MegaChat, le chiacchiere di Kim Dotcom

Il servizio, annunciato il mese scorso, propone chiamate e videochiamate gratuite e cifrate attraverso il browser

Roma – Per sfuggire alla sorveglianza minacciata o praticata dai governi di mezzo mondo, per non dover affidare le proprie conversazioni ai soliti noti del mercato, Mega ha messo a disposizione degli utenti la versione beta di MegaChat, servizio di comunicazione fruibile a mezzo browser e blindato con cifratura end-to-end, che rende i contenuti inaccessibili agli stessi gestori del servizio.

Annunciato nel mese di dicembre da Kim Dotcom, ancora legato alla propria creatura Mega pur avendo rinunciato alle cariche aziendali , MegaChat è un servizio fruibile da subito attraverso il sito della piattaforma di hosting: una volta eseguito l’accesso, basterà selezionare l’icona dedicata sulla sinistra dello schermo e connettersi con uno dei propri contatti, senza la necessità di installare software aggiuntivo. Per ora MegaChat mette a disposizione le chiamate video e vocali e la condivisione di file e cartelle, con qualche piccolo disservizio , e presto si estenderà ad abbracciare le chat testuali e la funzione di videoconferenza.

Non è dato sapere molto riguardo ai dettagli tecnici del servizio: è plausibile che sia basato su WebRTC, dato che non richiede l’installazione di plugin, come avviene per il servizio Firefox Hello e ( parzialmente ) per Skype for Web.

MegaChat ha dalla sua parte un sistema di cifratura che rende le comunicazioni “sicure e private”: a chiunque vi scovi dei bug è promessa una ricompensa e una tempestiva soluzione.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Jaguaro scrive:
    Notevole
    Non c'è che dire, ottimo lavoro!Mi chiedo: esiste un framework / SDK di sviluppo?
  • Icogyn scrive:
    Hololens
    Penso che questa tecnologia avrà una tale importanza per il progresso medico per esempio che deve essere portato avanti anche a qualche costo per la privacy...
    • Passante scrive:
      Re: Hololens
      - Scritto da: Icogyn
      Penso che questa tecnologia avrà una tale
      importanza per il progresso medico per esempio
      che deve essere portato avanti anche a qualche
      costo per la privacy...La medicina sa come gestire la privacy non preoccuparti.
      • icogyn scrive:
        Re: Hololens
        La medicina potrebbe essere in grado superati i comitati etici e i clinica tria :( veri mega burocrati poco elastici :(
  • anti_glassh oles scrive:
    Glassholes 2.0
    L'aggeggio in questione causa gli stessi problemi di privacy che hanno portato alla morte (ops, "ripensamento") di google glass. E anche con google glass all'inizio erano tutti esaltati e le recensioni tutte positive, poi hanno incominciato a buttare fuori gli utenti da bar e ristoranti in gran parte degli USA.
    • Egixe scrive:
      Re: Glassholes 2.0
      - Scritto da: anti_glassh oles
      L'aggeggio in questione causa gli stessi problemi
      di privacy che hanno portato alla morte (ops,
      "ripensamento") di google glass. E anche con
      google glass all'inizio erano tutti esaltati e le
      recensioni tutte positive, poi hanno incominciato
      a buttare fuori gli utenti da bar e ristoranti in
      gran parte degli
      USA.A me sembra che Hololens sia destinato ad un utilizzo diverso rispetto ai Google glasses...
      • anti_glassh oles scrive:
        Re: Glassholes 2.0
        - Scritto da: Egixe
        - Scritto da: anti_glassh oles

        L'aggeggio in questione causa gli stessi
        problemi

        di privacy che hanno portato alla morte (ops,

        "ripensamento") di google glass. E anche con

        google glass all'inizio erano tutti esaltati e
        le

        recensioni tutte positive, poi hanno
        incominciato

        a buttare fuori gli utenti da bar e ristoranti
        in

        gran parte degli

        USA.

