Mac OS X x86 solo su Mac

Apple potrebbe utilizzare speciali chip di protezione per impedire che Mac OS X giri su computer diversi dai Mac


Roma – Secondo alcuni analisti di Gartner Apple potrebbe decidere di integrare sui nuovi Mac con architettura Intel x86 il chip TPM (Trusted Platform Module), un’unità hardware che permetterebbe di limitare l’utilizzo del sistema operativo OS X solo ed esclusivamente sui prodotti distribuiti dalla casa di Cupertino.

Dopo la rivelazione della scorsa settimana, che annunciava il prossimo passaggio dai processori PowerPC a quelli di Intel, Apple si impegnerà certamente per individuare la soluzione hardware migliore che obblighi all’acquisto di prodotti Mac per l’utilizzo del sistema operativo proprietario.

TPM è uno standard gestito da Trusted Computing Group , un’organizzazione non profit specializzata nell’implementazione di soluzioni hardware/software per la sicurezza informatica. Il chip da loro sviluppato attualmente permette la cifratura di dati sensibili, e dispone di una codificazione unica. Ogni unità, quindi, potrebbe abilitare o meno l’utilizzo di una particolare piattaforma software su specifici modelli PC. In pratica sarebbe possibile distinguere hardware Mac da altri, come Dell o HP. Apple, infatti, ha già dichiarato che Mac OS X sarà istallabile solo ed esclusivamente sulla propria linea di prodotti. Per quanto riguarda le affermazioni di Gartner, nessun dirigente di Apple si è ancora espresso, giustificando la scelta con l’esigenza di non volere fornire specifiche tecniche dettagliate.

Dell, HP e IBM/Lenovo utilizzano già chip TMP , ma solo per l’archiviazione protetta di password o dati negli hard drive. Il suo utilizzo in altri campi ha già comunque attirato l’attenzione dei consumatori, perché potrebbero profilarsi violazioni dei diritti della privacy: niente impedirebbe ai produttori, per esempio, di implementare funzioni che limitino l’utilizzo dell’hardware con alcune suite multimediali o di masterizzazione.

Dario D’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Corindone scrive:
    PPC?Intel?No Problem!Non sono il futuro!
    Questo problema non esiste! Non rappresentano il futuro! Anzi lo sono entrambi! Cosa sto dicendo?Sono diventato pazzo? Ma no!! Il futuro sono le piattaforme hardware virtuali! .NET, per intenderci!In futuro tutte le applicazioni verrano scritte per questa piattaforma! Sarà possibile usare l'ultima versione di qualsiasi software, gioco, etc... in rete con qualsiasi computer (PC, Mac, etc...). Basterà avere la versione del processore virtuale per la propia macchina e uallà,tutto sarà possibile!! Ed il bello è che sarà possibile scrivere l'applicazione con qualsiasi linguaggio!!!Questo Apple e Microsoft lo sanno benissimo!!Il problema "piattaforma hardware" non si porrà più!!!Non avrà più senso dire "PC è più veloce" oppure "Intel è meglio", etc... Tutti saranno uguali!!!Non createvi inutili problemi!! Ci vorrà un pò di tempo, ma il futuro punta diritto in questa direzione!!!!
  • Anonimo scrive:
    Non capisco (critiche inutili)
    Non capisco perché ci sia gente che dà contro Galimberti dicendo che difende Apple ad ogni costo.Sarebbero in grado "queste persone" di dire perché mai Apple avrebbe dovuto continuare ad usare il G5? Oppure, sarebber in grado di dire perché non avrebbe dovuto passare ad x86?E più in generale, visto che si credono tanto migliori, sarebbero in grado di contestare punto per punto, con argomentazioni "valide", quando scritto nell'articolo?Personalmente mi spiace che il G5 che sia "morto", ma pure io sono convinto che Apple abbia fatto la scelta giusta, e non vedo l'ora di prendere un PB15" con Yonahciao
  • Anonimo scrive:
    Attenzione hanno detto Intel non x86
    E se Apple adottasse da subito i processori Itanium?
    • Anonimo scrive:
      Re: Attenzione hanno detto Intel non x86
      - Scritto da: Anonimo
      E se Apple adottasse da subito i processori
      Itanium?Dissipano 150W (quelli per blade un po meno) Costano decine di migliaia di euroNon se li è fumati nessuno nel settore home o small officeDi conseguenza: non li potrebbero mettere in portatili o minipc (neanche quelli per blade, che costano un'altro sproposito in più)non potrebbero costringere Intel a calare i prezzi ad un decimonon potrebbero costringere gli sviluppatori a ottimizzare il loro codice su itanium, mentre l'x86 è una bestia che quasi tutti già conosconoBTW, hanno precisato che pensavano agli x86, precisamente ai prossimi centrino multicore con estensioni a 64 bit.In alternativa se lo scopo era coprire i portatili e minipc potevano forse pensare ad Xscale più che ad itanium.IMHO anche per questo hanno scelto intel invece di AMD: AMD = x86 (ottimo subito ma ormai da un anno con qualche difficoltà a realizzare le cpu a basso consumo che rivaleggino col centrino) e poco più (Geode)Intel: x86 (con prossime generazioni più che promettenti), Itanium (non si sa mai che un futuro certo non prossimo, non 2007 per intenderci, non porti un calo di prezzi e di consumi drastico come richiesto...), Xscale (bassi consumi ma per ora non abbastanza performanti, ma chissà...), più tanti altri processori dedicati, che comunque sono know how e possibili sbocchi (ah, e molti fondi per la ricerca, e capacità di produzione adeguata)Insomma, Intel in prospettiva di 8-10 anni (quanto hanno vissuto il 68k e il ppc) può già presentare delle soluzioni alternative al pur longevo x86 che potrebbero rendere il più indolore possibile una prossima transizione successiva a quella pianificata oggi.Chissà che apple non stia già sviluppando osx per palmari da far girare su Xscale, o osx server per IA64 (immagina macchinoni apple con fino a 512 CPU!), per poi nel 2015 sostituire una di quelle linee ipotetiche all'osx per x86!
  • Anonimo scrive:
    Wow! Sinceramente ci speravo.
    Qualcosa però si è inceppato: Motorola (co-fondatrice del consorzio PPC insieme ad Apple e IBM) getta la spugna, e IBM mostra maggiore interesse su progetti alternativi, come i processori per console (leggi Cell), dispositivi di grande potenza ma fini a se stessi e inadeguati ad equipaggiare un personal computer. No, io ci speravo da anni, e non penso che qualcosa si sia inceppato: e` solo che continuare ad avere due piattaforme che usassero diversa endianness per la rappresentazione dei valori piu` grandi di un byte suonava assurdo da tempo. A un certo punto una "grande unificazione", che nell'uno o nell'altro verso per me avrebbe fatto lo stesso , doveva accadere. Ci tengo a precisare che non parteggiavo per nessuna delle parti, e non l'ho mai fatto. E` un po' come il discorso della guida in auto: in inghilterra guidano a sinistra per ragioni storiche, ma e` davvero brutto. Con tutto quel che si fa per la sicurezza sulle strade, quelli guidano a sinistra, mentre certe macchine continuano ad avere la retromarcia vicina alla prima. E le prese di corrente sono diverse per ogni paese, e cose del genere... come fare per considerare queste mancanze di standard come qualcosa di positivo? Io non ci sono mai riuscito: le ho sempre trovate disgrazie gratuite.Sono contento che passino allo small-endian, piu` che all'x86. Sono contento perche` la compatibilita` diretta almeno fra dati salvati in memorie di massa ci sara`, finalmente. Sarei stato ugualmente contento se x86 fosse passata al big-endian, davvero. Nessun problema ma mettiamoci finalmente d'accordo.Se la cosa va in porto, e` stupendo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Wow! Sinceramente ci speravo.
      - Scritto da: Alex¸tg...
      Sono contento che passino allo small-endian, piu`
      che all'x86. Sono contento perche` la
      compatibilita` diretta almeno fra dati salvati in
      memorie di massa ci sara`, finalmente. Sarei
      stato ugualmente contento se x86 fosse passata al
      big-endian, davvero. Nessun problema ma
      mettiamoci finalmente d'accordo.E io che mi sono sempre dovuto sbattere in inversioni di byte per condividere dati fra PC e HP-RISC...
      • Anonimo scrive:
        Re: Wow! Sinceramente ci speravo.
        Appunto!Cose del genere diventerebbero fantasmi del passato ;)Era ora, secondo me.
  • Anonimo scrive:
    Sviluppo
    Si è tanto parlato del cambio del modo di sviluppare (per programmatori visual studio
    • Anonimo scrive:
      Re: Sviluppo
      - Scritto da: Anonimo
      Si è tanto parlato del cambio del modo di
      sviluppare (per programmatori visual studio col l'avvento di .NET e sono volate critiche a
      non finire, ma questo cambiamento cosa porterà
      agli sviluppatori?
      C'è da dire che visto che Microsoft investe in
      Apple, non mi stupirei se tirasse fuori il
      framework .NET anche su OSX e unificasse la
      modalità di programmazione (tipo mono per
      interderci ma seguito direttamente da lei e no da
      terzi).
      Cosa ne pensate?

      CIAONon penso, immagino che per la Microsoft sia più conveniente mantenere l'esclusività della piattaforma...
    • Anonimo scrive:
      Re: Sviluppo
      - Scritto da: Anonimo
      Si è tanto parlato del cambio del modo di
      sviluppare (per programmatori visual studio col l'avvento di .NET e sono volate critiche a
      non finire, ma questo cambiamento cosa porterà
      agli sviluppatori? niente di drammaticamente rivoluzionario....
      C'è da dire che visto che Microsoft investe in
      Apple, in che senso?non mi stupirei se tirasse fuori il
      framework .NET anche su OSX e unificasse la
      modalità di programmazione (tipo mono per
      interderci ma seguito direttamente da lei e no da
      terzi).e a che servirebbe .net everywhere?
      Cosa ne pensate?

      CIAOmah...io direi di attendere invece di lanciarsi in fantainformatica...
    • Anonimo scrive:
      Re: Sviluppo
      - Scritto da: Anonimo
      C'è da dire che visto che Microsoft investe in
      Apple, non mi stupirei se tirasse fuori il
      framework .NET anche su OSX Non mi risulta che Microsoft abbia ancora azioni Apple
  • Anonimo scrive:
    BIT TORRENT 4
    Ma come si fà a scricare il programma in oggetto?qualcuno mi risponda please
  • atari scrive:
    FAT ???
    Scusate l'ignoranza. Ma perchè FAT ? Da quanto mi risulta Windows ora gira su NTFS.
    • Anonimo scrive:
      Re: FAT ???
      Non si riferisce al filesystem FAT, quanto ad un termine in voga ai tempi del passaggio da Motorola 68K ai PPC (primi anni '90). In tale occasione Fat indicava le applicazioni Mac costituite da un doppio codice binario, uno per ciascuna architettura. Il MacOS sceglieva il codice corretto in base al processore della macchina su cui stava girando. Praticamente la stessa situazione che si presenta adesso con il passaggio da PPC a Intel: il nome e' diventato Universal Binary, ma il concetto e' praticamente lo stesso.
    • Anonimo scrive:
      Re: FAT ???
      - Scritto da: atari
      Scusate l'ignoranza. Ma perchè FAT ? Da quanto
      mi risulta Windows ora gira su NTFS.ROTFL...codice FAT=codice che contiene istruzioni sia per MacOSX-PPC, che per MacOSX-x86Cosa c'entri UinDOS lo sai solo tustraROTFLbye bye
  • Anonimo scrive:
    Quei cassoni bandoni dei pc
    con i loro dischi ide, con le loro schede 3d nvidia, con le loro RAM DDR, con i loro processori x86, con i loro lettori DVD+-R, con i loro masterizzatori dvd, con le loro _schede sonore a 16 bit_ (andate a ravanare nella storia del mac :))Le macchine apple si sono sempre distinte dai pc, infatti in ciascuna di queste innovazioni sono arrivate dopo e sono costate di più!
    • Anonimo scrive:
      Re: Quei cassoni bandoni dei pc

      Le macchine apple si sono sempre distinte dai pc,
      infatti in ciascuna di queste innovazioni sono
      arrivate dopo e sono costate di più!A parte l'italiano, di solito quello che tu vedi suun pc è prima passato per un mac.Chi pensi che abbia messo per primo l'interfaccia grafica? il floppy (poi tolto per primo)? l'usb? il trackpad?il cdrom? indovina.. che poi sembreranno cose banali, come il mac mini,ma prima della Apple non c'era nessuno.. dopo la Apple tutti a seguire e copiare...
      • Anonimo scrive:
        Re: Quei cassoni bandoni dei pc
        - Scritto da: Anonimo



        Le macchine apple si sono sempre distinte dai
        pc,

        infatti in ciascuna di queste innovazioni sono

        arrivate dopo e sono costate di più!


        A parte l'italiano, di solito quello che tu vedi
        su
        un pc è prima passato per un mac.
        Chi pensi che abbia messo per primo l'interfaccia
        grafica? il floppy (poi tolto per primo)? l'usb?
        il trackpad?
        il cdrom? indovina..
        che poi sembreranno cose banali, come il mac mini,
        ma prima della Apple non c'era nessuno.. dopo la
        Apple tutti a seguire e copiare...Non ci sono ancora casi in cui Windows ha bisogno del floppy durante l'installazione?
      • Anonimo scrive:
        Ma cosa stai dicendo?!

        Chi pensi che abbia messo per primo l'interfaccia
        grafica? il floppy (poi tolto per primo)? l'usb?
        il trackpad?
        il cdrom? indovina..
        che poi sembreranno cose banali, come il mac mini,Ma cosa stai dicendo?!Negli anni 80 ERA così...Poi apple ha perso i vari segni distintivi, prima lo scsi per passare ai bus tipici dei pc casalinghi, ora il ppc per x86.Per quanto riguarda le innovazioni nelle periferiche, s-ata, pci-x, dvd-dl ecc sono sviluppati da consorzi indipendenti, di cui può fare parte apple come qualunque altro assemblatore, come altri big dell'elettronica tipo Sony, come cordate bancarie che con l'elettronica non c'entrano nulla... questi consorzi sviluppano per chiunque voglia mettere su i loro pezzi, tantopiù che è stato questo andazzo a convincere apple a rinunciare a tante scelte particolari sull'hw (oggi praticamente tutto è componentistica standard tranne pochi pezzi che hanno firmware diverso) in modo da potere usufruire del lavoro di questi consorzi come tutti gli altri produttori di pc ed elettronica.Per quanto riguarda il pionierismo, è da molti anni che le linee apple sono conservatrici, molti produttori (non assemblatori custom) hanno macchine con pezzi più aggiornati montati di default.Se andiamo sui piccoli produttori poi pc ancora più piccoli del cube (te lo sei scordato quando dici che prima del mini...) e del mini ci sono dal 97-98 con (i Cappuccino e Espresso, googlateli), ci sono cpu ULV x86 ancora più silenziose e con consumi più ridotti dei G3-G4, ci sono portatili da mezzo kg ecc ecc ecc.Il mondo pc è ricco di scelte e di reraltà diverse, apple ha fatto bene a buttarcisi, ha tanto da imparare da piccoli ma geniali costruttori e tanto da guadagnare non imponendo customizzazioni (anche semplice riflashatura dei firmware) ai consorzi che da 20 anni sviluppano i componenti per il mercato soho. Prima o poi lo capirete anche voi macachi.
  • Anonimo scrive:
    Microsoft investe 150 milioni in Apple
    "A metà del 1997 , Microsoft investe 150 milioni di dollari acquisendo azioni Apple senza diritto di voto...."Apple sta in piedi perchè m$ lo vuole e fino a quando lo vuole..... questa è la dura realta...(il vero problema per bill gates è l'antitrust...)
    • Anonimo scrive:
      Re: Microsoft investe 150 milioni in App
      - Scritto da: Anonimo
      "A metà del 1997 , Microsoft investe 150 milioni
      di dollari acquisendo azioni Apple senza diritto
      di voto...."
      Apple sta in piedi perchè m$ lo vuole e fino a
      quando lo vuole..... questa è la dura
      realta...(il vero problema per bill gates è
      l'antitrust...)Un po' come AlJazzira x la CNN :-(
    • Anonimo scrive:
      Re: Microsoft investe 150 milioni in App
      - Scritto da: Anonimo
      "A metà del 1997 , Microsoft investe 150 milioni
      di dollari acquisendo azioni Apple senza diritto
      di voto...."

