MediaDefender, in borsa l'anti-p2p vale quasi zero

Continua il tracollo finanziario di quello che un tempo è stato il florido mastino delle major contro gli utenti del file sharing. Il valore delle azioni in borsa è sceso a livelli ridicoli, e la bancarotta si fa sempre più vicina

Roma – È passato un anno da quando, il 15 settembre del 2007, il famigerato database delle email di MediaDefender fece la sua comparsa su rete BitTorrent, mandando gambe all’aria il business di contrasto al file sharing e il rapporto privilegiato tra la società e le major. MediaDefender ha sostanzialmente cessato di esistere in quel settembre 2007, ma certe volte ad accorgersi di essere morti ci vuole del tempo e così la parabola del mastino delle major prosegue lenta ma inesorabile.

I danni economici, come già è stato detto , sono stati ingenti, tali da mettere a rischio la sopravvivenza della società ArtistDirect proprietaria del “marchio” MediaDefender. Il lavoro dell’hacker noto come Ethan , che ha trovato il modo di penetrare indisturbato nei server dell’organizzazione sin dal 2006 e ha poi spalancato il vaso di Pandora con la distribuzione delle oltre 6.000 mail l’anno scorso, è costato quasi 1 milione di dollari in perdite portando in rosso i conti della società.

Tutto questo ha naturalmente influenzato il valore del titolo in borsa , che prima del leak equivaleva a 2,25 dollari ed è sceso poi a 0,63 centesimi di dollaro. Dopo un anno, evidenzia ora TorrentFreak , questo valore è sceso al meno che più meno non si può, un misero e sparuto centesimo di dollaro.

A poco, in queste condizioni e considerando la tempesta che attualmente sta spazzando con forza inaudita Wall Street e le grandi capitali finanziarie del mondo, potrebbe servire il tentativo di farsi una nuova verginità distribuendo MP3 a destra e a manca come se nulla fosse successo. A poco servirebbero i segnali di vita di un’organizzazione apparentemente ancora operativa , come dimostra il sabotaggio del tracker BitTorrent Revision3 specializzato nella distribuzione di show televisivi.

A poco paiono valere le intenzioni di Eric Pulire e Teymour Boutros-Ghali, ex-membri dimissionari della board of directors di ArtistDirect che avrebbero espresso il vago desiderio di acquistare MediaDefender e con lei il business anti-pirateria correlato. Nel futuro di MediaDefender si profila sempre più la sagoma della bancarotta , confermando il vaticinio fatto da Peter Sunde di Pirate Bay tempo fa e ben prima della distribuzione delle mail aziendali riservate. Alla lunga l’anti-pirateria non paga.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fsdfs scrive:
    fsfs
    [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-datejust-c-2]Rolex DateJust watches[/url], Rolex DateJust watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-day-date-c-3]Rolex Day Date watches[/url], Rolex Day Date watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-daytona-c-4]olex Daytona watches[/url], Rolex Daytona watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-explorer-c-5]Rolex Explorer watches[/url], Rolex Explorer watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-gmt-c-6]Rolex GMT watches[/url], Rolex GMT watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-masterpiece-c-7]Rolex Masterpiece watches[/url], Rolex Masterpiece watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-milgauss-c-8]Rolex Milgauss watches[/url], Rolex Milgauss watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-prince-c-9]Rolex Prince watches[/url], Rolex Prince watches
  • Thrull scrive:
    M$oft
    Mah... io spero che MS continui ad esistere ed uscire con prodotti decenti... attualmente, benché la cosa mi stimoli, non ho né il tempo, né la voglia di riconfigurarmi il sistema per utilizzare Linux e di smazzarmi tutti i problemi di compatibilità che, inevitabilmente, mi troverei a sobbarcarmi................ ahimé però, se Vista continua così mi sa che dovrò rispolverare il pinguino in tutto e per tutto...
  • paoloholzl scrive:
    Fatti e non parole!
    Disponibilità e apertura?Ci vuole poco a dimostrarlo nei fatti, cominciamo a fornire un aggiornamento per XP e Vista che permetta di usare partizioni ext3 o raiserfs.Cominciamo a mettere come Plugin da Office 2000 in poi il modulo per leggere e salvare OpenDocument e direttamente attivo ed integrato nel nuovo Office ...poi se ne riparla ...
  • pabloski scrive:
    Re: Non sembrerebbe
    - Scritto da: Dani
    Considerando le dimensioni di MS rispetto ad
    altri (IBM, Sun, Google, etc. - ma anche molto
    piu' piccoli) non mi sembra che stianoIBM piccola? ma se MS rispetto a IBM è un granello di polvere come affermato dallo stesso Gates tempo fa quando si parlò di Google e lui disse: "Io ho paura solo di IBM che ha 10 volte gli impiegati e le capacità tecnologiche che abbiamo noi"IBM è bella grossa e amminigliata a tutti i livelli del governo federale e del complesso militare-industriale
  • eternauta scrive:
    timeo danaos et dona ferentes
    ... come da subject.
    • pabloski scrive:
      Re: timeo danaos et dona ferentes
      - Scritto da: eternauta
      ... come da subject.io non temo MS anche perchè ultimamente somiglia sempre di più a Willy il Coyoteo meglio la gente è talmente abituata alle sue pugnalate alle spalle che ormai non le crede nemmeno quando è sinceraun pò come la storia del pastorello che gridava a Lupo a Lupo
    • pentolino scrive:
      Re: timeo danaos et dona ferentes
      complimenti per la citazione, non capita spesso di vederne di simili su questo forum Ah, dimenticavo: quoto! :-)
  • next scrive:
    Re: Non sembrerebbe
    Loro li finanziano i progetti...Hai presente quei programmatori che pensate lavorino gratis? :-)
    • quoto scrive:
      Re: Non sembrerebbe
      - Scritto da: next
      Loro li finanziano i progetti...
      Hai presente quei programmatori che pensate
      lavorino gratis?
      :-)Non gratis ma per la gloria... è diverso
  • Guido La Vespa scrive:
    Bella faccia tosta!!

