Linux conquista i serveroni Unisys

Fra i maggiori partner di Microsoft nel promuovere Windows come alternativa a Unix, Unisys ha ora scelto di diversificare la propria offerta introducendo la sua prima linea di server Linux con partizionamento dinamico


Milano – Confermando le voci che erano circolate per la prima volta un anno e mezzo fa, il produttore di server Unisys ha di recente avviato la commercializzazione della sua prima linea di sistemi multiprocessore basati su Linux.

La notizia desta particolare interesse a causa del fatto che nel corso del 2002 Unisys varò, insieme a Microsoft , wehavethewayout.com , un sito nato per spiegare alle aziende “come uscire dalla morsa di Unix” e promuovere Windows 2000 quale unica alternativa economica a questa piattaforma. Oggi quel sito non esiste più, ma Unisys rimane una delle più importanti ed anziane partner di Microsoft, una fedeltà che di recente le è valsa il titolo di “Microsoft’s Global Partner of the Year”. Eppure, a bordo di quegli stessi server che oggi dovrebbero dimostrare la superiorità di Windows rispetto a Unix, ha fatto capolino uno dei più minacciosi e prolifici parenti di questo ceppo di sistemi operativi: il Pinguino.

All’interno della propria famiglia di server enterprise ES7000, Unisys ha affiancato ai sistemi con Windows 2000 e Windows 2003 diversi modelli basati su Linux, e in particolare sulle distribuzioni di classe enterprise di Novell/SUSE e di Red Hat. Con queste due società Unisys ha collaborato all’implementazione di quello che definisce il primo esempio di partizionamento dinamico su Linux per server con tecnologia Intel: questa tecnologia, mutuata dai mainframe, è in grado di bilanciare automaticamente le risorse di elaborazione in base alle esigenze, misurate in tempo reale, delle singole applicazioni che girano sul sistema. Se improvvisamente si crea un’elevata richiesta di calcolo da parte di un’applicazione, il server ES7000 su cui è installato Linux è in grado di assegnarle automaticamente risorse supplementari fino a quando le esigenze di utilizzo ritornano a livelli normali.

Unisys sostiene che il partizionamento dinamico è la chiave per rendere i server Intel-based “una nuova e valida alternativa ai costosi sistemi proprietari basati su tecnologia RISC”.

“Quattro anni fa siamo stati i primi a entrare nel mercato Windows di fascia alta e ora è il momento di dare una scossa al mercato Unix/RISC. Offrendo una nuova e decisa alternativa a Unix/RISC, Unisys può svolgere un ruolo di leader nel mercato Linux di classe enterprise”.

I modelli di ES7000 con Linux supportano da 4 a 32 vie e sono disponibili in due diverse serie: la 500, basata sui processori Xeon MP e architettura x86 a 32 bit, e la 400, basata sui processori Itanium 2 a 64 bit. Fa eccezione il modello 560, capace di supportare entrambi i tipi di CPU.

Per conciliare la propria scelta di offrire due differenti piattaforme software, Windows e Linux, Unisys ha rilasciato una nuova versione del proprio sistema di gestione, Server Sentinel, che consente ai responsabili IT di gestire ambienti promiscui attraverso un’unica interfaccia.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma la qualità ?
    Spesso per motivi di lavoro sono costretto a fare molte chiamate internazionali ma la qualità è accettabile ?Qualcuno ha provato a fare intercontinentali ?grazie per le risposte
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma la qualità ?
      - Scritto da: Anonimo
      Spesso per motivi di lavoro sono costretto a
      fare molte chiamate internazionali ma la
      qualità è accettabile ?

      Qualcuno ha provato a fare intercontinentali
      ?

      grazie per le risposteIntercontinentali, urbane, interurbane e cellulari con il mio provider. La qualità è buona.
  • Anonimo scrive:
    Re: Skype: la rivoluzione
    - Scritto da: Anonimo

    La tueba del gas è sempre
    più vicina.

    Per noi o per loro? Se pensi per loro ti
    sbagli: loro si stanno reciclando e stanno
    vincendo grazie a leggi liberticide e
    politici consenzienti. Internet internet: e
    poi finisce che in Cina non puo' parlare
    piu' nessuno e che in Italia lo spauracchio
    Urbani ha ucciso il P2P. Sicuro che la
    stiamo vincendo questa battaglia?Io credo di si Urbani ci puo' fare poco!Fermo restando che sono daccordo sulle tue preoccupazioni.Ma le leggi liberticide non impediscono (non possono semplicemente farlo) ne che i cinesi usino la rete (sia pur rischiando) per dire (e fare) cose fuori "censura".Ne che il p2p cresca (alla faccia di Urbani).

    I signori delle TLC diventano sempre piu'
    ricchi e guadagnano ogni giorni di piu'. Si
    vocifera che lo stesso Berlusconi possa
    vendere le sue reti per acquistare Telecom,
    che ha davanti a se' un futuro piu' roseo. ELa rete non e' fili e' gente! i fili sono un supporto (e non il solo) per il resto!
    per la telefonia mobile ancora peggio, ci
    sono piu' sim che persone.Vale per un sacco di prodotti (non solo le sim) perche' mai le sim ti preoccupano piu' del resto? ;-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Skype: la rivoluzione
    mi sa che hai ragione te, alla fine vincono loro.. piuttosto che farci il sangue amaro conviene procurarsi (anche illegalmente) i soldi per stare al gioco, e amen...
  • Anonimo scrive:
    Re: Biotecnologie, Tecnologia.....

    L'Italia non è seconda a nessuno, dovremmo tutti prenderne coscienzaaspettate, questo troll lo conosco. E' nato ad Acerra e va affermando in giro che la sua citta' e' la piu' bella del mondo!Caro il mio troll, la stragrande maggioranza delle persone va in giro a dire che il posto dove e' nato e' il piu' bello del mondo: scherzi a parte, questo e' vero anche ad Acerra, una citta' di merda.Poi ad Acerra ci sono 3 bambini e un ragazzo di 25 anni che dicono che forse Acerra non e' la citta' piu' bella del mondo e non si lasciano influenzare dal fatto che sono nati li'. 4 persone in tutto.Ammettere i difetti del proprio paese e' una virtu', diversamente essere accecati dagli usi sociali e' ...Beh, qui nessuno dice che l'Inghilterra di Blair e' lo stato migliore possibile: siamo italiani che apprezzano le buone leggi fatte negli altri stati e che tardano ad arrivare in Italia. Fattene una ragione se non urliamo per strada con la sciarpa della nazionale o la maglietta del "lama" addosso ...
  • Alessandrox scrive:
    Re: (OT) Doctor Who
    - Scritto da: Anonimo
    Quella cabina telefonica e' un forte
    deja-vu...
    Chi si ricorda Doctor Who?Che mito....Mi ricordo che da piccolo volevo anche io una sciarpa come la sua.
  • Anonimo scrive:
    Re: Biotecnologie, Tecnologia.....
    - Scritto da: Anonimo
    L'Inghilterra sempre avanti. Qui, invece,
    nel paese delle banane, si pagano 15 cd
    vergini 15 ? quando in Germania te ne
    danno 100 per lo stesso prezzo, si appellano
    le donne che ricorrono all'aborto
    "assassine" forse rimpiangendo cantarella e
    cassonetti differenziati, si rifiuta il
    nucleare con le centrali francesi all'uscio
    di casa ed il prezzo del greggio che vola,
    si pongono mille veti nella ricerca sugli
    embrioni per siamo cattocomunisti fino al
    midollo............e si va verso il medioevo
    giuridico, economico e sociale.

    Alla via così....Confermo!L'italia messa così fa veramente schifo. Tutto quello che abbiamo di buono adesso lo dobbiamo, per la stragrande maggioranza, ai nostri avi. Una buona fetta di cittadini parla e vota senza nemmeno avere una cultura. La maggior parte non legge nemmeno un libro all'anno...ma guarda le veline...e vota bossi.Spero tanto di potermene andare al più presto. E se un giorno mi capiterà di fare concorrenza all'italia non mi tirerò di certo indietro.
  • Anonimo scrive:
    Re: addio video/audio chat gratis
    - Scritto da: Anonimo
    è qui che si vuole arrivare.. oggi
    usi icq/msn/netmeeting e chi + ne ha + ne
    metta per parlare "gratis" (si perchè
    cmq l'abbonamento internet lo paghiamo
    già).. e adesso vogliono cammuffare
    tutto questo come nuovo servizio e farcelo
    pagare a parte.. la comunicazione sta
    diventando solo una tassa in + da pagare..

    aspetto ancora le mail a pagamento (no
    aspetta il nostro governo già ci sta
    lavorando con il suo bollino ciquita)Tu scherzi, invece ci stanno provando davvero. Microsoft ha già brevettato e sta licenziando i diritti sull'message-id. Proprio il tag che i server smtp usano nelle email!Adesso la licenza è gratutita (ma abbastanza restrittiva da dare fastidio alle licenze GPL); ma quanto durerà?Tra poco, appena il mondo si sarà adattato, tale licenza non sarà più gratuita. E tanti saluti alle email gratis!Che bello...Radel
    • Anonimo scrive:
      Re: addio video/audio chat gratis
      - Scritto da: Anonimo


      Tu scherzi, invece ci stanno provando
      davvero. Microsoft ha già brevettato
      e sta licenziando i diritti sull'message-id.
      Proprio il tag che i server smtp usano nelle
      email!
      Adesso la licenza è gratutita (ma
      abbastanza restrittiva da dare fastidio alle
      licenze GPL); ma quanto durerà?
      Tra poco, appena il mondo si sarà
      adattato, tale licenza non sarà
      più gratuita. E tanti saluti alle
      email gratis!

