I messicani si chippano per scelta

In Messico c'è chi paga per essere tracciato. Per scoraggiare i rapitori ci si fa impiantare un antifurto satellitare sottopelle

Roma – In Messico c’è chi presta il braccio alla siringa che inietta loro un chipetto delle dimensioni di un chicco di riso, c’è chi si sottopone di buon grado al tracciamento. È una misura che un numero sempre più cospicuo di messicani sceglie di adottare per scoraggiare i rapitori: basta loro lanciare un silente segnale di allarme per essere rintracciati e localizzati dalle forze dell’ordine.

Impianto Verichip A far dormire sonni tranquilli i messicani più agiati è Xega , l’azienda che ha lanciato il servizio di chippatura tracciante . In cambio di oltre 2500 euro per l’impianto , in cambio di 1500 euro per l’abbonamento annuale, Xega offre VIP , un sistema di localizzazione satellitare per persone “approntato per operare nelle aree più pericolose dell’America Latina”.

Apripista della chippatura umana, i messicani non tendono a considerare il servizio uno strumento di sorveglianza invasivo, non si sentono prigionieri di una libertà vigilata , non temono furti di identità . Anche le preoccupazioni relative alle ripercussioni sulla propria salute si sgretolano al cospetto di un sistema di prevenzione contro i rapimenti : le cronache hanno scatenato apprensioni e timori, questo tipo di crimine è all’ordine del giorno. Uno degli stessi dirigenti dell’azienda è stato vittima di un rapimento: è così che un antifurto satellitare per veicoli si è trasformato in un sistema di tracciamento per persone da iniettare sottopelle.

L’elemento inscindibile dalla persona è un Verichip : contenuto in una capsula che misura pochi millimetri, sono necessari dai 5 ai sette secondi perché venga iniettato. Il chippetto comunica con un dispositivo che l’utente deve portare sempre con sé per assicurare la localizzazione a mezzo GPS. In una situazione di emergenza, qualora il portatore avesse la necessità di allertare le autorità, basta attivare il sistema premendo un pulsante: copertura GPS permettendo, Xega comunicherà alle forze dell’ordine la posizione dell’utente in difficoltà. Xega promette un tracciamento ad hoc, su richiesta dell’abbonato: genitori e aziende non potranno sorvegliare figli e dipendenti, gli spostamenti dei messicani non potranno essere tracciati a vantaggio di stato o mercato.

Nonostante l’entusiasmo dei messicani sia dimostrato dal successo di cui sta godendo Xega, c’è chi osserva come il sistema di tracciamento umano venduto dall’azienda non sia che un inefficace palliativo: è l’attivista anti-chip Katherine Albrecht a osservare come un chippetto impiantato sotto pelle si riveli pericoloso e inutile. Ad un rapitore avveduto basta distruggere il sistema GPS che l’utente Xega porta con sé per far perdere le tracce della vittima del sequestro.

Gaia Bottà

( fonte immagine )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ale scrive:
    vacanze americane...
    volevo solo ricordare al nostro caro PI che oltre oceano il concetto di "vacanza estiva" è piuttosto diverso, e agosto non è affatto un mese di vacanze totali, città vuote e desolazione... vediamo di non essere i soliti provinciali...
    • Anonimo Codardo scrive:
      Re: vacanze americane...
      Se non essere provinciali significa lavorare come dei muli per 350 giorni all'anno, poter essere licenziati in tronco senza preavviso, avere il tasso di indebitamente medio più alto del mondo, il tasso di obesità più alto del mondo, avere la partecipazione alle elezioni tra i più bassi del mondo, una servizio sanitario basato sul premio assicurativo... preferisco essere provinciale, molto provinciale...
      • fox82i scrive:
        Re: vacanze americane...
        per non parlare del fatto che le banche chiudono i battenti senza preavviso e tutti i solidini fanno la fine del topo...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 agosto 2008 13.40-----------------------------------------------------------
      • Ale scrive:
        Re: vacanze americane...
        non essere provinciali significa semplicemente sapere cosa c'e' al mondo, oltre al nostro piccolo orticello. E di conseguenza non dare per scontate cose che all'estero posso (e sono) molto diverse. Non c'entra assolutamente nulla con il tuo sfogo (esatto nei contenuti ma cmq fuori luogo).Non mi sembra un concetto difficile.
      • krane scrive:
        Re: vacanze americane...
        - Scritto da: Anonimo Codardo
        Se non essere provinciali significa lavorare come
        dei muli per 350 giorni all'anno, poter essere
        licenziati in tronco senza preavviso, avere il
        tasso di indebitamente medio più alto del mondo,
        il tasso di obesità più alto del mondo, avere la
        partecipazione alle elezioni tra i più bassi del
        mondo, una servizio sanitario basato sul premio
        assicurativo... preferisco essere provinciale,
        molto provinciale...No, provinciale indica in questo caso: evitare di proiettare credenze ed abitudini del proprio paese quando si racconta qualcosa di un altro.
    • Nickname scrive:
      Re: vacanze americane...
      Non sapevi proprio cosa scrivere eh? Nessuno ti obbliga a postare un commento se non hai un cazzo da dire...
Chiudi i commenti