Libri/ Windows Me, Illustrator, MS SQL, Javascript

Altri quattro libri caldi per scoprire i segreti di Windows ME, imparare o approfondire il linguaggio Javascript, scoprire tutto su Illustrator 9 e conoscere SQL Server 2000


Titolo: Windows ME Millenium Edition

Autore : Faithe Wempen

Pagine : 576

Prezzo : Lire 69.000

Collana : Practical

Editore : Jackson Libri

ISBN : 8825618425

Data di uscita : Marzo 2001

Indirizzo
Internet

Windows
ME Millenium Edition, della collana Practical di Jackson Libri, è un manuale
utile e pratico. Si rivolge a tutti coloro che vogliono conoscere le più
importanti caratteristiche del nuovo sistema operativo di Microsoft. Il libro è
ideale per tutti coloro che non hanno grandi conoscenze del sistema operativo
Windows e anche per coloro che non lo hanno mai utilizzato. Per questi ultimi è
sufficiente iniziare ad usare il manuale e il sistema operativo a partire dal
capitolo “Iniziare con Windows”. Il manuale illustra con diverse
immagini e con il “salutare” passo a passo le procedure da seguire e i
trucchi da utilizzare per ottenere il massimo da Windows Me. Per gli utenti più
esperti viene consigliato di partire con il capitolo “Modificare il
sistema”. All’inizio di ogni capitolo si trova un utile sommario. Seguendo
il manuale sarà possibile in poco tempo: configurare il sistema operativo per
migliorare le prestazioni; personalizzare il desktop di Windows, installare
facilmente le nuove periferiche hardware, navigare su Internet, inviare e
ricevere e-mail, ascoltare MP3, configurare reti domestiche. Il manuale presenta
25 capitoli e diversi allegati. In particolare: Elementi base di Windows;
Ottenere aiuto; Eseguire i programmi; Esplorare gli accessori di Windows;
Gestire file e cartelle; Impostare le opzioni di gestione dei file; Organizzare
i programmi; Installare i nuovi programmi; Personalizzare l’aspetto dello
schermo; Personalizzare le impostazioni del sistema; Installare componenti
hardware; Gestire caratteri e stampanti; Condividere un PC con più utenti;
Usare le risorse di rete; Condividere una connessione a Internet; Viaggiare con
un portatile; Impostare la connettività online; Esplorare il web; Portare il
Web sul desktop; Lavorare con la posta elettronica; Partecipare alle discussioni
online; Creare e pubblicare i contenuti Web; Ottimizzare il computer; Proteggere
il sistema; Risoluzione dei problemi.

Titolo : JavaScript per il World Wide Web

Autori : Tom Negrino, Dori Smith

Pagine : 282

Prezzo : 48.000 lire

Collana : Le guide AWL

Editore : Addison Wesley

ISBN : 88-7192-095-3

Data di uscita : Dicembre 2000

Indirizzo Internet Collana

Chi
vuole approfondire JavaScript può approfittare dell’uscita in libreria del
libro “JAVASCRIPT per il World Wide Web” edito da Addison Wesley. Si
tratta di un testo rivolto al principiante e/o all’utenza intermedia. Il libro
si presenta con un linguaggio semplice ed immediato. In pochi passaggi si è in
grado di sviluppare codice in Javascript per generare pagine web interattive.
Inoltre è possibile prendere a mo’ di esempio i tanti script già pronti che,
con piccole modifiche, possono essere adattati a ogni esigenza. “JavaScript
per il World Wide Web” è un libro alla prima edizione in Italia e alla
terza in America, dove ha venduto un numero cospicuo di copie. Il libro è stato
scritto da Tom Negrino, autore e editor della rivista Macworld e da Dori Smith,
autrice della Visual QuickStart Guide su Java e di molti articoli per riviste
del settore. L’argomento viene sviscerato in 12 capitoli : Le basi di Javascript;
Partenza; Immagini; Frame e oltre; Gestione delle finestre del browser;
Validazione dei moduli; Pagine dinamiche; Javascript e cookie; Java e plugin;
Uso di DHTML e file Javascript esterni; Debug; Editor HTML visuali.



