LinuxNews/ Un ambiente di sviluppo per Python

TheKompany ha rilasciato BlackAdder, un ambiente di sviluppo visuale cross-platform per Python che gira sia sotto Linux che sotto Windows


TheKompany , un produttore e distributore di software Linux Open Source e commerciale, ha annunciato il rilascio di BlackAdder. BlackAdder è un ambiente di sviluppo visuale la cui forza è racchiusa nell’ambiente visuale di progettazione comprensivo di debugging, di evidenziazione (con diversi colori) della sintassi, dell’interfaccia ODBC e nell’estesa documentazione. Ma soprattutto con tale strumento è possibile generare delle applicazioni che girano sia sotto Linux sia sotto Windows! Ciò è stato reso possibile dalla potenza e dalla flessibilità di Python , nato come linguaggio multi-piattaforma.

L’ambiente visuale (la GUI) si avvale delle librerie grafiche della QT (le librerie che sono alla base del KDE), mentre per quanto riguarda l’ODBC si avvale del prodotto multi-piattaforma per Python conosciuto come mxODBC .

BlackAdder è disponibile in due edizioni: “Personal” e “Business” che costano rispettivemente 79,99$ e 399,99$. Entrambe le versioni contengono lo stesso software, l’unica differenza sta nella capacità di creare software proprietario per la vendita.

Con la versione “Business” qualunque applicazione potrà essere rivenduta senza dover pagare nessuna royalty, al contrario della versione “Personal”, orientata agli hobbisti e agli studenti.

A cura di , Soluzioni Open-Source

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti