Le RDRAM che osarono superare il GHz

Rambus continua la sua corsa alle prestazioni e annuncia nuovi chip di memoria in grado di raddoppiare la velocità di trasferimento dati e allungare sulle dirette concorrenti, le DDR. Obiettivo: leadership


Los Altos (USA) – Nel mercato dei PC, accanto alla guerra delle CPU, vi è un’altra grande sfida in corso: quella fra le memorie RDRAM di Rambus e le memorie DDR DRAM promosse dal consorzio di produttori JEDEC.

Queste ultime, basate su di uno standard aperto e supportate da oltre 50 chipmaker, sono state inizialmente tagliate fuori dal mercato del Pentium 4 da politiche di Intel influenzate dai suoi rapporti contrattuali con Rambus.

Con il recente rilascio, da parte di Intel e dei chipmaker taiwanesi, di chipset per P4 finalmente in grado di supportare le DDR, queste hanno ora la possibilità di valicare il mercato legato alle CPU di AMD per espandersi anche in quello dei P4. In questo sono favorite soprattutto dal prezzo, generalmente più basso rispetto a quello delle RDRAM, e alle loro discrete prestazioni, spesso più che sufficienti anche per la fascia medio-alta del mercato dei PC.

Rambus, che oggi rischia di essere nuovamente confinata ad una nicchia di mercato hi-end, continua a spingere sulle prestazioni e ad allargare il divario, in termini di banda passante, fra i propri chip e quelli della concorrenza.

Seguendo questa logica Rambus ha annunciato nel corso dell’Intel Developer Forum le sue nuove memorie RIMM4200 in grado di correre a 1066 MHz ed offrire, attraverso l’adozione di due canali di dati con una larghezza di banda di 2,1 GB/s, fino a 4,2 GB/s di transfer rate. Le più veloci DDR attualmente in vendita, le PC2700, offrono una larghezza di banda di 2,7 GB/s.

Il rilascio dei nuovi moduli 4200, atteso per il secondo trimestre dell’anno, rientra nei piani di Rambus per portare i propri chip, entro il 2005, ad offrire transfer rate di 9,6 GB/s a 1200 MHz di clock.

Per sfruttare appieno le potenzialità dei nuovi moduli di memoria di Rambus Intel dovrà presto aggiornare la velocità del front-side bus dei P4 portandolo dagli attuali 400 MHz a 533 MHz.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti