Le major licenziano, colpa di Internet

Questa la tesi delle industrie che in Francia si apprestano a licenziare centinaia di persone. I sindacati non ci stanno, ma l'allarme non è nuovo


Parigi – Riporta Agence France-Press che l’industria discografica francese, come tutto il settore in Europa assediato da una situazione di mercato molto difficile, ha in animo di licenziare un certo numero di dipendenti, un numero che nell’insieme entro pochi mesi potrebbe superare quota mille. Tutto questo si dovrebbe, secondo l’industria, ad Internet.

Contro i licenziamenti si stanno mobilitando i lavoratori e già nelle scorse ore a Parigi davanti al ministero della Cultura hanno manifestato circa 300 dipendenti delle case discografiche. I loro sindacati, secondo quanto descritto dalla principale agenzia di stampa del paese, non ritengono credibili le tesi delle major della musica secondo cui il calo del mercato è consistente e si deve in buona parte alle attività di download illegale condotte via Internet.

Secondo i grandi del settore, infatti, nel corso del 2004 le vendite si sono contratte del 20 per cento, contro il 15 per cento dell’anno scorso.

Secondo Martine Zulber, rappresentante del sindacato CFDT che ha organizzato lo sciopero e la manifestazione di Parigi, da un lato le imprese sono arrivate tardi nell’affrontare i nuovi mercati e nell’adattarsi all’era digitale, dall’altro l’unico modo con cui stanno reagendo a tutto questo è con una logica contabile .

Va ricordato che da almeno tre anni i big player dell’industria di settore risentono dei problemi legati al calo del mercato, per il quale tendono sempre più spesso ad accusare la rete , e alle conseguenze occupazionali che questa contrazione può portare con sé.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    riduciamo a lavavetri tutti i discografi
  • Anonimo scrive:
    a questo punto è più comoda la radio
    ke sta pure su alcuni modelli nokia, senza stare a scaricare ogni 72 ore
  • Anonimo scrive:
    Fischiettare un ritornello
    Vorrei capire: se mi metto a fischiettare un ritornello di un brano musicale possono gia' spararmi oppure a questo punto non ci siamo ancora arrivati?Se non ci siamo (per ora) arrivati a questi estremi, vuol dire che posso fischiettare un ritornello.Bene.Se posso fischiettarlo, potro' anche strimpellarlo sulla tastiera bontempi che ho a casa (ho studiato musica da piccolo e' ho un buon orecchio, quindi bene o male ci riesco).Se riesco a strimpellarla, riesco a ricostruirne le note e il giro di accordi.A questo punto posso inserire le note nel telefonino e farmi da me la suoneria con quella musichetta.Tutto chiaro fin qui? Ditemi quando sto cominciando a compiere un illecito per il quale e' prevista la pena di morte, che magari mi fermo prima...Allora, siamo arrivati alle note e alla musichetta inserita nel mio telefonino.Benissimo, la provo, funziona, mi soddisfa.E adesso posso inviare la sequenza delle note, via mail a qualche amico che la vuole inserire anche lui?Posso pubblicarla sul mio sito internet che cosi' chi vuole se la inserisce (lasciamo perdere per ora la storia del bollino blu).Se fin qui ci siamo facciamo un passetto in piu'.Posso trasmettere la mia suoneria ad un altro cellulare via SMS?
    • Anonimo scrive:
      Re: Fischiettare un ritornello
      Visto che hanno chiesto agli alpini di pagare i diritti di autore per cantare l'inno, probabilmente a te sparano subito alla prima nota che cominci a fischiare. Mi dispiace ma ti ho bloccato al primo punto :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Fischiettare un ritornello
        - Scritto da: Anonimo
        Visto che hanno chiesto agli alpini di
        pagare i diritti di autore per cantare
        l'inno, probabilmente a te sparano subito
        alla prima nota che cominci a fischiare. Mi
        dispiace ma ti ho bloccato al primo punto :)Adesso capisco perche' Vieri e compagni non cantano mai l'inno di Mameli prima delle partite della Nazionale :)
  • Anonimo scrive:
    Il rito del taglio dei capelli?
    Potevano fare il rito dello hara-kiri e avrebbero avuto più credibilità.
    • voodoo81 scrive:
      Taglio dei capelli
      - Scritto da: Anonimo
      Potevano fare il rito dello hara-kiri e
      avrebbero avuto più
      credibilità.:D:D:D:D
  • avvelenato scrive:
    vogliono mangiare di più
    questo è il colmo, prima le case discografiche sono d'accordo e poi si lamentano.cancellazione dopo 3 giorni?? è un buon compromesso!è chiaro che il p2p non lo si può fermare, ma se lo si rende inutile con alternative legali, verrà ridotto!ma la verità è che fintantoché le majors non la smetteranno di ragionare in termini di 1 ascolto gratuito = 1 mancato introito non potranno fare altro che frignare furti inesistenti, e rischiare di perdere le scarse possibilità di compromessi che hanno con gli utenti ragionevoli... cavoli loro!
    • Stephan scrive:
      Re: vogliono mangiare di più
      ti quoto in pieno...secondo me son caduti nel ridicolo gia' da tempo!... e stanno pure cominciando a scavare... Stephan disgusted
  • Anonimo scrive:
    Soldi che si sciolgono a tempo
    Bisorrebbe inventare questo tipo di soldi per pagare le major. Come loro cancellano o rendono inutilizzabili delle opere con DRM e viadicendo, anche noi dovremmo pagarle con soldi che si sciolgono dopo un certo tot di tempo
    • Anonimo scrive:
      Re: Soldi che si sciolgono a tempo
      - Scritto da: Anonimo
      Bisorrebbe inventare questo tipo di soldi
      per pagare le major. Come loro cancellano o
      rendono inutilizzabili delle opere con DRM e
      viadicendo, anche noi dovremmo pagarle con
      soldi che si sciolgono dopo un certo tot di
      tempoGuarda che se ci rifletti questa metodologia "della scadenza" e' in ogni ambito.Se compri una moto essa scade (dopo 5-10 anni e' da buttare)Se compri un'auto essa scade (dopo 7-15 anni e' da buttare)Se compri un PC essa scade (dopo 3-5 anni si rompe)Se compri rasoio esso scade (dopo qualche anno si rompe ed e' da buttare)MEDITATE GENTE, MEDITATE.
      • Anonimo scrive:
        Re: Soldi che si sciolgono a tempo
        - Scritto da: Anonimo

        Guarda che se ci rifletti questa metodologia
        "della scadenza" e' in ogni ambito.Tolto l'ambito degli alimentari freschi, per evidenti ragioni, la scadenza non ha ragion d'essere se non per ignominose volonta' consumistiche.
        Se compri una moto essa scade (dopo 5-10
        anni e' da buttare)A te e' scaduto il cervello...
        Se compri un'auto essa scade (dopo 7-15 anni
        e' da buttare)Confermo: e' proprio scaduto.Ho tenuto una panda per 20 anni, dopo averla presa usata.E ce l'avrei ancora adesso se non era per quella storia della benzina verde.Certo che se tu guidi come scrivi, a te le macchine non durano di certo...
        Se compri un PC essa scade (dopo 3-5 anni si
        rompe)Si rompe il tuo, utonto trollazzo che non lo sai usare.Io ho ancora il mio vecchio Spectrum, comprato nel 1986, che funziona ancora.
        Se compri rasoio esso scade (dopo qualche
        anno si rompe ed e' da buttare)Si chiama "usa e getta" e comunque c'e' scritto sopra la confezione, e comunque ci sono delle alternative al rasoio usa e getta.
        MEDITATE GENTE, MEDITATE.Si, bravo, vai a bere la birra prima che scada...La nostra civilta' si basa su oltre 5000 anni di evoluzione culturale, che e' giunta fino a noi proprio perche' NON SCADE.L'ingegno dell'uomo si e' evoluto e propagato in tutti i settori, dall'architettura, alla musica, alle arti figurative.Forse che la musica di Mozart aveva una scadenza?O gli affreschi di Michelangelo?O le grandi cattedrali?La cultura e l'arte sono cose create per durare in eterno, altro che scadenza.Se qui c'e' qualcosa di scaduto e' solo il tuo cervello.
        • Anonimo scrive:
          Re: Soldi che si sciolgono a tempo
          - Scritto da: Anonimo
          Tolto l'ambito degli alimentari freschi, per
          evidenti ragioni, la scadenza non ha ragion
          d'essere se non per ignominose volonta'
          consumistiche.Bravo, vedo che hai imparato presto, dato che e' anche da considerare l'ambito alimentare.
          A te e' scaduto il cervello...A te invece e' scaduto quello che dovresti avere nelle mutande :D
          Confermo: e' proprio scaduto.
          Ho tenuto una panda per 20 anni, dopo averla
          presa usata.
          E ce l'avrei ancora adesso se non era per
          quella storia della benzina verde.
          Certo che se tu guidi come scrivi, a te le
          macchine non durano di certo...Ecco come vedi e' scauta la tua vecchia panda :D
          Si rompe il tuo, utonto trollazzo che non lo
          sai usare.
          Io ho ancora il mio vecchio Spectrum,
          comprato nel 1986, che funziona ancora.E che ci fai la birra con quello? :P
          Si chiama "usa e getta" e comunque c'e'
          scritto sopra la confezione, e comunque ci
          sono delle alternative al rasoio usa e
          getta.Ecco quando arriveranno i CD e i DVD usa e getta stara' scritto anche su quelli :D :D
          Si, bravo, vai a bere la birra prima che
          scada...Quale? Quella fatta con tuo pc del 1440? :D
          La nostra civilta' si basa su oltre 5000
          anni di evoluzione culturale, che e' giunta
          fino a noi proprio perche' NON SCADE.
          L'ingegno dell'uomo si e' evoluto e
          propagato in tutti i settori,
          dall'architettura, alla musica, alle arti
          figurative.

          Forse che la musica di Mozart aveva una
          scadenza?
          O gli affreschi di Michelangelo?
          O le grandi cattedrali?E le ristrutturazioni dove le mettiamo? :D
          La cultura e l'arte sono cose create per
          durare in eterno, altro che scadenza.
          Se qui c'e' qualcosa di scaduto e' solo il
          tuo cervello.Ricontrolla tra le tue mutande che trovi la muffa :D
  • Anonimo scrive:
    Mah!
    Questi stanno veramente fuori!!! Ma non scehrziamo, ma un file mp3 in un telefonino per quanto possa essere polifonico...ma che qualità mai avrà, e poi si tratta solo di una melodia......o usata come suoneria, come segnale di un sms, mms fate voi.....al limite ci sarà 1 persona su 1 milione che si sentirà gli mp3 sul telefonino con le cuffie!!! Ma cosa credono che a questo mondo esiste solo musica, film video e copyright tali da fermare progresso tecnologico, p2p, internet stessa.....ora tutto ruota intorno alle major.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah!
      Sono d'accordo con te con il concetto che volevi esporre nel tuo post, ma vorrei farti presente che in Corea per quanto riguarda i celullari sono assai avanti.Infatti i cellulari in questione hanno a disposizione un mini-jack per le cuffie, e la qualità è uguale a quella dei normali lettori mp3.Inoltre, anche senza usare le cuffie, con il viva voce, la qualità è impressionante!!!Fidati... sono avanti!!!Addirittura come suonerie non usano nemmeno quelli polifonici, ma direttamente file mp3 o mmf.
      • Anonimo scrive:
        Re: Mah!
        - Scritto da: Anonimo
        Sono d'accordo con te con il concetto che
        volevi esporre nel tuo post, ma vorrei farti
        presente che in Corea per quanto riguarda i
        celullari sono assai avanti.
        Infatti i cellulari in questione hanno a
        disposizione un mini-jack per le cuffie, e
        la qualità è uguale a quella
        dei normali lettori mp3.
        Inoltre, anche senza usare le cuffie, con il
        viva voce, la qualità è
        impressionante!!!
        Fidati... sono avanti!!!
        Addirittura come suonerie non usano nemmeno
        quelli polifonici, ma direttamente file mp3
        o mmf.Quindi con questa qualita' che hanno i cellulari coreani, se tu mi telefoni e io sto a casa mia a sentire lo stereo, se accosto il cellulare alla cassa per farti sentire ci arrestano entrambi?Io per aver condiviso e tu per aver scaricato?Perche' in Italia attualmente e' cosi'... 4 anni di carcere a testa.
Chiudi i commenti