Messico, dati e dita per ogni telefonino

Per interrompere le comunicazioni fra i criminali, un registro nazionale di tutti gli utenti di telefonia mobile. Che abbraccerà anche le informazioni biometriche

Roma – La sicurezza del Messico passa dagli operatori telefonici: dovranno farsi carico di associare ognuno dei 70 milioni di telefonini al rispettivo abbonato, dovranno racimolare non solo i dati personali ma anche le impronte degli utenti. E, all’occorrenza, consegnarle alle forze dell’ordine.

Gli emendamenti alla legge messicana che regola il settore delle telecomunicazioni entreranno in vigore il prossimo aprile: gli operatori dovranno impegnarsi nella conservazione dei tabulati e dei log relativi alle azioni dei propri utenti, informazioni che verranno mantenute per un periodo di 12 mesi.

Ma non di sola data retention si tratta: le forze dell’ordine avranno a disposizione un elemento in più, rispetto a quelle di altri paesi. Gli operatori avranno un anno per comporre il database dei propri utenti, il registro nazionale degli utenti di telefonia mobile: non solo i nuovi abbonati , ma anche gli utenti di vecchia data , dovranno fornire dati e dita, pena la sospensione del servizio. Ogni chiamata e ogni messaggio di testo dovrà corrispondere a un nome e a un cognome, a un recapito e a un’ impronta digitale . Il cittadino dovrà poter essere identificato in maniera inequivocabile. Le forze dell’ordine, ottenuto il mandato di un magistrato, potranno accedere ai dati e impiegarli per agevolare il dipanarsi delle indagini: gli operatori dovranno comunicare i dati entro 72 ore dalla richiesta.

In Messico acquistare un telefonino è finora stata un’operazione istantanea e scevra da procedure burocratiche: il cittadino può procurarsi SIM e cellulare senza dover comunicare alcuna informazione. È per questo motivo che criminali e malintenzionati, protetti dall’anonimato delle proprie comunicazioni, non temono di intessere trame mediate dal telefonino : sono 700, secondo le autorità messicane, le bande criminali che impugnano il cellulare per negoziare rilasci di ostaggi e per estorcere denaro a privati cittadini.

La criminalità scalpita, e la società civile rivendica la mobilitazione delle autorità. È probabile che non manchino i cittadini che si adegueranno volentieri alle nuove disposizioni. Un’impronta digitale è un nonnulla: c’è chi paga per farsi impiantare un chip tracciante sottopelle che funga da antifurto satellitare a presidio della propria persona.

Non tutti gli operatori si mostrano però entusiasti della disposizione: dalla divisione locale della spagnola Telefonica si levano voci di dissenso e il timore che le procedure burocratiche previste dalla legge possano sortire l’unico effetto di complicare la quotidianità di operatori e negozianti. Ma America Movil invoca misure più stringenti: l’azienda ha suggerito alle autorità di imporre il tracciamento di cella in cella di ciascuno dei dispositivi.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Beppe scrive:
    E' un giocattolo anche brutto
    Io dei ricercatori simili li prenderei a pedate nel fondo schiena, pensate che la sabbia, in quanto finissima, si infiltra ovunque logorando ogni meccasimo di rotazione, chiedetelo ai carristi americani che sono stati in Iraq, i carri armati si scomponevano letteralmente in pezzi nella parte cingolata, le torrette si ingrippavano, ecc.Questi ricercatori come rivolono il problema? con i semi?senza poi contare che le gambe su qualunque terreno sono sempre le migiori, ne abbiamo già un ottimo esempio con il big dog, quindi ne risulta una ricerca inutile, vorrei che fosse stato testato su sabbie quarzifere, sono tra le più fini, sarebbe stato inutile uguale, ma per lo meno interessante!!!
  • Axel scrive:
    Settare...che verbo è?
    "I ricercatori hanno capito che per far sì che il robot avanzasse senza ostacoli, è necessario settare il gesto in due fasi"ma non si poteva invece scrivere:"I ricercatori hanno capito che per far sì che il robot avanzasse senza ostacoli, è necessario impostare il gesto in due fasi:" ????suonava davvero tanto brutto?
    • paero05 scrive:
      Re: Settare...che verbo è?
      si ma non penso sia di tutta questa importanza no?
      • candysroom scrive:
        Re: Settare...che verbo è?
        - Scritto da: paero05
        si ma non penso sia di tutta questa importanza no?E invece si'. Il minimo che si possa richedere da una notiziola piuttosto secondaria come questa, IMHO.Ho visto ieri alla CNN un servizio su un attrezzo simile, solo delle dimensioni di un'auto: non e' che funzionasse tanto bene...Ciao ciao
  • attonito scrive:
    solito articolo inutile
    a. si tratta di una ricerca di laboratorio, e credo (mia opinione) che in laboratorio restera': forse va bene sulla sabbia, ma forrei vederlo su uno scosceso dirupo sassoso: la soluzione sono sistemi con gambe o sistemi che strisciano.b. cosa carina di cui parlare al caffe, ma senza dignita' di articolo.In conclusione, e' il solito articolo riempitivo di PI: pieno di "potrebbe".Caro PI, potresti fare articoli con "ieri e' stato presentato il progetto X che funziona e costa Y" al posto dei solito "questo prototipo Z tra W mesi forse verra messo sul mercato?" Ci avete proprio fulminato le gonadi, ci avete.
    • Gond scrive:
      Re: solito articolo inutile
      Mai quanto le hai fulminate tu
    • utente normale scrive:
      Re: solito articolo inutile
      Ma guarda, che se ti fa comodo per fare 2 chiacchiere al caffe magari è la volta buona che cucchi. Sai, alla femmina piace sempre il maschio che è in grado di discutere per 5 minuti di robotica senza scivolare come al solito sul calcio... E magari ci scappa pure la notte di passioneCosì magari la mattina sei più rilassato e ti leggi il giornale in santa pace. :D
    • Den Lord Troll scrive:
      Re: solito articolo inutile
      intendevi dire: questo articolo andrà scritto in forma inutile in base alla NON-relativa ignoranza nazionale ?
  • Pino scrive:
    Qui siamo alla follia
    Mi chiedo se stiamo scherzando o no. Questa è la cosa più inefficiente che io abbia mai visto....Addirittura questo giocattolo è più efficiente:[img]http://s171.photobucket.com/albums/u317/giocopoli/reel-toys/1816.jpg[/img]
  • Den Lord Troll scrive:
    ho scritto
    italici sul rotolo di carta igienica prima dell'uso....un esperimento di biomasse :D
  • Elfo scrive:
    Cingoli
    I cingoli consentono di spostarsi facilmente e abbastanza rapidamente su tutti i tipi di terreni, e non sollevano tanta polvere.
  • Boston Dynamics scrive:
    Robot
    Anche loro ne fanno uno molto simile: http://www.bostondynamics.com/content/sec.php?section=RHexMa il più incredibile è sempre il big dog:http://www.bostondynamics.com/content/sec.php?section=BigDog
    • Francolo scrive:
      Re: Robot
      penso che bigdog sia il migliore dispositivo che consente equilibrio e stabilità su qualsiasi terreno. Insomma se in natura non ci sono animali con le ruote un motivo ci dev'essre...
      • 987 scrive:
        Re: Robot
        Spero che la tua sia una battuta
      • attonito scrive:
        Re: Robot
        - Scritto da: Francolo
        penso che bigdog sia il migliore dispositivo che
        consente equilibrio e stabilità su qualsiasi
        terreno. Insomma se in natura non ci sono animali
        con le ruote un motivo ci dev'essre...forse, (FORSE, EH?) perche' viene difficile - anzi, impossibile - avere nervi e vasi sanguigni che possano alimentare un qualcosa che compie una rotazione di 360°????Un libro di anatomia ti sarebbe di giovamemento.
        • Wolf01 scrive:
          Re: Robot
          Bhe quando nuoti forse non muovi le braccia come se fossero pale di un battello a vapore?Certamente devi fare una mezza rotazione del braccio ad ogni giro per compensare la mezza rotazione che fai in avanti altrimenti ti si avviterebbe come Mister Fantastic dei Fantastici 4 (che è fatto di gomma)In ogni caso, non esistono animali con le ruote perchè le ruote sono veramente poco pratiche, ci sono i cingolati (anche se si muovono tramite micro contrazioni) tipo le lumache anche se qualche serpente riesce a simulare il comportamento della ruota per scappare più velocemente (visto con i miei occhi, sembrano ruote di bicicletta che vanno via da sole)Alla fine il miglior mezzo di locomozione sono le zampette, guardate i millepiedi o i ragni, non ho mai visto un millepiedi arrancare nella sabbia o dimenarsi come quel robottinoPurtroppo meccanicamente la ruota è molto più semplice di una zampa
        • Francolo scrive:
          Re: Robot
          - Scritto da: attonito
          - Scritto da: Francolo

          penso che bigdog sia il migliore dispositivo che

          consente equilibrio e stabilità su qualsiasi

          terreno. Insomma se in natura non ci sono
          animali

          con le ruote un motivo ci dev'essre...

          forse, (FORSE, EH?) perche' viene difficile -
          anzi, impossibile - avere nervi e vasi sanguigni
          che possano alimentare un qualcosa che compie una
          rotazione di
          360°????
          Un libro di anatomia ti sarebbe di giovamemento.Se ci fosse un libro di anatomia per ognuno di noi, il tuo sarebbe privo del capitolo sull'encefalo, dato che non hai colto il senso della mia affermazione, nemmeno dopo le varie ore che sono trascorse. Voglio dire che gli arti permettono movimenti che con le ruote sarebbero impossibili, tipo salire le scale, o attraversare un terreno fangoso.
    • Beta scrive:
      Re: Robot
      Guardate BigDog qua:[yt]VXJZVZFRFJc[/yt](rotfl)
    • pabloski scrive:
      Re: Robot
      non fosse altro che per il fatto che cammina su gambe e non su ruote/cingoliè facile fare un robot a ruote, il difficile è farne uno con le gambe che non caschi ogni 3 minutiin questo senso bigdog è il miglioreovviamente il migliore in assoluto è Dexter il robot a bilanciamento automatico
Chiudi i commenti