palle, qualcuno potrebbe averle brevettate veramente e vi ritrovereste in mezzo a una strada per pagare le multe e i danni.Ma dove siamo arrivati???? che roooobaaaa, tra un po' brevetteranno anche le passeggiate a cavallo e il modo di respirare, che roooobaaaa!!!!!!Ma è possibile che nessuno fa nulla?
  • Anonimo scrive:
    io ho brevettato...
    la tazza del cesso...siete pregati ogniqualvolta la utilizziate di versare (oltre alle vostre sostanze fisiologiche) 15$ (visa e mastercard also accepted) al'indirizzo sotto riportato.Sono disponibili contratti particolari per utenze enterprise.E' strettamente vietato effettuare qualsiasi copia della tazza anche se a scopo di backup.
  • Anonimo scrive:
    proclama:
    CONTRO L'INFORMATICA GESTITA DAGLI AVVOCATI VIVA L'INFORMATICA GESTITA DAI PIRATI.SCUSATE MA TRA I PRIMI E I SECONDI PREFERISCO I SECONDI .
  • Anonimo scrive:
    Pirla? No, Pirla(TM)
    Pirla(TM) l'ho registrato e brevettato IO e solo IO posso fregiarmene. Girate al largo dal mio brevetto.
  • Anonimo scrive:
    Precisazione doverosa
    Prego la Redazione di modificare la parola "McAfee" con "McAfee.com". Le due parole benche' simili indicano due societa' COMPLETAMENTE diverse.La prima e' societa' parte di Network Associates, la seconda e' societa' totalmente distaccata anche se Network Associates mantiene una sostanziale fetta di azioni (ma null'altro, perche' non ha potere decisionale).Anche se a voi sembrera' poco, la differenza e' notevole. Sono situate in uffici diversi, citta' diverse, e contano un numero di impiegati diversi, oltre al fatto che McAfee.com compare sul Nasdaq con il proprio simbolo (MCAF).Grazie.
  • Anonimo scrive:
    chi è sto pirla?
    bah.
Chiudi i commenti