        A me sembra che Hololens sia destinato ad un
        utilizzo diverso rispetto ai Google
        glasses...Le intenzioni forse sono diverse, però l'hardware è del tutto idoneo a fare anche le stesse cose che fa (faceva) google glass: telecamera, CPU, GPU. Chiunque potrebbe scrivere apps per registrare, fotografare, riconoscimento facciale, ecc...
        • VivaIGlassh oles scrive:
          Re: Glassholes 2.0
          La privacy e tutelata da leggi. Chi le infrange avra i problemi che merita.Bloccare la tecnologia solo perché potrebbe essere usata a fini impropri e sbagliato. (e sembra più una scusa da hater)Tutto puo' essere usato impropriamente. La webcam del computer e del cellulare. Il router. Tutto.Questa versione di glasses sembra mooolto più interessante di quella proposta da google. Unica pecca e che sono un po grossi ma sono sicuro che col giusto appoggio da parte del pubblico la tecnologia migliorera.Perciò, viva i glassholes!
          • settimanapr ossimavado asciare scrive:
            Re: Glassholes 2.0
            - Scritto da: VivaIGlassh oles
            La privacy e tutelata da leggi. Chi le infrange
            avra i problemi che
            merita.No guarda, ho poca voglia di andare per avvocati. Più semplicemente se un cretino mi piazza una telecamera in faccia senza il mio consenso gli tiro un pugno in faccia. E siccome ciò è sucXXXXX a tanti "glassholes" americani (i siti di notizie IT ne sono pieni), da cui il ritiro del prodotto da parte di Google, mi sa che Microsoft farebbe bene a prevenire tali problemi.Esistono vari modi per risolvere il problema, ad esempio renderli funzionanti solo se connessi in wireless con un PC o un laptop a pochi metri (non lo smartphone ovviamente), a quel punto sarebbero una simpatica interfaccia I/O alternativa da usare in casa, senza più problemi di privacy. Se invece se ne fregano e lasciano che sia un aggeggio stand-alone utilizzabile in luoghi pubblici, poi non si lamentino delle ovvie e giustificate reazioni (fisiche) di chiunque decida di tutelare la propria privacy dai loro utenti cafoni, e il conseguente flop commerciale e d'immagine.
          • Hop scrive:
            Re: Glassholes 2.0
            - Scritto da: settimanapr ossimavado asciare
            - Scritto da: VivaIGlassh oles

            La privacy e tutelata da leggi. Chi le infrange

            avra i problemi che

            merita.


            No guarda, ho poca voglia di andare per avvocati.
            Più semplicemente se un cretino mi piazza una
            telecamera in faccia senza il mio consenso gli
            tiro un pugno in faccia. E siccome ciò è sucXXXXX
            a tanti "glassholes" americani (i siti di notizie
            IT ne sono pieni), da cui il ritiro del prodotto
            da parte di Google, mi sa che Microsoft farebbe
            bene a prevenire tali
            problemi.

            Esistono vari modi per risolvere il problema, ad
            esempio renderli funzionanti solo se connessi in
            wireless con un PC o un laptop a pochi metri (non
            lo smartphone ovviamente), a quel punto sarebbero
            una simpatica interfaccia I/O alternativa da
            usare in casa, senza più problemi di privacy.Infatti tutte le loro demo sono in luoghi chiusi
          • Gnagno scrive:
            Re: Glassholes 2.0
            - Scritto da: settimanapr ossimavado asciare
            - Scritto da: VivaIGlassh oles

            La privacy e tutelata da leggi. Chi le infrange

            avra i problemi che

            merita.


            No guarda, ho poca voglia di andare per avvocati.
            Più semplicemente se un cretino mi piazza una
            telecamera in faccia senza il mio consenso gli
            tiro un pugno in faccia. E siccome ciò è sucXXXXX
            a tanti "glassholes" americani (i siti di notizie
            IT ne sono pieni), da cui il ritiro del prodotto
            da parte di Google, mi sa che Microsoft farebbe
            bene a prevenire tali
            problemi.

            Esistono vari modi per risolvere il problema, ad
            esempio renderli funzionanti solo se connessi in
            wireless con un PC o un laptop a pochi metri (non
            lo smartphone ovviamente), a quel punto sarebbero
            una simpatica interfaccia I/O alternativa da
            usare in casa, senza più problemi di privacy. Se
            invece se ne fregano e lasciano che sia un
            aggeggio stand-alone utilizzabile in luoghi
            pubblici, poi non si lamentino delle ovvie e
            giustificate reazioni (fisiche) di chiunque
            decida di tutelare la propria privacy dai loro
            utenti cafoni, e il conseguente flop commerciale
            e
            d'immagine.Il saggio indica la luna e lo stolto guarda il dito.Come se inventassero un razzo per andare su Plutone in mezz'ora e tutto quello che l'idiota sa dire è "Parliamo di quanto fa rumore" e lo fa per ore. Se questa è l'umanità, fatta di decerebrati, poveri noi...
          • Passante scrive:
            Re: Glassholes 2.0
            - Scritto da: Gnagno
            - Scritto da: settimanapr ossimavado asciare

            - Scritto da: VivaIGlassh oles


            La privacy e tutelata da leggi. Chi le
            infrange


            avra i problemi che


            merita.





            No guarda, ho poca voglia di andare per
            avvocati.

            Più semplicemente se un cretino mi piazza una

            telecamera in faccia senza il mio consenso gli

            tiro un pugno in faccia. E siccome ciò è
            sucXXXXX

            a tanti "glassholes" americani (i siti di
            notizie

            IT ne sono pieni), da cui il ritiro del prodotto

            da parte di Google, mi sa che Microsoft farebbe

            bene a prevenire tali

            problemi.



            Esistono vari modi per risolvere il problema, ad

            esempio renderli funzionanti solo se connessi in

            wireless con un PC o un laptop a pochi metri
            (non

            lo smartphone ovviamente), a quel punto
            sarebbero

            una simpatica interfaccia I/O alternativa da

            usare in casa, senza più problemi di privacy. Se

            invece se ne fregano e lasciano che sia un

            aggeggio stand-alone utilizzabile in luoghi

            pubblici, poi non si lamentino delle ovvie e

            giustificate reazioni (fisiche) di chiunque

            decida di tutelare la propria privacy dai loro

            utenti cafoni, e il conseguente flop commerciale

            e

            d'immagine.

            Il saggio indica la luna e lo stolto guarda il
            dito.
            Come se inventassero un razzo per andare su
            Plutone in mezz'ora e tutto quello che l'idiota
            sa dire è "Parliamo di quanto fa rumore" e lo fa
            per ore. Se questa è l'umanità, fatta di
            decerebrati, poveri
            noi...Esatto, poi credere che non si potrebbe scavallare una limitazione come quella da lui proposta accresce la ridicolaggine.
  • Darth Vader scrive:
    Finalmente una novità
    Nello scenario dell'IT che negli ultimi anni ha prodotto il nulla (nulla in cui includo i vari telefonini colorati e vassoi hi-tech, il software gratuito senza innovazioni e le piastrelle sopra ad un sistema operativo immutato) finalmente si vede qualcosa che assomiglia ad una vera innovazione.Mi sembra che questa tecnologia apra ad una serie incredibile di applicazioni nell'ambito della simulazione, dell'entertainment, della progettazione, del remote Learning e mille altre cose. Insieme alla stampa 3D mi sembra che sia veramente il futuro.
    • verby scrive:
      Re: Finalmente una novità
      Sono d'accordo. In relazione ai problemi di privacy mi sembra che siano molto meno presenti rispetto ai Google Glasses per il semplice motivo che questi mi sembrano dispositivi da utilizzare in casa o in ufficio, non per strada
    • ZLoneW scrive:
      Re: Finalmente una novità
      Personalmente credo che HoloLens sia la novità più interessante presentata - l'unificazione delle applicazioni non è una novità vera, la doppia interfaccia pc/device mobile è un adeguamento tardivo, la numerazione che "salta una major release per mostrare l'importanza della nuova versione" è fuffa markettara - la verità è che programmatori cialtroni verificavano la versione del SO eseguendo il parsing della stringa invece che facendo le giuste chiamate alle API, col risultato che Windows 9 sarebbe stato scambiato per Windows 95 (le ricerche sono lasciate come utile esercizio al lettore :))Se le API sono pubbliche e liberamente utilizzabili (a differenza di quanto successe al lancio di Kinect, e il dispositivo acquistabile da solo, le potenzialità si fanno interessanti.E pericolose, ma questo è evidente.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 gennaio 2015 14.06-----------------------------------------------------------
  • Dario Gemello scrive:
    Ma come scrivete?
    Cambiate la tastiera
  • Danilo scrive:
    POTARE?

    per potare le interfaccePOTARE?
Chiudi i commenti