      Che bello...
      RadelMi sono reso conto che il mio scritto non è chiaro a chi non sa già la questione. I mesasge-id "tradizionali", assegnati un po' alla ca**o dai server smtp è naturalmente gratis. Ma M$ si è inventato un modo per certificare anche quello. E la versione certificata è brevettata M$.Chiaramente farà parte di Exchange, e ho paura che il resto del mondo si adeguerà ciecamente (stupidamente).L'unica speranza è che la licenza sia tanto restrittiva da scoraggiare molti ad applicare il nuovo standard proprietario, nonostante la licenza sia gratuita (come già hanno fatto Debian e Apache-SpamAssassin).Radel
      • Anonimo scrive:
        Re: addio video/audio chat gratis

        Mi sono reso conto che il mio scritto non
        è chiaro a chi non sa già la
        questione. I mesasge-id "tradizionali",
        assegnati un po' alla ca**o dai server smtp
        è naturalmente gratis. Ma M$ si
        è inventato un modo per certificare
        anche quello. E la versione certificata
        è brevettata M$.

        Chiaramente farà parte di Exchange, e
        ho paura che il resto del mondo si
        adeguerà ciecamente (stupidamente).
        L'unica speranza è che la licenza sia
        tanto restrittiva da scoraggiare molti ad
        applicare il nuovo standard proprietario,
        nonostante la licenza sia gratuita (come
        già hanno fatto Debian e
        Apache-SpamAssassin).

        RadelCome e' possibile che si possa brevettare una simile vaccata ? Ma chi ci crede ? Osso di Seppia
  • Anonimo scrive:
    Re: Biotecnologie, Tecnologia.....
    - Scritto da: Anonimo
    Perchè non emigri allora?
    Quelli come te dovrebbero provare a vivere
    in un paese straniero, per rimpiangere poi
    il proprio. Nessuno è immune da
    difetti, la differenza è che, mentre
    loro fanno il possibile per nasconderli, in
    Italia invece si fa di tutto per metterli in
    evidenza, per il piacere di lamentarsi, in
    una sorta di incomprensibile autolesionismo.
    L'Italia non è seconda a nessuno,
    dovremmo tutti prenderne coscienza.
    Quanto alle raccomandazioni, mafie, ecc. che
    tu citi, sono certo che tu per primo, nella
    tua vita, non hai mancato di cercare una
    raccomandazione per un posto di lavoro, per
    il servizio militare, o per ottenere un
    qualche vantaggio in generale. E' un costume
    diffuso, che io non approvo ma c'è e
    nessuno può dirsene immune. Quindi
    ripeto: perchè non te ne vai??????appena posso emigro, stanne certo
  • TADsince1995 scrive:
    Re: Un giorno non lontano...
    - Scritto da: Anonimo
    renderenno illegale skypeAnche io lo temo, ma sono curioso di sapere cosa si inventeranno per dire che è illegale! In fondo condividiamo solo la voce, non dei file mp3!!! A meno che non dicano che la tua voce ha bisogno del bollino SIAE non possono proprio dire nulla...Staremo a vedere...TAD
    • Anonimo scrive:
      Re: Un giorno non lontano...
      che mondo triste ci stiamo facendo... :
    • Anonimo scrive:
      Re: Un giorno non lontano...
      Semplice, brevetteranno l'IDEA e così ce lo metteranno nel paiolo a tutti...Ingenuo 2001- Scritto da: TADsince1995

      - Scritto da: Anonimo

      renderenno illegale skype

      Anche io lo temo, ma sono curioso di sapere
      cosa si inventeranno per dire che è
      illegale! In fondo condividiamo solo la
      voce, non dei file mp3!!! A meno che non
      dicano che la tua voce ha bisogno del
      bollino SIAE non possono proprio dire
      nulla...

      Staremo a vedere...

      TAD
  • LaNberto scrive:
    Re: (OT) Doctor Who
    - Scritto da: Anonimo
    Quella cabina telefonica e' un forte
    deja-vu...

    Chi si ricorda Doctor Who?io, mannaggia: pagherei per rivederlo!
    • Anonimo scrive:
      Re: (OT) Doctor Who
      - Scritto da: LaNberto

      - Scritto da: Anonimo

      Quella cabina telefonica e' un forte

      deja-vu...



      Chi si ricorda Doctor Who?

      io, mannaggia: pagherei per rivederlo!Su Internet si trovano DVD di intere stagioni...Anche io lo sto cercando.
  • Anonimo scrive:
    Re: Biotecnologie, Tecnologia.....
    - Scritto da: Anonimo
    Perchè non emigri allora?
    Quelli come te dovrebbero provare a vivere
    in un paese straniero, per rimpiangere poi
    il proprio. Nessuno è immune da
    difetti, la differenza è che, mentre
    loro fanno il possibile per nasconderli, in
    Italia invece si fa di tutto per metterli in
    evidenza, per il piacere di lamentarsi, in
    una sorta di incomprensibile autolesionismo.
    L'Italia non è seconda a nessuno,
    dovremmo tutti prenderne coscienza.
    Quanto alle raccomandazioni, mafie, ecc. che
    tu citi, sono certo che tu per primo, nella
    tua vita, non hai mancato di cercare una
    raccomandazione per un posto di lavoro, per
    il servizio militare, o per ottenere un
    qualche vantaggio in generale. E' un costume
    diffuso, che io non approvo ma c'è e
    nessuno può dirsene immune. Quindi
    ripeto: perchè non te ne vai??????Premessa : non sono l'anonimo di prima.Domanda : perchè non ti suicidi? ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: NO alla regolamentazione del VoIP
    ultimo miglio wirless illegale ? ma sul serio ? e gente come questi che fanno ? http://www.trivenet.it/chiudono baracca ?
    • Anonimo scrive:
      Re: NO alla regolamentazione del VoIP
      - Scritto da: Anonimo
      ultimo miglio wirless illegale ? ma sul
      serio ? e gente come questi che fanno ?
      www.trivenet.it /
      chiudono baracca ?Trivenet ha acquistato all'asta una licenza WLL per il Veneto, a parte il costo della licenza stessa, che per il Veneto è probabilmente nell'ordine di 200.000 euro annuali, c'è il costo dei ponti radio WLL a 24GHz e oltre che costano dai 20.000 ai 30.000 euro l'uno. Se devi coprire un nuovo comune occorre comprarne 3, due per il punto-punto e uno per la connessione con gli utenti finali. Un kit di connessione per l'utente finale costa sui 7/8000 euro.Licenza + apparati portano questa soluzione ad un livello di costo per cui risulta impensabile utilizzarla per fare concorrenza ad ADSL.Il wi-fi local loop presenta costi che sono 1/10 di quelli indicati dalla licenza WLL e, alla fine, prestazioni simili, soprattutto considerando Wimax.
      • Anonimo scrive:
        Re: NO alla regolamentazione del VoIP
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ultimo miglio wirless illegale ? ma sul

        serio ? e gente come questi che fanno ?

        www.trivenet.it /

        chiudono baracca ?

        Trivenet ha acquistato all'asta una licenza
        WLL per il Veneto, a parte il costo della
        licenza stessa, che per il Veneto è
        probabilmente nell'ordine di 200.000 euro
        annuali, Tu sei uno di quelli che parla per "sentito dire" giusto?
        c'è il costo dei ponti radio
        WLL a 24GHz e oltre che costano dai 20.000
        ai 30.000 euro l'uno. Costano circa 3mila euro l'uno, per ponti radio fino a 30km.
        Se devi coprire un
        nuovo comune occorre comprarne 3, due per il
        punto-punto e uno per la connessione con gli
        utenti finali. Questo accade solo per ripetere il segnale dove non ci sono spot (ponte), negli altri casi il segnale viene trasmesso e ripetuto utilizzando il medesimo apparato.
        Un kit di connessione per
        l'utente finale costa sui 7/8000 euro.Scheda wifi e antenna direzionale con preamplificatore di basso wattaggio (la "potenza" ricetrasmittiva e' spostata tutta sull'hotspot), circa 300 euro ...ma siccome ci magnano sopra immagino che ti facciano pagare un 500 euro (non so i prezzi precisi), mi spieghi dove cavolo hai cacciato sti 8mila euro? AHO' ! Sono quasi sedici milioni delle vecchie lire.. ti ci compri un'auto non una scheda wifi.
        Licenza + apparati portano questa soluzione
        ad un livello di costo per cui risulta
        impensabile utilizzarla per fare concorrenza
        ad ADSL.Se proprio volevi trovare i costi, li dovevi ricercare nella manutenzione della rete non nel costo degli apparati e delle licenze. Il WiFi e' il modo piu' conveniente e performante per far concorrenza all'ADSL... tra l'altro una rete WiFi da zero costa MOLTO MENO di una rete ADSL (a partire dagli impianti).
        Il wi-fi local loop presenta costi che sono
        1/10 di quelli indicati dalla licenza WLL e,
        alla fine, prestazioni simili, soprattutto
        considerando Wimax.Su questo sono d'accordo, ma solo quando e' presente gia' una infrastruttura "wired" libera, in Italia non esiste.
        • Anonimo scrive:
          Re: NO alla regolamentazione del VoIP

          Tu sei uno di quelli che parla per "sentito
          dire" giusto?Ho paura che tu sia invece di quelli che sono convinti di essere dei consulenti in networking dopo aver collegato due PC con il cavo USB...http://www.comunicazioni.it/it/index.php?Mn1=4&Mn2=116Ti riporto un brano interessante..."In Italia sono state anche assegnate alcune licenze WLL (?Wireless Local Loop?) regionali nel 2002 a 13 operatori, che stanno realizzando reti di accesso alternative con collegamenti radio punto-multipunto, ma, per motivi sia tecnici che economici, la tecnologia WLL sembra destinata ad essere confinata in aree molto ristrette per utilizzo della clientela affari, e si configura quindi essenzialmente come una tecnologia complementare rispetto alle altre tecniche di accesso in alcune nicchie di mercato. Sono inoltre in fase di valutazione l?applicazione di nuove tecniche radio per l?accesso tra cui il WMAX e l?IPERLAN2, con lo scopo essenziale di garantire una migliore sicurezza e qualità di servizio."


          c'è il costo dei ponti radio

          WLL a 24GHz e oltre che costano dai
          20.000

          ai 30.000 euro l'uno.

          Costano circa 3mila euro l'uno, per ponti
          radio fino a 30km.Sei sicuro che stiamo parlando della stessa cosa? Non ho scritto 2,4GHz, ma 24 GHz. Tu compri un apparato come questo a 3000 euro? Dammi il numero del tuo ricettatore di fiducia..http://www.microwave.harris.com/products/truepoint/


          Se devi coprire un

          nuovo comune occorre comprarne 3, due
          per il

          punto-punto e uno per la connessione
          con gli

          utenti finali.

          Questo accade solo per ripetere il segnale
          dove non ci sono spot (ponte), negli altri
          casi il segnale viene trasmesso e ripetuto
          utilizzando il medesimo apparato.
          Prova a farlo anche solo due volte e vedrai i risultati. Quelli che si collegano sull'ultimo della serie andranno talmente di merda da rimpiangere un modem 56k. Quante connessioni aveva la più grande rete che hai gestito?

          Un kit di connessione per

          l'utente finale costa sui 7/8000 euro.

          Scheda wifi e antenna direzionale con
          preamplificatore di basso wattaggio (la
          "potenza" ricetrasmittiva e' spostata tutta
          sull'hotspot), circa 300 euro ...ma siccomeNON PARLAVO DI WI-FI, IGNORANTE, parlo di ponti microonde.Basta ragazzini saccentelli
  • Anonimo scrive:
    Re: Biotecnologie, Tecnologia.....

    L'Italia non è seconda a nessuno,
    dovremmo tutti prenderne coscienza.Ricerca quasi 0.Licenze comprate all'estero praticamente tutto.Flop e fallimenti clamorosi tanti, tanti schiaffi da ricercatori e ing finiti a lavorare all'estero per fame (x86 anyone?).Che un sacco di italiani si siano fatti onore è vero ma la maggior parte di questi ha potuto esprimere il suo potenziale solo emigrando in paesi trainanti e non trainati, e questo non fa certo onore alla "razza" italica (è la necessità che aguzza l'ingegno, non la razza) nè all'Italia come stato che li ha costretti ad emigrare e che non ha saputo cogliere le loro potenzialità.Insomma, nessun posto lega i cani con le salsicce, ovunque c'è povertà e bisogna darsi da fare, ma guarda al nostro modo di lavorare e ricercare, noi siamo un paese che è trainato (vuoi per la geopolitica, vuoi perchè i nostri politici appartengono al gradino più basso dell'evoluzione umana), non trainante, acquistiamo licenze e brevetti più di quelli che produciamo, facciamo scappare i talenti invece che venderli a caro prezzo, copiamo i modelli di businness e management stranieri.... insomma, acquistiamo tutto ciò che è leadership e sviluppo anzichè coltivare i nostri talenti, con l'effetto aggiuntivo di farli scappare e rientrare nel circolo vizioso di tecnologie e tecniche che in futuro dovremo acquistare o subire invece che vendere.
  • Anonimo scrive:
    Re: Biotecnologie, Tecnologia.....
    - Scritto da: Anonimo
    L'Inghilterra sempre avanti.Si, avantissimo! La sola connettivita' broadband (da ADSL in poi) e' meno espansa di quella italiana! E non parlo di paesini sul cucuzzolo, ma persino di citta' come Londra.Ma voi basta che date addosso alla vostra nazione (SEMPRE e COMUNQUE) va sempre bene.La repubblica delle banane la "fate" voi... banane!
    • Anonimo scrive:
      Re: Biotecnologie, Tecnologia.....
      - Scritto da: Anonimo
      - Scritto da: Anonimo

