Libera Rete in libero Stato

di G. Scorza - Dopo il polverone sollevato con l'aggressione al Premier, il governo vorrebbe riscrivere la libertà di espressione dei cittadini online. Ma solo la magistratura dovrebbe poterla comprimere, e solo rispetto a un singolo contenuto

Roma – Dopo gli annunci e le smentite dei giorni scorsi, il Governo, nel corso dell’ ultimo Consiglio dei Ministri del 18 dicembre ha resistito alla tentazione di adottare gli annunciati provvedimenti straordinari ed urgenti attraverso i quali sembrerebbe intenzionato a dettare una disciplina speciale per talune fattispecie di reati di opinione commessi online.

È una notizia da salutare con favore ma con l’avvertenza che la questione rimane una priorità nell’agenda di Palazzo Chigi. Domani, infatti, il Ministro degli Interni Roberto Maroni incontrerà al Viminale i rappresentanti delle società che forniscono servizi di connettività, le associazioni di categoria ed i responsabili dei principali social network e delle maggiori piattaforme di user generated content.

La situazione resta, dunque, estremamente fluida e, sfortunatamente, condizionata da una forte componente emotiva che costituisce sempre una “cattiva consigliera” nell’adozione di un provvedimento normativo specie se destinato ad esplicare efficacia in un intervallo di tempo considerevole ed in relazione a questioni complesse e strutturate quali quelle che concernono l’utilizzo di un mezzo di comunicazione come Internet per l’esercizio della libertà di manifestazione del pensiero. Le leggi sono precetti generali ed astratti mentre è ovvio che l’emozione per uno specifico episodio di violenza, di minaccia o di abuso di un diritto o di una libertà, inneschi un meccanismo per effetto del quale il legislatore è naturalmente portato a preoccuparsi più del particolare che del generale. Con la conseguenza che, assai di frequente, i provvedimenti “emotivi” sono provvedimenti che hanno per effetto quello di comprimere oltre il lecito ed il ragionevole i diritti e gli interessi di molti al fine di evitare e reprimere gli eccessi e gli abusi di pochi.

La storia moderna della legislazione in materia di Internet è piena di tali esempi.
Il Decreto Pisanu ne rappresenta uno dei più noti: all’indomani degli attentati di Londra e di Madrid si dettarono – sull’onda dell’emozione e della paura determinata da quegli atroci episodi – provvedimenti che hanno avuto il pressoché unico effetto di limitare la diffusione dell’accesso alle risorse di connettività nel nostro Paese e, dunque, di privare milioni di cittadini di straordinarie opportunità in termini di accesso all’informazione in nome della poco ponderata preoccupazione che un terrorista potesse sedersi ad un bar di Piazza Navona e coordinare via chat, all’ombra della fontana dei quattro fiumi, chissà quale attentato, mentre non avrebbe potuto fare altrettanto semplicemente intercettando una delle centinaia di reti WiFi di uffici e private abitazioni che incrociano sulla stessa piazza.

Allo stesso modo ed in nome di analoghe condivisibili emozioni che, tuttavia, non avrebbero dovuto giustificare il varo di provvedimenti tanto straordinari e sproporzionati rispetto al naturale contemperamento di contrapposti interessi ed esigenze che dovrebbe caratterizzare ogni intervento normativo, il nostro legislatore ha, negli anni, varato norme che consentono, in materia di repressione della pedopornografia online e del gioco d’azzardo l’oscuramento di interi siti internet o piattaforme di comunicazione sulla base di provvedimenti amministrativi inoltrati direttamente ai provider sotto forma di blacklist.

È ovvio che la gravità dei fenomeni criminali da reprimere – più condivisibile nel caso della pedopornografia che in quello del gioco d’azzardo – ha precluso un dibattito sereno sull’argomento e giustificato il varo di misure che innegabilmente rischiano di pregiudicare – ancorché in un numero probabilmente limitato di casi – l’esercizio di diritti e libertà fondamentali.
Erano e restano argomenti “scabrosi” che la comunità scientifica e politica ha preferito non affrontare per evitare di sentirsi bollare come difensori di pedopornografi o incalliti giocatori d’azzardo ma, così facendo, è innegabile che si sia aperto un vulnus nell’Ordinamento che ha implicitamente accettato l’idea dell’oscuramento amministrativo ed extragiudiziario di un sito Internet e/o di una piattaforma di comunicazione in ragione del contenuto che vi è ospitato.

L’eccezione alle regole ed ai principi fondamentali del diritto rappresenta sempre un pericolo perché la sua reiterazione ed il suo ampliamento rischiano spesso di determinare, con il tempo, lo sgretolamento definitivo di regole e principi tanto più grave quanto più alto è il rango della regola o del principio. Ogni eccezione all’equilibrio tra libertà di manifestazione del pensiero e responsabilità per l’ipotesi di eventuali abusi, dunque, deve essere vagliata con straordinaria cautela perché questa libertà sancita all’art. 21 della nostra Costituzione e già cristallizzata nell’art. 14 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino del 1789, costituisce un intoccabile caposaldo del nostro Ordinamento democratico.

Muovendo da tali considerazioni sembra opportuno sottolineare sin d’ora che l’emozione seguita agli episodi di istigazione alla violenza online consumatisi negli ultimi giorni non può giustificare interventi normativi che mirino a – o abbiano l’effetto di – scavalcare l’accertamento giurisdizionale – ancorché in sede cautelare – del carattere illecito di un contenuto che deve, necessariamente precedere qualsivoglia ordine di rimozione del contenuto medesimo dallo spazio telematico.

L’auspicabile collaborazione degli intermediari della comunicazione con le Autorità nazionali che sembra essere l’oggetto dell’incontro di domani al Viminale, pertanto, mentre potrà concernere l’individuazione di adeguati strumenti di semplificazione ed attuazione di eventuali provvedimenti giurisdizionali su piattaforme gestite da soggetti anche stranieri – a prescindere, peraltro, da qualsivoglia responsabilità di detti soggetti – non dovrà in alcun caso contemplare la possibilità per Autorità nazionali diverse dalla magistratura di richiedere direttamente all’intermediario della comunicazione la rimozione di un determinato contenuto. Se, infatti, è legittimo – ancorché lo ritenga socialmente e politicamente non auspicabile – che un intermediario della comunicazione, qualora a ciò contrattualmente legittimato nel rapporto con i propri utenti, provveda autonomamente alla rimozione di un contenuto in conflitto con le condizioni generali di utilizzo dei propri servizi, tale non può ritenersi una disposizione di legge e/o accordo che affidi ad un asse tra il potere politico e quello economico l’autonoma sovranità sui contenuti suscettibili di essere diffusi online e quelli che non possono esserlo.

Fuor di metafora ciò significa che episodi come quello consumatosi nei giorni scorsi in cui il Governo italiano ha chiesto a Facebook la rimozione di taluni contenuti – prima ancora che la magistratura pure interessata si fosse pronunciata sulla loro effettiva illegittimità – e il gigante del social network vi ha provveduto non possono rappresentare una best practice di cui appaia auspicabile il recepimento in una norma di legge e/o in un accordo tra Governo ed operatori. Si tratterebbe di un pactum sceleris che introdurrebbe una governance della Rete incompatibile con i più elementari principi del diritto e che travolgerebbe ogni garanzia costituzionale per l’esercizio della libertà di manifestazione del pensiero.

La governance della Rete non può essere affidata ad un asse politico-economico autorizzato per legge ad agire al di fuori ed al di sopra del controllo giurisdizionale. È e deve restare la sola autorità giurisdizionale ad ordinare la rimozione – anche in sede cautelare – di un contenuto dallo spazio telematico.

Vi è poi un altro aspetto che non può essere trascurato ed in relazione al quale occorre, sin d’ora, essere assolutamente chiari: l’illegittimità è caratteristica che riguarda sempre uno specifico contenuto e mai uno strumento, una piattaforma o un medium.
La conseguenza di tale ovvia – ma troppo di frequente dimenticata – considerazione è che l’unico contenuto accettabile dei provvedimenti cautelari ed urgenti che potranno essere contemplati nell’eventuale iniziativa legislativa allo studio del Governo, dovrà essere l’ordine di rimozione di un contenuto puntualmente identificato mentre non potrà, in nessun caso, essere la rimozione o l’oscuramento di un’intera piattaforma di comunicazione, di un intero blog o, di qualsiasi altra forma di aggregazione di contenuti.

Ogni contenuto ha un autore ed ogni autore è responsabile dell’eventuale abuso della libertà di manifestazione del pensiero ma, prima ancora, titolare di tale insopprimibile libertà.
Tradire queste elementari indicazioni significa far correre al Paese il rischio che la Rete si trasformi in una grande TV e che l’Italia, negli anni a venire, sia condannata a subire le inacettabili distorsioni che hanno caratterizzato negli ultimi decenni il sistema dell’informazione nazionale comprimendo al di là di ogni ragionevole limite la libertà di informazione e condizionando sensibilmente – non importa in quale direzione – la politica del Paese.

La Rete di un Paese libero – o che tale ambisca a divenire – non può che essere libera ed è esattamente questo – libera Rete in libero Stato – il titolo del sit in che proprio per ricordare al Governo senza alcuno spirito polemico e senza voler innalzare alcuna barricata fisica o elettronica l’esigenza di preoccuparsi prima di garantire la libertà e poi di perseguire gli eventuali abusi, si terrà a Roma, in Piazza del Popolo il 23 dicembre, alle 17.30.

Guido Scorza
Presidente Istituto per le politiche dell’innovazione
www.guidoscorza.it

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • giuseppe gaeta scrive:
    POVERAEXTERRAMIA
    srivo su i muri, scrivo ed invio fax, scrivo sulla rete ovunque mi scatta il cuore.Scrivo per lui,eternamente segregato nel petto e quando batte forte, ovunque batte, tempie, polsi, gola, collo.Ci fu un giorno che quasi impazzivo di rabbia, mi sfogai scrivendo, si tacitò, il ronzio nelle orecchie sparì.Una volta capito il messaggio non l'ho mai più tradito.A proposito vorrei chederle, "Maroni" chi è ?UN CARDIOLOGO?UN ELETRICISTA?UN ANGIOLOGO?UN IDRAULICO?Vuoi vedere che è un politico?Certamente sarà "verde"Libertà significa, andare dove ti porta il cuore,sempre.Possono privatizzare l'acqua ma non le menti la libertà.Ma questi, fanno, una fatica.Chissà, non è mai troppo tardi, diamogli del tempo, cresceranno cresceranno.
  • il texano scrive:
    Ca***ate: negli uSa Obama...
    Negli Usa Obama riceve intimidazioni continue su Internet, ma a nessuno viene in mente di censurare la Rete.Semplicemente perché gli Usa hanno tutti provider nazionali (fornitori di acXXXXX, di banche dati - google - e di applicazioni, social network compresi) e sono all'avanguardia nel controllo dei dati individuali di chi accede in rete. Non hanno bisogno di censurare perché sanno tutto di tutti.Anche la Cina in fatto di controllo non scherza, ma a differenza degli Usa deve accettare il fatto che sul suo mercato operino delle grandi società straniere (Google, Yahoo solo per fare due nomi), società che anche solo indirettamente si comportano secondo i desiderata di un governo straniero. Provate voi a far sbarcare negli Usa qualche motore di ricerca cinese, dei social network russi e dei fornitori di apparati iraniani. Poi vediamo se anche loro non cominciano a censurare.
  • Leopard45 scrive:
    Ultima riga dell'articolo
    Avrei qualcosa a che ridire sul termine "rispettabili" ...
  • Nome e cognome scrive:
    [OT] per Skyeye....Vivi a Londra...!!???
    ......sei un Italiano che si trova a Londra in "trasferta prolungata". Trasfertista tutto stereotipi e pregiudizi, quello che hai sentito dire, hai visto o provato personalmente, ti sono sufficienti a trarre conclusioni.Tu sapevi poco o niente di Brianzoli...Bresciani ecc..ora che sei a Londra non dovresti neanche avventurarti in certe affermazioni. O)Buon Natale O)Non fraintendermi,come persona non mi sei antipatico ne voglio combatterti (non lo farei neanche conoscendoti)ma gli Italiani all'estero con il tuo carico di stereotipi e pregiudizi sono quanto di più deleterio ci sia per la nostra nazione e i suoi abitanti.
    • skyeye scrive:
      Re: [OT] per Skyeye....Vivi a Londra...!!???
      Eccolo l'animo censorio che si scatena!!! dato che sono all'estero dovrei starmene zitto zitto? hai ragione chiudiamo la bocca a tutti quelli che dissentono e lasciamo che un bel regime si instauri in Italia..Non hai idea di quanto odio ho io contro quella nazione di italioti che quando vanno all'estero si credono tutti cosi' fighi poi ritornano in Italia e subito a dare il posteriore al primo che conta un centesimo in piu' in cambio di niente. E sono d'accordo, Berlusconi rispecchia in toto la popolazione italiana, quindi e' anche giusto che stia li', no? ve lo meritateTi assicuro che ne ho viste in Italia parecchie, so di cosa parli quando dici brianzolo, e ancor meglio conosco bresciani, veronesi e anche la specie leghista..Dovreste ringraziarli l'italiani all'estero che tengono su ancora un po' l'onore di questa italiuccola ormai presa in giro da tutti: prima era pizza pasta e mandolino adesso e' corruzione mafia e Berlusconi, almeno prima ci potevi anche ride su, adesso cosa dici?
      • yoann scrive:
        Re: [OT] per Skyeye....Vivi a Londra...!!???
        io direi che tra italiani all'estero ed in patria vi debba essere un rapporto equilibrato. Dare continuamente dei caproni a chi e' in patria non aiuta di certo la discussione, piuttosto chiude ogni dialogo per quanto a ragione.Viveversa l'italiano all'estero e' da considerarsi una risorsa fondamentale in termini di conoscenza. Spesso lavorano in aziende le cui practices sono le best one ;-). SArebbe imprtante riconoscerlo.
  • skyeye scrive:
    @pay the bill
    consapevole che chiuderanno anche questo thread..giusto per ricordarti che la pena di morte esiste anche in Italia.. per uno spinello e "per direttissima" senza proXXXXX:http://roma.repubblica.it/dettaglio/caso-cucchi-i-parenti:-vogliamo-la-verita-morto-dopo-larresto-le-foto-del-pestaggio/1763855
    • pay the Bill scrive:
      Re: @pay the bill
      - Scritto da: skyeye
      consapevole che chiuderanno anche questo thread..

      giusto per ricordarti che la pena di morte esiste
      anche in Italia.. per uno spinello e "per
      direttissima" senza
      proXXXXX:

      http://roma.repubblica.it/dettaglio/caso-cucchi-i-stiamo parlando dell'insieme delle norme civili su cui si basa un paese o delle azioni di singole mele marce?da quale di queste giudichi un'intera società?non mi spreco nemmeno troppo a rispondere, sono certo che quello che scrivo è perfettamente sensato per chi ha un minimo di onestà intellettuale
      • skyeye scrive:
        Re: @pay the bill
        come la vuoi misurare 'sta cultura allora? con i parametri che vuoi tu? cosa vuol dire secondo te essere "culturalmente avanzati"? tu ritieni che una societa' che ha ancora la pena di morte sia "ancora nel medioevo", io invece ritengo che uno stato dove la mafia e la corruzione la fanno da padrone non sia tanto meglio di Iran o Iraq o quello che vuoi
  • pierob scrive:
    uno che conosceva bene i concittadini
    «The Internet is based on a layered, end-to-end model that allows people at each level of the network to innovate free of any central control.» (Vinton Cerf 2005 http://www.icann.org/en/biog/cerf.htm ).Nessuna autorità centrale, da client a client, da soggetto a soggetto. Non interessa quello che viene veicolato piuttosto che il segnale arrivi a destinazione.Vint Cerf fu lartefice principale della Rete. Profondo conoscitore della sua società il 12 settembre 2001 scriveva "... Linformazione è la fiaccola della verità e il suo flusso libero è il flusso sanguigno della democrazia. Il prezzo di questo libero fluire può essere uninformazione che non ci piace o a cui non crediamo, ma lantidoto contro la disinformazione è aumentare le informazioni, non diminuirle..." Vint Cerf 12 settembre 2001 (http://www.mytech.it/archivio/articolo/idA02800102... ) Non credo che occorra ricordare invece quello che è sucXXXXX, stragi e morti in mezzo mondo...saluti Piero
  • vor scrive:
    Caro Mantellini ...
    Mi sai spiegare perchè sui muri c'è qualcuno che nel pieno anonimatoscrive "W IL FASCISMO, W IL DUCE" però nessuno ha mai dettofrasi del genere a Porta a Porta di Vespa o a Studio Aperto ???? ....Quindi Internet come mezzo non va censurato,ma chi esprime le proprie idee deve assumersenele responsabilità, quindi togliamo l'anonimato da Internet.E in spazi socialmente rilevanti come Facebook (con milionidi utenti) dovrebbero essere salvaguardatii valori che sono alla base della nostra costituzione.
    • eclettico scrive:
      Re: Caro Mantellini ...
      A chi giova la fine dell'anonimato in rete?Pensa di trovarti a camminare per strada con un bel cartello gigante che dice chi sei e dove abiti...
    • maio scrive:
      Re: Caro Mantellini ...
      Autenticati e rendi pubblico i tuoi dati, che vorrei spiegarti di persona le conseguenze della mancanza di anonimato.- Scritto da: vor
      Mi sai spiegare perchè sui muri c'è qualcuno che
      nel pieno
      anonimato
      scrive "W IL FASCISMO, W IL DUCE" però nessuno ha
      mai
      detto
      frasi del genere a Porta a Porta di Vespa o a
      Studio Aperto ????
      ....

      Quindi Internet come mezzo non va censurato,
      ma chi esprime le proprie idee deve assumersene
      le responsabilità, quindi togliamo l'anonimato da
      Internet.

      E in spazi socialmente rilevanti come Facebook
      (con
      milioni
      di utenti) dovrebbero essere salvaguardati
      i valori che sono alla base della nostra
      costituzione.
      • maio scrive:
        Re: Caro Mantellini ...
        ops ho postato male... In ogni caso attendo il tuo indirizzo. avrai mica paura di parlare chiaramente in faccia ? Si perche' a me non basta che autenticandoti tu sia rintracciabile da pi.Io volgio la fine completa dell'anonimato,Basta nascondersi dietro un avatar:nome cognome carta di indentita' ed indirizzo visibile a tutti che io voglio essere certo di chi scrive. Troppo facile falsificare account se pi non controlla, per alcuni controllerei io volentieri a casa, al dojo dove pratico krav maga oramai nessuno vuol fare sparring con me dicono che sono troppo violento ;-)
        • vor scrive:
          Re: Caro Mantellini ...
          - Scritto da: maio
          ops ho postato male...

          In ogni caso attendo il tuo indirizzo. avrai mica
          paura di parlare chiaramente in faccia ?


          Si perche' a me non basta che autenticandoti tu
          sia rintracciabile da
          pi.
          Io volgio la fine completa dell'anonimato,

          Basta nascondersi dietro un avatar:
          nome cognome carta di indentita' ed indirizzo
          visibile a tutti che io voglio essere certo di
          chi scrive. Troppo facile falsificare account se
          pi non controlla, per alcuni controllerei io
          volentieri a casa, al dojo dove pratico krav maga
          oramai nessuno vuol fare sparring con me dicono
          che sono troppo violento
          ;-)Montini Lucaviale XXIV Maggio - Siena
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Caro Mantellini ...
            Se non sono i tuoi veri dati hai commesso un reato molto grave.Spero che per accertarlo Punto informatico informi la polizia postale del tuo comportamento.
          • fr33 scrive:
            Re: Caro Mantellini ...
            - Scritto da: vor
            - Scritto da: maio[...]
            Montini Luca
            viale XXIV Maggio - Sienadimentichi il numero civico...ah, anche il codice fiscale, e il numero di telefono (mi raccomando sia il fisso che il cellulare...)dovresti anche allegare copia di un tuo documento di identità, o almeno indicare gli estremi completi: carta di identità n. ...... rilasciata da ....... con scadenza il .....attendo fiducioso nella tua coerenza
  • Faser scrive:
    Perfetto
    Ottimo articolo, complimenti.
  • pay the Bill scrive:
    @skyeye
    un piccolo appunto per tehttp://www.libero-news.it/pills/view/28400
    • yup scrive:
      Re: @skyeye
      - Scritto da: pay the Bill
      un piccolo appunto per te
      http://www.libero-news.it/pills/view/28400uhm... interessante...un paio di appunti anche per te:Document - USA: First execution under Ohios new protocol | Amnesty Internationalhttp://www.amnesty.org/en/library/asset/AMR51/124/2009/en/c4616dd5-4de7-459a-976f-bffb2c010a18/amr511242009en.htmlDocument - USA: Further information: 50th execution in the USA this year | Amnesty Internationalhttp://www.amnesty.org/en/library/asset/AMR51/123/2009/en/32a30959-2c0d-44bf-bac0-810c58cc6ebe/amr511232009en.html
      • pay the Bill scrive:
        Re: @skyeye
        mah sì paragoniamo pure un omicidio col fare sesso con una persona adulta e consenzientequel ragazzo in uno stato civile non sarebbe colpevole di alcun crimine, lì addirittura è stato ucciso.negli esempi che hai portato tu, in qualsiasi stato del modo, il criminale avrebbe avuto la vita rovinataè questa la piccolissima differenza che ti sfugge
  • Libero Pensiero scrive:
    Web 2.0 vs. televisione
    Nel 1948 entrava in vigore la Costituzione Italiana, al cui articolo 1 recita: L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. Nel 1994 viene, di fatto, modificata in L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sulla televisione. Nel 2004 nasce il Web 2.0, antitesi della televisione perché permette alle persone di usare il cervello invece di utilizzarlo come una fossa dove i politici vomitano tutte le loro balle.Quindi Internet è diventato il male e va messo sotto rigido controllo.La tecnica è di una banalità disarmante.Si prende l'operato di qualche facinoroso e lo si usa come grimaldello per mettere a tacere tutti.Povera Italia...
    • pay the Bill scrive:
      Re: Web 2.0 vs. televisione
      - Scritto da: Libero Pensiero

      Nel 1994 [...]"è tutta colpa di berlusconi" :-o
      • skyeye scrive:
        Re: Web 2.0 vs. televisione
        magari non tutta ma se cominciasse a farsi da parte potremmo giudicare gli altri.. come all'"indovina chi" al contrario: e' mafioso? bang! bang! bang! e' corrotto? bang! bang! bang! e quelli che rimangono possono governare con tranquillita'. Il problema e' che siamo rimasti al primo che non vuole andare giu' e anzi, tiene su tutti gli altri
        • Sesamo scrive:
          Re: Web 2.0 vs. televisione
          Non c'è un thread in cui non manchi di dire la tua... per uno che se ne sta beatamente all'estero, e che quindi dovrebbe guardare le miserie di questo povero paese con distaccato divertimento, mi sembra che covi un po' troppo livore.
          • laico scrive:
            Re: Web 2.0 vs. televisione
            - Scritto da: Sesamo
            Non c'è un thread in cui non manchi di dire la
            tua... per uno che se ne sta beatamente
            all'estero, e che quindi dovrebbe guardare le
            miserie di questo povero paese con distaccato
            divertimento, mi sembra che covi un po' troppo
            livore.mica come te che necessiti della parolina magica
          • skyeye scrive:
            Re: Web 2.0 vs. televisione
            forse perche' ho ancora parenti in Italia e forse tra qualche anno vorro' ritornarci e mi piacerebbe trovare un modo di vivere civile come ho trovato qui.. ed e' proprio per questo che me ne sono andato: non sono uno di quelli che se ne e' andato a studiare all'estero e poi c'e' restato; io ho finito l'universita' in Italia, mi sono rotto i cogl.. per 8 anni cercando di fare bene il mio lavoro e poi ho deciso di andarmene.. sono qui da quasi 4 anni e ti diro' che mai, scelta fu cosi' azzeccata!!
      • Libero Pensiero scrive:
        Re: Web 2.0 vs. televisione


        Nel 1994 [...]E' un dato di fatto.http://www.repubblica.it/2009/06/sezioni/politica/elezioni-in-europa-2/tv-elezioni/tv-elezioni.html****Secondo un'indagine del Censis, durante la campagna elettorale il 69,3% degli elettori ha formato la sua scelta attraverso le notizie e i commenti trasmessi dai telegiornali. I Tg restano il principale mezzo per orientare il voto soprattutto tra i meno istruiti (il dato sale, in questo caso, al 76%), i pensionati (78,7%) e le casalinghe (74,1%).****Chi è che controlla, direttamente o indirettamente, le televisioni in Italia?
        • pippo75 scrive:
          Re: Web 2.0 vs. televisione

          ****

          Chi è che controlla, direttamente o
          indirettamente, le televisioni in
          Italia?dopo aver visto annozero dire Berlusconi.Riescono a far passare uno dei peggiori lupi come il più tenero dei capuccetti rossi.Più questo lo attaccano e più lui sembra la vittima.Una volta ogni tanto ci sta, ma cambi argomento ( non ne mancano di certo ), tutte le settimane lo stesso chiodo fisso.Travaglio comunque dovrebbe essere santo, mi ha quasi reso simpatico Berlusconi.Se riesce a fare lo stesso con Galliani ( Zio Fester ) diventa Dio. :)
    • yup scrive:
      Re: Web 2.0 vs. televisione
      - Scritto da: Libero Pensiero
      Nel 1948 entrava in vigore la Costituzione
      Italiana, al cui articolo 1
      recita:
      L'Italia è una Repubblica democratica, fondata
      sul
      lavoro.

