Lockheed Martin traccia la spazio-spazzatura

Il celebre contractor militare statunitense presenta il suo prototipo per il tracciamento dei detriti spaziali. Identifica oggetti fino a 2 centimetri di diametro
Il celebre contractor militare statunitense presenta il suo prototipo per il tracciamento dei detriti spaziali. Identifica oggetti fino a 2 centimetri di diametro

Lo spazio (o quantomeno l’atmosfera terrestre e i suoi dintorni) si sta trasformando in una discarica sempre più pericolosa per le missioni scientifiche e i satelliti in orbita: se qualcuno progetta sonde robotiche per eliminare la minaccia, altri pensano a tenere traccia particolareggiata della reale estensione del problema dei detriti spaziali.

L’obiettivo è rendere operativo il progetto Space Fence della Air Force statunitense, un sistema di sorveglianza evoluto capace di tenere sotto controllo le spazio-minacce con un livello di precisione mai conosciuto prima.

I primi siti Space Fence dovrebbero essere operativi entro il 2017, e Lockheed Martin (LM) è al momento impegnata a contendersi la commissione federale con Raytheon. Il sistema LM è costituito da un network di rivelatori radar a terra in grado di monitorare più di 200mila oggetti presenti in orbita.

Lo Space Fence LM è in grado di identificare oggetti più gradi di 2 centimetri, tracciandone con precisione l’orbita e prevedendo l’insorgenza di potenziali collisioni con satelliti, sonde, telescopi e Stazione Spaziale Internazionale. Il sistema ha sin qui individuato ben 20mila diversi oggetti classificabili come detriti spaziali.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

13 03 2012
Link copiato negli appunti