      L'Inghilterra sempre avanti.

      Si, avantissimo! La sola connettivita'
      broadband (da ADSL in poi) e' meno espansa
      di quella italiana! E non parlo di paesini
      sul cucuzzolo, ma persino di citta' come
      Londra.Parlando proprio di Londra quello che dici non è vero, su un unico cavo ti portano contemporaneamente:- televisione gratuita- paytv- telefono- internet
      Ma voi basta che date addosso alla vostra
      nazione (SEMPRE e COMUNQUE) va sempre bene.
      La repubblica delle banane la "fate" voi...
      banane!No guarda l'unica banana sei tu in quanto se a Londra costa tanto avere il macchinone figo, parlare al cellulare ed avere un megabit di banda adsl è perché probabilmente quella gente lavora e paga i servizi per quello che servono a loro, perché la maggiorparte non vive di furberie, connivenze, favori, mafie e assistenzialismo come troppo spesso succede qua.Sempre parlando di Londra, e riferendomi a quanto tu hai tirato in ballo, la differenza è che la nostra sarebbe formalmente una repubblica "fondata" sul lavoro, la realtà è che mentre loro sono sudditi solo formalmente e cittadini di fatto di un paese di importanza mondiale, noi siamo invece sudditi della nostra italietta e lo siamo per davvero.Quelli sono avanti di dieci anni e più, è lo stesso che dire che noi siamo indietro dieci anni e più, e il tuo post lo dimostra chiaramente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Biotecnologie, Tecnologia.....
        Perchè non emigri allora?Quelli come te dovrebbero provare a vivere in un paese straniero, per rimpiangere poi il proprio. Nessuno è immune da difetti, la differenza è che, mentre loro fanno il possibile per nasconderli, in Italia invece si fa di tutto per metterli in evidenza, per il piacere di lamentarsi, in una sorta di incomprensibile autolesionismo. L'Italia non è seconda a nessuno, dovremmo tutti prenderne coscienza.Quanto alle raccomandazioni, mafie, ecc. che tu citi, sono certo che tu per primo, nella tua vita, non hai mancato di cercare una raccomandazione per un posto di lavoro, per il servizio militare, o per ottenere un qualche vantaggio in generale. E' un costume diffuso, che io non approvo ma c'è e nessuno può dirsene immune. Quindi ripeto: perchè non te ne vai??????
      • Anonimo scrive:
        Re: Biotecnologie, Tecnologia.....
        - Scritto da: Anonimo

        Parlando proprio di Londra quello che dici
        non è vero, su un unico cavo ti
        portano contemporaneamente:

        - televisione gratuita
        - paytv
        - telefono
        - internetPensa che ce l'ho pure io in Italia queste cose... ke fikata eh? Ma non mi permetterei MAI di dire che in Italia sono disponibili a tutti.. quindi se tu te ne vai al centro di Londra e io al centro di Milano e' un conto, se me ne vado in periferia sto meglio a Milano che a Londra.Una persona in Texas non puo' avere nemmeno l'ISDN ma non per questo mi azzerderei di dire che in USA la connettivita' fa schifo (!).Riassumendo quindi: la situazione GENERALE in Italia e' una delle migliori in Europa, col tasso di crescita (connettivita' broadband) maggiore secondo solo alla Francia.
        No guarda l'unica banana sei tu in quanto se
        a Londra costa tanto avere il macchinone
        figo, parlare al cellulare ed avere un
        megabit di banda adsl è perché
        probabilmente quella gente lavora e paga i
        servizi per quello che servono a loro,
        perché la maggiorparte non vive di
        furberie, connivenze, favori, mafie e
        assistenzialismo come troppo spesso succede
        qua.Ecco, tu sei una "pecora"... le famose banane di cui parlavo. Italia = mafia, pizza, mandolino.
        Quelli sono avanti di dieci anni e
        più, è lo stesso che dire che
        noi siamo indietro dieci anni e più,
        e il tuo post lo dimostra chiaramente.TU sarai indietro di dieci anni... io sto MOLTO meglio dei miei "colleghi" che incontro ogni sera su internet per lavoro o per gioco.Ieri sentivo al telegiornale l'ultima indagine sul lavoro compiuta in USA: il 70% dei lavoratori dichiara di essere soddisfatto del proprio lavoro ...se facessero lo stesso sondaggio in Italia, si lamenterebbero pure quelli che guadagnano 10mila euro al mese (!). Capisci la differenza? E' la VOSTRA mentalita'. Sono anch'io italiano, ma come ammetto che le cose non funzionano (quando non funzionano) ho pure il "coraggio" di ammettere il contrario... VOI no, dovete sempre e comunque sputare sul piatto dove mangiate. Seguite il consiglio gia' datovi: EMIGRATE ..e andate a fare i barboni a Londra e New York per poi ritornarvene da mamma e papa' in Italia a mangiare pizza e suonare il mandolino.Good Bye (tanto per farvi abituare almeno alla lingua).
    • Anonimo scrive:
      Re: Biotecnologie, Tecnologia.....
      - Scritto da: Anonimo
      - Scritto da: Anonimo

      L'Inghilterra sempre avanti.

      Si, avantissimo! La sola connettivita'
      broadband (da ADSL in poi) e' meno espansa
      di quella italiana! E non parlo di paesini
      sul cucuzzolo, ma persino di citta' come
      Londra.
      Ma voi basta che date addosso alla vostra
      nazione (SEMPRE e COMUNQUE) va sempre bene.
      La repubblica delle banane la "fate" voi...
      banane!ma non dire cazzate
  • Anonimo scrive:
    Skype: la rivoluzione
    E' un'idea tanto geniale quanto semplice: coniugare l'IM con il telefono. Grazie alla diffusione della banda larga, Skype sta diventando un successo senza precedenti (se non pochi) nella storia di Internet. Il problema, se di problema si tratta, è che la sua esistenza va ad intaccare seriamente gli interessi di molte compagnie telefoniche che, in un prossimo futuro si vedranno private della possibilità di tirare il collo ai clienti per le telefonate internazionali, nazionali, interurbane ed interdistrettuali (sic!), almeno in Italia :) Personalmente uso Skype quotidianamente con estrema soddisfazione e non posso che salutare con gioia questa innovazione che porterà un beneficio concreto a tutti e che se sarà gestita in modo saggio e pragmatico, porterà anche molti soldi in tante tasche. Contrariamente invece vedremo un altro gigante, quello delle TLC, dopo le Major dell'intrattenimento musicale, sgomitare per il loro posto alla canna del gas, affaccendarsi pateticamente in tutti i modi per frenanre l'evoluzione del progresso tecnologico.Ve lo dico oggi: fra 10 anni Internet avrà completato la sua rivoluzione sociale, nel bene e nel male. Le Major del disco si ricicleranno e si ridimensioneranno se non troveranno il modo di distribuire, insieme ai cd posti in vendita a caro prezzo, anche i semi per la pianta degli zecchini d'oro.I soldi son finiti........ non c'è più trippa per gatti. Un settore che elemosina sulle suonerie per i telefoniniè destinato ad avere vita breve.La tueba del gas è sempre più vicina.
    • Anonimo scrive:
      Re: Skype: la rivoluzione
      spero tu abbia ragione ma non sottovalutare la potenza del lobby e l'appoggio legislativo che ne possono guadagnare. che ce vo, una leggina e saluti a skype...
    • Anonimo scrive:
      Sono d'accordo
      E certo, mentre i dinosauri istituzionali cominciano ad accorgersi che qualcosa sta cambiando e addirittura danno un prefisso (bontà loro) al voIP il vulgo informatico tesse per conto suo le future reti telefoniche.E se i lobby delle multinazionali fanno approvare una leggina per chiudere Skype? Sono giá pronti progetti interamente open source che fanno telefonia e video conferenza per Internet, come per esempio xmeeting previsto per il Mac Intosh, ma che essendo scritto in C++ può almeno in teoria essere portato su tanti altri sistemi operativi.http://sourceforge.net/projects/xmeeting/E ce ne sono pure tanti altri; vai a http://sourceforge.net/search/ e inserisci voip nella casellina di ricerca. Quando ci sarà un numero sufficiente di utenti (massa critica) non sará più possibile chiudere tutto un movimento e i dinosauri o si adatteranno ai tempi o si estingueranno. :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Skype: la rivoluzione
      Mah, reputo il successo di Skype + dovuto alle tante belle recensioni che ha ricevuto che alla innovazione del progetto vero e proprio ... ricordo quando col 56k si utilizza NetPhone e similari ... in realta' Skype, come i piu' famosi, ha l'handicap di adottare una soluzione proprietaria e quindi l'interoperabilita' con software alternativi va a farsi benedire ...Skype ha di buono che la comunicazione e' cifrata e un po' di privacy fa sempre piace, certo e' che ci sono gnome-meeting e MSN Messenger che offrono la videoconferenza gia' da un pezzo ...
