LHC, l'Apocalisse è una causa persa

La donna che voleva fermare (nei tribunali) l'acceleratore del CERN per un presunto rischio di distruzione planetaria perde anche in appello: è un'ipotesi impossibile, giudica la corte

Roma – Non è ancora tempo di Apocalisse per il Large Hadron Collider, l’acceleratore di particelle europeo che secondo una donna tedesca potrebbe portare alla distruzione dell’interno Pianeta. La causa, già aperta due anni fa , finisce con un niente di fatto anche alla sentenza di appello.

Riferendosi ai rapporti di sicurezza comunicati dal CERN nel 2003 e nel 2008, i giudici della Corte di Appello di Münster hanno stabilito che, secondo l’attuale conoscenza scientifica, un rischio di disastro connesso al funzionamento dell’LHC è “impossibile”.

La donna che voleva salvare il mondo impedendo l’accensione dell’acceleratore non la spunta, dunque, sulla comunità scientifica che ha costruito e messo in funzione i 9.000 super-magneti sparsi per gli oltre 27 chilometri di tunnel dell’LHC situati sotto i confini di Francia e Svizzera.

Né hanno suscitato la benché minima preoccupazione questi due anni in cui l’LHC ha lavorato a pieno regime, d’altronde, contribuendo a importanti scoperte scientifiche, buon ultima la scoperta quasi certa della sfuggente particella elementare nota come bosone di Higgs .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ingenuo 2001 scrive:
    Il "bello" del DRM
    Vorrei porre la Vostra attenzione su quanto riportato a questo link: http://www.adobe.com/it/epaper/features/drm/howdrmworks.htmlEcco qui uno dei passaggi più significativi: "Molti esperti di DRM sono d'accordo che il miglior sistema per i diritti sia un meccanismo che combini sia hardware sia software. Legando il diritto di acXXXXX direttamente alle CPU dei computer, dischi fissi, e ad altri tipi di supporti, i produttori possono controllare non solo chi sta leggendo le informazioni ma anche il tipo di supporto. Questo livello di protezione è essenziale per documenti estremamente importanti come documenti legali o dati di ricerche di mercato esclusivi, in cui la copia illegale e la diffusione potrebbe causare danni incalcolabili."E anche: "I PC delle future generazioni potrebbero includere "chip di copyright" come il chip EMBASSY prodotto da Wave Systems che offrirà protezione a prova di hacker per i contenuti digitali"Gulp! Ho fatto copia-incolla!! Avrò violato dei diritti??
  • Levantino scrive:
    Monopolio
    I Kindle leggono solo il formato proprietario di Amazon, e se l'azienda impedisce il download di ulteriori libri, l'ebook reader diventa inutilizzabile (e forse anche non rivendibile)...Le cose, non certo solo per gli ebook reader, stanno andando in questa direzione, e noi, gli utenti, siamo di fatto d'accordo perché compriamo questi prodotti e servizi a queste condizioni...La tecnologia non ci ha reso e non ci renderà migliori, ma solo stolti come prima, e più potenti...
  • Nome e cognome scrive:
    niente regalo di natale
    ed ecco che improvvisamente il kindle esce dalla mia lista dei regali di natale!!!
  • n00boy scrive:
    Hey folks
    Welcome to the cloud era!
  • Dottor Stranamore scrive:
    Sono emersi nuovi particolari
    Non aveva comprato un Kindle originale, ma uno usato e quindi da lì nasce il problema dell'account fraudolento probabilmente creato da chi glielo ha venduto.
    • panda rossa scrive:
      Re: Sono emersi nuovi particolari
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      Non aveva comprato un Kindle originale, ma uno
      usato e quindi da lì nasce il problema
      dell'account fraudolento probabilmente creato da
      chi glielo ha
      venduto.Qualunque cosa ci sia a monte, il dato di fatto e' che amazon, invece di rivolgersi alla giustizia ordinaria per indagare su quello che lei riteneva essere una violazione, SI E' FATTA GIUSTIZIA SOMMARIA NEGANDO ALL'ACCUSATO IL SACROSANTO DIRITTO ALLA DIFESA, E HA COMMINATO UNA SANZIONE UNIDIREZIONALE DI IMPORTO RILEVANTE (l'importo di tutti gli ebook), ESIGENDOLA DIRETTAMENTE E SENZA NEPPURE CONCEDERE UNA DILAZIONE.Manco ai tempi di Robin Hood gli sgherri dello sceriffo entravano nelle case a pretendere danaro in questo modo.Bell'esempio da parte di un soggetto che rappresenta un paese tra i maggiori esportatori di democrazia al mondo.
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: Sono emersi nuovi particolari
        - Scritto da: panda rossa
        Qualunque cosa ci sia a monte, il dato di fatto
        e' che amazon, invece di rivolgersi alla
        giustizia ordinaria per indagare su quello che
        lei riteneva essere una violazione, Scusa, ma se il Kindle è rubato sarà stato il possessore ad essersi rivolto alla polizia e poi a far disattivare il kindle rubato. Comunque senza sapere i dettagli di quello che c'è dietro e che per ragioni di privacy Amazon non può certo rivelare a chi ha il Kindle rubato è inutile stare qui a scandalizzarsi.Anche se avesse sbagliato si tratta di un caso su milioni di clienti soddisfatti e non si fa di tutta l'erba un fascio.
        SI E' FATTA
        GIUSTIZIA SOMMARIA NEGANDO ALL'ACCUSATO IL
        SACROSANTO DIRITTO ALLA DIFESAL'unico problema è che lei è in Norvegia, mentre l'azienda ha sede altrove e quindi fare causa per un po' di libri sarebbe troppo complicato e costoso. Quindi più che del DRM mi lamenterei di queste aziende che magari in un paese vendono centinaia di migliaia di prodotti, ma poi hanno la sede legale in un'altra nazione o addirittura in un altro continente.
        • panda rossa scrive:
          Re: Sono emersi nuovi particolari
          - Scritto da: Dottor Stranamore
          - Scritto da: panda rossa

          Qualunque cosa ci sia a monte, il dato di
          fatto

          e' che amazon, invece di rivolgersi alla

          giustizia ordinaria per indagare su quello
          che

          lei riteneva essere una violazione,

          Scusa, ma se il Kindle è rubato sarà stato il
          possessore ad essersi rivolto alla polizia e poi
          a far disattivare il kindle rubato.Ci ha messo molto questo possessore ad accorgersi che qualcuno gli ha rubato il kindle, lo ha rivenduto alla signora, e questa signora ha fatto in tempo a scaricare (pagandoli) decine di libri, che si presuppone che uno scarica un libro e lo legge, prima di scaricarne un altro, soprattutto quando li paga.
          Comunque
          senza sapere i dettagli di quello che c'è dietro
          e che per ragioni di privacy Amazon non può certo
          rivelare a chi ha il Kindle rubato è inutile
          stare qui a scandalizzarsi.Nessuno si scandalizza.
          Anche se avesse sbagliato si tratta di un caso su
          milioni di clienti soddisfatti e non si fa di
          tutta l'erba un fascio.Non e' un caso isolato.Amazon ha gia' piu' volte fatto uso del potere di cancellare da remoto contenuti PAGATI.E' una cosa inamissibile che possa fare una cosa del genere.E' la dimostrazione che chi dispone e disporra' del potere di telecontrollo, in futuro NE ABUSERA' scavalcando la giustizia ordinaria, che presuppone l'innocenza, e prevede un dibattimento processuale dove l'accusato possa giustificarsi e addurre le proprie ragioni.E comunque deve essere sempre un giudice terzo a stabilire l'eventuale pena.Questo comportamento dittatoriale neanche nel far west veniva applicato.

          SI E' FATTA

          GIUSTIZIA SOMMARIA NEGANDO ALL'ACCUSATO IL

          SACROSANTO DIRITTO ALLA DIFESA

          L'unico problema è che lei è in Norvegia, mentre
          l'azienda ha sede altrove e quindi fare causa per
          un po' di libri sarebbe troppo complicato e
          costoso. E questo giustifica un abuso di potere?Anche la signora sta in norvegia e adesso per lei poter far valere le sue ragioni e quindi fare causa per un po' di libri sarebbe troppo complicato e costoso.Alla fine della fiera, la signora i soldi li ha scuciti, amazon li ha incassati, e i libri sono spariti.
          Quindi più che del DRM mi lamenterei di
          queste aziende che magari in un paese vendono
          centinaia di migliaia di prodotti, ma poi hanno
          la sede legale in un'altra nazione o addirittura
          in un altro continente.Se non ci fosse il drm e il conseguente potere di controllo remoto, sarebbe ininfluente il fatto che queste aziende stessero oltreoceano.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Sono emersi nuovi particolari
            - Scritto da: panda rossa
            Ci ha messo molto questo possessore ad accorgersi
            che qualcuno gli ha rubato il kindle, lo ha
            rivenduto alla signora, e questa signora ha fatto
            in tempo a scaricare (pagandoli) decine di libri,
            che si presuppone che uno scarica un libro e lo
            legge, prima di scaricarne un altro, soprattutto
            quando li
            paga.Magari sono stati gli iter burocratici ad essere lenti e lui ha fatto denuncia subito.
            Non e' un caso isolato.
            Amazon ha gia' piu' volte fatto uso del potere di
            cancellare da remoto contenuti
            PAGATI.
            E' una cosa inamissibile che possa fare una cosa
            del
            genere.Io ricordo solo il caso della Fattoria per un problema di diritti, ma poi hanno assicurato che non si sarebbe ripetuto.
            Alla fine della fiera, la signora i soldi li ha
            scuciti, amazon li ha incassati, e i libri sono
            spariti.La fiera non è ancora finita, vedrai che alla fine le rimborseranno tutto.
            Se non ci fosse il drm e il conseguente potere di
            controllo remoto, sarebbe ininfluente il fatto
            che queste aziende stessero
            oltreoceano.Potevano farlo anche se i libri non avessero avuto il DRM. Andrebbe disattivata la possibilità di cancellare file da remoto.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Sono emersi nuovi particolari

            Io ricordo solo il caso della Fattoria per un
            problema di diritti, ma poi hanno assicurato che
            non si sarebbe
            ripetuto.Infatti non si è ripetuto: ce n'è stato un altro.
            La fiera non è ancora finita, vedrai che alla
            fine le rimborseranno
            tutto.Meglio scaricare senza spendere nulla, piuttosto che spendere, rimanere senza niente e sperare che alla fine forse arrivi un rimborso.
            Potevano farlo anche se i libri non avessero
            avuto il DRM.No, perchè non avrebbero saputo cosa cancellare.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Sono emersi nuovi particolari
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Infatti non si è ripetuto: ce n'è stato un altro.Non per le stesse ragioni.
            Meglio scaricare senza spendere nulla, piuttosto
            che spendere, rimanere senza niente e sperare che
            alla fine forse arrivi un
            rimborso.Come se quello che è sucXXXXX sia la norma.
            No, perchè non avrebbero saputo cosa cancellare.Il drm è solo una protezione. Se vuoi puoi cancellare da remoto dei libri venduti senza DRM. Per verificare che siano proprio quelli basta che il Kindle faccia un controllo tipo quello con i codici hash.
          • panda rossa scrive:
            Re: Sono emersi nuovi particolari
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            Il drm è solo una protezione. Se vuoi puoi
            cancellare da remoto dei libri venduti senza DRM.
            Per verificare che siano proprio quelli basta che
            il Kindle faccia un controllo tipo quello con i
            codici
            hash.Deve essere vietato cancellare arbitrariamente da remoto!Il provider non e' tenuto a presumere niente.Deve passare per l'iter giudiziario.Sporge denuncia e lascia che la giustizia faccia il suo corso, se e' il caso.Domani quando il telecontrollo sara' anche nelle automobili, qualcuno potra' premere il pulsante e spegnere il motore della tua auto presumendo non si sa cosa, mentre tu stai andando tranquillamente a 130 in autostrada mediamente trafficata, a piu' di 10 km dal casello piu' vicino.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Sono emersi nuovi particolari
            - Scritto da: panda rossa
            Deve essere vietato cancellare arbitrariamente da
            remoto!Sì l'ho detto anche io in qualche altro messaggio.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Sono emersi nuovi particolari
            contenuto non disponibile
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Sono emersi nuovi particolari
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Dottor Stranamore



            Meglio scaricare senza spendere nulla,

            piuttosto


            che spendere, rimanere senza niente e

            sperare

            che


            alla fine forse arrivi un


            rimborso.



            Come se quello che è sucXXXXX sia la norma.


            Non importa.
            Perché dovrei rischiare un danno del genere per
            colpe non
            mie?
            Io ho due Kindle e ho deciso che non li
            collegherò mai più in
            rete.
            Amazon ha sbagliato e, quanto meno da parte mia,
            ne paga le
            conseguenze.
            Spero che molti facciano come me e spero che
            qualcuno di Amazon legga questo
            messaggio.

            QUALUNQUE SIA IL MOTIVO, SENZA UN GIUDICE CHE DIA
            LORO *ORDINE ESPLICITO* NON DEVONO METTERE MANO
            SUI DEVICE
            *ALTRUI*Come vedi tutto si è risolto:http://blogs.computerworlduk.com/simon-says/2012/10/rights-you-have-no-right-to-your-ebooks/index.htmUpdate @ 23:55 - Linn just contacted me to say her account has been mysteriously re-activated and she's busily downloading her books. Hopefully Amazon will have more news for us all soon. Even positive arbitrary actions disclose how much Kindle customers read only with the grace of Amazon, of course...Update @ 00:30 - Amazon PR just wrote to say: "We would like to clarify our policy on this topic. Account status should not affect any customer's ability to access their library. If any customer has trouble accessing their content, he or she should contact customer service for help. Thank you for your interest in Kindle."
          • Fulmy(nato) scrive:
            Re: Sono emersi nuovi particolari
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            Come vedi tutto si è risolto:

            http://blogs.computerworlduk.com/simon-says/2012/1si è risolto perché, come qualcuno ha fatto notare nei commenti, la storia è finita sui blog di mezzo mondo, altrimenti sarebbe ancora li a ricevere risposte da un bot.In ogni caso il comportamento di Amazon è inaccettabile, come è inaccettabile la disparità di diritti che c'è tra questa e gli utenti.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Sono emersi nuovi particolari
            - Scritto da: Fulmy(nato)
            - Scritto da: Dottor Stranamore



            Come vedi tutto si è risolto:




            http://blogs.computerworlduk.com/simon-says/2012/1

            si è risolto perché, come qualcuno ha fatto
            notare nei commenti, la storia è finita sui blog
            di mezzo mondo, altrimenti sarebbe ancora li a
            ricevere risposte da un
            bot.
            E perché è finito sui blog di mezzo mondo? Perché si è trattato di un caso anomalo, non perché si tratta di un'abitudine di Amazon.
            In ogni caso il comportamento di Amazon è
            inaccettabile, come è inaccettabile la disparità
            di diritti che c'è tra questa e gli
            utenti.E' un'azienda con milioni di clienti, una buccia di banana capita a tutti.
          • panda rossa scrive:
            Re: Sono emersi nuovi particolari
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: Fulmy(nato)

            - Scritto da: Dottor Stranamore





            Come vedi tutto si è risolto:








            http://blogs.computerworlduk.com/simon-says/2012/1



            si è risolto perché, come qualcuno ha fatto

            notare nei commenti, la storia è finita sui
            blog

            di mezzo mondo, altrimenti sarebbe ancora li
            a

            ricevere risposte da un

            bot.



            E perché è finito sui blog di mezzo mondo? Perché
            si è trattato di un caso anomalo, non perché si
            tratta di un'abitudine di
            Amazon.


            In ogni caso il comportamento di Amazon è

            inaccettabile, come è inaccettabile la
            disparità

            di diritti che c'è tra questa e gli

            utenti.

            E' un'azienda con milioni di clienti, una buccia
            di banana capita a
            tutti.La buccia di banana e' stata amazon a gettarla per terra.Siccome la possibilita' di cancellare da remoto esiste, e' chiaro che prima o poi questa verra' usata.Il numero di casi simili a questo, in futuro potra' solo aumentare, fino a quando amazon non fara' uscire una nuova versione del kindle o un aggiornamento del firmware, dove tale funzionalta' verra' eliminata.Ma dovra' farlo rilasciando pure i sorgenti per dimostrarlo, altrimenti non ci credera' nessuno.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Sono emersi nuovi particolari
            contenuto non disponibile
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Sono emersi nuovi particolari
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Infatti non si è ripetuto: ce n'è stato un
            altro.

            Non per le stesse ragioni.Il meccanismo però è lo stesso.


            Meglio scaricare senza spendere nulla,
            piuttosto

            che spendere, rimanere senza niente e
            sperare
            che

            alla fine forse arrivi un

            rimborso.

            Come se quello che è sucXXXXX sia la norma.



            No, perchè non avrebbero saputo cosa
            cancellare.

            Il drm è solo una protezione. Se vuoi puoi
            cancellare da remoto dei libri venduti senza DRM.
            Per verificare che siano proprio quelli basta che
            il Kindle faccia un controllo tipo quello con i
            codici
            hash.No, non basta. L'utente può avere una copia di backup, o più di una.
          • ruppolo scrive:
            Re: Sono emersi nuovi particolari
            Mi sembri un prete: fate quello che dico, non quello che faccio.
      • alsaber scrive:
        Re: Sono emersi nuovi particolari
        - Scritto da: panda rossa
        Bell'esempio da parte di un soggetto che
        rappresenta un paese tra i maggiori esportatori
        di democrazia al
        mondo.cosa esportano gli USA ?? Democrazia?? (rotfl)
        • krane scrive:
          Re: Sono emersi nuovi particolari
          - Scritto da: alsaber
          - Scritto da: panda rossa

          Bell'esempio da parte di un soggetto che

          rappresenta un paese tra i maggiori esportatori

          di democrazia al mondo.
          cosa esportano gli USA ?? Democrazia?? (rotfl)Certo: e' la marca dei carri armati...
  • unaDuraLezione scrive:
    Soluzione semplicissima...
    contenuto non disponibile
  • uno qualsiasi scrive:
    Se lo merita
    Se è stata così stupida da pagare per avere dei libri sotto DRM, merita questo. Le servirà di lezione per la prossima volta (come quelli che buttano i soldi comprando la mappa del tesoro dal marocchino, e poi si lamentano che non trovano il tesoro)
    • lslss scrive:
      Re: Se lo merita
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Se è stata così stupida da pagare per avere dei
      libri sotto DRM, merita questo. Le servirà di
      lezione per la prossima volta il problema è che la maggior parte della gente non capisce una mazza di informatica, non capisce la differenza tra file gestiti in locale e file "sulle nuvole", loro imparano mnemonicamente le procedure che gli servono per ottenere "magicamente" quel che vogliono (leggere un libro, ascoltare musica, ecc..); quindi non c'è alcuna consapevolezza nelle scelte che fanno.
      • . . . scrive:
        Re: Se lo merita
        Usufruiscono di un servizio.Se poi chi fornisce il servizio si comporta in modo a dir poco idiota, è un'altro paio di maniche.Per leggere un libro su un kindle non deve essere necessariamente laureato in ingegneria informatica.
        • lslss scrive:
          Re: Se lo merita
          - Scritto da: . . .
          Per leggere un libro su un kindle non deve essere
          necessariamente laureato in ingegneria
          informatica.mai detto il contrario (evidentemente non hai letto il mio commento con attenzione); quel che ho detto è che non c'è alcuna consapevolezza nelle scelte che fanno.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Se lo merita

            mai detto il contrario (evidentemente non hai
            letto il mio commento con attenzione); quel che
            ho detto è che non c'è alcuna consapevolezza
            nelle scelte che
            fanno.Ora, almeno per la signora, c'è (si spera); imparato a proprie spese.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Se lo merita
        È quello che ho detto: si è comportata da stupida, e ne ha subito le conseguenze.Una volta che hai scoperto una cosa a tue spese, te la ricordi. In futuro la signora non comprerà più e si scaricherà gli ebook piratati: quelli, almeno, non spariscono quando chiude il sito.
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: Se lo merita
          - Scritto da: uno qualsiasi
          È quello che ho detto: si è comportata da
          stupida, e ne ha subito le
          conseguenze.
          Vero, ha comprato un Kindle usato. Magari era pure rubato. In Italia magari si beccherebbe pure una denuncia per incauto acquisto.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Se lo merita
            L'incauto acquisto consiste nell'aver comprato i contenuti (soprattutto perchè protetti da drm)
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Se lo merita
            - Scritto da: uno qualsiasi
            L'incauto acquisto consiste nell'aver comprato i
            contenuti (soprattutto perchè protetti da
            drm)Si tratta di un caso su milioni e poi vedrai che le rimborseranno il costo dei libri o troveranno una soluzione buona per entrambi.Se dovessimo valutare le aziende per i casi particolari allora non dovremmo comprare niente, né abbonarci ad alcun servizio.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Se lo merita
            Amazon non è che si comporti cosi raramente, eh ?
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Se lo merita
            - Scritto da: Sgabbio
            Amazon non è che si comporti cosi raramente, eh ? Fonte?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Se lo merita
            http://punto-informatico.it/2687349/PI/Brevi/prof-ebook-mi-ha-mangiato-compiti.aspx
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Se lo merita
            - Scritto da: uno qualsiasi
            http://punto-informatico.it/2687349/PI/Brevi/prof-Sono sempre quei due libri di Orwell già citati, roba del 2009
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Se lo merita
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            Si tratta di un caso su milioni Quindi sei disposto a rimborsare personalmente tutti coloro a cui capita?Oppura fai il fr**io col c*lo altrui????
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Se lo merita