      Nel 1994 viene, di fatto, modificata in
      L'Italia è una Repubblica democratica, fondata
      sulla
      televisione. vabbé... più o meno... ma anticiperei la datazione di svariati DECENNI...
      Nel 2004 nasce il Web 2.0, antitesi della
      televisione perché permette alle persone di usare
      il cervello invece di utilizzarlo come una fossa
      dove i politici vomitano tutte le loro
      balle.non concordo... il web 2.0 nasce dal capitale finanziario NON in antitesi alla TV ma, semmai, proprio per ricondurre internet ad essere un qualcosa TV-like... con cui si possa utilmente fare controllo e condizionamento sociale, marketing e pubblicità, ecc...
      Quindi Internet è diventato il male e va messo
      sotto rigido
      controllo.ma non è vero... queste che senti dire sono solo parolo parole parole... non gliene può XXXXXXX di meno se internet è bene o male... i poteri politico-economici che stanno dietro queste campagne vogliono solo poter usare al meglio lo strumento per i loro fini...
      La tecnica è di una banalità disarmante.
      Si prende l'operato di qualche facinoroso e lo si
      usa come grimaldello per mettere a tacere
      tutti.no tutti no... dipende: se dici le cose "giuste" (pure se sono il "male" allo stato puro) allora va benissimo, puoi farlo a tutto volume
      Povera Italia...povero mondo
  • pippo75 scrive:
    La costituzione ne parla
    copio-incollo il testo della costituzione:"Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni"Secondo voi quello che fanno in TV/Internet/Altro è sempre nel rispetto di questo punto?Perchè inventare altre leggi, quando già sono presenti?Quando si comportano da "adulti" ( perchè i bambini sono migliori ) a M.Citorio come lo giudicate?
  • david sasso scrive:
    bellissimo articolo!
    complimenti! avete analizzato la cosa nel modo più intelligente e pertinente possibile. chiunque abbia un minimo di logica e conoscenza di internet non può che concordare. per fortuna la caccia alle streghe non sempre dà i suoi frutti...
  • Enjoy with Us scrive:
    Facebook e social network...
    Vedo che finalmente anche se con notevole ritardo gli amministratori di Facebook si stanno muovendo ad eliminare certi contenuti violenti dal loro network!Mi auguro che in futuro siano in grado di reagire più tempestivamente, creare gruppi in cui si predica la violenza non può essere mai tollerato, visto che alla lunga dalle parole qualcuno è poi spinto all'azione...Quanto all'articolo, proprio non capisco questo continuo paragonare una situazione estremamente grave come la presenza di gruppi che predicano la violenza con quella di gruppi a cui viene cambiato il titolo... si tratta senza dubbio di un fatto deprecabile e che va meglio regolamentato/impedito, ma non certo paragonabile per gravità alla presenza di gruppi in cui si faccia apologia di reato!
    • skyeye scrive:
      Re: Facebook e social network...
      - Scritto da: Enjoy with Us
      si tratta senza dubbio di
      un fatto deprecabile e che va meglio
      regolamentato/impeditoadesso e' diventato un fatto deprecabile.. l'avessi detto la settimana scorsa praticamente mi davi ragione!! son contento che ti sei ravveduto.. e meno male che sei registrato almeno vediamo la coerenza nei tuoi commenti..
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Facebook e social network...
        - Scritto da: skyeye
        - Scritto da: Enjoy with Us

        si tratta senza dubbio di

        un fatto deprecabile e che va meglio

        regolamentato/impedito

        adesso e' diventato un fatto deprecabile..
        l'avessi detto la settimana scorsa praticamente
        mi davi ragione!! son contento che ti sei
        ravveduto.. e meno male che sei registrato almeno
        vediamo la coerenza nei tuoi
        commenti..? Io cosa avrei detto la settimana scorsa? Che forse cambiare nome ad un gruppo Facebook era cosa gravissima?Io ho sempre parlato dei gruppi in cui si fa apologia di reato... cosa questa si gravissima e da censurare!
    • Lallo scrive:
      Re: Facebook e social network...
      - Scritto da: Enjoy with Us
      creare gruppi in cui si predica la violenza non può essere mai tollerato, visto che alla lunga dalle parole qualcuno è poi spinto
      all'azione...Sai, io gioco da anni a Unreal Tournament, noto videogioco, e ho sentito tante di quelle volte, in TV, dire che i videogiochi violenti traviano i ragazzi, che istigano alla violenza, insomma, le stesse parole che sento oggi per descrivere Facebook e incolparlo di aver armato la mano di (nello specifico odierno) Tartaglia. Sai cosa ti dico? MI AVETE STANCATO CON TUTTE QUESTE STRONxATE.
      Quanto all'articolo, proprio non capisco questo
      continuo paragonare una situazione estremamente
      grave come la presenza di gruppi che predicano la
      violenza con quella di gruppi a cui viene
      cambiato il titolo... si tratta senza dubbio di
      un fatto deprecabile e che va meglio
      regolamentato/impedito, ma non certo paragonabile
      per gravità alla presenza di gruppi in cui si
      faccia apologia di reato!Accidenti, ma perchè non capite (parlo al plurare perchè sento tanti che la pensano come te) che la gente non è così stupida come dice la TV? Molti gruppi di FB nascono semplicemente per goliardia, e sono composti di gente per lo più normale. Se poi ci si nasconde qualche vero squilibrato, mi spieghi cosa cambia rispetto ad un qualsiasi bar di paese o un qualunque altro luogo pubblico? No, perchè io proprio non lo capisco. Forse che qualcuno ha mai chiuso un bar perchè al suo interno un gruppo di persone incita alla violenza?Se poi invece vogliamo parlare di siti in cui si aggregano terroristi o cose del genere allora puoi anche aver ragione, ma Facebook.... e su.....
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Facebook e social network...
        - Scritto da: Lallo
        - Scritto da: Enjoy with Us


        creare gruppi in cui si predica la violenza non
        può essere mai tollerato, visto che alla lunga
        dalle parole qualcuno è poi
        spinto

        all'azione...

        Sai, io gioco da anni a Unreal Tournament, noto
        videogioco, e ho sentito tante di quelle volte,
        in TV, dire che i videogiochi violenti traviano i
        ragazzi, che istigano alla violenza, insomma, le
        stesse parole che sento oggi per descrivere
        Facebook e incolparlo di aver armato la mano di
        (nello specifico odierno) Tartaglia.

        Sai cosa ti dico? MI AVETE STANCATO CON TUTTE
        QUESTE STRONxATE.



        Quanto all'articolo, proprio non capisco questo

        continuo paragonare una situazione estremamente

        grave come la presenza di gruppi che predicano
        la

        violenza con quella di gruppi a cui viene

        cambiato il titolo... si tratta senza dubbio di

        un fatto deprecabile e che va meglio

        regolamentato/impedito, ma non certo
        paragonabile

        per gravità alla presenza di gruppi in cui si

        faccia apologia di reato!

        Accidenti, ma perchè non capite (parlo al plurare
        perchè sento tanti che la pensano come te) che la
        gente non è così stupida come dice la TV? Molti
        gruppi di FB nascono semplicemente per goliardia,Compresi quei gruppi o quegli individui che prendono in giro i "diversamente abili" o fanno scherzi da caserma e poi postano il tutto su You Tube o su un social network?.... poverini, loro lo fanno solo per scherzo...
        e sono composti di gente per lo più normale. Se
        poi ci si nasconde qualche vero squilibrato, mi
        spieghi cosa cambia rispetto ad un qualsiasi bar
        di paese o un qualunque altro luogo pubblico? No,Non mi risulta che nei bar ci siano bacheche in cui gli avventori lascino scritte o post inneggianti al nazifascismo alla pulizia etnica o all'assasinio di qualcuno
        perchè io proprio non lo capisco. Forse che
        qualcuno ha mai chiuso un bar perchè al suo
        interno un gruppo di persone incita alla
        violenza?A me risulta che in alcuni casi centri sociali, bar e circoli privati siano stati chiusi proprio per motivi di ordine pubblico...
        Se poi invece vogliamo parlare di siti in cui si
        aggregano terroristi o cose del genere allora
        puoi anche aver ragione, ma Facebook.... e
        su.....E come distingui le cose? Come fai a capire fino a che punto si tratti solo di goliardate o ci sia dietro qualche cosa di più serio?MA è davvero tanto menomante per la libertà di internet che i social network si automoderino?
  • Darth Vader scrive:
    Non mi sta bene
    Sono un frequentatore di internet dal 1992, quando il browser era considerato qualcosa di nuovo e misterioso, eppure sono in totale disaccordo con il tenore dell'articolo.Il fatto che intenet dia la possibilità di libera espressione a tutti non significa che non debba essere in grado di proteggersi dagli XXXXXXXXX che hanno tempestato i forum di inni e giubili per il gesto scondiderato (sebbene coltivato) di un pazzo.Libertà di espressione non significa deresponsabilizzazione rispetto a quello che si dice e se tutti i politicamente corretti sinistrorsi si indignano per i siti omofobi o razzisti non si vede perché non ci si debba indignare per i siti che inneggiano all'antiberlusconismo o al terrorismo islamico/comunista.Che ognuno scriva quello che vuole, ma che si renda obbligatorio l'assumersi la responsabilità di quello che si scrive. Se no internet assumerà la stessa valenza del muro dei cessi pubblici. E non so se questo è poi così positivo.
    • lucapas scrive:
      Re: Non mi sta bene
      - Scritto da: Darth Vader
      Se no internet assumerà
      la stessa valenza del muro dei cessi pubblici. E
      non so se questo è poi così
      positivo.Qui pare che nessuno capisca che internet è un MONDO virtuale! E come nel mondo ci sono persone di ogni razza e tipo, anche sulla rete troverai di tutto di più: da grossi XXXXXXXXX a scienziati incompresi!
      • Darth Vader scrive:
        Re: Non mi sta bene
        - Scritto da: lucapas
        - Scritto da: Darth Vader

        Se no internet assumerà

        la stessa valenza del muro dei cessi pubblici. E

        non so se questo è poi così

        positivo.

        Qui pare che nessuno capisca che internet è un
        MONDO virtuale! E come nel mondo ci sono persone
        di ogni razza e tipo, anche sulla rete troverai
        di tutto di più: da grossi XXXXXXXXX a scienziati
        incompresi!Quello che però non si capisce è perché nel mondo virtuale non sia considerato normale (come nel mondo reale) prendersi la responsabilità per quello che si dice o che si fa.
        • skyeye scrive:
          Re: Non mi sta bene
          quale responsabilita'? chi e' responsabile?
        • Lallo scrive:
          Re: Non mi sta bene
          - Scritto da: Darth Vader
          Quello che però non si capisce è perché nel mondo
          virtuale non sia considerato normale (come nel
          mondo reale) prendersi la responsabilità per
          quello che si dice o che si
          fa.Guarda che se io vado al bar coi miei amici e dico "Berlusconi è un idiota", nessuno mi viene ad arrestare. E guarda un pò.... NEMMENO SU INTERNET!!!
          • Darth Vader scrive:
            Re: Non mi sta bene
            - Scritto da: Lallo
            - Scritto da: Darth Vader


            Quello che però non si capisce è perché nel
            mondo

            virtuale non sia considerato normale (come nel

            mondo reale) prendersi la responsabilità per

            quello che si dice o che si

            fa.

            Guarda che se io vado al bar coi miei amici e
            dico "Berlusconi è un idiota", nessuno mi viene
            ad arrestare. E guarda un pò.... NEMMENO SU
            INTERNET!!!Nondimeno commetti un illecito. E se qualcuno ti sentisse e riferisse la cosa a Berlusconi lui potrebbe farti causa per diffamazione. E tu in quel caso dovresti assumerti la responsabilità di quello che hai detto.Se invece dici: "Uccidiamo Tizio!" (chiunque sia Tizio) stai commettendo un reato e potrebbero anche arrestarti per la cosa.Non vedo perché su internet sia da considerarsi diverso.
          • maio scrive:
            Re: Non mi sta bene
            - Scritto da: Darth Vader
            - Scritto da: Lallo

            - Scritto da: Darth Vader




            Quello che però non si capisce è perché nel

            mondo


            virtuale non sia considerato normale (come nel


            mondo reale) prendersi la responsabilità per


            quello che si dice o che si


            fa.



            Guarda che se io vado al bar coi miei amici e

            dico "Berlusconi è un idiota", nessuno mi viene

            ad arrestare. E guarda un pò.... NEMMENO SU

            INTERNET!!!

            Nondimeno commetti un illecito. E se qualcuno ti
            sentisse e riferisse la cosa a Berlusconi lui
            potrebbe farti causa per diffamazione. E tu in
            quel caso dovresti assumerti la responsabilità di
            quello che hai
            detto.
            [troll mode on]poi c'e' la realta' ed uno scopre che nella trillogia in cinque parti di Adams poche cose sono veritiere.E tra l'altro e' da quando una famosa "distribuzione" linux ha cambiato il proprio formato di eseguibili in ELF che io sto su interdet e dopo poco e' comparso uno che non ne capiva nulla.[troll mode off]
          • invasore scrive:
            Re: Non mi sta bene
            - Scritto da: Darth Vader
            - Scritto da: Lallo

            - Scritto da: Darth Vader




            Quello che però non si capisce è perché nel

            mondo


            virtuale non sia considerato normale (come nel


            mondo reale) prendersi la responsabilità per


            quello che si dice o che si


            fa.



            Guarda che se io vado al bar coi miei amici e

            dico "Berlusconi è un idiota", nessuno mi viene

            ad arrestare. E guarda un pò.... NEMMENO SU

            INTERNET!!!

            Nondimeno commetti un illecito. E se qualcuno ti
            sentisse e riferisse la cosa a Berlusconi lui
            potrebbe farti causa per diffamazione. E tu in
            quel caso dovresti assumerti la responsabilità di
            quello che hai
            detto.

            Se invece dici: "Uccidiamo Tizio!" (chiunque sia
            Tizio) stai commettendo un reato e potrebbero
            anche arrestarti per la
            cosa.

