Linux, se è standard avrà il certificato

Le specifiche standard emanate dalla Linux Standards Base possono finalmente concretizzarsi in un processo di certificazione teso a rendere interoperabili le varie distribuzioni. Quale ruolo per UnitedLinux?


Roma – Il Free Standards Group ( FSG ), organizzazione indipendente e no-profit che promuove standard basati su tecnologie open source, ha annunciato il varo di un programma di certificazione che si avvarrà di un’autorità indipendente per verificare se una distribuzione Linux o un’applicazione scritta per questo sistema operativo rispetti le specifiche sviluppate in seno alla Linux Standards Base ( LSB ).

L’obiettivo della LSB, che circa sei mesi fa ha rilasciato le specifiche 1.1 , è quello di sviluppare e promuovere un insieme di standard che incrementino la compatibilità fra le varie distribuzioni Linux e garantiscano che le applicazioni possano installarsi e girare indifferentemente su ogni sistema conforme allo standard.

Fra i membri della LSB si trovano i nomi delle principali società che distribuiscono Linux – fra cui SuSE, Red Hat, Caldera e Turbolinux – e quelli di importanti produttori di computer, come HP, Dell e IBM.

“La certificazione è essenziale per i fornitori e gli sviluppatori di distribuzioni Linux e applicazioni Linux-based”, si legge in un comunicato dello FSG. “Garantisce a utenti e clienti che il software certificato aderisce quanto più possibile ai nostri standard. Fornisce le fondamenta attraverso cui garantire che un’applicazione certificata funzioni con qualsiasi distribuzione certificata o conforme alla LSB”.

FSG ha delegato la gestione delle certificazioni a The Open Group, un’organizzazione con già una certa esperienza nel settore delle certificazioni per l’interoperabilità.

L’avvio del progetto di certificazione rappresenta un importante passo verso l’effettiva applicazione delle specifiche della LSB da parte di tutti i principali distributori e sviluppatori di Linux. Una mossa che secondo Scott McNeil, direttore esecutivo dello FSG, contribuirà a spingere Linux sul mercato enterprise e ad incrementare la fiducia delle aziende verso un mondo, quello di Linux, spesso dipinto come frammentato e diviso.

McNeil sostiene che l’applicazione di uno standard per l’interoperabilità fra distribuzioni faciliterà sensibilmente anche il lavoro degli sviluppatori, che non dovranno più dibattersi fra differenti formati di pacchettizzazione, struttura delle directory, file di configurazione e quant’altro, che oggi caratterizza il mercato Linux.

Di recente si è venuta ad affiancare agli sforzi della FSG l’ iniziativa UnitedLinux , un cartello di quattro distributori – Caldera, SuSE, Turbolinux e Conectiva – che intende dar vita ad una versione unificata di Linux con cui conquistare il mercato aziendale e contrastare lo strapotere di Red Hat.

Sebbene le quattro aziende perseguano scopi simili a quelli della LSB, ovvero fare in modo che le proprie distribuzioni possano essere pienamente interoperabili fra loro, la loro iniziativa ha un sapore ben più commerciale. Dal momento del suo annuncio ad oggi UnitedLinux ha già collezionato numerose bocciature eccellenti, da quella di Richard Stallman , padre della Free Software Foundation, a quella di grossi distributori come MandrakeSoft. Quest’ultima, in particolare, attraverso un lungo documento pubblicato qui spiega che il suo rifiuto ad aderire a UnitedLinux nasce fondamentalmente da due ragioni: la filosofia chiusa e commerciale che pervade l’iniziativa e la mancanza di vantaggi per MandrakeSoft.

