Linux lo fa con Windows

Il nuovo kernel 2.6.20 di Linux è il primo ad integrare la neonata tecnologia di virtualizzazione KVM, capace di far girare più copie di Linux e Windows sullo stesso PC. Pronti anche para-virtualizzazione e supporto PS3

Roma – La scorsa domenica, mentre l’America era paralizzata dal Super Bowl , Linus Torvalds ha annunciato la disponibilità di una nuova e importante versione del kernel di Linux, la 2.6.20. Questa release solleva attenzione per l’inclusione di una giovane tecnologia di virtualizzazione, KVM (Kernel-based Virtual Machine), parzialmente basata sull’emulatore open source QEMU .

Sviluppato dalla startup Qumranet , KVM è un modulo per il kernel di Linux che, similmente a quanto fanno programmi come VMware, Bochs e Virtual PC, permette di creare una o più macchine virtuali in cui far girare versioni non modificate di Linux, Windows o Open/Free BSD. Ad ogni macchina virtuale vengono assegnate una serie di risorse hardware virtualizzate, quali scheda di rete, hard disk, scheda video ecc.

A differenza degli hypervisor esterni, che assumono il controllo della macchina e dividono le risorse tra i sistemi operativi guest, KVM è parte di Linux ed utilizza il suo stesso scheduler dei processi e lo stesso sistema di gestione della memoria. “Ciò significa – si legge nelle FAQ del software – che KVM è molto più compatto e semplice da utilizzare”. Interessante notare, ad esempio, che le macchine virtuali create con KVM sono normali processi gestibili attraverso comandi come top , kill e taskset .

KVM supporta le architetture x86 a 32 e 64 bit ed è in grado di sfruttare le tecnologie di virtualizzazione in hardware presenti su alcune delle più recenti CPU di Intel (Vanderpool) e AMD (Pacifica). L’interfaccia utente del modulo è una versione modificata di QEMU, mentre i principali formati d’immagine supportati sono qcow, raw e VMware.

Al momento KVM supporta come guest le distribuzioni Linux a 32 e a 64 bit e Windows a 32 bit. La compatibilità con Windows x64 dovrebbe arrivare con l’imminente rilascio di QEMU 0.8.3 e la conseguente fusione del suo codice in KVM. Gli sviluppatori non hanno poi escluso la possibilità, in futuro, di fare un porting di KVM per Windows : su questa piattaforma il software di Qumranet perderebbe il vantaggio della profonda integrazione con il kernel, ma la sua natura open source potrebbe comunque favorirne la diffusione.

All’inizio di gennaio il sito Phoronix.com ha pubblicato i risultati di alcuni test che hanno messo a confronto le performance di una versione preliminare di KVM, quella integrata nel kernel 2.6.20-rc6, con Xen e QEMU.

KVM può essere installato anche nelle versioni del kernel Linux precedenti alla 2.6.20, ma comunque non più vecchie di un anno, scaricando il package da SourceForge.net .

Il nuovo kernel 2.6.20 include anche una seconda tecnologia di virtualizzazione che implementa la cosiddetta paravirtualizzazione , una tecnica capace di massimizzare le performance delle macchine virtuali a fronte però della necessità di modificare il sistema operativo guest. Tra i software che nel prossimo futuro potrebbero avvantaggiarsi di questo nuovo componente vi sono Xen e VMware.

Del nuovo kernel si cita infine il supporto, seppure ancora parziale, alla console da gioco PlayStation 3 . Le altre novità si trovano elencate e descritte in questa pagina del sito KernelNewbies.org .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • painlord2k scrive:
    Governi dittatoriali e illiberali
    La maggior parte di questi paesi è nella condizione in cui si trova perché viene governata da governi dittatoriali che trattano il paese e le sue risorse come se fossero la loro proprietà privata.Quindi non permettono a nessuno di competere per fornire ogni genere di servizi.Il governo o gli amici del governo hanno un monopolio garantito (per legge o per forza) su ogni genere di servizio o di commercio.I pochi paesi che si sono aperti alla globalizzazione in modo reale sono quelli dove l'economia si è sviluppata di più e la gemte sta meglio.
  • Anonimo scrive:
    a volte siamo come l'africa
    basta essere a 20 km a sud di milanoe non esiste piu la banda larga (adsl , wireless o altro)in alcun comune al di sotto dei 10.000 abitanti...e io faccio il pendolare anche per questo..
Chiudi i commenti