LG: più stretti Blu-ray e HD DVD

Il produttore coreano ha lanciato un nuovo player a laser blu dual-standard che, oltre a leggere i due formati, è in grado di riprodurre i contenuti interattivi di entrambi gli standard. Al varco c'è anche Samsung

Englewood Cliffs (USA) – Se l’unione “fisica” tra Blu-ray e HD DVD promessa dal formato Total HD appare ormai soltanto una chimera, LG Electronics sembra comunque decisa a proseguire sulla strada tracciata già all’inizio dell’anno, quella dei player a laser blu dual-standard. Il produttore coreano ha appena lanciato negli Stati Uniti il successore di BH100 , il primo lettore da salotto in grado di leggere sia i dischi Blu-ray che quelli HD DVD.

Il nuovo BH200 , anch’esso appartenente alla famiglia di drive dual-standard Super Multi Blu, colma quella che molti considerano una delle maggiori lacune del suo predecessore: la mancanza del supporto alla specifica iHD (interactive High Definition) utilizzata dallo standard HD DVD per la visualizzazione dei contenuti interattivi. L’assenza di tale funzionalità aveva impedito ad LG di ottenere la certificazione del DVD Forum , accrescendo così la convinzione, fra i consumatori, che il BH100 fosse un lettore “monco” e ancora immaturo.

Il BH200 sfoggia i loghi che attestano la certificazione di conformità con entrambi gli standard in alta definizione , garantendo così agli utenti il pieno supporto alle ultime specifiche Blu-ray e HD DVD. LG ha poi assicurato che il proprio player è già pronto per BD Profile (BDP) 1.1 , una serie di funzionalità – chiamate anche Bonus View – che estenderanno le capacità interattive dei prossimi film Blu-ray.

LG Super Multi Blu BH200 A partire dallo scorso novembre, tutti i nuovi modelli di player Blu-ray introdotti sul mercato devono soddisfare i requisiti di BDP 1.1: questo profilo rende obbligatorie una serie di feature che in precedenza erano soltanto opzionali, quali ad esempio la disponibilità di uno spazio di archiviazione locale di almeno 256 MB, un secondo decoder video (necessario per la funzionalità picture-in-picture), un secondo decoder audio (necessario per “sovrapporre” all’audio del film altre tracce, come ad esempio i commenti del regista) e il supporto al virtual file system.

L’accesso ad Internet rimane invece una funzionalità opzionale , e diventerà obbligatoria solo con l’arrivo, a fine anno, del profilo 2.0 (chiamato BD Live ). Tutte queste caratteristiche poggiano sulla piattaforma BD-J (Blu-ray Disc Java), oggi già utilizzata per fornire menù interattivi, giochi e altri contenuti avanzati.

Proprio negli scorsi giorni Sony ha annunciato che, entro la fine di questo mese, rilascerà un nuovo firmware per PlayStation 3 aggiornato a BDP 1.1 . Purtroppo non basterà un semplice update al firmware per aggiornare gli attuali player BDP 1.0: a differenza di PS3, infatti, questi mancano dell’hardware richiesto dal profilo 1.1.

Neues vom Wixxer Il primo film con contenuti BDP 1.1 è stato rilasciato proprio negli scorsi giorni dallo studio tedesco Universum Film , e permette di ascoltare in tempo reale i commenti di registi e attori alle scene della pellicola Neues vom Wixxer .

Tornando al BH200, il supporto a iHD permetterà agli utenti di questo player di godere di tutti i contenuti e le caratteristiche HD DVD avanzati, quali menù interattivi, picture-in-picture, segnalibri e connessione ad Internet . Quest’ultima funzionalità, in particolare, fornisce l’accesso ai contenuti online che accompagnano i film HD DVD più recenti, come storyboard, trailer, interviste, commenti audio e altre informazioni che possono essere scaricate in tempo reale mentre il film viene riprodotto.

“Le caratteristiche e le funzionalità avanzate del BH200 eliminano la necessità di un secondo o di un terzo player e dei relativi cavi e telecomandi aggiuntivi che queste unità richiedono”, ha affermato Tim Alessi, director of consumer electronics marketing di LG Electronics USA. “Il suo pieno supporto alle caratteristiche disponibili sia nei dischi Blu-ray che in quelli HD DVD, rende Super Blu l’ammiraglia delle linee di prodotti LG indirizzati all’home video, e complementa l’estesa line-up di televisori HDTV Full HD dell’azienda”.

Tra le altre caratteristiche tecniche del BH200 si citano il supporto al Full HD (1080p), la capacità di scalare i DVD alla risoluzione di 1080p , l’adozione di un’interfaccia HDMI 1.3 con supporto alla funzione Deep Color (che offre una migliore resa delle tonalità cromatiche), l’adozione della tecnologia SimpLink per il controllo via HDMi di altri dispositivi LG, e il motore video Qdeo per l’elaborazione e l’ottimizzazione delle immagini. Le specifiche tecniche integrali sono elencate qui .

Rispetto al BH100, il nuovo player di LG è lievemente più compatto e leggero, ed è di colore grigio scuro anziché nero. Nel negozio statunitense di LG il BH200 viene venduto a 1050 dollari .

LG non ha ancora rivelato la data di lancio europea del BH200, ma è probabile che in Italia arrivi non prima del prossimo anno. Nel frattempo nei negozi online nostrani il BH100 può essere acquistato a partire da circa 800 euro : un prezzo quasi dimezzato rispetto a quello iniziale di 1.490 euro.

Lo scorso mese LG ha introdotto sul mercato anche un drive Super Multi Blu per PC, il GGW-H20N , capace di leggere e masterizzare i dischi BD-R/RW e di leggere i dischi HD-DVD.

Tra poche settimane LG non sarà più la sola a proporre player a laser blu dual-standard. A gennaio Samsung lancerà infatti il suo lungamente atteso BD-UP5000 , anch’esso capace di supportare BDP 1.1, HDMI 1.3 e i contenuti interattivi in formato BD-J e iHD. Sebbene il prezzo di listino di questo lettore dovrebbe essere di mille dollari, su Amazon lo si può preordinare a 800 dollari : un prezzo di ben 200 dollari inferiore a quello praticato dal medesimo negozio online per il BH200.

La concorrenza tra LG e Samsung potrebbe notevolmente accelerare la discesa dei prezzi dei player dual-standard, e di riflesso anche quella dei lettori a formato unico.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Renato scrive:
    ...eccomi eccomi
    qualcuno sa a chi mi devo rivolgere per farmi assumere da una di queste ditte che hanno un disperato bisogno di tecnici IT?ho una laurea magistrale in ing delle telecomunicazioni, con lode.;-)
    • Stupidfilte r scrive:
      Re: ...eccomi eccomi
      E devi andare in Germania per cercare lavoro? Se la laurea l'hai presa in una università seria ho una proposta sottomano da 25k annui, tempo indeterminato, se sei interessato vediamo di metterci in contatto.
  • E.L. scrive:
    la mia esperienza in Germania
    Salvevi racconto la mia esperienza in Germania, premettendo che non lavoro nell'ambito IT ma che vi ho lavorato diciamo a fianco.1) Gli stipendi sono molto più alti che in italia, una normale segretaria guadagna circa dai 1500 euro ai 2000 euro (netti) - un tecnico it a salire2) Lo stato sociale: sono stato tecnicamente disoccupato per un mese, mi hanno pagato una indennità di circa l'80 percento del mio stipendio netto (la assicurazione medica la pagavano loro)e lo avrebbero fatto per i successivi due anni.3) La lingua: il tedesco è difficile ma dalla mia esperienza l'inglese è parlato mediamente di più e meglio che in Italia, in ogni caso tempo 6 mesi/ 1 anno di studio (un corso di 4/6 ore alla settimana è sufficiente) e non ci saranno più grossi problemi. Nel settore IT, in ogni caso tutti parlano l'inglese.4) Il costo della vita: è generalmente il 30% mono caro che in Italia. Quelli che sono carissimi sono i trasporti pubblici (treni e tram) ma funzionano alla grande. Per il resto è generalmente tutto più economico: es: un litro di latte fresco 65 centesimi - quanto costa in italia?5)Dove andare: la vita all'ovest della germania è più cara dell'Est ma anche all'est ci sono molte aziende IT (Dresda -Lipsia) e la vita è molto economica e di alto livello5) Tedeschi simpaticoni: in generale i tedeschi del sud sono più aperti e socievoli mentre quelli del nord sono più chiusi. Qui dicono: "a Monaco si fa amicizia in 5 minuti a Amburgo no ma si rimane amici per 40 anni"Il mio consiglio e' di vedere qui se in Italia non vedete possibilità nei prossimi 6 mesi.
    • G B scrive:
      Re: la mia esperienza in Germania
      Concordo con l'opinione positiva sulla Germania.Vi ho lavorato per quattro anni e le condizioni di vitasono decisamente migliori li` che in Italia:costo della vita piu` basso, servizi migliori,maggiore professionalita` sul lavoro e stipendi migliori.La lingua si impara e non e` cosi` brutta come sicrede. E` vero che i tedeschi hanno bisogno di piu` tempoper fare amicizia, ma poi si possono instaurare delleamicizie molto affidabili e durature.
  • tramoman scrive:
    Germania? NO GRAZIE
    Io vivo in UK da 5 anni e sono stufo e spero di tornare quest'anno in Italia!!Ma ci siete mai stati in Germania? Avete qualche amico tedesco?Bhe' i "crucchi" non sono proprio cosi' simpatici.W L'Italia, con tutti i problemi e la gente LAMENTONA!Ciao
    • Corti scrive:
      Re: Germania? NO GRAZIE
      Pero' lo stipendio inglese te lo scordi in Italia...
    • Stefano scrive:
      Re: Germania? NO GRAZIE
      Meglio di tanti figli di buona donna italiani, almeno i tedeschi sono corretti, cosa che non si può proprio dire degli italiani. Ovviamente sempre generalizzando
  • picchiatello scrive:
    Germania ?
    Mi sembra che generalizzare con "Germania" sia furviante , in alcuni Land le cose vanno benone in altri sono ancora fermi....come del resto nel nostro paese; certamente li se fa il furbo e non paghi il "giusto" salario o comunque non dai le garanzie in 5 minuti puoi chiudere l'attività....e pagare...Qui nel nostro paese dove almeno l'ultimo articolo faceva pensare che 2 aziende su 3 hanno software senza licenza.....
  • Axel scrive:
    le solite PAGLIACCIATE
    La ragione della mancanza di manodopera IT in Germania è la stessa che spesso viene citata anche in Italia, ovvero il numero troppo basso di informatici laureati tra i residenti, insufficiente comunque a coprire le esigenze IT di industrie e pubblica amministrazione.....ricordo che nel 1986/87 i media strombazzavano l'imminente crisi dell'industria italiana costretta, a sentir loro, ad importare INGEGNERI ELETTRONICI dall'India perchè qui in Italia non ve ne erano a sufficienza, risultato: boom di immatricolazioni in Ingegneria Elettronica che 6/7 anni vomitavano svariate centinaia di laureati cui è stato detto: "Eh?! Posti di lavoro??? Ma se c'è la crisi! no!no!...non ci servono ingegneri elettronici! via! via!"...a dar retta alle sparate dei media! :
    • The Raptus scrive:
      Re: le solite PAGLIACCIATE
      Concordo in pieno.Stesse panzanate ripetute dal Montezemolo qualche mese fa ...Poi scopri che ti lasciano a 1000 euro almese, contratto a termine. E devi accettarlo perchè di lavoro non ce n'è !
  • Antonio di Biasio scrive:
    sulla laurea
    A volte non capisco la "fissazione" di alcune aziende nel volere il tecnico laureato. Lavoro nel campo IT da 11 anni e mi ritengo un professionista che nulla ha da invidiare - per conoscenze, competenze ed esperienza - ad un laureato. Nonostante questo ultimamente se non hai la laurea su curriculum le aziende nemmeno ti chiamano per un colloquio informativo, vi pare normale?
    • Io blocco il P2P scrive:
      Re: sulla laurea
      - Scritto da: Antonio di Biasio
      A volte non capisco la "fissazione" di alcune
      aziende nel volere il tecnico laureato. Lavoro
      nel campo IT da 11 anni e mi ritengo un
      professionista che nulla ha da invidiare - per
      conoscenze, competenze ed esperienza - ad un
      laureato. Nonostante questo ultimamente se non
      hai la laurea su curriculum le aziende nemmeno ti
      chiamano per un colloquio informativo, vi pare
      normale?Oltre a non sembrarmi normale non è vero.
    • asd! scrive:
      Re: sulla laurea
      Beh ma i laureati hanno studiato tanta matematica, fisica e chimica che ti credi! so tutte materie fondamentali per lavorare coi pc... LOL!
      • epikuros scrive:
        Re: sulla laurea
        - Scritto da: asd!
        Beh ma i laureati hanno studiato tanta
        matematica, fisica e chimica che ti credi! so
        tutte materie fondamentali per lavorare coi pc...
        LOL!Per lavorare con i PC no... puoi tranquillamente continuare a fare la segretaria. Se vuoi lavorare nell'informatica per davvero direi che sono fondamentali...
      • shevathas scrive:
        Re: sulla laurea
        - Scritto da: asd!
        Beh ma i laureati hanno studiato tanta
        matematica, fisica e chimica che ti credi! so
        tutte materie fondamentali per lavorare coi pc...
        LOL!classica risposta da rana convinta che la sua pozza sia un oceano.Logico che per fare due paginette in php si può fare a meno di matematica, fisica&co.Un po' meno se devi usare un poco di statistica per gestirti sistemi di data mining o progettare ed implementare software per una qualche simulazione di sistemi.Meglio evitare di disprezzare e bollare come inutile per partito preso tutto quanto non si conosce o non si è in grado di capire.
      • alecava scrive:
        Re: sulla laurea
        Tu la pensi come la maggior parte della gente che ho visto all'università che dopo il primo anno ha capito che non faceva per loro, si sono accorti che essere un informatico non vuol dire smanettare con un pc....
    • Anonimo scrive:
      Re: sulla laurea
      Onestametne dopo 11 anni di esperienza il fatto che uno sia o no laureato conta molto poco.
    • The Raptus scrive:
      Re: sulla laurea
      Io sono laureato, ma sono daccordo con te .. in parte.Mi spiego:Dopo n anni di esperienza è normale che le conoscenze si equivalgano,quindi hai ragione.Ma in un settore come questo che io ritengo il più "movimentato" di tutti hai bisogno di aggiornamenti costanti (trovami un settore più in evoluzione di questo ...).Il laureato per anni ha studiato un sacco di panzanate che, in effetti, al lavoro servono a ben poco. Ma hanno dato allo studente la capacità di studiare, di apprendere più velocemente di altri.A seguire il tuo ragionamento se io sto 5 anni all'universita e tu 5 anni "sul campo" alla fine dovremmo essere uguali. Invece non è così (neppure dopo 5 io e 10 tu, per esempio!). Ecco cosa ad esempio mi è servita Meccanica Razionale e Scienza delle costruzioni.Il vero problema, IMHO, è che la professionaleità e la qualità in questo settore NON VENGONO RICONOSCIUTI. Si guarda solo il vil denaro, convinti che l'informatica è alla portata di tutti visto che i ragazzini ci smanettano tutto ilgiorno. Quindi ti pago poco.Ma su questo si è scritto e detto troppo ...
    • picchiatello scrive:
      Re: sulla laurea
      - Scritto da: Antonio di Biasio
      A volte non capisco la "fissazione" di alcune
      aziende nel volere il tecnico laureato. Lavoro
      nel campo IT da 11 anni e mi ritengo un
      professionista che nulla ha da invidiare - per
      conoscenze, competenze ed esperienza - ad un
      laureato. Nonostante questo ultimamente se non
      hai la laurea su curriculum le aziende nemmeno ti
      chiamano per un colloquio informativo, vi pare
      normale?Dipende vogliono il tecnico laureato "giovane"; cosi' da poterlo magari mettere i primi tre anni a contratto speciale. Tra un diplomato e un laureato a parità di stipendio senza pratica sulla carta una laureato fa piu' in da proporre al cliente magari patta con un laureato in economia e commercio a fare da venditore. Diciamo che superati i 35-40 anni che devi ricercare occupazione e' meglio andare in altri ambiti lavorativi...ammesso e non concesso ce ne siano nel nostro paese.
    • Domenico scrive:
      Re: sulla laurea
      Con la lurea o senza è uguale non ti chiamano e se ti chiamano ti propogono contratti da terzo mondo
      • Anonimo scrive:
        Re: sulla laurea
        Tu quindi sei disoccupato? Oppure facevi solo così per dire? O lo dici perchè beppe grillo dice così?Poi quantifica terzo mondo, quant'è uno stipendio da terzo mondo secondo te: 1000, 1500, 2000 lordi?
  • giona54 scrive:
    aaa it offresi
    Offro 15 anni di esperienza nel campo It completamente gratuita!Età di tutto rispetto, bella presenza....SONO SICURA CHE IL GRATIS FA ATTIVARE UN SACCO DI AZIENDE!AH ! DIMENTICAVO ... NON SONO LAUREATA!!!!
  • pennywise scrive:
    Cercate in Italia
    Qui la maggior parte dei laureati ha difficoltà a leggere e scrivere correttamente, figuriamoci se sanno accendere un pc.Ma sicuramente hanno tanta bella carta (bollata) da mostrare ad ogni colloquio.In compenso ci sono migliaia di ragazzi appassionati d'informatica che magari sono diplomati in meccanica o hanno solo la terza media, ma sanno compilare un programma in 10 minuti di lavoro e ottimizzare il lavoro di un'intera azienda. Ma in Italia non se li caga nessuno, al massimo lavorano nei callcenter o guidano il camion dei rifiuti.
    • daniele scrive:
      Re: Cercate in Italia
      esagerato...
    • Insulter scrive:
      Re: Cercate in Italia
      Il mondo gira così.. Se non ti piace cambialo..C'è (ancora) gente che va a studiare perchè pensa che potrà essergli utile.. della mia università (di cui non voglio fare il nome) facoltà di informatica, il 2% degli studenti è capace di scrivere un programma, conosce qualche accenno di *nix, sa qualcosa di amministrazione ed è capace di fare un qualcosa di minimamente informatico..Il resto è gente che andrà a popolare PMI e a fare lavori che richiedano un minimo di conoscenze informatiche e un pezzo di carta Non è uno scherzo-- e spero (anzi dato che sto cambiando università lo so ) che non sia così ovunque..Noi comunque siamo peggio dei tedeschi.. perchè pensiamo di avere millemila esperti informatici.. ma in realtà ne abbiamo anche noi pochissimi.. Il fatto che non riescano a trovare un posto.. è solamente perchè non ci sono ditte informatiche abbastanza fighe..Quelle ditte fighe.. non assumono gli informatici semplicemente perchè gli informatici (definiti tali) in italia fanno schifo dopo un estenuante ricerca.. hanno capito che se "formano" un laureato in matematica/fisica esce fuori il miglior informatico sulla faccia della terra.. (se poi è appassionato diventa un guru) :DProvare
  • Cruccolandi a scrive:
    Ecco qualche link
    Ciao, io il lavoro in Cruccolandia (AKA Bundesrepublik Deutschland, AKA Germania, AKA Allemagne :)) l'ho trovato navigando su www.monster.deun altro link interessante puo' essere www.stepstone.deun altro link è www.computerfutures.de, ma sappiate che si tratta del sito di una sola società di ricerca di personale. Skill di medio-alto livello, spesso ci sono ottime possibilità.Se non conoscete il tedesco, non importa: scegliete la versione inglese dei siti. TUTTI PARLANO INGLESE IN GERMANIA!!!
    • Abusivo scrive:
      Re: Ecco qualche link
      Ehi, crucco, che ne dici di venire a darci una mano su http://zenworks.myfreeforum.org/index.php ?Magari prima o poi lascio l'Inghilterra e vengo a dare una mano in Germania, visto che sono così bisognosi ;-)
    • Christian - Rimini scrive:
      Re: Ecco qualche link
      Ciao...domanda.. in quale città lavori?quante ore al giorno? come sono suddivise? (a che ora inizi - stacchi - riprendi e finisci).?Quanto percepisci in busta?Ti trovi bene?Non è per farmi i cavoli tuoi masolo perchè vorrei degli esempi di comparazione rispetto ai nostri.Mi puoi lasciare un tuo indirizzo email dove poterti chiedere qualcosa in privato?Grazie.Christian - Riimini
    • vbrother scrive:
      Re: Ecco qualche link
      Salve, mi associo alla richiesta di Zen, anche se io sto per provare l'Irlanda. Cheers!
  • Mi scoccio di loggare scrive:
    Perche' solo laureati?
    Mettere un neo laureato, alla guida di un reparto o comunque dargli un posto di rilievo e non esaminare ne considerare i tecnici puri ( quelli che hanno preferito invece di studiare di mettersi all'opera a creare ed inventare ), e' rischioso come giocare tutti i soldi dell'azienda in borsa.Ma purtroppo "il titolo fa figo" e il "vi presento il nostro Responsabile IT il DOTT. PincoPallino" fa molto piu' figura di "vi presento il nostro Responsabile IT il Sig. PincoPallino".Peccato che poi escano prodotti scadenti, bug assurdi e release su release di un prodotto ( ver. 1.3.7.4 ).P.s. : Ma perche' poi ricercare in Cina e India? il Giappone non sforna abbastanza IT? l'Australia? ah...cercano quelli con stipendi da fame.Attendete che arrivino i computer ipereconomici in africa, e poi potrete estendere le ricerche anche li....1 tecnico x 1 casco di banane al mese.Che schifo
    • pentolino scrive:
      Re: Perche' solo laureati?
      guarda io nella mia esperienza ho avuto contatti sia con laureati e con non laureati; ignoranza e cultura erano diffuse allo stesso modo in entrambe le categorie, ovvero l' ignoranza era assai diffusa e la cultura assai rara indipendentemente dal titolo.Personalmente (sono laureato in Ingeneria informatica) ritengo che se considero 100 la cultura e l' esperienza che ho adesso dopo 5 anni che lavoro nell' IT, la mia conoscenza da neolaureato la stimo tra 5 e 10; però molto di quello che ho appreso all' università mi ha facilitato nell' apprendere il resto grazie al mio impegno personale.Altri miei colleghi invece ho l' impressione che usciti con competenza "10" dall' università dopo 5 o più anni siano più o meno a 15 - 20 massimo.
    • precisino scrive:
      Re: Perche' solo laureati?
      - Scritto da: Mi scoccio di loggare
      Mettere un neo laureato, alla guida di un reparto
      o comunque dargli un posto di rilievo e non
      esaminare ne considerare i tecnici puri ( quelli
      che hanno preferito invece di studiare di
      mettersi all'opera a creare ed inventare ), e'
      rischioso come giocare tutti i soldi dell'azienda
      in
      borsa.

      Ma purtroppo "il titolo fa figo" Guarda che nei paesi civili le competenze assunte da noi a caro prezzo lavorando si passano con maggiore efficienza attraverso le università. E per questo che chiedono laureati (triennali, di solito). Non usare il metro italiano per misurare realtà diverse.In germania un laureato non è uno "figo", è uno che è stato selezionato e preparato bene per un certo settore.C'è un motivo se noi stiamo affondando (o comunque, a sentir gli ottimisti, imbarcando acqua più velocemente di quanto le sentine riescano a buttare fuori bordo).
      • Mi scoccio di loggare scrive:
        Re: Perche' solo laureati?
        - Scritto da: precisino
        Guarda che nei paesi civili le competenze assunte
        da noi a caro prezzo lavorando si passano con
        maggiore efficienza attraverso le università. E
        per questo che chiedono laureati (triennali, di
        solito).Perche' in tre anni di studio, riesci a fare piu' che in dieci anni sul campo giusto?Non voglio aprire sempre la solita polemica, ma se un'azienda, invece di richiedere ESPERTI, richiede LAUREATI, vuol dire solo che si vuol fregiare di un titolo e non di persone COMPETENTI e AFFIDABILI.Ripeto : Se stai cercando qualcuno da assumere, non puoi ignorare gli esperti senza titolo, perche' se ti si presenta dinanzi un 25enne laureato e un 25enne non laureato, _molto probabilmente_ i 5 anni spesi dal primo sui libri, sono stati spesi dal secondo sul campo, e per quanto possano esser aggiornati i testi e i professori, sul campo, le cose le metti in pratica e le risolvi.
        Non usare il metro italiano per misurare realtà
        diverse.
        In germania un laureato non è uno "figo", è uno
        che è stato selezionato e preparato bene per un
        certo settore.Non credere che l'erba del vicino e' sempre piu' verde.Ogni paese ha le sue magagne. Certo c'e' forse chi riesce a vivere meglio perche' ha un sistema politico differente (che non fa sparire soldi tra amici e parenti ), ma di sicuro non siamo gli ultimi a livello mondiale per intelligenza ( vedi i nostri ricercatori richiesti ovunque ).
        C'è un motivo se noi stiamo affondando (o
        comunque, a sentir gli ottimisti, imbarcando
        acqua più velocemente di quanto le sentine
        riescano a buttare fuori
        bordo).E non sono le università che non ti preparano mentre all'estero si.Sono ben altri, piu' gravi e meno risolvibili con una semplice elezione anticipata.
        • abitante di paesino sperduto scrive:
          Re: Perche' solo laureati?
          Beh, a dirtela tutta, il venticinquenne non laureato _potrebbe_ aver speso i suoi 5 anni a smanettare sul computer, cercando su google quelle cose che non riusciva a risolvere. Ma mai e poi mai gli passerà per la mente di applicare teorie matematiche neanche tanto avanzate (di cui manco conosce l'esistenza) per risolvere dei problemi che potrebbe non riuscire ad intuire appieno.Con questo non voglio ovviamente dire che non-laureato = non-intelligente (anzi!), ma purtroppo si tende a pensare che basti pestare sui tasti del computer (o gigiare con cavi e circuiti) per risolvere ogni problema, senza essersi messi a pensarci sopra sul serio, e senza aver avuto un'infarinatura di qualche materia non strettamente "tecnica".Molti miei amici mi chiedono "E alla fine, a che serve la teoria, se non la puoi applicare?" Avrebbero posto a Pitagora se l'avessero conosciuto.. :)Scusatemi se vi sentite offesi da quanto ho scritto, ma sono un ricercatore informatico teorico, e probabilmente vivo su una nuvoletta (monolocale, ovviamente, visto quello che mi pagano...) :P
          • Mi scoccio di loggare scrive:
            Re: Perche' solo laureati?
            Come puoi ben immaginare, gli scenari possibili sono :Il NeoLaureato e' anche portato per quella materia e quindi vale 10Il NeoLaureato NON e' portato per quella materia e quindi vale 3Il Tecnico e' portato per quella materia e quindi vale 6Il Tecnico non e' portato per quella materia e quindi vale 0Se al Tecnico, ci aggiungi esperienza sul campo ( vale a dire gli stessi di un NeoLaureato ), devi aggiungere un bonus pari a 3 o 4 (dipende dal ruolo che deve ricoprire all'interno dell'azienda....se si tratta di inventare una nuova procedura MAI VISTA PRIMA, allora aggiungi 3, se deve semplicemente fare un gestionale come nel 99% delle imprese italiane, allora aggiungi anche 5 ).Le varianti, quindi sono 4, ma io ho detto ( per 2 volte ), NON PUO' UN'AZIENDA ESCLUDERE A PRIORI un tecnico solo perche' quest'ultimo NON E' LAUREATO.E' un errore troppo grosso che molti BIG ( vedi Google ) non commettono piu'.
        • precisino scrive:
          Re: Perche' solo laureati?
          - Scritto da: Mi scoccio di loggare
          Perche' in tre anni di studio, riesci a fare piu'
          che in dieci anni sul campo
          giusto?Solita diatriba. Tu viaggeresti su un aereo progettato da meccanici (quelli con la chiave inglese e sporchi di grasso) con l'avionica fatta da programmatori java? Io no. (Con tutto il rispetto per entrambi).Così come non lascerei progettare sistemi a gente come quella che ha pensato il passaporto biometrico, aggiungendo un nuovo livello di insicurezza a quelli che già c'erano (lavoro di oggi che continua a girarmi in testa).

          Ripeto : Se stai cercando qualcuno da assumere,
          non puoi ignorare gli esperti senza titolo,Il problema è che non esiste un sistema di certificazione delle competenze. Chi decide che sei esperto? Comunque la laurea era nata per quello (almeno quelle professionalizzanti).Poi, visto che li pagano uguale, per l'azienda può sembrare che chi si è speso per cinque anni possa essere di qualità migliore. Vero, falso? Solita polemica. Non invischiamoci.
          perche' se ti si presenta dinanzi un 25enne
          laureato e un 25enne non laureato, _molto
          probabilmente_ i 5 anni spesi dal primo sui
          libri, sono stati spesi dal secondo sul campo, e
          per quanto possano esser aggiornati i testi e i
          professori, sul campo, le cose le metti in
          pratica e le risolvi.Di nuovo l'attitudine del meccanico. Saper riparare un motore è diverso dal saperlo progettare. Poi se per i soliti nepotismi ci sono tanti che fanno il secondo lavoro senza esserne qualificati, e si usano quest'ultimi come metro per dire "lo saprei fare meglio e non sono laureato", posso essere d'accordo, ma non c'entra. I migliori di un gruppo si confrontano con i migliori dell'altro gruppo. O le medie con le medie. Non i peggiori di uno con i migliori dell'altro. Di mestieranti venditori di fumo senza laurea l'italia è piena. Ma quelli non li stai considerando.Comunque visto la piega che ha preso questo paese, hai ragione su una cosa: di laureati, quelli bravi, ne servono sempre meno. I più emigrano, altri si adattano e finiscono per far concorrenza a persone meno qualificate per lavori nei quali la loro qualificazione è eccessiva. Vista dalla tua parte, è pobabilmente concorrenza sleale.



          Non usare il metro italiano per misurare realtà

          diverse.

          In germania un laureato non è uno "figo", è uno

          che è stato selezionato e preparato bene per un

          certo settore.

          Non credere che l'erba del vicino e' sempre piu'
          verde. Ogni paese ha le sue magagne.Per quel che ne so (racconti di colleghi della consociata locale e confronti fatti da qualche amica insegnante) in Germania il sistema educativo funziona discretamente bene. Inoltre non abbandona chi esce dal percorso canonico, riuscendo a preparare bene anche chi si dedica a cose che da noi sono puro training on the job (se va bene), come le professioni tecniche e non. Ad esempio un panettiere o un idraulico ha una scuola apposita. Trovala da noi (e che serva, poi).

          E non sono le università che non ti preparano
          mentre all'estero si.Francamente, credo che da noi la scuola sia la madre di tutti i mali. Un sistema che premia chi è abbastanza furbo da barcamenarsi facendo niente educa ad un certo tipo di comportamento. Senza contare che l'insegnamento fine a se stesso (senza contatti con la realtà esterna) fa il resto.E lo dico dopo 22 anni passati in quel sistema (laurea+specializzazione).Poi la guerra della politica alla giustizia, avendo avuto largamente successo, è l'altra grande priorità. Non funzionando il potere più legato al quotidiano, il sistema immunitario della società, le malattie proliferano. E penso siano ormai mortali, purtroppo.
    • asd! scrive:
      Re: Perche' solo laureati?
      QUOTO e LOLLO!
    • epikuros scrive:
      Re: Perche' solo laureati?
      - Scritto da: Mi scoccio di loggare
      Ma purtroppo "il titolo fa figo" e il "vi
      presento il nostro Responsabile IT il DOTT.
      PincoPallino" Guarda, quello succede solo in Italia, dove per compiacere le masse hanno deciso di chiamare "dottore" chi esce da 3 anni di universitá.In Germania di solito ti chiamano "signor" finché non arrivi ad un dottorato di ricerca, a quel punto "dr".Un'altra cosa che succede solo in Italia é che la gente si lamenti di non poter avere il posto di lavoro di uno che ha piú titoli. Qui la maggior parte della gente si "accontenta" e si impegna. Questo porta risultati e quindi soldi. Facile no?
    • Get Real scrive:
      Re: Perche' solo laureati?
      - Scritto da: anonimo
      Ma porca miseria, perche continuano a pensare che
      il tecnico/consulente informatico non si paga o
      se si paga si paga pochissimo? Perchè ce ne sono tanti e il livello non varia di molto. Il tecnico/consulente informatico non è una rarità e il piu' si accontenta di una ciotola di riso perchè sa di valere quello.Gli altri si adattano.
  • Simone scrive:
    La lingua!!
    Peccato che mentre quasi tutti sanno l'inglese, quasi nessuno conosce il tedesco :)
    • Anonimo scrive:
      Re: La lingua!!
      Per fortuna tutti i tedeschi parlano inglese, quindi gli stranieri che lavorano da loro possono tranquillamente parlare inglese.
      • pippo lacoca scrive:
        Re: La lingua!!
        Il fatto che tutti i tedeschi parlino inglese e' un mito, te lo assicuro.
        • qualcuno scrive:
          Re: La lingua!!
          - Scritto da: pippo lacoca
          Il fatto che tutti i tedeschi parlino inglese e'
          un mito, te lo
          assicuro.tutti no, parecchi però si, per lo meno nelle città come Monaco.
        • Anonimo scrive:
          Re: La lingua!!
          Infatti l'ho messo in corsivo. Per tutti intendo quelli che lavorano in ambito IT ad un livello decente.
        • epikuros scrive:
          Re: La lingua!!
          - Scritto da: pippo lacoca
          Il fatto che tutti i tedeschi parlino inglese e'
          un mito, te lo
          assicuro.Sottoscrivo! E aggiungo: se vuoi essere chiuso in una cantina magari l'inglese basta, ma se vuoi essere preso per un lavoro dove hai dei colleghi e magari dei clienti allora ti serve il tedesco...
        • Disgraziato scrive:
          Re: La lingua!!
          - Scritto da: pippo lacoca
          Il fatto che tutti i tedeschi parlino inglese e'
          un mito, te lo
          assicuro.Quoto, per esperienza personale, resta comunque il fatto che mediamente lo conoscono più che da noi, ma questo era scontato
    • qualcuno scrive:
      Re: La lingua!!
      - Scritto da: Simone
      Peccato che mentre quasi tutti sanno l'inglese,
      quasi nessuno conosce il tedesco
      :)neppure io conosco il tedesco, nonostante questo lavoro a Monaco di Baviera già da alcuni mesi.In alcune grosse realtà, la lingua ufficiale è l'inglese.Il tedesco lo studierò, ma per usarlo fuori di qui.
      • vbrother scrive:
        Re: La lingua!!
        Salve, vista la sua esperienza è cordialmente invitato a visitare il forum http://zenworks.myfreeforum.org/ in cui cerchiamo di passarci dei consigli per andare all'estero.Saluti!
    • giona54 scrive:
      Re: La lingua!!
      quella non è un problema. tutti i tedeschi parlano perfettamente inglese!il tedesco lo apprendi con il metodo training-on-the-job.
    • Sci-fi scrive:
      Re: La lingua!!
      I miti sulla difficoltà del tedesco sono solo miti. Per certi versi lo trovo molto più lineare dell'inglese, soprattutto sulla pronuncia.
      • Anonimo scrive:
        Re: La lingua!!
        E' molto piu' facile da leggere e pronunciare, ma parlarlo correttamente e scrivere senza errori grammaticali (specifiche tecniche, lettere formali, documenti vari) e' decisamente piu' difficile.
  • pentolino scrive:
    Ma ROTFL
    "La ragione della mancanza di manodopera IT in Germania è la stessa che spesso viene citata anche in Italia"Eh? In Italia mancano i laureati per l' IT? Boh, dove ho lavorato io erano tutti laureati (in ing, informatica etc.) e non è che ho lavorato per la NASA intendiamoci!Certo se vuoi i laureati da pagare 500E al mese allora certo che il discorso cambia...Ma per favore...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma ROTFL
      In tutta Europa mancano figure professionali nel mondo dell'IT. In Italia onestamente non l'ho ancora capito, pero' mi sembra strano che ce ne siano in esubero quando negli altri paesi li cercano come l'oro.E' anche vero che in Italia l'IT se la possono permettere in pochi (i piu' per IT intendono un foglio Excel).
    • Josafat scrive:
      Re: Ma ROTFL
      Difatti! Penso ad un mio amico ingegnere informatico (al Poli di Torino, peraltro) che, dopo aver cercato lavoro, non ha ottenuto niente più di... (udite, udite) uno stage gratuito!!!Adesso ha preso baracca e burattini ed è andato a Lyon e medita sul non ritornare mai più... visto che là studia e lavora... e lo pagano!! E certo non fa gestionali con VB.....Trovassi qualche azienda che è disposta ad assumere telelavoratori totali (ovvero, senza dover andare manco una volta a settimana in sede)... ecco, anche con uno stipendio minore di quello attuale, mi farei assumere.
      • Io blocco il P2P scrive:
        Re: Ma ROTFL
        - Scritto da: Josafat
        Difatti! Penso ad un mio amico ingegnere
        informatico (al Poli di Torino, peraltro) che,
        dopo aver cercato lavoro, non ha ottenuto niente
        più di... (udite, udite) uno stage
        gratuito!!!
        Adesso ha preso baracca e burattini ed è andato a
        Lyon e medita sul non ritornare mai più... visto
        che là studia e lavora... e lo pagano!! E certo
        non fa gestionali con
        VB.....

        Trovassi qualche azienda che è disposta ad
        assumere telelavoratori totali (ovvero, senza
        dover andare manco una volta a settimana in
        sede)... ecco, anche con uno stipendio minore di
        quello attuale, mi farei
        assumere.Di che ti occupi?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma ROTFL
        Questa mi sembra una cavolata, tra i miei compagni di corso (politecnico di milano ing. informatica e telecom) TUTTI sono riusciti a trovare lavoro entro un mese, la maggior parte con contratti a tempo indeterminato (5^ liv metalmeccanico o 3^ commercio).Nessuna azienda e' disposta ad assumere tlelavoratori TOTALI
        • Gordon scrive:
          Re: Ma ROTFL
          ATTENZIONE!!! I forum di P.I. sono popolati da trentenni sfigati da 1000 euro al mese, privi di laurea che tanto non serve perchè "uno smanettone ne sa più di un ingegnere", che sono ARCICONVINTI che chiunque prenda più di 1500 euro al mese sia un raccomandato!Non scrivere questi post, se no gli causi un travaso di bile!Figurarsi se poi gli dici che esiste anche chi prende 3000 euro al mese, o anche ben di più mettendosi in proprio: ti chiederebbero da quale pianeta vieni!!!Per essere un bravo forumista la devi pensare così:1)i ricchi sono raccomandati2)nessuno senza raccomandazione prende più di 1500 euro al mese3)la laurea in ingegneria non serve, basta la passione; se le aziende non la pensano così, è perchè sono dirette da capitalisti e manager cattivi4)al lavoro ci si presenta senza essersi fatti la barba,in tuta e coi capelli lunghi; chi non ha un look trasandato da "sfigato anti-sistema" è uno spaccone raccomandato5)non ci si mette in proprio, se no ti viene la tachicardia (e comunque chi si mette in proprio è perchè ha amicizie e parentele influenti, se no è impossibile)6)alle donne gli informatici non piacciono, chissà perchèIn questi forum, o si è SFIGATI, o non si è ben accetti, ok? :D- Scritto da: Anonimo
          Questa mi sembra una cavolata, tra i miei
          compagni di corso (politecnico di milano ing.
          informatica e telecom) TUTTI sono riusciti a
          trovare lavoro entro un mese, la maggior parte
          con contratti a tempo indeterminato (5^ liv
          metalmeccanico o 3^
          commercio).

          Nessuna azienda e' disposta ad assumere
          tlelavoratori
          TOTALI
  • The Raptus scrive:
    Qualche link?
    Sono molto interessato ad un posto di lavoro in germania.La mia (ex) compagna non ne vuol più sapere dell'Italia e nepure di farmi vedere mio figlio. Che tra alimenti etc, non mi lascia denaro per organizzarmi le trasferte all'estero (dovrei pagarmi aereo, taxi, hotel ...).Qualcuno sa se c'è qualche portale dove posso propormi?Il tedesco lo imparerò, l'inglese lo parlo abbastanza mentre la casa in Italia (comprata per tutti e tre!) la venderò ...
    • Max75 scrive:
      Re: Qualche link?
      Dei link sarebbero molto graditi.
    • Pedro scrive:
      Re: Qualche link?
      E' tutto molto bello e colorato. Ho visto un sacco di post inutili, sono anni che si parla delle crisi IT in Europa, Germania, etc. ma all'atto pratico..... xchè non salta fuori un mezzo link di tutte queste aziende IT depresse che cercano affannosamente personale ? Mah, misteri del giornalismo e della comunicazione "internettica"Comunque mi associo a The Raptus. Io ci andrei in Germania. Qualcuno ha informazioni utili ?....o preferiamo chattare sul punto croce ?
      • andrea io scrive:
        Re: Qualche link?
        - Scritto da: Pedro
        E' tutto molto bello e colorato. Ho visto un
        sacco di post inutili, sono anni che si parla
        delle crisi IT in Europa, Germania, etc. ma
        all'atto pratico..... xchè non salta fuori un
        mezzo link di tutte queste aziende IT depresse
        che cercano affannosamente personale ? Mah,
        misteri del giornalismo e della comunicazione
        "internettica"

        Comunque mi associo a The Raptus. Io ci andrei in
        Germania. Qualcuno ha informazioni utili
        ?
        ....o preferiamo chattare sul punto croce ?ti quoto soprattutto sul punto croce!!!! :(
      • Anonimo scrive:
        Re: Qualche link?
        Monster?
      • Stefano scrive:
        Re: Qualche link?
        - Scritto da: Pedro
        Comunque mi associo a The Raptus. Io ci andrei in
        Germania. Qualcuno ha informazioni utili
        ?
        ....o preferiamo chattare sul punto croce ?c'è un'anima buona che sappia rammendarmi i calzini? :)
    • zen scrive:
      Re: Qualche link?
      sul lavoro estero e' stato aperto un forum,qui penso potrai trovare informazioni utili:http://zenworks.myfreeforum.org/index.phpnon tratta solo la germania ma vari paesi.
    • Alessandro scrive:
      Re: Qualche link?
      www.stepstone.de ;-)Registrati, inserisci il tuo CV, imposta i criteri di ricerca per il lavoro che ti interessa e se vuoi ricevi giorno per giorno una mail con i lavori disponibile. Se qualche aziende tedesca è interessata a te, ti manda direttamente una mail chiedendoti di rendere pubblico il tuo CV e ..... la cosa bella e che ti rispondono SEMPRE anche in caso negativo!!!!Viel Glück!
  • unamico scrive:
    certo certo
    ...manca da dire che cercano laureati, che ci sono ma non sono disposti a farsi trattare come fazzolettini usa e getta. Fra un pò sarà l'india ad assumere noi, vedrete. V
  • Davide Saccon scrive:
    proprio complimentoni
    SSignori, state descrivendo quello che e' successo in America tempo fa con lo scandalo dei visa H1B,appunto per supposta carenza di lavoratori IT.In realta' di laureati americani ce ne sono una barca, ma i soliti ignoti vogliono speculare sugli stipendi bassi degli indiani.Cosi' gli indiani arrivano e vengono sfruttati, igiovani laureati americani mangiano gli hamburgerbuttati nei cassonetti, lo sciacallo di turno fa un sacco di soldi.Bravi, adesso volete riproporre la ricetta americana in Europa?Complimentoni vivissimi!
    • guast scrive:
      Re: proprio complimentoni
      Iniziamo col dire che la storia degli indiani pagati quattro soldi è un mito.Forse partono con uno stipendio basso, ma dopo un pò il loro stipendio si allinea a quello dei colleghi occidentali.Comunque se veramente volessero solo guadagnarci sugli stipendi bassi non assumerebbero tanti italiani e polacchi con stipendi allineati a quelli tedeschi.Forse un fondo di verità c'è se si conta che i lavoratori stranieri non sono tanto sindacalizzati e sono più malleabili. Però il tuo commento mi sembra una esagerazione
      • pinco pallino qualunque scrive:
        Re: proprio complimentoni
        - Scritto da: guast
        Iniziamo col dire che la storia degli indiani
        pagati quattro soldi è un
        mito.[CUT]Meglio iniziare con il non dirlo, dato che non lo è.Specie se si parla di assunzioni "di massa" come nell'articolo.
        • Max75 scrive:
          Re: proprio complimentoni
          - Scritto da: pinco pallino qualunque
          - Scritto da: guast

          Iniziamo col dire che la storia degli indiani

          pagati quattro soldi è un

          mito.
          [CUT]

