Linux finalmente a 64 bit

Red Hat anticipa tutti e rilascia la prima distribuzione Linux a 64 bit. Sebbene si tratti di una versione Alpha, questo darà modo agli sviluppatori open source di prendere confidenza con il nuovo ambiente


Web – Sviluppata all’interno del Trillian Project, Red Hat ha recentemente pubblicato on-line la prima versione alpha della sua distribuzione Linux interamente a 64 bit.

Dedicata agli sviluppatori open source, questa prima release porta in seno un kernel e driver completamente a 64 bit, inclusi tutta una serie di strumenti di sviluppo, quali compilatori e librerie.

Red Hat ha affermato che grazie alla sua tempestività e a quella di Intel, che ha rilasciato proprio qualche giorno fa le specifiche integrali di Itanium, gli sviluppatori potranno iniziare da subito a creare applicazioni a 64 bit prendendo nel contempo confidenza con il nuovo ambiente.

Il codice della distribuzione può essere liberamente scaricato dal sito FTP di Red Hat, sebbene l’azienda ne raccomandi per il momento l’utilizzo solo agli sviluppatori davvero interessati.

Secondo Red Hat, Linux per IA-64 punterà da subito ai server hi-end entrando in concorrenza diretta con gli Unix commerciali e con Windows 2000 a 64 bit: un futuro a cui sembrano credere anche big del calibro di Intel, HP, Dell e Compaq.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti