LulzSec, Palladium è fuori

Rilasciato senza cauzione il 19enne irlandese Donncha O'Cearbhail. E' accusato di aver intercettato una conference call dell'FBI. Rischia fino a 15 anni di prigione. Si attendono i documenti dell'accusa a Dublino
Rilasciato senza cauzione il 19enne irlandese Donncha O'Cearbhail. E' accusato di aver intercettato una conference call dell'FBI. Rischia fino a 15 anni di prigione. Si attendono i documenti dell'accusa a Dublino

È stato rilasciato senza alcuna cauzione, in attesa delle accuse formali da parte del Director of Public Prosecutions (DPP). Il 19enne Donncha O ‘Cearbhail – meglio conosciuto con il nickname Palladium – è dunque uscito dalla prigione di Dublino, a pochi giorni dal raid anglo-statunitense contro il celebre collettivo hacker LulzSec.

Figlio di un consigliere della contea di Offaly, il giovane era stato inserito nella speciale top 5 degli hacker più pericolosi secondo il Federal Bureau of Investigation (FBI). Sono proprio i federali a stelle e strisce ad accusarlo di aver intercettato una conference call organizzata dallo stesso Bureau .

Se condannato, Palladium rischia fino a 15 anni di prigione per crimini informatici e violazione delle leggi federali sulle intercettazioni telefoniche . Studente al Trinity College , O ‘Cearbhail è stato associato al gruppo hacktivista Anonymous, in particolare alla diramazione nota come LulzSec. Si attendono ora in terra irlandese i documenti dell’accusa. (M.V.)

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 03 2012
Link copiato negli appunti