LOPPSI, intermediari contro le blacklist

L'obbligo per i provider di rendere irraggiungibili i siti pedopornografici sarebbe inefficace ed eccessivamente gravoso. Utile solo a compromettere la loro neutralità

Roma – Gli ISP francesi e gli altri operatori riuniti nell’ Association des Fournisseurs d’Accès et de Services Internet (AFA) hanno espresso la loro, attesa, opinione su LOPPSI , la legge con cui la Francia vorrebbe trasformarli in filtri a favore dei cittadini. I provider bocciano sostanzialmente la parte che li riguarda direttamente.

AFA si è espressa , in particolare, contro il meccanismo predisposto dall’articolo 4 del testo, quello cioè in cui viene stabilito l’obbligo per gli ISP di bloccare l’accesso ai siti (il riferimento è a quelli pedopornografici) indicati con decreto ministeriale. L’opinione sembra senza appello: inutilmente gravoso e inefficace.

Gli ISP, infatti, fanno notare innanzitutto che un loro blocco non risolve il problema non eliminando il materiale incriminato dalla Rete : chi detiene il contenuto potrà sempre cambiare URL, mentre l’utente potrà accedere comunque al sito usando alcuni stratagemmi per aggirare il blocco, utilizzando DNS non soggetti a restrizioni, passando per un proxy o facendo affidamento su anonimizzatori per garantirsi la riservatezza nella navigazione. Fatto comunque certo è che in questo modo non verrà garantito il blocco alla circolazione di materiale pedopornografico, contenuti che, spiegano i provider, oltretutto circolano per la maggior parte via p2p.

AFA, d’altronde, ripropone il meccanismo finora adottato, o almeno il principio di sussidiarietà secondo cui a rispondere di un contenuto è innanzitutto chiamato il suo autore/editore, in seconda battuta l’host e che solo successivamente dovrebbe chiamato in causa l’ISP nel tentativo di bloccare il contenuto.

Nel caso di host francesi che ospitassero contenuti vietati (caso peraltro molto raro) il discorso diventava molto semplice, con una semplice notifica. Anche nel caso di contenuti ospitati da host esteri, tuttavia, secondo AFA potrebbe bastare la collaborazione internazionale , come quella sponsorizzata a livello europeo con il sistema Inhope , che permette agli ISP di segnalarsi vicendevolmente i siti incriminati.

AFA aggiunge poi che, se la disposizione manca di efficacia nel perseguire ed eliminare dalla Rete i contenuti pedopornografici, rischia di fatto di sferrare un colpo mortale alla neutralità degli ISP e della Rete .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Andreabont scrive:
    Hem.. hem.. libdvdcss2 hem...
    http://it.wikipedia.org/wiki/Libdvdcss
  • coco scrive:
    cambiare pow (point of view)
    Proviamo a uscire dai soliti schemi. E se invece di ingrassare gli studi legali e far fallire software house, perchè non ti includono nella confezione un secondo dvd?? Ma a loro che li stampano (sicuramente in qualche stamperia cinese dove lavorano bimbi schiavi 20 ore su 24) che cosa gli costa una copia di un dvd stampato in milioni di copie e rivenduto a 12 euro??Apriamo la mente ad altri ragionamenti. Tutti sanno che la pirateria non si può fermare dal momento in cui è nato il digitale (già lo diceva XXXXXponte in "esseri digitali" sin dal 1995 che una volta digitalizzata una cosa la si può copiare all'infinito) perchè insistere col dare la caccia ai software che craccano, quando basterebbe abbassare i prezzi e magari proporsi in modo differente?Per la cronaca, io le XXXXXte di screencam che si trovano sul P2P con video in cirillico e audio mono non me le guardo mica, quando un film merita me lo vedo al cinema con la mia compagnia e mi diverto pure..
    • Andreabont scrive:
      Re: cambiare pow (point of view)
      Quoto, la pirateria non si combatte con la forza si combatte con l'inutilità.Finchè creanno luchetti sempre più grossi ci sarà sempre gente che si divertirà ad aprirli... a li apriranno...Ma se non ci sono luchetti, a chi interessa aprirli?? Se comprare un DVD video originale diventa un vantaggio? A che pro copiarlo illegalmente??La pirateria audiovisiva sparirà nel momento stesso in cui diventerà inutile, ma questo la major non lo capiscono.Invece loro aumentano le protezioni spingendo sempre più la gente a rifugiarsi nella pirateria per proteggersi dalle restrizioni assolutiste delle major.Più restrizioni = Più pirateriaMeno restrizioni = Meno pirateriaIl concetto mi sembra semplice: puoi spendere tutti i soldi che vuoi in protezioni per impedire la pirateria, ma è tutto inutile. Soldi buttati al vento.Danneggia di più la piratera oppure il costo delle protezioni anti-pirateria che puntualmente vengono violati?Se togliessimo queste protezioni ci troveremmo con un mercato con dei costi fissi molto minori, si toglie questo inutile spreco, inoltre molti utenti, scappati a causa di queste protezioni ritornerebbero, quindi la pirateria diminuirebbe....Insomma... questa guerra danneggia tutti... a che pro continuarla?
      • angros scrive:
        Re: cambiare pow (point of view)

        Se togliessimo queste protezioni ci troveremmo
        con un mercato con dei costi fissi molto minori,
        si toglie questo inutile spreco, inoltre molti
        utenti, scappati a causa di queste protezioni
        ritornerebbero, quindi la pirateria
        diminuirebbe....Vero, ma non siamo noi che possiamo togliere le protezioni: sono le major che possono farlo, eppure sembra che non vogliano farlo; noi, però, possiamo togliere di mezzo le majors...
  • procuste scrive:
    opensource
    lo rendessero di pubblico dominio, pubblicano il codice sorgente e vedrai chi XXXXX li ferma quelli che lo vogliono usare.
  • angros scrive:
    Ma perchè affannarsi a copiare il DVD
    Perchè cercare di copiare un dvd originale protetto? Si fa prima a scaricarsi il film, e poi lo si masterizza quante volte si vuole.
  • cretineria da record scrive:
    che pena!
    Da anni anche i più niubbi sanno farsi una copia di un dvd! Fare finta che non sia così e' così cretino da essere al di là del bene e del male. Qualcuno nelle major dovrebbe fare causa a madre natura.
  • Wolf01 scrive:
    I veri delinquenti sono le Major
    Come da oggetto, non è tanto il fatto che sia "illegale" aggirare le protezioni per farsi una copia personale, quanto che ti vietino il diritto di fartela.Bisognerebbe cambiare le leggi facendole più morali e meno consumistiche.
  • Slysoft scrive:
    AnyDVD
    Molto meglio AnyDVD .http://www.slysoft.com/it/anydvdhd.htmlhttp://it.wikipedia.org/wiki/AnyDVD
  • picard12 scrive:
    lo venderanno
    lo venderanno fuori dall'america..
    • angros scrive:
      Re: lo venderanno
      O la gente se lo scaricherà piratato (se pirati il film, tanto vale piratare anche il programma per copiarli)
      • picard12 scrive:
        Re: lo venderanno
        e tra l'altro, usando linux questi programmi non li userò mai.. avendo ben altre scelte decisamente efficaci..
Chiudi i commenti