      Apple sta in piedi perchè m$ lo vuole e fino a
      quando lo vuole..... questa è la dura
      realta...(il vero problema per bill gates è
      l'antitrust...)
      mi spieghi il messo tra il possedere le azioni senza diritto di voto e senza sedere nel cda e il fatturato crescente + liquidità + capitalizzazione ?quale è il messo che permette a MS di fare stare in piedi apple?
      • Anonimo scrive:
        Re: Microsoft investe 150 milioni in App
        Ora che in teoria non ci sia nesso può essere, ma in pratica 150 milioni di dollari nn sono proprio due lire che m$ non gli ha messi li in un momento di grave crisi di apple (il 97 ricordate?).....non credo sia un caso...
        • Anonimo scrive:
          Re: Microsoft investe 150 milioni in App
          - Scritto da: Anonimo
          Ora che in teoria non ci sia nesso può essere, ma
          in pratica 150 milioni di dollari nn sono proprio
          due lire che m$ non gli ha messi li in un momento
          di grave crisi di apple (il 97
          ricordate?).....non credo sia un caso...infatti era stata obbligata dalla giustizia...torno a chiedere quale sia il nesso della tesi inziale.anche se MS rivendesse le azioni verrebbero comprate da altre persone...e con diritto di voto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft investe 150 milioni in App
            Cosa che e' gia' successa. Quasi ci si rompe le balle a scriverlo millemila volte,cmq...MS non ha + neanche mezza azione di Apple dal 2000!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Microsoft investe 150 milioni in Apple
      - Scritto da: Anonimo
      "A metà del 1997 , Microsoft investe 150 milioni
      di dollari acquisendo azioni Apple senza diritto
      di voto...."

      Apple sta in piedi perchè m$ lo vuole e fino a
      quando lo vuole..... questa è la dura
      realta...(il vero problema per bill gates è
      l'antitrust...)
      La notizia è vecchissima e sorpassata.... Apple ricomprò le azioni da M$ (che ci fece un bel guadagno) e ora lo zio Bill non possiede neanche una azione con la mela sopra.
  • Anonimo scrive:
    Se mac
    Se mac abbraccierà una versione .net sul suo osx, secondo me spopola.....(sono uno sviluppatore su piattaforma windows e linux)
  • Anonimo scrive:
    cambia tutto
    il vero passaggio che mi sembra nn venga colto dall'articolista e' che cambia totalmente il business di apple.prima vendeva un insieme hdw+sftw.ora inevitabilmente vendera' solo il software.e diventera' veramente, al 100 per 100 concorrente di microsoft.e forse, per la prima volta, si avra' una alternativa.ed apple potrebbe guadagnarci di brutto, in quanti non sono mai passati a mac per un discorso di compatibilita' hdw? in azienda da me sicuramente dedicheremo almeno 3 postazioni a mac (su 12) e molti potrebbero fare lo stesso discorso perche' il sistema operativo, sinceramente, e' splendido. e sicuramente vale + del 3 per cento di quota di mercato attuale, secondo me almeno 5/6 volte tanto.
    • Anonimo scrive:
      Re: cambia tutto
      - Scritto da: Anonimo
      il vero passaggio che mi sembra nn venga colto
      dall'articolista e' che cambia totalmente il
      business di apple.
      pare invece che tu colga cose che per ora non esistono...
      prima vendeva un insieme hdw+sftw.
      e continuerà a farlo..dove vedi il cambiamento radicale?
      ora inevitabilmente vendera' solo il software.
      se ha stretto un accordo per montare le cpu intel sui propri computer...la tua tesi fa già acqua.
      e diventera' veramente, al 100 per 100
      concorrente di microsoft.
      se vende hw come può farlo?se vende anche un OS come puo essere concorrente al 100% di MS dato che con produce tutto quello che produce MS?e la tua tesi fa acqua per la 3a volta
      e forse, per la prima volta, si avra' una
      alternativa.
      esistono già e da tempoacqua di nuovo
      ed apple potrebbe guadagnarci di brutto, in
      quanti non sono mai passati a mac per un discorso
      di compatibilita' hdw? in azienda da me
      sicuramente dedicheremo almeno 3 postazioni a mac
      (su 12) e molti potrebbero fare lo stesso
      discorso perche' il sistema operativo,
      sinceramente, e' splendido. e sicuramente vale +
      del 3 per cento di quota di mercato attuale,
      secondo me almeno 5/6 volte tanto.

      valutazioni personali...condivisibili o meno.
  • Anonimo scrive:
    htons()
    Ecco perche' bisognerebbe sempre scrivere software multipiattaforma od almeno big-little endian compatibile.Mentre per la storia dell'Altivec non so se sia una cosa ottimizzata dal compilatore o a mano dal programmatore.Bella mazzata comunque.
    • Anonimo scrive:
      Re: htons()
      ?io sapevo che il problema big/little endian si risolve semplicemente aggiungendo una macro per permutare i byte, poi non sono un programmatore quindi non ci scommetto niente.
      • Anonimo scrive:
        Re: htons()

        io sapevo che il problema big/little endian si
        risolve semplicemente aggiungendo una macro per
        permutare i byte, poi non sono un programmatore
        quindi non ci scommetto niente.non molto funzionale se devi applicarlo ad un protocolli di hashing, cifratura, trasmissione dati, compressione e checksum ecc... le performance contano!Al limite ti risolve il problema di lavorare su alcuni masking che puoi fare in modo estemporaneo.Se vai a vedere il codice di SSL o GNUPG vedrai come parecchi algoritmi e parecchie funzioni critiche hanno una compilazione condizionale per ciascuna andianess. Il bello nello scriverle e testarle poi è che molte funzioni non danno nessun errore (come invece potrebbe dare una che estrae dei valori di dimensione file o altro) applicandole con una endianness o con l'altra peri il semplice motivo che nella compressione e nella crittografia (quindi anche hashing e trasmissione dati che applicano questi criteri) il contenuto contiene funzionalmente la massima entropia quindi tutti i valori sono in linea di principio giusti.Puoi applicare una funzione sbagliata riscrivendo il codice per una diversa endianness senza renderti conto che matematicamente ha delle debolezze, o che semplicemenete non fa quello che dovrebbe, senza che l'output abbia dei difetti evidenti, devi pensarlo e debuggarlo in pratica due volte ogni volta che ci metti mano.Non dico che sia impossibile, eh, anzi, ti rimando proprio ad esempi in cui viene fatto, ma renditi conto che moltiplicare per due il lavoro di codifica e di controllo proprio nelle parti critiche per la sicurezza e le performance di un software non è proprio bellissimo, quando basterebbe accordarsi sul senso con cui scrivere i byte (o i bit, in passato c'erano esempi di endianness ancora più insolite).Non mi pare che sarebbe uno standard del genere che imporrebbe delle castrazioni alla libertà di pensiero a chiunqe sapere che l'indice in memoria di ogni raggruppamento di bit equivale sempre al loro valore posizionale, ma anche il viceversa mi andrebbe bene più di n pleonastici modi che non portano in definitiva nessun vantaggio l'uno sull'altro.
  • FDG scrive:
    Fantainformatica: qualcuno ha paura
    C'è qualcuno che teme questa nuova situazione nel momento in cui entrerà a regime. Qualcuno che potrebbe darsi al FUD.Voi che ne pensate? E' proprio fantainformatica?
  • FDG scrive:
    Penso che Carmack la dica tutta
    Does he think we just sit around and say "Lets just not support the rest of these macs because we want to screw the user base!"We work with Apple, ATI, and Nvidia to make everything run as well as possible. Doom 3 had AltiVec code in it, and there were driver changes to make things work better. The bottom line is that the compiler / cpu / system / graphics card combinations available for macs has just never been as fast as the equivalent x86/windows systems. The performance gap is not a myth or the result of malicious developers trying to make your platform of choice look bad.Yes, it is always possible to make an application faster, but expecting developers to work harder on the mac platform than on windows is not reasonable. The xbox version of Doom required extensive effort in both programming and content to get good performance, but it was justified because of the market. In hindsight, we probably should have waited and ported the xbox version of the game to the mac, which would have played on a broader range of hardware. Of course, then we would have taken criticism for only giving the mac community the "crippled, cut down version".http://apple.slashdot.org/comments.pl?sid=152340&cid=12784181Aggiungo qualche mia considerazione.Oggi se qualcuno decide di sviluppare un processore non lo fa seguendo i dettami dell'architettura x86. Nessun si sogna di fare un processore con quattro registri in croce, un set di istruzioni non ortogonale e limitazioni assurde limitazioni che avevano senso forse nel 1980, ai tempi degli z80 e dei 6502. Però purtroppo questi processori, i VHS della delle CPU, hanno il mercato. Intel e AMD spendono ingenti capitali per portare avanti le loro architetture e nessuno può permettersi di fare altrettando per sperare di guadagnare su misere quote di mercato. Purtroppo questa è l'amara verità.
    • Anonimo scrive:
      Re: Penso che Carmack la dica tutta

      purtroppo questi processori, i VHS della delle
      CPU, hanno il mercato. La potenza bruta oggi viene per 100 da dsp o coprocessori dedicati, come le gpu, il processore general purpouse deve essere semplice da programmare, il che significa anche non dover buttare via tutto e reinventare la ruota ogni volta che si cambia architettura.Questo è x86, è il +1 al 100 di forza bruta dei vari processori specializzati la cui efficienza non è messa in dubbio se chi li controlla è risc cisc pippo o paperino.In sostanza carmac fa notare come se anche la cpu valesse 2 contro l'1 degli x86 la piattaforma sarebbe limitata da un supporto indietro di qualche mese sui coprocessori specifici, nel suo caso le gpu, e avrebbe come forza bruta un misero 50 (a dire tanto) + 2 = 52 contro 100 + 1.Non ha senso sviluppare per queste piattaforme per come è richiesta la potenza bruta a basso costo oggi, non in questo segmento di mercato.
      • Anonimo scrive:
        Re: Penso che Carmack la dica tutta
        - Scritto da: Anonimo
        Non ha senso sviluppare per queste piattaforme
        per come è richiesta la potenza bruta a basso
        costo oggi, non in questo segmento di mercato.L'articolo, secondo me illuminante, fa capire pure che queste scelte con cambio radicale di architettura, hanno delle conseguenze enormi in termini di profitto, perche gli sviluppatori non possono sistematicamente sopperire alle scelte sbagliate di chi produce HW. Apple paghera' questa scelta, e' poco ma sicuro. Perche' qui molti dimenticano che ok Ibm non dava i processori e via dicendo, ma in questa situazione (cioe' di dipendere completamente dai dictat di una ditta) ci si e' messa Apple stessa, non altri. Se Ibm vede che il gioco non vale piu' la candela semplicemente perde l'appalto e tanti soldi, ma Apple questo doveva prevederlo ben prima di oggi (e il fatto che sviluppasse parallelamente per X86 sono pure favolette per il marketing, mi pare chiaro). Ora per questi due anni avranno una flessione enorme, e questo in qualche modo DOVEVA essere previsto.
        • FDG scrive:
          Re: Penso che Carmack la dica tutta
          - Scritto da: Anonimo
          Apple paghera' questa scelta, e' poco ma sicuro.Molto meno di quel che pensi. Chi compra Apple non lo fa per i giochi. Tant'è che se leggi i commenti di sviluppatori che non fanno questo tipo di applicazioni, vedi che sono di tutt'altro tono.
          Ora per questi due
          anni avranno una flessione enorme, e questo in
          qualche modo DOVEVA essere previsto.Apple ha già affrontato una transizione simile. Io non ci scommetterei.E poi scusate, dov'è che avete letto che Carmak pensa che la piattaforma perderà supporto?
      • FDG scrive:
        Re: Penso che Carmack la dica tutta
        - Scritto da: Anonimo
        La potenza bruta oggi viene per 100 da dsp o
        coprocessori dedicati, come le gpu, il processore
        general purpouse deve essere semplice da
        programmare, il che significa anche non dover
        buttare via tutto e reinventare la ruota ogni
        volta che si cambia architettura.
        Questo è x86, è il +1 al 100 di forza bruta dei
        vari processori specializzati la cui efficienza
        non è messa in dubbio se chi li controlla è risc
        cisc pippo o paperino.Si, però a questo punto non credo che per gli sviluppatori il problema sia PPC o x86. Si programma in C in entrambi i casi. Se davvero il processore rappresenta solo il +1, a chi fregherebbe di ottimizzare il codice per questo o quel processore? Quindi, non ci sarebbero grossi problemi nello sviluppare il codice per uno o per l'altro processore, giusto? Conterebbero di più semmai il sistema operativo e le sue API.Sempre che il processore sia il +1 perché in realtà la potenza bruta dei coprocessori è tale solo per i compiti per cui sono stati pensati.
        • Anonimo scrive:
          Re: Penso che Carmack la dica tutta

          Si, però a questo punto non credo che per gli
          sviluppatori il problema sia PPC o x86. Si
          programma in C in entrambi i casi. Negli os e nei programmi pesanti ci sono parti interamente scritte in asm.Almeno così fece Tanenbaum per i suoi sistemi e lo stesso Torvalds per Linux.Ma è un discorso secondario, perchè:
          Conterebbero di più
          semmai il sistema operativo e le sue API.Giustissimo, infatti la piattaforma deve supportare le ultime diavolerie uscite perna avere grandi doti sulla carta e poi deludere per il supporto a shcede datate che vanno la metà, almeno sui giochi.
          Sempre che il processore sia il +1 perché in
          realtà la potenza bruta dei coprocessori è tale
          solo per i compiti per cui sono stati pensati.Il processore è general purpouse, non può arrivare alle prestazioni dei coprocessori specifici (in questo caso parliamo di gpu), può solo pilotarli, sempre sulla base di quello che gli dice il sistema, che deve quindi essere in grado di supportare al meglio le ultime novità, torniamo sempre lì, altrimenti fare tutto via sw su una cpu anche da 10 GFlop è largamente insufficiente anche contro un coprocessore come una gpu di diverse generazioni fa.Quindi se la piattaforma supporte le ultime novità sarà produttivo svilupparci su perchè la cpu smisterà praticamente sempre in maniera decente i compiti gravosi ai coprocessori specifici, se non le supporta non vale la pena provarci.Es, fai qualcosa di 3d interattivo su un celeron con gefo di ultima generazione e la stessa cosa su dual g5 con gefo di penultima generazione... poi con dual g5 e la stessa gefo del celeron... per quei compiti la cui mole di calcolo è molte volte la capacità di calcolo di qualsiasi gpu commerciale è praticamente solo la gefo che fa la differenza.Potrai dirmi, però il dual g5 rispetto ad un celeron 2,4 fa un sacco di cose più velocemente... compressione, codifica, decodifica... ma anche qui, basta che le faccia in tempi ragionevoli, se il task come la grafica 3d NON viene comunque fatto da una cpu commerciale in tempi ragionevoli si va per forza ad usare un coprocessore talmente più potente che diventa quasi l'unico fattore limitante per quelle prestazioni... così come quando le cpu erano a 300MHz si usavano coprocessori sui drive dvd o sk video per la decodifica dell'mpg2.In un futuro di minaturizzazione avere cpu general purpouse potentissime e in smp (multi processing simmetrico) è svantaggioso piuttosto che avere cup ragionevoli e un sacco di coprocessori specifici che facciano nsmp (multi processing non simmetrico) come si è affermato negli ultimi anni. L'smp è molto ma molto limitante dal punto di vista dell'efficienza, l'nsmp richiede che la piattaforma supporti tutte le varie diavolerie...
          • FDG scrive:
            Re: Penso che Carmack la dica tutta
            - Scritto da: Anonimo
            Negli os e nei programmi pesanti ci sono parti
            interamente scritte in asm.Siccome costa scrivere in assembler, è solo una minima parte del totale. Anzi, visto che i processori sono sviluppati dopo il compilatore e sulla base di questo, è sempre meno necessario ricorrervi. E non è detto che passare indiscriminatamente all'assembler si ottengano risultati significativi. Intanto ci si può concentrare solo su una minima parte del codice, quello eseguito più volte, gli inner loops, per fare un esempio. E poi il primo passo è scegliere una soluzione migliore, ovvero algoritmi migliori. E questo tenendo conto che l'assembler compromente pesantemente la manutenibilità del codice.
            Ma è un discorso secondario...Appunto.
            Giustissimo, infatti la piattaforma deve
            supportare le ultime diavolerie uscite perna
            avere grandi doti sulla carta e poi deludere per
            il supporto a shcede datate che vanno la metà,
            almeno sui giochi.No, non mi sono spiegato bene. Mi riferivo al fatto che nel porting il primo problema da affrontare è muovere il codice da le API di un sistema A a quelle di un sistema B. Insomma, su OS X non ci sono le Direct X :)Poi non vedo cosa ci sia di male nel fare oggetti come Core Image, che servono a mettere a disposizione di molti sviluppatori la potenza della GPU. Non credo sia questo il problema.
            Es, fai qualcosa di 3d interattivo su un celeron
            con gefo di ultima generazione e la stessa cosa
            su dual g5 con gefo di penultima generazione...
            poi con dual g5 e la stessa gefo del celeron...Si, vero tutto, ma ripeto, stai parlando di uno specifico campo applicativo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Penso che Carmack la dica tutta

            Si, vero tutto, ma ripeto, stai parlando di uno
            specifico campo applicativo.Mmmm... era solo un esempio molto usato in questi ultimi anni.In realtà stavo parlando dell'approcio smp contro nsmp, e dei vantaggi di efficienza di quest'ultimo.In altre parole, un sistema moderno a livello di os supporta tutta una serie di coprocessori specifici per gestire determinate situazioni. Una volta potevano essere cose abbastanza semplici tipo come controller scsi che gestivano il flusso di infromazioni da/per i dischi, insomma, un volume di informazioni gestibile (peggio) anche con una cpu generica. Oggi sono ci sempre più chip integrati, questo che decodifica un flusso di informazioni criptate, quello che decodifica un audio dolby, quell'altro che fa da gpu per la grafica 3d, l'altro che decodifica un dato tipo di flusso video... magari domani ci saranno coprocessori per gli algoritmi di IA o per le nurbs o modellazione delle espressioni facciali di un bot...Si potrebbero fare le stesse cose via sw e farle eseguire ad un potentissimo multiprocessore simmetrico sarebbe molto più comodo perchè basterebbe riscrivere il sw invece che creare un hw per fare le stesse cose e altri sw per controllare quei dispositivi, sarebbe certo più elegante ed economico ma non altrettanto performante.Non è un caso che manmano che le cpu generiche sono diventate più potenti tanti dispositivi hanno perso ragion d'essere, ora il lavoro di gestione dati di un modem può essere gestito benissimo via sw da una cpu generica senza pesare eccessivamente, la gestione dei dati su un canale ide non rallenta più di tanto come qundo le cpu erano 10 volte più lente ed uno scsi era un toccasana anmche dal punto di vista di sgravare il processore dalla gestione dei dischi, anche la gestione dei bus più impegnativi e dei formati video più semplici si può fare quasi in modo soddisfacente (senza notare rallentamenti sensibili) ed in contemporanea via sw su un normalissimo processore generico.Però appunto è una evoluzione naturale del modo di fare le cose quando la potenza che richiedono è di ordini di grandezza inferiore a quella di una cvpu generica, cosa che ancora oggi per certi tipi di codifica/decodifica e grafica (ancora poligonale, quindi estremamente primitiva e leggera rispetto ad una modellazione realistica tramite nurbs) sono ben lontane dall'essere realtà, quindi ecco che le macchine da casa e gioco hanno sk video con potenze mostruose e ws professionali hanno sk mostruose per la gestione di determinati compiti (rendering, real time ecc).Compiti che per la natura flessibile del computer saranno sempre destinati ad aumentare: nuove cose da fare, nuovi flussi da decodificare ecc.Farlo via hw, cioè con un nsmp, è più efficiente, fino a che le possibilità del smp non si espandano al punto da coprire via sw anche quelle esigenze.In pratica, per tornare al punto, per i task power hungry conta soprattutto che la piattaforma prescelta supporti prima e meglio le ultime diavolerie, pena avere magari un ottima potenza di calcolo general purpouse per coprire compiti banali che vanno benissimo anche su macchine obsolete (documenti, mail, rendering della navigazione...) mentre i task power hungry vengono delegati (magari peggio) a hw specifico in nsmp che risale ad una generazione fa ed ha prestazioni inferiori di un ordine di grandezza.Ergo, meglio concentrasi nello sviluppo per una piattaforma anche con una cpu generica mediocre ma un ottimo pool di periferiche in nsmp piuttosto che per una ottima cpu genrica e votata al smp che per motivi commerciali (o magari anche tecnici, magari meno sviluppatori, o magari maggiore difficoltà di programmazione a basso livello o di sviluppo di buoni compilatori/ottimizzatori causa il set di istruzioni meno noto o più ridotto) supporta le diavolerie nsmp di una generazione prima.
          • FDG scrive:
            Re: Penso che Carmack la dica tutta
            - Scritto da: Anonimo
            In altre parole, un sistema moderno a livello di
            os supporta tutta una serie di coprocessori
            specifici per gestire determinate situazioni.E funzionano bene. Fanno pochi compiti ma li fanno così bene che la potenza disponibile è di un ordine di grandeza più grande. So bene. Basta provare a fare un effetto grafico, anche abbastanza complesso, usando la CPU e lo stesso effetto usando la GPU. Con la seconda oggi puoi farlo in realtime. Questo solo per rendersi conto della differenza. Non credo sia un punto in discussione.Al contrario io volevo solo far notare che di per se il processore è solo una parte del problema. Siccome molto spesso la gente pensa che se il software va più veloce su un sistema piuttosto che su un altro allora vuol dire che il primo ha un processore più veloce del secondo, senza tenere conto che contano anche altre cose, e non si può parlare solo di hardware. E comunque i risultati possono cambiare in funzione del tipo di operazione eseguita.
            In pratica, per tornare al punto, per i task
            power hungry conta soprattutto che la piattaforma
            prescelta supporti prima e meglio le ultime
            diavolerie, pena avere magari un ottima potenza
            di calcolo general purpouse per coprire compiti
            banali che vanno benissimo anche su macchine
            obsolete (documenti, mail, rendering della
            navigazione...)...Beh, hai preso gli esempi più banali. Forse per questi usi non servono processori più potenti ma processori che consumino meno, che ti permettano di rendere più portatile lo strumento. O forse il software non è ancora in grado di sfruttare a pieno tutta la potenza disponibile, perché gli sviluppatori hanno poca fantasia. Oppure questo è proprio quello che vogliono gli utenti, solo che lo vogliono fare senza grossi problemi.
            mentre i task power hungry
            vengono delegati (magari peggio) a hw specifico
            in nsmp che risale ad una generazione fa ed ha
            prestazioni inferiori di un ordine di grandezza.Quindi è una questione di aggiornamento dell'hardware, in particolar modo dell'hardware video. Cosa che su un computer wintel riesci a sfruttare molto bene per farci 3d realtime. Siamo sempre li.Ecco, forse una cosa che ancora ha bisogno di hardware dedicato è l'audio 5+1 realtime. Non sono aggiornato su questa materia.E poi tutto deve essere reso disponibile agli sviluppatori nel modo più uniforme possibile. Non puoi pretendere che scrivano un pezzo di codice per ogni possibile componente hardware che fa una certa operazione.==================================Modificato dall'autore il 14/06/2005 17.18.20
    • Anonimo scrive:
      Re: Penso che Carmack la dica tutta

      Oggi se qualcuno decide di sviluppare un
      processore non lo fa seguendo i dettami
      dell'architettura x86. Nessun si sogna di fare un
      processore con quattro registri in croce, un set
      di istruzioni non ortogonale e limitazioni
      assurde limitazioni che avevano senso forse nel
      1980, ai tempi degli z80 e dei 6502. Però
      purtroppo questi processori, i VHS della delle
      CPU, hanno il mercato. Intel e AMD spendono
      ingenti capitali per portare avanti le loro
      architetture e nessuno può permettersi di fare
      altrettando per sperare di guadagnare su misere
      quote di mercato. Purtroppo questa è l'amara
      verità.Non lo fa nessunoPero' Intel pompando i GHz in modo assurdo e' arrivata ad ottenere prestazioni ottime che i PPC nonostante l'architettura da supercomputer non riescono piu' ad eguagliare.Considerando anche l'architettura ia64 bisogna dire che Apple non ha tutti i torti.Vabbe' ci saranno dei Mac con ventole a non finire come l'ultimo dei PC. :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Penso che Carmack la dica tutta
      - Scritto da: FDG
      Nessun si sogna di fare un
      processore con quattro registri in croceEhm... ma scusa, l'architettura x86 non ha 8 registri in croce, i discendenti di AX, BX, CX, DX, SI, DI, SP e BP? Di cui fra l'altro non potrai mai usare SP, in pratica?E il set d'istruzioni con cose come "loop" e la "mul" a operandi impliciti e` tutt'altro che ortogonale .Oggi forse non se lo sogna nessuno, ma storicamente stiamo lavorando proprio su questo. A me dispiace, ma e` gia` un enorme, davvero IMMANE, passo avanti che finalmente si raggiunga l'unificazione della endianness.
  • Anonimo scrive:
    ma chi sei, l'angelo della apple?
    Mi pare che col marketing ci sappiano fare anche da soli.Stai tranquillo ci convinceranno per bene che cambiare era la cosa migliore.Peraltro già il mio G4 non è gran cosa come potenza, è nato vecchio
  • Anonimo scrive:
    Amiga, Atari ST, Macintosh...
    Se non sbaglio, i tre protagonisti dell'inizio degli anni 90 montavano lo stesso processore 6800 o versioni sucessive, pero' le architetture erano completamente diverse e per niente compatibili.Non e' che succede lo stesso anche adesso?I nuovi Mac monteranno lo stesso processore dei Pc ma probabilmente avranno architettura diversa e quindi non compatibili.In questo modo Apple potrebbe mantenere la propria identita'.Anche se, a parer mio, sarebbe vantaggiosa la compatibilita' con l'hardware del Pc.Possibile scenario:Compro scheda madre Mac+Processore e utilizzo Ram,HD,scheda video,etc... del mio pc.Quale sara' il futuro? :|
    • Anonimo scrive:
      Re: Amiga, Atari ST, Macintosh...

      Anche se, a parer mio, sarebbe vantaggiosa la
      compatibilita' con l'hardware del Pc.
      Possibile scenario:Compro scheda madre
      Mac+Processore e utilizzo Ram,HD,scheda
      video,etc... del mio pc.
      Quale sara' il futuro? :|Già adesso esiste la compatibilità hardware dei mac con la componentistica PC, usando unicamente componenti standard (RAM, HD, DVD, ecc.).L'unica difficolta la trovi sulle schede video che, per utilizzare quelle prodotte per PC, bisogna 'flashare' le rom o, per alcune, fare due punti di saldatura.
    • Anonimo scrive:
      Re: Amiga, Atari ST, Macintosh...

      Se non sbaglio, i tre protagonisti dell'inizio degli anni
      montavano lo stesso processore 6800 o versioni
      sucessive, pero' le architetture erano completamente
      diverse e per niente compatibili.No, il 6800 era un processore ad 8 bit della Motorola, i tre computer utilizzavano il suo successore, il 68000.
      Non e' che succede lo stesso anche adesso?I nuovi
      Mac monteranno lo stesso processore dei Pc ma
      probabilmente avranno architettura diversa e quindi
      non
      compatibili.In questo modo Apple potrebbe
      mantenere
      la propria identita'.Gia' nei primi anni di vita dell'Atari ST e dell'Amiga esistevano emulatori hardware di Macintosh che sfruttavano direttamente la cpu per far girare MacOs. Poi, a meta' anni 90, erano usciti su Amiga emulatori esclusivamente software. Quindi gia' all'epoca c'era una parziale interoperabilita' fra i sistemi. Oggigiorno i sistemi operativi hanno uno strato di astrazione dall'hardware, in modo da poter girare su piu' configurazioni diverse, l'unico fattore importante di distinzione e' ormai la sola cpu.Varthall
  • ilGimmy scrive:
    ha sempre ricompilato
    [quote]Apple ha sempre ricompilato, in gran segreto, una versione di Mac OS X già pronta per il possibile cambio di architettura. Questo le ha permesso di tenere sotto controllo la situazione in ogni momento, portando avanti le ottimizzazioni del sistema su entrambe le piattaforme, e verificandone le prestazioni di continuo, per stabilire "se" e "quando" effettuare il passaggio. Contemporaneamente ha realizzato tutti quegli strumenti indispensabili per rendere il cambio di architettura il più trasparente possibile, sia per gli sviluppatori che per gli utenti.[/quote]Vabbè crediamoci.E ottimizzavano pure!!!!!!!! MA DAIIIIIII!!!!!!!!!!Avranno compilato una, massimo due versioni.Non è che la gente lavora gratis...che senso ha tenere degli ingegneri a ricompilare su una architettura che viene sempre sbeffeggiata???Cmq sono triste, onestamente pensavo che il futuro fosse RISC...e invece...flop di IA64 e i Mac passano a Intel!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: ha sempre ricompilato

      Cmq sono triste, onestamente pensavo che il
      futuro fosse RISC...e invece...flop di IA64 e i
      Mac passano a Intel!!!!Perchè questa idolatria di risc?Risc significa istruzioni più semplici che rendono più semplice lòa creazione di core più veloci, della paralelizzazione delle istruzioni e della cooperazione tra processori.Ma non è l'unico approcio alle prestazioni, cisc significa core più complessi per fare operazioni più potenti in una unica volta e non significa affatto che sia impossibile fare sistemi multiprocessori, gestire una pipeline ed eventuali errori di predizione, fare core veloci (anzi, oggi benchè più grandi e complessi sono molto più veloci dei risc).Quindi, semplificando: fare n operazioni semplici con un core semplice ed elegante che si presta bene ad essere reso veloce e cooperare o fare una singola operazione più complessa alla volta con un core giocoforza più complesso, stando che alla prova dei fatti si sono riusciti lo stesso a costruire sistemi multiprocessore e core iperveloci?Una volta raggiunti i limiti dell'elettronica i core non potranno essere più veloci (fino ad un imprevedibile cambio di tecnologia), inoltre la cooperazione dei sistemi multiprocessore ha limiti applicativi perchè non tutti i problemi sono parallelizzabili quindi a volte è la velocità di una singola unità a fare da discriminante quindi è cisc ad essere più flessibile e più lungimirante, anche se più impegnativo, come disegno.Poi, in ogni caso, ci sono disegni meno puri che prendono il meglio da entrambe le filosofie ed aggiungono del nuovo, come il VLIW, quindi non è tanto il casio di stare a fare una guerra di religione con lamentazioni pro-risc come se fosse stato il picco dello scibile umano e cisc il concetto più stupido del mondo.
      • Anonimo scrive:
        Re: ha sempre ricompilato
        - Scritto da: Carlo_Martello

        Cmq sono triste, onestamente pensavo che il

        futuro fosse RISC...e invece...flop di IA64 e i

        Mac passano a Intel!!!!
        Perchè questa idolatria di risc?
        Risc significa istruzioni più semplici che
        rendono più semplice lòa creazione di core più
        veloci, della paralelizzazione delle istruzioni e
        della cooperazione tra processori.
        Ma non è l'unico approcio alle prestazioni, cisc
        significa core più complessi per fare operazioni
        più potenti in una unica volta e non significa
        affatto che sia impossibile fare sistemi
        multiprocessori, gestire una pipeline ed
        eventuali errori di predizione, fare core veloci
        (anzi, oggi benchè più grandi e complessi sono
        molto più veloci dei risc).
        Quindi, semplificando: fare n operazioni semplici
        con un core semplice ed elegante che si presta
        bene ad essere reso veloce e cooperare o fare una
        singola operazione più complessa alla volta con
        un core giocoforza più complesso, stando che alla
        prova dei fatti si sono riusciti lo stesso a
        costruire sistemi multiprocessore e core
        iperveloci?
        Una volta raggiunti i limiti dell'elettronica i
        core non potranno essere più veloci (fino ad un
        imprevedibile cambio di tecnologia), inoltre la
        cooperazione dei sistemi multiprocessore ha
        limiti applicativi perchè non tutti i problemi
        sono parallelizzabili quindi a volte è la
        velocità di una singola unità a fare da
        discriminante quindi è cisc ad essere più
        flessibile e più lungimirante, anche se più
        impegnativo, come disegno.
        Poi, in ogni caso, ci sono disegni meno puri che
        prendono il meglio da entrambe le filosofie ed
        aggiungono del nuovo, come il VLIW, quindi non è
        tanto il casio di stare a fare una guerra di
        religione con lamentazioni pro-risc come se fosse
        stato il picco dello scibile umano e cisc il
        concetto più stupido del mondo.Forse non tutti sanno che l'ultimo processore veramente CISC fu il pentium II, da lì in poi anche i pentium sono dei RISC, con un layer di interfaccia CISC. Ovviamente gli sviluppatori non hanno accesso in alcun modo al core interno.Prima che mi date del troll:Today, most CISC processors are based on hybrid CISC-RISC architecture. These designs use a decoder to convert CISC instructions into RISC instructions before execution. They are then processed by a RISC core, which performs a few basic instructions very quickly. Having a RISC core is advantageous because it allows performance enhancing features, such as branch prediction and pipelining. Traditionally, these have only been possible in RISC designs, since fixed length instructions are required for such features to work.Popular examples of hybrid designs include the Pentium and Athlon family of processors. These processors are compatible with software written for their CISC predecessors yet perform competitively against processors based on RISC designs. However, CISC-RISC hybrids continue to consume a lot of power and are not the best candidates for mobile and embedded applications.Tratto dahttp://www.visionengineer.com/comp/combining_risc_cisc.shtmlBye
        • Anonimo scrive:
          Re: ha sempre ricompilato
          L'ibrido cisc-risc ha sempre il doppio collo di bottiglia: sarà abbastanza veloce la decodifica in istruzioni più semplici da stare dietro al core che lavora stile risc? sarà il core risc abbastanza veloce da stare dietro al traduttore?Per questo in realtà non si tratta di un risc vero e proprio, proprio questo layer di traduzione a monte che *potrebbe* diventare il collo di bottiglia mentre un risc puro è limitato solo dalle prestazioni del suo set di istruzioni.Poi questa architettura offre il vantaggio di poter cambiare ad libitum il set di "istruzioni ridotte" da eseguire in pipeline senza dovere riscrivere il software, basta *riscrivere* il traduttore.In pratica si tratta di un modo per introdurre caratteristico positive dei risc (la parallelizzazione dell'esecuzione) senza perdere la compatibilità col codice già scritto e mantenere la ricchezza di istruzioni cisc a monte, il che però rende meno facile costruire multiprocessori che scalino bene come i risc, sempre per la maggiore facilità di parallelizzazione.A questo però bisogna aggiungere che non tutti i compiti si possono parallelizzare per cui in molti casi la prestazione di punta che deriva da una istruzione particolarmente azzeccata o da una singola unità per qualsiasi motivo più performante diventano più importanti della scalabilità su molti processori (che tra l'altro non è stata affrontata se non molto marginalmente da apple, quando solo in sistemi con 4 o 8 cpu si sarebbe notata la maggiore scalabilità del ppc).Il fatto che sia "meno facile" fare determinate cose (data la complessità, tenere bassi i consumi, fare sistemi multiprocessore) non deve però essere preso come un dato di fatto, da qui dissento in pieno dalla conclusione dell'articolo riportato: con i p-M intel è riuscita a dare prestazioni e basso consumo, col g5, nonstante le premesse, IBM, semplicemente, NON lo ha fatto; con gli opteron AMD è in grado di dare workstation con 8 processori, apple/IBM NON lo ha fatto, anche se è possibilissimo costruire un smp con ppc più performante ed economico che con x86.Questi sono i fatti che contano sulla specifica fascia di mercato: IBM da ad apple ppc in grado di andare su macchine biprocessore anche se in teoria si riescono a fare supercomputer da centinaia di ppc e con gli x86 si fa faticaad arrivare ad 8, ma amd le cpu per le macchine con quegli 8 le vende e apple su x86 ne potrà, se vuole usufruire come ogni altro assemblatore mentre non potrà convincere IBM, unica padrona del ppc, a fare cpu per macchine apple a 8 processori, lo stesso dentico discorso riguarda per i centrino, è più difficile fare un cisc/risc a 7-21 w di tdp che un ppc, ma Intel lo ha fatto e IBM no, ed apple su x86 ne potrà usufruire mentre oggi no (sempre che non si orienti su modelli ULV che consumano un paio di W a 1 GHZ...)Insomma, x86 si pone con delle difficoltà che ha superato (clock, tdp, smp), ppc ha carte migliori per superarle ma non lo ha fatto e non lo sta facendo... la scelta mi sembra inevitabile su macchine che dopotutto sono destinate al mercato home, quindi rapido consumo e prestazioni NON da supercomputer da 2000 CPU.
      • Anonimo scrive:
        Re: ha sempre ricompilato
        - Scritto da: Carlo_Martello
        Poi, in ogni caso, ci sono disegni meno puri che
        prendono il meglio da entrambe le filosofie ed
        aggiungono del nuovo, come il VLIW, quindi non è
        tanto il casio di stare a fare una guerra di
        religione con lamentazioni pro-risc come se fosse
        stato il picco dello scibile umano e cisc il
        concetto più stupido del mondo.Quoto tutto, sono al 100% d'accordo.Invece vedrai che se parli con gli utenti Mac (non tutti ma in media), vedrai che la maggior parte di loro si vanteranno proprio del fatto di usare Risc, senza neanche sapere cosa voglia dire, solo perche' pensano sia meglio (o perche' gli hanno inculcato questo col marketing e le leggende metropolitane).Senza pensare poi che ormai tutti gli X86 (specialmente gli Amd) di oggi sono degli ibridi Cisc-Risc, quindi questa idolatria verso il Risc e' veramente per gente ignorante.
        • Anonimo scrive:
          Re: ha sempre ricompilato
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Carlo_Martello


          Poi, in ogni caso, ci sono disegni meno puri che

          prendono il meglio da entrambe le filosofie ed

          aggiungono del nuovo, come il VLIW, quindi non è

          tanto il casio di stare a fare una guerra di

          religione con lamentazioni pro-risc come se
          fosse

          stato il picco dello scibile umano e cisc il

          concetto più stupido del mondo.

          Quoto tutto, sono al 100% d'accordo.

          Invece vedrai che se parli con gli utenti Mac
          (non tutti ma in media), vedrai che la maggior
          parte di loro si vanteranno proprio del fatto di
          usare Risc, senza neanche sapere cosa voglia
          dire, solo perche' pensano sia meglio (o perche'
          gli hanno inculcato questo col marketing e le
          leggende metropolitane).
          e vedrai che se parli con gli utenti pc (non tutti ma in media + di quelli mac), vedrai che la maggior parte di loro si vanteranno proprio del fatto di usare cisc, senza neanche sapere cosa voglia dire dire,solo perchè pensano sia meglio (o perchè gli hanno inculcato questo col marketing e le leggende metropolitane)azzo...tutto il mondo è proprio paese
          Senza pensare poi che ormai tutti gli X86
          (specialmente gli Amd) di oggi sono degli ibridi
          Cisc-Risc, quindi questa idolatria verso il Risc
          e' veramente per gente ignorante.
          come quella di coloro che vantano cisc meglio di risc...l'ignoranza regna anche tra le banali e generalizzazioni di cui sopra nel tuo reply.non si fa chiarezza così
    • Anonimo scrive:
      Re: ha sempre ricompilato

      Avranno compilato una, massimo due versioni.
      Non è che la gente lavora gratis...che senso ha
      tenere degli ingegneri a ricompilare su una
      architettura che viene sempre sbeffeggiata???veniva sbeffeggiata per darla a bere ai beccacece che si sorbivano gli slogan e cacciavano la carta di credito
      Cmq sono triste, onestamente pensavo che il
      futuro fosse RISC...e invece...flop di IA64 e i
      Mac passano a Intel!!!!Ma che te ne frega? Se funziona e fa il suo dovere che differenza fa il processore? Lo ha ammesso pure giobbes che il pentium m passa le bozze ai g4 e g5non le capisco proprio queste prese di posizione
      • Anonimo scrive:
        Re: ha sempre ricompilato
        - Scritto da: Anonimo


        Avranno compilato una, massimo due versioni.

        Non è che la gente lavora gratis...che senso ha

        tenere degli ingegneri a ricompilare su una

        architettura che viene sempre sbeffeggiata???

        veniva sbeffeggiata per darla a bere ai beccacece
        che si sorbivano gli slogan e cacciavano la carta
        di creditoCioe', ammettiamolo, il 99% dell'utenza Mac.
      • Anonimo scrive:
        Re: ha sempre ricompilato
        - Scritto da: Anonimo
        [...]

        Cmq sono triste, onestamente pensavo che il

        futuro fosse RISC...e invece...flop di IA64 e i

        Mac passano a Intel!!!!

        Ma che te ne frega? Se funziona e fa il suo
        dovere che differenza fa il processore? Lo ha
        ammesso pure giobbes che il pentium m passa le
        bozze ai g4 e g5

        non le capisco proprio queste prese di posizioneBe', ma se pensi che il PowerPC ha segnato il passo solo perché IBM non aveva voglia di svilupparlo, mentre per MS e Sony, per le prossime console, con la prospettiva di vendite male che vada triple, gli sviluppi ci sono stati eccome, c'è proprio da rimanere delusi: come ha fatto notare, mi pare, Carlo Martello in questo stesso trd, quando IBM e Motorola si sono impegnate assieme a Apple, sono riuscite, in passato, a tirar fuori regolarmente dei PowerPC con potenza di calcolo pari o superiore agli x86 contemporanei, ma con consumi minori, spesso con costi di produzione minori e scalabilità maggiore per i sistemi multiprocessore.Ora, per quel che riguarda i desktop, a meno che Apple non voglia anche per quelli le versioni a basso consumo di intel, ci ritroveremo con quest'ultima che ha ancora meno competitori, quando sarà nella situazione di poter aumentare la potenza dicalcolo sui desktop solo a prezzo di mostruosi aumenti dei consumi.Meno concorrenza è male, intel, nei periodi in cui la concorrenza era più debole, ne ha sempre approfittato per rifilare rumenta agli utenti e anche ora ne approfitta il più possibile, perché purtroppo la capacità produttiva di AMD non è sufficiente a rimpiazzare intel, quindi non è in grado di approfittare pienamente degli errori del gigante.
    • Anonimo scrive:
      Re: ha sempre ricompilato
      - Scritto da: ilGimmy
      [quote]Apple ha sempre ricompilato, in gran
      segreto, una versione di Mac OS X già pronta per
      il possibile cambio di architettura. Questo le ha
      permesso di tenere sotto controllo la situazione
      in ogni momento, portando avanti le
      ottimizzazioni del sistema su entrambe le
      piattaforme, e verificandone le prestazioni di
      continuo, per stabilire "se" e "quando"
      effettuare il passaggio. Contemporaneamente ha
      realizzato tutti quegli strumenti indispensabili
      per rendere il cambio di architettura il più
      trasparente possibile, sia per gli sviluppatori
      che per gli utenti.[/quote]
      Vabbè crediamoci.
      E ottimizzavano pure!!!!!!!! MA DAIIIIIII!!!!!!!!!!In realta' sono sufficenti un po' di ifdef !! Ma dove sono finiti i programmatori che postavano su PI, son rimasti solo i troll :-(
      Avranno compilato una, massimo due versioni.
      Non è che la gente lavora gratis...che senso ha
      tenere degli ingegneri a ricompilare su una
      architettura che viene sempre sbeffeggiata???Quali ingegneri ? Guarda che ci sono tool, tipo quelli free di IBM, che automaticamente compilano su una decina di piattaforme diverse e ti inviano i report.Siete rimasti indietro ragazzi.
      Cmq sono triste, onestamente pensavo che il
      futuro fosse RISC...e invece...flop di IA64 e i
      Mac passano a Intel!!!!Che tevo di', era meglio Amiga !
    • Anonimo scrive:
      Re: ha sempre ricompilato
      è ovvio che è propaganda...che ti dovevano dire...sai com'è ci siamo accorti che le cose nn vanno e ora ci siamo metti a vedere quello che si può fare.....ovviamente se avevano già tutto funzionande uscivano "domani" con i mac-intel..se aspettano qualche ragione ci sarà, e non certo solo il fatto di attendere le altre aziende che fanno software.....
    • Solvalou scrive:
      Re: ha sempre ricompilato
      Guarda che la "leggenda" dell'OSX pronto per intel da anni e' probabilmente vera. Anche se Apple non l'avesse mai rilasciato aveva due ottime ragioni per portarlo avanti, al di la' del discorso della facilita' dell'operazione per cui ti hanno gia' risposto.1- mettere il pepe al culo all'ibm minacciandoli di cambiare parrocchia.2- mettere il pepe al culo della Microsoft secondo un patto del genere: o MS continuava a sviluppare una versione mac di office con le contropalle, O apple sarebbe uscita con l'osx per i pc.
  • Anonimo scrive:
    previsioni sulla fine di apple
    vi ricordate tutte le previsioni sulla morte della apple? la apple sta per fallire, l'anno prossimo chiude, ecc, ecc, ecc.... ebbene, la verita' e' che e' gia' successo e non ce ne siamo accorti!! :| una volta era veramente il "think different", computer davvero alternativi e innovativi, tutti scsi, una spanna sopra alla media, poi piano piano hanno iniziato a sostituire pezzi su pezzi, hard disk ide da supermercato, poi hanno abbandonato l'os e hanno adottato uno unix sotto gpl mettendoci una interfaccia grafica sopra, poi il processore intel :| che c'e' rimasto di apple? il marchio.... e basta....
    • Anonimo scrive:
      Re: previsioni sulla fine di apple
      - Scritto da: Anonimo
      vi ricordate tutte le previsioni sulla morte
      della apple? la apple sta per fallire, l'anno
      prossimo chiude, ecc, ecc, ecc.... ebbene, la
      verita' e' che e' gia' successo e non ce ne siamo
      accorti!! :| una volta era veramente il "think
      different", computer davvero alternativi e
      innovativi, tutti scsi, una spanna sopra alla
      media, poi piano piano hanno iniziato a
      sostituire pezzi su pezzi, hard disk ide da
      supermercato, poi hanno abbandonato l'os e hanno
      adottato uno unix sotto gpl mettendoci una
      interfaccia grafica sopra, poi il processore
      intel :| che c'e' rimasto di apple? il
      marchio.... e basta....ormai anche a livello professionale, a parte cose estremamente di nicchia, e' preferibile linux su x86, conosco diversi professionisti del 3d che lavoravano sia su mac che su x96+xp, stanno passando tutti a x86+linux+maya, in questo modo possono anche farsi, al prezzo di un dual g5, un cluster di x86 che nel peggiore dei casi smezzano i tempi di lavorazione e di renderingsecondo me l'unico modo per cui apple possa continuare ad essere presente e crescere nel mercato e' di produrre workstation performanti ibm compatibili e rilasciare osx per x86, e continuare a vendere oggetti tipo ipod e servizi quali itunesin ambito portatili si devono anche aggiornare perche' al momento si trovano portatili da 600 euro con centrino che spaccano proprio anche se non hanno la finezza del design apple
      • Anonimo scrive:
        Re: previsioni sulla fine di apple
        - Scritto da: Anonimo

        x86, conosco diversi professionisti del 3d che
        lavoravano sia su mac che su x96+xp, stanno
        passando tutti a x86+linux+maya, in questo modo
        possono anche farsi, al prezzo di un dual g5, un
        cluster di x86 che nel peggiore dei casi smezzano
        i tempi di lavorazione e di rendering
        È da ammettere però che sta conquistando il mercato del video. Visto cosa ha presentao al NAB 2005?
  • Anonimo scrive:
    Osx su pc?
    Mac OsX non si potrà installare su PC win, però neppure linux si poteva installare su una xbox...Chissà, magari a qualche smanettone verrà in mente di bypassare i controlli di Osx per intel e proverà a farlo girare su un ibm compatibile... :O boh
    • awerellwv scrive:
      Re: Osx su pc?
      - Scritto da: Anonimo
      Mac OsX non si potrà installare su PC win, però
      neppure linux si poteva installare su una xbox...
      Chissà, magari a qualche smanettone verrà in
      mente di bypassare i controlli di Osx per intel e
      proverà a farlo girare su un ibm compatibile...
      :O bohnell'articolo successivo si parla di un chippettino hardware. Se mac Osx non trova il chippettino sulla mobo non si avvia.certo, si potrebbe crakkare, ma a sto punto anziche' perdere tempo, ci si prepara gia' adesso e si progetta lo switch a mac da ora...
      • Anonimo scrive:
        Re: Osx su pc?
        - Scritto da: awerellwv

        - Scritto da: Anonimo

        Mac OsX non si potrà installare su PC win, però

        neppure linux si poteva installare su una
        xbox...

        Chissà, magari a qualche smanettone verrà in

        mente di bypassare i controlli di Osx per intel
        e

        proverà a farlo girare su un ibm compatibile...

        :O boh

        nell'articolo successivo si parla di un
        chippettino hardware. Se mac Osx non trova il
        chippettino sulla mobo non si avvia.

        certo, si potrebbe crakkare, ma a sto punto
        anziche' perdere tempo, ci si prepara gia' adesso
        e si progetta lo switch a mac da ora...sai che ci vuole a craccare il controllo del chip, e' come tutte le versioni dei piu' grandi software con le chiavi hardware che si trovano gia' belli e pronti da scaricare e installare a piacimento
        • Anonimo scrive:
          Re: Osx su pc?

          sai che ci vuole a craccare il controllo del
          chipquando esce ti chiederò di craccarlo visto cheme la fai facile..poi mi farò quattro risate:D
  • Anonimo scrive:
    si ma perche intel?
    ma li hanno visti i benchamrk degli ultimi 2 anni?ma porca **** ma invece di penalizzare intel per le scelte del c***o che ha fatto in questi anni lo premiano. almeno avessero scelto amd.
    • Anonimo scrive:
      Re: si ma perche intel?
      - Scritto da: Anonimo
      ma li hanno visti i benchamrk degli ultimi 2 anni?
      ma porca **** ma invece di penalizzare intel per
      le scelte del c***o che ha fatto in questi anni
      lo premiano. almeno avessero scelto amd.noi troll siam cosi'... noi siamo tutti blu... (troll3)
      • Anonimo scrive:
        Re: si ma perche intel?
        E secondo te AMD e Intel hanno gli stessi mezzi di produzione??? Anche io sono un fan e user AMD ma questa stronzata non mi è passata neppure per la testa, anzi, avessi visto un accordo Apple AMD mi sarei preoccupato sul serio.
        • Anonimo scrive:
          Re: si ma perche intel?
          - Scritto da: Anonimo
          io sono un fan e user AMDma come si fa ad essere un fan di un processore? e' come essere un fan di un cuscinetto o di un martello, e' assurdo :|
          • Anonimo scrive:
            Re: si ma perche intel?
            non vedo nulla di male in quello che è stato scritto.Io sono un fan del mio frullatore e cerco di usarlo per farci tutto.. ragù compreso.
          • Anonimo scrive:
            Re: si ma perche intel?
            - Scritto da: Anonimo
            non vedo nulla di male in quello che è stato
            scritto.
            Io sono un fan del mio frullatore e cerco di
            usarlo per farci tutto.. ragù compreso.Ma il ragù non si fa col frullatore.
  • Anonimo scrive:
    Intel compra Apple
    Condivido questa lineahttp://medri.blogspot.com/2005/06/una-mela-intelligente.html
    • Anonimo scrive:
      Re: Intel compra Apple
      Decisamente, l'osservazione più interessante che si potesse leggere in questi giorni.
      • Anonimo scrive:
        Re: Intel compra Apple
        potrebbe essere, sta in piedi da tutti i punti di vista...converrebbe a tutti tranne che a windows- Scritto da: Anonimo
        Decisamente, l'osservazione più interessante che
        si potesse leggere in questi giorni.
        • Anonimo scrive:
          Re: Intel compra Apple
          - Scritto da: Anonimo
          potrebbe essere, sta in piedi da tutti i punti di
          vista...
          converrebbe a tutti tranne che a windowsNo, sbagliato.Converebbe anche a Microsoft (windows) paradossalmente, perché ha una quota in Apple.Se "vince" MacOsX porta a casa qualcosa, in caso contrario lascia libera la strada a Linux su processori Intel compatibili.
          • Anonimo scrive:
            Re: Intel compra Apple
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            potrebbe essere, sta in piedi da tutti i punti
            di

            vista...

            converrebbe a tutti tranne che a windows

            No, sbagliato.
            Converebbe anche a Microsoft (windows)
            paradossalmente, perché ha una quota in Apple.

            Se "vince" MacOsX porta a casa qualcosa, in caso
            contrario lascia libera la strada a Linux su
            processori Intel compatibili.e a quanto ammontano queste azioni?xke il loro valore negli ultimi 12-18 mesi è triplicato
          • Anonimo scrive:
            Re: Intel compra Apple
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            potrebbe essere, sta in piedi da tutti i punti
            di

            vista...

            converrebbe a tutti tranne che a windows

            No, sbagliato.
            Converebbe anche a Microsoft (windows)
            paradossalmente, perché ha una quota in Apple.

            Se "vince" MacOsX porta a casa qualcosa, in caso
            contrario lascia libera la strada a Linux su
            processori Intel compatibili.Ma quante volte ve lo devo dire che Microsoft non possiede manco mezza azione Apple?:@
  • Anonimo scrive:
    Zappa sui piedi? Forse no.
    L'OS della Apple è decisamente innovativo rispetto a quello della Microsoft, e Linux è fortemente penalizzato dalla lobby dei grandi produttori di SW americano.E' auspicabile che con la possibilità di installare in modo nativo entrambi gli OS farà la forza di Apple.
    • Anonimo scrive:
      Re: Zappa sui piedi? Forse no.
      Zappa sui piedi? Per ora no, finché non smaltisce gli whisky Jobs non riesce a centrarseli.
  • Anonimo scrive:
    ms e apple che competono ! risate !
    Apple, col permesso di ms, che ha fattoin modo di dargli le cpu (d'altra parte hauna buona quota delle azioni di apple) ....etc.etcDeja vù: alcuni la chiamano "innovazione"...altri vomitano.
    • Anonimo scrive:
      Re: ms e apple che competono ! risate !
      - Scritto da: Anonimo
      Apple, col permesso di ms, che ha fatto
      in modo di dargli le cpu M$ produce e commercializza cpu? :|Speriamo che non le faccia come i suoi s.o. ;)d'altra parte ha
      una buona quota delle azioni di apple) ....
      etc.etc"Buona parte"?.....il 5% senza diritto di voto, rivendute nel 2000 guadagnandoci un fracco di soldi....Ciccio SVEGLIA!!! Da cinque anni M$ non ha una sola azione Apple, ma si sa, chi usa M$ è come i suoi s.o.: arriva sempre con anni di ritardo.
      Deja vù: alcuni la chiamano "innovazione"...
      altri vomitano.Ora che c'entra Longhorn?!?! :|
  • Anonimo scrive:
    consiglio sul mac
    Ragazzi, su libero per vedere le mail, c'èil banner per il nuovo iMac a 1.8 giga. Cosa ne pensate ? Vale la pena farci un pensierinoper provare a migrare da xp o linux ? Un ppca 1.8 sarà pure come un pentium64 o amd64?Vorrei sentire un po di pareri prima di decidermi(sarebbero importanti il costo, il rumore e il calore).Hi
    • Anonimo scrive:
      Re: consiglio sul mac
      Passa passa a MAC, non fosse altro per il sistema operativo, niente virus, applicazioni a iosa (checchè se ne dica...), core UNIX...
    • Anonimo scrive:
      Re: consiglio sul mac
      - Scritto da: Anonimo
      Ragazzi, su libero per vedere le mail, c'è
      il banner per il nuovo iMac a 1.8 giga. Cosa
      ne pensate ? Vale la pena farci un pensierino
      per provare a migrare da xp o linux ? Un ppc
      a 1.8 sarà pure come un pentium64 o amd64?
      Vorrei sentire un po di pareri prima di decidermi
      (sarebbero importanti il costo, il rumore e il
      calore).
      Hidipende perche' lo vuoi comprare, se e' uno sfizio e vuoi il mac in se allora prendilose ti serve per lavorarci allora non prenderlo, prendi un modello maggiorese ti serve per altre cose, per esempio fare 3d o giochi, prendi un pcconsidera sempre il rapporto qualita'/prezzo, quanto costa l'imac? cosa posso avere con lo stesso prezzo nel mondo x86? (tanto)inoltre l'imac una volta comprato e' un peso morto, ovvero finche' va va e poi lo butti o lo rivendi (se trovi qualcuno che lo vuole) il pc bene o male lo ricicli sempre, lo reistalli, lo integri, lo disassembli, lo riadatti come print server, o per fare da server per una piccola rete aziendale o domestica, lo metti in un angolino a fare download 24 ore su 24, lo smonti e ti rivendi i pezzi uno a uno su ebay (io ho venduto pochi giorni fa un vecchio amd 750mhz con disco da 4 giga e 256 di ram a 200 euro)l'imac in fondo non e' altro che un portatile con lo schermo al contrario (cioe' applicato a vista su una delle facce) considera anche che allo stesso prezzo potresti comprare un bel portatilozzo widescreen con centrino e 512 mega di ram che non c'e' paragone con l'imac...certo poi se sei uno di quelli che gli viene l'orticaria se non ha osx allora..................
      • Anonimo scrive:
        Re: consiglio sul mac

        certo poi se sei uno di quelli che gli viene
        l'orticaria se non ha osx
        allora...Una delle più grandi stupidaggini mai scritte.Fai tutta una serie di considerazioni, una più vaga dell'altra.A leggerti, sembra che non solo non hai mai usato un mac, ma che non l'hai mai visto. E credo che non sono non sai usare un computer, ma non conosce nemmeno la differenza tra le varie realtà informatiche.La sola cosa che sai fare è usare il forum di PI.Ed è un peccato
        • Anonimo scrive:
          Re: consiglio sul mac
          - Scritto da: Anonimo

          certo poi se sei uno di quelli che gli viene

          l'orticaria se non ha osx

          allora...

          Una delle più grandi stupidaggini mai scritte.
          Fai tutta una serie di considerazioni, una più
          vaga dell'altra.

          A leggerti, sembra che non solo non hai mai usato
          un mac, ma che non l'hai mai visto. E credo che
          non sono non sai usare un computer, ma non
          conosce nemmeno la differenza tra le varie realtà
          informatiche.

          La sola cosa che sai fare è usare il forum di PI.
          Ed è un peccato
          noi troll siam cosi' (troll3) (troll3) noi siamo tutti blu puffiamo suppergiù (troll3) (troll3) due mele e poco più......
        • Anonimo scrive:
          Re: consiglio sul mac

          Una delle più grandi stupidaggini mai scritte.
          Fai tutta una serie di considerazioni, una più
          vaga dell'altra.

          A leggerti, sembra che non solo non hai mai usato
          un mac, ma che non l'hai mai visto. E credo che
          non sono non sai usare un computer, ma non
          conosce nemmeno la differenza tra le varie realtà
          informatiche.

          La sola cosa che sai fare è usare il forum di PI.
          Ed è un peccatoquesta tua uscita puzza lontano un miglio di rosico pesante e dito nella piaga ;)dai su non fare cosi' che fra poco zio giobbe te lo da anche a te il centrino (rotfl) (rotfl) (rotfl) PS: Se qualcuno vicino a chi ha scritto il post precedente legge queste parole che gli tolga il mobilio da torno prima che lo trasformi in segatura (rotfl) (rotfl) (rotfl) specialmente le attrezzature elettriche che non vorrei che rosicasse un cavo e ci rimanesse secco (rotfl) (rotfl) (rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: consiglio sul mac

            questa tua uscita puzza lontano un miglio di
            rosico pesante e dito nella piaga ;)Ti sbagli proprio.Se rileggi bene, non noterai prese di posizione. Le mie preferenze personali sono altrove qui.Il parere è oggettivo, il che è molto peggio.
            Se qualcuno vicino a chi ha scritto il post
            precedente legge queste parole che gli tolgaIl mio collega qui è ancora tramortito dopo la sonora batosta che gliho dato a pranzo con UT04...Figurati
      • Anonimo scrive:
        Re: consiglio sul mac

        considera sempre il rapporto qualita'/prezzo,
        quanto costa l'imac? cosa posso avere con lo
        stesso prezzo nel mondo x86? (tanto)Ho appena acquistato un imac g5 1.8 Ghz,512 di ram, quelli della nuova serie per intenderci,dettagli li trovi sul sito della apple.Pagato 1230 euro, 1300 se non fossi studente.Mi piacerebbe sapere con 1300 dove lo trovoun pc che abbia caratteristiche simili...
        inoltre l'imac una volta comprato e' un peso
        morto, ovvero finche' va va e poi lo butti o lo
        rivendi (se trovi qualcuno che lo vuole) il pc
        bene o male lo ricicli sempre, lo reistalli, lo
        integri, lo disassembli, lo riadatti come print
        server, o per fare da server per una piccola rete
        aziendale o domestica, lo metti in un angolino a
        fare download 24 ore su 24, lo smonti e ti
        rivendi i pezzi uno a uno su ebay (io ho venduto
        pochi giorni fa un vecchio amd 750mhz con disco
        da 4 giga e 256 di ram a 200 euro)mamma mia non so se ridere o piangere...cerco di rimanere serio..1) perchè devo perdere la mia vita ad reinstallare,integrare, disassemblare un pc? che significasoprattutto??2) Perchè l'imac lo devo buttare e un pc no?cioe' non ne posso fare un server? o usarloper il download??
        l'imac in fondo non e' altro che un portatile con
        lo schermo al contrario (cioe' applicato a vista
        su una delle facce) considera anche che allo
        stesso prezzo potresti comprare un bel
        portatilozzo widescreen con centrino e 512 mega
        di ram che non c'e' paragone con l'imac...un portatilozzo.. va bè
        certo poi se sei uno di quelli che gli viene
        l'orticaria se non ha osx
        allora..................di solito l'orticaria viene con windows:D
      • Anonimo scrive:
        Re: consiglio sul mac
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Ragazzi, su libero per vedere le mail, c'è

        il banner per il nuovo iMac a 1.8 giga. Cosa

        ne pensate ? Vale la pena farci un pensierino

        per provare a migrare da xp o linux ? Un ppc

        a 1.8 sarà pure come un pentium64 o amd64?

