Memorie, Intel pronta per le Flash killer

Entro l'estate consegnerà ai produttori campioni di memorie phase-change RAM, una tecnologia di memoria non volatile in incubazione da decenni ed ora finalmente pronta a sfidare le diffusissime memorie flash

Santa Clara (USA) – Nella storia delle memorie non volatili il 2007 verrà ricordato come l’anno in cui la tecnologia phase-change RAM (PRAM), promettente alternativa alle NOR flash e non soltanto, ha preso la via del mercato. Entro la fine della primavera, e dopo anni di ricerca, Intel è infatti pronta a consegnare i primi campioni di PRAM ai produttori di device.

La tecnologia PRAM, approfondita in questo articolo di Wikipedia, combina la velocità tipica delle memorie DRAM con la capacità delle memorie flash di conservare i dati anche in assenza di corrente.

Intel afferma che i suoi imminenti chip PRAM da 128 Mbit possono fornire velocità di scrittura e lettura fino a 1.000 volte maggiori a quelli delle Flash, una caratteristica che nei dispositivi mobili (PDA, smartphone ecc.) potrebbe ridurre significativamente il crescente divario di performance tra processori e memoria.

Le PRAM promettono di migliorare le memorie flash anche in fatto di affidabilità e durata nel tempo : il chipmaker di Santa Clara ha detto che i propri chip sono in grado di sopportare oltre 100 milioni di cicli di lettura/scrittura, un numero almeno 100 volte superiore a quello delle flash, e di garantire la conservazione dei dati per oltre 10 anni.

Intel ha sviluppato la propria implementazione della tecnologia PRAM insieme alla nostrana STMicroelectronics , da tempo impegnata nella ricerca di alternative più efficienti alle flash.

Sulle memorie PRAM stanno lavorando anche diversi altri colossi del settore , fra cui IBM , che lo scorso dicembre ha presentato un chip sperimentale basato su una nuova lega germanio-antimonio, e Samsung , che a settembre aveva invece svelato un prototipo da 512 Mbit .

Intel prevede di avviare la produzione in volumi dei suoi chip PRAM entro la fine dell’anno.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Enjoy with Us scrive:
    Povera Fjitsu
    Mi sa che in capo a 2-3 anni gli HD almeno sui portatili diventeranno un ricordo e saranno rimpiazzati da HD allo stato solido.Già adesso viene commercializzato un HD a stato solido da 160 GB (credo al prezzo di 3000 dollari), quanto ci metterà secondo Voi a raggiungere i 200 - 300 euro per essere competitivo con gli HD tradizionali?
    • Anonimo scrive:
      Re: Povera Fjitsu
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Mi sa che in capo a 2-3 anni gli HD almeno sui
      portatili diventeranno un ricordo e saranno
      rimpiazzati da HD allo stato
      solido.
      Già adesso viene commercializzato un HD a stato
      solido da 160 GB (credo al prezzo di 3000
      dollari), quanto ci metterà secondo Voi a
      raggiungere i 200 - 300 euro per essere
      competitivo con gli HD
      tradizionali?gli HD a stato solido non posso sostituire uno a dischi. Sono troppo lenti nel muovere grossi file. Finché non superano qsta barriera gli HD interamente solidi (non ibridi) resteranno confinati a scenari particolari
      • Anonimo scrive:
        Re: Povera Fjitsu
        - Scritto da:

        - Scritto da: Enjoy with Us

        Mi sa che in capo a 2-3 anni gli HD almeno sui

        portatili diventeranno un ricordo e saranno

        rimpiazzati da HD allo stato

        solido.

        Già adesso viene commercializzato un HD a stato

        solido da 160 GB (credo al prezzo di 3000

        dollari), quanto ci metterà secondo Voi a

        raggiungere i 200 - 300 euro per essere

        competitivo con gli HD

        tradizionali?

        gli HD a stato solido non posso sostituire uno a
        dischi. Sono troppo lenti nel muovere grossi
        file. Finché non superano qsta barriera gli HD
        interamente solidi (non ibridi) resteranno
        confinati a scenari
        particolarihttp://en.wikipedia.org/wiki/Phase-change_memory"Combined with their high speed, thousands of times faster than conventional hard drives"non è che stai pensando alle vecchie chiavette usb 1?il futuro è lo stato solido, per l'archiviazione aspetto il disco olografico
    • Anonimo scrive:
      Altri mezzi
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Mi sa che in capo a 2-3 anni gli HD almeno sui
      portatili diventeranno un ricordo e saranno
      rimpiazzati da HD allo stato
      solido.
      Già adesso viene commercializzato un HD a stato
      solido da 160 GB (credo al prezzo di 3000
      dollari), quanto ci metterà secondo Voi a
      raggiungere i 200 - 300 euro per essere
      competitivo con gli HD
      tradizionali?Non è una gara che possono vincere. Le memorie "solide" ci stanno provando da vent'anni ha sostituire i supporti "rotanti".Prima si mirava a sostituire il floppy: ora il floppy è scomparso ma lo ha sostituito il CD o il DVD per lo scambio dati.Quando il prezzo sarà ridotto a un ventesimo, dove saranno gli HD o i loro sostituti ibridi? Non importa vincere: importa poter avere alternative. Ben vengano ANCHE i nuovi HD.
      • Anonimo scrive:
        Re: Altri mezzi

        Non è una gara che possono vincere. Le memorie
        "solide" ci stanno provando da vent'anni ha
        sostituire i supporti
        "rotanti".http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1917239&r=PI
        Prima si mirava a sostituire il floppy: ora il
        floppy è scomparso ma lo ha sostituito il CD o il
        DVD per lo scambio
        dati.solo perché ad oggi una chiavetta costa + di un cd/dvd

        Quando il prezzo sarà ridotto a un ventesimo,
        dove saranno gli HD o i loro sostituti ibridi?


        Non importa vincere: importa poter avere
        alternative. Ben vengano ANCHE i nuovi
        HD.sì certo, però preferisco lo stato solido: no rumore, no vibrazioni, meno calore, meno consumo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Povera Fjitsu
      E se nel frattempo gli hard-disk tradizionali scendono a 10-20 euro ogni 1000 GB? :D
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Povera Fjitsu
        Vorrei far notare che nel non lontano 1996 16 MB di memoria costavano circa 650 euro.Oggi un pc normale mota 1-2 GB di memoria.E' vero che anche gli HD nel frattempo sono aumentati di capacità, tuttavia mentre l'aumento di capacità/riduzione di prezzo delle memorie si è accentuato in questi ultimi 5 anni è vero il contrario per gli HD.Esempio pratico nel dicembre 2003 ho pagato circa 130 euro per un HD da 120 GB.Oggi per un 320 GB pagherei intorno ai 90 euro.Provate a fare lo stesso calcolo con la memoria e troverete differenze di interi ordini di grandezza!Conclusione, se il Trend è questo agli HD rimane vita breve!N.B. avete notato che il costo minimo di un HD non scende mai sotto i 40 euro, per la memoria ovviamente non esiste questo limite.
Chiudi i commenti