            Non vedo perché su internet sia da considerarsi
            diverso.Nessun tribunale al condannerebbe un cittadino per avere detto al bar che qualcuno è un idiota. Questo perchè le leggi vanno interpretate e sopratutto hanno uno spirito. è EVIDENTE che la legge sulla diffamazione non è fatta per perseguire tutti quelli che affermano che qualcuno è un idiota. Altrimenti sarebbe una legge liberticida e basta.
    • skyeye scrive:
      Re: Non mi sta bene
      - Scritto da: Darth Vader
      Libertà di espressione non significa
      deresponsabilizzazione rispetto a quello che si
      dice e se tutti i politicamente corretti
      sinistrorsi si indignano per i siti omofobi o
      razzisti non si vede perché non ci si debba
      indignare per i siti che inneggiano
      all'antiberlusconismo o al terrorismo
      islamico/comunista.ok, come darti torto.. adesso chiediti come mai si parla solo dei siti contro Berlusconi e si minacci la censura su internet mentre per quelli contro associazioni religiose o razzisti o omofobi o chichessia si sono gia' usate in passato le leggi correnti per chiuderli e perseguire i responsabili
      • Darth Vader scrive:
        Re: Non mi sta bene
        - Scritto da: skyeye
        - Scritto da: Darth Vader

        Libertà di espressione non significa

        deresponsabilizzazione rispetto a quello che si

        dice e se tutti i politicamente corretti

        sinistrorsi si indignano per i siti omofobi o

        razzisti non si vede perché non ci si debba

        indignare per i siti che inneggiano

        all'antiberlusconismo o al terrorismo

        islamico/comunista.

        ok, come darti torto.. adesso chiediti come mai
        si parla solo dei siti contro Berlusconi e si
        minacci la censura su internet mentre per quelli
        contro associazioni religiose o razzisti o
        omofobi o chichessia si sono gia' usate in
        passato le leggi correnti per chiuderli e
        perseguire i
        responsabiliPerché c'è una parte di magistratura che considera l'antiberlusconismo una virtù invece che una degenerazione. Personalmente considero l'omofobia e l'antiberlusconismo alla stessa stregua.
        • skyeye scrive:
          Re: Non mi sta bene
          che esista una "magistratura che considera l'antiberlusconismo una virtù" te lo fa credere Berlusconi: anche tu credo, se avessi qualche proXXXXX e qualche tv, diresti la stessa cosa? Io, personalmente, se mi accusassero ingiustamente affronterei il proXXXXX, sapendo di essere innocente.. ma al nano piace parlare di magistrati e giudici comunisti (quando fa comodo a lui pero')
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Non mi sta bene
            - Scritto da: skyeye
            che esista una "magistratura che considera
            l'antiberlusconismo una virtù" te lo fa credere
            Berlusconi: anche tu credo, se avessi qualche
            proXXXXX e qualche tv, diresti la stessa cosa?
            Io, personalmente, se mi accusassero
            ingiustamente affronterei il proXXXXX, sapendo di
            essere innocente.. ma al nano piace parlare di
            magistrati e giudici comunisti (quando fa comodo
            a lui
            pero')Quanta fiducia mal riposta... Ti ricordi di un certo Enzo Tortora... era innocente
          • skyeye scrive:
            Re: Non mi sta bene
            Quanti processi si fanno in Italia in un anno? e tu me ne indichi uno che e' sucXXXXX 30 anni fa?!?!? tra l'altro poi tortora e' stato assolto e tutti sanno che fu un errore, quindi dove sta il problema? Inoltre, Dell'Utri e' gia' stato condannato a 9 anni per associazione esterna e Berlusconi era stato pure indagato nella stessa indagine ma la sua posizione e' stata (PER IL MOMENTO) archiviata tra l'altro proprio perche' Mangano (condannato per mafia..) non ha voluto parlare!!Da non dimenticare la banca rasini, dove confluivano soldi della mafia e dove guarda a casa c'era anche il conto di Berlusconi (che sfiga!!), il tutto finito nel nulla grazie all'omicidio di Sindona..
    • Lallo scrive:
      Re: Non mi sta bene
      - Scritto da: Darth Vader
      Il fatto che intenet dia la possibilità di libera
      espressione a tutti non significa che non debba
      essere in grado di proteggersi dagli XXXXXXXXX
      che hanno tempestato i forum di inni e giubili
      per il gesto scondiderato (sebbene coltivato) di
      un pazzo.Come sai, ma ometti nelle tue parole, ce ne sono stati altrettanti a favore del premier, quindi Internet ha dimostrato nettamente quanto sia democratica la Rete. E in ogni caso, gli XXXXXXXXX ci sono nel mondo, quindi anche su internet. Non vedo perchè la rete dovrebbe discriminarli.
      Libertà di espressione non significa
      deresponsabilizzazione rispetto a quello che si
      dice e se tutti i politicamente corretti
      sinistrorsi si indignano per i siti omofobi o
      razzisti non si vede perché non ci si debba
      indignare per i siti che inneggiano
      all'antiberlusconismo o al terrorismo
      islamico/comunista.Le parole son parole. Non mi pare che esista il reato di odio. Mentre invece esistono altri reati, tipo l'aggressione. Infatti sembra che Tartaglia sia stato arrestato.
      Che ognuno scriva quello che vuole, ma che si
      renda obbligatorio l'assumersi la responsabilità
      di quello che si scrive. Certo, certo. Sai chi sta facendo una cosa del genere? La Cina. Proprio in queste settimane.
      Se no internet assumerà la stessa valenza del muro dei cessi pubblici.
      E non so se questo è poi così positivo.Che banalità.
      • Darth Vader scrive:
        Re: Non mi sta bene
        - Scritto da: Lallo
        - Scritto da: Darth Vader


        Il fatto che intenet dia la possibilità di
        libera

        espressione a tutti non significa che non debba

        essere in grado di proteggersi dagli XXXXXXXXX

        che hanno tempestato i forum di inni e giubili

        per il gesto scondiderato (sebbene coltivato) di

        un pazzo.

        Come sai, ma ometti nelle tue parole, ce ne sono
        stati altrettanti a favore del premier, quindi
        Internet ha dimostrato nettamente quanto sia
        democratica la Rete. E in ogni caso, gli
        XXXXXXXXX ci sono nel mondo, quindi anche su
        internet. Non vedo perchè la rete dovrebbe
        discriminarli.Guarda di siti a favore e contro ce ne sono anche sul tifo calcistico. Ma quando si trascende sulla istigazione a delinquere quello è un reato.


        Libertà di espressione non significa

        deresponsabilizzazione rispetto a quello che si

        dice e se tutti i politicamente corretti

        sinistrorsi si indignano per i siti omofobi o

        razzisti non si vede perché non ci si debba

        indignare per i siti che inneggiano

        all'antiberlusconismo o al terrorismo

        islamico/comunista.

        Le parole son parole. Non mi pare che esista il
        reato di odio. Quello di istigazione a delinquere è un reato .Mentre invece esistono altri
        reati, tipo l'aggressione. Infatti sembra che
        Tartaglia sia stato arrestato.Sì, ma a quelli che volevano dargli il Nobel o farlo santo subito avrei datola pena di apologia di reato.E' ora di finirla di pensare che si possa dire qualsiasi cosa senza assumersene la responsabilità.Se no facciamo come i genitori di stupratori o delinquenti che chiamno "ragazzate" i reati dei propri figli. E, guarda, di questi esempi te ne posso fare almeno una decina.



        Che ognuno scriva quello che vuole, ma che si

        renda obbligatorio l'assumersi la responsabilità

        di quello che si scrive.

        Certo, certo. Sai chi sta facendo una cosa del
        genere? La Cina. Proprio in queste
        settimane.Il paragone è una stupiddaggine. La Cina è un regime dittatoriale dove vigono delle leggi che ti impediscono di dissentire. In Italia non è vietato dissentire, ma ci sono anche qui dei limiti.O contestiamo i limiti, ma lo facciamo per tutti sia per chi scrive su un giornale che per chi scrive su un blog, oppure ci atteniamo ai limiti tutti quanti, sia chi scrive su un giornale che chi scrive su un blog. E quando si va fuori dei limiti ci si prende le responsabilità per quello che si è fatto.Il vostro discorso mi sembra come se volessimo consentire a chi va in bicicletta di passare col rosso mentre moto e sauto si devono fermare. I limiti e le regole vanno rispettati qualsiasi sia il mezzo che uso.


        Se no internet assumerà la stessa valenza del
        muro dei cessi pubblici.


        E non so se questo è poi così positivo.

        Che banalità.Bè, se guardi ai contanuti non è una banalità: Facebook è veramente il muro dei cessi pubblici.
        • skyeye scrive:
          Re: Non mi sta bene
          corruzione e' un reato associazione mafiosa e' un reato istigazione alla prostituzione e' un reato falsa testimonianza e' un reato falso in bilancio e' un reato appartenenza alla loggia massonica P2 e' un reato
          • Darth Vader scrive:
            Re: Non mi sta bene
            - Scritto da: skyeye
            corruzione e' un reato
            associazione mafiosa e' un reato
            istigazione alla prostituzione e' un reato
            falsa testimonianza e' un reato
            falso in bilancio e' un reato Si stava parlando di chi scrive su internet e non si prende la responsabilità di quello che scrive. Come siamo finiti a elencare reati che Berusconi non ha commesso?
            appartenenza alla loggia massonica P2 e' un
            reato Questo proprio no. Non è un reato.
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Non mi sta bene
            - Scritto da: Darth Vader
            - Scritto da: skyeye

            corruzione e' un reato

            associazione mafiosa e' un reato

            istigazione alla prostituzione e' un
            reato

            falsa testimonianza e' un reato

            falso in bilancio e' un reato

            Si stava parlando di chi scrive su internet e non
            si prende la responsabilità di quello che scrive.
            Come siamo finiti a elencare reati che Berusconi
            non ha
            commesso?
            Ma chi sei, Ghedini?Certo che arrivare all'apporvazione della censura e del terrorismo di Stato contro chi dissente, solo perchè si vota PDL è un esercizio di mancanza di intelligenza democratica, mica da ridere.Abbiamo capito, sei berlusconiano e ti secca se qualcuno è contro il tuo domine e dio. Da qui a voler trasformare questo Paese di pulcinella nel paese dei Gulag anticomunisti ce ne dovrebbe passare e anche un bel po', ma siete così obnubilati dalle parole del pifferaio magico che trascinerete nel baratro antidemocratico l'Italia, proprio come avreste fatto durante il ventennio.Il pericolo delle dittature non sono i dittatori, sono quelli come te.


            appartenenza alla loggia massonica P2 e' un

            reato

            Questo proprio no. Non è un reato.Si, dato che aveva scopi eversivi.Ma ovviamente per quelli come te imbambolati dal nano l'eversione è rifromismo se lo fate voi mentre diventa eversione qualsiasi atto fatto da chi non la pensa come voi.
          • skyeye scrive:
            Re: Non mi sta bene
            come mai Berlusconi? io volevo solo ricordarti quali altre cose non sono reato.. ma visto che lo tiri in ballo vorrei ricordarticorruzione: prescritto (mondadori) + archiviato (Sacca') + in corso (Mills)associazione mafiosa: archiviato (per il momento) + Dell'Utri, cofondatore e ideatore di Forza Italia, gia' condannato e ora nel proXXXXX di secondo grado emerge (adesso!!) anche il nome di Berlusconi + Mangano, "stalliere" di Berlusconi condannato per mafia e diventato eroe "perche' non ha parlato" (parole di Berlusconi e sottolineate da Dell'Utri)istigazione alla prostituzione e' un reato: si vedra' cosa verra' fuori dal proXXXXX di Bari (per il momento non e' iscritto, ma era l'"utilizzatore finale"..)falsa testimonianza: amnistia (!!!) falso in bilancio: assolto perche' il fatto NON E' PIU' REATO!! svariate volteappartenenza alla loggia massonica P2: amnistia per tutti gli appartenenti (quindi ERA reato, e lo e' tutt'ora, non so dove l'hai letto che non e' reato!!)Ps: la lista non e' completa..
    • eclettico scrive:
      Re: Non mi sta bene
      Io, civilmente, dissento dalla tua opinione.Ci sono già abbastanza reati di opinione in Italia senza doverne aggiungere altri anzi, per me, si potrebbe pure dare una sfoltita.Parlare contro qualcuno per partito preso non è simpatico ma è anche il gioco della politica, non può diventare reato altrimenti facciamo un bel partito unico, un bello stato di polizia e avremo una bella Repubblica in stile DDR.Se adesso vogliono mettere il filo spinato per evitare che entrino clandestini un domani servirà perché non scappino gli Italiani perché uno stato alla DDR, per quanto sicuro, per quanto ordinato, non può offrire minimamente le condizioni di vita di uno stato libero.
      • eclettico scrive:
        Re: Non mi sta bene
        Uno stato che sa dov'é e cosa pensa ogni singolo cittadino è uno stato di polizia, alla Cile di Pinochet o DDR per prendere due stati di "colore" diverso.Quelli erano stati supersicuri (finche la pensavi come il leader), qualcuno è nostalgico, qualcuno persino "amava" il dittatore di turno.Ma non mi risultano essere stati i paesi più carini dove abitare se la pensavi diversamente, non potevi neppure azzardarti a dire certe cose in un bar e nemmeno a tua moglie.Magari l'attuale e le future maggioranze non vogliono arrivare a questo, ma questa volontà di uno stato di polizia è sintomo di una democrazia debole che potrebbe aprire le porte a qualcosa di inaspettatamente brutto.
    • The Punisher scrive:
      Re: Non mi sta bene
      - Scritto da: Darth Vader
      Sono un frequentatore di internet dal 1992,
      quando il browser era considerato qualcosa di
      nuovo e misteriosoSoprattutto perche' Mosaic e' stato rilasciato nel 1993 quindi, a meno che non ti riferissi a Gopher e stessi usando Internet dall'estero o all'interno del CNR la vedo un po' difficile che nel 1992 tu riuscissi ad usare un qualsivoglia software in grado di visualizzare delle pagine html.Poi magari lavoravi assieme a Tim Berners-Lee ed io ho scritto una marea di cavolate. ;)P.S.Si, lavoravo gia' nell'IT all'epoca (e questo vuol dire che sto diventando vecchio).
      • Darth Vader scrive:
        Re: Non mi sta bene
        - Scritto da: The Punisher
        - Scritto da: Darth Vader

        Sono un frequentatore di internet dal 1992,

        quando il browser era considerato qualcosa di

        nuovo e misterioso

        Soprattutto perche' Mosaic e' stato rilasciato
        nel 1993 quindi, a meno che non ti riferissi a
        Gopher e stessi usando Internet dall'estero o
        all'interno del CNR la vedo un po' difficile che
        nel 1992 tu riuscissi ad usare un qualsivoglia
        software in grado di visualizzare delle pagine
        html.

        Poi magari lavoravi assieme a Tim Berners-Lee ed
        io ho scritto una marea di cavolate.
        ;)

        P.S.
        Si, lavoravo gia' nell'IT all'epoca (e questo
        vuol dire che sto diventando
        vecchio).Bè sono partito con Gopher effettivamente.
    • yup scrive:
      Re: Non mi sta bene
      - Scritto da: Darth Vader
      Sono un frequentatore di internet dal 1992,
      quando il browser era considerato qualcosa di
      nuovo e misterioso, accidenti! che curriculum!
      eppure sono in totale
      disaccordo con il tenore
      dell'articolo.eppure...? nonostante il tuo brillantie curriculum?
      Il fatto che intenet dia la possibilità di libera
      espressione a tutti strano... proprio non mi risulta che sia così...pensavo che i cittadini di uno stato fossero (anche loro malgrado) soggetti alla costituzione (per chi la ha) ed alle leggi... tu che sicuramente lo sai... mi dici da quando è che c'è questa "internet" a cui non si applica il diritto civile e penale?
      non significa che non debba
      essere in grado di proteggersi "proteggersi": riflessivo = proteggere se stessama dai!!! e quindi questa "internet" è anche dotata di una propria coscienza e volontà! può decidere se e come proteggere se stessa!!! wow!
      dagli XXXXXXXXX
      che hanno tempestato i forum di inni e giubili
      per il gesto scondiderato (sebbene coltivato) puoi documentare o le tue sono affermazioni (per citati) stile "annozero"?
      di
      un pazzo.mah... dicono che pazzo non è... boh... magari è pazzo nei giorni pari e non lo è in quelli dispari... dipende da come più conviene...
      Libertà di espressione non significa
      deresponsabilizzazione rispetto a quello che si
      dice perché allora stai esprimendo solo tue opinioni personali e non documenti quello che dici?
      e se tutti i politicamente corretti
      sinistrorsi si indignano per i siti omofobi o
      razzisti non si vede perché non ci si debba
      indignare per i siti che inneggiano
      all'antiberlusconismo o al terrorismo
      islamico/comunista.indignarsi è una cosacensurare e reprimere è un'altra cosacontrolla pure sul vocabolarioe rilassati pure... pochezza e vacuità albergano copiose tanto nella cosiddetta (o sedicente) sx che nella dx
      Che ognuno scriva quello che vuole, ma che si
      renda obbligatorio l'assumersi la responsabilità
      di quello che si scrive. hai presente la costituzione?hai presente i codici civile, penale e di procedura penale?bene... allora... notiziona!!!E' GIA' OBBLIGATORIO
      Se no internet assumerà
      la stessa valenza del muro dei cessi pubblici. è più o meno già così...solo che neii cessi pubblici leggono in pochi mentre sul web leggono in tantisimi e quindi, ed ecco la vera differenza, con il secondo ci si fanno tanti soldini...
      E
      non so se questo è poi così
      positivo.ti assicuro che per chi ci fa sopra soldini e controllo sociale è POSITIVISSIMO che sia così
      • Darth Vader scrive:
        Re: Non mi sta bene
        - Scritto da: yup[snip] lasciamo perdere i tuoi patetici tentativi di ironizzare.

        Che ognuno scriva quello che vuole, ma che si

        renda obbligatorio l'assumersi la responsabilità

        di quello che si scrive.

        hai presente la costituzione?
        hai presente i codici civile, penale e di
        procedura
        penale?

        bene... allora... notiziona!!!
        E' GIA' OBBLIGATORIOBene allora mi devi spiegare perché invece di fatto non è possibile impedire che vengano scritte "opinioni" che si avvicinano di più all'istigazione a delinquere che a commenti XXXXXXXXX come il tuo qui (che è esecrabile ma non illecito).
        • yup scrive:
          Re: Non mi sta bene
          - Scritto da: Darth Vader
          - Scritto da: yup
          [snip] lasciamo perdere i tuoi patetici tentativi
          di
          ironizzare.dì pure che non sai cosa rispondere


          Che ognuno scriva quello che vuole, ma che si


          renda obbligatorio l'assumersi la
          responsabilità


          di quello che si scrive.



          hai presente la costituzione?

          hai presente i codici civile, penale e di

          procedura

          penale?



          bene... allora... notiziona!!!

          E' GIA' OBBLIGATORIO

          Bene allora mi devi spiegare perché invece di
          fatto non è possibile impedire che vengano
          scritte "opinioni" che si avvicinano di più
          all'istigazione a delinquere ti riferisci alle cose che dicono i tuoi amichetti leghisti ai comizi?o a certe cosette che scrivono sui giornali verdi e azzurri?
          che a commenti
          XXXXXXXXX come il tuo qui (che è esecrabile ma
          non
          illecito).il tuo commento invece è violento... ma da chi si dimostra fascitoide non c'è tanto da meravigliarsene
  • djechelon scrive:
    E poi non si accorgono di Laura Scimone
    Tanta tanta polemica ha fatto i gruppi che volevano satiricamente "uccidere" i politicihttp://www.facebook.com/pages/Uccidiamo-Laura-Scimone/188930631132?ref=searchPerchè nessuno parla di questo gruppo qui?Questa povera disgraziata è solo un personaggio saltato agli onori della cronaca di YouTube. Satirizzarla è diritto COSTITUZIONALE, e anche io sono convinto che l'iniziativa di quella pagina sia, come quelle sui politici, esclusivamente provocatora.Però continuiamo a fare due pesi e due misure, ed a tutelare solo la "casta" invece di comuni mortali che meriterebbero gli stessi diritti dinanzi alla legge.Un esempio concreto?http://www.facebook.com/search/?flt=1&q=uccidiamo&o=65DELLE DUE L'UNA, APPUNTOO capiamo che i gruppi sono iniziative ricreative, oppure diamo una scorta e un'auto blindata anche a questa teenager ;)
    • Darth Vader scrive:
      Re: E poi non si accorgono di Laura Scimone
      - Scritto da: djechelon
      Tanta tanta polemica ha fatto i gruppi che
      volevano satiricamente "uccidere" i
      politici

      http://www.facebook.com/pages/Uccidiamo-Laura-Scim
      Perchè nessuno parla di questo gruppo qui?

      Questa povera disgraziata è solo un personaggio
      saltato agli onori della cronaca di YouTube.
      Satirizzarla è diritto COSTITUZIONALE, e anche io
      sono convinto che l'iniziativa di quella pagina
      sia, come quelle sui politici, esclusivamente
      provocatora.
      Però continuiamo a fare due pesi e due misure, ed
      a tutelare solo la "casta" invece di comuni
      mortali che meriterebbero gli stessi diritti
      dinanzi alla
      legge.

      Un esempio concreto?
      http://www.facebook.com/search/?flt=1&q=uccidiamo&

      DELLE DUE L'UNA, APPUNTO
      O capiamo che i gruppi sono iniziative
      ricreative, oppure diamo una scorta e un'auto
      blindata anche a questa teenager
      ;)Una piccola domanda: se tuo figlio, fratello, coniuge, fidanzato/a aprisse un gruppo su Facebook che si intitola "Ammazziamo i XXXXX", tu saresti così liberale o la cosa ti farebbe indignare?
      • Lallo scrive:
        Re: E poi non si accorgono di Laura Scimone
        - Scritto da: Darth Vader
        Una piccola domanda: se tuo figlio, fratello,
        coniuge, fidanzato/a aprisse un gruppo su
        Facebook che si intitola "Ammazziamo i XXXXX", tu
        saresti così liberale o la cosa ti farebbe
        indignare?Scusa se ti rispondo io: sarebbe comunque l'espressione del suo libero pensiero. Posso controbatterlo, discuterlo, ma non IMPORGLI IL MIO PENSIERO. Per fortuna.
        • Darth Vader scrive:
          Re: E poi non si accorgono di Laura Scimone
          - Scritto da: Lallo
          - Scritto da: Darth Vader


          Una piccola domanda: se tuo figlio, fratello,

          coniuge, fidanzato/a aprisse un gruppo su

          Facebook che si intitola "Ammazziamo i XXXXX",
          tu

          saresti così liberale o la cosa ti farebbe

          indignare?

          Scusa se ti rispondo io: sarebbe comunque
          l'espressione del suo libero pensiero. Posso
          controbatterlo, discuterlo, ma non IMPORGLI IL
          MIO PENSIERO. Per
          fortuna.Nessuno vuole imporgli il tuo pensiero. Si vuole solo impedire di esporre il proprio se è offensivo e lesivo nei confronti di qualcuno.Se no il reato di calunnia o diffamazione non esisterebbe più. Io posso dire liberamente che Tizio è un cretino o che è un ladro, nessuno mi può imporre di pensare il contrario. Ti sembra sensato?
          • Incubo notturno scrive:
            Re: E poi non si accorgono di Laura Scimone
            - Scritto da: Darth Vader
            sembra sensato?La sensatezza è in via d'estinzione. I soliti direbbero che è colpa di Internet. Avranno aperto i gruppi "uccidiamo la sensatezza".
          • Antonio scrive:
            Re: E poi non si accorgono di Laura Scimone
            - Scritto da: Darth Vader
            Se no il reato di calunnia o diffamazione non
            esisterebbe più. Io posso dire liberamente che
            Tizio è un cretino o che è un ladro, nessuno mi
            può imporre di pensare il contrario. Ti sembra
            sensato?puoi dire liberamente e pubblicamente che io sono un cretino, questa è una tua opinione, determinata dal mio comportamento, da quello che scrivo dalla mia foto ... insomma: è come la pensi tu su di me e non esiste legge che possa proibirti di esprimere pubblicamente questo pensiero.Se invece dici che sono un ladro è diverso.Rubare è un reato e per dire che sono devi avere le prove che ho commesso almeno un furto.
    • ephestione scrive:
      Re: E poi non si accorgono di Laura Scimone
      - Scritto da: djechelon
      Questa povera disgraziata è solo un personaggio
      saltato agli onori della cronaca di YouTube.Grazie per avermela fatta conoscere!!! Spassosissima, secondo me ha programmato tutto a tavolino, in realtà non è una povera pazza, ma una studentessa di scienze della comunicazione o qualcosa del genere, e sta facendo fessi tutti creando un fenomeno.Meglio persone folli al naturale, ma almeno simpatiche, dei fantoccioni che riempiono la televisione con uomini e donne o trasmissioni di pari livello :P
  • Eretico scrive:
    facebook
    " Delle due una: o si ammette, come del resto appare ben evidente ad uno sguardo minimamente distaccato, che i gruppi su Facebook siano tutti, nel loro complesso, degli innocui passatempo che non meritano troppa considerazione (e allora anche teorizzare che diventare fan di Massimo Tartaglia sia apologia di reato è una bella forzatura) oppure, se davvero questi ambiti sono il focolare che scalda la nuova democrazia digitale, anche turlupinare due milioni di iscritti cambiando il nome al gruppo "No Facebook a pagamento" in "Solidarietà a Silvio Berlusconi" deve diventare un reato da codice penale o causare per lo meno uguali censure interne al network "A mio modo di vedere i gruppi si facebook SONO, nella stragrande maggioranza dei casi, degli innocui passatempo che non meritano troppa considerazione da parte delle autorità.In casi ESTREMI come quelli inneggianti all'uccisione di qualcuno o che prima erano una cosa e poi diventano "magicamente" qualcos'altro, i gruppi in questione POSSANO essere chiusi senza troppe menate. Punto. Non servono leggi censorie delle stato peraltro totalmentre inutili, ma solo del buon senso da parte di chi li deve gestire. Perchè è vero che esiste più democrazia in una pagina di facebook che inneggia all'uccisione di Obama, ma è altrettanto vero che questa sia molto scorretta.Teniamo presente che tra tanti XXXXXXXXX, che non hanno meglio da fare che partecipare a questi gruppi (volenti o nolenti), ci sarà sempre uno più XXXXXXXXX degli altri che dalle parole potrebbe passare ai fatti credendo che veramente tutti le migliaia di partecipanti al grupo abbianmo veramente intenzione di uccidere qualcuno.
    • Mike relax scrive:
      Re: facebook
      Ora c'è facebook, negli anni 70 non c'era ed è sucXXXXX ben di peggio. Se, per assurdo, ci fosse il mezzo di controllo di fb o della rete gli XXXXXXXXX troverebbero un altro modo per diffondere il loro verbo. In realtà si parla di politica che è una partita a scacchi fra tanti attori e quelli vicini a sb hanno provato il colpo di mano cercando di sfruttare la situazione cercando di mettere le mani sull'unico media che ancora gli sfugge e dove è possibile ancora pescare la verità (assente in quasi TUTTI gli altri media). Per questo e per altri motivi bisogna che si levi dalle scatole al più presto ma in forma legale e non violenta per non farne un martire. Cosa che sta provando a diventare lo stesso.
    • Lallo scrive:
      Re: facebook
      - Scritto da: Eretico
      Teniamo presente che tra tanti XXXXXXXXX, che non
      hanno meglio da fare che partecipare a questi
      gruppi (volenti o nolenti), ci sarà sempre uno
      più XXXXXXXXX degli altri che dalle parole
      potrebbe passare ai fatti credendo che veramente
      tutti le migliaia di partecipanti al grupo
      abbianmo veramente intenzione di uccidere
      qualcuno.Ma certo, come c'è qualcuno che quando va in macchina spara a 140 su una stradina da 50 all'ora. Che facciamo, mettiamo il limitatore a tutte le auto?
      • Eretico scrive:
        Re: facebook
        - Scritto da: Lallo
        - Scritto da: Eretico


        Teniamo presente che tra tanti XXXXXXXXX, che
        non

        hanno meglio da fare che partecipare a questi

        gruppi (volenti o nolenti), ci sarà sempre uno

        più XXXXXXXXX degli altri che dalle parole

        potrebbe passare ai fatti credendo che veramente

        tutti le migliaia di partecipanti al grupo

        abbianmo veramente intenzione di uccidere

        qualcuno.

        Ma certo, come c'è qualcuno che quando va in
        macchina spara a 140 su una stradina da 50
        all'ora. Che facciamo, mettiamo il limitatore a
        tutte le auto?No, gli revoco la patente a vita.
    • yup scrive:
      Re: facebook
      - Scritto da: Eretico[...]
      A mio modo di vedere i gruppi si facebook SONO,
      nella stragrande maggioranza dei casi, degli
      innocui passatempo che non meritano troppa
      considerazione da parte delle
      autorità.non dovrebbero meritare attenzione da parte delle persone in primis... è semmai il fatto che su f ci stia tutta questa gente che dovrebbe preoccupare
      In casi ESTREMI come quelli inneggianti
      all'uccisione di qualcuno o che prima erano una
      cosa e poi diventano "magicamente" qualcos'altro,
      i gruppi in questione POSSANO essere chiusi senza
      troppe menate. Punto. Non servono leggi censorie
      delle stato peraltro totalmentre inutili, ma solo
      del buon senso da parte di chi li deve gestire.ripeto: servirebbe semmai buonsenso da parte delle persone... e il fatto stesso che un qualcuno si iscriva a una roba come f dimostra invece che è proprio il buonsenso comune a difettare...
      Perchè è vero che esiste più democrazia in una
      pagina di facebook che inneggia all'uccisione di
      Obama, ma è altrettanto vero che questa sia molto
      scorretta.è più vero che si sta perdendo il senso della realtà e delle parole...ma come si fa a parlare di "democrazia in una pagina di facebook"???f è una multinazionale privata controllata da capitali finanziari privati di provenienza quantomeno "particolari" e da azionisti quantomeno "discutibili"... cosa ca##o c'entra la democrazia??????
      Teniamo presente che tra tanti XXXXXXXXX, che non
      hanno meglio da fare che partecipare a questi
      gruppi (volenti o nolenti), ci sarà sempre uno
      più XXXXXXXXX degli altri che dalle parole
      potrebbe passare ai fatti credendo che veramente
      tutti le migliaia di partecipanti al grupo
      abbianmo veramente intenzione di uccidere
      qualcuno.si certo... bisogna vietare di vendere i fumetti di superman perché magari domani ci sarà sempre uno più XXXXXXXXX degli altri che dalle parole potrebbe passare ai fatti credendo che basta indossare un costume con una S per volare...
      • Eretico scrive:
        Re: facebook
        - Scritto da: yup
        - Scritto da: Eretico
        [...]

        A mio modo di vedere i gruppi si facebook SONO,

        nella stragrande maggioranza dei casi, degli

        innocui passatempo che non meritano troppa

        considerazione da parte delle

        autorità.

        non dovrebbero meritare attenzione da parte delle
        persone in primis... è semmai il fatto che su f
        ci stia tutta questa gente che dovrebbe
        preoccuparePerchè ? Se a te non va f come non va a me che problema c'è ?!! Non ti iscrivi come faccio e punto. Ma se a uno gli piace affari suoi. Il problema non è il mezzo, ma come tu stesso sotieni sono le persone.

        In casi ESTREMI come quelli inneggianti

        all'uccisione di qualcuno o che prima erano una

        cosa e poi diventano "magicamente"
        qualcos'altro,

        i gruppi in questione POSSANO essere chiusi
        senza

        troppe menate. Punto. Non servono leggi censorie

        delle stato peraltro totalmentre inutili, ma
        solo

        del buon senso da parte di chi li deve gestire.

        ripeto: servirebbe semmai buonsenso da parte
        delle persone...Appunto e chi che cosa ho scritto ?!! Chi gestisce f sono persone, mica andoridi.
        e il fatto stesso che un qualcuno si iscriva a
        una roba come f dimostra invece che è proprio il
        buonsenso comune a
        difettare...A difettare sono gli argomenti non l'utilizzo di f.

        Perchè è vero che esiste più democrazia in una

        pagina di facebook che inneggia all'uccisione di

        Obama, ma è altrettanto vero che questa sia
        molto

        scorretta.

        è più vero che si sta perdendo il senso della
        realtà e delle parole...A me non sembra.
        ma come si fa a parlare di "democrazia in una
        pagina di facebook"???Il fatto di poter esprimere un opinione anche se a te o a me non piace E' democrazia. Che poi utilizzi f, la radio o un volantino non conta.
        f è una multinazionale privata controllata da
        capitali finanziari privati di provenienza
        quantomeno "particolari" e da azionisti
        quantomeno "discutibili"... cosa ca##o c'entra la
        democrazia??????Mi potresti cortesemente citare le fonti di queste provenienze "particolari" e "discutibili". Grazie.

        Teniamo presente che tra tanti XXXXXXXXX, che
        non

        hanno meglio da fare che partecipare a questi

        gruppi (volenti o nolenti), ci sarà sempre uno

        più XXXXXXXXX degli altri che dalle parole

        potrebbe passare ai fatti credendo che veramente

        tutti le migliaia di partecipanti al grupo

        abbianmo veramente intenzione di uccidere

        qualcuno.

        si certo... bisogna vietare di vendere i fumetti
        di superman perché magari domani ci sarà sempre
        uno più XXXXXXXXX degli altri che dalle parole
        potrebbe passare ai fatti credendo che basta
        indossare un costume con una S per
        volare...Caxxi suoi. S'ammazza lui lanciandosi dal 15esimo piano. Perciò chi se ne frega. L'importante che non faccia male ad altri.
  • skyeye scrive:
    rispetto per gli altri
    oppure, se davvero questi ambiti sono il focolare che scalda la nuova democrazia digitale, anche turlupinare due milioni di iscritti cambiando il nome al gruppo "No Facebook a pagamento" in "Solidarietà a Silvio Berlusconi" deve diventare un reato da codice penale o causare per lo meno uguali censure interne al network avevo gia' scritto qualcosa di simile la settimana scorsa, credo proprio sul precedente contrappunti.. all'Italia serve che la gente cominci a rispettare le altre persone e a denunciare ogni forma di illegalita': se ho un amico idraulico che se ne va in giro col suv a fare il figo che non paga le tasse non me ne deve XXXXXXX niente se quella volta ogni dieci anni quando mi serve mi fa 10 euro di sconto.. va boicottato, emarginato e obbligato a pagare ogni centesimo di tasse piu' tutto quello che ha evaso!! uno viene a chiederti i voti per un .azz. di posto come assessore nel piu' sfigato dei comuni.. lo si manda a fanXXXX subito, senza pensare cosa potra' mai fare in cambio in futuro!!solo cosi' si puo' cambiare l'Italia e sperare che magari tra 50 anni questa tipo di politica non esista piu'!!
  • cognome nome scrive:
    il potere alla brianzola
    Per noi milanesi il brianzolo è un individuo con un bagaglio culturale da microcefalo in grado di parlare solo dei soldi necessari per il SUV comprato a rate, pardon in leasing. Fatta questa premessa che cosa aspettarsi dal brianzolo Maroni? Solo il nulla inteso come una serie di concetti mal esposti a cui non seguiranno mai dei fatti reali, dormiamo tranquilli... NB Il partito politico che proporrà di fare un muro a Nord di Milano per impedire l'ingresso ai brianzoli avrà il mio voto. MILANO LIBERA! BRIANZOLI TORNATEVENE A CASA VOSTRA! (il tutto è ironico, lo scrivo a beneficio dei brianzoli che non ci arriverebbero da soli)
    • skyeye scrive:
      Re: il potere alla brianzola
      riposto il post di sopra che si intendeva andare qui..ho visto la parte di annozero di giovedi' scorso dove facevano vedere quel comune leghista che ha votato a favore del divieto per i mussulmani di trovarsi in una casa a pregare.. mi sembra che fosse un comune bresciano.mi viene tuttora la pelle d'oca a pensare a quanta ignoranza trasmettevano le parole di quelle persone intervistate (anche ragazzi).. sembra proprio che la lega a partire dai suoi rappresentanti Bossi, Maroni, Castelli, Zaia,.. sia la calamita dell'ignoranza italiana: dovrebbero chiamarsi lega degli ignoranti padani!!
      • Darth Vader scrive:
        Re: il potere alla brianzola
        - Scritto da: skyeye
        riposto il post di sopra che si intendeva andare
        qui..

        ho visto la parte di annozero di giovedi' scorso
        dove facevano vedere quel comune leghista che ha
        votato a favore del divieto per i mussulmani di
        trovarsi in una casa a pregare.. mi sembra che
        fosse un comune
        bresciano.

        mi viene tuttora la pelle d'oca a pensare a
        quanta ignoranza trasmettevano le parole di
        quelle persone intervistate (anche ragazzi)..
        sembra proprio che la lega a partire dai suoi
        rappresentanti Bossi, Maroni, Castelli, Zaia,..
        sia la calamita dell'ignoranza italiana:
        dovrebbero chiamarsi lega degli ignoranti
        padani!!Certo che prendere Annozero come trasmissione per capire la realtà, ci va un bel fegato. E' come intervistare un nazista per comprendere la torah.Se consideri cosa oggi sono la maggior parte delle moschee "clandestine" in Italia, cioè principalmente delle associazioni politiche dove si fiancheggia (quando non si predica) la guerra santa, allora forse la posizione di qualcuno di quei leghisti ti sembrerà un po' meno buzzurra.E poi, così come in certi paesi arabi non è possibile possedere una bibbia se no si rischia l'arresto, le popolazioni di certi comuni saranno pure democraticamente libere di decidere che sul loro territorio non si possono costruire moschee. Perché annozero protesta contro il divieto in provincia di brescia e non dice nulla per quello in provincia di Riad?
        • skyeye scrive:
          Re: il potere alla brianzola
          non e' che il paragone c'entri molto.. io non stavo criticando l'ordinanza comunale (e ce ne sarebbe molto da dire..) ma come quel branco di stolti parlava: voi dire che quelle mostrati dalle telecamere non erano leghisti, per caso?Io ho visto persone che si vergognavano di dichiarare quello che avevano appena fatto!!! nascondersi dietro la carica di consigliere o sindaco per limitare la liberta' di altre persone e poi non avere nemmeno il coraggio di fare un intervista e insultare invece il giornalista!!dove l'hai visto che "la maggior parte delle moschee "clandestine" in Italia, cioè principalmente delle associazioni politiche dove si fiancheggia (quando non si predica) la guerra santa"?Forse al tg4.. se conosci qualche moschea "clandestina" piena di terroristi perche' non la denunci alla polizia? Ad Annozero hanno solo mostrato quello che sta succedendo: un comune ha iniziato a proibire le moschee.. ho visto persino Lupi che si vergognava di questo
          • Darth Vader scrive:
            Re: il potere alla brianzola
            - Scritto da: skyeye
            Forse al tg4.. se conosci qualche moschea
            "clandestina" piena di terroristi perche' non la
            denunci alla polizia?Non c'è bisogno del TG4. Bastano le informazioni del ministero degli interni. Ad Annozero hanno solo
            mostrato quello che sta succedendo: un comune ha
            iniziato a proibire le moschee.. ho visto persino
            Lupi che si vergognava di
            questoGuarda, se lo hanno trasmesso ad Annozero non ci credo per definizione.
          • mangiabile scrive:
            Re: il potere alla brianzola
            e' un'intervista, quindi parole loro.Se non credi a cio' che dicono santoro e travaglio, almeno credi nelle parole di coloro che ti rappresentano
          • Mossad scrive:
            Re: il potere alla brianzola
            - Scritto da: mangiabile
            e' un'intervista, quindi parole loro.
            Se non credi a cio' che dicono santoro e
            travaglio, almeno credi nelle parole di coloro
            che ti
            rappresentanoGià, magari non ci crede nemmeno se vede il giovane patano alla festa dei suoi simili, dire via gli ebrei e gli africani e che bisogna credere solo al loro cristo :@ E quei nazisti in camicia verde non erano infiltrati di santoro, tutti patani pura razza bresciana @^ @^
          • Darth Vader scrive:
            Re: il potere alla brianzola
            - Scritto da: Mossad
            - Scritto da: mangiabile

            e' un'intervista, quindi parole loro.

            Se non credi a cio' che dicono santoro e

            travaglio, almeno credi nelle parole di coloro

            che ti

            rappresentano

            Già, magari non ci crede nemmeno se vede il
            giovane patano alla festa dei suoi simili, dire
            via gli ebrei e gli africani e che bisogna
            credere solo al loro cristo :@ E quei nazisti
            in camicia verde non erano infiltrati di santoro,
            tutti patani pura razza bresciana @^
            @^Quando vedrò un sindaco di sinistra nero, come invece accade per Sandy Cane sindaco di Viggiù (http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/politica/200906articoli/44493girata.asp) allora avremo delle basi comuni su cui parlare.Per il momento quindi ti consiglierei di andare a dare del nazista a qualche tuo amico.
          • Mossad scrive:
            Re: il potere alla brianzola
            - Scritto da: Darth Vader
            - Scritto da: Mossad

            - Scritto da: mangiabile


            e' un'intervista, quindi parole loro.


            Se non credi a cio' che dicono santoro e


            travaglio, almeno credi nelle parole di coloro


            che ti


            rappresentano



            Già, magari non ci crede nemmeno se vede il

            giovane patano alla festa dei suoi simili, dire

            via gli ebrei e gli africani e che bisogna

            credere solo al loro cristo :@ E quei nazisti

            in camicia verde non erano infiltrati di
            santoro,

            tutti patani pura razza bresciana @^

            @^

            Quando vedrò un sindaco di sinistra nero, come
            invece accade per Sandy Cane sindaco di Viggiù
            (http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/politE già, con quello vi pulite la coscienza.
            Per il momento quindi ti consiglierei di andare a
            dare del nazista a qualche tuo
            amico.Io non ho amici nazisti e nemmeno nazileghisti o clericofascioleghisti, quella feccia la lascio a te @^ @^ @^
          • Darth Vader scrive:
            Re: il potere alla brianzola
            - Scritto da: Mossad
            - Scritto da: Darth Vader

            - Scritto da: Mossad


            - Scritto da: mangiabile



            e' un'intervista, quindi parole loro.



            Se non credi a cio' che dicono santoro e



            travaglio, almeno credi nelle parole di
            coloro



            che ti



            rappresentano





            Già, magari non ci crede nemmeno se vede il


            giovane patano alla festa dei suoi simili,
            dire


            via gli ebrei e gli africani e che bisogna


            credere solo al loro cristo :@ E quei
            nazisti


            in camicia verde non erano infiltrati di

            santoro,


            tutti patani pura razza bresciana @^


            @^



            Quando vedrò un sindaco di sinistra nero, come

            invece accade per Sandy Cane sindaco di Viggiù


            (http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/polit

            E già, con quello vi pulite la coscienza.No, con quella (perché è una donna, ma forse sei pure sessista) si dimostra che le posizioni di chi accusa gli altri di razzismo sono tutte cialtronate e basta.Siete tante parole e nessuna sostanza. E quando hanno governato i vostri si è visto.
          • skyeye scrive:
            Re: il potere alla brianzola
            cosa si e' visto? ti riferisci a quando Berlusconi ha fatto cadere il governo corrompendone parte dell'opposizione o quando c'era il fantoccio-socio del nano? comunque guarda che il debito corre.. e se non si fa qualcosa.. il tuo amico ce li ha tutti all'estero i soldi e anche l'aereo pronto per partire.. tu che farai? starai li' a bocca aperte sperando che i comunisti non ti inforchino il dietro?
          • skyeye scrive:
            Re: il potere alla brianzola
            giusto.. io invece se lo dice il ministro degli interni e qualunque altro ministro a partire dal loro presidente del consiglio non li credo per definizione.. peccato che io ti dicevo che non e' che ad Annozero hanno detto che e' sbagliato bloccare le moschee hanno solo fatto vedere dei leghisti che parlavano ma se vuoi prendiamo spunti da qualche altra trasmissione o giornale. Adesso se vuoi mettere in discussione che quelli non erano leghisti ma una farsa di Annozero, dillo e ne discutiamo altrimenti non fai altro che negare l'evidenza, cosa che fascisti e leghisti stanno facendo in continuazione
          • Darth Vader scrive:
            Re: il potere alla brianzola
            - Scritto da: skyeye
            giusto.. io invece se lo dice il ministro degli
            interni e qualunque altro ministro a partire dal
            loro presidente del consiglio non li credo per
            definizione..


            peccato che io ti dicevo che non e' che ad
            Annozero hanno detto che e' sbagliato bloccare le
            moschee hanno solo fatto vedere dei leghisti che
            parlavano ma se vuoi prendiamo spunti da qualche
            altra trasmissione o giornale. Adesso se vuoi
            mettere in discussione che quelli non erano
            leghisti ma una farsa di Annozero, dillo e ne
            discutiamo altrimenti non fai altro che negare
            l'evidenza, cosa che fascisti e leghisti stanno
            facendo in
            continuazioneE cosa starebbero facendo "in continuazione"? Quello che la gente che li vota vogliono che facciano? Cioè arginare l'islamizzazione di certe aree del territorio italiano?Non so come lo chiami tu, ma io lo chiamo rispettare la volontà della maggioranza degli elettori. Ogni tanto in democrazia si usa fare quello che gli elettori richiedono ai propri governanti. Ovviamente questo non vale quando governa la sinistra. Ma voi ci siete abituati.Il problema è che, come al solito, per voi di sinistra se la realtà non si adatta alle vostre ideologie allora tanto peggio per la realtà.
          • laico scrive:
            Re: il potere alla brianzola
            - Scritto da: Darth Vader
            E cosa starebbero facendo "in continuazione"?
            Quello che la gente che li vota vogliono che
            facciano? Cioè arginare l'islamizzazione di certe
            aree del territorio
            italiano?

            Non so come lo chiami tu, ma io lo chiamo
            rispettare la volontà della maggioranza degli
            elettori. Ogni tanto in democrazia si usa fare
            quello che gli elettori richiedono ai propri
            governanti. Ovviamente questo non vale quando
            governa la sinistra. Ma voi ci siete
            abituati.

            Il problema è che, come al solito, per voi di
            sinistra se la realtà non si adatta alle vostre
            ideologie allora tanto peggio per la
            realtà.Per noi di sinistra vale la Costituzione, non le caxxate dei vostri padani razzisti.La Costituzione italiana, allart. 19, riconosce in modo ampio la libertà di religione. Essa viene intesa come libertà di fede religiosa per evidenziare il diritto di ogni individuo di professare la propria fede e di farne propaganda. La libertà di religione viene intesa inoltre come libertà di pratica religiosa, perchè comporta il diritto di esercitarne in privato o in pubblico il culto, cioè di svolgere e di prendere parte a preghiere e riti religiosi. Questa seconda libertà trova un unico limite: non deve trattarsi di riti religiosi contrari al buon costume.La disciplina della libertà religiosa è collegata a diversi altri principi costituzionali: innanzitutto il principio di eguaglianza che vieta qualunque discriminazione tra gli individui a causa della religione professata.Nel primo comma dellart.8 della Costituzione si afferma infatti che tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge.
          • Darth Vader scrive:
            Re: il potere alla brianzola
            - Scritto da: laico
            - Scritto da: Darth Vader


            E cosa starebbero facendo "in continuazione"?

            Quello che la gente che li vota vogliono che

            facciano? Cioè arginare l'islamizzazione di
            certe

            aree del territorio

            italiano?



            Non so come lo chiami tu, ma io lo chiamo

            rispettare la volontà della maggioranza degli

            elettori. Ogni tanto in democrazia si usa fare

            quello che gli elettori richiedono ai propri

            governanti. Ovviamente questo non vale quando

            governa la sinistra. Ma voi ci siete

            abituati.



            Il problema è che, come al solito, per voi di

            sinistra se la realtà non si adatta alle vostre

            ideologie allora tanto peggio per la

            realtà.

            Per noi di sinistra vale la Costituzione, non le
            caxxate dei vostri padani
            razzisti.

            La Costituzione italiana, [yawn]Eccone un altro che da una parola in su si appella alla Costituzione. Ma idee proprie non ne avete mai? Quanto siete stereotipati.Comunque la Costituzione garantisce la libertà di associarsi per motivi religiosi e per fare proselitismo.Ma vieta anche le associzioni eversive. E se prendi un ceto numero di persone tra cui anche dei terroristi internazionali, li metti in una stanza a pregare e a dire che la guerra contro gli infedeli è giusta e che si deve arrivare a imporre la sharia e poi questo assembramento me lo chiami Moschea, non ci sono argomenti che tengano: noi questo tipo di "professione di fede" non la vogliamo e nemmeno la Costituzione.
          • laico scrive:
            Re: il potere alla brianzola
            - Scritto da: Darth Vader
            - Scritto da: laico

            - Scritto da: Darth Vader




            E cosa starebbero facendo "in continuazione"?


            Quello che la gente che li vota vogliono che


            facciano? Cioè arginare l'islamizzazione di

            certe


            aree del territorio


            italiano?





            Non so come lo chiami tu, ma io lo chiamo


            rispettare la volontà della maggioranza degli


            elettori. Ogni tanto in democrazia si usa fare


            quello che gli elettori richiedono ai propri


            governanti. Ovviamente questo non vale quando


            governa la sinistra. Ma voi ci siete


            abituati.





            Il problema è che, come al solito, per voi di


            sinistra se la realtà non si adatta alle
            vostre


            ideologie allora tanto peggio per la


            realtà.



            Per noi di sinistra vale la Costituzione, non le

            caxxate dei vostri padani

            razzisti.



            La Costituzione italiana,

            [yawn]E ti pareva...
            Eccone un altro che da una parola in su si
            appella alla Costituzione. Ma idee proprie non ne
            avete mai? Quanto siete
            stereotipati.Ma piantala che sembri il portavoce di Calderoli

            Comunque la Costituzione garantisce la libertà di
            associarsi per motivi religiosi e per fare
            proselitismo.

            Ma vieta anche le associzioni eversive. E se
            prendi un ceto numero di persone tra cui anche
            dei terroristi internazionali, li metti in una
            stanza a pregare e a dire che la guerra contro
            gli infedeli è giusta e che si deve arrivare a
            imporre la sharia e poi questo assembramento me
            lo chiami Moschea, non ci sono argomenti che
            tengano: noi questo tipo di "professione di fede"
            non la vogliamo e nemmeno la
            Costituzione.Stai parlando di reati, per quelli ci sono le leggi.
          • lol scrive:
            Re: il potere alla brianzola

            [yawn]

            Eccone un altro che da una parola in su si
            appella alla Costituzione. Ma idee proprie non ne
            avete mai? Quanto siete
            stereotipati.saranno stereotipati ma la costituzione dà i principi fondamentali dell'italia e mi sembrano quanto meno giusti. Come la libertà di parola e simili.Se non ci fosse potrebbero ingabbiarti perchè 6 della lega.
            Comunque la Costituzione garantisce la libertà di
            associarsi per motivi religiosi e per fare
            proselitismo.

            Ma vieta anche le associzioni eversive. E se
            prendi un ceto numero di persone tra cui anche
            dei terroristi internazionali, li metti in una
            stanza a pregare e a dire che la guerra contro
            gli infedeli è giusta e che si deve arrivare a
            imporre la sharia e poi questo assembramento me
            lo chiami Moschea, non ci sono argomenti che
            tengano: noi questo tipo di "professione di fede"
            non la vogliamo e nemmeno la
            Costituzione.6 mai entrato in una moschea? io si... e sono ancora vivo.questa suona molto come xenofobia ma JM2C
          • skyeye scrive:
            Re: il potere alla brianzola
            impara a quotare.. altrimenti fai come me, continua il discorso senza riportare chilometri di post per niente!!Hai quotato "non fai altro che negare l'evidenza, cosa che fascisti e leghisti stanno facendo in continuazione", allora vuol dire secondo la tua risposta che la gente li ha votati per negare l'evidenza. E da questo si capisce che non solo quelli al governo sono corrotti ma che quelli che li votano lo sono altrettantoe poi smettetela con sta storia del comunista qualunque persona che vi da' contro. Esistono altre realta', soprattuto in questo momento in Italia, anche di destra che sono contro il mafio-nano e il suo socio ignorante-padano
          • Darth Vader scrive:
            Re: il potere alla brianzola
            - Scritto da: skyeye
            impara a quotare.. altrimenti fai come me,
            continua il discorso senza riportare chilometri
            di post per
            niente!!

            Hai quotato "non fai altro che negare l'evidenza,
            cosa che fascisti e leghisti stanno facendo in
            continuazione", allora vuol dire secondo la tua
            risposta che la gente li ha votati per negare
            l'evidenza. E da questo si capisce che non solo
            quelli al governo sono corrotti ma che quelli che
            li votano lo sono
            altrettantoSe tutti vanno in una direzione opposta, prova perlomeno a cercare di capire se non sei tu quello contromano.

            e poi smettetela con sta storia del comunistaMi spieghi dove nel mio post mi è scappata la parola "comunista"? Perché ero convinto di aver scritto "sinistra". Parafrasando quanto scritto sopra: se il post non si adatta a quello che voi credete di leggere, tanto peggio per il post.
            qualunque persona che vi da' contro. Esistono
            altre realta', soprattuto in questo momento in
            Italia, anche di destra che sono contro il
            mafio-nano e il suo socio
            ignorante-padanoGuarda, destra o sinistra a me poco importano. Basta che facciano quello per cui li ho votati. E la "destra" a cui tu ti riferisci non rispetta il programma per cui l'ho votato.E poi smettila di alludere a mafia o ignorante rispetto a quello che io/noi abbiamo votato. Se vuoi contestare sul merito di quello che fanno (come faccio io rispetto alle persone di cui non condivido le opinioni), accomodati pure e ne parliamo. Ma su posizioni XXXXXXXXX e razziste come quello è mafioso, quello è ignorante, quello è nano non mi trovo proprio. Perché è solo segno di inciviltà.
          • skyeye scrive:
            Re: il potere alla brianzola
            io non credo di essere contromano, come non lo sono milioni di italiani che credono ancora nella legalita'.Ok, tu hai usato di sinistra, io ho calcato un attimo e l'ho tradotto come comunista sempre da quella parte stavi guardando, sbagliandoti.Ti da' fastidio parlare di mafia, ok, allora di cosa parliamo? Berlusconi e' un santo se si esclude la mafia (e qualche altro "piccolo" reato)!!Per quanto riguarda quelli della lega, come fai a non darli dell'ignoranti!!
        • yup scrive:
          Re: il potere alla brianzola
          - Scritto da: Darth Vader
          - Scritto da: skyeye[...]
          Certo che prendere Annozero come trasmissione per
          capire la realtà, ci va un bel fegato. E' come
          intervistare un nazista per comprendere la
          torah.bene. quali sono invece le tue fonti?
          Se consideri cosa oggi sono la maggior parte
          delle moschee "clandestine" in Italia, cioè
          principalmente delle associazioni politiche dove
          si fiancheggia (quando non si predica) la guerra
          santa, allora forse la posizione di qualcuno di
          quei leghisti ti sembrerà un po' meno
          buzzurra.prima documenta queste affermazioni, poi ne possiamo parlarealtrimenti le tue sono solo parole al vento
          E poi, così come in certi paesi arabi non è
          possibile possedere una bibbia se no si rischia
          l'arresto, mica come qui da noi che l'indice dei libri proibiti è stato abolito nel 1966... (tra i proibiti: Francesco Bacone, Honoré de Balzac, Cartesio, Denis Diderot, Alexandre Dumas (padre e figlio), Gustave Flaubert, Victor Hugo, Kant, de La Fontaine, Marx, Montaigne, Montesquieu, Pascal, Pierre-Joseph Proudhon, Jean-Jacques Rousseau, Spinoza, Stendhal, Voltaire, Vittorio Alfieri, Pietro Aretino, Cesare Beccaria, Giordano Bruno, Benedetto Croce, D'Annunzio, Fogazzaro, Foscolo, Galileo Galilei, Gentile, Leopardi, Girolamo Savonarola, Simone de Beauvoir, Jean-Paul Sartre, Alberto Moravia, ecc...)mica come qui da noi che c'è il visto di censura per le opere cinematografiche...
          le popolazioni di certi comuni saranno
          pure democraticamente libere di decidere che sul
          loro territorio non si possono costruire moschee.e perché invece non lo sono se si tratta di costruire basi militari o inceneritori?
          Perché annozero protesta contro il divieto in
          provincia di brescia e non dice nulla per quello
          in provincia di
          Riad?magari perché brescia è in italia e riad no?
      • pippo75 scrive:
        Re: il potere alla brianzola

