Linspire: ve lo do io Freespire

Il tentativo di un programmatore di depurare la famosa distribuzione Linux Linspire dai programmi commerciali e ridisitribuirla come Freespire è sfociata in una curiosa e inattesa iniziativa dell'ex Lindows


San Diego – Circa una settimana fa il giovane programmatore Andrew Betts ha rilasciato sul Web una distribuzione Linux chiamata Freespire e basata, come suggerisce il nome, sul noto sistema operativo desktop di Linspire .

Un articolo apparso su distrowatch.com descriveva Freespire come un variante gratuita di Linspire priva dei marchi e dei componenti commerciali contenuti in quest’ultimo.

Ma “Freespire” era un nome troppo simile a quello della distribuzione originale per poter andar giù a Linspire. E così il CEO di questa società, Kevin Carmony (che ha da poco preso il posto del fondatore Michael Robertson), non ha tardato a contattare Betts per invitarlo a scegliere un altro nome. L’ideatore di Freespire sostiene che i colloqui con Carmony sono stati “del tutto amichevoli”: il dirigente si è detto favorevole al progetto di Betts, e l’unico suo timore è che il nome scelto da questo giovane sviluppatore per la propria distribuzione creasse confusione tra i clienti, inducendoli a credere che si trattasse di una versione gratuita (ma completa) di Linspire.

Betts ha ammesso che “Freespire” era un nome solo temporaneo e che la sua distribuzione avrebbe dovuto restare nota solo a pochi amici: la sua improvvisa notorietà è arrivata in conseguenza del suo inserimento nell’archivio di distrowatch.com, inserimento apparentemente avvenuto senza il consenso dell’autore.

La vicenda, in ogni caso, non ha affatto scoraggiato Betts: il ragazzo non solo si è già detto in cerca di un nuovo nome, ma si è anche assicurato la collaborazione di Linspire per identificare all’interno del sistema operativo tutti i componenti coperti da copyright.

Linspire ha anche colto l’occasione per trasformare il piccolo incidente in un evento promozionale: entro il 6 settembre, da questa pagina , l’azienda di San Diego fornirà agli utenti che si registreranno gratuitamente al proprio servizio My.Linspire una copia gratuita del proprio sistema operativo. Il titolo della pagina è eloquente: “State cercando “Freespire” (una copia gratuita di Linspire)? Siete venuti nel posto giusto…”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Marcello Gattuso scrive:
    distro Linux
    In effetti quante distro Linux!!!Io ne ho provate tante sul mio iBook G4,ma non sono troppo soddisfatto.O sono le accentazioni,o i DVD che non vengono letti eccetera eccetera.A parte i repository che sono un bel problema.Grazie dell-attenzione.Gatta
  • Anonimo scrive:
    benchmarking on Mac OS X and Linux
    http://www.anandtech.com/mac/showdoc.aspx?i=2520&p=7l'articolo se vi intreressa leggetelo tutto, molto interessante fa un confronto OSx-Linux Applex86-appleppc
    • Anonimo scrive:
      Re: benchmarking on Mac OS X and Linux
      - Scritto da: Anonimo
      http://www.anandtech.com/mac/showdoc.aspx?i=2520&p

      l'articolo se vi intreressa leggetelo tutto,
      molto interessante fa un confronto OSx-Linux
      Applex86-appleppcLetto, paurose le lacune di OS X, tuttavia bisogna dire che Quarz è anni luce avanti a qualsiasi cosa disponibile per linux...
      • Mechano scrive:
        Re: benchmarking on Mac OS X and Linux
        - Scritto da: Anonimo
        Letto, paurose le lacune di OS X, tuttavia
        bisogna dire che Quarz è anni luce avanti a
        qualsiasi cosa disponibile per linux...Apple non ha risorse sufficienti per migliorare OSX per tutte le applicazioni.Per cui si è focalizzata sulle sole che le interessano per tipoligia di utenti e nicchia di mercato che ricopre.Ossia l'interfaccia grafica e la semplicità di configurazione.__Mr. Mechano
    • Mechano scrive:
      Re: benchmarking on Mac OS X and Linux
      - Scritto da: Anonimo
      http://www.anandtech.com/mac/showdoc.aspx?i=2520&p

      l'articolo se vi intreressa leggetelo tutto,
      molto interessante fa un confronto OSx-Linux
      Applex86-appleppcSplendido articolo!Dice tutto quello che ho notato ed altro che ho supposto, ma va anche oltre dimostrando come in fondo l'evoluzione della famiglia PowerPC c'è stata e continua e passare ad un'altra architettura non era poi tanto necessario per Apple.Ma quello che più mi piace sono le sonore bastonate che da Linux e il suo kernel monolitico a MacOSX e il suo fantomatico Darwin/Mach che ha un mare di problemi di latenza nelle comunicazioni interprocesso e nei messaggi tra thread.Rendendolo di fatto una pessima scelta come server MySQL e per la multiutenza di rete.Motivo per cui non ho mai preso in considerazione MacOSX come sistema operativo server sui MacMini e alte macchine Apple e considero Linux ancora migliore e più versatile.__Mr. Mechano
      • Anonimo scrive:
        Re: benchmarking on Mac OS X and Linux
        - Scritto da: Mechano

        - Scritto da: Anonimo


        http://www.anandtech.com/mac/showdoc.aspx?i=2520&p



        l'articolo se vi intreressa leggetelo tutto,

        molto interessante fa un confronto OSx-Linux

        Applex86-appleppc

        Splendido articolo!
        Dice tutto quello che ho notato ed altro che ho
        supposto, ma va anche oltre dimostrando come in
        fondo l'evoluzione della famiglia PowerPC c'è
        stata e continua e passare ad un'altra
        architettura non era poi tanto necessario per
        Apple.

        Ma quello che più mi piace sono le sonore
        bastonate che da Linux e il suo kernel monolitico
        a MacOSX e il suo fantomatico Darwin/Mach che ha
        un mare di problemi di latenza nelle
        comunicazioni interprocesso e nei messaggi tra
        thread.
        Rendendolo di fatto una pessima scelta come
        server MySQL e per la multiutenza di rete.

        Motivo per cui non ho mai preso in considerazione
        MacOSX come sistema operativo server sui MacMini
        e alte macchine Apple e considero Linux ancora
        migliore e più versatile.

        __
        Mr. Mechanogià, e se non mi sbaglio gli x86 sono ancora meno contenti dei ppc per i kernel a messaggi.... tra l' altro è pure comica la parte in cui si dice che un g5 a 1,6 GHz sarebbe ideale su un portatile, mostrando chiaramente che il passaggio ad intel non dipende nè dal powerbook g5 (che potrebbe essere realizzato, volendo) nè dalle prestazioni, che sono assolutamente in linea con gli intel di pari commercializzazione..... apple potrebbe e soprattutto dovrebbe (visto che si fa ben pagare per i suoi prodotti) fare una ottimizzazione di unix molto maggiore (oltre ai sorprendenti risultati del test, mi piace citare il fatto che tiger è compilato con gcc 3.3 invece del 4, che supporta anche l' autovettorizzazione e malgrado lo spazio sul disco e in ram non sia fatto un problema viene compilato tutto con -Os invece che almeno -O2, ma molto meglio -O3 dato che dovrebbe essere tutto testato per funzionare perfettamente e velocemente)
        • Anonimo scrive:
          Re: benchmarking on Mac OS X and Linux
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Mechano



          - Scritto da: Anonimo





          http://www.anandtech.com/mac/showdoc.aspx?i=2520&p





          l'articolo se vi intreressa leggetelo tutto,


          molto interessante fa un confronto OSx-Linux


          Applex86-appleppc



          Splendido articolo!

          Dice tutto quello che ho notato ed altro che ho

          supposto, ma va anche oltre dimostrando come in

          fondo l'evoluzione della famiglia PowerPC c'è

          stata e continua e passare ad un'altra

          architettura non era poi tanto necessario per

          Apple.



          Ma quello che più mi piace sono le sonore

          bastonate che da Linux e il suo kernel
          monolitico

          a MacOSX e il suo fantomatico Darwin/Mach che ha

          un mare di problemi di latenza nelle

          comunicazioni interprocesso e nei messaggi tra

          thread.

          Rendendolo di fatto una pessima scelta come

          server MySQL e per la multiutenza di rete.



          Motivo per cui non ho mai preso in
          considerazione

          MacOSX come sistema operativo server sui MacMini

          e alte macchine Apple e considero Linux ancora

          migliore e più versatile.



          __

          Mr. Mechano
          già, e se non mi sbaglio gli x86 sono ancora meno
          contenti dei ppc per i kernel a messaggi....
          tra l' altro è pure comica la parte in cui si
          dice che un g5 a 1,6 GHz sarebbe ideale su un
          portatile, mostrando chiaramente che il passaggio
          ad intel non dipende nè dal powerbook g5 (che
          potrebbe essere realizzato, volendo) nè dalle
          prestazioni, che sono assolutamente in linea con
          gli intel di pari commercializzazione..... apple
          potrebbe e soprattutto dovrebbe (visto che si fa
          ben pagare per i suoi prodotti) fare una
          ottimizzazione di unix molto maggiore (oltre ai
          sorprendenti risultati del test, mi piace citare
          il fatto che tiger è compilato con gcc 3.3 invece
          del 4, che supporta anche l' autovettorizzazione
          e malgrado lo spazio sul disco e in ram non sia
          fatto un problema viene compilato tutto con -Os
          invece che almeno -O2, ma molto meglio -O3 dato
          che dovrebbe essere tutto testato per funzionare
          perfettamente e velocemente)e poi ci si chiede come mai due eminenti materie grigie come le vostre non vadano a lavorare alla apple per far vedere come si fa, invece di perdere tempo a scriverle su PI queste cose....mahse di PB G5 non se ne sono visti ci sarà un motivo, o no?
          • Anonimo scrive:
            Re: benchmarking on Mac OS X and Linux
            soprattutto con 03 i compilati si gonfiano e comunque le ottimizzazioni tiratissime non sono un gran che visto che il compilatore modifica il compilato e probabilmente, anzi mooolto spesso il programma diventa instabile.
          • Anonimo scrive:
            Re: benchmarking on Mac OS X and Linux
            Mica vero potrei essere d'accordo se il software dovesse girare su hardware estremamente variegato ma per i mac il problema non esiste, uno dei pochi vantaggi dell'avere un parco hardware selezionato è proprio che puoi fare delle ottimizzazioni.
    • KrecKer scrive:
      Re: benchmarking on Mac OS X and Linux
      Articolo molto interessante, grazie della segnalazione.Ciao,Matteo
  • Anonimo scrive:
    nulla di nuovo ma ben venga
    Posto che di linux su ppc ce ne sono tanti,che il mio dns è su un g3, che sto scrivendo da un g4 866 con debian sarge (la quale supporta un'altradecina di tipi di cpu), e che le prestazioni generalisono superiori a quelle del Tiger che ho nell'altrapartizione, ben venga un suse desktop per ppc,e un domani per Cell. E' un'architettura troppobuona per non essere supportata da un so seriocome suse, anche per cose diverse dai server.
  • Anonimo scrive:
    (ot) meglio 1000 linux che un vista
    Ovvero della serie fantastiche tecnologie:http://news.zdnet.com/2100-1009_22-5846234.htmlIn poche parole, sembra che con vista gli utentiwindows addirittura, udite udite, " won't have to restart Windows Vista when installing or updating an application"NO !! RIMANIAMO SENZA FIATOMa, attenzione !"It will even be possible to patch some applications while they are in use, the software maker said"Cose da fantascienza, che faceva già la mandrake5 nel 1999 saranno finalmente supportate (forse, senon avranno il destino delle altre "innovazioni") afine 2006 dai sistem microsoft! Che mirabilia !
    • Anonimo scrive:
      Re: (ot) meglio 1000 linux che un vista
      già, miracoloso. Noi intanto aspettiamo il miracolo linux:quando le stampanti funzionerannoquello windows sono 10 anni che c'è l'ha
      • Anonimo scrive:
        Re: (ot) meglio 1000 linux che un vista
        - Scritto da: Anonimo
        già, miracoloso. Noi intanto aspettiamo il
        miracolo linux:
        quando le stampanti funzioneranno
        quello windows sono 10 anni che c'è l'haah si?quindi se installo windows quello riconoscerà la mia hp ,caricherà i drivers?solo allucinato!installerò windows immediatamente....torna a dormire
        • Anonimo scrive:
          Re: (ot) meglio 1000 linux che un vista
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          già, miracoloso. Noi intanto aspettiamo il

          miracolo linux:

          quando le stampanti funzioneranno

          quello windows sono 10 anni che c'è l'ha


          ah si?quindi se installo windows quello
          riconoscerà la mia hp ,caricherà i drivers?solo
          allucinato!installerò windows immediatamente....

          torna a dormirecerto, o alla peggio infili il CD. Con linux devi diventare un hackerhai mai usato windows?
          • Anonimo scrive:
            Re: (ot) meglio 1000 linux che un vista
            eh già...invece per installare qualcosa sotto linux, proprio user friendiy..avvia tre shell, lanci uno script...mi si blocca il window manager..ne uso un altro , ce ne sono soltanto 40 tutti diversi la maggior parte mediocri...e che ci faccio con linux... OrCAD..non funziona..ci gioco un pò. nn ci si sono i giochi, mi faccio un comunissimo giro su internet....tutto piantato, problema della debian nel gestire la memoria...bene, spulciamo...trecentottanta file di log...mi sa che mi rimetto XP, che BASTA e avanza...e non è un gran problema riavviare ogni tanto..
          • Anonimo scrive:
            Re: (ot) meglio 1000 linux che un vista
            - Scritto da: Anonimo
            eh già...invece per installare qualcosa sotto
            linux, proprio user friendiy..avvia tre shell,Non servono le shell.
            lanci uno script...Neanche lo script. Esistono interfacce grafiche.
            mi si blocca il window
            manager..Ci crediamo tutti.
            ne uso un altro , ce ne sono soltanto 40
            tutti diversi la maggior parte mediocri...A te ne bastano due. KDE o GNOME.
            e che
            ci faccio con linux...Cosa lo hai messo a fare? Per denigrarlo?
            OrCAD..non funziona..Informarsi prima costa fatica, eh?
            ci
            gioco un pò. nn ci si sono i giochi,Falso.
            mi faccio un
            comunissimo giro su internet....tutto piantato,Credo anche a questo, sì sì.
            problema della debian nel gestire la
            memoria..Casualmente ho una debian. Quale versione utilizzi? Quale modem? Quale driver?
            bene, spulciamo...trecentottanta file
            di log...Pensa che in windows se succede qualcosa non esistono i log. A quel punto come si risolve?
            mi sa che mi rimetto XP, che BASTA e avanza...e
            non è un gran problema riavviare ogni tanto..Contento te, contenti tutti.
  • Anonimo scrive:
    E basta con sta panzana!!!
    Ma che ve lo dice il dottore di provare una distro prima e dopo i pasti?Io con linux sono partito con RH, poi ho scoperto Debian e non l'ho MAI PIU' lasciata: sono due anni ormai che la tengo su, (mai dovuto formattare-reinstallare) e non cambierei per niente.Non ho mai pensato: adesso devo assolutamente provare anche Slack, Gentoo, Mepis, Trustix, pippolinux, topolinux... (suona bene topolinux :D)Stesso discorso per la GUI: mi piace Gnome, e lo preferisco a Kde. Naturalmente è una mia opinione, visto che la maggioranza preferisce Kde.Nella vita bisogna anche "saper scegliere!"Quando dovete scegliere una macchina, come fate?Quando dovete comprare un paio di scarpe, come fate?Ve li comprate tutti e poi decidete?Non mettete sempre sta scusa di linux che ha 300 distro: è vero, ma la libertà di scelta significa che puoi scegliere, non che le devi scegliere tutte!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: E basta con sta panzana!!!

      Non mettete sempre sta scusa di linux che ha 300
      distro: è vero, ma la libertà di scelta significa
      che puoi scegliere, non che le devi scegliere
      tutte!!!vero, ma come fai a scegliere se prima non provi? il che non vuol dire provarle tutte, ma chi ti dice che magari non ti trovi meglio con gentoo piuttosto che con una debian? Poi siamo d'accordo che provare tutte quelle che ci sono su distrowatch.com e' impossibile, ma io prima dis cegliere ne ho provate 6-7per le scarpe...le provo al negozio e poi scelgo (che e' uin po' come dire, provo le liveCD e poi isntallo quella che mi e' piaciuta di + ^^)
    • Anonimo scrive:
      Re: E basta con sta panzana!!!
      risposta:un OS occorrono mesi per capire quale sia migliore, un paio di scarpe un oraun OS è quasi come un lavoro, non puoi provare tutti i lavori per un mese per capire quale è il tuo
  • Anonimo scrive:
    MA QUANTI LINUX CI SONO??? TROPPI !!
    TROPPI LINUX IN GIRO !!!Primo) un utente alle prime armi con linux si fa impaurire dalla quantita' sterminata di distro diverse che ci sonoSecondo) le risorse, al posto che essere unite per "combattere" M$ e spingere Linux a crescere, si perdono in giro, tra miriadi di distro diverse, spesso nemmeno compatibili tra loro (si, si.. poi basta ricompilare.. ma intanto, sono risorse perse.)Perche' non si sviluppa *U*N* - *S*O*L*O* - *L*I*N*U*X* .... e lo si porta avanti, per competere con M$ ?????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????
    • Anonimo scrive:
      Re: MA QUANTI LINUX CI SONO??? TROPPI !!

      Primo) un utente alle prime armi con linux si fa
      impaurire dalla quantita' sterminata di distro
      diverse che ci sono
      Io, peresempio, ho impiegato un mese solo a capire quale distro prendere in considerazione (Mandrivia) e quale no perche' troppo difficili da usare (slackware)...Ho dovuto parlare con un sacco di gente, vederle girare, leggere newsgroup e parlare con gente che le aveva installate,.. e poi provare io stesso una, poi un'altra, e poi un'altra ancora... per poi sceglere.Quanto tempo, e quante risorse mie personali sprecate...E POI, PORCO CANE, HO DOVUTO FARE LO STESSO PER LA GUI.... . MA VI PARE NORMALE ???E poi Linux non e' ancora semplice e immediate da usare come Windows.. e lo dice uno che ormai usa Linux da due anni..
      • Anonimo scrive:
        Re: MA QUANTI LINUX CI SONO??? TROPPI !!
        - Scritto da: Anonimo
        Ho dovuto parlare con un sacco di gente, vederle
        girare, leggere newsgroup e parlare con gente Ma tu hai bisogno di consigliarti con qualcuno anche per la scelta della carta igienica?Ce ne sono di queste persone, che senza la mamma non sanno manco vestirsi... :-)
        Quanto tempo, e quante risorse mie personali
        sprecate...Hmmmm.Delle distribuzioni più importanti c'è la versione live. Io ho provato Mepis, Knoppix, Madriva, Ubuntu. Le scarichi o le trovi in edicola con una rivista. Se le scarichi le masterizzi su un CD RW se non ti piace cancelli il CD e ne riprovi un'altra.Con una ADSL a 4mbit un CD lo scarichi in meno di 50min.Ho iniziato con Mandrake, ho usato anche RedHat. Ho avuto Mepis su un PC, ora sono approdato a Ubuntu per il portatile perchè ha fatto funzionare a dovere tutti i suoi componenti.
        E POI, PORCO CANE, HO DOVUTO FARE LO STESSO PER
        LA GUI.... . MA VI PARE NORMALE ???Ma scusa che problema c'è? Prova Gnome o KDE, vedi quale ti piace di più ed usi sempre quello.La Ubuntu c'è anche in versione Kubuntu.Poi una distribuzione Gnome può far girare applicazioni KDE portandosi dietro 2 librerie, lo stesso per le distribuzioni KDE con le applicazioni Gnome.Poi ci sono programmi come gtk2-engines-gtk-qt che ti permettono sotto KDE di dare i widget e i temi di KDE alle applicazioni GTK per cui hai un'interfaccia coerente anche dal punto di vista grafico.
        E poi Linux non e' ancora semplice e immediate da
        usare come Windows.. e lo dice uno che ormai usa
        Linux da due anni.. Io lo trovo superiore e più potente su tutti i fronti.Le interfacce sono più versatili.Il lavoro di tutti i giorni lo fa pure. Con i vari player multimediali che quando supportano per bene formati e DVD funzionano meglio che su win.Il multitasking è migliore di quello di win. La stabilità superiore, il laptop lo metto sempre in sleem, non lo spengo mai e non ho avuto mai blocchi strani nonostante la Kubuntu sia alquanto aggiornata e quindi giudicata poco stabile.Tante attività preferisco farle da shell che usare l'interfaccia grafica, sono più immediate e veloci con un paio di comandi invece che usare i file manager.
        • Anonimo scrive:
          Re: MA QUANTI LINUX CI SONO??? TROPPI !!
          - Scritto da: Anonimo

          Tante attività preferisco farle da shell che
          usare l'interfaccia grafica, sono più immediate e
          veloci con un paio di comandi invece che usare i
          file manager.
          Vero!!! quando lo dico io nessuno mi crede...
      • Anonimo scrive:
        Re: MA QUANTI LINUX CI SONO??? TROPPI !!
        - Scritto da: Anonimo


        Primo) un utente alle prime armi con linux si
        fa

        impaurire dalla quantita' sterminata di distro

        diverse che ci sono

        http://eedok.voidofmind.com/linux/chooser.htmlQuesto link può darti una mano a scegliere la distribuzione più adatta alle tue esigenze.
        • Anonimo scrive:
          Re: MA QUANTI LINUX CI SONO??? TROPPI !!
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo




          Primo) un utente alle prime armi con linux si

          fa


          impaurire dalla quantita' sterminata di distro


          diverse che ci sono




          http://eedok.voidofmind.com/linux/chooser.html

          Questo link può darti una mano a scegliere la
          distribuzione più adatta alle tue esigenze.
          e bastaaaaaaaaaa
    • Anonimo scrive:
      Re: MA QUANTI LINUX CI SONO??? TROPPI !!
      - Scritto da: Anonimo
      Perche' non si sviluppa *U*N* - *S*O*L*O* -
      *L*I*N*U*X* .... e lo si porta avanti, per
      competere con M$ ??Un solo credo, un solo leader, un solo partito.Mi pare propaganda di estrema destra, o estrema sinistra, fa un pò te.A me va bene così. Maggiori possibilità di scelta ma soprattutto disponibilità di distro specifiche per ogni tipo di compito.Anche winzozz non ha la stessa versione per l'home user, la workstation professionale e il server.
    • Anonimo scrive:
      Re: MA QUANTI LINUX CI SONO??? TROPPI !!
      No solo hai ragione, ma mi chiedo perché fare linux per Mac.Esiste Mac OS X che, come Linux, è basato su Unix, e ha un'interfaccia talmente semplice da pensare di avere a che fare con un sistema giocattolo, mentre è robusto come il granito.Secondo, Linux è nato per competere contro Windows; il Mac non mi sembra il miglior campo di battaglia.Terzo, il tuo punto di vista. "Troppi" Linux, troppe risorse per troppi prodotti, mentre si dovrebbe rafforzare un'unica distro.Chi ti ha scritto "un solo partito..." non ha capito che la varietà nel mercato dev'essere di sistemi operativi diversi, quali Windows, Mac OS X, Linux, Solaris, ecc., ma non appartenenti alla stessa famiglia.
      • Anonimo scrive:
        Re: MA QUANTI LINUX CI SONO??? TROPPI !!
        non ci sono troppe distro. Per il semplice motivo che linux NON HA lo scopo di battere windows, non e' una gara. Si tratta di liberta', io e te vogliamo realizzare P.I. linux? lo possiamo fare, senza che nessuno ci secchi le scatole. Se invece ci fosse una sola distro sarebbe come dover scegliere tra diesel e benzina..
      • Mechano scrive:
        Re: MA QUANTI LINUX CI SONO??? TROPPI !!
        - Scritto da: Anonimo
        Secondo, Linux è nato per competere contro
        Windows; il Mac non mi sembra il miglior campo di
        battaglia.Linux non è nato per competere con windows!!!Sta scritto così a caratteri cubitali in tutti libri e i siti sulla storia di Linux.Linux è nato per permettere ad un universitario di collegarsi con i server Unix della sua uni e che avesse delle caratteristiche utili al suo utilizzatore, che altri Unix o non avevano o vendevano a caro prezzo.Il rilasciarlo libero su Internet ha fatto sì che altri ci aggiungessero una quantità tale di componenti che oggi Linux può competere con tutto in ogni settore, ma è una cosa incidentale e non voluta. Ossia i suoi manutentori e chi scrive software, lo fa per risolvere problemi e necessità proprie o di comunità di utilizzatori. Che poi questi programmi risultino validi e vadano a far preferire Linux in settori dove esistono già soluzioni commerciali, non è una cosa decisa a piori dagli ideatori di Linux e dei suoi software.Stando al tuo ragionamento quando Linux viene usato per fare router qualcuno potrebbe dire che Linux è nato per competere contro Cisco.Se viene messo dentro un palmare allora qualcuno potrebbe dire che Linux è nato per competere contro Palm o Wince. Se lo si mette dentro un PLC allora è nato per competere contro VxWorks.
        Terzo, il tuo punto di vista. "Troppi" Linux,
        troppe risorse per troppi prodotti, mentre si
        dovrebbe rafforzare un'unica distro.E chi lo dice?Scegli una distro, per te se ti piace ci sarà sempre e solo quella. Focalizza le tue risorse su quella, scegli il software che ci gira sopra, seguine lo sviluppo e le evoluzioni. Fa come se per te ci fosse un solo Linux, quella sola distro.Cosa t'importa della quantità di distro?
        Chi ti ha scritto "un solo partito..." non ha
        capito che la varietà nel mercato dev'essere di
        sistemi operativi diversi, quali Windows, Mac OS
        X, Linux, Solaris, ecc., ma non appartenenti alla
        stessa famiglia.Ma neppure Windows ha una sola versione. Ne ha almeno 3 per ogni linea di prodotto. Ossia XP Home, XP Pro e 2003 Server, la versione server si differenzia ancora con la versione terminal server e alcune altre.Senza contare Window Mobile nelle sue due versioni per PDA e per SmartPhone.Beh di Linux ci sono le versioni minimali, quelle adatte al mercato embedded, quelle desktop, le workstation e le server generiche.Quelle adatte a fare firewall, quelle educational coi software gioco e didattici. Perfino quelle scientifiche come la DebMed con software di ricerca e medicali. Per non parlare di quelle per macchine multiprocessore e per i cluster.Ora ci sono anche per i PDA, per i lettori MP3 e per i telefoni cellulari.__Mr. Mechano
        • Anonimo scrive:
          Re: MA QUANTI LINUX CI SONO??? TROPPI !!
          Ok, sono d'accordo.Però ascolta: se Linux è sviluppato secondo il dictatum OpenSource, e diverse distro tra loro hanno problemi di compatibilità, si può correre il rischio che su una distro si abbia difficoltà a reperire certi software, magari perché x versione è sviluppata per un'altra distro, o sbaglio?Poi, è vero che Windows esiste in diverse versioni, nate però nel tempo, non insieme; bene o male, tutti i software sono compatibili per le diverse versioni.Non so, secondo me Linux potrebbe essere ancora meglio se esistesse una sola distro, che poi può evolversi nel tempo, migliorando e perfezionando il suo codice.E' quello che succede con Mac OS X e che cerca di fare Microsoft con Windows. Certo, parliamo di aziende e loro prodotti, ma Apple ha reso pubblico il codice di X proprio perché vuole una continua e costante miglioria del suo sistema.Troppa carne sul fuoco rischia di bruciarsi.
          • Anonimo scrive:
            Re: MA QUANTI LINUX CI SONO??? TROPPI !!
            - Scritto da: Anonimo
            Però ascolta: se Linux è sviluppato secondo il
            dictatum OpenSourceNon esiste nessun dictatum...
            e diverse distro tra loro
            hanno problemi di compatibilitàQuesto è un luogo comune che sento dire spesso... a parte alcuni files di config in directory diverse, devo ancora trovare un sw che non sia disponibile sotto la distro xyz...
            si può correre
            il rischio che su una distro si abbia difficoltà
            a reperire certi software, magari perché x
            versione è sviluppata per un'altra distro, o
            sbaglio?Io sinceramente non ne ho mai visti.Se esistono i sorgenti, va dappertutto perchè te lo puoi compilare.Se esistono i pacchetti, in genere si può scegliere almeno tra rpm e debSe ci sono quelli, va sul 99% delle distro.
            Non so, secondo me Linux potrebbe essere ancora
            meglio se esistesse una sola distro, che poi può
            evolversi nel tempo, migliorando e perfezionando
            il suo codice.Linux non è nato come prodotto commerciale. Non puoi dire: adesso ci deve essere una sola distro. Se qualcuno vuole farsi la distro pincopallinux (la distro dell'utente qualsiasi, ndr :D) ha la libertà di farlo.Non vedo cosa cambia a chi magari come me usa sempre Debian e non ha interesse a provare Pincopallinux.
            E' quello che succede con Mac OS X e che cerca di
            fare Microsoft con Windows. Certo, parliamo di
            aziende e loro prodotti, ma Apple ha reso
            pubblico il codice di X proprio perché vuole una
            continua e costante miglioria del suo sistema.Veramente il codice aperto di OsX è il kernel Darwin... anche di linux come kernel non ce ne sono mica 300.La differenza la fa il tipo di sw installato e alcune configurazioni di base, in genere.
            Troppa carne sul fuoco rischia di bruciarsi.Mi sembra un luogo comune molto banale
          • Mechano scrive:
            Re: MA QUANTI LINUX CI SONO??? TROPPI !!
            - Scritto da: Anonimo
            Ok, sono d'accordo.

            Però ascolta: se Linux è sviluppato secondo il
            dictatum OpenSource, e diverse distro tra loro
            hanno problemi di compatibilità, si può correre
            il rischio che su una distro si abbia difficoltà
            a reperire certi software, magari perché x
            versione è sviluppata per un'altra distro, o
            sbaglio?Le distro non hanno incompatibilità a livello di binari, ma solo di struttura delle directory e disposizione dei file in queste, e a livello di init.Questo vuol dire essenzialmente che se un pacchetto è stato progettato per andare sotto /opt in una distribuzione, un'altra distribuzione preferisce /usr/localCiò vuol dire che se hai il pacchetto progettato per la distribuzione che predilige /opt e lo provi ad installare in quella che ha il software sotto /usr/local molto probabilmente qualche percorso e qualche libreria non saranno raggiungibili o ci saranno dei problemi.KDE qualche anno fa funzionava così.Anche con gli init il discorso è identico. Software che necessita di partire al boot e solo se è previsto il boot in greeter grafico (schermata di login grafico con XDM/KDM/GDM), si toverà distro che hanno il boot in grafica come init 5, altre che lo hanno come init 3 ecc.Stesso discorso per il file che permette di lanciare file al boot. Alcune distro hanno /etc/rc.local la Ubuntu ha /etc/init.d/bootmisc.sh e così via.Solo i software che necessitano di partire al boot, o determinate strutture di directory hanno dei problemi. Tutto il resto non ne ha, un utility o un editor di testo non ha problemi. A dire il vero non ne ha manco OpenOffice.org che non è un software tanto piccolo.Come si risolve il problema di queste diversità?Semplicemente attingendo per il software ai repository ufficiali della propria distribuzione.Troverai un Apache per Ubuntu, uno per Gentoo, uno per Madriva ecc. Nei loro repository e sarà stato configurato e testato e per installarsi e funzionare bene su tale distribuzione.Poi c'è il discorso delle famiglie di distro, in realtà non esistono un centinaio di distribuzioni, ma si possono tranquillamente ridurre in meno di una decina di famiglie principali.Debian è la distribuzione padre di Knoppix, Mepis, Ubuntu, Morphix, Elive e almeno altre 6-7 distribuzioni.La RedHat/Fedora non si contano quante derivate abbiano e Mandrake, Conectiva, TurboLinux in fondo sono delle sue derivate.Lo stesso vale per Slackware.Su distro della stessa famiglia trovi disposizione delle directory e sistema di init identici.
            Poi, è vero che Windows esiste in diverse
            versioni, nate però nel tempo, non insieme; bene
            o male, tutti i software sono compatibili per le
            diverse versioni.Intanto non i driver. In Linux invece un driver distribuito sotto forma di sorgente va tranquillamente su tutte con poche rare eccezioni.Per Win già ci sono profonde differenze tra Win2000 e XP pur derivando dalla stessa tecnologia.E ci sono numerosi driver che hanno differenze tra XP e Win2003 Server.
            Non so, secondo me Linux potrebbe essere ancora
            meglio se esistesse una sola distro, che poi può
            evolversi nel tempo, migliorando e perfezionando
            il suo codice.Ma non è assolutamente vero!Il codice viene migliorato e pefezionato comunque. La differenza ta le distro è solo di configurazione e disposizione dei file.Di solito a creare una distro sono pochi individui che si occupano di scegliere e pacchettizzare il software e metterlo insieme con un nuovo nome.Il team che lavora ad Apche, come quello che lavora a MySQL o a Gimp non deve fare una versione per Debian, una per Fedora ecc.Fa una sola versione che poi viene rilasciata in sorgenti tar.gz. A quesnto punto le aziende e le community che si occupano delle varie distribuzioni lo prendono, lo compilato e lo trasformano in pacchetto rpm, deb, emerge ecc. Disponibile nei repository per gli utenti della propria distro.Che dispersione c'è stata? E quale mancata evoluzione c'è stata per le distro?Evolvono tutte allo stesso modo...
            E' quello che succede con Mac OS X e che cerca di
            fare Microsoft con Windows. Certo, parliamo di
            aziende e loro prodotti, ma Apple ha reso
            pubblico il codice di X proprio perché vuole una
            continua e costante miglioria del suo sistema.

            Troppa carne sul fuoco rischia di bruciarsi.MacOSX invece ha poca diversificazione. Non hai versioni snelle per macchine datate o piccoli client, non ne hai versioni server senza interfaccia grafica e i fronzoli della versione desktop.Non so neppure se sia possibile avere un boot in sola shell senza far partire l'interfaccia grafica.Apple non ha risorse tali da poter avere una grande diversificazione del prodotto. E non essendo opensource MacOSX non avrà mai community che ne facciano distro personalizzate a vari compiti o tipologie di utenza.Quello che voi considerate un pregio, per molti potrebbe essere il vero limite!__Mr. Mechano==================================Modificato dall'autore il 03/09/2005 9.48.47
    • barbanera scrive:
      una eccessiva specializzazione..
      .. porta ad una lenta morte.:) è un bene che ci sia la possibilità di scelta tra gli utenti, come è giusto che l'informazione acquisisca forme variegate e non una sola omologata ;)Ogni distro ha i suoi pregi e difetti, in ogni caso potrai dire di aver trovato qualcosa di veramente adatto a te ;)
  • Anonimo scrive:
    ppc :
    non c'è qualcuno che produce desktop/workstation con powerpc ? ('cidenti all'apple... stavo per comprare un mac quando sono passati all'intel, col cavolo che lo compro il mac adesso!)
    • pikappa scrive:
      Re: ppc :
      - Scritto da: Anonimo
      non c'è qualcuno che produce desktop/workstation
      con powerpc ? ('cidenti all'apple... stavo per
      comprare un mac quando sono passati all'intel,
      col cavolo che lo compro il mac adesso!)Io me ne frego e il mac lo compro lo stesso, cmq:http://www.terrasoftsolutions.com/oppurehttp://www.pegasosppc.com/
    • scorpioprise scrive:
      Re: ppc :
      - Scritto da: Anonimo
      non c'è qualcuno che produce desktop/workstation
      con powerpc ? ('cidenti all'apple... stavo per
      comprare un mac quando sono passati all'intel,
      col cavolo che lo compro il mac adesso!)veramente iniziano a passare a intel solo in primavera.....e soprattutto solo per taluni modelli....
    • LaNberto scrive:
      Re: ppc :
      - Scritto da: Anonimo
      non c'è qualcuno che produce desktop/workstation
      con powerpc ? ('cidenti all'apple... stavo per
      comprare un mac quando sono passati all'intel,
      col cavolo che lo compro il mac adesso!)Veramente è un buon periodo per comperare un mac ora: vanno ancora benissimo e il software grosso per le versioni intel non ci sarà che a fine 2006. Inoltre i mac ppc saranno supportati ancora per molti anni.il computer si compera quando serve
      • Anonimo scrive:
        Re: ppc :

        il computer si compera quando servesolo un appassionato che ha un rapporto mistico con i computer comprerebbe un macadesso: il 99% dei mac users aspetta inteld'altra parte la apple è un'azienda che guadagnacon ipod, non certo con osx
  • Anonimo scrive:
    PPC non e solo Mac
    Non solo i Mac Montano i PPC, ci sono dei favolosi computer IBM Pseries RS/6000 a 64 bit che invece di usare AIX possono essere equipaggiate con Linux e avere cosi dei server nettamente superiori a qualsiasi macchina intel sia per affidabilità che prestazioni.
    • Anonimo scrive:
      Re: PPC non e solo Mac

      Non solo i Mac Montano i PPC, Ok, era un titolo, era una approssimazione. CMQ Giusta osservazione.
      ci sono dei
      favolosi computer IBM Pseries RS/6000 a 64 bit
      che invece di usare AIX possono essere
      equipaggiate con Linux e avere cosi dei server
      nettamente superiori a qualsiasi macchina intel
      sia per affidabilità che prestazioni.Wellà! Ollellè!Hai sparato alto!Intendiamoci, alto come gamma: certo, compro una Rolls e questa va decisamente meglio di una Topolino... ma purtroppo i 6000 mica li regalano!Ci sarebbero anche gli AS/400 (o i5 come li chiamano oggi) con PPC da un bel po di generazioni, ma anche questi mica li regalano, anche se costano già una inezia *relativamente ai 6000*...A parte che poi sono macchine forti se li vuoi usare come server di dati o applicazioni, per il comune uso personale sono più ingombranti dei desktop, non esistono o quasi come portatili, non hanno sk video tirate per fare i ghiochi 3d di ultima generazione per cui servono i personal potenti, visto che per la produttività personale va bene anche un commodore.Rimangono ripping ed encoding, per cui serve la forza bruta di calcolo, ma ho paura che la maggior parte delle applicazioni per personal non sia adatta a sfruttare la potenza di macchine come i risc6000 o gli i5, anche se li usi attraverso Linux (e non credo che la distro casalingua dia il max su quelle macchine, se pure ne ha fatto una versione per PPC multiprocio e strapompati).Ah, già, lo sviluppo... mettere le mani su quelle macchine è un sogno, nulla da obiettare, anche se prendendole usate costano ancora un bel po e non ripagano, per uso personale o di macinanumeri, un PC o Mac di generazione attuale, anche sorvolando sullo scarso supporto all'hw, che nel caso ad es delle sk video è determinante per certi tipi di prestazioni... certo come vantaggio sono molto più affidabili anche se furono pesantemente usati.==================================Modificato dall'autore il 02/09/2005 10.36.59
      • Anonimo scrive:
        Re: PPC non e solo Mac
        - Scritto da: Carlo_Martello
        A parte che poi sono macchine forti se li vuoi
        usare come server di dati o applicazioni, per il
        comune uso personale sono più ingombranti dei
        desktop, non esistono o quasi come portatili, non
        hanno sk video tirate per fare i ghiochi 3d diMa infatti quel che mi ha fatto desistere dal prenderne una è l'ingombro e la rumorosità.Sono uno sviluppatore, vivo a Milano, ma sto in uno squallidissimo biloculi... :-)Un serverino PowerPC fatto con Mac Mini sarebbe proprio il massimo. A me serve PPC proprio perchè sviluppo su questa CPU. Un AIX l'avevo adocchiato, e Linux ci avrebbe girato alla grande, ma era un cassone importante e avrei letteralmente dovuto riorganizzare tutta la mobilia del soggiorno per trovargli posto, senza contare che all'accensione fa il rumore di un jumbo jet in fase di decollo. Per poi continuare con un fruscio continuo di ventole e dischi SCSI da 10000rpm.
        • Anonimo scrive:
          Re: PPC non e solo Mac
          Sono quello che ha iniziato il tread:Certo queste macchine sono per l'ambito aziendale e non certo per giocarci. Io faccio il consulente informatico e mi capita di utilizzarle e apprezzarle presso alcuni clienti, e quando posso le consiglio ai miei clienti.Un RS/6000 non e' molto piu' ingombrante di un pc tower che se leggermete piu' rumoroso. Ci si puo' indirizzare al mercato dell'usato, ci sono aziende che dimettono hardware di 3/4 anni che per un uso "personale" sono ancora valide. Io possiedo un AS/400 170, non ingombra piu' di un pc e costa usato come un portatile (? 1000)Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: PPC non e solo Mac

            possiedo un AS/400 170, non ingombra piu' di un
            pc e costa usato come un portatile (? 1000)A occhio e croce un 170 mi sembra vecchiotto (e bottom line) ma potrei sbagliarmi, di che anno è? Ci gira (ragionevolmente) una v5r_qualcosa? Si, anche le release 4 erano valide e ci fai ancora parecchia esperienza, ma con le ACG v3 e cose varie IBM ha fatto migrare moltissimi sull'OS v5r* e non avere la stessa release di un cliente sulla macchina di test non è molto indicato almeno per progetti di una certa complessità.I risc6000 a occhio e croce sono ancora più costosi, anche come livello di ingresso, degli AS. Magari a livello di sw e s.o. se i tuoi clienti lavorano con Linux riesci ad essere più flessibile che con OS/400 o altri *x proprietari che magari hanno requisiti generazionali riguardo l'hw ben precisi a cauda delle politiche commerciali del produttore.In conclusione, imho sono macchine adatte ad una ristretta nicchia di appassionati, per il puro studio o con diversi se e ma (ci gireranno le versioni di s.o. ragionevolmente simili a quelle dei miei clienti, in relazione al sw su cui devo lavorare? infatti di solito le w house che supportano questo mondo riuniscono diverse figure con diverse competenze e diversi fondi in comune per avere pronte all'uso non una ma n macchine test cone requisiti diversi) per usarle come supporto a clienti che di solito hanno già dismesso macchine di quel tipo con tutte le incognite del caso, oltre alla difficoltà di trovare pezzi di ricambio (es parti meccaniche come unità nasto e dischi) a prezzi ragionevoli.
          • Anonimo scrive:
            Re: PPC non e solo Mac
            Il mio As/400 170 e' del 200 con 512 ram e 17Gb disco. Con la V4r3 ci lavoravano 5/6 client (10 interattivo-50 bathc) .Io ci ho messo su la V5.r2 e ci lavoro da solo per test e sviluppo a prestazioni accettabili.Certo la fasci a cui ci riferiamo non e' certo quella del utente da pc da supermcato o l'artigiano con il gestionale acquistato il edicola.Io ho clienti che stanno pensando seriamente di fare sle nuove installazioni di Sap su linux suse e p6000 almeno per test. Esplorare queste soluzioni vuol dire risparmiare decine se non centinaia di miglia di euro il licenze. Dal mio punto di vista amministrare un AIX o una Suse non e' molto diverso, anzi la Suse e' nettamente piu' semplice.
    • Anonimo scrive:
      Re: PPC +++ C'è anche Pegasos
      - Scritto da: Anonimo
      Non solo i Mac Montano i PPC, ci sono dei
      favolosi computer IBM Pseries RS/6000 a 64 bit
      che invece di usare AIX possono essere
      equipaggiate con Linux E c'è anche il Pegasos PPC che non è citato fra le macchine supportate da OpenSuSE 10.0, ma su cui tale OS può benissimo essere installato. ;) :pInfo su come fare l'installazione sono disponibili al link che porta al forum PPCZone, appunto dedicato alla piattaforma Pegasoshttp://www.ppczone.org/forums/viewtopic.php?t=343:D :)
  • Anonimo scrive:
    linari...
    ...rosicherete per l'eternità mentre noi macachi ci spupazzeremo tutto il meglio del sw & hw esistente a questo globo!ROTFL
  • Anonimo scrive:
    bah
    |Cosa mi frega di Linux se ho Mac Os X? ah gia' Linux e' gratis ed e' una fede
    • Mechano scrive:
      Re: bah
      - Scritto da: Anonimo
      |Cosa mi frega di Linux se ho Mac Os X? ah gia'
      Linux e' gratis ed e' una fedeQuando i Mac diventeranno Intel Apple abbandonerà PowerPC rilasciando solo qualche bug fix e qualche aggiornamento per un periodo non tanto lungo.Senza contare tutti coloro che cercheranno di svendere i PowerMac per i Mactel.Allora ci sarà un'inondazione di computer che nessuno teoricamente vorrà.Per esempio immagina tutti i piccoli server a basso consumo e poco ingombranti che ci fai con un MacMini. Per non parlare degli iMac ed eMac riciclabili per farne aule d'informatica.E che sistema operativo ci puoi mettere su queste macchine?Ecco che Linux sarà in grado di riesumarli, sfruttarli ancora per farci tante cose.__Mr. Mechano
      • Anonimo scrive:
        Re: bah
        se i mac erano famosi per le prestazioni allora verranno usati come scatolette visto che come parli tu significa avere mac vecchi di 5 anni.A questo punto con 300 euro compri una schifezza intel che supera le prestazioni del tuo mac ed utilizza comunque i sistemi operativi mac
        • Mechano scrive:
          Re: bah
          - Scritto da: Anonimo
          se i mac erano famosi per le prestazioni alloraI Mac non sono mai stati famosi per le prestazioni. Anzi sono sempre state alquanto scadenti, specie nei confronti con Pentium ultima generazione guardando benchmark di rendering e applicazione di filtri di Photoshop fatti da siti e riviste super partes.L'unica cosa per cui sono stati famosi i Mac sono il prezzo non commisurato alle reali prestazioni (cosa certamente negativa).L'assistenza costosa e la condizione di cartello dei centri assistenza e rivenditori italiani (anche questa negativa).E l'ergonomia unita allo stile raffinato e ricercato di alcuni modelli.E stando alle lamentele di molti utenti anche la qualità delle macchine e dell'elettornica non è proprio il top...
          verranno usati come scatolette visto che come
          parli tu significa avere mac vecchi di 5 anni.Con Linux i PowerMac diventano ottimi client e server di servizi.Tutt'ora ci si fanno tante cose anche con vecchi x86.E sono molto ricercate anche le varie Sparc Station e Silicon Graphics di 5-6 anni fa.
          A questo punto con 300 euro compri una schifezza
          intel che supera le prestazioni del tuo mac ed
          utilizza comunque i sistemi operativi macMa la tecnologia su cui si basa il progetto non ha importanza.E non sono solo le prestazioni quelle che si guardano quando si deve progettare un'applicazione per una macchina.Un Mac Mini si può appendere al muro in cantina e tramite wireless pilotare videocamere di sorveglianza, fare da firewall, non richiedere manutenzione, essere silenzioso e consumare poca corrente.Un dual G5 ancora ci si può lavorare alla grande con Gimp, oppure anche lui diventare un ottimo server Apache/MySQL.Gli all-in-one come l'eMac sono ottimi come macchine didattiche da dare a ragazzini o mettere su dei tavoli in fila in un'aula didattica o un internet cafè.Quando tu vorrai passare ai nuovi Mactel io sarò lì a offrirti 100 euro per il tuo Mac Mini che tu hai pagato 499 euro. Tu me lo svenderai e dovrai aggiungerci un sacco di soldi per un nuovo Mactel, io avrò risparmiato e avrò avuto un bel serverino o utile client leggero con pochi soldi e da usare con Linux.Chi avrà fatto un affare?__Mr. Mechano==================================Modificato dall'autore il 02/09/2005 0.42.26
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            e poi dopo 2 mesi smette di funzionare.Non sono mobili in noce e la scomodità secondo me non compensa i vantaggi di risparmiare 100 euro (a parte che a 100 euro trovi anche portatili di 2 anni, sempre migliori di un mac di 6 dove non esce più software da una vita)
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            - Scritto da: Anonimo
            e poi dopo 2 mesi smette di funzionare.secondo il tuo parere poco informato di sicuro, peccato che la realtà è altra
            Non sono mobili in noce e la scomodità secondo me
            non compensa i vantaggi di risparmiare 100 euro
            (a parte che a 100 euro trovi anche portatili di
            2 anni, sempre migliori di un mac di 6 dove non
            esce più software da una vita)ma perchè scrivi stupidate?per 100 euro meglio un mini che un portatile di 2 anni per uso desktop.secondo il tuo illuminato parere un mac di 6 anni non ha sw?genio...allora spiega come fa a girare tiger su un mio vecchio mac del 99.spiega come ci girano anche i sw di oggi, a parte quelli che necessitano almeno un G4 (toast 7, FCP, e pochi altri che senza una cpu g4 non si installano)?me lo spieghi per favore?perchè o sono miracolato o scrivi sciocchezze....
    • Anonimo scrive:
      Re: bah
      te ne han già chiuso uno eh?leggi qui, amante dei mac: http://punto-informatico.it/p.asp?i=54706&r=PInotte e domani vai a lavorare
      • Anonimo scrive:
        Re: bah
        - Scritto da: Anonimo
        te ne han già chiuso uno eh?

        leggi qui, amante dei mac:
        http://punto-informatico.it/p.asp?i=54706&r=PI

        notte e domani vai a lavorarevedi la differenza e che Apple vende iWorks a 79$e M$ Office a 500$ circa...con Apple posso permettermi di rispettare la legge e far studiare mio miglio, con M$ devo andare a rubare...poi fai tu...
        • Anonimo scrive:
          Re: bah
          Non solo: puoi far studiare tuo figlio senza la paura di virus o trojan vari che possono collegare un pc a link pedoporografici o telefonare in Nuova Zelanda a tua insaputa.Volenti o nolenti, i computer Apple sono migliori a qualsiasi PC con Windows.
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            Io non uso da tanto il pc...ma almeno da quando c'era il dos 3 e avevo un 8086 con schermo monocromatico....l'ultima volta che ho preso un virus risale a un certo Jerusalem installato con un disco infetto di Zak McKracken....ora ho su winzozz xp e suse....se uno si becca mille virus e trojan o spyware...bhè...vorrà dire che non ha fatto niente per evitarli...voglio vedere quanti che leggono PI (che reputo sicuramente molto superiori alle capacità dell'utonto medio) hanno beccato un virus negli ultimi anni!!!! Pochi....certo, Blaster è stato una manna, questo non lo nego...ma oltre a questo?? Se uno sprovveduto usa windows si impesta di virus....se uno sprovveduto usa linux non sa manco dove partire....forse è ora che lo sprovveduto cerchi di capire come funziona un pc....
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            forse sei tu che non hai capito molto di computer, il 99 % degli utenti sono sprovveduti perche' hanno altro da fare che imparare microsoftica per proteggere i loro computer, sono professionisti, avvocati, medici, musicisti dirigenti impiegati etc e un lavolo loro ce l'hanno gia'.Loro hanno acquistato un prodotto per svolgere dei compiti: disegnare, suonare, far calcoli etc.Invece si ritrovano a patchare os , scannerizzare dischi, updatare antivirus.Nessuno ha intenzione di diventare un esperto di sicurezza informatica. la sicurezza informatica si dovrebbe acquistarla quando si compera l'OS, con Apple e' cosi' con Microsoft no.
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            - Scritto da: Anonimo
            forse sei tu che non hai capito molto di
            computer, il 99 % degli utenti sono sprovveduti
            perche' hanno altro da fare che imparare
            microsoftica per proteggere i loro computer, sono
            professionisti, avvocati, medici, musicisti
            dirigenti impiegati etc e un lavolo loro ce
            l'hanno gia'.
            Loro hanno acquistato un prodotto per svolgere
            dei compiti: disegnare, suonare, far calcoli etc.
            Invece si ritrovano a patchare os , scannerizzare
            dischi, updatare antivirus.
            Nessuno ha intenzione di diventare un esperto di
            sicurezza informatica. la sicurezza informatica
            si dovrebbe acquistarla quando si compera l'OS,
            con Apple e' cosi' con Microsoft no.
            Tu usi apple senza antivirus ovviamente.
          • godzilla scrive:
            Re: bah
            - Scritto da: Anonimo


            Tu usi apple senza antivirus ovviamente.lui non lo so, io sì.salutigodzilla
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            Pure io, Mac OS X Panther da 16 mesi, ADSL 24 ore, zero antivirus, spywares, ecc., e nessunissimo problema di sorta.No blocchi di sistema, no schermate blu, no riavvii strani...So comunque di persone che hanno avuto un sacco di kernel panic; a queste persone posso solo dire:usate RAM di qualità, non usate roba economica per PC, e direte addio ai kernel panic per sempre.Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            forse sei tu che non hai capito molto di

            computer, il 99 % degli utenti sono sprovveduti

            perche' hanno altro da fare che imparare

            microsoftica per proteggere i loro computer,
            sono

            professionisti, avvocati, medici, musicisti

            dirigenti impiegati etc e un lavolo loro ce

            l'hanno gia'.

            Loro hanno acquistato un prodotto per svolgere

            dei compiti: disegnare, suonare, far calcoli
            etc.

            Invece si ritrovano a patchare os ,
            scannerizzare

            dischi, updatare antivirus.

            Nessuno ha intenzione di diventare un esperto di

            sicurezza informatica. la sicurezza informatica

            si dovrebbe acquistarla quando si compera l'OS,

            con Apple e' cosi' con Microsoft no.


            Tu usi apple senza antivirus ovviamente.genio...spiega perché spendere ad oggi soldi per NAV & Co
          • LaNberto scrive:
            Re: bah
            - Scritto da: Anonimo
            Tu usi apple senza antivirus ovviamente.Certo! dovrei installare l'antivirus per non passare eventualmente i virus a quegli altri peones della rete locale con windows? Che me ne frega? Anche perché se mi arrivano mail col virus annesso mi basta cestinarle (sempre che non lo facciano i filtri automatici).Quanto ai virus di word: idem.
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            - Scritto da: LaNberto

            - Scritto da: Anonimo


            Tu usi apple senza antivirus ovviamente.

            Certo! dovrei installare l'antivirus per non
            passare eventualmente i virus a quegli altri
            peones della rete locale con windows? Che me ne
            frega? Anche perché se mi arrivano mail col virus
            annesso mi basta cestinarle (sempre che non lo
            facciano i filtri automatici).

            Quanto ai virus di word: idem.SUPERQUOTO IN PIENO ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: bah

            Tu usi apple senza antivirus ovviamente....a che serve l'antivirus se non esistono virus per Mac OS X?Qui in ufficio ci sono 16 Mac OS X Panther/Tiger da 3 anni, ADSL 24 ore, zero antivirus, spywares, ecc., e nessunissimo problema di sorta.No blocchi di sistema, no schermate blu, no riavvii strani... solo lavoro e divertimento di tanto in tanto...Ciao (apple)
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            - Scritto da: Anonimo
            forse sei tu che non hai capito molto di
            computer, il 99 % degli utenti sono sprovveduti
            perche' hanno altro da fare che imparare
            microsoftica per proteggere i loro computer, sono
            professionisti, avvocati, medici, musicisti
            dirigenti impiegati etc e un lavolo loro ce
            l'hanno gia'.
            Loro hanno acquistato un prodotto per svolgere
            dei compiti: disegnare, suonare, far calcoli etc.
            Invece si ritrovano a patchare os , scannerizzare
            dischi, updatare antivirus.Concordo pienamente
            Nessuno ha intenzione di diventare un esperto di
            sicurezza informatica. la sicurezza informatica
            si dovrebbe acquistarla quando si compera l'OS,
            con Apple e' cosi' con Microsoft no.Bhe il fatto che OS X sia sicuro è da attribuire al fatto che è un OS di nicchia. Che motivo c'è di creare virsu per il 5% del mondo? Un lavoro inutile e non ripagato. Per Amiga OS 4 ci sono virus e balle varie? per Zeta OS ? nessuno si impegna a infettare le nicchie non ne vale la pena.Nessuno sistema è inviolabile e sicuro. Se OS X diventerà un OS diffuso avrà gli stessi problemi di Windows ora.
          • Anonimo scrive:
            NICCHIA????