    C'è in ballo la collaborazione con Novell per
    l'interoperabilità tra OpenOffice e Microsoft OfficeHanno avuto paura che il formato di OpenOffice diventasse l'unico standard, quindi se non puoi batterli "unisciti" a loro...
    il sostegno allo sviluppo del porting Linux di
    Silverlight, MoonlightGli avranno passato due API per salvare la faccia...Se non puoi batterli "unisciti" a loro...
    Il testing di soluzioni basate su Samba....Il colmo!!Sono anni che il team di Samba va avanti a forza di reverse, perché i protocolli Microsoft sono chiusi...
    Hanrahan non sottovaluta neppure l'investimento nel
    settore, ad esempio foraggiando lo sviluppo di ApacheApache è il web server più utilizzato...Se non puoi batterli "unisciti" a loro...Conclusione personale:"Microsoft è un Cancro da estirpare dal mondo open source"
    • Eugenio Odorifero scrive:
      Re: Bella faccia tosta!!
      Quello che è certo è che il "dopo-Gates" sta prendendo una piega difficile da valutare. Hanno fiutato la concorrenza "Ubuntu" e cercano di batterla in qualche modo?
      • pabloski scrive:
        Re: Bella faccia tosta!!
        - Scritto da: Eugenio Odorifero
        Quello che è certo è che il "dopo-Gates" sta
        prendendo una piega difficile da valutare. Hanno
        fiutato la concorrenza "Ubuntu" e cercano di
        batterla in qualche
        modo?sarebbe una mossa inutile perchè la concorrenza non è solo Ubuntu e in altri settori MS è seriamente in difficoltàvedi per esempio il settore dei web server sono loro ad essere in minoranza e da 10 anni non riescono ad implementare uno straccio di mod_rewrite per IIS e per questo la gente usa Apacheproprio a proposito di Apache si capisce cosa vuole fare MS e cioè comprare l'OSS con i soldi....patetico...
  • www.aleksfalcone.org scrive:
    Re: Non sembrerebbe
    - Scritto da: Dani
    non mi sembra che stiano contribuendo in alcuna maniera
    rilevante in ambito open source. OpenOffice, Java, Solaris, Eclipse, tanto per cominciare, ti sembrano progetti 'irrilevanti'?
    • quoto scrive:
      Re: Non sembrerebbe
      - Scritto da: www.aleksfalcone.org
      - Scritto da: Dani

      non mi sembra che stiano contribuendo in alcuna
      maniera

      rilevante in ambito open source.

      OpenOffice, Java, Solaris, Eclipse, tanto per
      cominciare, ti sembrano progetti
      'irrilevanti'?No certo... dove sta scritto che contribuiscono?L'unico che ricordo è Apache e SF a cui però hanno solo dato dei soldi e non è proprio un progetto open sorcio
    • pabloski scrive:
      Re: Non sembrerebbe
      - Scritto da: www.aleksfalcone.org
      - Scritto da: Dani

      non mi sembra che stiano contribuendo in alcuna
      maniera

      rilevante in ambito open source.

