Lo spam lo riconosci dall'opt-out

Botta e risposta con un lettore che si vede invaso dalle email non richieste. Checché se ne dica in Europa, l'opt-out è spam. Ecco perché


Roma – Venerdì me ne sono arrivate più del solito e ho così deciso di scrivervi. Parlo delle lettere di posta elettronica inviate al sottoscritto da gente che si ostina a riempirmi la casella.

Vi faccio un breve elenco del tipo di cose che raggiunge la mia mailbox senza che io lo abbia mai richiesto (tra l’altro mi arrivano anche su un indirizzo che non utilizzo se non con alcune – poche – persone di mia conoscenza):

1. Newsletter bimestrale su marketing e comunicazione
2. Annuncio di nuove offertissime per l’acquisto di PC
3. Listino prezzi vantaggiosissimi di una tipografia
4. Email bufala, di quelle di cui parlate qui su PI (e infatti non ci ho fatto molto caso, e ho avvertito chi me l’ha mandata del granchio che ha preso)
5. Annuncio erotico “proibitissimo” per un sito porno
6. Offerta in dollari per l’acquisto di non so quanti milioni di indirizzi email
7. Proposta di stampare e imballare CD “a prezzi mai visti” (!!)
8. Annuncio di raccolta fondi per una tipa di Siracusa (?)

Queste sono solo alcune delle lettere che mi sono arrivate in questi giorni. Ora, io capisco che c’è uno dei due indirizzi che ho che sia bersagliato da questa gente perchè magari appare su qualche newsgroup o in qualche mailing list (anche se lo uso anche lì molto di rado). Non capisco però come cavolo facciano ad arrivarmi sull’altro indirizzo (che ho su un provider di Free Internet).

Ma non è neppure questo. Vi ho infatti scritto per chiedervi se secondo voi una email che arriva senza che io l’abbia chiesto, che ha chiari scopi commerciali (tipo “compra”, “acquista”, “clicca” o “cliccami”) e che come a me è stata inviata a tanti (almeno credo) sia da considerare spam, che per me vuol dire spazzatura.

Premetto che molti di questi messaggi offrono la possibilità di cancellare il proprio indirizzo dalle newsletter (le chiamano così).

Grazie per quello che fate. Cordiali saluti

Tommaso Di Santandrea
(per contattare Tommaso scrivere alla redazione


Ciao Tommaso,

nei giorni scorsi con la scelta di Bruxelles di lasciare ai singoli paesi ogni decisione in merito all’opt-out, anche l’Europa ha deciso di appoggiare quello che a tutti gli effetti va classificato come spam: cioè l’invio di una email commerciale o propagandistica ad un utente che non l’ha richiesta esplicitamente.

Il fatto che all’interno di quelle email sia “offerta” la possibilità di cancellare il proprio indirizzo dalla mailing list di chi l’ha inviata non cambia la situazione. Anzi, qualsiasi esperto dell’antispam ti suggerirebbe di non rispondere mai ad uno spammer per chiedere di cancellare il tuo indirizzo: gli forniresti infatti soltanto la conferma che quell’indirizzo email esiste e viene utilizzato. E finiresti per ricevere ancora più posta elettronica indesiderata.

Questo diabolico meccanismo deve purtroppo ancora essere recepito con la dovuta chiarezza nelle leggi italiane sulla privacy, unico “baluardo”, se così si può chiamare, contro una quantità di abusi che soprattutto in rete prendono di mira gli utenti. Baluardo di certo non sufficiente, come dimostrano le nostre intasatissime mailbox.

L’opt-out, ovvero la possibilità di non ricevere più email da certi spammer, che alcuni di loro propagandano all’interno delle email spammatorie, è un meccanismo che talvolta viene abbracciato da uomini marketing senza scrupoli ma che non ha alcuna giustificazione.

Come mi ha recentemente scritto Steve Linford, forza motrice del gruppo antispam Spamhaus : “Opt-out e spam sono la stessa cosa, non c’è differenza. Opt-out è il sistema che abbiamo già da anni, ed è la causa dello
spam. Chi manda spam oggi lo fa dicendo: Io ti mando tutto lo spam che voglio, a tue spese, finché tu non fai come dico e di nuovo a spese tue mi preghi di togliere uno dei tuoi 5 indirizzi dalla mai lista, lista che ho gia venduto ieri ad altri 50 spammer.”

Senza voler entrare in argomenti pure importanti come il fastidio di vedersi riempire la mailbox, l’oscenità contenuta in messaggi che non vorremmo far vedere ai nostri bambini e altro ancora, rimane infatti il problema del costo.

L’opt-out per l’utente e per i provider che gestiscono mail server usati dai propri clienti rappresenta un costo per ogni singola email. Ed è evidente che fino a quando lo spammer non sarà in grado di coprire questo costo, per i provider e non solo per gli utenti il meccanismo dell’opt-out rimarrà una scelta impossibile (anche se parrebbe che vi sia almeno una eccezione ).

Per giudicare, d’altra parte, basta guardare ai numeri. E’ stato calcolato che se anche solo l’uno per cento delle aziende europee inviasse una unica email spammatoria agli utenti internet europei, tutti noi occuperemmo dalle 5 alle 6 ore per cancellare lo spam dalla nostra mailbox. Se poi pensassimo ad una email all’anno per ogni sito internet anche solo italiano e ci aggiungessimo qualche partito politico perderemmo probabilmente, e semplicemente, l’uso della posta elettronica. (Su questo le previsioni sono fosche: secondo MessageLabs tra virus, worm e spam nel 2010 si rischia il collasso).

Dunque è senz’altro evidente, volendo sintetizzare, ma per capirci, che l’invio di migliaia di email non richieste dai destinatari (la cosiddetta “bulk email”) è un’operazione di spam, che ingolfa la rete ed estrae soldi dal portafoglio altrui. Che poi all’utente sia data una possibilità per evitare successivi invii è troppo spesso una trappola, una tecnica di guerrilla marketing (leggi il bellissimo commento di Simonetta Zandiri Crisi online? Tempo di Guerrilla Marketing ) perché possa essere considerato “un diritto”…

La risposta è dunque sì, non c’è dubbio che l’opt-out sia classificabile come spam a tutti gli effetti. Quando si riceve è buona norma ricorrere, laddove possibile e dove attivo (cosa purtroppo tutt’altro che frequente), all’abuse del provider presso il quale il sito pubblicizzato o il mittente dell’email trova ospitalità per i propri servizi.

