Marchiati dalla nascita

La polizia della Malaysia promuove un progetto d'identificazione biometrica: a tutti i nuovi nati saranno prese le impronte di mani e piedi, da integrare nei chip dei nuovi documenti digitali


Kuala Lumpur (Malaysia) – Bambini sempre meno liberi, intrappolati in un database sin dalla più tenera età, o semplicemente più sicuri? Dopo le scuole ipersorvegliate ed i braccialetti per non perdere di vista i pargoli, ecco il marchio alla nascita . Accade in Malaysia: gli alti ufficiali di polizia hanno sollecitato ufficialmente l’introduzione di un nuovo archivio biometrico nazionale, che preveda la registrazione integrale di tutte le impronte digitali anche per i neonati .

Il progetto mira alla creazione di una carta d’identità biometrica, chiamata MyKid , appositamente creata per i minori di dodici anni. L’obiettivo delle autorità, speranzose di poter contare sul benestare dell’esecutivo, è di catalogare i cittadini dalla nascita fino alla morte. Gli abitanti della Malaysia sono già obbligati a prelievi di impronte digitali all’età di dodici anni. Successivamente, i dati biometrici vengono aggiornati ad ogni rinnovo della carta d’identità.

Supt Amidon Anan, comandante della Polizia Federale, è lapidario: “Una mano funziona con cinque dita. Registrando tutte le impronte digitali, sia delle mani che dei piedi, abbiamo meno possibilità di sbagliare un’identificazione”. Niente di nuovo sotto il sole: Giappone, Stati Uniti e Gran Bretagna hanno da tempo abbracciato la catalogazione di pollici ed alluci .

La differenza sostanziale rispetto a questi paesi è che in Malaysia, prossimamente, le impronte verranno prelevate subito dopo la nascita. Come già avviene in alcuni ospedali di Madrid per evitare gli spiacevoli “scambi di bebè”. Ed è infatti spagnola la Robotiker , grande azienda che produce scanner biometrici per l’infanzia.

Proprio in queste ore, intanto, Cisco annuncia il lancio sul mercato di un sistema completo a basso costo per una sorveglianza a tutto campo delle “risorse aziendali”, basata su piccole etichette RFID. C’è chi si chiede se i rischi paventati da molti sul futuro di una società ipercontrollata siano qualcosa di più di una semplice possibilità.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti