Le major negano le licenze per il podcasting

In Olanda si sta consumando l'ennesimo confronto fra le case discografiche e la Buma Stemra, la SIAE olandese, sulla questione delle licenze nel settore dell'audio-podcasting. Manca il DRM


Amsterdam – Le major discografiche olandesi hanno rifiutato di collaborare al progetto di realizzazione di un documento licenziatario unitario per il podcasting , una proposta avanzata dalla Buma Stemra la SIAE olandese . Secondo il portavoce della Dutch Association of Phonogram and Videogram Producers ( NVPI ), che raccoglie la maggior parte delle case discografiche, comprese EMI, Universal e Sony BMG, la mancanza di sistemi di Digital Rights Management ( DRM ) sarebbe l’unico ostacolo all’accordo. Al momento i podcaster, quindi, non potrebbero accedere ai file audio dei membri del NVPI.

La Buma Stemra, però, quest’estate, in netto contrasto con i discografici, ha attivato una licenza provvisoria che permette ai podcaster di scaricare e riprodurre ufficialmente i contenuti audio scaricati dal Web. I siti di podcasting commerciali sono obbligati a pagare un minimo di 85 euro al mese; gli utenti circa 35 euro al mese per un numero illimitato di tracce. Un fulmine a ciel sereno per il settore, dato che la Buma Stemra è il primo ed unico organismo di questo tipo nella UE ad aver implementato una soluzione di questo genere.

L’attuale licenza, comunque, non copre ancora tutti i diritti d’autore, ma solo quelli che fanno riferimento ai compositori, musicisti ed editori. Buma si sarebbe aspettata l’adesione delle major, ma queste hanno rifiutato giustificandosi con il fatto che i servizi di podcasting, almeno per ora, non possono essere controllati a dovere: in quest’ottica l’accesso illimitato è considerato inaccettabile.

“Noi semplicemente non capiamo per quale motivo tutti debbano pagare la stessa cifra”, ha dichiarato Wouter Rutten, portavoce della NVPI. Un’affermazione che continua ad essere in linea con la filosofia dell’industria di settore, poco incline ad una politica licenziataria di semplice implementazione.

L’Olanda rappresenta, in questo momento, l’avanguardia del settore. Come dimenticare, infatti, la clamorosa assoluzione di Kazaa e il decisivo sostegno, da parte della Buma Stemra, alla causa della licenza europea ? La “Siae olandese” certamente non si è mai distinta per essere un’associazione “antagonista” ma forse questa volta ha colto nel segno, dell’equilibrio ovviamente.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Col cavolo
    Io per vedere CSI mi devi dare tu a me i soldi
  • Anonimo scrive:
    Quante cose non pagavamo...
    Acqua - Bastava quella del rubinettoTV - Bastava la pubblicitàBollino Blu - Non c'era bisognoControllo Caldaia - Andavano bene così...Ma e così via, fino a sfinimento.
  • Ottav(i)o Nano scrive:
    Risparmiate (meno di) 1 Euro...
    http://isohunt.com/torrents.php?ihq=law+order&ext=&op=andhttp://isohunt.com/torrents.php?ihq=csi&ext=&op=and :D :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Risparmiate (meno di) 1 Euro...
      - Scritto da: Ottav(i)o Nano
      http://isohunt.com/torrents.php?ihq=law+order&ext=
      http://isohunt.com/torrents.php?ihq=csi&ext=&op=an

      :D :DQuesta è istigazione a delinquere, lo sai, vero?
      • ryoga scrive:
        Re: Risparmiate (meno di) 1 Euro...
        - Scritto da: Anonimo

        Questa è istigazione a delinquere, lo sai, vero?A me sembra di piu' istigazione a delinquere, quella delle società che ti vendono fuffa a 1 euro o +.Dimostrano infatti che uno + rubar soldi legalmente se ha una base solida e una buona schiera di avvocati
  • sh4d scrive:
    fregatura all'ennesima potenza
    e poi? finite le 160 ore ?con un videoregistratore normale buttavo tutto su 40 videocassette da 4 ore (per fare un esempio).Qui invece ogni volta devi cacciare fuori il grano.Pagare pagare pagare all'infinito...CSI lo mandano anche sulla televisione normale, e fino a prova contraria non pago niente.Se il concetto di rivoluzione del video on demand è farti pagare dalle quattro alle dieci volte tanto allora sono decisamente fuori strada.Mi pare che anche sky abbia tirato fuori un decoder con hard disk interno.Se lo possono dare in faccia per quel che mi riguarda.
    • Anonimo scrive:
      Re: fregatura all'ennesima potenza
      - Scritto da: sh4d
      e poi? finite le 160 ore ?Più che altro siccome lasciano dentro la pubblicità e c'è pure l'apparecchio e l'abbonamento mensile da pagare... be' sti cazzo di telefilm almeno potevano darli gratis.
Chiudi i commenti