Legge Urbani, la situazione

di Daniele Minotti - La contestata normativa è in vigore con tutto il peso di un testo che punisce severamente comportamenti assai diffusi. Un riassunto ragionato della situazione

Roma – I termini parlamentari, quelli prima della pausa estiva, sono, come è sotto gli occhi di tutti, scaduti e il Ministro Urbani non ha mantenuto l’impegno di eliminare le sanzioni penali introdotte – e poi affinate – con il decreto che porta, convenzionalmente, il suo nome. O, forse, non ha potuto, come riferisce qualche voce menzionando alcuni problemi burocratico-parlamentari.

Sta di fatto che il decreto, nella sua conversione per certi versi peggiorativa, è pienamente in vigore e non so quanto si possa contare sull’inerzia di chi, pur dovendolo far rispettare, confida in una modifica, anche con la riapertura dei palazzi romani e pur considerando l’impegno del Ministro Stanca che, come riferito da Punto Informatico , sarebbe, ora, competente per la questione.

Malgrado le nuove rassicurazioni (massimo due mesi), sono un po’ pessimista sulle modifiche (il ritorno al sistema previgente imperniato su sanzioni amministrative e non penali) e visto che questo testo rischia di rimanere immutato, che la pausa estiva dei vacanzieri telematici può aver fatto dimenticare la questione, mi sono ripromesso di riassumere i termini della vicenda, sperando di essere “leggero e leggibile” come il gossip estivo che, ormai, ci sta lasciando. Servirà anche a me, come ripasso.

Non sono certo il primo a scrivere della materia. Molti autori mi hanno preceduto e, probabilmente, hanno già detto tutto e di più, fin troppo, secondo me. Il mio contributo vuole soltanto essere poco più che un riassunto anche a commento dello opinioni altrui.
Tra i vari autori che ho letto, mi è piaciuto molto Andrea Rossato, uno studioso di area accademica eppure, in barba ai nostri preconcetti, semplice e comprensibile. Prenderò spunto proprio da Andrea.

Facciamo un passo indietro, nell’epoca “Avanti Urbani” (A.U. se vi garbano gli acronimi). Tempo fa, avevo sostenuto che il file sharing di contenuti tutelati, ma praticato senza fini di lucro, non costituiva reato; al limite poteva comportare una sanzione amministrativa. Con orgoglio – e forse anche con un po’ di presunzione – devo dire che questa mia conclusione non ha incontrato grosse smentite. Molti sono stati d’accordo con me, anche coloro che, ufficialmente, sostenevano il contrario. La riprova sta precisamente nell’introduzione delle nuove norme: se non ve ne fosse stato bisogno per sanzionare penalmente, nessuno le avrebbe caldeggiate.

Con il Decreto Urbani (decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72), dunque, sono state mosse le prime pedine per un aggravamento del trattamento sanzionatorio: non soltanto nella quantità (pene più elevate), ma, soprattutto, nella qualità (un allargamento dell’influenza penale ad erosione di quella amministrativa).

Brevemente, alcuni particolari:
– è stata introdotta, nell’art. 171- ter l.d.a. di rilevanza penale, l’ipotesi specifica della diffusione “al pubblico per via telematica, anche mediante programmi di condivisione di file fra utenti” di “un’opera cinematografica o assimilata protetta dal diritto d’autore, o parte di essa, mediante reti e connessioni di qualsiasi genere”;
– analogo intervento è stato fatto a livello amministrativo con l’aggiunta del comma 2- bis all’art. 174- ter l.d.a.; con un innalzamento, però, delle sanzioni applicabili rispetto alle altre ipotesi previste dalla stessa disposizione, con la previsione della confisca di strumenti e materiali, con la gogna mediatica della pubblicazione del provvedimento su “su un giornale quotidiano a diffusione nazionale e su di un periodico specializzato nel settore dello spettacolo”.

Mi fermo qui. Non perché le altre modifiche siano poco rilevanti, ma perché, mettendo troppa carne al fuoco, rischierei di distogliere l’attenzione su quello che sembra interessare maggiormente coloro che possono utilizzare sistemi di file sharing. Una popolazione consistente, per quello che è facile immaginare.

Una prima osservazione: il decreto, prima della conversione, si riferiva soltanto a materiali “audiovisivi”, con esclusione, ad esempio, di opere musicali e software. Una cosa che ha lascito perplessi molti: da un lato perché non vi erano motivi per riservare trattamenti diversificati, dall’altro perché in non pochi era nato il sospetto che il decreto fosse stato “voluto” da specifici titolari dei diritti, in particolare contatto col Ministro.

Sotto diversi profili, Andrea Rossato ha acutamente osservato che, probabilmente (e a prescindere dagli innalzamenti di penale nonché dalla previsione delle sanzioni accessorie appena menzionate) il decreto era inutile. Praticamente tutti erano d’accordo sul fatto che lo sharing di materiali protetti fosse illecito: penalmente se compiuto con scopo di lucro, amministrativamente negli altri casi.

A ben vedere, oggi – e che, come si vedrà, è accaduto di peggio – il decreto Urbani non ha rappresentato un pugno di ferro di tipo penale contro l’illegalità. Ecco perché, se rivediamo un po’ la cronaca, i più forti mugugni si sono levati dagli ISP, i veri colpiti dalla nuova e intermedia normativa, costretti (peraltro in termini sufficientemente non chiari tanto da risultare terroristici) a trasformarsi in veri e propri delatori (peraltro, come è noto, non facilmente e legalmente “monitorabili” dal semplice privato) a pena di sanzioni tanto elevate quanto risibili e che, proprio per questi motivi, non sono certo che qualcuno si sentirà, in coscienza, di applicarle.

Ma torniamo al trattamento riservato agli utenti guardando al momento della conversione (dunque al regime giuridico attualmente in vigore). Molti, al peggio, si aspettavano un mantenimento della situazione. Qualcuno si è pur illuso che il decreto non passasse e, invece, nella confusione della discussione in Commissione, sono sortiti tanti emendamenti, approvati distrattamente da quasi tutte le forze politiche, da provocare una preoccupante ipertrofia del decreto, questa volta gravemente peggiorativa della posizione degli utenti che utilizzano lo sharing di opere protette.

E siamo giunti, così, alla legge 21 maggio 2004, n. 128. Attualmente, visto che, come detto, la normativa è ancora in vigore malgrado le promesse del Ministro su quel disegno di legge di cui si dirà, la situazione può essere così riassunta:

– tutte le violazioni contemplate dall’art. 171- ter l.d.a. (in pratica fonogrammi e videogrammi) sono, ora, punite a mero titolo di profitto, in luogo del precedente lucro; in termini semplici – e spero non eccessivamente poco rigorosi – anche se non si trae un vantaggio patrimoniale, col limite, però, dell’uso personale (non sanzionabile penalmente in quanto fatto salvo anche con la disciplina vigente, nei termini, però, che si vedranno);

– il file sharing, nella prospettiva della comunicazione con messa a disposizione (di chi, in sostanza, pone in condivisione) è punito, sempre anche a titolo di mero profitto, con le sanzioni, penali, applicate per le aggravanti (e, qui, sorgerebbero anche delle serie complicazioni interpretative che non voglio trattare per evitare confusione). Una riflessione fondamentale sul punto. Non pochi interpreti hanno sostenuto che, il già cennato mantenimento dell’inciso “se il fatto è commesso per uso non personale” lascerebbe fuori del penale l’utente di sharing più comune, cioè quello che, semplicemente, condivide.
Ma, come dice Law, noto poster di it.diritto.internet e it.diritto, è assai arduo sostenere che chi condivide (a prescindere dalla condotta di download da altri di cui, a breve, si parlerà) lo fa per “uso personale”; perché, appunto, lo sharing connaturalmente esorbita dall’àmbito personale (che non è, si badi bene, l’esatto contrario di “commerciale”);

-il download, pur mediante canali e strumenti di sharing, di materiali protetti è, invece, rimasto di mera rilevanza amministrativa; semplicemente perché il pur ipotetico caso di chi scarica soltanto (senza condividere alcunché di protetto) non pone in essere quella comunicazione sanzionata dal legislatore. Il fatto è, però, che, come fattomi giustamente notare dall’amico e collega cagliaritano G.B. Gallus, molte applicazioni di sharing (Emule e Shareaza, giusto per citarne due tra i più noti) rendono disponibili ad altri utenti anche i download parziali. Dunque, in questi casi, non vi è una reale distinzione tra “uploader” e “downloader”, con la conseguenze che anche i secondi diventano automaticamente sanzionabili sotto il profilo penale (in quanto anche “uploader”);

-sono scomparse (in quanto non riproposte in sede di conversione) le “eccezionali” (per quantità e qualità) sanzioni amministrative già previste per quelli che, in buona sostanza, erano gli usi personali; con due ordini di precisazioni, però, vale a dire che da un lato, come detto sopra, certe condotte “private” sembrano rientrare nello schema delle norme penali, dall’altro che rimane pur sempre il vecchio testo dell’art. 174- ter l.d.a., applicabile ad alcune ipotesi di file sharing (il mero downloading);

Sull’uso personale vanno, però, fatte alcune ulteriori riflessioni perché sarebbe troppo superficiale fermarsi al dato letterale di una legge che, in quanto scritta male, non garantisce interpretazioni univoche; paradossalmente, la “Rete del peccato” ci viene in aiuto perché sul sito del Parlamento sono pubblicati tutti i resoconti parlamentari. Si scopre così che il più ampio ambito punitivo (il profitto in luogo del lucro) è stato proposto dall’On. Carlucci, Relatrice, in Commissione, alla Camera, che, a specifica domanda, ha giustificato la cosa per la necessità di venire incontro alle esigenze delle major, desiderose di essere garantite il più possibile, lasciando, tuttavia, fuori gli usi personali. Usi personali di cui, però, la Relatrice non sembra aver capito la reale portata (come detto, per il file sharing sembrano essere statisticamente irrilevanti). Dunque?

Ed ora cosa accadrà? Come molti sapranno, il Ministro è accusato di non aver mantenuto l’impegno di sollecitare l’approvazione di un disegno di legge, già presentato, che, di fatto, riporterebbe con un solo salto a piè pari, all’epoca “Avanti Urbani”; in due mosse, almeno per quello che ci riguarda:
– con la reintroduzione del fine di lucro (in luogo del fine di profitto);
– comunque, con la soppressione di tutto l’art. 1 del decreto-legge 72/2004 così come risultante dopo la conversione.

Io faccio una piccola considerazione che, in fondo, può sostenere le mie idee, già esposte, circa lo sharing e la duplicazione “per uso personale”: se, veramente, queste due condotte non sono penalmente sanzionabili, come mai questo colpo di spugna a 360 gradi è caldeggiato da più parti e, in particolare, dagli stessi che sostengono la tesi della non criminalizzazione? Semplicemente perché i rischi ci sono, eccome; lo dice la stessa relazione al disegno di legge, basta leggerla.

In conclusione, è necessario un ritorno al passato, per tanti motivi: ponderazione, decenza e? giustizia. E mi riferisco soprattutto al rispetto per l’art. 3 della Costituzione, come già sottolineato da Rossato, per la semplice considerazione che chi scarica anche soltanto un’opera per fruirla tra le mura della propria abitazione non può essere punito come il grosso trafficante di opere piratate.

La palla, come detto proprio da Punto Informatico, passa ora al Ministro Stanca.

Daniele Minotti
Studio Legale Minotti (Genova)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Solo 1000 files? Zippiamo gli album
    - Scritto da: Anonimo


    ma se dice 1000 file, intente 1000
    files.

    quello che dici è giusto, pero'
    il

    fatto dei 1000 file non è chiaro.

    ovviamente pagherai per aver violato
    1000

    volte il (c) pero' non ci sarà

    nessuna pena bonus di 3 anni visto che
    il

    file in condivisione, fino a prova

    contraria, era uno solo.....

    certo, come dire che vado in un supermercato
    e non pago per la roba che compro ma solo i
    sacchetti che riesco a riempire.
    Se ho preso 5 confezioni di tarallucci, pago
    cinque confezioni di tarallucci (a meno di
    offerte :p) e non il costo del sacchetto
    solo perchè dentro gli faccio stare
    40 pacchi di tarallucci!! :D
    Come giustamente diceva poco sopra un utente
    ben informato, la legge è
    precisamente mirata al "contenuto" (oggetto
    coperto da copyright) e non al contenitore
    (unico file zippato). State tranquilli che
    politici e major sono tutto fuorchè
    idioti quando si tratta dei loro interessi
    :D e gli scrocconi che se le sognano tutte
    per continuare a scroccare sono proprio
    divertenti:pI politici non sono altro che delle pedine in mano alle multinazionali e quindi anche delle majors. Non contano più nulla ormai, per cui non c'è da stupirsi se le leggi che partoriscono sono fatte su misura al fine di difendere gli interessi di quelle piovre.Il, tuo ragionamento riguardo gli scrocconi è ormai aria fritta ,i figli di papà come te guardano dall'alto in basso e con la puzza sotto il naso chi condivide files, e così facendo appoggia e giustifica i ladri legalizzati.E tu sai chi sono i ladri legalizzati vero??
  • F. scrive:
    Re: Chi inflia lo SPYWARE??
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: F.





    - Scritto da: Anonimo


    Non a caso (c'è tutta una

    letteratura


    online) dal Windows '95 IN POI, a
    causa

    di


    oscure ragioni CIA (oggi NSA) i
    prodotti


    Windows risultano farciti di
    funzioni


    SPYWARE.


    Per verificare questo, oltre a
    semplici

    doti


    ottiche (vedi sguardo alla
    letteratura


    citata)


    Puoi provarlo? Non parlare per sentito

    dire.. :s


    www.google.it/search?hl=it&ie=ISO-8859-1&q=sp
    (sveglia!)Certo... Hai mai acchiappato uno sniffer e "sniffato" le comuncazioni durante il collegamento web??Dimmi uno spyware di xp. Uno a caso che sia contenuto nell'os subito dopo l'installazione. (ma non dirmi la chiave di registro alexa)


    Senza tener conto degli spyware

    incorporati


    di Real Audio (& Video), che uno
    magari

    si


    scarica di testa sua.



    Se uno è stupido che ci casca,
    sono

    fatti suoi.


    Lo testimoniano giornalmente milioni di
    milioni di UTONTI.....Si arrangino! :D


    Potremmo considerare spyware

    (obbligatorio,


    per i winari, utonti) anche le
    funzioni


    'memorizzanti' (i dati personali e


    precedenti) dei documenti in Word,
    e


    allora???



    Hanno tolto questa funzione, con una
    patch.

    Grazie. Da quanto, di grazia?Adesso non mi ricordo dove lo ho letto, ma era una patch per office2003(fa parte
    dell'imbecillità di chi/coloro
    è/furono incaricato/i di assemblare
    Win & successori)
    Tu, prima della patch, lo sapevi??Certo!Impare anche te ad aprire (notepad o editor hex)i file per vedere se dentro c'è il tuo nome.Basta anche fare tasto destro sul file (doc) e vedere tra le proprietà.
    Ora pensa ai tuoi colleghi, a quanto gli
    preme scaricare le patch, se sanno cosa
    stanno facendo, ed il resto. Ma qui
    scivoliamo nella filosofia, o nel
    patologico.
    Rimaniamo nel topic.