“Il primo concetto alla base di UnitedLinux – si legge nel documento pubblicato da MandrakeSoft – è la falsa idea che Linux, come Unix negli anni ’80 – sia diviso e divergente. La campagna di comunicazione che sta conducendo UnitedLinux, e persino il suo stesso nome, suggeriscono che questo fenomeno stia verificandosi all’interno della comunità Linux. (…) Andrebbe fatto notare che il mondo Unix ha fallito (IBM AIX, HP-UX, SCO Unix, Digital Unix, SGI IRIX, Sun Solaris, etc.) quando ha tentato di raggiungere una definizione di standard comune. Comunque, il mondo di Linux non funziona nello stesso modo di quello di Unix”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Stallman si starà rivoltando nella tomba!!!
    Puah!
    • Anonimo scrive:
      Re: Stallman si starà rivoltando nella tomba!!!
      - Scritto da: [TROLL-detected]
      Puah!Per forza che il Profeta si sta rivoltando, sono già passati 3 giorni da quando è morto e quindi vuole uscire
  • Anonimo scrive:
    Grande cosa !
    Signori, uso opera su linux da una vita e devo dire che le ultime versioni funzionano proprio bene !Unico difetto è il dovre usare il plugin del jre 1.3.1 (l'1.4.x non riesco a farlo andare) ma non è un grosso problema.Di opera mi piace soprattutto la possibilità di aprire molte finestre direttamente dentro all'applicazione e di ritrovarmele aperte quando chiudo e riapro il browser.Per ilr esto è veloce, stabile e leggero, come su uindous.Insomma Linux + WindowMaker + Opera = SPETTACOLO !!!Niente a che vedere con altri OS commericali ultracostosi pesantissimi !E poi volete sapere quanto tempo ho perso ad aggiornare opera dalla ver 6.01 alle 6.02 ?10 secondi !!!RPM -Fvh opera-ecceteraCredo che Linux stia rapidamente arrivando alla soglia critica di usabilità affinchè possa essere installato anche su desktop casalinghi per utenti medi.Sammarò !!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Grande cosa !
      - Scritto da: Memo Remigi
      Signori, uso opera su linux da una vita e
      devo dire che le ultime versioni funzionano
      proprio bene !ma non e' free
      di aprire molte finestre direttamente dentro
      all'applicazione e di ritrovarmele aperte
      quando chiudo e riapro il browser.basta non chiudere il browser e usarne uno free io non chiudo mozilla dalla M3 e funziona perche' era in debian/stable quindi testato
      • Anonimo scrive:
        Re: Grande cosa !
        - Scritto da: Linucs
        ma non e' freeVabbè !Se un prodotto è fatto bene non vale forse la pena usarlo e magari pagarlo anche ?Non sono per il free a tutti i costi anche se riconosco che è molto bello avere sw free.
        basta non chiudere il browser e usarne uno
        free io non chiudo mozilla dalla M3 e
        funziona perche' era in debian/stable quindi
        testatoEhehe, è vero che teoricamente con linux non serve riavviare mai e quindi neanche chiudere il browser, ma a me piace provare le novità, quindi anche i kernel e perciò ogni tanto riavvio.
        • Anonimo scrive:
          Re: Grande cosa !
          - Scritto da: Memo Remigi

          ma non e' free
          Vabbè !
          Se un prodotto è fatto bene non vale forse
          la pena usarlo e magari pagarlo anche ?io infatti ho pagato la debian $5000 anche se e' free nel senso di free speech
          se riconosco che è molto bello avere sw
          free.ma free = libero
          le novità, quindi anche i kernel e perciò
          ogni tanto riavvio.io uso la stable quindi faccio il reboot ogni capodanno cinese dell'anno del drago
    • Anonimo scrive:
      Re: Grande cosa !
      - Scritto da: Memo Remigi
      Di opera mi piace soprattutto la possibilità
      di aprire molte finestre direttamente dentro
      all'applicazione e di ritrovarmele aperte
      quando chiudo e riapro il browser.concordo, è veramente una feature comodissima, ed è anche per questo che Opera è il mio browser predefinito (e quello da cui sto scrivendo ora :)Cmq un piccolo appunto, anche Mozilla ha la possibilità di aprire più pagine in una stessa finestra, io dopo una vita che usavo Mozilla me ne sono accorto solo l'altra sera ;DD
      • Anonimo scrive:
        Re: Grande cosa !
        Si è vero, anche Mozilla lo fa, ma non te le riapre dopo averlo riavviato :(
        • Anonimo scrive:
          Re: Grande cosa !
          - Scritto da: Memo Remigi
          Si è vero, anche Mozilla lo fa, ma non te le
          riapre dopo averlo riavviato :(Galeon mi par di si...
  • Anonimo scrive:
    Konqueroror sara e forse e' il migliore
    Lo sto usando da una settimana 3.0.2Ho installato plugin realaudi e flashmi sto esaltando per la velocita' e la facilita' d'uso....sono finito per caso su sito cinese impressionanti gli ideogrammi senza nessun download di font
    • Anonimo scrive:
      Re: Konqueroror sara e forse e' il migliore
      - Scritto da: Pino Pallino
      Lo sto usando da una settimana 3.0.2
      Ho installato plugin realaudi e flashsinceramente non mi swta dando grandi soddisfazioni.Continuo a preferirgli decisamente Opera
  • Anonimo scrive:
    uffa...
    c'è ancora Linucs in giro...
  • Anonimo scrive:
    Fantastico!!!
    Io gia' uso opera su windows, trovo la cosa molto positiva opera e' un fantastico browser
  • Anonimo scrive:
    Chi diceva che open e close non possono convivere?
    CDS
  • Anonimo scrive:
    Speriamo che...
    questa collaborazione porti ad uno sviluppo veloce di opera sotto linux, che al momento rimane piuttosto al di sotto degli altri browser open source, soprattutto come rendering (che tra l'altro è il punto di forza dei brows basati su gecko)..... speriamo ci lavorino un po su...
  • Anonimo scrive:
    GPL ? Sì , grazie
    perche dovrei sporcare la mia distro linux (tra le altre cose visti i miglioramenti che stanno facendo i browser gia presenti) con Opera? è buona ok , ma la metterei solo al posto di explorer su windows su linux la concorrenza è ben altra .......penso
    • Anonimo scrive:
      Re: GPL ? Sì , grazie
      - Scritto da: bgbgbg
      perche dovrei sporcare la mia distro linux
      (tra le altre cose visti i miglioramenti che
      stanno facendo i browser gia presenti) con
      Opera? Nessuno ti obbliga ad installarlo, di norma è tra le opzioni disponibili ma non obbligatorie... Non è mica Windows e Internet Explorer qui :-)Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: GPL ? Sì , grazie
        - Scritto da: MaurizioB
        - Scritto da: bgbgbg

