Megaupload, la versione di Dotcom

Il boss del file hosting torna a parlare di quel maledetto 20 gennaio. Un filmato mostra al mondo un raid in stile bellico, tra elicotteri e armi semiautomatiche. E gli States non mollano la presa nella saga legale
Il boss del file hosting torna a parlare di quel maledetto 20 gennaio. Un filmato mostra al mondo un raid in stile bellico, tra elicotteri e armi semiautomatiche. E gli States non mollano la presa nella saga legale

In un video esclusivo di oltre 10 minuti, le immagini originali e la ricostruzione offerta dal boss di Megaupload Kim Dotcom ai giudici dell’Alta Corte di Auckland. L’inizio di una tre giorni in cui lo stesso imperatore del file hosting racconterà cosa è successo dal 20 gennaio scorso , quando gli Stati Uniti scatenavano il violento raid contro la piattaforma con base ad Hong Kong.


Il filmato è di quelli succulenti, presentato in anteprima dall’emittente neozelandese 3news . “Abbiamo cinque donne filippine e tre bambini”, spiega via radio un agente addestrato nello Special Tactics Group . Un’atmosfera quasi bellica, molto simile a quelle respirate in televisione con le operazioni militari su campi di guerra. Nel mirino, l’imponente villa del founder di Megaupload .

Strano . Le stesse autorità neozelandesi avevano parlato di una minaccia “di bassa pericolosità”. Eppure nel video mancano solo le divise d’assalto. Gli ospiti di Dotcom vengono assaliti con cani e armi semiautomatiche. Due elicotteri per uno dei blitz più spettacolari dell’era digitale, con un corpulento imprenditore in trappola, addirittura picchiato dagli agenti nel raid di gennaio.

Sono i dettagli nella storia divulgata da Kim Dotcom, che ha sottolineato come le forze speciali agli antipodi abbiano persino negato assistenza medica alla moglie incinta. Troppo indaffarati a sequestrare telefoni e auto di lusso, Mona Dotcom avrebbe atteso oltre 45 minuti prima di veder arrivare un’ambulanza. Il sergente Steve Humphries ha ribattuto seccato: un poliziotto non deve per forza conoscere le basi dell’assistenza medica.

Violenza e paura, ora trasformatesi in uno scontro legale senza precedenti. Il governo degli States non ha ancora consegnato i dati richiesti dal giudice neozelandesi, provocando l’ira dei legali della difesa. I federali a stelle e strisce vorrebbero mantenere congelati i beni di Dotcom , anche in caso di annullamento dell’intero procedimento giudiziario. Le accuse di stampo criminoso rimarrebbero comunque in piedi, secondo il governo di Washington.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 08 2012
Link copiato negli appunti