Linux, Oracle dona codice per la data integrity

Oracle ha donato agli sviluppatori del kernel di Linux il codice di una soluzione di classe enterprise per la protezione dell'integrità dei dati

Roma – Oracle ha donato alla comunità open source il codice di una tecnologia per la protezione dell’integrità dei dati che, a suo dire, contribuisce a rendere Linux un sistema operativo di classe enterprise, capace di rivaleggiare testa a testa con gli Unix commerciali.

Sviluppato in collaborazione con il produttore di hardware Emulex , il codice donato da Oracle alla comunità di Linux fornisce “una completa soluzione per la data integrity” capace di verificare l’integrità dei dati quando questi vengono trasferiti dall’applicazione al database e dal sistema operativo Linux a un dispositivo di archiviazione.

“Aggiungendo ulteriori controlli di integrità al kernel di Linux, questo codice contribuisce ad eliminare la corruzione silente dei dati, riduce la possibilità che dati non corretti vengano scritti sul disco e riduce gli errori delle applicazioni e dei database e i down-time di sistema”, ha spiegato Oracle in questo comunicato .

Il codice di Oracle ed Emulex è stato approvato per l’integrazione del kernel 2.6.27 di Linux, e le due partner hanno già avviato un programma che aiuterà i clienti a sfruttare i nuovi meccanismi di data-integrity all’interno delle proprie soluzioni di storage.

Il noto produttore di database afferma che il proprio codice rappresenta la prima implementazione dello standard T10 Protection Information Model per un sistema operativo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pino scrive:
    HA HA HA
    E dire che c'è anche un proverbio:"Chi troppo vuole nulla stringe" :
    • omissis scrive:
      Re: HA HA HA
      Sicuramente yahoo ha pagato la resistenza all'offerta a microsoft: avendo perso la fiducia degli investitori non voglio immaginare che aria tirasse ai piani alti in questi mesi... Ora mi auguro che riescano a riorganizzarsi e rilanciarsi, nel web(come in ogni altro luogo), più concorrenza c'è meglio è.
Chiudi i commenti