            Si tratta di un caso su milioni Un caso che sarebbe stato assolutamente evitabile. E il rischio non è controbilanciato da nessun beneficio.
            Se dovessimo valutare le aziende per i casi
            particolari allora non dovremmo comprare niente,
            né abbonarci ad alcun
            servizio.Si valuta sempre il rapporto rischio/beneficio: scegliendo il drm si corre il rischio di una cancellazione remota, ma il beneficio qual'è? Non esiste: quindi solo un cretino sceglie consapevolmente di comprare qualcosa con drm.
          • krane scrive:
            Re: Se lo merita
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: uno qualsiasi

            L'incauto acquisto consiste nell'aver

            comprato i contenuti (soprattutto perchè

            protetti da drm)
            Si tratta di un caso su milioni e poi vedrai che
            le rimborseranno il costo dei libri o troveranno
            una soluzione buona per entrambi.
            Se dovessimo valutare le aziende per i casi
            particolari allora non dovremmo comprare niente,
            né abbonarci ad alcun servizio.Ma Amazon non e' quella che ha prima brevettato e poi tentato denunce riguardo al concetto di acquisto online ?
    • . . . scrive:
      Re: Se lo merita
      Non capisco perché l'utente debba essere lo "stupido" di questa storiaccia.Qui il problema non è l'utente second me, ma bensì il comportamento di Amazon che è assolutamente deplorevole.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Se lo merita
        - Scritto da: . . .
        Non capisco perché l'utente debba essere lo
        "stupido" di questa
        storiaccia.Semplice: perchè ha comprato un prodotto con DRM. Bisogna essere stupidi per fare una cosa del genere.
      • panda rossa scrive:
        Re: Se lo merita
        - Scritto da: . . .
        Non capisco perché l'utente debba essere lo
        "stupido" di questa
        storiaccia.Perche' ha scucito dei soldi per mantenere in vita un parassita, e adesso che questo parassita ha infettato l'organismo che lo sfamava, l'utente si lamenta.
        Qui il problema non è l'utente second me, ma
        bensì il comportamento di Amazon che è
        assolutamente
        deplorevole.No, il comportamento di amazon e' assolutamente coerente e ben spiegato nell'eula.C'e' scritto chiaramente: "Tu paga! Noi poi se vogliamo e quando vogliamo, chiudiamo il rubinetto e ti attacchi."Hai accettato le condizioni? Quindi che vuoi?Noialtri che non accettiamo tali condizioni, ci riforniamo da altri fornitori di libri elettronici.
      • don din scrive:
        Re: Se lo merita
        - Scritto da: . . .
        Non capisco perché l'utente debba essere lo
        "stupido" di questa storiaccia.perché usare servizi "cloud" e/o opere con sistemi DRM (magari pure pagando, anche se questo è un dettaglio tutto sommato ininfluente) è da STUPIDI
        Qui il problema non è l'utente second me, ma
        bensì il comportamento di Amazon che è
        assolutamente deplorevole.deplorevole? no. è FURTO. è CRIMINALE. è PIRATERIA.
    • panda rossa scrive:
      Re: Se lo merita
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Se è stata così stupida da pagare per avere dei
      libri sotto DRM, merita questo. Le servirà di
      lezione per la prossima volta (come quelli che
      buttano i soldi comprando la mappa del tesoro dal
      marocchino, e poi si lamentano che non trovano il
      tesoro)Questi precedenti devono essere portati all'attenzione di tutti quelli che vogliono comprare quella roba.La gente deve sapere che paga per aria fritta concessa dalla benevolenza del provider che in qualunque momento puo' chiudere i rubinetti senza neppure degnarsi di spiegare il perche'.
  • lslss scrive:
    belle le nuvole gestite a terzi eh?
    e soprattutto bello vedersi negati i diritti acquisiti pagando denaro sonante, senza che il suddetto denaro ci venga restituito.
Chiudi i commenti