      OpenOffice, Java, Solaris, Eclipse, tanto per
      cominciare, ti sembrano progetti
      'irrilevanti'?penso che si riferisse ai contributi di MS
  • anonimo scrive:
    Re: Non sembrerebbe
    loro vogliono interoperabilità che è tutta un'altra cosa...e poi rilasciano sempre più linee guida per gli sviluppatori. fine.
  • andy scrive:
    L' Opensource è un cancro...
    "L'OpenSource è un cancro per l'economia"Non sono parole mie (e ci mancherebbe), ma di Bill gates, di circa 2 o 3 anni fa, se non sbaglio.
    • zomg scrive:
      Re: L' Opensource è un cancro...
      solo le persone molto saggie o molto stupide non cambiano idea.Gate non è ne l'una ne l'altra :DInoltre non è neanche più alla guida di microsoft..
    • pabloski scrive:
      Re: L' Opensource è un cancro...
      - Scritto da: andy
      "L'OpenSource è un cancro per l'economia"
      Non sono parole mie (e ci mancherebbe), ma di
      Bill gates, di circa 2 o 3 anni fa, se non
      sbaglio.beh per MS è ancora oggi un cancro, solo che spesso devi saper convivere col cancro ;)
    • Thunder Drako scrive:
      Re: L' Opensource è un cancro...
      Non è stato Bill Gates a dire questo ma quel ************* di Steve Ballmer ( amministratore delegato)( http://it.wikipedia.org/wiki/Steve_Ballmer ) e precisamente ha detto:"Linux è un cancro che aggredisce il senso della proprietà intellettuale d'ogni cosa che tocca." "[] con le caratteristiche di comunismo tanto amate dalla gente"
  • dontcare scrive:
    ma chi ve lo fa fare?
    offrano quello che vogliono e alla fine chi se ne frega se sia open ms o nazimac?comprate o utilizzate quello che più vi soddisfa (giudizio etico incluso) e quello che più vi sembra utile al lavoro che intendete fare, il resto sono solo cavolate, ma che ca55o me ne frega a me di comprare un prodotto e poi difenderlo pubblicizzarlo esaltarlo.... ma che mi avete preso per un cyberidiota?
  • Ganjaman scrive:
    MICROSOFT AL TAPPETO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    come da oggettoche bello essere troll ogni tanto!!ahah
  • Lorem Ipsum scrive:
    Open != Free
    Che ha microsoft piaccia l'open source e' cosa nota da molto tempo, dai tempi dello stack tcp/ip preso in prestito da freebsd. Quello che a microsoft non piace e' il software libero, quello cioe' di cui non si puo' appropriare senza rendere nulla in cambio (rilasciare i sorgenti a sua volta).Nello specifico, quello contro cui microsoft sta' lottando da anni non e' Linux, e' la GPL
    • Lorem Ipsum scrive:
      Re: Open != Free
      - Scritto da: Lorem Ipsum
      Che Ha microsoft piaccia l'open source e' cosaScusatemi quell'H !!! :)
    • next scrive:
      Re: Open != Free
      - Scritto da: pabloski
      Google con Chrome ha dimostrato che tutto ciò che
      ci serve sono HTML e
      AJAX+ webkit e un pò di spionaggio.Beh sono scelte discutibili quanto quelle di microsoft!
      • pabloski scrive:
        Re: Open != Free
        - Scritto da: next
        + webkit e un pò di spionaggio.
        Beh sono scelte discutibili quanto quelle di
        microsoft!ma ormai le compagnie spiano tutteche poi stiamo qua a preoccuparci di Google o MS che loggano i dati di quattro ricerche su internet e nemmeno ci premuriamo di informarci sui termini della data retention in Europa o peggio ancora negli USA dove il Patriot Act permette la registrazione e stoccaggio a tempo indefinito di tutte i dati delle comunicazioniil problema per molti è che magari Google potrebbe dare il tuo IP al governo in una causa contro i video illegali su Youtubema siamo sicuri che il governo abbia bisogno di Google per avere quei dati? non tutte le spie, le Telecom con i Tiger Team e le varie Echelon sparse in giro per il mondo?
        • next scrive:
          Re: Open != Free
          - Scritto da: pabloski
          - Scritto da: next


          + webkit e un pò di spionaggio.

