Linux Foundation aggiorna LSB

La giovane organizzazione non profit dedicata alla promozione di Linux ha rilasciato un update della specifica Linux Standard Base, ora corredata di una più sofisticata suite di strumenti per il testing

San Francisco (USA) – Dopo aver completato i processi burocratici che sottendono la costituzione di ogni nuova organizzazione non profit, ultimo dei quali la formazione del consiglio di amministrazione , Linux Foundation ha iniziato ad operare a pieno regime. Tra i primi risultati di questa attività c’è la pubblicazione, avvenuta il giorno di Pasqua, di un aggiornamento della specifica Linux Standard Base ( LSB ) 3.1.

La più importante novità di LSB 3.1 Update 1 è data dal Distribution Teskit (DTK), una suite di strumenti per eseguire test di conformità a sistemi operativi Linux-based e applicazioni. Il toolkit comprende tutti i tool già inclusi nel preesistente Application Testkit e vi aggiunge, fra le altre cose, un’interfaccia grafica web-based con cui è possibile gestire e lanciare i vari test.

DTK è il primo frutto di una partnerhip fra Linux Foundation e la Russian Academy of Sciences per la creazione di un completo framework di testing open source capace di integrare in modo più stretto il processo di sviluppo con quello di certificazione e di ridurne i costi. L’organizzazione prevede di investire nel progetto alcuni milioni di dollari.

“Perché uno standard sia effettivo è necessario corredarlo di una potente e usabile infrastruttura di test”, ha dichiarato Jim Zemlin, executive director di Linux Foundation. “Il nostro framework di testing avrà queste caratteristiche e consentirà all’ecosistema Linux di collaborare e testare il codice mentre questo viene scritto: così facendo si incrementerà la qualità e si metterà gli ISV nella condizione di ridurre i costi e ottenere un più efficiente feedback dall’ecosistema Linux”.

Lo sviluppo di LSB è iniziato diversi anni or sono in seno a Free Standards Group, la stessa organizzazione che all’inizio dell’anno si è fusa con Open Source Development Labs per dar vita a Linux Foundation. L’obiettivo di questa specifica è migliorare l’interoperabilità tra le applicazioni e le distribuzioni Linux, consentendo agli sviluppatori di far girare i propri programmi su più versioni di Linux utilizzando un solo pacchetto software. LSB è oggi supportata da alcune decine di distribuzioni, tra le quali Red Hat Linux, SUSE Linux, Debian, Ubuntu, Xandros e Mandriva.

Linux Foundation è già al lavoro sulle prossime major release di LSB , la 3.2 e la 4.0, che tra le altre cose introdurranno il supporto ai linguaggi dinamici Perl e Python, integreranno un insieme di API standard per la stampa sotto Linux e il packaging delle applicazioni, e miglioreranno gli aspetti della specifica dedicati al multimedia.

La scorsa settimana hanno fatto il loro ingresso nella fondazione tre nuove società , tra le quali Nokia : il gigante dei telefonini sta già utilizzando Linux come base della propria piattaforma di sviluppo mobile Maemo .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Prunella Ballor scrive:
    Extreme...
    ...ovviamente si riferisce al prezzo.
  • Anonimo scrive:
    prestazioni Intel, moneybench AMD
    bene bene chi vuole spendere ad avere il top può andare con Intelchi vuole risparmiare e avere quasi il top può stare con AMDbella questa sfida a colpi di ribasso, entro la fine dell'anno mi sa che mi scappa il PC nuovo :)
    • Anonimo scrive:
      Re: prestazioni Intel, moneybench AMD
      - Scritto da:
      bene bene chi vuole spendere ad avere il top può
      andare con
      Intel
      chi vuole risparmiare e avere quasi il top può
      stare con
      AMD