      I soldi son finiti........ non c'è più trippa per gatti. Un settore che elemosina sulle suonerie per i telefoniniè destinato ad avere vita breve.Sicuro? Invece e' un business solido. Motorola ha gia' stretto accordi con Apple, dalle suonerie presto si passa agli mp3 perche' gli attuali cellulari sono gia' ottimi player mp3. L'operazione di "muta" sta riuscendo molto bene.
      La tueba del gas è sempre più vicina.Per noi o per loro? Se pensi per loro ti sbagli: loro si stanno reciclando e stanno vincendo grazie a leggi liberticide e politici consenzienti. Internet internet: e poi finisce che in Cina non puo' parlare piu' nessuno e che in Italia lo spauracchio Urbani ha ucciso il P2P. Sicuro che la stiamo vincendo questa battaglia?I signori delle TLC diventano sempre piu' ricchi e guadagnano ogni giorni di piu'. Si vocifera che lo stesso Berlusconi possa vendere le sue reti per acquistare Telecom, che ha davanti a se' un futuro piu' roseo. E per la telefonia mobile ancora peggio, ci sono piu' sim che persone.
  • Anonimo scrive:
    Biotecnologie, Tecnologia.....
    L'Inghilterra sempre avanti. Qui, invece, nel paese delle banane, si pagano 15 cd vergini 15 € quando in Germania te ne danno 100 per lo stesso prezzo, si appellano le donne che ricorrono all'aborto "assassine" forse rimpiangendo cantarella e cassonetti differenziati, si rifiuta il nucleare con le centrali francesi all'uscio di casa ed il prezzo del greggio che vola, si pongono mille veti nella ricerca sugli embrioni per siamo cattocomunisti fino al midollo............e si va verso il medioevo giuridico, economico e sociale.Alla via così....
  • Anonimo scrive:
    addio video/audio chat gratis
    è qui che si vuole arrivare.. oggi usi icq/msn/netmeeting e chi + ne ha + ne metta per parlare "gratis" (si perchè cmq l'abbonamento internet lo paghiamo già).. e adesso vogliono cammuffare tutto questo come nuovo servizio e farcelo pagare a parte.. la comunicazione sta diventando solo una tassa in + da pagare..aspetto ancora le mail a pagamento (no aspetta il nostro governo già ci sta lavorando con il suo bollino ciquita)
  • Anonimo scrive:
    Re: Un giorno non lontano...
    - Scritto da: Anonimo
    renderenno illegale skypeFosse solo quello, renderanno illegale anche parlare alla persona che hai di fronte, occorrerà sempre farlo al telefono!Hai fatto caso alle campagne alla televisione "Con noi parli gratis per due ore...", invece di "telefoni gratis"?Non promette nulla di buono...
  • Anonimo scrive:
    Un giorno non lontano...
    renderenno illegale skype
  • Anonimo scrive:
    NO alla regolamentazione del VoIP
    Anche AGCOM, ha dato il via alle consultazioni "pubbliche". Le prime dichiarazioni non promettono nulla di buono http://www.ilsole24ore.com/fc?cmd=art&artId=513639&chId=30Ormai in tutto il mondo varie agenzie governative stanno tentando di mettere una tassa o in alcuni casi rendere illegale l'utilizzo di Internet per telefonare.Dopo averla presa in quel posto con regole assurde come quelle che vietano il wi-fi ultimo miglio, probabilmente gli italiani si concentreranno sul tempo (che ormai occupa metà dei telegiornali), sul costo del gelato, della pizza, della cartella (come se non sapessimo già quello che costano le cose).L'unica cosa che devono fare le authority, sono delle regole tecniche minime del servizio (identificazione chiamante per i numeri di emergenza, intercettazione chiamate e privacy) ed imporre la chiarezza di comunicazione verso l'utente dei limiti di disponibilità del servizio.Per il resto bisogna solo lasciare che la competizione e l'innovazione portino ai consumatori servizi innovativi e convenienti.
  • Anonimo scrive:
    (OT) Doctor Who
    Quella cabina telefonica e' un forte deja-vu...Chi si ricorda Doctor Who?
Chiudi i commenti