          Beh sono scelte discutibili quanto quelle di

          microsoft!

          ma ormai le compagnie spiano tutteEra solo per dire.A me essere spiato in cambio di servizi gratuiti mi sta bene.Le mie perversioni sono sotto gpl.
    • xxxxxxxxxx scrive:
      Re: Open != Free
      Una cosa che non mi piace e' che sembra sempre chequesti di MS "concedano" qualcosa al mondo delsoftware libero quando a loro volta in passato hannopreso eccome.Le loro tecnologie, francamente, non sono essenzialial mondo dell'informatica e se cercano di portarlesui sitemi liberi e' solo perche' si stanno accorgendoche il mondo *puo' fare benissimo a meno di loro*.Mentre tempo fa se ne fregavano ora voglionoassicurarsi la sopravvivenza mettendo il piedinoanche negli ambiti che fino ad un po' di tempofa disprezzavano.Allora che facciano pure, certo, ma mi auguro chela comunita' sappia tenere alla larga contributiche non siano davvero liberi nella loro licenza!!!
      bisogna rigettare al mittente i formati
      proprietari, i linguaggi chiusi e i protocolli
      lucchettati .....se vogliono collaborare davvero
      cominciassero ad usare ODF, fornissero patch a
      Mono per implementare interamente il .NET
      framework
      3.0Si, esatto! Ma queste sarebbero cose serie, nonfuffamarketing, loro vogliono sembrare buonie nel frattempo cercare di penetrare l'avversario conooxml, silverlighte ecc. ed inzozzare anche il mondodel free software con i loro prodotti proprietari.
      allora si che la comunità potrebbe tendere una
      mano all'ex monopolista nonchè noto bugiardo e
      approfittatoreGiusto, ma se sara' possibile bisogna pero' collaboraresenza concedere neppure il minimo vincolo proprietarioaltrimenti MS c'inchiappetta.
    • RFC queste sconosciut e scrive:
      Re: Open != Free
      - Scritto da: Lorem Ipsum
      dai tempi dello stack tcp/ip
      preso in prestito da freebsd.
      ma davvero nessuno ha risposto a questa S T R O N Z A T A ?!?!?no dai, ragazzi, non ci credo... glie lo avete fatto scrivere e non avete detto nulla???mamma mia, spero non sia per ignoranza...
      • Lorem Ipsum scrive:
        Re: Open != Free
        "...Windows Sockets is based on BSD sockets..." http://en.wikipedia.org/wiki/Winsockma che ti rispondo a fare?
  • billo scrive:
    troppo tardi
    .... tra un paio di anni microzozz chiude i battenti
    • max59 scrive:
      Re: troppo tardi
      - Scritto da: billo
      .... tra un paio di anni microzozz chiude i
      battentima anche no: alla fine non paghi il diritto d'autore, ma la manutenzione si e probabilmente almeno le grandi ditte preferiranno rivolgersi ai grandi produttori, un pò come comprare i ricambi originali piuttosto che le sottomarche, almeno sono in garanzia
    • pentolino scrive:
      Re: troppo tardi
      guarda a me piacerebbe, ma non ci credo tanto. Hanno una quantità di riserve finanziarie OSCENA, possono andare avanti per 10 anni senza incassare un dollaro, fidati...
      • aljerico scrive:
        Re: troppo tardi
        Benso che le banche americane che hanno craccato negli ultimi giorni avessero maggiori disponibilità di Microsoft.
      • pabloski scrive:
        Re: troppo tardi
        - Scritto da: pentolino
        guarda a me piacerebbe, ma non ci credo tanto.
        Hanno una quantità di riserve finanziarie OSCENA,
        possono andare avanti per 10 anni senza incassare
        un dollaro,
        fidati...il punto è che nel settore informatico è l'inerzia a farla da padronaquesto per anni ha giocato a favore di MS....quante aziende avrebbero voluto migrare ad altri sistemi e non l'hanno fatto per non perdere il software già a disposizione e non dover riaddestrare il personale?oggi negli uffici vedo un interesse crescente nei confronti dei Mac, interesse che solo 2 anni fa non esisteva affattoè il segno dei tempi che cambianoMS fa soldi a palate con Windows e Office, si parla di 30 miliardi di dollari di fatturato l'anno, solo che ne spendono almeno 6 per creare un OS....si parla di un 20% per produrre poi un OS come Vista che è stato pure rifiutato dalla clientelad'altra parte MS ha una bruttissima fama tra i geek, tra gli ingegneri e tra gli universitari dei corsi tecnologici ed è da lì che si parte per piantare i semi del successoi PC IBM e DOS di diffusero proprio partendo da lì, dai vari manager che nelle aziende vedevano i primi PC IBM, dagli ingegneri che lavoravano con i computer, dagli studenti che avevano accesso alle tecnologieadesso invece stiamo assistendo allo stesso processo ma a favore di Linux e dell'OSS....nei Paesi del BRICO ( e parliamo di Paesi che rappresentano il 60% della popolazione mondiale ) Linux è praticamente onnipresente nelle università, nella ricerca, nelle industrie ed è ovvio che lo studente di ingegneria che oggi si fa le ossa su Linux, domani porterà quel know-how nell'azienda dove andrà a lavorareMS resiste ancora bene in Occidente, ma ahimè l'Occidente sta cadendo a pezzi, io al loro posto non ci farei molto affidamento e infatti stanno piazzando XP sugli XO e vendendo ai cinesi Windows a 20 centesimi di dollaro
        • pentolino scrive:
          Re: troppo tardi
          - Scritto da: pabloskimi fa piacere vedere che la discussione ha preso uno spunto interessante :-)

          il punto è che nel settore informatico è
          l'inerzia a farla da
          padronaquoto in pieno
          oggi negli uffici vedo un interesse crescente nei
          confronti dei Mac, interesse che solo 2 anni fa
          non esisteva
          affattovero, in effetti anche nei film/telefilm americani sempre più spesso sulla scrivania si distingue chiaramente un iMac; non che rappresenti necessariamente una tendenza, ma è ovvio che la gente vedendolo può iniziare ad apprezzarlo
          MS fa soldi a palate con Windows e Office, si
          parla di 30 miliardi di dollari di fatturato
          l'anno, solo che ne spendono almeno 6 per creare
          un OS....si parla di un 20% per produrre poi un
          OS come Vista che è stato pure rifiutato dalla
          clientelasì però gliene rimangono di soldi...
          d'altra parte MS ha una bruttissima fama tra i
          geek, tra gli ingegneri e tra gli universitari
          dei corsi tecnologici ed è da lì che si parte per
          piantare i semi del
          successonon so, alla fine la massa (quella che acquista grandi quantità di PC presso le grandi catene per capirci) si accontenta di quello che gli danno; se c'è windows va bene, se c'è altro va bene uguale. Quindi fin tanto che nel 95% dei PC di quel target ci sarà windows, la vedo dura.

          adesso invece stiamo assistendo allo stesso
          processo ma a favore di Linux e dell'OSS....nei
          Paesi del BRICO ( e parliamo di Paesi che
          rappresentano il 60% della popolazione mondiale )
          Linux è praticamente onnipresente nelle
          università, nella ricerca, nelle industrie ed è
          ovvio che lo studente di ingegneria che oggi si
          fa le ossa su Linux, domani porterà quel know-how
          nell'azienda dove andrà a
          lavorareindubbiamente linux sta crescendo molto, io stesso prima di due anni fa non avrei mai pensato che sarei passato a linux al 100% come sono adesso; fino a due anni fa ritenevo che fosse XP il meglio disponibile (intendo come numero di sbattimenti che uno deve affrontare nell' uso quotidiano), ora non ne sono più convinto ed infatti uso solo mac os e linux... :-)
          MS resiste ancora bene in Occidente, ma ahimè
          l'Occidente sta cadendo a pezzi, io al loro posto
          non ci farei molto affidamento e infatti stanno
          piazzando XP sugli XO e vendendo ai cinesi
          Windows a 20 centesimi di
          dollaroesatto, stanno semplicemente ripetendo quello che hanno fatto anni fa qui in occidente, solo con un metodo diverso; a quei tempi favorivano la pirateria per creare un' ampia base di utenza e con essa uno standard, adesso fanno lo stesso in Cina semplicemente regalandoglielo o quasi. E sai che ti dico? Temo che il trucco funzionerà anche lì ed anche oggi :-(
          • anonimo scrive:
            Re: troppo tardi
            - Scritto da: pentolino
            vero, in effetti anche nei film/telefilm
            americani sempre più spesso sulla scrivania si
            distingue chiaramente un iMac; non che
            rappresenti necessariamente una tendenza, ma è
            ovvio che la gente vedendolo può iniziare ad
            apprezzarloGuarda che la Apple nei film c'è da secoli perché ha dei contratti con le case di produzione per avere questo tipo di pubblicità un po' nascosta. Cosa che in america è sempre stata legale, da noi lo è da poco tempo.
          • pentolino scrive:
            Re: troppo tardi
            ok, però penso che tu sia d' accordo con me sull' effetto di questa cosa: la gente comune adesso sa che esiste l' iMac e si abitua ad apprezzarne le caratteristiche peculiari.
          • xxxxxxxxxx scrive:
            Re: troppo tardi

            indubbiamente linux sta crescendo molto, io
            stesso prima di due anni fa non avrei mai pensato
            che sarei passato a linux al 100% come sono
            adesso; fino a due anni fa ritenevo che fosse XP
            il meglio disponibile (intendo come numero di
            sbattimenti che uno deve affrontare nell' uso
            quotidiano), ora non ne sono più convinto ed
            infatti uso solo mac os e linux...
            :-)Questa considerazione e' molto piacevole da leggere,almeno per uno come me che usava RedHat5 e che ha sempreavuto il dubbio che GNU/Linux sarebbe rimastotra i geek. Fa piacere perche' e' la testimonianzadel fatto che oggi anche uno che vuoleminimi sbattimenti (e non smanettare) trovi in qualchedistro un'alternativa percorribile ai Sistemi Operatividi MS!
          • pentolino scrive:
            Re: troppo tardi
            specifico meglio a scanso di equivoci; io sono uno di quelli che come competenza potrebbe benissimo lavorare anche in riga di comando, poichè ho visto tutta la trafila dal Vic 20 quando ero bambino in poi, quindi sicuramente non rappresento un esempio di "illuminazione" applicabile su larga scala. Penso che in certi contesti non sia sbagliato definirmi un geek, anche se ho una ragazza ed una vita sociale normale.Però sono anche uno di quelli che arrivato a casa vuole un computer semplice, senza appunto sbattimenti; fino a due anni fa (circa) pensavo che tale esigenza fosse pienamente soddisfatta da xp, ora invece penso serenamente che questo non sia vero, o almeno che ci siano alternative (mac os su tutte, ma anche ubuntu) molto più valide.
          • pabloski scrive:
            Re: troppo tardi
            - Scritto da: pentolino
            non so, alla fine la massa (quella che acquista
            grandi quantità di PC presso le grandi catene per
            capirci) si accontenta di quello che gli danno;
            se c'è windows va bene, se c'è altro va bene
            uguale. Quindi fin tanto che nel 95% dei PC di
            quel target ci sarà windows, la vedo
            dura.
            infatti è il bundling la chiave del successo di Windows, MS è ricca grazie ad IBM non certo per sue capacitàl'utente non sa nemmeno la differenza tra OS, browser e CPU...usano la PSP mica si fanno problemi che sopra non ci sia Windows? lo stesso per iPhone o iPodalla fin fine basta che il gadget faccia ciò che deve fare e l'utente è contentoil problema è convincere gli OEM a preinstallare Linux....a parte Dell e qualche altra società seria mi pare che gli altri stiano quasi cercando di sabotare Linux....c'è gente che si porta a casa l'Aspire One con Linpus, infili il CD per l'installazione e il kernel si ferma a metà visualizzando il prompt dell'initramfscioè insomma se lo volete fare lo dovete fare seriamente, altrimenti lasciate perdere Linuxripeto può essere semplice incompetenza ma a me suona più come una precisa volontà di sabotaggio e ci sono molti altri casi di pseudo computer con Linux preinstallato che o non partono o hanno un'interfaccia tipo Clementoni che non piace a nessuno o sono incompatibili con alcune periferiche installate nel computer stesso....Linux purtroppo ci perde la faccia a causa di queste "trovate"

