Lessig e il Copyright modulare

I creativi potranno decidere come condividere le proprie opere grazie ad un nuovo sistema sul quale punta tutto un guru dell'hi-tech contemporaneo, il professore Lawrence Lessig, alla guida di un importante progetto non profit
I creativi potranno decidere come condividere le proprie opere grazie ad un nuovo sistema sul quale punta tutto un guru dell'hi-tech contemporaneo, il professore Lawrence Lessig, alla guida di un importante progetto non profit


Stanford (USA) – Un’idea semplice ma dal retrogusto decisamente geniale potrebbe (forse) cambiare presto il rapporto che chiunque utilizza un’opera protetta ha con il copyright. La lampadina si è accesa al professore Lawrence Lessig, uno dei più ascoltati esperti dell’hi-tech contemporaneo, che ha fondato allo scopo la Creative Commons , un’azienda no profit che si propone di “semplificare le barriere alla creatività attraverso una nuova interpretazione della legge e della tecnologia” e che ha già fatto parlare di sé.

Quella di Lessig è una scommessa: in un mondo digitale letteralmente sconvolto dal conflitto tra diritti intellettuali e metodi di distribuzione, l’idea è quella di proporre una terza via. Se il sistema messo a punto da Lessig – che dovrebbe essere disponibile al pubblico entro l’anno – troverà terreno fertile gli artisti o chiunque possieda i diritti su una qualsiasi opera potrà decidere di renderla pubblica oppure di limitarne la diffusione secondo alcuni parametri. Con facilità e con un occhio al non profit.

Spiega Lessig: “Se, per esempio, un artista vuole rendere pubblica la propria musica per un uso non commerciale, oppure collegare ad essa i propri riferimenti, il nostro sistema gli consentirà di farlo in un formato che sia leggibile dalle macchine. I computer potranno cioè identificare e comprendere direttamente i termini della licenza scelta dall’autore, rendendo più semplice per le persone cercare e condividere le opere”.

In sostanza, il sistema della Creative Commons permette agli autori di selezionare la modalità con cui dovranno essere trattati i brani musicali, i documenti, le immagini e quant’altro possa essere protetto da copyright e condiviso attraverso dei computer.

Gli autori potranno segliere tra due principali opzioni, ovvero se rendere il proprio lavoro di pubblico dominio ed offrire a chiunque la possibilità di copiarlo, utilizzarlo, modificarlo e elaborarlo ulteriormente, oppure rendere la propia opera utilizzabile secondo alcune restrizioni che vanno dalla citazione obbligatoria dell’autore al permesso di utilizzo per fini non commerciali, dall’utilizzo come copia privata e non quindi in pubblico al divieto di costruire nuove opere basate sull’originale, all’obbligo di mantenere la stessa forma di licenza per opere derivate dall’originale.

“L’obiettivo – ha sottolineato il direttore esecutivo di Creative Commons, Molly Van Houweling – non è solo quello di aumentare la somma di materiale disponibile online, ma anche quello di offrire un accesso a quel materiale ad un minor costo e più agevolmente”.

Il progetto è stato lanciato ora per consentire all’organizzazione di ricevere suggerimenti dal pubblico in modo da migliorare il sistema che dovrà gestire una gran mole di opere provenienti da tutto il mondo.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 05 2002
Link copiato negli appunti