Un saluto,

Paolo De Andreis

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    9 su 10
    E' possibile che 9 clienti su 10 di un'azienda che si autoproclama "la migliore di tutte", abbiano avuto dei problemi di generi diversi? (me compreso e per lavoro di lamentele ne ho sentite parecchie)Mi sà tanto che questa azienda sia troppo furba...
  • Anonimo scrive:
    Ma fatti furbo!
    E' proprio per colpa di gente come te per cui le flat in Italia non avranno mai successo, La tua connessione immagino sia dialup con un bel modem 56Kb e tu te ne stavi bello connesso 24 ore su 24 vero???Complimentoni....Tanto tra te e te ti dicevi:"ho risolto tutti i problemi della mia vita, vado lento sì, ma sto quanto voglio!"ma bravo complimenti...Se tu pensi che questa sia furbizia...Mai sentito parlare di connessioni always-on?Si bravo l'adsl per esempio....un metodo un pò più efficace per una connessione 24/24...Secondo me wind ti ha trattato fin troppo bene..anzi avresti pure dovuto pagare i danni a tutti quegli altri utenti che non si potevano connettere....
  • Anonimo scrive:
    Anch'io un problema analogo
    Ho avuto anch'io un problema analogo a Giovanni Verrua, anche se nel mio caso non si trattava di Flat. Per cercare di uscire da una stuazione disperata di un contratto Tin it e vai, con sconnessioni al pop di Tin it di Firenze anche ogni 40 secondi con addebito ogni volta di 100 lire in bolletta, pacchetto in garanzia, computer cambiato e nuovo, cambiato nuovamente modem, problema rimasto, senza che da Tin it avessero mai risposto alla mia raccomamdata del settembre 2000, dovendo continuamente pagare bollette esagerate e incontrollate a Telecom, che come dicevano loro non è Tin it!, avevo fatto a setembre un abbonamento a Wind che almeno non ha le 100 lire di scatto alla risposta. Ho avuto questa sorpresa che ho segnalato sotto forma di reclamo e richiesta di chiarimento il 9 gennaio 2001 al loro fax verde 800915844 e inviato per posta eletronica per conoscenza alle Associazioni di Consumatori, Aduc, Adusbef, Codacons, Comitato Vittime Sip -Telecom. "Ho un contratto con voi dal settembre scorso e uso premettere il 1088 ai miei numeri di telefono, l'avevo anche messo nella connessione al pop di Tin.it di Firenze numero 055 507913, che sconnette continuamente ogni minuto e mezzo di media, a giudicare dai tabulati Telecom. Vorrei sapere come mai mi è arrivata una ultima fattura Telecom, relativa a ottobre novembre 2000, con tutti gli scatti al pop fatturati da loro. Come dimostra il resoconto Telecom , tutto il traffico è effettuato con voi ma addebitato da Telecom, ogni volta con 100 lire alla risposta. Non ho ancora avuto la vostra fattura e non posso fare un confronto, ma parlando con una operatrice, ho saputo che nella stessa giornata alcuni scatti erano addebitati a voi, altri a Telecom in un modo un po' bizzarro e casuale. Come mai viene bypassato il 1088 dentro la connessione? Perché come vi dicevo l'inserimento del 1088 è fatto nella connessione e quindi non si tratta di una mia dimenticanza. Per le sconnessioni al pop di Tin it avevo già informato e mandato raccomandata a settembre ovviamente senza aver risposta". Per fortunadopo, ovviamente non ho avuto nessuna risposta per scritto, la documentazione del traffico mi è arrivata tutta da Wind, che intanto aveva un suo numero di Pop, e resta a Telecom solo il canone. Purtroppo anche con Wind ho notato le continue sconnessioni che non riesco a spiegare, non essendoci le 100 lire le bollette sono ridimensionate ma comunque sono ugualmente danneggiata perchè non posso mai avere le riduzioni previste dopo il 4 minuto. Mi deciderò a far cambiare il modem di nuovo, in ogni caso con tutto il delirio di telefonate, il tempo perso, non c'è stato modo di far valere la garanzia del pacchetto di Tin it e vai, non hanno mai risposto alla raccomandata, per la frammentazione e inefficienza dei servizi di assistenza, evidentemente subappaltati e spesso senza indirizzo fisico a cui scrivere, che mi ha fatto pagare bollette Telecom disumane perchè altrimenti staccavano la linea, senza che nessuno si sia degnato di controllare da cosa dipendeva.
    • Anonimo scrive:
      Re: Anch'io un problema analogo
      Scusa, ma hai provato a far controllareil cavo che dal tuo telefono arriva incabina????avevo un problema analogo ed era solocolpa del cavo, arrivava in cantinae poi faceva mille giri prima di entrarein cabina, con dispersioni tremende...Cia'
      • Anonimo scrive:
        Re: Anch'io un problema analogo
        A suo tempo telecom aveva fatto un controllo sulla mia linea dicendo che andava bene. Spero siano andati a vedere i giri del cavo !!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Anch'io un problema analogo