            esatto, stanno semplicemente ripetendo quello che
            hanno fatto anni fa qui in occidente, solo con un
            metodo diverso; a quei tempi favorivano la
            pirateria per creare un' ampia base di utenza e
            con essa uno standard, adesso fanno lo stesso in
            Cina semplicemente regalandoglielo o quasi. E sai
            che ti dico? Temo che il trucco funzionerà anche
            lì ed anche oggi
            :-(in ogni caso rimarrebbero in minoranza....in Cina sta sicuro che se si aprono troppo, troveranno tra le bancarelle il CommunistOS in tutto e per tutto somigliante a Windows...i cinesi non badano a sottigliezze, vedi che hanno combinato con i Godson...prima invitano Intel, IBM e compagnia in Cina, poi li spiano e gli rubano i segreti industriali e infine implementano partendo da quelle conoscenze rubate i loro processori sponsorizzati dallo Stato ( in pratica alla fine ti danno un calcio negli zebedei e ti cacciano )....il governo cinese ha preteso fin dall'inizio i sorgenti di Windows ( per motivi di spionaggio, questa la scusa ufficiale ), d'altra parte sta sponsorizzando Linux nelle scuole, nelle università, nell'industria e negli uffici, sempre con sovvenzioni statalialtri Paesi come la Russia preferiscono evitare contatti con MS, non gli sbarrano il loro mercato ma di certo nemmeno sono propensi a fare accordiil Sudamerica spinto dal Brasile ha sbarrato il passo agli USA ( nei limiti degli accordi WTO ovviamente )....lì è un problema di odio verso gli USA e anche in quel caso Linux ci guadagnarestano i pochi governi filoamericani del sudamerica, la Colombia, il Perù ma comunque sono Paesi già instabili di per sè e circondati da potenti vicini antiamericani, quindi non so per quanto queste politiche potranno andare avantipensa se dovesse venir fuori che il governo ha preso mazzette da MS, scoppierebbe la rivoluzione in Perù
          • pentolino scrive:
            Re: troppo tardi
            mi pare che abbiamo la stessa speranza; non posso dirti altro che "spero che tu abbia ragione" :-)Io semplicemente non sono così ottimista...
        • zomg scrive:
          Re: troppo tardi
          le solite cose che si scirvono da 6 anni a questa parte...Tutte ca@@ate.L'economia microsozz è ancorea florida (non come un tempo ma lo è), e se la situazione BRICO fosse rosea come dici tu non i capisce come mai linux non raggiunga neanche l'1% del mercato globale.Linux sta via via trovando sempre più la sua dimensione nel mercato server, li è molto, molto forte ed p giusto così.Nel mercato desktop (casalingo e da ufficio) è ancora una mera pulce al confronto di bigG.éer dirti il più grosso concorrente a livello desktop di microsozz è aqpple che arriva si e no al 5%.Con questi numeri è assurdo parlare di un tracollo in 2 anni come era assurdo parlarne tanti anni fa.Tu scrivi semplicemente quello che vuoi ma non è necessariamente quello che accadrà, caro il nostro nostradamus dei poveri :)
      • di passaggio scrive:
        Re: troppo tardi
        xkè ti piacerebbe? semplice antipatia?
        • pentolino scrive:
          Re: troppo tardi
          perchè non ritengo che la presenza di MS come forza dominante del mercato IT sia positiva per lo stesso mercato nel complesso; tutto qui
          • disgustato scrive:
            Re: troppo tardi
            beh MS fa software "generalista"... S.O., suite office, tool di sviluppo.... sicuram mi sfugge qlcosa... però sulla base di qsto nn capisco in che modo possa influire sul mercato IT...
          • pentolino scrive:
            Re: troppo tardi
            porto ad esempio il formato .doc (quello di word) per intenderci; è un formato proprietario, ovvero può essere implementato dagli altri solo "a tentativi" facendo reverse engineering, con risultati non sempre impeccabile. Il fatto che questo formato sia uno standard per via dell' enorme diffusione che MS office ha avuto negli anni passati (ed ha tuttora), basata per lo più sul fatto che è sempre stato facilissimo da piratare, porta ad una situazione in cui la concorrenza è fortemente ostacolata. Questo a parere mio limita il mercato nel complesso.Un altro esempio potrebbe essere il famoso Internet Explorer, mai allineato sugli standard che ha portato alla creazioni di tanti siti non compatibili con altri browser.Potrei andare avanti a lungo ma mi sembra di avere chiarito.
          • di passaggio scrive:
            Re: troppo tardi
            pardon per il precedente cambio di nick :-Psì capito... ma ad esempio ci sn anche i PDF allora..io cmq spero nn chiuda mai, perchè grazie a loro esiste il framework .NET!
          • pentolino scrive:
            Re: troppo tardi
            .net è una delle poche cose buone che abbia fatto MS (detto da uno a cui la pagnotta quotidiana la dà java...).Quanto a pdf adesso non ho voglia di cercare ma mi pare proprio che il formato sia abbastanza aperto; abbastanza nel senso che è proprietà di adobe ma la licenza la puoi avere a patto di sottostare ad alcune limitazioni (che tuttavia non impediscono di relizzare un' implementazione perfettamente compliant, anche distribuita sotto licenza open come iText).
    • fox82i scrive:
      Re: troppo tardi
      Sicuro di quello che dici? Strano ma Microsoft continua a produrre utili ogni anno... Oppure la tua è un'affermazione del tipo: " che cavolo ora non posso più prendere per i fondelli Microsoft.."
    • asdasd scrive:
      Re: troppo tardi
      lo dicono nei pub del linaro?
    • No..ma scrive:
      Re: troppo tardi
      No ma intanto hanno abbassato la cresta. "Get the facts", mi verrebbe da dirgli. I facts sono che contro l'opensource non c'è storia, non c'è battaglia, non c'è azienda che puoi comprare e la competizione si svolge unicamente sul piano del software, senza aiuti legal-commerciali da usare per affossare l'altro. Get the facts. Zitti, muti e capo basso. Ora fate il vostro.
      • Mercato scrive:
        Re: troppo tardi
        C'è poco da dire: è difficile fare competizione a prodotti venduti a costo zero. Alla fine dovranno cambiare modello di business ed adeguarsi a quel che fanno le multinazionali dietro a Linux e all'open source: dare il sistema operativo gratis e campare di quello che gli gira attorno. Se faranno questa scelta però presto finiranno per dover dare gratis pure Office ed il database e a quel punto dovranno reinventare completamente l'azienda facendola diventare un mix di sviluppo prodotti gratuiti e servizi a pagamento, stile IBM. Vorrebbe però dire abbandonare il mercato di massa, che dei servizi a pagamento non ha necessità.L'altro modello da seguire sarebbe quello Apple, che vende hardware e usa il sw come incentivo all'acquisto dei suoi device. Casomai nei prossimi anni la MS comprasse un fabbricante di PC ci sarebbero forti indizi di un tentativo in questa direzione: certo che la MS non è famosa per fare sw fighi e competere con la Apple sul suo terreno mi pare difficile per Redmond.Insomma, piano piano IBM, Sun, Google & Co stanno mettendo MS nell'angolo. MS però ha un sacco di soldi nel cassetto e messa alle strette potrebbe riuscire a comprarsi una via d'uscita.
        • www.aleksfalcone.org scrive:
          Re: troppo tardi
          - Scritto da: Mercato
          C'è poco da dire: è difficile fare competizione a
          prodotti venduti a costo zero.Il prezzo di vendita è irrilevante. Il vantaggio del modello aperto è tutto nella velocità di sviluppo e nell'efficienza dei processi di debug e test che riduce moltissimo i costi. Se a questo si aggiunge la facilità con cui un buon software si diffonde generando estensioni e derivazioni, i contributi della comunità, la trasversalità dei progressi raggiunti (si pensi al lavoro congiunto di grandi aziende come IBM, Sun e Novell su OpenOffice), allora si capisce che la questione del prezzo è del tutto secondaria.
          • Mercato scrive:
            Re: troppo tardi
            Concordo che il modello open source abbia tutti i vantaggi che dici tu, però il prezzo zero secondo me è la cosa in assoluto più rilevante per chi si scarica ad esempio Open Office e lo usa senza neppure sapere cosa sia un compilatore e come si riporta un bug. A questo tipo di utenza tutte le altre considerazioni non passano neppure per la mente perché si tratta di cose che proprio non conosce.Dato che l'utenza non tecnica è molto più numerosa di quella tecnica, credo che la ragione più importante dell'espansione dell'open source sia il costo zero.
        • pentolino scrive:
          Re: troppo tardi
          - Scritto da: Mercato