          Meglio iniziare con il non dirlo, dato che non lo
          è.
          Specie se si parla di assunzioni "di massa" come
          nell'articolo.Sottoscrivo totalmente, in qualità di Ing. Informatico ho vissuto direttamente l'esperienza negli USA e la sto vivendo anche in Italia.
    • anonimo scrive:
      Re: proprio complimentoni
      e' il modello americano, baby! in irak lo "esportano" con bombe, ci va di culo che almeno a noi non ci hanno ancora bombardati.
      • scionforbai scrive:
        Re: proprio complimentoni

        e' il modello americano, baby! in irak lo
        "esportano" con bombe, ci va di culo che almeno a
        noi non ci hanno ancora
        bombardati.Oh, hai la memoria corta. Gli stati uniti ci hanno bombardato, eccome, durante la seconda guerra mondiale. E anche dopo l'8 settembre, quando non eravamo più 'nemici', anche nelle città non occupate dai tedeschi. Da lì è cominciata l'occupazione americana (o meglio, colonizzazione). Ma possibile che nessuno se lo ricordi?
  • Emilio (quello falso) scrive:
    tecnici o laureati
    non ho capito una cosa cercano tecnici o laureati "L'arrivo di migliaia di tecnici asiatici potrebbe quantomeno tamponare la situazione ma sulla loro strada c'è l'impreparazione delle normative comunitarie"
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: tecnici o laureati
      - Scritto da: Emilio (quello falso)
      non ho capito una cosa cercano tecnici o laureati Dov'è la differenza? Un laureato tecnico è un tecnico!
      • ancheno scrive:
        Re: tecnici o laureati
        - Scritto da: Zucca Vuota
        Dov'è la differenza? Un laureato tecnico è un
        tecnico!Forse in Germania e' vero
      • anonymous scrive:
        Re: tecnici o laureati
        laurea conoscenza della materialaurea esperienzaesperienza = conoscenza della materia
        • pentolino scrive:
          Re: tecnici o laureati
          dipende dal tipo di esperienza, se passi degli anni a fare sempre le stesse cose la tua conoscenza della materia (in senso lato) rimane bassa.Per spiegarmi meglio: se tu in php (o in java) usi un solo framework per anni alla fine quello lo conoscerai a menadito, ma non saprai nulla delle valide idee e degli approcci alternativi che esistono in altri framework, quindi nel complesso il tuo livello di conoscenza sarà basso
        • Anonimo scrive:
          Re: tecnici o laureati
          Si, infatti la laurea non serve a niente e nessuno cerca laureati perche' tanto gli basta uno smanettone fresco di liceo...
        • NoLaurea scrive:
          Re: tecnici o laureati
          giusto!basta con questi laureati!chi li vuole gli ingegneri elettrici? c'e' il vicino di casa elettricista da cui farsi fare l'impianto di casa!chi li vuole gli avvocati laureati? basta farsi l'esperienza guardando ally mc beal!chi li vuole i medici laureati e senza esperienza quando puoi "farti le ossa" direttamente sul campo? diamo gli interventi chirurgici ai volontari del pronto intervento che hanno piu' esperienza!ingegneri meccanici? maccheeeee'... a fare le macchine noi ci vogliamo i meccanici, non gli ingegneri... vuoi mettere l'esperienza dei meccanici in confronto a un novellino appena uscito dall'universita'?e infine in informatica... chi li vuole i laureati in informatica? mica bisogna capire qualcosa di compilatori e teoria... l'importante e' "l'esperienza"! sapere fare il sitarello in ajax o il blog e la paginetta in asp.net! questa e' tecnologia!!
          • Insulter scrive:
            Re: tecnici o laureati
            - Scritto da: NoLaurea
            giusto!
            basta con questi laureati!
            chi li vuole gli ingegneri elettrici? c'e' il
            vicino di casa elettricista da cui farsi fare
            l'impianto di
            casa!
            chi li vuole gli avvocati laureati? basta farsi
            l'esperienza guardando ally mc
            beal!
            chi li vuole i medici laureati e senza esperienza
            quando puoi "farti le ossa" direttamente sul
            campo? diamo gli interventi chirurgici ai
            volontari del pronto intervento che hanno piu'
            esperienza!
            ingegneri meccanici? maccheeeee'... a fare le
            macchine noi ci vogliamo i meccanici, non gli
            ingegneri... vuoi mettere l'esperienza dei
            meccanici in confronto a un novellino appena
            uscito
            dall'universita'?

            e infine in informatica... chi li vuole i
            laureati in informatica? mica bisogna capire
            qualcosa di compilatori e teoria... l'importante
            e' "l'esperienza"! sapere fare il sitarello in
            ajax o il blog e la paginetta in asp.net! questa
            e'
            tecnologia!!:D Quoto (per l'ironia che trapela ovviamente..) L'ho scritto perchè magari qualcuno non capiva l'ironia (come al solito) :D
          • Anselmo Talotta scrive:
            Re: tecnici o laureati
            Capisco che chi ha preso una laurea in informatica o in ingegneria informatica, dopo anni di sacrifici (ma, spesso, anche di vita universitaria piena di tempo libero) ce l'abbia a morte a doversi contendere il lavoro co dei diplomati. Ma i tui paragoni sono fuori luogo, non puoi paragonare scienz ed arti che si sono evolute a volte nei secoli con l'informatica che ogni dieci anni è un'altra cosa rispetto a se stessa.Io da diplomato lavoro con molti emeriti laureati imbecilli e lenti, mi da fastidio l'idea che uno di loro debba avere delle opprtunità in più in settori dove io sono più bravo e ho più competenze, solo perché ha fatto dei sacrifici per studiare cose che al 90% poi si è dimenticato o che non gli servono. So che quello che da l'università è il metodo (io ho dato diversi esami di analisi matematica alla facoltà di Fisica, e non farei altrettanto nbene il io lavoro se non li avessi dati). Ma il metodo poi si giudica nei fatti, è giusto che in un campo così giovane, dove spesso i maggiori innovatori hanno lasciato le università perché non avevano tempo da perdere (così riferiscono), si previlegi il saper fare e il saper imparare in fretta, ndipendentemente da come sono stati acquisiti.
          • Zucca Vuota scrive:
            Re: tecnici o laureati
            - Scritto da: Anselmo Talotta
            Io da diplomato lavoro con molti emeriti laureati
            imbecilli e lenti, mi da fastidio l'idea che uno
            di loro debba avere delle opprtunità in più in
            settori dove io sono più bravo e ho più
            competenzeGrandissimo!
          • nome scrive:
            Re: tecnici o laureati
            - Scritto da: Zucca Vuota
            - Scritto da: Anselmo Talotta