        ho visto la parte di annozero di giovedi'non prenderla male, ma sono meno attendibili di Fede.
        scorso dove facevano vedere quel comune leghista che ha
        votato a favore del divieto per i mussulmani di
        trovarsi in una casa a pregare.. Se fossero attendibili e non volessero mostrare solo odio, dovrebbero far vedere anche tutti i posti dove i mussulmani si sono integrati senza problemi.Questi di anno zero, hanno mai ricordato che il Dio è sempre lo stesso ( Cristiani, Protestanti, Testimoni di Geova, Mussulmani ).
        mi viene tuttora la pelle d'oca a pensare a
        quanta ignoranza trasmettevano le parole di
        quelle persone intervistate (anche ragazzi)..E cercare di capire il motivo? ( Non dico di condividere ).
        • skyeye scrive:
          Re: il potere alla brianzola
          Concordo con te che ad Annozero dicono solo quello che il pubblico vuole sentire, ed in effetti in un paese "normale" sarebbe visto solo da poche persone.. devi tenere conto pero' che che al momento Annozero integra in qualche modo l'informazione che gli altri non fanno: se Berlusconi va a porta a porta senza nessun contraddittorio e con elogi e leccate di c.. di Mosca, permetti che perlomeno ne segua una trasmissione parziale nell'altro senso..Tra l'altro poi as Annozero c'e' sempre una controparte (Ghedini, Lupi,..) e fanno sempre la figura di quelli che alzano la voce, interrompo gli altri, tirano fuori fatti che non centrano niente per rimbattere a cose che magari sono sbagliate: ma se ti dico che le mucche non volano piu' con Berlusconi non mi puoi rispondere che anche quando c'era il governo Prodi i bambini nascevano sotto i cavoli!!In un paese civile (ti porto il caso dell'Inghilterra), ci sono trasmissioni in cui il pubblico fa domande (!!!) e i politici devono rispondere, e se il politico dice una cosa sbagliata o tira fuori un dato che non c'entra nulla il giornalista glielo dice (!!!). In Italia questa e' fantascienza!!Ritornando ad Annozero, purtroppo ( :) ) mi moglie vuole sempre seguirlo ed e l'unica trasmissione italiana che ci "permettiamo" di vedere.. quello a cui mi riferivo io era un filmato che puoi vedere anche sul sito (e che nessuno di quelli che mi ha risposto si e' preso la briga di guardare) in cui venivano mostrati dei leghisti in cosiglio comunale, dopo il consiglio e in una discoteca: non tutti i leghisti sono cosi'? mi sarebbe piaciuta come risposta, invece tutti a sparare contro Annozero come se quello mostrato non fosse accaduto!!!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 dicembre 2009 10.25-----------------------------------------------------------
  • pay the Bill scrive:
    anche se chi scrive sa bene..
    "[...]molti esperti di Rete e qualche politico illuminato di entrambi gli schieramenti abbiano svolto un grande lavoro sotterraneo per far capire al Ministro[...]" mi piacerebbe leggere qualcosadi più dettagliato su questo punto...
    • skyeye scrive:
      Re: anche se chi scrive sa bene..
      ho visto la parte di annozero di giovedi' scorso dove facevano vedere quel comune leghista che ha votato a favore del divieto per i mussulmani di trovarsi in una casa a pregare.. mi sembra che fosse un comune bresciano.mi viene tuttora la pelle d'oca a pensare a quanta ignoranza trasmettevano le parole di quelle persone intervistate (anche ragazzi).. sembra proprio che la lega a partire dai suoi rappresentanti Bossi, Maroni, Castelli, Zaia,.. sia la calamita dell'ignoranza italiana: dovrebbero chiamarsi lega degli ignoranti padani!!
      • pay the Bill scrive:
        Re: anche se chi scrive sa bene..
        siamo OT.comunque IMO è giusto limitare la libertà di persone culturalmente arretrate.ovviamente non parlo delle persone islamiche che sono qui da anni e che si battono perchè i loro diritti di cittadini italiani siano tutelati..parlo dell'immigrato islamico che arriverà in italia e troverà una serie di tutele e libertà delle quali, essendo culturalmente arretrato, finirà per abusaregli islamici che ti hanno mostrato in tv sono persone che vivono qui da anni e hanno imparato anche i valori della nostra cultura.cio' non si può dire di tutti
        • skyeye scrive:
          Re: anche se chi scrive sa bene..
          ho sbagliato io a rispondere..era per "il potere alla brianzola"comunque "è giusto limitare la libertà di persone culturalmente arretrate".."parlo dell'immigrato islamico" ?!?!? ma stai scherzando??!?!per me le persone culturalmente arretrate erano quei quattri "politici" bresciani (a cui tra l'altro mi riferivo io.. non alle interviste agli islamici) che non sapevano nemmeno parlare italiano e trasudavano ignoranza da tutti i pori!!! Quindi seguendo il tuo discorso bisognerebbe limitare le loro liberta'.. prima tra tutte quella di fare POLITICA!!!
          • pay the Bill scrive:
            Re: anche se chi scrive sa bene..
            - Scritto da: skyeye

            comunque "è giusto limitare la libertà di persone
            culturalmente arretrate".."parlo dell'immigrato
            islamico" ?!?!? ma stai
            scherzando??!?!

            per me le persone culturalmente arretrate erano
            quei quattri "politici" bresciani (a cui tra
            l'altro mi riferivo io.. non alle interviste agli
            islamici) che non sapevano nemmeno parlare
            italiano e trasudavano ignoranza da tutti i
            pori!!!capisco l'indignazione e ti appoggio sull'ignoranza di alcune persone, ma c'è una differenza tra essere ignoranti e culturalmente arretrati.e le popolazioni islamiche, in questo momento storico, IMO lo sono.. e non mi pare un discorso razzista, purtroppo un'interpretazione troppo stretta della loro religione non gli permette di evolversi
          • skyeye scrive:
            Re: anche se chi scrive sa bene..
            vedo che neppure tu ritieni sincera e onesta la tua opinione.. IMO -
            IMHOle popolazioni islamiche sono CULTURALMENTE arretrate?!?! ma sai di cosa stai parlando?!?!? smettila di guardare Emilio Fede per carita'!! l'Italia e' un posto dove al governo ci sta una coalizione di mafiosi corrotti e ignoranti col Vaticano che ha sempre l'ultima parola che tra un po' anche l'Iraq ci supera come liberta' e democrazia!!Purtroppo in Italia arrivano sempre i peggiori perche' e' l'unico posto che e' al loro livello!! Io vivo a Londra e conosco mussulmani che ti farebbero vergognare di te stesso a livello culturale
          • pay the Bill scrive:
            Re: anche se chi scrive sa bene..
            - Scritto da: skyeye
            vedo che neppure tu ritieni sincera e onesta la
            tua opinione.. IMO -

            IMHOhonest == modesta != onesta != sinceraa parte questo, la presento appunto come una mia personalissima opinione, non improvviso portatore di verità universali come qualcun altro -_-

            le popolazioni islamiche sono CULTURALMENTE
            arretrate?!?! ma sai di cosa stai parlando?!?!?
            smettila di guardare Emilio Fede per carita'!!
            l'Italia e' un posto dove al governo ci sta una
            coalizione di mafiosi corrotti e ignoranti col
            Vaticano che ha sempre l'ultima parola che tra un
            po' anche l'Iraq ci supera come liberta' e
            democrazia!!smettila tu di ripetere a macchinetta opinioni altrui.tu conosci alcune persone di fede islamica, che però CHISSÀ PERCHÈ non vivono nel loro caro democratico e sviluppato paese islamico -_- e identifichi costoro come i rappresentanti della cultura islamica.la realtà è che la loro cultura dominante sta al medioevo, fattene una ragione(ovviamente ciò non vuol dire che la loro "razza" (che non esiste) sia inferiore, è solo un problema appunto culturale, legato al contesto in cui vivono)la cosa ridicola è che io debba fare una tale precisazione -_-
          • skyeye scrive:
            Re: anche se chi scrive sa bene..
            Lascia stare le traduzioni.. che in italiano il modo di dire e' "modesta opinione" mentre in inglese "honest opinion" non vuol dire che "honest" significa "modesto" e dato che IMHO e' un acronimo inglese "honest" ha il relativo significato inglese. Il fatto che tu non usi la H, fa un po' ridere.. sembra un "secondo me ma forse no".. Nemmeno io vivo nel tuo caro democratico e sviluppato paese "culturalmente avanzato" e ne sono molto felice.. almeno non ho a che fare con persone che usano razza (tra virgolette) ma attenzione: "che non esiste" tra parentesi, e che credono di essere culturalmente migliori di altri
          • mr_caos scrive:
            Re: anche se chi scrive sa bene..
            ...comunque nell'uso piu' classico di IMHO, la H non sta per honest. Vivrai anche a Londra, ma aspetta ancora un attimo prima di dare lezioni di inglese.
          • skyeye scrive:
            Re: anche se chi scrive sa bene..
            illuminami.. per cosa sta allora?se cerchi un attimo in google troverai che magari puo' stare anche per humble o holy o highest che pero' nel parlato non senti mai.. hai mai sentito "to be honest with you"? ha la stessa identica accezionecomunque io ero sarcastico sul fatto che lui non la metteva proprio la H..
          • pay the Bill scrive:
            Re: anche se chi scrive sa bene..
            - Scritto da: skyeye

            Nemmeno io vivo nel tuo caro democratico e
            sviluppato paese "culturalmente avanzato" e ne
            sono molto felice.. almeno non ho a che fare con
            persone che usano razza (tra virgolette) ma
            attenzione: "che non esiste" tra parentesiappunto, sottolineavo che era ridicolo che dovessi specificare che non credo nella divisione in razze, e questa precisazione l'ho dovuta fare per ripararmi dalle critiche di gente come te che mi avrebbe accusato di razzismo (e tu, ciononostante, come previsto, l'hai fatto -_-) solo per aver fatto un discorso oggettivo senza ipocrisie
            e che
            credono di essere culturalmente migliori di
            altri
          • MaestroX scrive:
            Re: anche se chi scrive sa bene..
            Sono pienamente d'accordo.L'islam tiene le persone in uno stato di arretratezza culturale simile a quello in cui la religione cattolica teneva l'Europa nel medioevo.
    • Eretico scrive:
      Re: anche se chi scrive sa bene..
      Anche a me.
  • fablues scrive:
    Luogo pubblico o privato?
    Credo che la confusione di oggi nasca dal fatto che si siano fatti molto più sfumati i confini tra luogo pubblico e luogo privato.In fin dei conti non accade niente di diverso da quello che accade, e che una volta accadeva esclusivamente, in un bar, una bisca, in una sezione, su un muretto tra amici o nel proprio salotto: si parla e straparla di calcio e politica, sesso e motori, musica e viaggi.. a ruota libera, senza freni inibitori, malecidendo questo e quello, senza il timore che la riunione potesse configurarsi come chi sa quale covo di depravati o pericolosi provocatori o senza che nessuno temesse di essere denunciato per diffamazione. Cosa diversa è invece esporre lo stesso contenuto urlando in una piazza o attaccando manifesti per le strade.Ora, per quanto riguarda internet, credo la si possa considerare un'estensione virtuale sia di una piazza pubblica che di un luogo privato. Basterebbe ragionarci un po su e stabilire dei criteri per poter distinguere. Io, a lume di naso, penso che un sito visibile a chiunque possa essere considerato un luogo pubblico; se invece l'acXXXXX a certi contenuti è condizionato da un'iscrizione o da una password, allora io lo considererei un luogo privato. La mia bacheca, se è visibile solo a chi decido io, è come il mio salotto di casa, dove entra solo chi invitato da me. Poi, il fatto che nel mio salotto reale possano entrare solo 15 persone ed in quello virtuale anche migliaia, beh.. questa è solo una delle piacevoli (o no?) magie della tecnologia odierna.
    • sxs scrive:
      Re: Luogo pubblico o privato?

      me. Poi, il fatto che nel mio salotto reale
      possano entrare solo 15 persone ed in quello
      virtuale anche migliaia, beh.. questa è solo una
      delle piacevoli (o no?) magie della tecnologia
      odierna.Infatti si evidenzia l'ipocrisia di coloro che sono alpotere: Se la tua idea la puoi solo dire in piedisu una cassetta della frutta rovesciata in un vicolosfigato a quattro passanti o nel salotto dicasa, o scriverla su una lavagnetta alla fermata dell'autobusallora son tutti d'accordo: viva la liberta'.Ma ora, con Internet, anche un cittadino qualunquepuo' avere una buona visibilita' e allora la liberta'di espressione inizia a dare fastidio e si cercano i pretestiper limitarla. Fermo restando i reati di diffamazione edistigazione a delinquere ma quelli sono gia' ben normati mi pare.
Chiudi i commenti