    (Le patch non mi interessano, e Word
    nemmeno. Come faro'??)A me basterebbe che nella licenza (eula.txt) di windows (tu non la hai letta a fondo, vero??) ci fosse scritto "THIS SOFTWARE DOES NOT TRANSMIT ANYPERSONALLY IDENTIFIABLE INFORMATION FROM YOURSERVER TO MICROSOFT COMPUTER SYSTEMS WITHOUT YOUR CONSENT.", come per windows 2003.Invece nel xp non c'è scritto niente di questo.E una bella correzione sarebbe cambiare "ANYPERSONALLY IDENTIFIABLE INFORMATION" in "ANY INFORMATION OF YOUR COMPUTER AND YOUR COMPUTER'S DATA"
    "Se passa questa legge, Gates è il
    primo (o il secondo) a finire dentro"A me basta che rispetti la privacy.. farlo finire in galera sarebbe solo uno sfizio personale. Sarebbepiù giusto far pagare indietro ai suoi utenti parte dei soldi spesi per comprare il SO.
    Sveglia. Vedremo che è il più sveglio.. :D==================================Modificato dall'autore il 12/09/2004 18.55.07
  • Anonimo scrive:
    Re: Chi inflia lo SPYWARE??
    - Scritto da: F.


    - Scritto da: Anonimo

    Non a caso (c'è tutta una
    letteratura

    online) dal Windows '95 IN POI, a causa
    di

    oscure ragioni CIA (oggi NSA) i prodotti

    Windows risultano farciti di funzioni

    SPYWARE.

    Per verificare questo, oltre a semplici
    doti

    ottiche (vedi sguardo alla letteratura

    citata)
    Puoi provarlo? Non parlare per sentito
    dire.. :s
    http://www.google.it/search?hl=it&ie=ISO-8859-1&q=spyware+in+Windows&btnG=Cerca+con+Google&meta=(sveglia!)

    Senza tener conto degli spyware
    incorporati

    di Real Audio (& Video), che uno magari
    si

    scarica di testa sua.

    Se uno è stupido che ci casca, sono
    fatti suoi.
    Lo testimoniano giornalmente milioni di milioni di UTONTI.....

    Potremmo considerare spyware
    (obbligatorio,

    per i winari, utonti) anche le funzioni

    'memorizzanti' (i dati personali e

    precedenti) dei documenti in Word, e

    allora???

    Hanno tolto questa funzione, con una patch.Grazie. Da quanto, di grazia? (fa parte dell'imbecillità di chi/coloro è/furono incaricato/i di assemblare Win & successori)Tu, prima della patch, lo sapevi??Ora pensa ai tuoi colleghi, a quanto gli preme scaricare le patch, se sanno cosa stanno facendo, ed il resto. Ma qui scivoliamo nella filosofia, o nel patologico.Rimaniamo nel topic."Se passa questa legge, Gates è il primo (o il secondo) a finire dentro"(Le patch non mi interessano, e Word nemmeno. Come faro'??)Sveglia.
  • F. scrive:
    Re: Chi inflia lo SPYWARE??
    - Scritto da: Anonimo
    Non a caso (c'è tutta una letteratura
    online) dal Windows '95 IN POI, a causa di
    oscure ragioni CIA (oggi NSA) i prodotti
    Windows risultano farciti di funzioni
    SPYWARE.
    Per verificare questo, oltre a semplici doti
    ottiche (vedi sguardo alla letteratura
    citata) bastano doti di 'clic' (scaricando
    un semplice programmino freeware di ricerca)
    per scoprire connessioni misteriose che
    partono dal PC Windows 'vergine'.Puoi provarlo? Non parlare per sentito dire.. :s
    Senza tener conto degli spyware incorporati
    di Real Audio (& Video), che uno magari si
    scarica di testa sua.Se uno è stupido che ci casca, sono fatti suoi.
    Potremmo considerare spyware (obbligatorio,
    per i winari, utonti) anche le funzioni
    'memorizzanti' (i dati personali e
    precedenti) dei documenti in Word, e
    allora???Hanno tolto questa funzione, con una patch.
  • Anonimo scrive:
    Chi inflia lo SPYWARE??
    Ciao.
    "Una normativa che presto sarà approvata dal Congresso prevede la
    reclusione per chi condivide grandi quantità di file.
    Stesso destino per chi infila spyware e trojan nei PC altrui""Chi infila spyware e trojan nei PC altrui"?????'azz!!Sta a vedere - se come in "Fahreneit 9/11" di Moore (legge di Moore??) - il congresso vota una legge del genere SENZA SAPERE COSA STA VOTANDO (come in innumerevoli altri casi, Iraq incluso, e Patriot Act) stavolta il vecchio Bill va a fare l'Architect in gattabuia. sempre troppo tardi, come per Al Capone.Non a caso (c'è tutta una letteratura online) dal Windows '95 IN POI, a causa di oscure ragioni CIA (oggi NSA) i prodotti Windows risultano farciti di funzioni SPYWARE.Per verificare questo, oltre a semplici doti ottiche (vedi sguardo alla letteratura citata) bastano doti di 'clic' (scaricando un semplice programmino freeware di ricerca) per scoprire connessioni misteriose che partono dal PC Windows 'vergine'.Senza tener conto degli spyware incorporati di Real Audio (& Video), che uno magari si scarica di testa sua.Potremmo considerare spyware (obbligatorio, per i winari, utonti) anche le funzioni 'memorizzanti' (i dati personali e precedenti) dei documenti in Word, e allora???Semplice.Bill Gates finirà finalmente in cella (io spero per trent'anni, rinnovabili) e con lui altri tre o quattro 'boss' del cartello dei software 'misteriosi', non per aver truffato milioni e milioni di utonti, ma per aver infranto (da almeno dieci anni) una legge di 'prossima adozione'. I winari si sentiranno - spero, in qualche misura - come i rumeni del periodo CeausescuE' chiedere troppo, di svegliarsi??Il tempo, i winari utonti (e la prossima amministrazione USA) ce lo diranno.Per l'Italia, invece, non so....Noi abbiamo le SPYTV....
  • Anonimo scrive:
    Re: che storielle per mamme
    io vi do un piccolo avvertimento tratto dai miei numerosi contatti anglo-americani che ho per lavoro... moore sia in uk the negli usa è considerato ne più ne meno de gabibbo... quindi ciò che fa qui è preso per serio ma altrove no... e ci sarà pure un motivo in fondo...
  • Anonimo scrive:
    Re: Allora.....
    :@5)Mandare in galera Giuliano Urbani.6)Mandare in galera la Telecom e company bella perchè gli ADSL costano troppo
  • Anonimo scrive:
    Pedofilia e Terrorismo ringraziano
    Pedofilia e Terrorismo ringraziano sentitamente.
  • Anonimo scrive:
    Re: Quando leggo queste notizie...
    vai di mano :D
  • Anonimo scrive:
    pitupitumpa!
    se non lo sapete, nella guerra al terrorismo rientra anche la guerra al p2p :pmentre si scatenano ogni genere di attacchi contro il p2p on line, pare che la pirateria on the street proliferi.Sono appena tornato da una vacanza in una località di mare, ambulanti che girano tranquillamente sulla spiaggia al grido di ciddi divvudi!!! (ne sono passati 10 che vendevano solo cd, più altri 30 colleghi con articoli vari). fuori dal villaggio:centro commerciale con mondadori mediacenter e multiplex warner village (11 sale)...e fuori due tipi che esponevano una vasta scelta di dvd e cd: stru piatch (come si scrive? ), catwoman e altro (magari li hanno filmati all'interno del warner, allora devono essere venuti bene, erano certificati THX).corri cavallo corri...
  • Anonimo scrive:
    Re: che storielle per mamme
    Ho visto Faraheit 9/11 ... un capolavoropeccato sia sottotitolato :(Bowling for Columbine nn l'ho mai visto ma penso sia grandioso.Ne ho visto un'altro dove due ragazzi compravano armi da guerra, andavano a scuola e faccevano un massacro. Sarà quello il film? :
  • Anonimo scrive:
    Re: che storielle per mamme
    L'irona c'era pure nel mio commento.Ma in sintesi ci siamo capitie continuiamo a capirci anche se in pochi per poter combattere il vero Terrorismo
  • avvelenato scrive:
    Re: diritto d'autore a senso unico
    - Scritto da: Anonimo
    Guarda che gia' lo fanno.
    Le TV sono solite censurare film e telefilm
    per adattarli a orari o durate che fanno
    loro comodo.ma un produttore può incazzarsi e denunciarle, se non ottengono i permessi dai detentori di diritti.invece loro vorrebbero la libertà di prendere un film con scene violente e/o di sesso e trasmetterlo come film per la famiglia. Non sono d'accordo. Se non vogliono trasmetterlo intero non lo trasmettano affatto.(almeno, se fossi un regista, sceneggiatore, produttore, o altro mi darebbe molto fastidio.)
  • Anonimo scrive:
    Re: Distinzioni d'obbligo
    - Scritto da: Anonimo
    Condivido totalmenteNon mi interessa cosa condividi, sono 3 anni se scrivi dagli USA, 4 se dall'Italia!:p
  • Anonimo scrive:
    Rumori nel mondo delle figurine
    Sembra che, dietro la spinta di importanti aziende del settore, si a in preparazione una proposta di legge che prevede tre anni di reclusione per chi scambia piu' di mille figurine.Gli organi competenti al controllo si stanno organizzando per formare una vasta task-force specializzata ad intercettare gli scambi nei cortili delle scuole durante l'intervallo.Già le prime reazioni si fanno sentire: madri di famiglia che bruciano interi album di annate calcistiche per evitare al figlioletto undicenne la gattabuia.Un portavoce della FIAA (Figurinisti Italiani Anonimi Associati) loda l'iniziativa, che porterà finalmente a contrastare efficacemente il crescente fenomeno di scambio pirata di figurine.Celo.. celo... manca! ---Fax
  • Anonimo scrive:
    Re: Distinzioni d'obbligo
    Si ma queste leggi non so quanti criminali del mercato nero riusciranno a colpire: beccheranno quelli che, ad esempio, non mascherano il loro IP o sono comunque più rintracciabili.Ad esempio, beccare quelli delle bancarelle dei CD pirata sarebbe già un'azione straordinaria per la polizia (che il più delle volte lascia andare), scoprire poi chi c'é dietro rasenta la fantascienza.
  • Anonimo scrive:
    Re: 1000 File
    - Scritto da: bompa5
    Il punto non è chiedersi se 1000
    siano tanti o pochi, ma il fatto che il P2P
    o è illegale o non lo è!
    Che vuol dire 1000 si 1001 no?
    Forse allora si potrebbe pensare che se rubo
    solo 1.000 euro da un banca potrei passarla
    liscia, o se evado tasse per soli 100.000
    euro potrei anche stare tranquillo senza
    dover star li ad aspettare il prossimo
    condono...
    Psst.. se ti chiami berlusca, Tanzi o cragnotti, stai tranquillo comunque
  • DuDe scrive:
    Re: che storielle per mamme
    - Scritto da: Anonimo
    Ma non è possibile!