            Io da diplomato lavoro con molti emeriti
            laureati

            imbecilli e lenti, mi da fastidio l'idea che uno

            di loro debba avere delle opprtunità in più in

            settori dove io sono più bravo e ho più

            competenze

            Grandissimo!ah si? e le migliaia di euro spese per laurearsi che tu non hai cacciato? Laurearsi non è gratis sai?perciò roditi pure il fegato,un'altra volta pensaci prima di mollare gli studi.
          • NoLaurea scrive:
            Re: tecnici o laureati
            Prima di tutto complimenti per la risposta garbatissima a quella che era una provocazione (per i toni che ho usato meritavo di peggio :))Detto questo... io non ce l'ho affatto con i diplomati o che so i laureati in filosofia che poi hanno studiato il php... Ce l'ho quanto te con i laureati-imbecilli-e-lenti perche' fanno sembrare l'universita' inutile, uno spreco di tempo.Queste persone sono favorite dall'attuale sistema universitario, che sembra piu' una raccolta punti (crediti) che un corso di laurea. Voglio dire: attualmente e' possibile prendere una laurea in informatica e non sapere un beneamato caRRo... ed e' pure semplice! basta per esempio:1) fermati alla laurea triennale in cui per forza di cose ci si focalizza sulle basi -in alcuni casi ci sono piu' corsi di matematica-geometria-fisica che di informatica applicata (programmazione, db...)-2) scegli un'universita' "vicino casa", volutamente virgolettato, inteso come un'universita' nata ieri con docenti/spazi inadeguati3) approfitta dei molti corsi di matematica che portano a verifiche tramite compiti scritti... e copia a piu' non posso (addirittura approfittando del fatto che i professori universitari non sono cani da guardia visto che tendono a considerare uno studente universitario per lo meno _responsabile_)4) la maggior parte dei corsi di laurea prevede esami "opzionali", nel senso che puoi scegliere tra un numero di esami quale fare per ottenere quei tot crediti: scegli ovviamente quelli per cui si sa che "il prof fa copiare" o "e' facile", GUAI a scegliere un corso solo perche' ti interessa! perderesti tempo (vedi sotto)5) qualche mese di tesi "compilativa" (trad: qualche ricerca su wikipedia) e una stampa con dei bei caratteri larghi et voila': 200pp di aria fritta ma ben rilegata (che tanto nessuno leggera' mai).6) sfrutta i metodi bislacchi per il calcolo del voto di laurea: ormai molti atenei premiano la velocita' nel percorso di studio piu' che la media. puoi avere una media di 24/30 ma uscire con 110 e lode... basta finire in tre anni esatti!Ecco presa la laurea. Ora sei dottore. Dopo tre anni di feste scoperecce con le erasmus e vitto e alloggio fuori casa pagato (grazie a mamma e papa - che tanto i soldi piovono dal cielo).Poi capita che l'azienda tal dei tali ti assuma impressionata dal tuo curriculum di studi e si entra a contatto con uno come te, che rimane GIUSTAMENTE schifato dall'imbecillaggine/incompetenza di un laureato (tutto qui quello che si impara all'universita'?)Insomma io ce l'ho quanto se non piu' di te a morte con i laureati-farsa, ma il problema sono queste persone (immature e irresponsabili fino alla nausea) e non "la laurea".Il paragone che mi viene in mente per far capire come e' la laurea (per chi studia davvero) e' quello del rapporto infermiere-medico: agli inizi in ospedale l'infermiere sembra sempre piu' preparato di un medico appena uscito dall'universita'... ma dopo un po di tempo gli studi fanno il loro effetto... :)- chiedo scusa per il tema lunghissimo :) -
          • asd! scrive:
            Re: tecnici o laureati
            QUOTISSIMO!
          • nome scrive:
            Re: tecnici o laureati
            - Scritto da: NoLaurea
            giusto!
            basta con questi laureati!
            chi li vuole gli ingegneri elettrici? c'e' il
            vicino di casa elettricista da cui farsi fare
            l'impianto di
            casa!
            chi li vuole gli avvocati laureati? basta farsi
            l'esperienza guardando ally mc
            beal!
            chi li vuole i medici laureati e senza esperienza
            quando puoi "farti le ossa" direttamente sul
            campo? diamo gli interventi chirurgici ai
            volontari del pronto intervento che hanno piu'
            esperienza!
            ingegneri meccanici? maccheeeee'... a fare le
            macchine noi ci vogliamo i meccanici, non gli
            ingegneri... vuoi mettere l'esperienza dei
            meccanici in confronto a un novellino appena
            uscito
            dall'universita'?

            e infine in informatica... chi li vuole i
            laureati in informatica? mica bisogna capire
            qualcosa di compilatori e teoria... l'importante
            e' "l'esperienza"! sapere fare il sitarello in
            ajax o il blog e la paginetta in asp.net! questa
            e'
            tecnologia!!sono un laureando in informatica..certo fatti prendere senza laurea,ti prendono subito(ho già lavorato full time come tecnico)..peccato che se aspiri a un posto FISSO e a qualcosa di più di 1000euro al mese forse ti serve la laurea.forse eh.Dato che me l'hanno chiesta in 15 dei 19 posti dove ho cercato lavoro due anni fa.
  • Anonimo scrive:
    quasi quasi
    peccato che il mio inglese non sia proprio impeccabile e non conosco una parola di tedesco.
    • tabasco scrive:
      Re: quasi quasi
      - Scritto da: Anonimo
      peccato che il mio inglese non sia proprio
      impeccabile e non conosco una parola di
      tedesco.se sei pure brutto sei proprio sfigato, altrimenti basta trovare andare in germania per qualche tempo, affiliandosi a qualche associazione benefica, foss'anche un linux club, e cercarsi una compagna. ci penserà lei ad imparartelo, e vedrai che ti piacerà pure.
      • guast scrive:
        Re: quasi quasi

        basta trovare andare in germania
        ci penserà lei ad imparartelo,
        affiliandosi a qualche associazione
        ... e cercarsi una compagna. Da quanto tempo parli solo in tedesco ?
      • pinco pallino qualunque scrive:
        Re: quasi quasi
        - Scritto da: tabasco[CUT]
        e cercarsi una compagna. ci penserà lei ad
        imparartelo, e vedrai che ti piacerà
        pure.Cioè lo *impara* lei e lo *insegna* a lui?
      • guidoz scrive:
        Re: quasi quasi

        ci penserà lei ad
        imparartelo, e vedrai che ti piacerà
        pure.e a te l'italiano chi te l'ha "imparato" :DScusa, non ho resistito =)
    • Paoletta scrive:
      Re: quasi quasi
      - Scritto da: Anonimo
      peccato che il mio inglese non sia proprio
      impeccabile e non conosco una parola di
      tedesco.Beh, vergognati. Studia anzicche' perdere tempo qui su PI.
      • guidoz scrive:
        Re: quasi quasi
        - Scritto da: Paoletta
        - Scritto da: Anonimo

        peccato che il mio inglese non sia proprio

        impeccabile e non conosco una parola di

        tedesco.

        Beh, vergognati. Studia anzicche' perdere tempo
        qui su
        PI.Oggi sono proprio avvocato del diavolo ma...scusa, tu quante lingue conosci?E ammesso che tu sia laureata in lingue.. sai giocare a calcetto? Sai ricamare? Sai cucinare? Parli il cingalese? Sai programmare in C++? Sai suonare il violoncello?No?Vergogna! Applicati invece di perder tempo a criticare le lacune degli altri....^_^
        • Sladek scrive:
          Re: quasi quasi

          Oggi sono proprio avvocato del diavolo ma...
          scusa, tu quante lingue conosci?
          E ammesso che tu sia laureata in lingue.. sai
          giocare a calcetto? Sai ricamare? Sai cucinare?
          Parli il cingalese? Sai programmare in C++? Sai
          suonare il
          violoncello?acc. ricami anche tu ?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 dicembre 2007 07.45-----------------------------------------------------------
          • gino scrive:
            Re: quasi quasi
            - Scritto da: Sladek
            acc. ricami anche tu ?è una droga, io non riesco a smettere
          • shezan74 scrive:
            Re: quasi quasi
            - Scritto da: gino
            - Scritto da: Sladek


            acc. ricami anche tu ?

            è una droga, io non riesco a smetterepunto... croce!punto... croce!punto... croce!punto... croce!punto... croce!help!
          • tonzie scrive:
            Re: quasi quasi
            Ma non era Punto informatico, questo?? :s Devo aver sbagliato sito :DScusate, ma questo O.T. ci voleva
          • guidoz scrive:
            Re: quasi quasi
            Modificato dall' autore il 12 dicembre 2007 07.45
            --------------------------------------------------Solo mentre suono il violoncello giocando a calcetto bestemmiando in cingalese quando sbaglio un gol
Chiudi i commenti