        Vorrei sentire un po di pareri prima di
        decidermi

        (sarebbero importanti il costo, il rumore e il

        calore).

        Hi

        dipende perche' lo vuoi comprare, se e' uno
        sfizio e vuoi il mac in se allora prendilo

        se ti serve per lavorarci allora non prenderlo,
        prendi un modello maggiore
        se ti serve per altre cose, per esempio fare 3d o
        giochi, prendi un pcGiusto il discorso sui giochi.Non capisco però perchè non va bene l'imac in campo 3d!
        considera sempre il rapporto qualita'/prezzo,
        quanto costa l'imac? cosa posso avere con lo
        stesso prezzo nel mondo x86? (tanto)Se tu adesso mi trovi un pc (di marca si intende) che per 1300? ti dà un LCD widescreen da 17", Unità Combo con caricatore automatico (maserizzatore cd/lettore dvd), ATI Radeon 9600 128MB di memoria video DDR, Modem interno a 56K, Disco rigido Serial ATA da 160GB, bluethooth e wi-fi 2.0, sistema operativo e suite di programmi (ilife, che comprende software per il montaggio video imovie, software per la creazione dei menu dei dvd idvd, sofware per l'importazione-organizzazione delle foto iphoto,software per la creazione e registrazione di musica, garageband ) + tastiera hub e mouse, me lo compro.
        inoltre l'imac una volta comprato e' un peso
        morto, ovvero finche' va va e poi lo butti o lo
        rivendi (se trovi qualcuno che lo vuole) il pc
        bene o male lo ricicli sempre, lo reistalli, lo
        integri, lo disassembli, lo riadatti come print
        server, o per fare da server per una piccola rete
        aziendale o domestica, lo metti in un angolino a
        fare download 24 ore su 24, lo smonti e ti
        rivendi i pezzi uno a uno su ebay (io ho venduto
        pochi giorni fa un vecchio amd 750mhz con disco
        da 4 giga e 256 di ram a 200 euro)Ma ti é mai venuto in mente che mettendoti ad aggiornare, sostituire, ottimizzare il tuo caro assemblato alla fine spendi più che per comorartene uno nuovo?Guarda che anche l'imac può essere adattato a fare da print server o come server per una piccola rete aziendale o domestica, o metterlo in un angolino a fare download 24/7, che ti credi?Puoi anche smontarlo e rivenderti i pezzi uno a uno su ebay (questo sarà uno scoop per te: l'imac si può montare e puoi riutilizzare tutti i suoi pezzi, scheda madre e processore a parte (il processore ancora per poco, visto che a breve i mac monteranno processori intel) anche su un comune pc.
        l'imac in fondo non e' altro che un portatile con
        lo schermo al contrario (cioe' applicato a vista
        su una delle facce) considera anche che allo
        stesso prezzo potresti comprare un bel
        portatilozzo widescreen con centrino e 512 mega
        di ram che non c'e' paragone con l'imac...Senti lasciamo perdere che é meglio....
        certo poi se sei uno di quelli che gli viene
        l'orticaria se non ha osx
        allora..................Se invece sei uno che gli viene l'orticaria quando usa windows compralo pure! ;)
    • Anonimo scrive:
      Risposta seria
      - Scritto da: Anonimo
      Ragazzi, su libero per vedere le mail, c'è
      il banner per il nuovo iMac a 1.8 giga. Cosa
      ne pensate ? Vale la pena farci un pensierino
      per provare a migrare da xp o linux ?Si
      Un ppc
      a 1.8 sarà pure come un pentium64 o amd64?Meglio di un portatile acer con un amd64 a 3ghzlo so per paragone diretto..li ho entrambi :D
      Vorrei sentire un po di pareri prima di decidermi
      (sarebbero importanti il costo, il rumore e il
      calore).costo per me okrumore mi aspettavo di meno
  • Anonimo scrive:
    il destino di apple....
    Il destino della mela, è in mano alla mela ?No. Intel, Microsoft, Adobe: questi sono i veri padroni di un'azienda un tempo simpatica. Per togliere di mezzo una azienda cosi "innovativa" basterebbenon migrare ms office e adobe-macromedia, eppure ms e adobe sono stati i primi, insieme ad intel, a dire che apple va upportata, aiutata, etc. Basta, non c'è altro da dire. ...c'è anche stato uno scambio, apple a intel, ms a ibm: uno scambio addirittura favorevole a ibm perche apple non farà i nr di xbox..Le cose sono molto semplici ? Certo ! Comunque la si giri in tutto questo apple non è così protagonista come vorreste voi, ma molto, molto meno.
    • Anonimo scrive:
      Re: il destino di apple....

      Il destino della mela, è in mano alla mela ?
      No. Intel, Microsoft, Adobe: questi sono i veri
      padroni
      di un'azienda un tempo simpatica. Per togliere di
      mezzo una azienda cosi "innovativa" basterebbe
      non migrare ms office e adobe-macromedia, eppure
      ms e adobe sono stati i primi, insieme ad intel,
      a dire che apple va upportata, aiutata, etc.Teniamo office a parte per un attimo.per Adobe/Macromedia, lasciare Apple equivale a mettere i maroni in mano a MS. E questo, ne son sicuro, non lo vogliono. Apple è l'alternativa che mantiene il mercato coerente e concreto. Non importa la percentuale.osserva, per dire, il fenomeno Firefox.Ora torniamo ad Office. La versione Mac per MS è una opportunità sia per immagine che per ritorno. Sarebbe stupido non farla. Perchè in quel caso qualcuno (Apple) potrebbe creare un prodotto valido e assorbire il mercato. In quel momento MS perde una fetta, senza scuse: e quando (e se) Apple aumenta la percentuale, MS perde sempre più fette.
      • Anonimo scrive:
        Re: il destino di apple....

        Ora torniamo ad Office. La versione Mac per MS è
        una opportunità sia per immagine che per ritorno.
        Sarebbe stupido non farla. Perchè in quel caso
        qualcuno (Apple) potrebbe creare un prodotto
        valido e assorbire il mercato. In quel momento MS
        perde una fetta, senza scuse: e quando (e se)
        Apple aumenta la percentuale, MS perde sempre più
        fette.guarda che e' proprio l'inverso, il mondo (lavorativo principalmente) gira intorno ad office, il requisito fondamentale di chi acquista computer e' che si possa lavorare con office o che si abbiano strumenti ms-office compatibili, anche se volessi non usarlo ti troverai preso ad avere a che fare con clienti e professionisti che tiinviano cose fatte in word, excel, access, powerpoint, e a quel punto sei obbligato, io penso che se non ci fosse office per mac molti non lo comprerebbero o necessiterebbero di un pc con office a partenon e' importante che ci sia un software che faccia quel che fa ms office, ma che sia compatibile con esso, gia' c'e' open office che e' uguale se non meglio, ma prova ad aprire un documento word che abbia un minimo di formattazione e vedrai che sara' tutto incasinato
  • Anonimo scrive:
    apple ? in piedi grazie a bill
    E' infatti chiaro che basterebbe un gesto pertogliere di mezzo questa piccola azienda.Non portare office ? Suggerire a adobe (e adaltri) di non portare le loro applicazioni ? Sesuccedesse questo, il destino della Apple nonsarebbe quello delle cpu, non sarebbe e basta.Facciamo l'ipotesi che domani il buon bill simetta in testa d porre il veto sulla apple come fada anni su linux: vuoi preinstallare linux sui tuoi computer, bene non sei piu ns cliente. Vuoi scrivere driver linux per le tue periferiche ?Bene, non pensare che XP le supporti. La applenon esiste. Questa "migrazione" lo prova ampiamente.IBM non teneva ad apple abbastanza per svilupparesoluzioni adeguate, intel tiene a apple (tramite ms)abbastanza per non sputarle in faccia.Il resto sono stronzate.
    • Anonimo scrive:
      Re: apple ? in piedi grazie a bill
      i drivers per linux esistono ed esistono anche per windows...paranoico?
      • Anonimo scrive:
        Re: apple ? in piedi grazie a bill
        - Scritto da: Anonimo
        i drivers per linux esistono ed esistono anche
        per windows...

        paranoico?no, flamer
    • Anonimo scrive:
      Re: apple ? in piedi grazie a bill
      E' un po' confuso ma tutto sommato la questione ha un fondo di verità...Effettivamente il Bill, se lo volesse veramente, potrebbe affondare la Apple quando vorrebbe... c'è da chiedersi come mai non lo faccia
      • ilGimmy scrive:
        Re: apple ? in piedi grazie a bill
        - Scritto da: arlon
        Effettivamente il Bill, se lo volesse veramente,
        potrebbe affondare la Apple quando vorrebbe...
        c'è da chiedersi come mai non lo facciaSe affondasse la apple avrebbe contro l'antitrust.Così invece si mantiene una parvenza di libero mercato...
        • Anonimo scrive:
          Re: apple ? in piedi grazie a bill
          a parte che i prodotti adobe non sono portati su OSX ma sono portati su Win... è ovvio che a Bill basterebbe non pubblicare + office per infliggere un duro colpo ad Apple. Perchè non lo fa? Da chi copierebbe le feature dei suoi prossimi OS? :D
        • Anonimo scrive:
          Re: apple ? in piedi grazie a bill
          - Scritto da: ilGimmy

          - Scritto da: arlon

          Effettivamente il Bill, se lo volesse veramente,

          potrebbe affondare la Apple quando vorrebbe...

          c'è da chiedersi come mai non lo faccia

          Se affondasse la apple avrebbe contro l'antitrust.
          Così invece si mantiene una parvenza di libero
          mercato...E non é solo questo! Se la Apple fallisse da chi copierebbe Microsoft? :D
      • Anonimo scrive:
        Re: apple ? in piedi grazie a bill
        - Scritto da: arlon
        E' un po' confuso ma tutto sommato la questione
        ha un fondo di verità...
        che regni la confisione è pacifico
        Effettivamente il Bill, se lo volesse veramente,
        potrebbe affondare la Apple quando vorrebbe...
        c'è da chiedersi come mai non lo facciapoi mi spieghi:- per quale motivo- e soprattutto come potrebbe fare e dulcis in fundo: che ci guadagna?
    • Anonimo scrive:
      Re: apple ? in piedi grazie a bill
      - Scritto da: Anonimo
      Non portare office ?Se non ricordo male M$ ah l'obbligo di portare Office per Mac ancor prima di quello per Windows, per il fatto che la M$ fu condannata per aver copiato l'interfaccia al Mac. La apple si "accontentò" di questo... e si sta ancora azzannando i co****ni.
    • Anonimo scrive:
      Re: apple ? in piedi grazie a bill
      - Scritto da: Anonimo
      E' infatti chiaro che basterebbe un gesto per
      togliere di mezzo questa piccola azienda.
      Non portare office ? Suggerire a adobe (e ad
      altri) di non portare le loro applicazioni ? Se
      succedesse questo, il destino della Apple non
      sarebbe quello delle cpu, non sarebbe e basta.
      Facciamo l'ipotesi che domani il buon bill si
      metta in testa d porre il veto sulla apple come fa
      da anni su linux: vuoi preinstallare linux sui
      tuoi
      computer, bene non sei piu ns cliente. Vuoi
      scrivere driver linux per le tue periferiche ?
      Bene, non pensare che XP le supporti. La apple
      non esiste. Questa "migrazione" lo prova
      ampiamente.
      IBM non teneva ad apple abbastanza per sviluppare
      soluzioni adeguate, intel tiene a apple (tramite
      ms)
      abbastanza per non sputarle in faccia.
      Il resto sono stronzate.Apple produce già Keynote e Pages che sono perfettamente compatibili con Word e Powepoint, non le servirebbe più di una settimana di tempo per realizzare un programma compatible con excell.Adobe, perdendo Apple perderebbe il 45% del suo fatturato, Apple ha già un suo programma per leggere e scrivere i PDF, iPhoto è volutamente tenuto a un livello inferiore di photoshop per non mettere in crisi Adobe, fatto stà che già con due funzioni di iPhoto si può far meglio che con 10 di Photoshop.
    • Anonimo scrive:
      Re: apple ? in piedi grazie a bill
      - Scritto da: Anonimo
      E' infatti chiaro che basterebbe un gesto per
      togliere di mezzo questa piccola azienda.
      Non portare office ? Suggerire a adobe (e ad
      altri) di non portare le loro applicazioni ? Se
      succedesse questo, il destino della Apple non
      sarebbe quello delle cpu, non sarebbe e basta.
      Facciamo l'ipotesi che domani il buon bill si
      metta in testa d porre il veto sulla apple come fa
      da anni su linux: vuoi preinstallare linux sui
      tuoi
      computer, bene non sei piu ns cliente. Vuoi
      scrivere driver linux per le tue periferiche ?
      Bene, non pensare che XP le supporti. La apple
      non esiste. Questa "migrazione" lo prova
      ampiamente.
      IBM non teneva ad apple abbastanza per sviluppare
      soluzioni adeguate, intel tiene a apple (tramite
      ms)
      abbastanza per non sputarle in faccia.
      Il resto sono stronzate.Facciamo che ogni azienda risponde al proprio azionariato e che qundi devono fare profitti e che quindi anche la quota di mercato di mac è fatturato.facciamo che la realtà delle cose è quella che è...raccontare meno fantasticherie tu no eh?
    • Anonimo scrive:
      Re: apple ? in piedi grazie a bill
      Certo... infatti Gheiz è uno stipendiato (in gra segreto) di Apple, e anche gli alieni hanno detto all'uomo che fuma che Schelli dovrà usare sempre un mac e che quindi la apple deve sopravvivere.ma stai tranquillo, che anche oggi per merenda la marmotta di darà la cioccolatabye
  • avvelenato scrive:
    CELL: molto più di qualche DSP
    secondo Kenturagi, CELL sarebbe in grado non solo di gestire linux (e quindi qualsiasi OS, volendo), ma potrebbe anche gestire più OSes contemporaneamente:http://punto-informatico.it/p.asp?i=53367&r=PIe -a meno che non abbia detto boiate- questo significa che chi motiva il non utilizzo di CELL su macchine (apple) affermando che il processore non è adatto in quanto general purpouse (compreso io e galimberti) sbagliano.quindi le ragioni della non adozione di CELL sono diverse, ad esempio la garanzia di un isa stabile per anni (croce e delizia di tutta la famiglia x86 se vogliamo), e ciò insomma fa riflettere su di una cosa: Apple, desiderando ricercare stabilità e magari anche retrocompatibilità (quella virtù che ha permesso a x86 di regnare incontrastata in moltissimi campi, ma a scapito di un'eleganza intrinseca dell'architettura hardware), non sta perdendo un po' della sua filosofia estetica/efficientistica e del suo avvenirismo radicale?==================================Modificato dall'autore il 14/06/2005 3.01.05
    • Anonimo scrive:
      Re: CELL: molto più di qualche DSP
      - Scritto da: avvelenato
      secondo Kenturagi, CELL sarebbe in grado non solo
      di gestire linux (e quindi qualsiasi OS,
      volendo), ma potrebbe anche gestire più OSes
      contemporaneamente:
      http://punto-informatico.it/p.asp?i=53367&r=PI
      e -a meno che non abbia detto boiate- questo
      significa che chi motiva il non utilizzo di CELL
      su macchine (apple) affermando che il processore
      non è adatto in quanto general purpouse (compreso
      io e galimberti) sbagliano.Kutaragi spara parecchie boiate, le ha sempre fatte e ha ragione a farle perchè tanto esistono miglioni di allocchi che abboccano a tutto.
      • Anonimo scrive:
        Re: CELL: molto più di qualche DSP
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: avvelenato

        secondo Kenturagi, CELL sarebbe in grado non
        solo

        di gestire linux (e quindi qualsiasi OS,

        volendo)

        Kutaragi spara parecchie boiate, le ha sempre
        fatte e ha ragione a farle perchè tanto esistono
        miglioni di allocchi che abboccano a tutto.Resta il fatto che IBM ha dei prototipi funzionanti di server rackmount basati sul Cell con (probabilmente) Linux come os. Bisognerebbe vedere come girano. :)
        • awerellwv scrive:
          Re: CELL: molto più di qualche DSP
          - Scritto da: Anonimo

          Resta il fatto che IBM ha dei prototipi
          funzionanti di server rackmount basati sul Cell
          con (probabilmente) Linux come os. Bisognerebbe
          vedere come girano. :)mi piacerebbe vederli molto si cell, tutti ne parlano ma nessuno li vede... :(:(:(
          • Anonimo scrive:
            Re: CELL: molto più di qualche DSP

            mi piacerebbe vederli molto si cell, Il capo progetto del kernel linux su celldi IBM, lo presenterà a linuxtag tra duesettimane
      • Anonimo scrive:
        Re: CELL: molto più di qualche DSP
        - Scritto da: Anonimo
        [...]

        Kutaragi spara parecchie boiate, le ha sempre
        fatte e ha ragione a farle perchè tanto esistono
        miglioni di allocchi che abboccano a tutto.Miglioni? Dì pure Migliardi! Chi ha detto Frisiani?
    • Anonimo scrive:
      Re: CELL: molto più di qualche DSP
      Sui cell si sono sentite un sacco di cose splendide.Ma non basta questo a decretarne il successo.Quanto sarà agevole sviluppare dei compilatori per cell?Quanto sarà agevole l'asm del cell per scrivere le parti critiche per performance degli os e dei sw più corposi?Quali saranno le politiche commerciali di IBM?Dato che un dsp o sk grafica o coprocessore specifico è 100 volte più veloce di una cpu general purpouse, anche se il cell portasse un salto di prestazioni di 10 a 1 in cambio di qualche piccola incertezza commerciale o difficoltà di sviluppo non sarebbe ben accetto, inutile darsi la zappa sui piedi per passare da prestazioni 101 a 110...sempre che le prestazioni per compiti non ben parallelizzabili, data la natura del cell, siano decenti.Spero che IBM si dimostri aperta per il cell come lo fu per l'x86 e che l cell si mostri una bestiola facile da addomesticare, le alternative sono sempre uno stimolo per il mercato.==================================Modificato dall'autore il 14/06/2005 9.33.48
    • Anonimo scrive:
      Re: CELL: molto più di qualche DSP
      - Scritto da: avvelenato[...]
      quindi le ragioni della non adozione di CELL sono
      diverse, ad esempio la garanzia di un isa stabile
      per anni (croce e delizia di tutta la famiglia
      x86 se vogliamo), e ciò insomma fa riflettere su
      di una cosa: Apple, desiderando ricercare
      stabilità e magari anche retrocompatibilità
      (quella virtù che ha permesso a x86 di regnare
      incontrastata in moltissimi campi, ma a scapito
      di un'eleganza intrinseca dell'architettura
      hardware), non sta perdendo un po' della sua
      filosofia estetica/efficientistica e del suo
      avvenirismo radicale?
      Direi di sì, anche perché la retrocompatibilità c'era anche prima, per Steve "Zeffirelli" Jobs è un imperativo tecnico-sessuale :-D
      • Anonimo scrive:
        Re: CELL: molto più di qualche DSP
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: avvelenato
        [...]

        quindi le ragioni della non adozione di CELL
        sono

        diverse, ad esempio la garanzia di un isa
        stabile

        per anni (croce e delizia di tutta la famiglia

        x86 se vogliamo), e ciò insomma fa riflettere su

        di una cosa: Apple, desiderando ricercare

        stabilità e magari anche retrocompatibilità

        (quella virtù che ha permesso a x86 di regnare

        incontrastata in moltissimi campi, ma a scapito

        di un'eleganza intrinseca dell'architettura

        hardware), non sta perdendo un po' della sua

        filosofia estetica/efficientistica e del suo

        avvenirismo radicale?


        Direi di sì, anche perché la retrocompatibilità
        c'era anche prima, per Steve "Zeffirelli" Jobs è
        un imperativo tecnico-sessuale :-DFolgorazione! IBM può ancora convincere Jobs, basta che gli mandi un ingegnere ascolano a decantargli "lu Cell" !!! :-D (anonimo) (troll2)
    • Anonimo scrive:
      Re: CELL: molto più di qualche DSP
      Forse Cell è troppo su misura per Sony.D'altra parte supera tranquillamente i 3GHz, al contrario di quanto IBM ha fatto per Apple, se ne deduce che le diverse decine di milioni di chip che avrebbe potuto vendere a Apple gli hanno fatto molto meno gola dei probabili oltre cento milioni di chip che venderà a Sony.Forse, oltre a tutto questo, Apple vede come una minaccia il probabile progetto di Sony di fare di PS3 più di una console, un PC per utenti casalinghi allergici agli intrichi dei PC wintel, guarda caso la parte home, non professionale, del mercato Apple.
    • Anonimo scrive:
      Re: CELL: molto più di qualche DSP
      - Scritto da: avvelenato
      secondo Kenturagi, CELL sarebbe in grado non solo
      di gestire linux (e quindi qualsiasi OS,
      volendo), ma potrebbe anche gestire più OSes
      contemporaneamente:
      http://punto-informatico.it/p.asp?i=53367&r=PI
      e -a meno che non abbia detto boiate- questo
      significa che chi motiva il non utilizzo di CELL
      su macchine (apple) affermando che il processore
      non è adatto in quanto general purpouse (compreso
      io e galimberti) sbagliano.Mah... Linux si può far girare su tutto, girava anche su PS2 e gira perfino su un iPod, quindi non ci vedo tutto questo entusiasmo nel fatto che Cell possa far girare Linux
      quindi le ragioni della non adozione di CELL sono
      diverse, ad esempio la garanzia di un isa stabile
      per anni (croce e delizia di tutta la famiglia
      x86 se vogliamo), e ciò insomma fa riflettere su
      di una cosa: Apple, desiderando ricercare
      stabilità e magari anche retrocompatibilità
      (quella virtù che ha permesso a x86 di regnare
      incontrastata in moltissimi campi, ma a scapito
      di un'eleganza intrinseca dell'architettura
      hardware), non sta perdendo un po' della sua
      filosofia estetica/efficientistica e del suo
      avvenirismo radicale?Apple ha semplicemente deciso di affidarsi ad un processore che gli possa assicurare la maggiore affidabilità futura (quando uscirà la PS4 che fine farà Cell?), ad un'architettura dove la concorrenza gli permetterà di non correre rischi di restare "a piedi", e ad una tipologia di processori già conosciuta dagli sviluppatori (glielo spieghi tu all'Adobe come ottimizzare Photoshop per Cell?)ciao
  • Anonimo scrive:
    Tentativo di redenzione di Galimberti
    Dopo le figuracce fatte con i precedenti articoli tutti assolutamente in difesa delle scelte (discutibilissime) di Apple (chissa' perche'...), ora Galimberti cerca di riscattarsi facendo una finta autocritica: l'articolo nasce con buoni propositi (domandarsi come mai fino al giorno prima Jobs dicesse che i PPC erano il top, mentre ora lo sono gli X86, per esempio), ma nell'analisi via via di nuovo l'articolo torna a difendere strenuamente le scelte di Apple, quasi come se fosse impossibile criticarla.Peccato.Spero che Punto Informatico abbia anche altri esperti e opinionisti del mondo Apple, in modo che uno possa farsi un'idea un po' meno di parte sentendo piu' opinioni. Del resto una buona testata giornalistica dovrebbe avere piu' giornalisti specializzati nei vari ambiti, e non solo e soltanto uno per ognuno di essi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tentativo di redenzione di Galimbert
      QUOTO.
      • Anonimo scrive:
        Re: Tentativo di redenzione di Galimbert
        - Scritto da: Anonimo
        QUOTO.allenatore pure tu?allora spero vi siano anche post all'altezza....leggendo voi 2 mi devo ricredere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tentativo di redenzione di Galimbert
      - Scritto da: Anonimo

      Dopo le figuracce fatte con i precedenti articoli
      tutti assolutamente in difesa delle scelte
      (discutibilissime) di Apple (chissa' perche'...),
      ora Galimberti cerca di riscattarsi facendo una
      finta autocritica: l'articolo nasce con buoni
      propositi (domandarsi come mai fino al giorno
      prima Jobs dicesse che i PPC erano il top, mentre
      ora lo sono gli X86, per esempio), ma
      nell'analisi via via di nuovo l'articolo torna a
      difendere strenuamente le scelte di Apple, quasi
      come se fosse impossibile criticarla.

      Peccato.

      Spero che Punto Informatico abbia anche altri
      esperti e opinionisti del mondo Apple, in modo
      che uno possa farsi un'idea un po' meno di parte
      sentendo piu' opinioni. Del resto una buona
      testata giornalistica dovrebbe avere piu'
      giornalisti specializzati nei vari ambiti, e non
      solo e soltanto uno per ognuno di essi.
      Certo che se tu sei il riferimento in quanto ad oggettività e capacità giornalistica....sputare addosso alla gente che lavora è sempre facile eh...a quando un tuo articolo? poi vediamo le tue presunte capacità.mettiti a disposizione di PI invece di sindacare puerilmente e con argomentazioni "leggere"tutti allenatori eh
  • Anonimo scrive:
    Io mi astengo
    Sono discorsi troppo complicati e comunque riguardano la sfera personale e la propria coscienza... Ho letto la lettera della CEI e siccome li usano un Sistema Operativo della madonna che gira su un processore che pare unto, dicono di astenersi dal prendere posizione. Obbedisco....come disse Garibaldi.
    • TPK scrive:
      Re: Io mi astengo
      - Scritto da: Anonimo
      Sono discorsi troppo complicati e comunque
      riguardano la sfera personale e la propria
      coscienza...
      Ho letto la lettera della CEI e siccome li usano
      un Sistema Operativo della madonna che gira su un
      processore che pare unto, dicono di astenersi dal
      prendere posizione.
      Obbedisco....come disse Garibaldi.(rotfl)(Vabbe', si ride per non piangere...)
    • Anonimo scrive:
      Re: Io mi astengo

      Sono discorsi troppo complicati e comunque
      riguardano la sfera personale e la propria
      coscienza... Ecco un altro che non ha votato... alla faccia del quorum
    • Anonimo scrive:
      Re: Io mi astengo

      Sono discorsi troppo complicati e comunque
      riguardano la sfera personale e la propria
      coscienza...
      Ho letto la lettera della CEI e siccome li usano
      un Sistema Operativo della madonna che gira su un
      processore che pare unto, dicono di astenersi dal
      prendere posizione.
      Obbedisco....come disse Garibaldi.Ma che processori e processori, sono solo degli ammassi di circuiti! Lo diceva anche san bernardo della botticella piena nell'8°secolo avanti silvan che non va battezzato per processore ciò che ipso oculi non sembra un processore, perchè oggi la Conferenza Eppolistica Interstellare dichiara il contrario?
  • Anonimo scrive:
    Risposta
    Prima considerazione: Apple ha sempre decantato l'architettura PowerPC (PPC) denigrando proprio i processori Intel, spesso in maniera esplicita (ci sono diversi spot famosi in merito, anche molto divertenti). Perché questo cambio di rotta? Gli utenti Apple sono sempre stati presi in giro fino ad oggi? Oppure lo saranno da oggi in poi? Sì, sono sempre stati presi in giro. :D .. ma tranquilli!!! Se continueranno ad acquistare Apple anche in futuro potranno sempre contnuare sullacontinuità della presa per il c... conla con la consolazione di poter cantarsela tra macachi di esser più furbi, pur essendo semplicemente solo più gonzi... 8)
    • Anonimo scrive:
      Re: Risposta
      - Scritto da: Anonimo
      Prima considerazione: Apple ha sempre decantato
      l'architettura PowerPC (PPC) denigrando proprio i
      processori Intel, spesso in maniera esplicita (ci
      sono diversi spot famosi in merito, anche molto
      divertenti). Perché questo cambio di rotta? Gli
      utenti Apple sono sempre stati presi in giro fino
      ad oggi? Oppure lo saranno da oggi in poi?

      Sì, sono sempre stati presi in giro. :D .. ma
      tranquilli!!! Se continueranno ad acquistare
      Apple anche in futuro potranno sempre contnuare
      sullacontinuità della presa per il c... conla
      con la consolazione di poter cantarsela tra
      macachi di esser più furbi, pur essendo
      semplicemente solo più gonzi... 8)Ma ne fate una guerra di religione? La Apple è una società che deve fatturare. E non solo con l'iPod. Non è una setta. Devono fare scelte, e scendere a compromessi commerciali.
      • Anonimo scrive:
        Re: Risposta
        -

        Ma ne fate una guerra di religione? La Apple è
        una società che deve fatturare. E non solo con
        l'iPod. Non è una setta. Devono fare scelte, e
        scendere a compromessi commerciali.
        A proposito di guerre di religione, dove sono i talebani macachi che sostenevano l' indubbia supremazia in eterno della piattaforma Apple ???Spero abbiano consumato una decina di Km di carta da lacrima ....
        • Anonimo scrive:
          Re: Risposta

          A proposito di guerre di religione, dove sono i
          talebani macachi che sostenevano l' indubbia
          supremazia in eterno della piattaforma Apple ???Per ora Apple resta la migliore
          Spero abbiano consumato una decina di Km di carta
          da lacrima ....E perchè?
        • Anonimo scrive:
          Re: Risposta
          - Scritto da: Anonimo
          A proposito di guerre di religione, dove sono i
          talebani macachi che sostenevano l' indubbia
          supremazia in eterno della piattaforma Apple ???Ah, non so, pero` ho sempre avuto moltissima fatica a dargli torto, e senza nemmeno provare un Mac: mi e` bastato attraversare la storia da Windows95 in poi per consumare... A N N I L U C E ...di carta da lacrime.E quindi loro ora possono anche permettersi, mantenendo anche una certa soddisfazione, di consumarne qualche chilometro.Io tutte le volte che avvio Windows e penso a cosa e` e alla sua storia, mi casca tutto. Braccia, palle, peli...
          • Anonimo scrive:
            Re: Risposta
            - Scritto da: Alex¸tg[...]
            Io tutte le volte che avvio Windows e penso a
            cosa e` e alla sua storia, mi casca tutto.
            Braccia, palle, peli...e per caso ingrassi anche di qualche decina di kg?Azz, allora sei tu,dannato Ballmer!
          • Anonimo scrive:
            Re: Risposta
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Alex¸tg
            [...]