        perche dovrei sporcare la mia distro linux

        (tra le altre cose visti i miglioramenti
        che

        stanno facendo i browser gia presenti) con

        Opera?

        Nessuno ti obbliga ad installarlo, di norma
        è tra le opzioni disponibili ma non
        obbligatorie... Non è mica Windows e
        Internet Explorer qui :-)esatto. e se una distribuzione adottasse le stesse tecniche anti-competitive potrei passare ad un'altra.Questo è il vero mercato
      • Anonimo scrive:
        Re: GPL ? Sì , grazie
        - Scritto da: MaurizioB
        Nessuno ti obbliga ad installarlo, di norma
        è tra le opzioni disponibili ma non
        obbligatorie... Non è mica Windows e
        Internet Explorer qui :-)ROTFL!Esatto!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: GPL ? Sì , grazie
      Forse sono io che ho una linobox un po' vecchiotta ma Galeon e Konqueror mi paiono ancora un po' "bambini"... un po' lenti e poco reattivi!Non parliamo di Mozilla e Netscape, congenitamente pakidermici!A dire il vero io con Opera mi trovo benone sotto ogni sistema, sia Win o GNU/Linux!E' veloce e pratico... l'unica pecca che ha è che non è open source... ma solo una domanda: a prescindere dalle ovvie implicazioni filosofico/culturali che differenziano l'open dal proprietario... quanti di voi hanno mai scorso il codice di Konqueror, Galeon o Mozilla?W l'open ma w anche i software proprietari fatti bene! ^_^ perchè no?Saluti a tutti
    • Anonimo scrive:
      Re: GPL ? Sì , grazie
      Io invece penso che sia una cosa fantastica, visto anche l'utilizzo di Opera da parte di molti pinguini.Sinceramente io preferisco Mozilla, ma sono in molti ad usare Opera soprattutto per la sua leggerezza e velocità. Poi devi considerare che per chi ha un computer datato, Opera è la manna dal cielo...
    • Anonimo scrive:
      Re: GPL ? Sì , grazie
      SuSE è una delle distribuzioni più commenrciali che ci sono (E NON E' UN DIFETTO), quindi se la stai usando non dovresti certo essere preoccupato di GPL/non GPL...
    • Anonimo scrive:
      Re: GPL ? Sì , grazie
      ma infatti qui ci vuole della pulzzia etnica anche tra le licenze- Scritto da: bgbgbg
      perche dovrei sporcare la mia distro linux
      (tra le altre cose visti i miglioramenti che
      stanno facendo i browser gia presenti) con
      Opera?
      è buona ok , ma la metterei solo al posto di
      explorer su windows
      su linux la concorrenza è ben altra ...

      ....penso

Chiudi i commenti