    Non riscono a prendere Bin Laden e
    pretendono di arrestare tutti gli americani
    che usano p2p ?zap! Un consiglio, se non lo hai gia' visto, Bowling at columbine di Michael Moore o come si scrive, visto sere fa', mi ha sconvolto
  • Anonimo scrive:
    Re: Film per pubblico familiare
    Sono contrario ai tagli per qualsiasi ragione, che siano di censura per proteggere le "piccole fragili menti dei bimbi", o che siano per puro mercato.Molto curioso poi, che le piccole fragili menti dei bimbi (e non solo) debbano essere protette da certe cose, mentre invece possono venir infinocchiate tranquillamente da pubblicità (e ci sono dietro degli studi non da poco sulla mente, la comincazione e l'efficacia del messaggio) e propaganda varia. Come per dire: "le menti sono mie e me le gestisco io!".Per quanto riguarda i film, bisogna sempre vedere come viene percepito. Se come opera d'arte, oppure come prodotto. Nel primo caso si avrà rispetto delle scelte dell'autore e lo si lascierà invariato, nel secondo invece, l'importante è soltanto trasmettero in un modo o nell'altro.-- Masque
  • Anonimo scrive:
    Re: Solo 1000 files? Zippiamo gli album

    ma se dice 1000 file, intente 1000 files.
    quello che dici è giusto, pero' il
    fatto dei 1000 file non è chiaro.
    ovviamente pagherai per aver violato 1000
    volte il (c) pero' non ci sarà
    nessuna pena bonus di 3 anni visto che il
    file in condivisione, fino a prova
    contraria, era uno solo.....certo, come dire che vado in un supermercato e non pago per la roba che compro ma solo i sacchetti che riesco a riempire.Se ho preso 5 confezioni di tarallucci, pago cinque confezioni di tarallucci (a meno di offerte :p) e non il costo del sacchetto solo perchè dentro gli faccio stare 40 pacchi di tarallucci!! :DCome giustamente diceva poco sopra un utente ben informato, la legge è precisamente mirata al "contenuto" (oggetto coperto da copyright) e non al contenitore (unico file zippato). State tranquilli che politici e major sono tutto fuorchè idioti quando si tratta dei loro interessi :D e gli scrocconi che se le sognano tutte per continuare a scroccare sono proprio divertenti:p
  • Anonimo scrive:
    Re: Quando leggo queste notizie...
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Godo molto, molto, moltissimo


    e riesci a eccitarti solo con questo o hai
    anche altri interessi nella vita a parte
    trollare?In effetti ho una vita alquanto triste e priva di veri intertessi
  • Anonimo scrive:
    Re: Distinzioni d'obbligo

    Il p2p è un campo assai eterogeneo
    nel quale vengono spesso messisullo stesso
    piano soggetti esenti colpa, soggetti che
    meritano solo un "rimprovero" e soggetti che
    invece meritano di essere puniti
    severamente. Questi ultimi sono, a mio
    avviso, i veri responsabili delle ultime
    levate di scudi a cui assistiamo sia in
    America che in Europa.Condivido totalmente
  • Anonimo scrive:
    Re: Quando leggo queste notizie...
    - Scritto da: Anonimo
    Godo molto, molto, moltissimoe riesci a eccitarti solo con questo o hai anche altri interessi nella vita a parte trollare?
  • rumenta scrive:
    Re: forse stiamo esagerando?
    - Scritto da: Anonimo


    Si infatti ci sono migliaia di ragazzini

    agli angoli delle strade che ti vendono
    il

    dvd convertito dal divx!!!!!!! (Ma

    va'........!!!!!)

    I pirati veri c'erano anche prima del
    p2p e

    se volevi qualcosa a basso prezzo dovevi

    rivolgerti a loro: invece adesso
    guadagnano

    molto meno proprio grazie al p2p!!!

    Considera che spesso capita di vedere
    che ci

    sono dei divx che sono stati registrati

    direttamente dalla stanza di proiezione
    del

    cinema......ed allora??????:|:s

    Quando leggo questi ragionamenti mi renmdo
    conto del vero limite della democrazia:
    tutti, ma proprio tutti, si sentono
    legittimati a dire la loro, senza accendere
    il cervello prima di parlarebeh, ma nel tuo caso accenderlo non è servito a molto, considerando le str.... che scrivi :D
  • Anonimo scrive:
    Re: .... 60 Minuti
    - Scritto da: Anonimo
    Allora?(troll)(troll)(troll)-detected!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: diritto d'autore a senso unico
    - Scritto da: Anonimo
    Guarda che gia' lo fanno.
    Le TV sono solite censurare film e telefilm
    per adattarli a orari o durate che fanno
    loro comodo.Infatti L'ESORCISTA tramesso da Italia 1 è stato censuratissimo!!!!!!:@:@:@
  • Anonimo scrive:
    Re: diritto d'autore a senso unico
    - Scritto da: avvelenato

    Tra le altre misure previste, anche la
    possibilità per televisioni ed
    editori di tagliare scene di film senza
    incorrere in azioni legali da parte dei
    produttori originali. L'idea è di
    consentire di togliere scene di sesso e
    violenza dai film che vengono destinati ad
    un pubblico familiare.


    allora: l'utente non può condividere
    un brano affinché venga diffuso
    gratuitamente.


    Invece televisioni ed editori possono
    viturperare un'opera non loro e trasmetterla
    fottendosene delle leggi sul (c).




    c'è qualcosa che non mi torna.Torna,torna,ma per le majors mica per noi! ;)Boicottate gente,boicottate,tanto è l'unica arma che capiscono le majors assetate di potere e di soldi!
  • Anonimo scrive:
    .... 60 Minuti
    Allora?
  • Anonimo scrive:
    Re: forse stiamo esagerando?

    Quando leggo questi ragionamenti mi renmdo
    conto del vero limite della democrazia:
    tutti, ma proprio tutti, si sentono
    legittimati a dire la loro, senza accendere
    il cervello prima di parlarePerchè non è vero?????Ah, scusa, hai dimenticato di accenderlo prima di dare la risposta??? La prossima volta la VERIFICA FALLA PRIMA!!!THANKS!!!!!8)
  • Anonimo scrive:
    Re: che storielle per mamme
    - Scritto da: Anonimo
    Ma non è possibile!

    Non riscono a prendere Bin Laden e
    pretendono di arrestare tutti gli americani
    che usano p2p ?agli americani conviene che non sia preso, e se lo fosse nessuno lo direbbe. Perchè con la scusa del terrorismo possono fare qualsiasi legge !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Solo 1000 files? Zippiamo gli album
    - Scritto da: Anonimo
    Controlla la 633/41 e poi mi dici cosa
    tutela poi fai un salto alle normative WIPO
    e alla legge sul (c) negli USA .La tutela
    è per l'opera se ti beccano con un cd
    su cui hai 20 programma pirata
    sono 20 infrazioni non una.Lascia stare
    l'articolo che ha mero carattere informativo
    e non da i dettagli legislativi.ma se dice 1000 file, intente 1000 files.quello che dici è giusto, pero' il fatto dei 1000 file non è chiaro.ovviamente pagherai per aver violato 1000 volte il (c) pero' non ci sarà nessuna pena bonus di 3 anni visto che il file in condivisione, fino a prova contraria, era uno solo.....
  • Anonimo scrive:
    Re: forse stiamo esagerando?
    - Scritto da: Anonimo
    Quando leggo questi ragionamenti mi renmdo
    conto del vero limite della democrazia:
    tutti, ma proprio tutti, si sentono
    legittimati a dire la loro, senza accendere
    il cervello prima di parlarecomncia a dare il buon esempio accendendo il tuo.
  • Anonimo scrive:
    Re: forse stiamo esagerando?

    Si infatti ci sono migliaia di ragazzini
    agli angoli delle strade che ti vendono il
    dvd convertito dal divx!!!!!!! (Ma
    va'........!!!!!)
    I pirati veri c'erano anche prima del p2p e
    se volevi qualcosa a basso prezzo dovevi
    rivolgerti a loro: invece adesso guadagnano
    molto meno proprio grazie al p2p!!!
    Considera che spesso capita di vedere che ci
    sono dei divx che sono stati registrati
    direttamente dalla stanza di proiezione del
    cinema......ed allora??????:|:sQuando leggo questi ragionamenti mi renmdo conto del vero limite della democrazia: tutti, ma proprio tutti, si sentono legittimati a dire la loro, senza accendere il cervello prima di parlare
  • Anonimo scrive:
    Re: forse stiamo esagerando?
    ....E' ora che la gente si ricordi...di avere un CERVELLO...e lo usi,basta questo....ciau
  • Anonimo scrive:
    Distinzioni d'obbligo
    Il grave errore che si sta commettendo nel modo di pensare al fenomeno p2p è quello di fare mettere tutto nello stesso calderone. Se da un lato pare, ovviamente, ingiusto punire severamente coloro che occasinalmente fanno uso del p2p per provare musica o film al fine di valutarlo ed eventualmente acquistarlo, d'altro canto si deve prendere atto del fatto che la maggioranza degli utenti p2p nmon ne fanno un'uso saltuario e soprattutto non adoperanmo il èp2wp a fini valutativi.Se è vero che mandare in galera per illeciti così poco riprovevoli sembra aberrante, d'altro canto non pare nemmeno corretto equiparare coloro che si copiano un film o un'album a coloro che sfruttano a fini di lucro ilp2p copiando centinaia di opere.Ora, se non si tengono distinte le due tipologie di fruitori, si va incontro allì'aerrore di essere troppo severi con il ragazzino che scarica doom3 (che va counque sanzionato seppur solomonetariamente), e di convesso troppo lassisti con coloro che scaricano migliaia di opere qutidianamente magari per lucrarci sopra.Il p2p è un campo assai eterogeneo nel quale vengono spesso messisullo stesso piano soggetti esenti colpa, soggetti che meritano solo un "rimprovero" e soggetti che invece meritano di essere puniti severamente. Questi ultimi sono, a mio avviso, i veri responsabili delle ultime levate di scudi a cui assistiamo sia in America che in Europa.
  • Anonimo scrive:
    Quando leggo queste notizie...
    Godo molto, molto, moltissimo
  • Anonimo scrive:
    Re: Solo 1000 files? Zippiamo gli album
    Controlla la 633/41 e poi mi dici cosa tutela poi fai un salto alle normative WIPO e alla legge sul (c) negli USA .La tutela è per l'opera se ti beccano con un cd su cui hai 20 programma pirata sono 20 infrazioni non una.Lascia stare l'articolo che ha mero carattere informativo e non da i dettagli legislativi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Film per pubblico familiare
    - Scritto da: Tasslehoff

    Beh scusa, ma cosa dovremmo dire delle serie
    di star trek, trasmesse a orari indecenti ma
    soprattutto spesso trasmesse con ordine
    casuale?Telefilm, cartoni... praticamente qualsiasi cosa... :-(
    Mah, ormai io alle trasmissioni televisive
    ci ho fatto una croce, ormai mi limito a
    film in dvd e cofanetti delle mie serie
    preferite (ovviamente acquistati all'estero,
    dove costano 1/3 o 1/4 rispetto all'italia
    pur essendo identici..)Mmmm, interessante, puoi dare qualche inidirizzo? Io all'estero ho trovato roba solo in Inglese (a me piacerebbe trovare DVD con anche l'Italiano!). Grazie e sperdo di non essere OT.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Solo 1000 files? Zippiamo gli album
    - Scritto da: Anonimo
    La legge tutela le opere non il
    contenitore:se metti in un unico zip 10000
    opere stai distribuendo 10000 opere non un
    file zip.ti sbagli, invece ha ragione l'altro.... :- (
  • Anonimo scrive:
    Re: che storielle per mamme
    - Scritto da: Anonimo
    Ma non è possibile!

    Non riscono a prendere Bin Laden e
    pretendono di arrestare tutti gli americani
    che usano p2p ?Sicuro che gli interessi prendere Bin Laden?? E' meglio un nemico in circolazione che nessun nemico... Gli americani non sopravvivono se non hanno qualcuno da combattere, e Fidel oramai senza U.R.S.S. non è più sufficientemente interessante...
    Non riescono a capire chi posta sui forum
    islamici, e riescono a capire chi sta
    sharando tutti gli episodi di startrek e la
    discografia di britney spears?Di nuovo, non sono interessati... ben vengano terroristi e simili... così vendono armi a cani e porci... e prima o poi "ricostruiranno" (succhiando soldi e petrolio) quei bei paesi che hanno contribuito a distruggere...
    Perchè non bombardano le città
    dove si nascondono i più fondatori
    delle crew e gli admin dei forum del mulo?Magari li arresteranno dicendo che sono terroristi di Al-Quaeda... tanto poi non hai diritto ad avvocato o ad un equo processo... così prendono 2 piccioni con una fava, tolgono di mezzo grandi condivisori e fanno vedere che "proteggono la patria" togliendo di mezzo "pericolosi soggetti" :-PForse quello che dico è una sciocchezza... ma un filo di verità sono convinto ci sia... a voi l'ardua sentenza...Ciao, Matteo
  • Tasslehoff scrive:
    Re: Film per pubblico familiare

    E se proprio vogliamo andare sul recente,
    anche se non si tratta di tagli, gli scorsi
    mesi, dopo mezzanotte mandavano in onda il
    telefilm "invisible man" in ordine
    acronologico: gente che moriva e poi nella
    puntata dopo era viva, cifavano fatti che
    avresti visto una settimana dopo e
    così via.Beh scusa, ma cosa dovremmo dire delle serie di star trek, trasmesse a orari indecenti ma soprattutto spesso trasmesse con ordine casuale?Mah, ormai io alle trasmissioni televisive ci ho fatto una croce, ormai mi limito a film in dvd e cofanetti delle mie serie preferite (ovviamente acquistati all'estero, dove costano 1/3 o 1/4 rispetto all'italia pur essendo identici..)
  • Anonimo scrive:
    Re: Solo 1000 files? Zippiamo gli album
    La legge tutela le opere non il contenitore:se metti in un unico zip 10000 opere stai distribuendo 10000 opere non un file zip.
  • Anonimo scrive:
    che storielle per mamme
    Ma non è possibile!Non riscono a prendere Bin Laden e pretendono di arrestare tutti gli americani che usano p2p ?Non riescono a capire chi posta sui forum islamici, e riescono a capire chi sta sharando tutti gli episodi di startrek e la discografia di britney spears?Perchè non bombardano le città dove si nascondono i più fondatori delle crew e gli admin dei forum del mulo?
  • Anonimo scrive:
    Re: diritto d'autore a senso unico
    - Scritto da: Anonimo
    Guarda che gia' lo fanno.
    Le TV sono solite censurare film e telefilm
    per adattarli a orari o durate che fanno
    loro comodo.Sì ma anche in america già lo fanno da anni, l'ho visto di persona.
  • Anonimo scrive:
    Re: diritto d'autore a senso unico
    Guarda che gia' lo fanno.Le TV sono solite censurare film e telefilm per adattarli a orari o durate che fanno loro comodo.
  • Anonimo scrive:
    le leggi USA ...
    ... e GETTA !:D:D:Dfanno sempre più vomitare !
  • Anonimo scrive:
    Re: 1000 File
    - Scritto da: CalicoJack
    - Scritto da: Kremmerz

    Guardate che mille brani sono
    più o

    meno 100 album (10 canzoni ad album

    mediamente ci stanno)...se fossero
    compressi

    in una qualità di piuttosto alta
    e

    quindi intorno ai 100Mb....in pratica si

    becca 3 anni chi condivide 10Gb di
    musica.

    Se fosse in proporzione e cumulativa (3
    anni

    ogni 10Gb!) c'è gente che
    prenderebbe

    tranquillamente 2 ergastoli!!!

    Boh io non la vedo così drammatica
    questa legge, il fatto che tu possa
    condividere anche un solo file ti consente
    di utilizzare liberamente i sistemi di file
    sharing più comuni cioè quelli
    che automaticamente condividono ciò
    che tu stai scaricando, molto differente
    dalla legge italiana che mette al bando
    automaticamente questi sistemi almeno per
    quanto riguarda le opere protette dal
    diritto d'autore, legge fatta non a caso da
    uno che dicendo vi invito a votare come non
    si dovrebbe dimostra di non saper fare le
    leggi (e secondo me un'affermazione del
    genere viola anche il giuramento fatto in
    quanto implicitamente dice che non sta
    facendo il bene dell'Italia) e da una tipa
    che lascia l'auto in sosta nello spazio per
    gli handicappati pur di andare dal
    parrucchiere.....oppure che parcheggia il suo Porsche su un marciapiedi, urta un bus e scappa via senza lasciare i suoi dati!!!!!!!:D
  • Anonimo scrive:
    e la EFF che dice?
    non fanno niente?addirittura in GALERA?come da noi, urbano fa da apripista per gli abusi ... rendendoli non-abusi.spendido
  • Anonimo scrive:
    Re: forse stiamo esagerando?
    - Scritto da: Anonimo
    Quoto.

    Qui parliamo di gentaglia che registra i
    film e 24h ore dopo già stà
    distribuendo copie illegali per mezzo mondo.
    Per carità, non difendo certo le
    major et similia, ma neanche delinquenti che
    guadagnano milioni rubando. Un contp
    è scaricarsi un film a mezzo p2p, un
    conto, ribadisco, è lucrare
    vergognosamente rubando.Si infatti ci sono migliaia di ragazzini agli angoli delle strade che ti vendono il dvd convertito dal divx!!!!!!! (Ma va'........!!!!!)I pirati veri c'erano anche prima del p2p e se volevi qualcosa a basso prezzo dovevi rivolgerti a loro: invece adesso guadagnano molto meno proprio grazie al p2p!!!Considera che spesso capita di vedere che ci sono dei divx che sono stati registrati direttamente dalla stanza di proiezione del cinema......ed allora??????:|:s
  • Anonimo scrive:
    Allora.....
    1- dovrebbero mandare in galera quei proprietari di cinema di 4° categoria che ti fanno pagare più di 2,5 euro per vedere un film;2 - i proprietari delle major che ti fanno pagare per un dvd nuovo più di 5 euro;3 - i responsabili della SIAE che fanno pagare un'ingiusta tassa sui supporti anche se ci registri le tue foto o i tuoi filmati delle vacanze, ecc....;4 - gli attori che solo perchè sono famosi e che per fare un film che poi alla fine è uno schifo si fanno pagare troppo;...........continuare please!!!!!!:@
  • Anonimo scrive:
    Re: Film per pubblico familiare

    Mi hanno tagliato la scena finale di
    Interceptor con Mel Gibson, hanno tagliato
    scene importanti da film d'autore come
    Sorelle di Margarethe vonTrotta e Kamasutra
    (dove la scena di nudo integrale e' rimasta
    ma hanno tagliato un dialogo che invece era
    necessario per capire la situazione tra il
    marito str*nzo e la giovane moglie)Mediaset una volta ha tagliato una scena di un cartone deove dei ragazzi giocano a morra cinese.Probabilmente la morra é molto disturbante.E hanno tagliato anche un'intera puntata perché c'erano canzoni e non gli andava di mettere i sottotitoli o ricantarle...E se proprio vogliamo andare sul recente, anche se non si tratta di tagli, gli scorsi mesi, dopo mezzanotte mandavano in onda il telefilm "invisible man" in ordine acronologico: gente che moriva e poi nella puntata dopo era viva, cifavano fatti che avresti visto una settimana dopo e così via.Notevole, ma qui il regista non ha diritto di non essere trattato come uno stupido?
  • soulista scrive:
    Re: Film per pubblico familiare

    Insomma: sono contrario ai tagli ma li posso
    ancora capire se vengono fatti in una
    cultura puritana e bacchettona (come quella
    americana) e con intenti "morali", ma per le
    pubblicita' proprio non lo capisco.di solito si usa l'uno come scusa per mettere in pratica l'altro: invertendo l'ordine dei fattori il risultato non cambia.aborrisco comunque i tagli.
  • bompa5 scrive:
    Re: 1000 File
    Il punto non è chiedersi se 1000 siano tanti o pochi, ma il fatto che il P2P o è illegale o non lo è! Che vuol dire 1000 si 1001 no? Forse allora si potrebbe pensare che se rubo solo 1.000 euro da un banca potrei passarla liscia, o se evado tasse per soli 100.000 euro potrei anche stare tranquillo senza dover star li ad aspettare il prossimo condono...No, non mi pare che la soluzione sia questa e non mi pare nemmeno che sia accettabile.
  • Anonimo scrive:
    Re: 1000 File
    ahah 1000 filecosì inizieremo a trovare discografie da 10..20..30..40 artisti in un unico comodo file.Da riversare poi su DVD.Forse sta legge può tornarci utile :-)Go urbani, gogo!
  • Anonimo scrive:
    Re: 1000 File
    se 1000 fileeeevi sembran pocoooooprovate voi a shararfaceva così no?
  • avvelenato scrive:
    Re: diritto d'autore a senso unico
    - Scritto da: Anonimo
    Ci sono sempre i Radicali:'(e :| io che li voto.
  • Anonimo scrive:
    Re: forse stiamo esagerando?
    Quoto.Qui parliamo di gentaglia che registra i film e 24h ore dopo già stà distribuendo copie illegali per mezzo mondo. Per carità, non difendo certo le major et similia, ma neanche delinquenti che guadagnano milioni rubando. Un contp è scaricarsi un film a mezzo p2p, un conto, ribadisco, è lucrare vergognosamente rubando.- Scritto da: Anonimo
    Il ragazzino sta scambiando anche altre 999
    opere protette,non facciamola troppo
    patetica.
  • Anonimo scrive:
    Solo 1000 files? Zippiamo gli album
    Questa legge sul numero di files mi sembra una c*gata pazzesca.Posso tranquillamente riunire più MP3 in un unico file compresso, addirittura si potrebbe (per aggirare la legge) creare un programma di file-sharing che conserva tutti i files condivisi in un unico ZIP ma li mostra comunque separati e dà la possibilità di scaricarli singolarmente.La legge viene rispettata, no?I politici sono veramente degli idioti.... :(
  • Anonimo scrive:
    Re: forse stiamo esagerando?
    Nooo, non stiamo esagerando! Stiamo tornando al medioevo!!! Cercate di mettere insieme tutte le assurdità di questi ultimi tempi. Io ci sto provando e quello che vedo non mi piace per niente. Quello che vedo è che la "cultura" intesa nel senso più ampio del termine è sempre più "guidata" dagli interessi di qualcuno e sempre meno disponibile per tutti i "comuni mortali" (come me ad esempio).Ok, prendiamo i tagli ai film: se un film è stato concepito e girato e montato in un certo modo è perchè solo in quel modo riflette il messaggio che l'autore voleva trasmettere. E' inconcepibile per qualsiasi ragione eliminare dei pezzi perchè, senza considerare che magari chi taglia neanche l'ha capito il significato del film, il risultato è comunque un'opera diversa da quella originale. E il messaggio non passa più! Prendiamo la musica: ormai le majors decidono a tavolino chi farà fortuna e chi no. E' solo questione di marketing e postproduzione. L'informazione? I TG e i giornali? Uhm... costruiscono scoops da servirci ogni giorno, le notize non le riportano... le creano.La scuola è sempre più livellata verso il basso.E il risultato? Sempre più gente "lobotomizzata dal ciccione alla TV" (cit. Articolo31 Speriamo non mi facciano pagare lo royalty!) Forse stiamo esagerando? Per me abbiamo già esagerato da un bel po'... è ora di reagire, e alla svelta. E' ora di cercare di convincere le persone che non è vero che tutto ciò che viene loro imposto è così e basta. E' ora che le persone escano dal torpore in cui sono state cacciate e ricomincino a pensare e soprattutto lottare per i propri diritti!
  • Anonimo scrive:
    Re: Film per pubblico familiare
    Beh e che dire di quello che sta facendo mediaset da quasi 10 anni?Molti film sono tagliati talmente bene che nemmeno te ne accorgi, e non tagliano mica le scene di sesso! Nooo tagliano scene che per loro sono "inutili" per farci stare piu' pubblicita'.Mi hanno tagliato la scena finale di Interceptor con Mel Gibson, hanno tagliato scene importanti da film d'autore come Sorelle di Margarethe vonTrotta e Kamasutra (dove la scena di nudo integrale e' rimasta ma hanno tagliato un dialogo che invece era necessario per capire la situazione tra il marito str*nzo e la giovane moglie)Insomma: sono contrario ai tagli ma li posso ancora capire se vengono fatti in una cultura puritana e bacchettona (come quella americana) e con intenti "morali", ma per le pubblicita' proprio non lo capisco.CoD
  • Anonimo scrive:
    Film per pubblico familiare
    Se un film contiene scene di violenza o di sesso esplicito, allora non è nato per il pubblico familiare.Di conseguenza, non ha alcun senso prendere un film non nato per il pubblico familiare e poi fare un taglia e cuci per trasformarlo in tale. È come cercare di far entrare un elefante in una scatoletta.-- Masque
  • Anonimo scrive:
    Re: diritto d'autore a senso unico
    Ci sono sempre i Radicali
  • Anonimo scrive:
    Re: diritto d'autore a senso unico

    io sono del parere che se uno non avesse
    interessi persnali da difendere non
    penserebbe alla carriera politica...
    semplice e lineare
    dici?
  • Anonimo scrive:
    Dilettanti...
    In Italia per tre anni di galera basta una parte di 1 file....
  • Anonimo scrive:
    Re: 1000 File
    Io li pago e ho 320 giga on-line 24h/24h.Mi dispiace solo che la banda di upload sia solo di 256k, perchè vorrei poter condividere a maggior velocità.saluti
    Se sono tutti divx sono più di 600 Gb
    di materiale, non mi sembra così
    repressiva per utenti normali del p2p, poi
    si parla di condivisione non di detenzione,
    il che significa che ne puoi avere anche
    3000 di file ma ne puoi condividere solo
    mille. Una domanda che mi sorge spontanea
    per quelli che si lamentano, ma voi gli hard
    disk li pagate o no?
  • Anonimo scrive:
    Re: forse stiamo esagerando?
    Il ragazzino sta scambiando anche altre 999 opere protette,non facciamola troppo patetica.
  • Anonimo scrive:
    Re: Tagliare i film, perchè no?
    Interessante hai descritto proprio una violazione del primo emendamento,scommettiamo che la Corte Suprema cancella tutto come al solito....."Congress shall make no law respecting an establishment of religion, or prohibiting the free exercise thereof; or abridging the freedom of speech, or of the press; or the right of the people peaceably to assemble, and to petition the government for a redress of grievances."
  • Anonimo scrive:
    1000 oggi, 100 domani...
    Le mie sono ipotesi:visto l'atteggiamento italiano [famo la legge e promettiamo cambiamenti che non pensiamo di fare]quello americano potrebbe essere: vietiamo 1000 files così non si agitano troppo, poi con calma il numero è riducibile senza allarmare + di tanto l'opinione pubblica.Chissà...La tendenza è cmq chiara e netta: il mercato è da riformare.http://vil.emotiv.it
  • Anonimo scrive:
    Sti Americani mi hanno deluso
    Insomma, mi aspettavo la pena capitale per i grandi condivisori. O per lo meno un bell'ergastolo da scontare nel braccio dei sodomiti sieropositivi.Si stanno rammollendo questi Americani. Hanno perso mordente. Che delusione -_-
  • CalicoJack scrive:
    Re: 1000 File
    - Scritto da: Kremmerz
    Guardate che mille brani sono più o
    meno 100 album (10 canzoni ad album
    mediamente ci stanno)...se fossero compressi
    in una qualità di piuttosto alta e
    quindi intorno ai 100Mb....in pratica si
    becca 3 anni chi condivide 10Gb di musica.
    Se fosse in proporzione e cumulativa (3 anni
    ogni 10Gb!) c'è gente che prenderebbe
    tranquillamente 2 ergastoli!!!Boh io non la vedo così drammatica questa legge, il fatto che tu possa condividere anche un solo file ti consente di utilizzare liberamente i sistemi di file sharing più comuni cioè quelli che automaticamente condividono ciò che tu stai scaricando, molto differente dalla legge italiana che mette al bando automaticamente questi sistemi almeno per quanto riguarda le opere protette dal diritto d'autore, legge fatta non a caso da uno che dicendo vi invito a votare come non si dovrebbe dimostra di non saper fare le leggi (e secondo me un'affermazione del genere viola anche il giuramento fatto in quanto implicitamente dice che non sta facendo il bene dell'Italia) e da una tipa che lascia l'auto in sosta nello spazio per gli handicappati pur di andare dal parrucchiere.
  • Kremmerz scrive:
    Re: 1000 File
    Guardate che mille brani sono più o meno 100 album (10 canzoni ad album mediamente ci stanno)...se fossero compressi in una qualità di piuttosto alta e quindi intorno ai 100Mb....in pratica si becca 3 anni chi condivide 10Gb di musica.Se fosse in proporzione e cumulativa (3 anni ogni 10Gb!) c'è gente che prenderebbe tranquillamente 2 ergastoli!!!Scherzi a parte, 3 anni...ma sono impazziti?Allora facciamo così....abbandoniamo per le città dvd-rom pieni di mp3. Spendiamo circa 2? a testa e spargiamo tranquillamente 200 dischi a persona! Sarebbe il delirio....toccherà fare anche questo. C'è solo una considerazione che in un certo senso rincuora....il mondo dell'arte diventa sempre di più il mondo "dell'arte" tra virgolette; solo cacca pensata per trarne guadagni.
  • bompa5 scrive:
    Tagliare i film, perchè no?
    anzi, perchè non fare un altro piccolo passo in più e aggiungerci pure i libri... che ve ne pare? in fondo potrebbero farlo solo "televisioni ed editori" che, almeno in italia, (ma non ho dubbi anche per il resto del mondo) appartengono/sono persone notoriamente fidate ed affidabili. Mi par di ricordare che c'è già qualcosa del genere, solo che non si chiama "Piracy Deterrence and Education Act" ma... mi pare... credo... ah si, CENSURA! Che brutto nome, molto meglio quello degli americani. SI, si, mi piace, lo voglio, sono sicuro che staremo certamente meglio senza tutte quelle frasi pornografiche o politiche o pedofile che ci propinano su giornali, cinema, tv... e internet?"Piracy Deterrence and Education Act" pure li, naturalmente, una passo alla volta però!
  • Anonimo scrive:
    Il babbo di Urbani...
    ...tanto tempo fa ha ingallato la mamma di qualche politico USA?
  • Anonimo scrive:
    Re: 1000 File
    in effeti, fossero pure 1000 iso, è una quantità di dati enorme...forse un migliaio di mp3 non lo sono però... boh, mi pare un pò una cosa assurda...
  • CalicoJack scrive:
    1000 File
    Se sono tutti divx sono più di 600 Gb di materiale, non mi sembra così repressiva per utenti normali del p2p, poi si parla di condivisione non di detenzione, il che significa che ne puoi avere anche 3000 di file ma ne puoi condividere solo mille. Una domanda che mi sorge spontanea per quelli che si lamentano, ma voi gli hard disk li pagate o no?
  • Anonimo scrive:
    Re: diritto d'autore a senso unico

    Io non sono un illuso, spero d'essere invaso
    dagli extraterrestriio sono del parere che se uno non avesse interessi persnali da difendere non penserebbe alla carriera politica... semplice e lineare gli extraterrestri li aspetto pure io, sperando siano bionde e tettone e non rugose come et:D
  • Anonimo scrive:
    Re: diritto d'autore a senso unico
    - Scritto da: Anonimo


    Un ragione in più per mettere al

    timone persone senza conflitti di
    interesse.

    lol, e dove stanno? se pensi alla sinistra,
    sei un illuso...Io non sono un illuso, spero d'essere invaso dagli extraterrestri
  • fabri.80 scrive:
    forse stiamo esagerando?
    Si parla di un diritto a senso unico previsto solo per le major?Forse sarebbero altri i veri problemi da contrastare?Cari americani ma non avete altri problemi in questo periodo piuttosto che beccare il ragazzino di 12 anni che si scambia "Alla ricerca di Nemo" con l'amico?
  • Anonimo scrive:
    Re: diritto d'autore a senso unico

    Un ragione in più per mettere al
    timone persone senza conflitti di interesse.lol, e dove stanno? se pensi alla sinistra, sei un illuso...
  • Anonimo scrive:
    Re: diritto d'autore a senso unico
    - Scritto da: avvelenato
    c'è qualcosa che non mi torna.Pensiamo in Italia quanta opposizione potrebbe fare l'attuale maggioranza a una norma del genere con Berlusconi che è proprietario di 3 reti commerciali. E non è un pericolo così remoto perché noi in genere seguiamo la via statunitense per queste cose.Un ragione in più per mettere al timone persone senza conflitti di interesse.
  • avvelenato scrive:
    diritto d'autore a senso unico
    Tra le altre misure previste, anche la possibilità per televisioni ed editori di tagliare scene di film senza incorrere in azioni legali da parte dei produttori originali. L'idea è di consentire di togliere scene di sesso e violenza dai film che vengono destinati ad un pubblico familiare. allora: l'utente non può condividere un brano affinché venga diffuso gratuitamente.Invece televisioni ed editori possono viturperare un'opera non loro e trasmetterla fottendosene delle leggi sul (c).c'è qualcosa che non mi torna.
  • Anonimo scrive:
    educare il pubblico sul diritto d'autore
    direi che il pubblico è già abbastanza educato, e si oppone con forza all'applicazione del diritto d'autore come lo intendono loro. che almeno si risparmino il ruolo di educatori, che non gli compete. anzi, dovrebbero vergognarsi...
    • bompa5 scrive:
      Re: educare il pubblico sul diritto d'autore
      Bellissimo commento, hai il mio voto incondizionato!
    • Anonimo scrive:
      Re: educare il pubblico sul diritto d'au
      Mi sono perso le barricate in piazza ? :D:D:D
    • soulista scrive:
      Re: educare il pubblico sul diritto d'autore
      - Scritto da: Anonimo
      direi che il pubblico è già
      abbastanza educato, e si oppone con forza
      all'applicazione del diritto d'autore come
      lo intendono loro.

      che almeno si risparmino il ruolo di
      educatori, che non gli compete. anzi,
      dovrebbero vergognarsi...Una volta si educava con il frustino o la bacchetta e poi con l'elettro-shock...Hai idea di cosa significhi "educare" per un protestante?:s
Chiudi i commenti