      bella questa sfida a colpi di ribasso, entro la
      fine dell'anno mi sa che mi scappa il PC nuovo
      :)Idem. Athlon64 X2 5000+ o superiore, purché a 65nm e prezzo basso, e mobo con chipset AMD 690G, così ho già la grafica on board molto più veloce del mio attuale Radeon 9250 e posso eventualmente upgradarla in seguito se non mi basta ancora.
      • Anonimo scrive:
        Re: prestazioni Intel, moneybench AMD
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        bene bene chi vuole spendere ad avere il top può

        andare con

        Intel

        chi vuole risparmiare e avere quasi il top può

        stare con

        AMD



        bella questa sfida a colpi di ribasso, entro la

        fine dell'anno mi sa che mi scappa il PC nuovo

        :)

        Idem. Athlon64 X2 5000+ o superiore, purché a
        65nm e prezzo basso, e mobo con chipset AMD 690G,
        così ho già la grafica on board molto più veloce
        del mio attuale Radeon 9250 e posso eventualmente
        upgradarla in seguito se non mi basta
        ancora.Un PC con motherboard chipset i965P, Core2Duo E6300 e scheda video ATI o Nvidia di fascia medio-bassa costa praticamente uguale ed è molto più stabile e veloce.
        • Anonimo scrive:
          Re: prestazioni Intel, moneybench AMD
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          bene bene chi vuole spendere ad avere il top
          può


          andare con


          Intel


          chi vuole risparmiare e avere quasi il top può


          stare con


          AMD





          bella questa sfida a colpi di ribasso, entro
          la


          fine dell'anno mi sa che mi scappa il PC nuovo


          :)



          Idem. Athlon64 X2 5000+ o superiore, purché a

          65nm e prezzo basso, e mobo con chipset AMD
          690G,

          così ho già la grafica on board molto più veloce

          del mio attuale Radeon 9250 e posso
          eventualmente

          upgradarla in seguito se non mi basta

          ancora.

          Un PC con motherboard chipset i965P, Core2Duo
          E6300 e scheda video ATI o Nvidia di fascia
          medio-bassa costa praticamente uguale ed è molto
          più stabile e
          veloce.Dati alla mano non mi risulta, e con questo ribasso ora AMD costa meno di intel dalla fascia media in giù.Certo, se consideriamo la fascia alta, gli Athlon FX, allora hai ragione, se prendiamo la fascia medio-alta, con gli Athlon 5600+ e 6000+, ma ancora a 90nm, allora ora il prezzo è OK, ma i consumi troppo alti e non li considererei finché non fossero prodotti a 65nm, quindi anche lì per ora ti dò ragione.Ma la fascia media e bassa, coi nuovi listinihttp://www.digitimes.com/systems/a20070409VL203.htmle finalmente prodotti a 65nm è di nuovo di AMD.
    • Anonimo scrive:
      Re: prestazioni Intel, moneybench AMD
      - Scritto da:
      bene bene chi vuole spendere ad avere il top può
      andare con
      Intel
      chi vuole risparmiare e avere quasi il top può
      stare con
      AMD

      bella questa sfida a colpi di ribasso, entro la
      fine dell'anno mi sa che mi scappa il PC nuovo
      :)Ma di che parli ? Le CPU Core di Intel costano meno di AMD sulla stessa fascia di prestazioni. Le CPU AMD sono indietro di oltre 2 anni oramai rispetto ad Intel. I P4 di Intel erano un disastro con i core Prescott ma da quando sono rinsaviti dando pieni poteri alla divisione Centrino in Israele ed hanno cambiato tutte le linee desktop e server sulle evoluzioni di Centrino non c'è storia.
  • Anonimo scrive:
    Ottime notizie!
    AMD taglia i prezzi.E' sempre più vicino il momento in cui troverò un 64 X2 almeno 5000+ a meno di 100, cioè quanto voglio avere al prezzo che voglio spendere, per non spennarmi e al tempo stesso avere un incremento di prestazioni consistente rispetto al mio attuale PC.
Chiudi i commenti