Microsoft-Activision: indagine antitrust in UK

Microsoft-Activision: indagine antitrust in UK

L'autorità antitrust del Regno Unito ha chiesto informazioni a Microsoft e Activision Blizzard prima di avviare un'indagine approfondita.
L'autorità antitrust del Regno Unito ha chiesto informazioni a Microsoft e Activision Blizzard prima di avviare un'indagine approfondita.

La Competition and Markets Authority (CMA) del Regno Unito ha annunciato il possibile avvio di un’indagine approfondita (fase 2) sull’acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft. Secondo l’autorità antitrust, l’operazione potrebbe ridurre la concorrenza nei mercati delle console, dei servizi in abbonamento e del cloud gaming. L’azienda di Redmond aveva già promesso che i nuovi titoli saranno disponibili anche per altre piattaforme.

Acquisizione sotto osservazione

La CMA aveva avviato un’indagine preliminare (fase 1) nel mese di luglio, chiedendo alle parti interessate di inviare feedback sull’acquisizione. L’autorità antitrust ha ipotizzato la violazione dell’Enterprise Act 2002, ovvero la riduzione della concorrenza in tre mercati: console da gioco, abbonamenti multi-game e cloud gaming (streaming). Microsoft potrebbe, ad esempio, impedire ad Activision-Blizzard di distribuire le future versioni per PlayStation di Call of Duty oppure peggiorare gli accordi sottoscritti con Sony.

La CMA ha inoltre ricevuto prove sul potenziale impatto derivante dalla combinazione di Activision Blizzard con l’ampio ecosistema di Microsoft. Dato che l’azienda di Redmond è leader nei settori delle console con Xbox, del cloud computing con Azure e dei sistemi operativi con Windows, l’acquisizione potrebbe rafforzare ulteriormente la sua posizione di mercato, danneggiando la concorrenza nel nascente settore del cloud gaming.

Microsoft e Activision Blizzard hanno cinque giorni lavorativi di tempo per comunicare le soluzioni a queste preoccupazioni, alla scadenza dei quali verrà avviata un’indagine approfondita. L’azienda di Redmond ha subito risposto con un comunicato stampa per sottolineare che i giochi di Activision Blizzard saranno accessibili a tutti tramite Game Pass. Inoltre, come aveva già dichiarato Phil Spencer a gennaio, la stessa versione di Call of Duty sarà disponibile lo stesso giorno anche su PlayStation.

Oltre che dalla CMA del Regno Unito, l’acquisizione deve essere ancora approvata dalla FTC negli Stati Uniti e dalla Commissione europea. Microsoft spera di ricevere il via libera entro la primavera del 2023.

Fonte: Gov.uk
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 1 set 2022
Link copiato negli appunti