Titolo : Illustrator 9

Autori
: Sherry London

Pagine : 530

Prezzo : 78.000

Collana : Art & Design

Editore : Apogeo

ISBN : 88-7303-797-6

Data di uscita : Febbraio 2001

Indirizzo Internet Editore

Un
manuale utilissimo a tutti coloro che amano la grafica, che sono dei
professionisti del settore o che vorrebbero imparare. Il manuale di Illustrator
9, edito da Apogeo, mette a nudo tutte le caratteristiche della nuova versione del
prodotto di Adobe. “Il volume propone un percorso ben strutturato alla
scoperta della ricchezza delle soluzioni grafiche e delle opportunità creative
della nuova versione del software. Colorare di nuove pennellate e riempimenti le
immagini, utilizzare al meglio i filtri e i nuovi effetti grafici attraverso
un’interfaccia facile e intuitiva, creare elementi grafici adatti alla
visualizzazione sul Web, sono solo alcune delle potenzialità del programma
trattate nel testo, che spende particolare attenzione su quella che è la
novità più rilevante della nuova versione del software, ossia la combinazione
versatile tra l’editing di immagini vettoriali e immagini aster. ” Al
manuale c’è in allegato un utile CD-ROM dove si trovano le immagini necessarie
ai progetti e alcune versioni di prova di programmi utili, compresa la versione
demo di Illustrator 9 e Live Motion. Illustrator 9 è trattato in dodici
capitoli e in oltre 500 pagine: Le novità di Illustrator 9; Stili e aspetto;
Effetti colore; Varietà di tratti; Tratti e linee; Le trasformazioni; Pattern e
texture; Sfumature, fusioni e trame; Texture con il testo;Vettori e raster; Le
immagini bitmap in Illustrator; La grafica per il Web.

Titolo : SQL Server 2000

Autore : Mark Linsenbardt, Shane Stigler

Pagine : 520

Prezzo : 75.000 lire

Collana : Informatica Professionale

Editore : Mc Graw-Hill

ISBN : 88 386 4163-3

Indirizzo Internet Editore

Una
guida per amministratori, come annunciato dal sottotitolo del testo “SQL
Server 2000”, edito da Mc Graw-Hill. Il testo si rivolge, pertanto, agli
utenti di media capacità o a quelli esperti. “SQL Server è il database di
Microsoft aggiornato a Windows 2000. Ricco di informazioni aggiornate, esempi
reali e soluzioni pratiche, SQL Server 2000 descrive i concetti per creare delle
basi affidabili e versatili per applicazioni di commercio elettronico
controllate da database”. Il libro contiene diverse risorse. Spiega come
procedere con l’installazione, la configurazione, l’architettura dei sistemi, la
sicurezza, la gestione dei file, la manipolazione, la duplicazione,
l’automazione e il ripristino dei dati. Nel CD-ROM allegato si trova Server 2000
120-Day Enterprise Evaluation Edition per Microsoft Windows in versione prova
per 120 giorni. Il manuale è costituito da 13 capitoli: Installazione;
Architettura di SQL Server; Protezione dei dati; Struttura dei dati in SQL
Server; Trasferire i dati e gestire i dati distribuiti; Backup; Ripristinare i
database; Ottimizzare SQL Server; Automatizzare SQL Server; Il processo di
replica; Tecniche di replica avanzate; Risolvere i problemi di SQL Server; Il
linguaggio Transact-SQL.

