LibreOffice e l'aggiornamento parallelo

Versione 3.4.1 e nuova calendarizzazione per la suite di produttività. Funzioni avanzate per utenti smaliziati e maggiore stabilità per le aziende

Roma – Il software della suite LibreOffice, sviluppato e mantenuto dalla comunità di appassionati, prosegue dritto per la sua strada. Il progetto dell’organizzazione non-profit The Document Foundation continua a spingere su affidabilità, sicurezza e compatibilità. Sempre a costo zero.

L’aggiornamento 3.4.1, appena rilasciato , corregge i bug della major release precedente ma non introduce particolari novità. Gli utenti che passeranno a questa versione dal ramo 3.3.x noteranno però nuove funzioni di Calc, una migliore compatibilità con i fogli Excel e la possibilità di esportare in formato HTML con gli applicativi Impress e Draw.

Come noto, la fondazione ha deciso di procedere con due versioni distinte del pacchetto produttività, per portare avanti un discorso parallelo tra funzionalità avanzate e stabilità lavorativa. La release 3.4.1 è maggiormente indirizzata agli utenti individuali. LibreOffice 3.4.2, disponibile alla fine di luglio, risponderà invece alle esigenze aziendali. Attualmente, la versione migliore per un utilizzo enterprise è ancora la 3.3.3.

In ogni caso, dato che LibreOffice resta un software libero e open source, sotto Licenza Pubblica LGPL, sarà sempre possibile personalizzare la sua interfaccia, modificarne il codice o riprodurlo. La suite è disponibile per Windows, Linux e Mac OS X.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Fai il login scrive:
    10 righe...
    Se volete parlare della cosa in modo "serio", 10 righe mi sembrano davvero troppo poche per la complessità della questione... potevate utilizzarle meglio per presentare una nuova cagata/gadget che non si filerà nessuno.per quelli che volessero approfondire... il web è pieno di informazioni al riguardo ma anche qui si va a parare dalle solite parti: la censura, la libertà individuale, le tasse, il ruolo degli ISP, la situazione italiana, la AAMS, la rimozione dai server DNS italiani di certe url ben specifiche, ecc. ecc.
Chiudi i commenti