            Bhe il fatto che OS X sia sicuro è da attribuire
            al fatto che è un OS di nicchia. Che motivo c'è
            di creare virsu per il 5% del mondo? Un lavoro
            inutile e non ripagato. Per Amiga OS 4 ci sono
            virus e balle varie? per Zeta OS ? nessuno si
            impegna a infettare le nicchie non ne vale la
            pena.Ma scusi, secondo lei il 5% del miliardo di computer del mondo è una "nicchia"? Alla faccia! Sono decine di milioni di calcolatori, altro che nicchia! E certamente che ne varrebbe la pena, se solo fosse possibile!
            Nessuno sistema è inviolabile e sicuro. Se OS X
            diventerà un OS diffuso avrà gli stessi problemi
            di Windows ora. Mi scusi, ma in base a quali evidenze può affermarlo? Queste sono pure speculazioni, quelle che in gergo informatico vengono chiamate "trolls".Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: NICCHIA????
            - Scritto da: Anonimo


            Bhe il fatto che OS X sia sicuro è da attribuire

            al fatto che è un OS di nicchia. Che motivo c'è

            di creare virsu per il 5% del mondo? Un lavoro

            inutile e non ripagato. Per Amiga OS 4 ci sono

            virus e balle varie? per Zeta OS ? nessuno si

            impegna a infettare le nicchie non ne vale la

            pena.

            Ma scusi, secondo lei il 5% del miliardo di
            computer del mondo è una "nicchia"? Alla faccia!
            Sono decine di milioni di calcolatori, altro che
            nicchia! E certamente che ne varrebbe la pena, se
            solo fosse possibile!



            Nessuno sistema è inviolabile e sicuro. Se OS X

            diventerà un OS diffuso avrà gli stessi problemi

            di Windows ora.

            Mi scusi, ma in base a quali evidenze può
            affermarlo? Queste sono pure speculazioni, quelle
            che in gergo informatico vengono chiamate
            "trolls".
            le sue speculazioni sono basate sulla non conoscenza dei privilegi d'utente....dal guest al root.
            Saluti


          • LaNberto scrive:
            Re: NICCHIA????
            - Scritto da: Anonimo
            le sue speculazioni sono basate sulla non
            conoscenza dei privilegi d'utente....dal guest al
            root.Privilegi utente? ma se su win registrando un file fuori dalla cartella dell'utente diventa di tutti?! :|
          • Anonimo scrive:
            Re: NICCHIA????
            E non solo: almeno il 90% dei computer Mac sono calcolatori acquistati per lavorare, non per giocare o scaricare mp3.Ciò significa che riuscire a creare un virus per Mac significa mettere in ginocchio un sacco di professionisti, anche di Hollywood, e ciò è quel che spinge un programmatore di virus a scriverli.Eppure, in quattro anni dall'uscita di Mac OS X, nisba.
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            forse sei tu che non hai capito molto di

            computer, il 99 % degli utenti sono sprovveduti

            perche' hanno altro da fare che imparare

            microsoftica per proteggere i loro computer,
            sono

            professionisti, avvocati, medici, musicisti

            dirigenti impiegati etc e un lavolo loro ce

            l'hanno gia'.

            Loro hanno acquistato un prodotto per svolgere

            dei compiti: disegnare, suonare, far calcoli
            etc.

            Invece si ritrovano a patchare os ,
            scannerizzare

            dischi, updatare antivirus.

            Concordo pienamente


            Nessuno ha intenzione di diventare un esperto di

            sicurezza informatica. la sicurezza informatica

            si dovrebbe acquistarla quando si compera l'OS,

            con Apple e' cosi' con Microsoft no.

            Bhe il fatto che OS X sia sicuro è da attribuire
            al fatto che è un OS di nicchia. Che motivo c'è
            di creare virsu per il 5% del mondo? Un lavoro
            inutile e non ripagato. Per Amiga OS 4 ci sono
            virus e balle varie? per Zeta OS ? nessuno si
            impegna a infettare le nicchie non ne vale la
            pena.ma la solita banale e superficiale storiella ogni volta?prova a ripetere "privilegi d'utenza unix".....
            Nessuno sistema è inviolabile e sicuro. Se OS X
            diventerà un OS diffuso avrà gli stessi problemi
            di Windows ora. secondo la tua logica si....secondo quella di chi conosce unix forse non è proprio come la vedi tu.quanto a nessun os è inviolabile e sicuro....finiamola con le ovvietà suvvia
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            forse sei tu che non hai capito molto di

            computer, il 99 % degli utenti sono sprovveduti

            perche' hanno altro da fare che imparare

            microsoftica per proteggere i loro computer,
            sono

            professionisti, avvocati, medici, musicisti

            dirigenti impiegati etc e un lavolo loro ce

            l'hanno gia'.

            Loro hanno acquistato un prodotto per svolgere

            dei compiti: disegnare, suonare, far calcoli
            etc.

            Invece si ritrovano a patchare os ,
            scannerizzare

            dischi, updatare antivirus.

            Concordo pienamente


            Nessuno ha intenzione di diventare un esperto di

            sicurezza informatica. la sicurezza informatica

            si dovrebbe acquistarla quando si compera l'OS,

            con Apple e' cosi' con Microsoft no.

            Bhe il fatto che OS X sia sicuro è da attribuire
            al fatto che è un OS di nicchia. Che motivo c'è
            di creare virsu per il 5% del mondo? Un lavoro
            inutile e non ripagato. Per Amiga OS 4 ci sono
            virus e balle varie? per Zeta OS ? nessuno si
            impegna a infettare le nicchie non ne vale la
            pena.
            Nessuno sistema è inviolabile e sicuro. Se OS X
            diventerà un OS diffuso avrà gli stessi problemi
            di Windows ora. E io rispondo: e chi se ne frega!Non me ne importa una cippa del motivo per cui su osx non ci sono virus: l'importante é che non ci siano!E poi il tuo ragionamento sarebbe facilmente contestabile: secondo me farebbe molto più scalpore un virus per mac osx che l'ennesimo virus per windows!
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            - Scritto da: Anonimo
            Bhe il fatto che OS X sia sicuro è da attribuire
            al fatto che è un OS di nicchia. Che motivo c'è
            di creare virsu per il 5% del mondo? Un lavoro
            inutile e non ripagato. http://www.macitynet.it/macity/aA22402/index.shtmlPerò c'è qualcuno che si prende la briga di scrivere virus che infettano solo 4000 apparecchi ;)Pensaci un secondo, OSX è in giro dal marzo 2001 e a tutt'oggi non s'è vista l'ombra di un virus (o trojan o spyware...), se non UN solo prooof of performance finito in risate.Per qualunque virus writer sarebbe un punto di vanto poter dire di essere il primo a violare l'inviolabile, e invece siamo ancora qui a cercare di vendere gli antivirus per Mac esclusivamente con la scusa di riconoscere e ripulire gli allegati per Windows... :D :D :D
            Nessuno sistema è inviolabile e sicuro. Se OS X
            diventerà un OS diffuso avrà gli stessi problemi
            di Windows ora. Appare ovvio che non conosci né l'uno né l'altro, tantomeno conosci i sistemi di permessi che governano i due s.o. in questione. Leggi, informati, studia, comincia dal termine "root", poi torna qui e smentisci il tuo ultimo post. ;)
          • Anonimo scrive:
            9 --
            Cretidiota....non ci vuole molto per rendere consapevole un utonto e proteggere il proprio pc senza avere una laurea in informatica.....mi pare che un medico, un astronomo, un panettiere etc. sappiano come si usa un'automobile!!! perchè il computer no...visto che una mancanza di sicurezza da parte TUA può impestare la rete di schifezze per tutti gli altri...e non c'è OS che tenga se l'utonto vuole usare senza SAPER USARE
        • Anonimo scrive:
          Re: bah

          vedi la differenza e che Apple vende iWorks a 79$
          e M$ Office a 500$ circa...iWorks: Pages & Keyonote.Office: Word, Excel, PowerPoint ed Access (oltre ad Outllok)Con iWork non hai ne' un foglio di calcolo ne' un dB!Hasta luego, michele.
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            - Scritto da: Anonimo


            vedi la differenza e che Apple vende iWorks a
            79$

            e M$ Office a 500$ circa...

            iWorks: Pages & Keyonote.
            Office: Word, Openoffice : Writer
            Excel,Openoffice : Calc
            PowerPoint Openoffice : presentation
            ed AccessOpenoffice : base (oltre
            ad Outllok)evolution, thunderbird...devo continuare?

            Con iWork non hai ne' un foglio di calcolo ne' un
            dB!

            Hasta luego, michele.Hasta la VISTA, Andrea
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            E' vero anche che, se a me serve solo Word, devo spendere 200 euro, solo per Word.Con iWorks, devo per forza acquistare due programmi, ma almeno si spendono "solo" 79 euro.Ho provato Pages, e mi è sembrato più che sufficiente per redigere una lettera in modo pulito e ordinato.Anche Word lo fa, è ovvio che sia molto più potente.Ma la potenza per scrivere lettere...Se devo trasportare tre valigie per le vacanze, non mi compro di sicuro un tir... non so se mi spiego.Voglio dire che Word ha troppi comandi, ottimi, ma almeno il 70% non sarà MAI usato. Eppure sono comandi che si pagano.
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            - Scritto da: Anonimo


            vedi la differenza e che Apple vende iWorks a
            79$

            e M$ Office a 500$ circa...

            iWorks: Pages & Keyonote.
            Office: Word, Excel, PowerPoint ed Access (oltre
            ad Outllok)Outlook? buono per prendersi un virus... forse dimentichi che OSX ha di serie Mail 2.0 una ottima applicazione con i migliori filtri anti-spam che abbia mai visto.......per non parlare di tutta la suite iLife...
            Con iWork non hai ne' un foglio di calcolo ne' un
            dB!un DB? se ti serve puoi usare MySQL, oppure rivolgerti ad altri (tipo FileMaker) se ti serve.. se ti serve... il 90% di chi usa Office per la tesi, la scuola o il lavoro di Access se ne sbatte!Pages e Keynote sono superiori come funzionalità ai rispettivi Word e Powerpoint, rimane fuori solo Excel, se veramente uscisse iCalc (come dicono alcuni gossip)... addio Office per Mac finalmente!

            Hasta luego, michele.
    • LaNberto scrive:
      Re: bah
      - Scritto da: Anonimo
      |Cosa mi frega di Linux se ho Mac Os X? ah gia'
      Linux e' gratis ed e' una fedeSenza flame: considerato che tutto lo scarso parco software di linux è disponibile per MacOS X, che in più ha il suo parco software (di qualità superiore), installare Linux sul mac ora come ora è davvero un brusco downgrade
      • Anonimo scrive:
        Re: bah
        1 Dal mio punto di vista non è affatto scarso, ma immagino sia questione di punti di vista2 Nessuno ti obbliga, è una scelta personale3 Infatti si parlava di quando ci saranno solo Mactel con TCPA
      • Anonimo scrive:
        Re: bah

        Senza flame: considerato che tutto lo scarso
        parco software di linux è disponibile per MacOS
        X, che in più ha il suo parco software (di
        qualità superiore), installare Linux sul mac ora
        come ora è davvero un brusco downgradeGuarda che Mechano nei post precedenti ha spiegato molto bene quello che si può fare con SO unix like (Linux in primis) su macchine di buona qualità ma datate... probabilmente molti come te non capiscono, perchè non avete interessi in questioni del genere, quindi evitate di postare commenti su cose che non conoscete e non vi interessano.alias, il parco software Unix/Linux è immenso, che poi non ci sia software che fa al caso tuo, probabilmente software desktop di vario tipo, nessuno lo nega, anzi!Molti di voi hanno a che fare con Linux e/o con software unix in generale molto più di quanto potete immaginare e semplicemente non lo sapete...Tanto per fare un esempio, almeno 5 o 6 macchine (non ricordo bene) dei 10 computer più potenti della terra usano Linux come sistema operativo base, gli altri in TOP10 usano comunque SO unix like proprietari... eppure sul 90% dei computer desktop di questo stesso pianeta ci gira tutt'altro software... questione di vedute, di convenienza, di mercato, di quello che ti pare... se milioni fra tecnici, sistemisti, ingegneri, sviluppatori software e hardware, fino a semplici appassionati, apprezzano le qualità di Linux non vedo dove sta il problema per chi usa windows o Mac... senza flame assolutamente! :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: bah

          considerato che MacOS X ha sempre aumentato le
          sue prestazioni anche (e soprattutto) sulle
          macchine vecchie, penso che l'installazione di
          Linux su un mac per molti anni rimanga una
          sottoutilizzazione di un hardware per molti versi
          ottimo e longevo.Ti sei quasi risposto da solo e quindi confermerebbe la tua esperienza nel campo:Però se prendo un mac di 8 anni fa e gli voglio far fare da server è ragionevole pensare a Linux come scelta primaria, soprattutto se si tratta di un server-gateway (mail+proxy+anti-spam ecc.) diverso è il discorso se voglio trasformarlo in server applicativo, postgres o mysql e samba possono andare bene anche su mac osx (penso) bisogna verificare le prestazioni, però per me Linux rimarrebbe scelta prioritaria.Per quello che hai detto sul software applicativo, concordo! e diciamocela tutta:Linux desktop è una forzatura! fin quando non sarà rivoluzionato X sarà difficile che sfondi sulle macchine desktop e sulle workstation di lavoro, fermo restando il fatto che anche qui dipende:La mia macchina personale è un desktop Linux da oltre 5 anni e ne sono molto soddisfatto, uso vmware per farci girare + sessioni di windows, stabilità e velocità sono eccellenti, nonostante i vari fronzoli che tengo aperti sul desktop, ma il mio è un caso particolare, per vari motivi che non sto qui a spiegare, anche se sono a conoscenza di molti developer che lavorano con configurazioni simili alla mia. Comunque al prossimo cambio di macchina non è detto che acquisti un PC...
          • LaNberto scrive:
            Re: bah
            Concordo.Unico appunto: sui mac troppo vecchi (pre G3) l'unico Linux che ci va è il vetusto MKlinux che proprio non vale la pena...
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            - Scritto da: LaNberto
            Concordo.

            Unico appunto: sui mac troppo vecchi (pre G3)
            l'unico Linux che ci va è il vetusto MKlinux che
            proprio non vale la pena...ho un paio di 9600 dual processor 604 con debian/woody in funzione da 4 anni.... debo essemi sbagliato!!cmq appena ho un po'di tempo aggiorno a debian/sarge :)ciaciao
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            - Scritto da: Anonimo

            Però se prendo un mac di 8 anni fa e gli voglio
            far fare da server è ragionevole pensare a Linux
            come scelta primaria, soprattutto se si tratta di
            un server-gateway (mail+proxy+anti-spam ecc.)
            diverso è il discorso se voglio trasformarlo in
            server applicativo, postgres o mysql e samba
            possono andare bene anche su mac osx (penso)
            bisogna verificare le prestazioni, però per me
            Linux rimarrebbe scelta prioritaria.
            Però, scusami una cosa: a quale scopo sviluppare un sistema operativo attuale se poi vale la pena di essere installato soltanto su macchine ormai più che obsolete?
          • Anonimo scrive:
            Re: bah

            su mac osx (penso) bisogna verificare le prestazioni, come db server sono molto inferiori rispetto a linux
      • Anonimo scrive:
        Re: bah

        Senza flame: considerato che tutto lo scarso
        parco software di linux è disponibile per MacOS
        Xsenza flame? e poi mi salti fuori con scarso?!? Ma cosa ne sai tu? é perché non c'é photoshop? o manca Reason o cubasic? allora diventa scarso? in senso di qualità o in quantità, e poi come fai a giudicare tutti i prodotti se non li conosci neanche?!? Mah...
        che in più ha il suo parco software (di
        qualità superiore), installare Linux sul mac ora
        come ora è davvero un brusco downgradeRicordati sempre di aggiungere: per me sarebbe... o secondo me, per le mie necessità, ... sarebbe..Non tutti i programmi sono stati portati per OS X, inoltre per alcuni é uno sbattimento installarli e calcolando che magari non esistono per OS X, un dual boot sarebbe un upgrade!Oppure per esempio ho bisogno di utilizzare linux, ma mi piacciono particolarmente gli i book, perché sarebbe idiota avere una bellissima macchina con un OS leggere e performante un'interfaccia grafica leggera semplice veloce, tutti i programmi che usavo su x86, e il vantaggio rispetto a OS X che i programmi utilizzano le librerie condivise?!?
        • Anonimo scrive:
          Re: bah

          Ricordati sempre di aggiungere: per me sarebbe...
          o secondo me, per le mie necessità, ... sarebbe..

          Non tutti i programmi sono stati portati per OS
          X, inoltre per alcuni é uno sbattimento
          installarli e calcolando che magari non esistono
          per OS X, un dual boot sarebbe un upgrade!
          Hai dimenticato di aggiungere : secondo me.
          Oppure per esempio ho bisogno di utilizzare
          linux, ma mi piacciono particolarmente gli i
          book, perché sarebbe idiota avere una bellissima
          macchina con un OS leggere e performante
          un'interfaccia grafica leggera semplice veloce,
          tutti i programmi che usavo su x86, e il
          vantaggio rispetto a OS X che i programmi
          utilizzano le librerie condivise?!?
          Continui a dimenticare di aggiungere: è un vantaggio secondo me.
    • Anonimo scrive:
      Re: bah
      - Scritto da: Anonimo
      |Cosa mi frega di Linux se ho Mac Os X? ah gia'
      Linux e' gratis ed e' una fedeehm guarda che ppc non viene usato solo sui mac, a suse non potrebbe fregare di meno dei mac, il porting a ppc lo ha fatto per far girare la sua distribuzione sui server ppc della ibm (dove nessuno si sognerebbe mai di infilare macacos x)
    • Anonimo scrive:
      Re: bah

      se ho Mac Os Xprega che tre quattro swhouse non decidanodi portare i loro prodotti su linux altrimenti iltuo "miglior" so (per il marketing) in sei mesiarriva dal 3 allo 0,3 (sui desktop, unico target che ha)
    • Anonimo scrive:
      Re: bah
      - Scritto da: Anonimo
      |Cosa mi frega di Linux se ho Mac Os X? ah gia'
      Linux e' gratis ed e' una fedeCosa ti frega di un cervello se hai una zucca vuota ? ah già un cervello è gratis ed è un optional
Chiudi i commenti