            Io tutte le volte che avvio Windows e penso a

            cosa e` e alla sua storia, mi casca tutto.

            Braccia, palle, peli...
            e per caso ingrassi anche di qualche decina di kg?
            Azz, allora sei tu,dannato Ballmer!Mi hai scoperto! Windows is more secure, and cheaper than Linux!You need to upgrade! Pfff... nah, non mi viene... e poi veramente per diventare cosi` dovrei ingrassare di diverse decine di chili.
    • Anonimo scrive:
      Re: Risposta

      Sì, sono sempre stati presi in giro. :D .. ma
      tranquilli!!! Se continueranno ad acquistare
      Apple anche in futuro potranno sempre contnuare
      sullacontinuità della presa per il c... conla
      con la consolazione di poter cantarsela tra
      macachi di esser più furbi, pur essendo
      semplicemente solo più gonzi... 8)Sempre meno gonzi degli utonti winsozz, che hanno fatto arricchire per decenni gente come gates che ha finanziato la guerra in irak e tutte le altre ca%%ate di bush. Ma la chicca della stupidità dell piccisti (cui sempre roderà il culetto, apple-intel o meno) è quella di continuare ad usare un sistema operativo che, oltre ad essere da sempre stato una brutta copia degli os apple, è un vero ed autentico accrocco. Voce del verbo accroccare: arrabattare, mettere insieme alla buona...
      • Anonimo scrive:
        Re: Risposta
        - Scritto da: Anonimo


        Sì, sono sempre stati presi in giro. :D .. ma

        tranquilli!!! Se continueranno ad acquistare

        Apple anche in futuro potranno sempre contnuare

        sullacontinuità della presa per il c... conla

        con la consolazione di poter cantarsela tra

        macachi di esser più furbi, pur essendo

        semplicemente solo più gonzi... 8)


        Sempre meno gonzi degli utonti winsozz, che hanno
        fatto arricchire per decenni gente come gates che
        ha finanziato la guerra in irak e tutte le altre
        ca%%ate di bush. Ma la chicca della stupidità
        dell piccisti (cui sempre roderà il culetto,
        apple-intel o meno) è quella di continuare ad
        usare un sistema operativo che, oltre ad essere
        da sempre stato una brutta copia degli os apple,
        è un vero ed autentico accrocco. Voce del verbo
        accroccare: arrabattare, mettere insieme alla
        buona...(troll3) noi troll siam cosi', noi siamo tutti blu....
    • LaNberto scrive:
      Re: Risposta
      e bene ha fatto a decantare la maggiore qualità dell'architettura PPC che è tutt'ora migliore dei pentium.certo che se IBM non la porta avanti tocca adattarsi ai CISC de mi' nonna, che invece vengono aggiornati regolarmente.Anche SPARC o MIPS erano meglio, ma se non li portano avanti...
  • Anonimo scrive:
    l'acquisto di un mac ora ? no, grazie

    non mi sento di sconsigliare l'acquisto di un Mac-PPC
    in questo momentoGalimberti fa dell'ottimismo a tutti i costi. Certo, se i ppcsaranno svenduti a prezzi bassi, si continueranno a vendere (almeno in buona parte), altrimenti io credo cheanche tenuto conto di com'è fatta l'utenza mac, chi nonne ha bisogno urgentissimo aspetta un annetto, e questoè poco ma sicuro. Aggiungiamo poi che i piu vorranno anche stare a vedere come vanno questi nuovi mac,se il sistema è stabile, se le apps di terze parti sonostate portate in modo adeguato etc. Quindi, per ben piu di un anno la apple tirerà la cinghia. Poi, se avrà saputofare un buon lavoro, credo che non le mancherannosoddisfazioni.
    • Anonimo scrive:
      Re: l'acquisto di un mac ora ? no, grazi
      - Scritto da: Anonimo

      non mi sento di sconsigliare l'acquisto di un
      Mac-PPC
      in questo momento
      Galimberti fa dell'ottimismo a tutti i costi.
      Certo, se i ppc
      saranno svenduti a prezzi bassi, si continueranno
      a
      vendere (almeno in buona parte), altrimenti io
      credo che
      anche tenuto conto di com'è fatta l'utenza mac,
      chi non
      ne ha bisogno urgentissimo aspetta un annetto, e
      questo
      è poco ma sicuro. Aggiungiamo poi che i piu
      vorranno
      anche stare a vedere come vanno questi nuovi mac,
      se il sistema è stabile, se le apps di terze
      parti sono
      state portate in modo adeguato etc. Quindi, per
      ben piu di un anno la apple tirerà la cinghia.
      Poi, se avrà saputo
      fare un buon lavoro, credo che non le mancheranno
      soddisfazioni.Si infatti, quasi quasi tra due anni un ppc lo raccatto. Tanto sono anni che vado avanti con la filosofia dell'antiquario, cioè non compro mai un pc nuovo ma prendo di seconda mano delle occasioni e risparmio un sacco di soldi. Certo è un discorso che può fare chi non ha particolari esigenze di hardware.
    • TPK scrive:
      Re: l'acquisto di un mac ora ? no, grazi
      - Scritto da: Anonimo

      non mi sento di sconsigliare l'acquisto di un
      Mac-PPC
      in questo momento
      Galimberti fa dell'ottimismo a tutti i costi.
      Certo, se i ppc
      saranno svenduti a prezzi bassi, si continueranno
      a
      vendere (almeno in buona parte), altrimenti io
      credo che
      anche tenuto conto di com'è fatta l'utenza mac,
      chi non
      ne ha bisogno urgentissimo aspetta un annetto, e
      questo
      è poco ma sicuro. Aggiungiamo poi che i piu
      vorranno
      anche stare a vedere come vanno questi nuovi mac,
      se il sistema è stabile, se le apps di terze
      parti sono
      state portate in modo adeguato etc. Quindi, per
      ben piu di un anno la apple tirerà la cinghia.
      Poi, se avrà saputo
      fare un buon lavoro, credo che non le mancheranno
      soddisfazioni.Personalmente aspetto un iBook a 500 euro da comprare come gadget.Altrimenti non se ne parla...
      • Anonimo scrive:
        Re: l'acquisto di un mac ora ? no, grazi

        Personalmente aspetto un iBook a 500 euro da
        comprare come gadget.
        Altrimenti non se ne parla...io voglio un iMac da svuotare e usare come vetrina per gli Swarovski...
        • TPK scrive:
          Re: l'acquisto di un mac ora ? no, grazi
          - Scritto da: Anonimo


          Personalmente aspetto un iBook a 500 euro da

          comprare come gadget.

          Altrimenti non se ne parla...

          io voglio un iMac da svuotare e usare come
          vetrina per gli Swarovski...Forse andavano meglio i vecchi Mac (non so come si chiamassero). Quelli coi colori pastello...
      • awerellwv scrive:
        Re: l'acquisto di un mac ora ? no, grazi
        - Scritto da: TPK


        Personalmente aspetto un iBook a 500 euro da
        comprare come gadget.
        Altrimenti non se ne parla...o anche un powerbook da 12"...
    • Anonimo scrive:
      Re: l'acquisto di un mac ora ? no, grazie
      - Scritto da: Anonimo

      non mi sento di sconsigliare l'acquisto di un
      Mac-PPC
      in questo momento
      Galimberti fa dell'ottimismo a tutti i costi.Galimberti fa del "realismo": tutto il software attuale è sviluppato ed ottimizzato per PowerPC... non c'è motivo di credere che un Macintel debba essere necessariamente migliore, soprattutto se per "migliore" si intende "con più software" e se il paragone viene effettuato con un dual G5 (che a tutt'oggi, in certi ambiti, rappresenta il top delle prestazioni)Poi ognuno è libero di fare quello che vuoleciao
  • Anonimo scrive:
    Non me ne frega nulla :-b
    Come da titolo, sono solo strumenti e non mi interessa cosa c'è sotto il cofano. Lavoro su wintel da sempre e passerò comunque ad Apple perchè mi piace il sistema operativo e perchè preferisco dare soldi a Steve piuttosto che a Bill.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non me ne frega nulla :-b
      - Scritto da: Anonimo
      Come da titolo, sono solo strumenti e non mi
      interessa cosa c'è sotto il cofano. Lavoro su
      wintel da sempre e passerò comunque ad Apple
      perchè mi piace il sistema operativo e perchè
      preferisco dare soldi a Steve piuttosto che a
      Bill.
      Se per caso preferissi darli a me contattami in privato :)
    • TPK scrive:
      Re: Non me ne frega nulla :-b
      - Scritto da: Anonimo
      perchè preferisco dare soldi a Steve piuttosto che a Bill.Io preferisco darli a una barista con lo sguardo da cerbiatta e le tette grosse...De gustibus...==================================Modificato dall'autore il 14/06/2005 2.11.14
      • Anonimo scrive:
        Re: Non me ne frega nulla :-b
        - Scritto da: TPK
        - Scritto da: Anonimo

        perchè preferisco dare soldi a Steve piuttosto
        che a Bill.

        Io preferisco darli a una barista con lo sguardo
        da cerbiatta e le tette grosse...
        Silvana di Pegli?
    • Anonimo scrive:
      Re: Non me ne frega nulla :-b
      - Scritto da: Anonimo
      Come da titolo, sono solo strumenti e non mi
      interessa cosa c'è sotto il cofano. Lavoro su
      wintel da sempre e passerò comunque ad Apple
      perchè mi piace il sistema operativo e perchè
      preferisco dare soldi a Steve piuttosto che a
      Bill.Troll. Tu nemmeno sai di che cosa parli ....
      • Anonimo scrive:
        Re: Non me ne frega nulla :-b
        -
        Troll. Tu nemmeno sai di che cosa parli ....Doppio troll, tu non sai nemmeno quello che scrivi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non me ne frega nulla :-b
      - Scritto da: Anonimo
      Come da titolo, sono solo strumenti e non mi
      interessa cosa c'è sotto il cofano. Lavoro su
      wintel da sempre e passerò comunque ad Apple
      perchè mi piace il sistema operativo e perchè
      preferisco dare soldi a Steve piuttosto che a
      Bill.anche robin hood è simpatico, ma è un ladro lo stesso.
  • Anonimo scrive:
    non sò voi
    ma io continuo ad usare il mio pc e se lo cambio ricomprerò un pc cercando di spendere poco. Mi sà che non migrerò nemmeno a Longhorn se ha il DRM che rompe
  • Anonimo scrive:
    curiosità
    La cosa che più mi incuriosisce è capire pèrchè si era iniziato a testare OSX su intel sin dagli albori del OS (almeno a quello che dice Jobs) quasi che la fiducia nei processori allora disponibili fosse già scarsa. Lo switch di processore, sebbene probabilmente reso operativo di fronte all'evidente indisponibilità a sufficienti risorse per lo sviluppo del G5, era stato evidentemente preso in considerazione da lungo tempo. Oppure si può parlare di vera lungimiranza nell'organizzare una alternativa (just in case), nel qual caso i miei complimenti!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: curiosità
      perche' next , che sta alla base di OSX, quando e' stato portato su PPC girava gia' perfettamente su X86, era da stupidi abbandonare la piattaforma e poteva anche servira da minaccia per Motorola.
      • Anonimo scrive:
        Re: curiosità
        - Scritto da: Anonimo
        perche' next , che sta alla base di OSX, quando
        e' stato portato su PPC girava gia' perfettamente
        su X86, era da stupidi abbandonare la piattaforma
        e poteva anche servira da minaccia per Motorola.Next ??? Ma ti sei bevuto della trielina ?? E' Unix BSD la base di OS X, e si vede !!!
        • Anonimo scrive:
          Re: curiosità
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          perche' next , che sta alla base di OSX, quando

          e' stato portato su PPC girava gia'
          perfettamente

          su X86, era da stupidi abbandonare la
          piattaforma

          e poteva anche servira da minaccia per Motorola.

          Next ??? Ma ti sei bevuto della trielina ?? E'
          Unix BSD
          la base di OS X, e si vede !!!il succo del suo post non cambia...gira su x86
        • LaNberto scrive:
          Re: curiosità
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          perche' next , che sta alla base di OSX, quando

          e' stato portato su PPC girava gia'
          perfettamente

          su X86, era da stupidi abbandonare la
          piattaforma

          e poteva anche servira da minaccia per Motorola.

          Next ??? Ma ti sei bevuto della trielina ?? E'
          Unix BSD
          la base di OS X, e si vede !!!No. La parte BSD è un layer a parte che puoi anche non installare affatto. Tutto il nucleo di MacOS X deriva da nextep (tutte le chiamate cocoa iniziano per NS...)==================================Modificato dall'autore il 14/06/2005 15.15.51
        • Masque scrive:
          Re: curiosità
          - Scritto da: Anonimo
          Next ??? Ma ti sei bevuto della trielina ?? E'
          Unix BSD
          la base di OS X, e si vede !!!OS X, figlio di Rhapsody, figlio di NeXT Stepdi chi credi che fosse la NeXT?quando stavano sviluppando Copland e cercando alternative da utilizzare per il proprio sistema operativo, avevano due candidati: BeOS e NeXT. hanno scelto NeXT, da lui è nato Rhapsody (che pure lui girava anche su x86) e successivamente OS X.il sottosistema BSD è una cosa a parte.
    • Anonimo scrive:
      Re: curiosità
      ti ricordo che il cuore di OsX è Darwin, una versione di FreeBSD (Unix Berkeley) che gira benissimo anche su Intel... (e ce ne è anche una versione gratuita http://www.opendarwin.org/ )alla fine la parte proprietaria di MacOsX è tutta la parte di GUI; anche per questo non credo che ci vorrà molto prima che si arrivi ad avere OsX su macchine non mac...
    • Anonimo scrive:
      Re: curiosità
      - Scritto da: Anonimo
      La cosa che più mi incuriosisce è capire pèrchè
      si era iniziato a testare OSX su intel sin dagli
      albori del OS (almeno a quello che dice Jobs)
      quasi che la fiducia nei processori allora
      disponibili fosse già scarsa. Lo switch di
      processore, sebbene probabilmente reso operativo
      di fronte all'evidente indisponibilità a
      sufficienti risorse per lo sviluppo del G5, era
      stato evidentemente preso in considerazione da
      lungo tempo. Oppure si può parlare di vera
      lungimiranza nell'organizzare una alternativa
      (just in case), nel qual caso i miei
      complimenti!!!Prima di tutto MacOSX pone le sue basi su un sistema di per se multipiattaforma, sia che lo si veda nelle sue basi *nix, che nei suoi antenati NeXT.Pare quindi abbastanza logico che Apple abbia avuto la lungimiranza di tenersi sempre pronta a questa eventualità (come lo stesso Jobs ha sempre dichiarato anche in passato)Se poi pensiamo agli anni in cui è stato rilasciato MacOSX, già allora il G4 cominciava a dare segni di cedimento, ed è solo l'uscita del G5 che ha rimandato questo passaggio.ciao ciao
Chiudi i commenti