Linux cerca Linux

La fondazione che segue lo sviluppo del pinguino intende diventare il crocevia per lavoratori e aziende che si avvalgono del kernel sviluppato da Linus Torvalds

Roma – Sul sito ufficiale di Linux Foundation, l’organizzazione non profit che sostiene la diffusione del famoso kernel open source, è ora online la sezione jobs dedicata ad immagazzinare i profili di professionisti Linux che saranno poi vagliati dai reclutatori di varie aziende, che a loro volta possono inserire veri e propri annunci di lavoro.

Dal 2005 in poi la domanda per figure professionali con un background Linux è aumentata dell’80 per cento a dimostrazione della sua crescita nel settore IT. “Il crescente utilizzo di Linux a livello industriale sta determinando una grande richiesta di professionisti – ha dichiarato il timonire della Foundation Jim Zemlin – mettendo online la sezione jobs possiamo dare un importante punto di riferimento a chi cerca e offre lavori legati a Linux”.

I datori di lavoro possono rendere note le posizioni vacanti sulla community in due modi: postando semplicemente un avviso su Linux.com , oppure utilizzando JobThread Network, altra sezione del sito ufficiale che rimbalza l’annuncio su più di 50 portali dedicati al lavoro.

A chi il lavoro invece il lavoro lo cerca, non resta che spulciare tra le varie offerte e ottenere un colloquio: al fine di aggiornare le posizioni in tempo reale sono disponibili il feed RSS del portale e il relativo account Twitter.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Dovellas scrive:
    Linux NO grazie.
    Cari linari, spiacente il vostro pinguino non lo vuole nessuno, leggete bene l'articolo, OTTIMIZZATE PER WINDOWS7, quindi GET a Win7, oppure bye bye.
  • attonito scrive:
    NVIDIA cialtrona
    - prima annunciano Fermi, - poi mostrano dei video di test e presentano una scheda Fermi finta, - poi dicono che hanno problemi di resa dei chip, - poi spostano l'uscita da fine 2009 al "prino trimeste 2010", - poi dicono che nel prima trimentre 2010 verranno consegnati i chip (non le schede finali al negozio, i chip a qulle che prducono schede), - poi, colti dal panico, affermano che le DX11 non sono cosi' importanti,- poi non sapendo come allungare il brodo, affermano che le Fermi saranno "abbastanza" piu' veloci delle ATI di punta (senza produrre uno straccio di benchmark), - poi tirano in lungo spostando l'attenzione sui chip mobile, con la solita politica di cambiare nome ad un chip vecchio....il mio promoter finanziario ha molta piu credibilita' di questi qui....
  • Stein Franken scrive:
    REBRANDING
    E' cambiato il nome rispetto a quelle vecchie.Tutto qua.Spin nvidia, spin!
  • r1348 scrive:
    Il lupo perde il pelo...
    Ahem-rebranding-ahem...
Chiudi i commenti