Anna Bruno

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Semi-OT
    Qualcuno ha provato anche photoshop su wine ?impressioni ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Semi-OT
      - Scritto da: Anonimo
      Qualcuno ha provato anche photoshop su wine ?
      impressioni ?funziona (phshop 6)ci sono problemi con i menu, ma per chi conosce il programma non è un problema
  • Anonimo scrive:
    GIMP riesce ad aprire i file EPS ed AI?
    Ho appena scaricato GIMP. Non riesco ad aprire tutte le immagini in formato EPS ed AI (adobe illustrator), da cosa dipende? Forse GIMP non è compatibile con questi due formati? Grazie Luca
  • Anonimo scrive:
    Gimp vs Photoshop
    Ho lavorato con Photoshop per 2 anni, permettendomi di fare una considerazione. Photoshop è il punto di riferimento. Ti permette di fare tutto e il contrario di tutto. Basta prenderci la mano.Tutti gli altri secondo me sono migliori di Photoshop solo per un utente che magari lo usa a livello proprio dilettantistico. Allora probabilmente apprezzerà le comodità di CorelDraw, che ti riempie di cose prefatte.Ho provato incuriosito anche TheGimp, partendo prevenuto perchè nulla mi avrebbe tolto dal mio photoshop. Ed invece devo dire che è un sw ECCEZZIONALE. L'interfaccia è un po' Scopiazzata da photoshop, e devo dire che è un bene, in quanto ti permette di lavorarci subito trovandoti a tuo agio, e poi perchè cambiare una cosa che secondo me è funzionalissima? Quindi ottima l'idea di usare un'interfaccia simile a photoshop.In photoshop trovavo stracomoda la possibilità di far sparire le varie finestrelle con la pressione del TAB, così avvo tutti i mie strumenti, sceglievo, poi tab e avevo l'immagine a pieno schermo. Con Gimp ho sopperito alla mancanza buttando le finestrelle in un altro desktop, cambiando con altri tasti, questione di abitudine.Personalmente ho trovato Photoshop un pochino più veloce, e poi mi ha dato fastidio la mancanza in molti filtri dell'anteprima.Quindi per me Photoshop rimane migliore, non di molto. Ma tra TheGimp e Photoshop stiamo cercando di paragonare secondo me una Ferrari con una Lamborghini. Sono 2 ottimi programmi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gimp vs Photoshop
      sono d'accordo. Io avevo messo un confronto tra i programmi proprio perchè Photshop è IL programma con cui doversi confrontare per il fotoritocco senza nulla togliere a meraviglie come Corel Draw. Sono contento che tu abbia apprezzato Gimp, sì come tutte le cose bisogna farci la mano ma ... ne vale la pena. E poi è gratis!Il vero problema secondo me è la mancanza del formato YMCK, ma chissà che i ragazzi dell'open source non siano già al lavoro?- Scritto da: l
      Ho lavorato con Photoshop per 2 anni,
      permettendomi di fare una considerazione.
      Photoshop è il punto di riferimento. Ti
      permette di fare tutto e il contrario di
      tutto. Basta prenderci la mano.
      Tutti gli altri secondo me sono migliori di
      Photoshop solo per un utente che magari lo
      usa a livello proprio dilettantistico.
      Allora probabilmente apprezzerà le comodità
      di CorelDraw, che ti riempie di cose
      prefatte.
      Ho provato incuriosito anche TheGimp,
      partendo prevenuto perchè nulla mi avrebbe
      tolto dal mio photoshop. Ed invece devo dire
      che è un sw ECCEZZIONALE. L'interfaccia è un
      po' Scopiazzata da photoshop, e devo dire
      che è un bene, in quanto ti permette di
      lavorarci subito trovandoti a tuo agio, e
      poi perchè cambiare una cosa che secondo me
      è funzionalissima? Quindi ottima l'idea di
      usare un'interfaccia simile a photoshop.
      In photoshop trovavo stracomoda la
      possibilità di far sparire le varie
      finestrelle con la pressione del TAB, così
      avvo tutti i mie strumenti, sceglievo, poi
      tab e avevo l'immagine a pieno schermo. Con
      Gimp ho sopperito alla mancanza buttando le
      finestrelle in un altro desktop, cambiando
      con altri tasti, questione di abitudine.
      Personalmente ho trovato Photoshop un
      pochino più veloce, e poi mi ha dato
      fastidio la mancanza in molti filtri
      dell'anteprima.
      Quindi per me Photoshop rimane migliore, non
      di molto. Ma tra TheGimp e Photoshop stiamo
      cercando di paragonare secondo me una
      Ferrari con una Lamborghini. Sono 2 ottimi
      programmi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Gimp vs Photoshop
        - Scritto da: Andrea Aguzzi
        Il vero problema secondo me è la
        mancanza del formato YMCK, ma chissà
        che i ragazzi dell'open source non siano
        già al lavoro?dovrebbe supportarlo. lo lessi sul changelog di gimp qualche mese fa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gimp vs Photoshop
      - Scritto da: l
      Personalmente ho trovato Photoshop un
      pochino più veloce, e poi mi ha dato
      fastidio la mancanza in molti filtri
      dell'anteprima.buona notizia per te.le anteprime sono state estese a tutti i filtri nella nuova versione 2.2.0http://gimp-win.sourceforge.net/stable.html
  • Anonimo scrive:
    E corel Draw?
    Mai sentito?Per forza su Mac c'era Photoshop...quindi esso e' il miglior programma di grafica
    • Anonimo scrive:
      Re: E corel Draw?
      - Scritto da: Brian
      Mai sentito?

      Per forza su Mac c'era Photoshop...quindi
      esso e' il miglior programma di graficaOddio... CorelDraw ha mooooolte limitazini rispetto a Photoshop, anche se ti fa trovare la pappa pronta per alcune funzionalitàciao
      • Anonimo scrive:
        Re: E corel Draw?
        mmmmh... paragonare Photoshop al prodotto della Corel sembra una boiata pazzesca... cmq sono idee che rispetto ^___^io continuerò ad usare photoshop...ciao ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: E corel Draw?
      - Scritto da: Brian
      Mai sentito?

      Per forza su Mac c'era Photoshop...quindi
      esso e' il miglior programma di graficasono due programmi completamente diversi, uno per il vettoriale l'altro per il raster, uno si pianta, l'altro no. :P
  • Anonimo scrive:
    Mhmmm...
    A parte il fatto che non ce lo vedo un grafico *medio* a smanettare con Linux (senza nulla togliere al lavoro di grafico, s'intende...), GIMP è ancora molto indietro per un uso professionale, a partire dalla gestione delle corrispondenze dei coloril, FON-DA-MEN-TA-LI per avere un risultato accettabiler in stampa (prima o poi un grafico si deve confronotare anche con questo, a meno che non sia un grafico solo web...).Il sistema di macro esiste anche in Photoshop, dove si chiamano azioni, ed è molto potente anche nel prodotto della Adobe.Inoltre dalla versione 5.5 alla versione 6 (che l'autore dell'articolo ammette di non aver ancora visto) il salto è E-NOR-ME... una cosa su tutte la gestione completamente vettoriale dei livelli di testo e delle figure geometriche (per non parlare di alcuni nuovi comandi, come "fluidifica...").Certamente GIMP è un ottimo prodotto, tantopiù se consideriamo che si tratta di un prodotto free, e personalmente non vedo l'ora che sia *portato* in maniera definitiva anche su MacOSX... Chi fa il grafico professionista però deve ancora guardare altrove.ciao
  • Anonimo scrive:
    Non c'è solo Photoshop!
    Se si può apprezzare GIMP per prestazioni e flessibilità, non si può dire lo stesso per l'interfaccia utente che è veramente un disastro. Ho rinunciato ad utilizzare GIMP con Windows proprio per l'incoerenza e la mancanza di logica con cui è stata sviluppata l'interfaccia.Volevo piuttosto far notare come la tendenza sia sempre quella di prendere Photoshop come paragone per le applicazioni di grafica. Ora, pur rimanendo vera la potenza di Photoshop (e GIMP) nel ritocco fotografico d'alto livello, non si può certo ignorare l'altro ramo di utilizzo di questo genere di software, il web design. Ramo dove l'unica applicazione veramente "ad hoc" rimane Macromedia Fireworks: la versione 4.0 è praticamente perfetta. Né Photoshop, con il suo pesantissimo Image Ready, né il simpatico GIMP reggono al confronto.Il solitario Fireworks, senza allargarsi troppo, senza costare come Photoshop, rimane il miglior programma di grafica destinata al web: cosa propone il mondo del free-source?Giampaolo Bellavitebellavite@hotmail.comhttp://www.3nd.it/bellavite
    • Anonimo scrive:
      Re: Non c'è solo Photoshop!
      ... e il mitico Paint Shop Pro, della Jasc?ce lo dimentichiamo?(shareware, ca. 100 Euro, mi pare)
      • Anonimo scrive:
        Re: Non c'è solo Photoshop!
        Ciaodunque devo dire che non esiste solo photoshop, verissimo ma un confronto lo dovevo pur fare e quel programma per me rappresenta un punto di riferimento di notevole importanza.Sono d'accordo per Fireworks, non lo conosco bene ma come programma per la grafica vettoriale è davvero buono e costa meno. Sarò felice se ne faranno un versione x linux dato che stimo molto i prodotti Macromedia (adoro e adopero bene Director). Così come non potrei dimenticarmi di Paint Shop Pro della Jasc, potente, versatile e economico.Non sono d'accordo sulla funzionalità di Gimp. Secondo me è ottima. Io adoro avere tutto sotto mano con il pulsante destro del mouse invece di correre per i menu ma queste sono scelte e preferenze soggettive legate a ciascuno di noi.Ovviamente come programma ha ancora molto da fare ma è gratuito, potente e gira bene sia sul linux che windows. Ma insomma non vi basta?Comunque nei prossim articoli prometto di mostrarvi tutte le potenzialità. Se volete vedere qualcosa di bello andate a dare un'occhiata al sito GUG (Gimp User Group) ... ci sono anche i miei lavori :-DCiao Andrea
    • Anonimo scrive:
      Re: Non c'è solo Photoshop!
      ....
      Photoshop (e GIMP) nel ritocco fotografico
      d'alto livello, non si può certo ignorare
      l'altro ramo di utilizzo di questo genere di
      software, il web design. Ramo dove l'unica
      applicazione veramente "ad hoc" rimane
      Macromedia Fireworks: la versione 4.0 è
      praticamente perfetta. Né Photoshop, con il
      suo pesantissimo Image Ready, né il
      simpatico GIMP reggono al confronto.

      Il solitario Fireworks, senza allargarsi
      troppo, senza costare come Photoshop, rimaneFireworks è certamente più "web oriented" di PhotoShop ma hai mai provato a scalare un immagine raster?Non facciamoci abbagliare dai giocattoli di casa Macromedia.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non c'è solo Photoshop!
        - Scritto da: Ivanoe
        Fireworks è certamente più "web oriented" di
        PhotoShop ma hai mai provato a scalare un
        immagine raster?Certo, ma quando mai per il web design ne hai così pesantemente bisogno? Se devi lavorare su bitmap di alta qualità è ovvio che Photoshop è più adatto di Fireworks. Quello che volevo sottolineare con il mio intervento, è che ora "grafica con il computer" non è più solo fotoritocco e elaborazione per la stampa, ma anche - sempre in maniera più crecente - creazione di immagini destinate ad Internet.E in questo sia Photoshop che GIMP lasciano il passo a Fireworks che rimane l'unico solido programma in questo ambito.
        Non facciamoci abbagliare dai giocattoli di
        casa Macromedia.Direi invece di guardarli con più attenzione, e magari utilizzarli un pochino di più: il software Macromedia non è solo per costrurie animazioni Flash: Freehand, Director, Dreamweaver, ColdFusion, HomeSite, Fireworks, JRun, eccetera sono qualcosa di più di un giocattolo.Dire che Photoshop è il migliore programma di grafica suona un po' antico, come il preconcetto che sia necessario un Mac per la grafica.Giampaolo Bellavite
        • Anonimo scrive:
          Re: Non c'è solo Photoshop!
          Il Mac e' ancora indispensabile per la grafica, ma quando si tratta di lavori destinati alla stampa tipografica. E qui Photoshop non lo batte proprio nessuno.Diverso e' il discorso quando si tratta di creare o elaborare immagini destinate al web (a risoluzione video e in RGB). Ognuno usa infatti il programma a lui piu' congeniale, tutti quelli elencati nel forum sono validissimi (sicuramente anche GIMP, che non conosco ancora), chi piu' chi meno.Parlando di Macromedia, e' l'unica azienda software che abbia portato avanti con successo una strategia tanto ovvia quanto geniale: mettere in grado gli operatori avvezzi all'uso dei programmi gia' abbondandemente utilizzati dai loro clienti (me compreso) per i lavori tipografici di passare senza traumi (in termini di tempo perso ad aggiornarsi professionalmente) a programmi per lavorare su immagini web. Chi usa Freehand, ad esempio, impara ad usare in poche ore perfettamente e in modo quasi automatico anche Flash.Io a volte, e solo perche' compreso nel pacchetto da me acquistato, uso anche XRes, programma di elaborazione di immagini raster sviluppato da Macromedia nel tentativo di fare il verso a Photoshop: ebbene, se Macromedia regna incontrastata nel settore della grafica vettoriale, non brilla invece in quello delle immagini raster, ve l'assicuro. Photoshop e' migliore migliaia di anni luce. Photoshop su Mac poi... e' una favola. E ve lo dice uno che lavora indifferentemente sia su Mac che su Windows. Un giorno provero' anche Linux. Credo che sia molto importante per Linux trovare seguaci soprattutto tra opera professionalmente nel campo della grafica, il che vuol dire che chi lavora professionalmente vuole, sembrera' strano, non programmi dai mille effetti speciali ma inutili o addirittura malfunzionanti, ma pochi, buoni e soprattutto veloci ed affidabili. Nessun operatore ha voglia di perdere tempo dietro ad un filtro che promette miracoli e non li mantiene, specie se i risultati giungono dopo un quarto d'ora (come nel caso di Xres).Tra i programi raster a bassa risoluzione per Windows, invece, c'e' in effetti una vasta scelta. Provero' anche GIMP, anche se nutro seri dubbi che mi posa essere utile, io sono molto esigente in fatto di grafica, anche e soprattutto per le immagini internet- Scritto da: Giampaolo Bellavite
          - Scritto da: Ivanoe

          Fireworks è certamente più "web oriented"
          di

          PhotoShop ma hai mai provato a scalare un

          immagine raster?

          Certo, ma quando mai per il web design ne
          hai così pesantemente bisogno? Se devi
          lavorare su bitmap di alta qualità è ovvio
          che Photoshop è più adatto di Fireworks.
          Quello che volevo sottolineare con il mio
          intervento, è che ora "grafica con il
          computer" non è più solo fotoritocco e
          elaborazione per la stampa, ma anche -
          sempre in maniera più crecente - creazione
          di immagini destinate ad Internet.
          E in questo sia Photoshop che GIMP lasciano
          il passo a Fireworks che rimane l'unico
          solido programma in questo ambito.


          Non facciamoci abbagliare dai giocattoli
          di

          casa Macromedia.

          Direi invece di guardarli con più
          attenzione, e magari utilizzarli un pochino
          di più: il software Macromedia non è solo
          per costrurie animazioni Flash: Freehand,
          Director, Dreamweaver, ColdFusion, HomeSite,
          Fireworks, JRun, eccetera sono qualcosa di
          più di un giocattolo.
          Dire che Photoshop è il migliore programma
          di grafica suona un po' antico, come il
          preconcetto che sia necessario un Mac per la
          grafica.

          Giampaolo Bellavite
          • Anonimo scrive:
            Re: Non c'è solo Photoshop!
            - Scritto da: Max
            Il Mac e' ancora indispensabile per la
            grafica, ma quando si tratta di lavori
            destinati alla stampa tipografica. E qui
            Photoshop non lo batte proprio nessuno.Torna comodo solo quando interagisci con altri studi/tipografie che hanno o solo mac oppure si rifiutano a priori di gestire files generati da PC. mi è capitata anche questa assurdità.Ho lavorato in studi dove i problemi consueti su mac e su pc erano i medesimi, senza contare che anche nel più grosso studio pc based in cui ho lavorato, le macchine erano stabili ma lente per scelte economiche e non assemblate con componenti di marche che io reputo migliori. IMHOIn un altro studio mi è capitato invece di lavorare su una workstation mostruosa dualCPU scsi ecc, il tutto condito con una pessima matrox G450, un chiodo nel c**o.Una macchina mostruosa, inchiodata da una scheda video inutile, sia per il 2D sia per il 3D.A volte l'esperienza che fai conta tantissimo.Spesso ci si fa idee sbagliate perchè si lavora su PC per la grafica assemblati da gente che non è minimamente informata su come deve essere una workstation grafica... oppure si lavora su mac, relegati alle macchine piccole e datate che nel caso del Dual G4 che usavo io, ti fanno veramente rimpiangere un pc entry level.Messo su una macchina ottima per il 2D, ma a fare 3D... lightwave girava peggio del mio vecchio amiga per colpa della FPU pessima dei vecchi processori ibm/motorola pre G5.e poi altro blah blah blah... ;)Ciao.
Chiudi i commenti