L'UMTS fa male? Non ancora

Alcuni media in questi giorni hanno esagerato la portata di uno studio olandese sui network mobili di terza generazione che sarebbero nocivi per la salute. Rimangono i dubbi sull'invecchiamento del cervello


Roma – Non sono così drammatiche e definitive le conclusioni di uno studio ( qui in formato.pdf ) degli scienziati olandesi dei laboratori TNO, che hanno analizzato gli effetti delle frequenze UMTS sull’uomo.

Nei giorni scorsi, alcuni media generalisti hanno fatto a gara per mettere in guardia contro l’UMTS sventolando i risultati TNO che sono, però, come dicono gli stessi scienziati, da prendere in modo ben diverso . La nausea, i malditesta, ma anche memoria e funzionalità cognitive più acute sono conseguenze registrate in un gruppo di persone considerato troppo ridotto per essere preso a campione.

Come afferma lo stesso TNO, i test sono stati eseguiti su persone che vivono nei pressi di antenne per la telefonia mobile di terza generazione, poste però all’interno di stanze di isolamento semi-anecoiche e “bombardate” con emissioni al di sopra dei livelli massimi tollerati dalle leggi sull’elettrosmog. Per verificare l’effettiva presenza di cambiamenti dovuti alle emissioni, alcun persone sono state esposte alle frequenze 3G mentre altre non sono stati esposte, sebbene fosse stato fatto loro credere il contrario.

I risultati, secondo TNO, “non consentono” di indicare che ci siano state delle conseguenze certe dovute ad una “esposizione elettromagnetica” e che in ogni caso qualsiasi mutamento registrato da TNO nei soggetti esposti è stato di dimensioni assai ridotte. Sebbene un qualche cambiamento sia stato osservato , dunque, è troppo ridotto per capire con certezza a cosa porta e da cosa sia generato.

Di interesse notare, comunque, che il Governo olandese, che aveva richiesto lo studio, è pronto a far proseguire le ricerche, proprio come già sta avvenendo in Germania. Nel frattempo tanto la GSM Association quanto Ericsson hanno gettato acqua sul fuoco, sostenendo appunto che lo studio TNO è tutto meno che “definitivo” .

Non molto, invece, viene detto a proposito dei risultati piuttosto clamorosi recentemente pubblicati dal neurochirurgo svedese Leif Salford dell’Università di Lund, secondo cui l’esposizione al GSM può modificare la funzionalità della barriera emato-encefalica consentendo a certe proteine di raggiungere il cervello e provocare il suo precoce invecchiamento.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • francesco pene scrive:
    Risposta
    Ki vuole smettere è Gayyyy anzi XXXXXoooo @^
  • Anonimo scrive:
    il datore di lavoro crea dipendenza
    infatti sono un dipendente
  • Anonimo scrive:
    perchè non la smettiamo?
    chi se ne frega di etichettare il pallino di uno, l'abitudine dell'altro, la passione di un altro ...ma cristo almeno questi hanno qualcosa che gli piace, che non vedono l'ora di fareperchè uno che vuole sempre scopare lo devi chiamare maniaco sessuale e uno che vuole chattare continuamente devi dire ha dipendenza da tecnologia, uno che manda messaggi è drogato uno che si fa una canna fa male ... CHEPPALLE!ma non hanno altro da fare che contare quanto fai una cosa?alziamo la soglia del rompiglionismo
  • Akiro scrive:
    anke linux
    8°)(linux)
  • Anonimo scrive:
    se seidipendente dal porno e chat
    c'e' già un gruppo d'autoaiuto gratuito.Se è un tuo problema iscriviti. A me ha cambiato di nuovo la vita.http://it.groups.yahoo.com/group/noallapornodipendenza/Winnerwinner@people.it
    • Anonimo scrive:
      Re: se seidipendente dal porno e chat
      - Scritto da: Anonimo
      c'e' già un gruppo d'autoaiuto gratuito.

      Se è un tuo problema iscriviti. A me ha
      cambiato di nuovo la vita.

      http://it.groups.yahoo.com/group/noallapornodpolsi contusi?carenza di zuccheri?occhiaie marsupiali?gonadi prosciugate?gobba del segaiolo?iscriviti anche tu al gruppo succitato: bastapip aiuta anche te!
  • avvelenato scrive:
    sulle dipendenze in generale
    penso che l'approccio necessiti un cambiamento.Ogni giorno che passa scoprono una nuova dipendenza.. prima erano le droghe, certamente il fisico ne risente dell'abbandono una volta abituatosi..poi, una volta ideata l'espressione "dipendenza psicologica", si sono trovati i nuovi démoniprima i videopokerpoi, in ordine sparsotelefonini, sesso, videogiochi, internet, chat, ecc ecc eccnon sarebbe ora di cambiare il soggetto d'analisi?ogni cosa non ha intrinsecamente un valore positivo o negativo. (neanche la droga, tant'é che i farmaci psicotropi in alcuni contesti hanno un utilità innegabile, si pensi nelle terapie del dolore tanto per fare un esempio banale) è l'uomo che ne fa uso che rende l'oggetto o l'attività negativa o positiva alla sua salute. quindi, si smetta di dire "gli sms creano dipendenza" e sciocchezze simili, dite piuttosto che esistono persone che non si sanno controllare, alcuni a tal punto da mettere a repentaglio la propria vita sociale pur di perseverare ostinatamente in un unica attività.si eviterebbe di demonizzare chiunque moderatamente è uso in pratiche che a pochi creano dipendenzae soprattutto si faciliterebbe lo studio di metodologie di cura e recupero dei dipendenti, in quanto basterebbe trovare quel minimo comune multiplo che accomuna un sessodipendente, un tossicodipendente, un videopokerdipendente e un messagginodipendente per poter curare tutti allo stesso modo, senza dover elaborare a tutti i costi una strategia personalizzata che tra l'altro impedirà al dipendente di avere comunque un rapporto "normale" con la sua attività che gli crea problemi (già mi immagino un ex-smsdipendente che perde il lavoro perché non riesce ad avvicinarsi ad alcun telefono... brr.) avvelenato sessodipendente in astinenza :'(
    • Anonimo scrive:
      Re: sulle dipendenze in generale
      I forum creano dipendenza 8-)
    • Anonimo scrive:
      Re: sulle dipendenze in generale
      - Scritto da: avvelenato(cut) dite
      piuttosto che esistono persone che non si
      sanno controllare, alcuni a tal punto da
      mettere a repentaglio la propria vita
      sociale pur di perseverare ostinatamente in
      un unica attività.è quello che hanno detto.
  • avvelenato scrive:
    REDAZIONE ERRORE FORMATTAZIONE
    come da subject. risulta tutto l'articolo un enorme link.(scusate lo strillo) avvelenato strillone
Chiudi i commenti