          Insomma, piano piano IBM, Sun, Google & Co stanno
          mettendo MS nell'angolo. MS però ha un sacco di
          soldi nel cassetto e messa alle strette potrebbe
          riuscire a comprarsi una via
          d'uscita.ecco, questo era il punto che volevo esprimere...
      • pabloski scrive:
        Re: troppo tardi
        - Scritto da: No..ma
        No ma intanto hanno abbassato la cresta. "Get the
        facts", mi verrebbe da dirgli. I facts sono che
        contro l'opensource non c'è storia, non c'è
        battaglia, non c'è azienda che puoi comprare e la
        competizione si svolge unicamente sul piano del
        software, senza aiuti legal-commerciali da usare
        per affossare l'altro. Get the facts. Zitti, muti
        e capo basso. Ora fate il
        vostro.è difficile che un fanboy winaro capisco queste cosein primo luogo loro pensano che la comunità OSS siano un centinaio di nerd falliti e disoccupati che scrivono codice nelle loro cantinepoi non hanno la benchè minima di che attività lobbistica ci sia a livello politico/commerciale da parte di EFF e FSFla realtà è che l'opensource può far leva su un paniere di aziende grandissimo, questo vuol dire vasto accesso al know-how dei settori più svariati, accesso ad una quantità di sviluppatori enorme, ripartizione dei costi di sviluppo ( qualcuno ricorda perchè fu fondata la compagnia delle Indie? ), accesso privilegiato alle innovazioni tecnologicheovviamente tutte queste aziende avendo interesse nell'OSS, a qualunque titolo esso sia, mettono i loro soldi e il loro peso politico in azioni lobbistiche di vario tipo...infatti a MS non gli è più riuscito di estorcere gli OEM con contratti assurdi o di rubare tecnologia facendola francama tutte queste cose un winaro patito di Crysis non sa manco che esistono :D
    • The Punisher scrive:
      Re: troppo tardi
      Dai, dai... Dillo!Lo so che ce l'hai sulla punta della lingua! :-)Ti do pure l'imbeccata: "Questo e' l'anno...."
Chiudi i commenti