          Anch' io ho avuto problemi con la linea telecom.Il mio modem ELSA non raggiungeva mai la velocita' massima. Alla fine ho scoperto che dentro le "borchie", prese tlcom esiste un condensatore giallo che a volte da problemi (rimosso quello tutto e' andato a posto).Questo dopo aver piu' volte fatto controllare la linea da telecom (linea sempre perfetta) e sentito il servizio tecnico ELSA. Ovviamente l'azione e' illegale perche' tu non puoi smanettare dentro le scatole tlcom.CIAO!!, dudu
  • Anonimo scrive:
    Il bel paese
    il paese dove ogni raggiro è permesso, l'importante è essere una grossa azienda puoi fare quello che vuoi.Ba!, meglio non parlarne, senno mi ribolle il sangue nelle vene.SalutiIl malcapitato di turno
    • Anonimo scrive:
      Re: Il bel paese
      Puoi sempre andare a vivere in Somalia dove "internet" è una favola che si racconta ai bambini, oppure puoi andare in Thailandia, dove la stessa persona che ti costruisce il modem o il T.A. non sa nemmeno cosa sia un collegamento ad internet perchè non l'ha mai visto....Bha..non lo so...a me dicevano accontentati..P.S. Se tu fossi a capo di quelle 4 piccole azienduccie....ti comporteresti tanto diversamente?
  • Anonimo scrive:
    rubano i dati
    avevo già segnalato a p.i. la presenza nel software di connessione wind di parametri che permettavano l' utilizzo del connection manager a programma inwind per inviare dati sull'utente, non dovuti, a server di comodo tutt'altro che visibili
  • Anonimo scrive:
    Re: non mi risulta
    Mai sentito parlare di messaggi d'errore tipo: "utente non abilitato al tipo di chiamata richiesta" ?Ma per cortesia prima di sparar una stronzata simile almeno alzate il telefono e provatela!
  • Anonimo scrive:
    Telecom=Wind=Infostrada=monopolio de facto
    La libera concorrenza non esiste. Mi fanno ridere sia Wind, che Telecom, che tutte le altre compagnie telefoniche italianewww mi rompi tu www, www, i fuck you, you fuck me...e mi freghi sempre piu'!benvenuti a omnitel vodafon. Che cos'e' una cosa per asciugarsi i capelli? che ridicoli ahahahWind=Enel=compagnia elettrica piu' cara (ladruncola legalizzata)d'Europa.=...Telecom=...NO comment, altirmenti bestemmio, e non mi piace offendere Dio per colpa di 4 azienducole che pensano solo a fregare la gente legalmente o quasi.All inferno!
  • Anonimo scrive:
    bonnie & clyde=Wind & Telecom
    Anche io ho ricevuto una gradevole sorpresa dalla telecom : una bolletta da 500.000£ nonostante avessi la flat di wind. Perchè non possiamo fare qualcosa? Perchè legalizzano queste truffe?La mia disavventura si è svolta nel 2000 e non ho avuto nessuna risposta alle domande dirette al provider di zona. Spero solo che i miei soldi vengano spesi in medicine, tante e costose, tanto quanto inutili.Un bacio a tutti noi sfruttati!!!
  • Anonimo scrive:
    Dialer automatico? Ahiahiahi..
    Mai lasciare decidere il computer chi e come chiamare.Se tuo figlio di 3 anni cliccando a casaccio sulla tastiera del telefono chiama in Australia per 1 ora la colpa e' di chi non sorveglia il pargolo o dell'operatore telefonico?Sorry, ma e' un errore tuo.
  • Anonimo scrive:
    Chi è causa del suo mal.....
    Non mi è chiaro tecnicamente questo passaggio "Il mio computer, configurato per connettersi automaticamente, non riuscendo ad utilizzare l'identificativo di località 1088 (impostato dal programma di Wind), lo escludeva e si collegava direttamente mediante Telecom, per 15 gg di fila (durante i quali non mi accorgevo assolutamente di nulla), per un totale di lire 675mila di danno nei miei confronti."Come può il dialer cambiare da solo il numero selezionato?Come ci si può non accorgere che la connessione si è sganciata e riagganciata?Del resto però mi pare la richiesta dello sfortunato quanto disattento utente Wind eccessiva.Se il PC è configurato per fare a tutti i costi una chiamata e se chi lo ha configurato non si accorge che sta chiamando un numero diverso da quello che lui desidera non sarà colpa di Wind.Questa storia è simile a quanti scaricavano il dialer per vedere i siti porno, che faceva la chiamata intercontinentale e poi pretendevano che la Telecom gli rendesse il denaro.L'uso di un PC richiede una attenzione e una conoscenza di processi tecnici superiori alla media, e se è l'utento sprovveduto una delle cause della diffusione dei virus perchè clicca l'allegato .exe o non aggiorna l'antivirus, come contrappaso all'utente spovveduto viene fatta pagare la telefonata intercontinentale o similia.iL Lordo
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è causa del suo mal.....
      Peccato che questi provider da due soldi assicurino già dalla pubblicità a qualsiasi utente un servizio semplice e chiaro, con tanto di programma apposito per comporre il numero!!!Bisogna essere "superiori alla media" per utilizzare una connessione internet venduta per le masse??? Ma da quando?Io ho avuto altri problemi con Wind...non certo questo che a me potrebbe sembrare una stupidaggine e una mancanza di attenzione, ma mi rendo benissimo conto che Internet è usata ogni giorno da migliaia di nuove persone che nulla o poco sanno di Pc, Connessioni etc e che sperano, seguendo le rassicurazioni dei grandi nomi (come Wind)e delle loro centraliniste incapaci di poter accedere pagando a un servizio davvero facile e chiaro e onesto come dovrebbe essere e non è. Non mi pare che sul contratto di Internet no stop o altre flat, ne nelle loro pubblicità, ci sia scritto o sia detto "Per utenti attenti, esperti, e capaci a scovare truffe e inghippi!!"Vero?
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è causa del suo mal.....
      Sono parzialmente daccordo, considera xò ke quei programmini sono destinati per forza di cose ai deficienti (perdonate la frankezza), quindi wind ha sicuramente una parte di colpa se il programmuzzo ha scaturito l'inconveniente, aggiungi ke nn si puo nemmeno ipotizzare una truffa (da parte del cliente), visto ke avendo una flat nn aveva motivo di connettersi con altri operatori. Io direi ke almeno il 50% dovrebbe rimborsarglielo.
  • Anonimo scrive:
    Che gran figli di.....
    Fossi in te userei wind x fare telefonate interconintali magari a qualche tuo parente che non senti dagli albori x farti arrivare una bolletta di 1.000.000 poi blocchi il pagamento in banca e fai il braccio di ferro...o pagate o non vi pago...
    • Anonimo scrive:
      Chi? Re: Che gran figli di.....
      Il problema non e' tanto che sono figli di... ma che non c'e' nessuno ne' che si prende la responsabilità del caso (e quindi paga in caso di errore) ne' che possa essere chiamato figlio di ...Quale e' il soggetto della tua affermazione? Una multinazionale? Come tu non sei nessuno per loro, sei solo un elemento necessario a formare numero; loro non sono nessuno per te... cioe', qualcuno che ti ha fatto un danno, ma qualcuno senza un nome.In piu' qualcuno senza un nome ma con tanti soldi..tanti avvocati..tanti operatori che funzionano di segretari poco istruiti, etc etc etcE noi contro chi ce la prendiamo?
  • Anonimo scrive:
    ed io sono al sicuro ?
    Ciaoho sottoscritto da circa un'anno l'abbonamento no-stop e al contrario di molti altri mi ritengo soddisfatto del servizio. Ora vorrei sapere:io ho creato la connessione di accesso remoto senza utilizzare alcun software, l'ho creata manualmente, inserendo prima del numero del pop il 1088; ma può succedre che componendo il 1088 venga escluso?CIAO
    • Anonimo scrive:
      Re: ed io sono al sicuro ?
      Anch'io ho fatto come te e penso che non ci sianoproblemi. Comunque basta tenere attivo lo speakerdel modem con il comando atm1 e fare "l'orecchio"alla "melodia" generata dai toni DTMF. Okkio acerti siti porno che ti disconnettono dal tuoprovider per riconnetterti con un numero 144 oppure con un prefisso 00 estero! Per quantoriguarda la flat di Wind, personalmente non homai avuto disguidi.ByeStoKa
    • Anonimo scrive:
      Re: ed io sono al sicuro ?
      Se hai messo il numero tutto assieme, cioè (es.)10880117890000 non hai problemi. Al limite non funziona. Occhio però a Wind perchè, come puoi vedere dalle notizie di punto informatico di questi giorni, non sono certo dei più affidabili. Tieni d'occhio le fatture!byeGiovi (l'autore della lettera)
    • Anonimo scrive:
      Re: ed io sono al sicuro ?
      Se hai scritto il 1088 tutto insieme al numero telefonico, non c'è alcuna possibilità che windows lo tolga di testa sua.P.S E' per questo che io non ho mai utilizzato nessuna configurazione automatica...quando pago la telefonata voglio essere strasicuro di quale numero venga composto.
      • Anonimo scrive:
        appunto...
        ...cosa costa farsi la connessione a mano invece che usare quelle puttanate di programmi che danno nei cd?Cazzo, ma il cervello lo avete? Quando ero un newbie ci ho messo 1 minuto a configurare internet, e non sono certo un genio, anzi!
    • Anonimo scrive:
      Re: ed io sono al sicuro ?
      - Scritto da: romilda amanuense
      io ho creato la connessione di accesso
      remoto senza utilizzare alcun software, l'ho
      creata manualmente, inserendo prima del
      numero del pop il 1088;Bravo.
      ma può succedre che
      componendo il 1088 venga escluso?No.
      • Anonimo scrive:
        Non avete capito!
        Una volta lessi da qualche parte che quando uno fa un abbonamento con un altro operatore, nel momento in cui fa una chiamata usando il codice prima del numero può succedere che, se le linee dell'operatore sono intasate, la telefonata viene dirottata automaticamente su Telecom Italia senza che l'utente ne sappia niente!Forse è successo questo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non avete capito!
          Ma hai riletto quello che hai scritto????No?Allora rileggilo.Fatto?Adesso ammettilo pure che hai scritto una ca##ata..E non dire "ma io l'ho letto in quel sito.." perche' ti daresti da solo del boccalone che crede a tutto quello che gli viene detto.Quello che hai scritto semplicemente non sta ne' in cielo ne' in terra..Dai su, un minimo di serieta'...Anonymous
          • Anonimo scrive:
            Re: Non avete capito!

            Adesso ammettilo pure che hai scritto una
            ca##ata..
            Quello che hai scritto semplicemente non sta
            ne' in cielo ne' in terra.. Sono contento che sia così, infatti mi sembrava molto strano...
            Dai su, un minimo di serieta'...Dove la vedi la mancanza di serietà?
        • Anonimo scrive:
          Re: Non avete capito!
          HAI RAGIONE.se tu hai un abbonamento ISDN può succedere che se la linea del'operatore è intasata l'ISDN usi l'altra lineia TELECOM e così senza accorgertene tu la telefonata la paghi a TELECOM.Dico questo perchè volevo abbonarmi a Infostrada ma evendo ISDN non me lo anno potuto fare l'abbonamento, e mi anno spiegato quello che ho appena scritto.Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non avete capito!
            - Scritto da: Fabio
            HAI RAGIONE.
            se tu hai un abbonamento ISDN può succedere
            che se la linea del'operatore è intasata
            l'ISDN usi l'altra lineia TELECOM e così
            senza accorgertene tu la telefonata la paghi
            a TELECOM.IDIOTA! (Scusami ma non trovo altre parole)
            Dico questo perchè volevo abbonarmi a
            Infostrada ma evendo ISDN non me lo anno
            potuto fare l'abbonamento, e mi anno
            spiegato quello che ho appena scritto.Devi aver beccato un operatore piu' IDIOTA di te (il che e' una bella impresa a giudicare da quel che scrivi, e anche da come lo scrivi).
            Ciao.La prossima volta che parli senza sapere quel che dici ti prego abbi almeno la consapevolezza che stai dicendo una stronzata, per il tuo bene...
          • Anonimo scrive:
            Re: Non avete capito!
            Be' dai, idiota e' esagerato... di' pure SPROVVEDUTO : )E dopo la gente si lamenta se gli "idioti" cliccano su allegati .exe e si prendono virus...Ma lo vedete a che puto e' la cultura informatica in italia???Anonymous
        • Anonimo scrive:
          Re: Non avete capito!
          - Scritto da: Edmondo
          Una volta lessi da qualche parte che quando
          uno fa un abbonamento con un altro
          operatore, [...]Citare la fonte, please.Detta cosi' sa tanto di leggenda metropolitana tipo "mio cuggino sa una mossa di judo che se ti tocca in un punto speciale muori dopo tre giorni" :-)
Chiudi i commenti